Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
3 | |
5 | |
3 | |
3 | |
3 | |
3 | |
4 | |
3 | |
3 | |
3 | |
4 | |
3 | |
Tesori Made In Italy - 50 capolavori Disney di Giorgio Cavazzano (2 di 6) - Recensione di V

Si procede con questa bella serie dedicata al giubileo Disney e di carriera del grande Giorgio Cavazzano. La copertina si arricchisce di personaggi, e a Paperone si aggiunge uno smagliante Topolino. Rapidamente entriamo già negli anni '90, raggiungendo uno periodi di massimo splendore di Cavazzano. Dopo la fase techno degli anni '70, e un lieve intorpidirsi negli anni '80, in parte dovuto a ricche collaborazioni extra-disneyane, a partire da Casablanca si entra in una fase di maturità che rasenta la perfezione. Linee curve, tondeggiature, chiaroscuri e tratteggi di pennino arricchiscono le tavole e i personaggi. Le trame vengono rinvigorite da paesaggi realistici, profondità di campo e inquadrature e prospettive nuove. Cavazzano ha sempre ammesso di aver tratto grande ispirazione dal fumetto umoristico franco - belga, da Uderzo passando per Franquin. Il ricco portfolio presenta infatti il grande lavoro fatto sul settimanale francese Pif e le serie dedicate alle coppie, come Altai e Johnson e Oscar e Tango.
Passando alle storie, il capolavoro del numero è sicuramente il mistero della voce spezzata del grandissimo Silvano Mezzavilla. Un perfetto noir metropolitano, una Topolinia sotto la pioggia, Topolino con l'impermeabile che da solo indaga, uno strano mistero legato ad "Aiotto! Aiotto! Sono... CRACK!", una frase fulminante di tutta la letteratura disneyana. C'è violenza, c'è mistero, c'è il tratto di Cavazzano a rendere indimenticabile una storia dura e realistica, e che risente sicuramente della lezione di Walsh, andando oltre.
Meritoria la ristampa di Basil, l’investigatopo, trasposizione a fumetti ad opera di Corteggiani di un riuscito classico disney, e che per la prima volta propone anche una tavola inedita a suo tempo eliminata: bravi in redazione a stamparla, seppur in bianco e nero. Realizzata per il mercato francese, la storia permette di vedere Cavazzano all'opera con una tavola scomposta in piccole vignette, un lavoro di dettaglio molto curato e raffinato.
Infine, una doppietta di Marconi. La nostra preferenza va senz'altro alla spada invincibile, piccolo romanzo di formazione di un giovane Topolino che cresce in una prigione per salvare il padre. Tematiche forte trattate con la tipica leggerezza disneyana. Su La Strada, infine, molto si è già parlato, e non aggiungiamo molto, se non la poesia del finale, del tutto consono all'universo onirico felliniano.
Insomma, un numero di eccellenze, per un'opera curata che documenta con attenzione la carriera del maestro, e che ci sentiamo di consigliare soprattutto a chi non conosce queste storie straordinarie.

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (16)
Esegui il login per votare

Tesori made in Italy Giorgio Cavazzano (2 di 6)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

brigo
Diabolico Vendicatore
   (1)

  • ****
  • Post: 1961
    • Offline
    • Mostra profilo
   (1)
    Re: Tesori made in Italy Giorgio Cavazzano (2 di 6)
    Risposta #15: Sabato 20 Mag 2017, 12:06:37
    ho dovuto rifiutarla, con la faccia tra lo stranito e il perplesso dell'edicolante.

    La prossima volta chiedigli se a lui farebbe piacere acquistare una mela con un morso, un vetro scheggiato, un lenzuolo strappato, ecc.

      Re: Tesori made in Italy Giorgio Cavazzano (2 di 6)
      Risposta #16: Sabato 20 Mag 2017, 18:50:56

      La prossima volta chiedigli se a lui farebbe piacere acquistare una mela con un morso, un vetro scheggiato, un lenzuolo strappato, ecc.


      In effetti  :-[  solo che magari alcune persone non si capacitano del fatto che uno non spende 7 euro solo per leggere un fumetto ma magari anche collezionarlo.

