Questo forum è in sola lettura.
Per poter aggiungere un vostro commento ad una discussione, chiedetene la riapertura tramite l'apposito link.
Scuole di fumetto Disneyane nel Mondo (Letto 725 volte)
LPSO
Joe Carioca
***
Offline


Fumettofilo 100%

Post: 364
Sesso: male
Scuole di fumetto Disneyane nel Mondo
22.11.07 alle 15:51:39
 
Apro questo topic per discutere e fare chiarezza sulle scuole che finora hanno operato e hanno reso grande il fumetto Disney.
Procediamo in ordine cronologico con quelle che non sono più attive:
-gli autori delle strisce per il King Feauture Syndacate, tra i primi lo stesso Walt Disney, Ub Iwerks e Win Smith, che lavorano a stretto contatto con gli studi di animazione rappresentate da Floyd Gottfredson disegnatore della serie "Mickey Mouse" e i suoi collaboratori, Merril De Maris, Ted Osborne, Bill Walsh, dall'autore delle tavole domenicali Manuel Gonzales, da Bob Karp e Al Taliaferro, creatore di Qui, Quo, e Qua con Ted Osborne nelle tavole domenicali "Donald Duck" che sostituivano le "Silly Symphonies"  , autori della striscia "Donald Duck" dove hanno esordito la 313, Ciccio,Paperina e Nonna Papera.
Dopo questi grandi, ci sono stati continuatori che non hanno portato innovazione e questa "scuola è scomparsa.
-i "Disney Italiani " Ante-guerra, che sono Federico Pedrocchi ed Enrico Mauro Pinochi che si concentrano essenzialmente sul Paperino di Taliaferro rendendolo protagonista delle prime avventure,
e lavorano anche sui Sette Nani di Biancaneve.
- gli autori per il gruppo editoriale Western che hanno cominciato la loro produzione verso l'inizio degli anni '40 per sopperire all'esaurimento delle ristampe delle strisce sui comic book della Western e lavorano essenzialmente sulle riviste "Walt Disney's Comics and Stories" e  su "Four Color Comics" (non solo disneyano), tra questi c'è Jack Hannah che tanto farà per il Paperino animato, e soprattutto il grande Carl Barks che rivoluzionerà il fumetto Disney.
Oltre Barks, ci sono autori come Tony Strobl, Carl Fallberg, Vic Lockman, Del Connell, Pihl Delara, Al Hubbard, Jack Bradbury, Dick Moores, Paul Murry, che lavorerà molto su Topolino e darà grande spessore a Pippo, creando anche il suo alter-ego, Roger Armstrong, Franks McSavage.
Oltre a questi ci sono autori che lavorano per l'estero come Dick Kinney e Al Hubbard che creeranno Paperoga.
In seguito a una svalutazione del fumetto Disney in America, verso l'inizio degli anni'80 questa scuola scompare.
-la scuola brasiliana che è influenzata molto dalla scuola Disney italiana, e che si concentra molto su Paperoga, a cui daranno numerosi alter ego e un nipote, Pennino, e Josè Carioca, per cui creeranno un nuovo universo narrativo con nuovi personaggi : Villammaccata.
Inoltre grazie ai brasiliani nasce il Club Dei Supereroi e Topolino e co. vengono tratteggiati su ispirazione di Paul Murry.
Questa scuola ha terminato il suo corso recentemente per cause sconosciute.
- le scuole minori, quella inglese, tedesca che hanno avuto vita brevissima per cause sconosciute.
-la breve "parentesi rinascimentale" americana, composta da autori come Don Rosa e William Van Horn che lavorano per la casa editrice Another Rainbow tra la fine degli anni '80 e l'inizio dei '90 (anni della rivalutazione barksiana grazie a Duck Tales).
Questa parentesi avrà vita breve e i suoi autori confluiranno nella scuola danese.
Ora passiamo alle scuole ancora attive:
- la scuola francese, che produce un ridotto numero di storie ma vanta diverse invenzioni originali, come i "Disney Babies" di Claude Marin e "Micheal Souris", l'alter-ego di Topolino, che accoglie anche un nostro talento, Giorgio Cavazzano in alcune sue produzioni, come "Gli anni folli di Clarabella", "Basil l'investigatopo" e alcuni episodi a fumetti della serie televisiva "Duck Tales".
-la scuola olandese di cui ha fatto parte Jippes, Don Rosa e che produce la serie Duckies e barksiane ten-pages di Paperino.
