Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
3 | |
5 | |
3 | |
4 | |
4 | |
3 | |
3 | |
3 | |
2 | |
2 | |
2 | |
1 | |

le traduzioni di Almanacco Topolino in Francia

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

    le traduzioni di Almanacco Topolino in Francia
    Sabato 28 Mar 2015, 16:41:52
    Buonasera a tutti,
    sto analizzando Picsou (Zio Paperone in Francia) e gli Almanacco Topolino. Vorrei sapere come si fa a capire se un fumetto francese è stato tradotto dall'italiano o da altre lingue. Sembra semplice, ma ci lavoro da 2 mesi e non sono ancora riuscita a capirlo. Mi spiego meglio i Picsou che sono usciti in Francia sono stati tradotti dall'italiano o da altre lingue?  :-?

    *

    Cornelius Coot
    Imperatore della Calidornia
       (1)

    • ******
    • Post: 10240
    • Mais dire Mais
      • Offline
      • Mostra profilo
       (1)
      Re: le traduzioni di Almanacco Topolino in Francia
      Risposta #1: Lunedì 30 Mar 2015, 01:15:47

      Se le storie pubblicate su Picsou sono uscite in origine in Italia (scritte e disegnate da autori italiani, e ciò è scritto nella prima tavola oltre ad esserci una I + vari numeri) immagino che le traduzioni in francese siano state fatte dai testi originali in italiano.
      Se le storie sono della Egmont (dunque paesi scandinavi, in genere firmati con una D + vari numeri oltre ai nomi degli autori come sopra), immagino che le lingue originali tradotte in francese possano essere il danese se non lo svedese, il finlandese, il norvegese o il tedesco, dipende dagli albi da cui sono state tratte.
      Ci sono anche storie prodotte in Olanda (e dunque originariamente in olandese) anche se non ricordo se pubblicate in Francia.

      Poi dipende dai vari traduttori e dalle diverse situazioni:
      magari non è semplice tradurre letteralmente un concetto o modi di dire da una lingua all'altra e in questo caso immagino si agisca di fantasia (lo facevano anche i traduttori italiani delle storie americane dai '30 ai '60).
       
      Hai inserito l'Almanacco Topolino perché hai notato che alcune storie pubblicate lì sono poi state ripubblicate su Picsou?
      In questo caso, avendo entrambe le pubblicazioni, puoi fare un parallelo tra le due storie, vignetta per vignetta, per controllare come l'italiano dell'Almanacco sia stato tradotto nel francese di Picsou.
      « Ultima modifica: Lunedì 30 Mar 2015, 01:23:03 da leo_63 »

      *

      McDuck
      Diabolico Vendicatore

      • ****
      • Post: 1402
      • Fliccus, Flaccus, Fannulorum!
        • Offline
        • Mostra profilo

        Re: le traduzioni di Almanacco Topolino in Francia
        Risposta #2: Martedì 31 Mar 2015, 09:17:30
        Un'idea potrebbe essere anche quella di controllare il primo paese straniero in cui sono state tradotte, tramite l'inducks: http://coa.inducks.org/
        Se questo è la Francia, allora, a rigor di logica, la traduzione è italiana.

        Avendo fatto i miei studi proprio sulla traduzione, posso dirti che le difficoltà maggiori si hanno proprio nella traduzione dei modi di dire, proverbi e nelle battute comiche. Spesso si tende a non tradurre alla lettera. Con la Francia condividiamo alcuni tratti in comune nella fraseologia, essendo entrambe lingue romanze. Se invece la traduzione è stata fatta dalle lingue germaniche, probabilmente molta fraseologia non è stata tradotta letteralmente. Comunque l'unico modo che hai è quello di procurarti le ristampe precedenti alla prima apparizione su Picsou e confrontare vignetta per vignetta.
        Un vero lavoraccio :P

          Re: le traduzioni di Almanacco Topolino in Francia
          Risposta #3: Giovedì 2 Apr 2015, 15:25:44
          grazie a tutti,
          Sono arrivata ad una conclusione, se il codice della storia è italiano ovvero inizia per I allora tutti i fumetti di tutte le lingue saranno tradotti dall'italiano, proprio perché per la prima volta quel fumetto è stato pubblicato in Italia.  ;) Che ne dite?

          *

          Cornelius Coot
          Imperatore della Calidornia

          • ******
          • Post: 10240
          • Mais dire Mais
            • Offline
            • Mostra profilo

            Re: le traduzioni di Almanacco Topolino in Francia
            Risposta #4: Venerdì 3 Apr 2015, 00:05:02
            Che ne dite?
            Diciamo che sei arrivata ad una saggia conclusione ;D

            *

            McDuck
            Diabolico Vendicatore

            • ****
            • Post: 1402
            • Fliccus, Flaccus, Fannulorum!
              • Offline
              • Mostra profilo

              Re: le traduzioni di Almanacco Topolino in Francia
              Risposta #5: Venerdì 3 Apr 2015, 17:08:34
              Beh, in realtà non è detto.
              Sicuramente le probabilità che sia stato tradotto dall'originale sono molto alte, ma non è l'unico caso possibile.
              Per quanto ne sappiamo, al Picsou potevano avere un traduttore dal tedesco in un dato periodo, e non uno dall'italiano, e quindi potevano tradurre solo dalla prima lingua, dunque aspettando che la storia fosse pubblicata in Germania. Ripeto, improbabile, ma teoricamente possibile.
              Il codice "I" indica solo il paese di produzione, e rimane invariato in ogni traduzione.

               

              Dati personali, cookies e GDPR

              Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

              Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

              Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.