        Re: Tesori made in Italy Giorgio Cavazzano (2 di 6)
        Risposta #17: Domenica 21 Mag 2017, 10:06:31
        a me sta collection piace parecchio....una volta chiarito definitivamente in questo secondo numero che le 50 migliori opere di Cavazzano sono appunto OPERE e non  tutte storie a fumetti come ci si e' fatto intendere promuovo a pieni voti tutta l'operazione. è vero che fino ad ora abbiamo visto storie stra ristampate e al secondo volume siamo gia' agli anni 90..pero' c'e' da dire che la scelta di cosa inserire (come e' giusto che sia) è ricaduta tutta su Cavazzano e lui ha sempre affermato di non amare particolarmente il suo avvio di carriera..e quindi che ci sia almeno per i primi numeri, una scelta sulle stra famose ci sta tutto..vedremo come verranno trattati invece i restanti 4 volumi (dove si dovrebbe entrare nel periodo preferito dell'autore)... storie a parte e' ammirevole a mio avviso il comparto extra con favolosi schizzi e un bel portfolio per numero. A mio avviso questa collana è l'ennesima conferma che non ci va mai bene niente..abbiamo un buon prodotto, che potrebbe fare contenti anche i collezionisti (ok le storie ma ci sono immagini mai pubblicate), un prezzo tutto sommato popolare ...e??? sto leggendo per di piu' critiche...insomma io credo che occorra voler bene a questa testata...poi ovvio se uno ha tutte le storie e di extra ecc non gliene frega niente, allora è un altro paio di maniche

          Re: Tesori made in Italy Giorgio Cavazzano (2 di 6)
          Risposta #18: Domenica 21 Mag 2017, 12:41:12
          che le 50 migliori opere di Cavazzano sono appunto OPERE e non  tutte storie a fumetti come ci si e' fatto intendere

          Figurati che su Anteprima di questo mese (quella uscita settimana scorsa) continuano a ribadire che le storie saranno 50  ;D

          Più che altro il prezzo è impopolare rispetto ai Tesori International che con lo stesso prezzo di solito conta dalle 35 alle 45 pagine in più.
          « Ultima modifica: Domenica 21 Mag 2017, 12:43:38 da Cataclysm »

          *

          Pacuvio
          Imperatore della Calidornia
          Moderatore
             (1)

          • ******
          • Post: 11898
            • Offline
            • Mostra profilo
             (1)
            Re: Tesori made in Italy Giorgio Cavazzano (2 di 6)
            Risposta #19: Domenica 21 Mag 2017, 17:42:56
            Quoto tutto l'intervento di Fillo, tranne che per una cosa:

            pero' c'e' da dire che la scelta di cosa inserire (come e' giusto che sia) è ricaduta tutta su Cavazzano
            Non ho avuto modo di leggerne l'introduzione, ma la presenza della storiella di 16 pagine di DuckTales (utili per completare la foliazione del volume), casualmente già pubblicata su un vecchio MD, qualche dubbio me lo mette... ho la sensazione che lui possa solo aver approvato le storie scelte da terzi, poi ovviamente che molte di queste possano coincidere col gusto personale di Cavazzano ci sta (vedasi le storie cult presenti in questo stesso numero).
            « Ultima modifica: Domenica 21 Mag 2017, 17:44:36 da pacuvio »

              Re: Tesori made in Italy Giorgio Cavazzano (2 di 6)
              Risposta #20: Domenica 21 Mag 2017, 18:43:56
              Quoto tutto l'intervento di Fillo, tranne che per una cosa:

              Non ho avuto modo di leggerne l'introduzione, ma la presenza della storiella di 16 pagine di DuckTales (utili per completare la foliazione del volume), casualmente già pubblicata su un vecchio MD, qualche dubbio me lo mette... ho la sensazione che lui possa solo aver approvato le storie scelte da terzi, poi ovviamente che molte di queste possano coincidere col gusto personale di Cavazzano ci sta (vedasi le storie cult presenti in questo stesso numero).
              E che te devo di ??? Ovvio che mi baso su quanto dicono ..e che non sempre coincide con la realtà . Certo che ci sono anche mere riempitive ma a volte queste aiutano ad avere un quadro ancora più completo Dell autore