-la scuola danese, del colosso Egmont, quella più diffusa nel mondo al momento (ancora per poco  Lingua) che riunisce autori da tutto il mondo che si rifanno, sia graficamente che nei testi, a Carl Barks ( i "Manieristi barksiani"  Lingua), come il cileno Vicar, gli americani Van Horn, Don Rosa, l'olandese Dann Jippes, (autore di remake di storie con testi barksiani), tra le eccezioni l'italiano Massimo Fecchi e autori che, dopo essersi rifatti essenzialmente a Paul Murry guardano al Topolino di Gottfredson, ripescando "villains" e comprimari degli anni '30, rielaborato in un originalissima chiave moderna, tra tutti Cesar Ferioli (che lavora anche su Paperino tratteggiandolo graficamente in chiave barksiana e allo stesso tempo nuova e fresca) e, a causa del rilancio animato dei "Faboulus Five" (Topolino e co.), rilanciano il look di Topolino con i pantaloncini corti che non si vedeva nei fumetti (storie speciali a parte) dalla Gottfredsoniana "Topolino e le Meraviglie del Domani", che verrà ripreso dalla scuola francese e adottato da due Disney Italiani che hanno lavorato per la Egmont : il compianto Romano Scarpa, e Marco Rota.
Da segnalare inoltre i frequenti crossover in cui la coppia Pat e Carol McGreal ha ricreato l'odio di Paperino verso Topolino degli esordi, dando spunto per interessanti duetti tra i "due big" del fumetto Disney.
e infine dulcis in fundo....
- "I Disney Italiani" dal dopoguerra i poi, che producono la maggior parte delle storie e che danno origine a una nuova "poetica" del fumetto Disney, più nazionalista, piena di numerosi spunti e numerosi comprimari.
Il gruppo iniziale è costituito da Guido Martina autore di sceneggiature pervase da un bonario sadismo, che dopo tre storie con Angelo Bioletto, scrive i testi per tre autori di grande spessore, Luciano Bottaro, Giovan Battista Carpi e Romano Scarpa.
Entrambi inizialmente si ispirano graficamente al modello dei paperi di Al Taliaferro e dei topi di Gottfreson, ma Bottaro, dopo l'iniziale "pastiche" grafico (basta pensare alle vignette in cui c'erano il Donald di Taliaferro e lo Scrooge di Barks), sviluppa un personalissimo tratto che spesso prende toni surreali e insieme a Carlo Chendi da vita al "Dottor Paperus" e al ciclo di Pippo e Nocciola.
Carpi invece elabora un tratto morbido e molto orginale dando vita a capolavori grafici come "Il mostero dei Candelabri", "Paperinik Il Diabolico Vendicatore" e alcuni capitoli di "Storia e Gloria della      Dinastia Dei Paperi".
Romano Scarpa invece, si cimenta anche come sceneggiatore e continua l'epopea del Topolino avventuroso, terminata da Gottfredson di cui ripesca personaggi come il prof. Enigm, e ne introduce nuovi come Atomino Bip-Bip e Bruto. Il suo Topolino è un personaggio di incredibile spessore protagonista di storie memorabili. Per i Paperi invece, Scarpa apprende egregiamente la lezione Barksiana e tratteggia uno Zio Paperone senza uguali che ha il suo momento più alto nel capolavoro " Zio Paperone e le lenticchie di Babilonia", tratta invece Paperino come personaggio essenzialmente comico nella sua quotidianità, dando vita a storie umoristiche irresitibili, fra tutte "Paperino Agente dell'F.B.I." .
Dopo questi autori , a cui si affiancano autori come Pierlorenzo De Vita e Giuseppe Perego (famoso per i Prologhi ai Classici Disney), si fa avanti una generazione "di mezzo" (per definizione, visto che tuttora è in attività) che ha i suoi esponenti massimi in Massimo de Vita, figlio di Pierlorenzo, Giorgio Cavazzano (grandi estimatori dell'Uomo Dei Paperi, a cui De Vita inizialmente di rifà graficamente), che presentano tratti innovativi e il "classico" Marco Rota, che si rifà a Barks , rielaborandolo in un tratto morbido e allo stesso tempo realistico.
Grazie all'apporto di questi autori nasce la numerosa e prolifica "generazione nuova" della Disney Italia, grazie alla quale nascono numerosi filoni, come "I Mercoledì di Pippo" di Rudy Salvagnini, o quello di Paperino Paperotto, ma soprattutto viene rilanciato Topolino in avventure noir, come il ciclo di Tito Faraci ed MM, e in avventure più classiche grazie ad autori come Casty. Da ricordare inoltre il rilancio di Paperinik (sia in chiave classica che nella nuova veste di PK) e le storie umoristiche di Silvia Ziche. Segno di questo grande sviluppo è la nascita dell'Accademia Disney, fucina di grandi talenti.

