Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
In edicola
4 | |
4 | |
4 | |
3 | |
4 | |
4 | |
3 | |
3 | |
4 | |
3 | |
3 | |
3 | |
I Grandi Classici Disney 12 - Recensione di A.Basettoni

Numero semiconvincente, come ormai è tradizione, con quattro storie notevoli e varie altre dal buono al deprimente. Ecco Paperinika e il filo di Arianna, già ristampata parecchie volte (le ultime nel 2013 e nel 2011), uno degli esempi del Guido Martina più maturo e oliato, sia nell'eloquio, capace di realizzare scarti di registro impagabili (celebre il cambio repentino di toni nella scena della "fisionomia nuova"… "Niente trucchi o ti spedisco"), sia nell'incastro dei caratteri dei personaggi, in cui s'inserisce in maniera del tutto inedita Paperina.
Si può dire che, dopo Taliaferro e Chendi, questo sia l'esordio di Paperina come protagonista dotato di un senso e di un intelligenza, che se in Taliaferro e Chendi volgeva verso la comicità quotidiana qui si ispessisce e si fa ingegno, arguzia e pensiero d'azione. Ed è notevole l'ironia con cui Guido Martina, davvero qui all'apice della felicità sceneggiatoria, alterni il punto di vista maschile, misogino, facile all' "adescamento", orgoglioso e vanitoso (dalle "donne esseri inferiori" alle "manine così gentili"), e per contrappasso qui debole ben oltre i limiti del ridicolo, e il punto di vista femminile, sicuro di sé, deciso, efficiente, alla ricerca di una affermazione e nel piano dell'azione e nel piano dell'intelligenza, che si tratti di Paperinika o dell'ineffabile Sirena Seducy. Da aggiungere poi la (molto più garbata) ironia dell'autore anche verso quelli che sono gli estremi e gli stereotipi del femminismo, fino ad una durezza di carattere che si allinea alla perfezione, paradossalmente, con i codici e i toni dei gangster, cosa che non accade invece con Paperino, cui non viene data nemmeno la possibilità di vestire, per così dire, i panni dell'azione (ovvero quelli del Diabolico Vendicatore); ma il confronto tra i due ci sarà nell'episodio successivo.
E poi i disegni, con un Giorgio Cavazzano superlativo, titolare di una scioltezza, di una espressività e di un dinamismo che rendono davvero giustizia alla sceneggiatura.
Altro cardine del numero Paperino allievo scroccone, dalla trama piuttosto barksiana sulla quale c'è ben poco da dire, se non che testi e disegni fanno a gara per garantire un risultato comico decisamente di prim'ordine.
Molto interessante Paperino cowboy, che ripropone l'idea di un doppio western di Paperone (qui Capros Bill), ma qui di segno opposto al "Paperone del Toc" che compariva ne "L'uomo del West". Come spesso in quegli anni, l'efficacia della storia è raggiunta dall'interazione conflittuale tra Paperino e nipotini, e dall'uso di un linguaggio sempre sorprendente e situazioni portate all'estremo, nel tentativo riuscito di scatenare l'effetto comico più antico del mondo, quello dell'eccesso.
E infine Topolino e il flauto di Omar, ovvero il ritorno degli uomini ombra, pubblicata sul BIG da pochi anni, ma che conserva intatto il proprio valore di mistero umoristico: probabilmente una delle migliori fra le Tops Stories.
Quanto al resto, abbiamo una prova piuttosto minore dei fratelli Barosso, Topolino e lo svaligiatore solitario (il solito umorismo catastrofico ma qui un po' meno riuscito del solito), e poi Topolino e il Pippo del West selvaggio (Martina/Gatto): storia più unica che rara, con passaggi interessanti (l'umorismo nero dell'introduzione, l'inedita fascinazione di Topolino per l'umana Guendalina, l'ironico voltafaccia dei militari del forte) e sezioni piuttosto spiazzanti e stereotipate (nonché datate) che non riescono molto nell'intento (se c'era) di una forma di parodia.
Quanto al resto, si veleggia piuttosto sul basso: Ezechiele Lupo ospite di riguardo e Fratel Coniglietto aiutante di Babbo Natale sono qualcosa di veramente soporifero, Paperino e la maledizione Ughawalla potrebbe pure avere un senso (poco entusiasmante comunque) se uno non si facesse distrarre dai Paperi di Strobl che saltellano qua e là, Topolino pacificatore d'indiani è impossibile da leggere fisicamente per via dei disegni (peccato, perché un paio di battute pippiche promettenti c'erano). Giusto Paperino e la prima storia dell'anno nuovo, seguito della storia di Natale del numero precedente, beneficia dei disegni "incantati" di Guido Scala che realizza un Paperino perso ma fiducioso e con la barra sempre dritta sulla bontà d'animo e l'impegno per far del bene.
Da segnalare infine una curiosità nell'introduzione alla sezione Superstar: in mezzo all'elenco delle storie con relative ristampe si parla dell'idea secondo la quale lo spirito del cittadino americano tipico sia stato forgiato dall'esperienza dura e avventurosa dei coloni del XVIII secolo. "Quanto queste conclusioni siano attendibili e degne di rispetto può essere senza dubbio di interesse ma non in questa sede. È interessante, invece, lo scenario affascinante […]". Insomma, se interpreto correttamente questa frase piuttosto ambigua, Boschi si affaccia al dibattito storico e mette in forse l'importanza praticamente totalitaria che il mito della "Frontiera" ha assunto nei secoli? Fra l'altro, aggiungendo (io) che la storia della Frontiera fu anche la storia di un genocidio si potrebbe (dovrebbe?) andar lontano… Legittimo, forse, non spingersi oltre nelle pagine in questione, ma interessante aver accennato velatamente al problema, ammesso di non aver preso io una cantonata nel leggere.

