Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
3 | |
4 | |
3 | |
3 | |
3 | |
3 | |
2 | |
5 | |
3 | |
3 | |
2 | |
5 | |
Glénat & Disney: Une mystérieuse mélodie, ou Comment Mickey rencontra Minnie di Cosey - Recensione di Solomon Cranach

Assieme a Lewis Trondheim e Régis Loisel, Bernard Cosendai, in arte Cosey, è senz’altro il nome più importante fra quelli contattati da Glénat per la sua collana antologica a tema Disney. Svizzero ma attivo nel panorama franco-belga – d’altronde, per sua stessa ammissione, il suo paese natale non offre grandi prospettive “fumettistiche” –, Cosey si forma con un compatriota illustre, Derib, fra le altre cose autore del bellissimo western revisionista Buddy Longway. Esordisce nel 1975 sulla rivista Tintin, lanciando quella che a oggi è ancora la sua unica serie lunga, Jonathan: l’emozionante racconto di un suo alter ego, l’eponimo personaggio, e dei suoi vagabondaggi per il Tibet squassato dalla guerra con la Cina. Un fumetto dai toni intimisti e pieni di calore, che in parte risente del clima new age dell’epoca (ma che ha egualmente saputo evolversi e passare oltre), disegnato con una rara maestria che fonde le influenze deribiane e prattiane (il creatore di Corto Maltese è fra gli idoli di Cosey). A questo punto verrebbe il momento di consigliarlo ai lettori, ma c’è un problema non da poco: in italiano è stato pubblicato integralmente, purtroppo, solo negli ormai difficilmente rintracciabili ultimi numeri della Collana Avventura, allegata alla Gazzetta dello Sport nel corso del 2017. Misteri dell’editoria italica. Dopo un decennio d’intensa attività, a metà degli anni Ottanta il Nostro smette per un po’ di raccontare le peripezie di Jonathan, e dà inizio alla sua lunga – prosegue tutt’ora – e fortunata stagione come “romanziere grafico”, realizzando un volume più bello dell’altro: dagli ormai celeberrimi Alla ricerca di Peter Pan e Il viaggio in Italia (pubblicati in Italia una decina d’anni fa da Planeta De Agostini, in volumi, di nuovo, di non agilissima reperibilità), allo sperimentale Saigon-Hanoi (in Italia apparso su Ken Parker Magazine negli anni Novanta); sempre tenendo come punti fermi le caratteristiche già di Jonathan, le cui avventure del resto riprende a narrare, sia pure con cadenza meno serrata degli esordi. Con queste premesse potrebbe sembrare che Cosey sia una figura assai lontana dalla sensibilità del fumetto disneyano classico. L’autore però ha sempre nutrito e dimostrato fattualmente una grande nostalgia per le letture infantili: non solo i classici della BéDé franco-belga, ma anche quelli Disney. Un paio di suoi lavori almeno (parliamo del sedicesimo volume Jonathan, e del racconto breve Sur l’île, leggibile nell’antologia Une maison de Frank L. Wright) contengono bellissime scene in cui, è palese, Cosey mette in scena, a distanza di tanti anni, la sua stupefazione – certo, filtrandola attraverso personaggi fittizi – per le sue prime scoperte fumettistiche. Topolino e Pippo secondo Cosey La nostalgia – o forse la malinconia – è anche al centro di Une mystérieuse mélodie, il suo contributo alla collana di Glénat, uscito nel 2016 e pubblicato anche in Italia nello stesso anno con il titolo Una misteriosa melodia. Cosey immagina un Topolino che lavora come sceneggiatore hollywoodiano per i primi cartoon di massa – con protagonista non sé stesso, come ci si attenderebbe, ma Pluto. I gusti del pubblico però cambiano rapidamente (è l’epoca fra l’altro in cui viene introdotto il sonoro, come ricorda una sequenza della storia), e il suo “big boss” – le cui fattezze ricalcano quelle di Manetta – gli chiede trame più complesse e drammatiche. Un manoscritto inedito di Shakespeare (!) scoperto da Pippo (!!) potrebbe fornirgli qualche spunto, ma a causa di un malinteso scompare nel corso di un viaggio in treno. Potrebbe essere coinvolta la misteriosa signorina seduta vicino a Topolino, il cui volto il Nostro non è riuscito a vedere, e che cantava una misteriosa canzoncina… Cosey cerca di recuperare il gusto dei cartoon e dei fumetti disneyani delle origini, coniugandolo con le sue propensioni per la semplicità degli intrecci e la purezza delle emozioni. Il risultato è un fumetto genuinamente suo. Nonostante infatti adotti tutti gli intenti mimetici (ci sono persino sezioni retinate in Ben-Day dots), si può dire che Cosey “fallisca” l’obiettivo: non abbiamo mai letto davvero storie scritte così, nell’opera degli autori d’antan. E per fortuna, perché in questo modo viene rispettato alla perfezione lo spirito dell’iniziativa francese, ovvero una reinterpretazione personale dei canoni disneyani. Dal punto di vista grafico, il volume si mantiene sugli standard a cui l’autore ha abituato negli ultimi anni i suoi lettori (diciamo a partire dall’inizio del Duemila), con una sintesi del tratto efficacissima, corroborata da un’inchiostrazione molto spessa. L’impressione è quella di un disegno molto “semplice”, ma chi conosce Cosey sa che questa eleganza è stata raggiunta molto lentamente nel corso del tempo, ed è frutto di un pensiero calcolato e tutt’altro che blando. I personaggi sono interpretati con grande fedeltà dal fumettista, che riesce a delinearne alla perfezione le espressioni. Sui colori non c’è molto da dire: Cosey è uno dei grandi coloristi del fumetto franco-belga, e le sue meravigliose tinte pastello si adattano alla perfezione alle tavole e alle atmosfere delicate del racconto. Curiosità: il volume, sia nell’edizione originale, sia in quella italiana (fedele quanto a valori produttivi), è più piccolo rispetto alla maggior parte degli altri della collana Glénat. In effetti, l’editore non ha imposto un “formato standard”, e così alcuni degli albi hanno dimensioni diversi rispetto al classico cartonato “alla francese” (24×32 cm) che comunque impera nella serie.