P.S. Se ci sono eventuali errori, indicatel
Inizio pagina
« Ultima modifica: 22.11.07 alle 21:19:24 da LPSO »  

Per vivere soli bisogna essere o un animale o un dio, dice Aristotele. Manca il terzo caso: bisogna essere l'uno e l'altro, un filosofo. (Friedrich Nietzsche)
IP memorizzato
 
Loregbs
Joe Carioca
***
Offline


Ei fu...

Post: 395
Sesso: male
Re: Scuole di fumetto Disneyane nel Mondo
Rispondi #1 - 22.11.07 alle 17:21:12
 
Volendo si può inserire anche la scuola"spagnola",tra i quali spicca Francesc Bargadà,fondatore dello Studio Recreo nel 1966 a Bacellona,che produrrà diverse storie destinate all'estero.Tra i massimi artisti che vanta  questo studio vi sono Ferioli (che in seguito lavorerà per la Egmont),il grande Miquel Pujol che succederà a Julio Ramos come direttore artistico nel 1982,i fratelli Tortajada(anch'essi alla Egmont),Colomer,Abella Bresco,Urios e molti altri,i quali spesso realizzavano le matite e le chine a più mani.Tra gli anni '80 e '90 molte  sceneggiature fatte da autori italiani furono realizzate graficamente da questi autori,fra le quali spicca Canto di Natale [1982] sceneggiata da Martina e disegnata da Josè Colomer Fonts.Gli Studio Recreo cessano di esistere nel 2000,lasciando in eredità un grande numero di storie ai lettori.
(da ZP 178)


Ho riassunto le cose più importanti,se ho sbagliato correggetemi. Smiley
Inizio pagina
« Ultima modifica: 23.11.07 alle 15:09:02 da Loregbs »  

"Ma sì Manetta! Arrestami pure!Solo questo ti mancava di combinarmi,nella tua carriera"&&( da "Topolino e la Dimensione Delta")
IP memorizzato
 
New_AMZ
Sapiente Ciminiano
Moderatore
*******
Offline


Nuove Argomentazioni Modificate
Zootecnicamente

Post: 7663
Somewhere in nowhere
Sesso: male
Re: Scuole di fumetto Disneyane nel Mondo
Rispondi #2 - 22.11.07 alle 17:26:34
 
Tutto giusto e tutto bello pero' la scuola olandese è ancora attiva
Smiley

Ciao.
Inizio pagina
 

... tra un secchiello e delle chiavi, che cosa possiamo usare per aprire la porta? (Topolino ne "La casa di Topolino")
IP memorizzato
 
LPSO
Joe Carioca
***
Offline


Fumettofilo 100%

Post: 364
Sesso: male
Re: Scuole di fumetto Disneyane nel Mondo
Rispondi #3 - 22.11.07 alle 21:41:14
 
Citazione:
Tutto giusto e tutto bello pero' la scuola olandese è ancora attiva


Ciao.


Hai ragione! Come ha fatto a sfuggirmi? Grazie per la segnalazione! Occhiolino
Ho corretto e modificato.
Comunque, per dare carne al fuoco, che ne pensate di tutte queste scuole di fumetto diverse?
Cosa vi colpisce di diverso da quella nostrana?

La cosa che più mi colpisce nella scuola danese e olandese è questa imitazione quasi ossessiva di Barks, che spesso graficamente viene imitato senza nessuna aggiunta personale, tra i casi più clamorosi c'è il Don Rosa pre-saga
che copiava spudoratamente i disegni di Barks per le sue storie, basta vedere la sezione Dejà-Vu sul sito di Gilles Maurice, su questa pagina: http://goofy313g.free.fr/calisota_online/deja/index.html.
Inoltre l'accostamento di Topolino e Paperino di Pat e Carol McGreal è IMHO, irritante, Mickey sembra irritante e Paperino viene dipinto come un fesso capace solo di sbraitare messo in cattiva luce messo in confronto col Grande Topo, preferisco gli incontri in storie come "Zio Paperone e l'attacco nostalgico" o "Paperino e l'insolito remake" dove tra i due c'è la nostalgia di bei tempi andati che li unisce.
La cosa che più mi stupisce positivamente è la grande originalità delle storie brasiliane, in particolare Paperoga è tratteggiato in maniera esilarante, memorabili le storie di Paper-Bat.
Però la scuola italiana è quella da cui sono state prodotte le storie che più mi hanno emozionato, perle come L'Unghia di Kalì, la collana Chirikawa, le lenticchie di Babilonia,l'Ultimo Balabù, la saga di Reginella, le parodie, Storia e Gloria, la Spada di Ghiaccio, PKNA & PK2, MM, l'elenco potrebbe essere infinito...
Inizio pagina
 

Per vivere soli bisogna essere o un animale o un dio, dice Aristotele. Manca il terzo caso: bisogna essere l'uno e l'altro, un filosofo. (Friedrich Nietzsche)
IP memorizzato