              *

              OracolOdi DelfI
              Giovane Marmotta

              • **
              • Post: 186
              • volonta di convincere i MOD della mia stima
                • Offline
                • Mostra profilo

                Re: Tesori made in Italy Giorgio Cavazzano (2 di 6)
                Risposta #21: Domenica 21 Mag 2017, 20:43:54
                si, ma non si doveva fare l errore madornale di ristampare LA VOCE SPEZZATA appena uscita suiGIALLI

                *

                Paolino B.
                Brutopiano
                   (1)

                • *
                • Post: 53
                • PBNA
                  • Offline
                  • Mostra profilo
                   (1)
                  Re: Tesori made in Italy Giorgio Cavazzano (2 di 6)
                  Risposta #22: Lunedì 22 Mag 2017, 00:47:44
                  Storie meravigliose.

                  Riguardo alla mancata presenza di molte storie degli anni '70, ricordo che "I migliori anni Disney" è ora al 1975. Da molti numeri sta ristampando molte storie importanti e note di Cavazzano.
                  Qui, bisogna dire, c'è stata molta attenzione a non pubblicare in contemporanea la medesima opera in due riviste diverse.

                  Sulla presenza di storie ristampate, io credo che una storia bella e indimenticabile sia stata ristampata molte volte. In una rivista che vuole essere un "best of" credo, oltrechè naturale, anche giusto inserire storie note.
                  Le "chicche" sono belle storie, ma non sono Storia.
                  PB

                    Re: Tesori made in Italy Giorgio Cavazzano (2 di 6)
                    Risposta #23: Lunedì 22 Mag 2017, 06:48:55
                    si, ma non si doveva fare l errore madornale di ristampare LA VOCE SPEZZATA appena uscita suiGIALLI
                    secondo me nessun errore..e' che le testate vengono pianificate mesi e mesi prima e a volte le uscite slittano pure..non sempre si riesce a tenere l'esatto filo tra cosa viene pubblicato in contemporanea... probabilmente casablanca non e' andata nella collection perche' e' stato pubblicato da poco il superdeluxe, ma nel caso della voce spezzata e' una di quelle storie che andava cmq. inserita...

                    *

                    Cataclysm
                    Giovane Marmotta
                       (1)

                    • **
                    • Post: 159
                    • Esordiente
                      • Offline
                      • Mostra profilo
                       (1)
                      Re: Tesori made in Italy Giorgio Cavazzano (2 di 6)
                      Risposta #24: Lunedì 22 Mag 2017, 11:44:39
                      si, ma non si doveva fare l errore madornale di ristampare LA VOCE SPEZZATA appena uscita suiGIALLI

                      Ma la cosa interessa solo a chi a preso i Gialli, chi non prende i Gialli si sarebbe lamentato dell'assenza de la voce spezzata quindi da questo punto di vista nessun errore, non è detto che gli acquirenti acquistino TUTTE le collane che escono.

                      *

                      Grazia
                      Ombronauta
                         (3)

                      • ****
                      • Post: 961
                      • Esordiente
                        • Offline
                        • Mostra profilo
                         (3)
                        Re: Tesori made in Italy Giorgio Cavazzano (2 di 6)
                        Risposta #25: Lunedì 22 Mag 2017, 12:53:56
                        Alla fine oggi l'ho tirato su assieme al nuovo numero di Paperopoli (da me ne è arrivata una sola copia).
                        L'ho solo sfogliato al volo e, nel farlo, noto una tavola in bianco e nero nella storia di Basil l'investigatopo.

                        Leggo la prefazione alla storia e apprendo che quella tavola è stata sempre omessa sia nelle 2 stampe francesi che in quella nostrana sul N.27 de I Maestri Disney.
                        Lodevole ripristinare una tavola inedita se non fosse che si arriva alla fine dell'articolo e si legge "Per la prima volta viene reintegrata nella storia in questo volume: si tratta della ventiquattresima, che lasciamo in bianco e nero per evidenziarla."

                        Ormai è certo: hanno un ufficio apposito per trovare le scuse più fantasiose alle loro mancanze.