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (5)
Esegui il login per votare

Pubblicazioni francesi

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Sir Top de Tops
Ombronauta
   (1)

  • ****
  • Post: 845
  • Novellino
    • Offline
    • Mostra profilo
   (1)
    Re:Pubblicazioni francesi
    Risposta #120: Venerdì 18 Gen 2019, 14:50:52
    Altra news dal sito Bad comics, dopo "Mickey et l’Ocean Perdu" nuova collaborazione tra Silvio Camboni e Denis-Pierre Filippi, in preparazione una nuova storia dal titolo "Mickey et la terre des Anciens". Non sarà un seguito della prima storia.
    Nell'articolo anche alcuni storyboard
    https://www.badcomics.it/2019/01/glenat-silvio-camboni-al-lavoro-su-una-nuova-storia-di-topolino/232088/



    *

    Cornelius Coot
    Imperatore della Calidornia
       (1)

    • ******
    • Post: 10389
    • Mais dire Mais
      • Offline
      • Mostra profilo
       (1)
      Re:Pubblicazioni francesi
      Risposta #121: Martedì 23 Apr 2019, 15:59:24
      « Ultima modifica: Martedì 23 Apr 2019, 16:13:27 da Cornelius Coot »

      *

      Sir Top de Tops
      Ombronauta
         (2)

      • ****
      • Post: 845
      • Novellino
        • Offline
        • Mostra profilo
         (2)
        Re:Pubblicazioni francesi
        Risposta #122: Martedì 27 Ago 2019, 09:29:29
        Il 9 settembre esce in Francia per la Glènat "Super Mickey" scritto e disegnato dal fumettista belga Pieter De Poortere

        Super Mickey è una storia muta che racconta della lotta quotidiana di Super Pippo contro i cattivi. Finché un giorno non perdere le sue noccioline magiche tra gli animali di uno zoo, che iniziano a seminare il panico. Il tutto mentre Gambadilegno commette crimini impunito. Toccherà a Topolino indossare i panni del super eroe per aiutare Pippo a salvare la situazione.

