Benvenuto! Per goderti al meglio il Papersera, effettua il login o crea una tua utenza. Profilo Utente
 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 


Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

 

Pagina visitata 9999 volte

 


Introduzione


Il titolo dell'articolo deriva dal fascicolo omonimo, disegnato da Carl Barks, Paul Murry e Tony Strobl, in cui dei bambini chiedono come dono a Babbo Natale di poter viaggiare nella sua slitta per esser portati nel mondo della fantasia, per vedere storie nuove dei loro abitanti preferiti. La storia di Barks si intitola "Paperino e il natale vulcanico" (ultima ristampa Zio Paperone numero 65), quella di Murry "Topolino e la miniera solitaria" (ultima ristampa Albo della Rosa numero 427), le altre sono apparse tutte su Topolino 201 e sull'Albo della Rosa 529 dal titolo, bellissimo e quindi da me riutilizzato, Natale a Disneylandia.

La Disney, il Natale e l'Italia sono da sempre legati indissolubilmente da fili conduttori. Basti pensare che su 38 lungometraggi animati prodotti dalla Disney ben 28 di questi (Biancaneve, Pinocchio, Cenerentola, Peter Pan, La Bella Addormentata, La Sirenetta e Il Re Leone, solo per citarne alcuni) hanno avuto la prima cinematografica in Italia durante la stagione invernale. E per decenni andare al cinema durante le feste per vedere il film Disney dell'anno è stata la consuetudine per milioni di persone.


  SUCCESSIVO > >
(Le pubblicazioni natalizie)

 

Questo sito si serve dei cookie per la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico, condividendoli con Google. Se prosegui con la navigazione per me è come se avessi accettato. Se vuoi approfondire la questione, c'è il sito del Garante della privacy.  Accetta i cookies   |   Info sulla privacy