                        Inoltre in 4a di copertina hanno specificato "50 Opere" forse rendendosi conto che così prendono in giro meno il cliente e si mettono totalmente dalla parte della ragione qualsiasi cosa pubblichino.Curioso il fatte che se si include "tutto" (storie, bozzetti, tavole preliminari, ecc) la "50 opere" sono già state abbondantemente superate già da questo numero.


                        *

                        Fillo Sganga
                        Visir di Papatoa
                           (1)

                        • *****
                        • Post: 2409
                        • ex turk182
                          • Offline
                          • Mostra profilo
                           (1)
                          Re: Tesori made in Italy Giorgio Cavazzano (2 di 6)
                          Risposta #26: Martedì 23 Mag 2017, 07:05:07

                          Inoltre in 4a di copertina hanno specificato "50 Opere" forse rendendosi conto che così prendono in giro meno il cliente e si mettono totalmente dalla parte della ragione qualsiasi cosa pubblichino.Curioso il fatte che se si include "tutto" (storie, bozzetti, tavole preliminari, ecc) la "50 opere" sono già state abbondantemente superate già da questo numero.


                          ehm no..perchè le 50 opere sono appunto quelle e solo quelle indicate in rosso in 4a di copertina..e al momento sommando le storie dei primi 2 numeri siamo a quota 11 (e questo viene specificiato nell'introduzione del numero).

                          nei prossimi, immagino e presumo che ci saranno maggiori storie brevi o opere (ad esempio per il terzo numero è gia' stata annunciata la quasi inedita di pochissime pagine in onore di Fellini).

                          sono cmq. d'accordo che sia stata fatta confusione sui contenuti di questa testata (forse per causa di chi cura Anteprima, non sempre a conoscenza piena delle testate in divenire). IN questo secondo numero cmq. viene fatta chiarezza una volta per tutte (probabilmente per via dei vari commenti letti in questi mesi su FACEBOOK E IN RETE).

                          Nel primo articolo si legge:
                          va precisato che la scelta non riguarda 50 storie, una per ogni anno di "attività disneyana completa", cioè a partire dalla prima avventura disegnata autonomamente,durante la decennale collaborazione con il Maestro Romano Scarpa, avviata nel 1962. Compendia invece 50 opere, liberamente scelte e commentate da Cavazzano, che ripone maggior fiducia su quelle della sua maturità, trascurando il primo periodo della sua pur rigogliosa (e sempre splendida) produzione. tra quelle selezionate, per esempio, sono comprese illustrazioni per serigrafie, piatti di natale, omaggi, copertine speciali affidate alle cure di Giorgio, perchè destinate a segnare tappe importanti nella storia delle iniziative Disney.

                          Penso che ora sia tutto chiaro..poi torno a dire ognuno col portafogli fa quello che vuole ma mi pare difficile criticare come scarsa questo tipo di testata.

                          *

                          Grazia
                          Ombronauta
                             (1)

                          • ****
                          • Post: 961
                          • Esordiente
                            • Offline
                            • Mostra profilo
                             (1)
                            Re: Tesori made in Italy Giorgio Cavazzano (2 di 6)
                            Risposta #27: Martedì 23 Mag 2017, 09:59:55

                            Nel primo articolo si legge:
                            va precisato che la scelta non riguarda 50 storie, una per ogni anno di "attività disneyana completa", cioè a partire dalla prima avventura disegnata autonomamente,durante la decennale collaborazione con il Maestro Romano Scarpa, avviata nel 1962. Compendia invece 50 opere, liberamente scelte e commentate da Cavazzano, che ripone maggior fiducia su quelle della sua maturità, trascurando il primo periodo della sua pur rigogliosa (e sempre splendida) produzione. tra quelle selezionate, per esempio, sono comprese illustrazioni per serigrafie, piatti di natale, omaggi, copertine speciali affidate alle cure di Giorgio, perchè destinate a segnare tappe importanti nella storia delle iniziative Disney.

                            Penso che ora sia tutto chiaro..poi torno a dire ognuno col portafogli fa quello che vuole ma mi pare difficile criticare come scarsa questo tipo di testata.