        Alcune tavole in anteprima
        https://www.fumettologica.it/2019/08/super-topolino-pieter-de-poortere/

        *

        ilFumettista
        Pifferosauro Uranifago
           (1)

        • ***
        • Post: 475
        • Appassionato di storia e di mare
          • Offline
          • Mostra profilo
           (1)
          Re:Pubblicazioni francesi
          Risposta #123: Martedì 27 Ago 2019, 10:16:24
          Bei disegni... Super!
          Spero lo portino in Italia che non bisogna neanche tradurre...
          -ilFu

          *

          Topdetops
          Diabolico Vendicatore

          • ****
          • Post: 1950
          • Amante del buon fumetto.
            • Offline
            • Mostra profilo

            Re:Pubblicazioni francesi
            Risposta #124: Martedì 27 Ago 2019, 18:40:44
            Sicuramente si tratta di un esperimento molto interessante, le tavole in anteprima mi intrigano parecchio.
            La trovo una scelta molto "coraggiosa" da parte degli autori, perché fare una storia completamente muta senza cadere nel banale secondo me e' difficilissimo: si rischia di annoiare il lettore e credo che se dovesse risultare memorabile sarebbe veramente qualcosa di unico.
            « Ultima modifica: Martedì 27 Ago 2019, 20:16:45 da Topdetops »
            Appassionato di Romano Scarpa.

            *

            Sir Top de Tops
            Ombronauta
               (1)

            • ****
            • Post: 845
            • Novellino
              • Offline
              • Mostra profilo
               (1)
              Re:Pubblicazioni francesi
              Risposta #125: Mercoledì 30 Ott 2019, 09:08:50
              Ennesima uscita Glenat " Mickey Mouse: Minnie et le secret de tante Miranda"
              Per chi sà il francese:
              Sur les traces du Big Foot !Alors qu'elle cherche désespérément des idées de cadeaux de Noël pour Mickey, Clarabelle ou Pluto, Minnie reçoit une lettre de sa tante Miranda. Celle-ci lui déclare partir à la retraite sous le soleil du Mexique, après des années passées dans les neiges éternelles de l'Himalaya. Scientifique de renom, Miranda y avait prétendu démontrer l'existence du Big Foot, autrement connu sous le nom d'abominable homme des neiges ! Partant en quête des affaires mais surtout du précieux carnet de sa tante, Minnie va se retrouver, à son tour, sur la piste de la légendaire créature...Après Une mystérieuse mélodie, l'immense Cosey livre un nouvel hommage aux héros Disney de son enfance, les plongeant cette fois-ci dans l'univers qui a fait la marque de son brio graphique : la montagne enneigée. Une histoire où le charme de son dessin épuré et de ses dialogues espiègles se voile cette fois d'un vent de mystère et d'aventure.



              *

              Cornelius Coot
              Imperatore della Calidornia
                 (1)

              • ******
              • Post: 10389
              • Mais dire Mais
                • Offline
                • Mostra profilo
                 (1)
                Re:Pubblicazioni francesi
                Risposta #126: Mercoledì 30 Ott 2019, 11:09:21
                Mentre la nuova storia di Silvio Camboni per Glénat ("Mickey et la terre des Anciens", scritta da Denis-Pierre Filippi), in lavorazione per tutto il '19, dovrebbe uscire l'anno prossimo.

                https://fumetti.badtaste.it/2019/01/glenat-silvio-camboni-al-lavoro-su-una-nuova-storia-di-topolino/232088/
                https://fumetti.badtaste.it/2019/09/topolino-primo-sguardo-alla-nuova-storia-di-denis-pierre-filippi-e-silvio-camboni/263489/




                « Ultima modifica: Mercoledì 30 Ott 2019, 11:11:58 da Cornelius Coot »

                *

                Sir Top de Tops
                Ombronauta

                • ****
                • Post: 845
                • Novellino
                  • Offline
                  • Mostra profilo