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (13)
Esegui il login per votare

I Grandi Classici 12 (gennaio 2017)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Grazia
Ombronauta
   (2)

  • ****
  • Post: 961
  • Esordiente
    • Offline
    • Mostra profilo
   (2)
    Re: I Grandi Classici 12 (gennaio 2017)
    Risposta #15: Martedì 24 Gen 2017, 15:31:51
    Sinceramente non capisco il disappunto. Sui Grandi classici non è mai stata stampata. Chi segue questa testata non si ritrova un doppione.
    Capisco se l'avessero stampata già sui GC seconda serie, ma così...

    P.S.: se la storia e' un grande classico e' ovvio che la ristampino più spesso di altre.

      Re: I Grandi Classici 12 (gennaio 2017)
      Risposta #16: Martedì 24 Gen 2017, 16:12:06
      Sinceramente non capisco il disappunto. Sui Grandi classici non è mai stata stampata. Chi segue questa testata non si ritrova un doppione.

      Be', però sarebbe anche legittimo che un lettore seguisse insieme GCD e BIG… io fino a pochi anni fa facevo così, e non mi sembrava di essere un ipercollezionista; ai tempi in cui il BIG era decente e non c'erano Uack! e Tesori era forse l'accoppiata migliore possibile da tutti i punti di vista, economici e qualitativi.
      Mica parliamo di seguire insieme WITCH e PK, insomma… (pluricit.) ;D

      *

      bunny777
      Gran Mogol

      • ***
      • Post: 621
      • Strapapero
        • Offline
        • Mostra profilo

        Re: I Grandi Classici 12 (gennaio 2017)
        Risposta #17: Martedì 24 Gen 2017, 17:35:42
        Be', però sarebbe anche legittimo che un lettore seguisse insieme GCD e BIG
        Indubbiamente è legittimo, ma direi non per questo sarebbe saggia un'omissione di pubblicazione su una delle due testate, se calzante.
        Cioè, se la politica di una testata lo richiede e la storia è rientrante, per me va senz'altro pubblicata.
        Non è che la Panini può sapere ognuno di noi cosa segue e cosa no o procedere per ipotesi.
        Se la storia ci va, per me deve inserirla e, al contrario, farebbe un torto a chi segue la testata (e non l'altra) non pubblicandola.