                            Quella frase chiarisce solo che hanno fatto le cose approssimativamente come loro solito e stanno in qualche modo cercando di correggere le loro "inesattezze" in corsa.

                            Peccato che il tentativo risulta ridondante, perché per fare chiarimento utilizzano argomentazioni che lasciano più dubbi che soluzioni (portano degli esempi, non dicono che "le 50 opere sono scelte tra [segue elenco]"; non sono mica stupidi...).

                            A me pare evidente che hanno scelto alcune storie, chiesto a Cavazzano alcuni suoi bozzetti, tavole preliminari, ecc. dal suo archivio personale e l'hanno pubblicata senza badare al numero 50 utilizzato solo come strillo in quanto sono i suoi anni di carriera.

                            E l'evidenza è la tavola in bianco e nero inserita nella storia di Basil con una scusa che neanche un bimbo alle elementari per giustificare alla maestra i compiti non fatti (ma mica avevano detto che nel 2017 stampare in bianco e nero non aveva senso? Vale solo per i Grandi Classici?).

                            La chiosa finale non ho capito se si riferiva a me o in generale.
                            Io non ho criticato la testata (se non per il prezzo un po' alto rispetto al contenuto; considerato che altre testate simili allo stesso prezzo offrono 30/40 pagine in più) e la frase "ognuno col suo portafoglio fa quello che vuole" ormai ha anche un po' stufato, perché usata come capro espiatorio di qualsiasi argomentazione.
                            Se chi si lamenta può decidere se acquistare o meno, stesso discorso vale per quelli che la tal testata piace.
                            Quindi ha poco senso tessere le lodi o criticare ferocemente un volume, tanto nessun obbliga ad aprire il portafogli.
                            Ma a questo punto.. cosa se ne discute a fare?

                            *

                            Cornelius Coot
                            Imperatore della Calidornia
                               (1)

                            • ******
                            • Post: 10308
                            • Mais dire Mais
                              • Offline
                              • Mostra profilo
                               (1)
                              Re: Tesori made in Italy Giorgio Cavazzano (2 di 6)
                              Risposta #28: Martedì 23 Mag 2017, 11:12:31

                              Cavazzano ha voluto sacrificare totalmente da questa opera in sei volumi il suo primo periodo come disegnatore (1967-1971) per certe influenze scarpiane chiaramente visibili. L'autore aveva saputo rielaborare a suo modo il classico stile di Scarpa che a sua volta lo aveva snellito e dinamicizzato grazie alle inchiostrazioni di Cavazzano: un 'Do ut Des' di cui entrambi gli artisti avevano beneficiato.

                              E' sicuramente vero che gli stili che vengono in seguito sono più suoi, più caratteristici di quello iniziale che dimostra comunque grande maturità e sicurezza nelle matite di un giovane poco più che ventenne. Personalmente è quello che preferisco, quello per me esteticamente migliore: grande dinamismo unito a linee eleganti e brillanti. Dopo il periodo tecno, intenso ma breve (unito al tardo scarpiano nel primo volume di Tesori) Cavazzano si affaccia agli anni '80 trasformando le sue agili e dinamiche figure in pupazzetti buffi e tondi le cui espressioni da realistiche diventano clownesche, ipnotizzando (stranamente) una marea di altri autori che clonano il suo nuovo stile.

                              E tutto ciò per almeno due decenni, fin quasi al 2000 quando le sue buffe figure prendono una linea più decisa e squadrata, tuttora in voga e sicuramente preferibile alla precedente. Peccato che Cavazzano abbia voluto 'insistere' proprio su questo ventennio di fine secolo, quello della sua 'maturità' che per me invece rappresenta, graficamente ed esteticamente, un passo indietro rispetto a quello dei '70, sia scarpiano che tecno.
                               
                              « Ultima modifica: Martedì 23 Mag 2017, 11:16:57 da leo_63 »

                                Re: Tesori made in Italy Giorgio Cavazzano (2 di 6)
                                Risposta #29: Venerdì 16 Giu 2017, 01:41:11
                                Cover numero 3

                                « Ultima modifica: Sabato 24 Giu 2017, 01:12:17 da miriam »

                                 

                                Dati personali, cookies e GDPR

                                Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                                Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                                Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.