          Re: I Grandi Classici 12 (gennaio 2017)
          Risposta #18: Martedì 24 Gen 2017, 18:01:22
           [smiley=aiMieiTempi.gif]si ma il fatto e che la panini o chi nper essa e da molto che ripubblica e ri-ripubblica le solite minestre riscaldate .ci sono nell inducks un sacco di belle storie pubblicate una e non piu volte si ripescihino anche queste ,oh perbacco
          « Ultima modifica: Martedì 24 Gen 2017, 18:02:36 da popone »

          *

          Grazia
          Ombronauta

          • ****
          • Post: 961
          • Esordiente
            • Offline
            • Mostra profilo

            Re: I Grandi Classici 12 (gennaio 2017)
            Risposta #19: Martedì 24 Gen 2017, 19:22:42
            Qualcuno ha elogiato la Panini per l'abbondanza di testate disponibili (si può scegliere) e delle sue edizioni deluxe, per collezionisti, ecc.
            Quindi qualcosa per riempire le pagine lo devono pubblicare.

            Se leggessero qui, probabilmente ristamperebbero le stesse storie dei soliti autori ad libitum.
            E per fortuna che ne I Classici inseriscono storie "poco interessanti", altrimenti ritroveremmo scarpa, Barks, Cavazzano e compagnia costantemente anche su quelle pagine.

            Anche a me piacerebbe una testata fatta su MIA misura, ma il punto è che ognuno la vorrebbe come piace a lui. Impossibile.

            Ho tuttii GC e i Classici. Alla fine i piedi se li sono pestati poche volte. In efftti recuperare qualche vecchio BIG potrebbe essere interessante per avere molte storie che mi mancano senza avere eccessivi doppioni.

            *

            Topdetops
            Diabolico Vendicatore

            • ****
            • Post: 1949
            • Amante del fumetto
              • Offline
              • Mostra profilo

              Re: I Grandi Classici 12 (gennaio 2017)
              Risposta #20: Martedì 24 Gen 2017, 19:53:02
              Numero ottimo,5 stelle sia per la qualità delle storie sia per la rarità delle superstar :D.
              Appassionato del fumetto e amante della buona tavola.

                Re: I Grandi Classici 12 (gennaio 2017)
                Risposta #21: Martedì 24 Gen 2017, 22:47:05
                non sono affatto d accordo la sezione crentrale superstar e per me il punto debole dei GC con storie a dir poco insignificanti e disegnate male . Proporrei un autore da rivalutare . trattasi del grande JACK MANNING dotato di uno stile grafico singolarissimo e personale
                « Ultima modifica: Martedì 24 Gen 2017, 22:47:55 da popone »

                *

                luciochef
                Ombronauta
                   (1)

                • ****
                • Post: 742
                  • Offline
                  • Mostra profilo
                   (1)
                  Re: I Grandi Classici 12 (gennaio 2017)
                  Risposta #22: Martedì 24 Gen 2017, 23:01:46
                  Ok!
                  Sento già le vocine nelle orecchie che mi dicono :" Non diamogli importanza altrimenti facciamo il suo gioco"!
                  Ripeto ok. Avete ragione! Al 100%
                  Ma io che non ho tanta pratica di forum e simili mi chiedo ma questo personaggio (o come si chiamano questi troll?) sono davvero così inutili e vuoti come personaggi?
                  Questo addirittura invece di partecipare come una normale persona dal quoziente intellettivo nella media (forse nel suo caso tendente al basso) trova il tempo e i modi di fare decine di iscrizione fasulle per il solo gusto di rompere i cosiddetti?
                  Certo che ce ne è di gente strana forte!
                  Io sono un cattivo... e questo è bello! Io non sarò mai un buono e questo non è brutto! Io non vorrei essere nessun altro... a parte me.

                   

                  Dati personali, cookies e GDPR

                  Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                  Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                  Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.