                  Re:Pubblicazioni francesi
                  Risposta #127: Giovedì 31 Ott 2019, 09:23:55
                  Qui ci sono pure 13 pagine di anteprima:
                  https://www.bdgest.com/preview-2835-BD-minnie-et-le-secret-de-tante-miranda-recit-complet.html
                  Dimenticavo,il fumetto e di Cosey, evidentemente ci ha preso gusto

                  *

                  Bruce Banner
                  Pifferosauro Uranifago
                     (2)

                  • ***
                  • Post: 498
                  • Novellino
                    • Offline
                    • Mostra profilo
                     (2)
                    Re:Pubblicazioni francesi
                    Risposta #128: Sabato 16 Nov 2019, 18:48:39
                    Ogni volta che apro questo topic penso a come sia riuscita Giunti a non sfruttare queste storie.
                    Speriamo prima o poi cedano i diritti.

                    *

                    Sir Top de Tops
                    Ombronauta
                       (1)

                    • ****
                    • Post: 845
                    • Novellino
                      • Offline
                      • Mostra profilo
                       (1)
                      Re:Pubblicazioni francesi
                      Risposta #129: Martedì 9 Giu 2020, 01:12:11
                      A settembre dovrebbe uscire in Francia la nuova storia di Denis-Pierre Filippi e Silvio Camboni già citata nei post precedenti: "Mickey et la terre des Anciens" “Topolino e la terra degli Antichi”
                      Qui potete trovare parecchie pagine in anteprima
                      https://fumetti.badtaste.it/2020/06/glenat-le-immagini-in-anteprima-della-nuova-storia-di-topolino-di-filippi-e-camboni/288369/

                      *

                      rikki-tikki-tavi
                      Gran Mogol
                         (1)

                      • ***
                      • Post: 546
                      • Esordiente
                        • Offline
                        • Mostra profilo
                         (1)
                        Re:Pubblicazioni francesi
                        Risposta #130: Martedì 9 Giu 2020, 16:30:47
                        Lo sto aspettando anch'io.
                        Dopo aver preso "Mickey et l'océan perdu" non posso lasciarmi sfuggire questo!
                        Camboni è magico...un suo dipinto  era anche alla mostra di Desenzano ed era veramente splendido.

                        *

                        Sir Top de Tops
                        Ombronauta

                        • ****
                        • Post: 845
                        • Novellino
                          • Offline
                          • Mostra profilo

                          Re:Pubblicazioni francesi
                          Risposta #131: Martedì 9 Giu 2020, 23:59:41
                          Speriamo un giorno di vederli pubblicati anche in Italia  :(

                          *

                          V
                          Dittatore di Saturno
                             (1)

                          • *****
                          • Post: 3493
                          • Torino
                            • Offline
                            • Mostra profilo
                             (1)
                            Mickey et l’océan perdu di Denis-Pierre Filippi e Silvio Camboni
                            Risposta #132: Giovedì 24 Set 2020, 17:14:04
                            Recensione Mickey et l’océan perdu di Denis-Pierre Filippi e Silvio Camboni


                             Scrivere di una storia Disney inedita francese, pensata per il mercato delle librerie e delle fumetterie d’Oltralpe, vale a dire un mondo diverso da quello italiano, non è semplice. Una premessa è necessaria per poter spiegare, brevemente, le differenze tra due Paesi così vicini ma così distanti riguardo l’approccio al fumetto.

                             In estrema sintesi, generalmente l’Italia concepisce il fumetto come una lettura semplice, leggera, per un pubblico infantile e/o di adolescenti, economica e in formati editoriali spartani, con poca attenzione verso gli autori. In Francia è l’esatto opposto. La BD – la bande dessinée – è un genere ben preciso e autonomo, con spazi enormi in libreria, proposto spesso in cartonati di pregio e di ampio formato, con venerati autori messi accanto agli scrittori tradizionali, grandiosi battage pubblicitari e svariate sinergie con altri ambiti commerciali e artistici.

                             Quando nel 2016 Glénat, un importante editore francese già detentore dei diritti Disney per il circuito librario, propose alla casa americana di realizzare una serie di volumi con diversi autori grazie ai quali uscire dai soliti schemi si trattò di una vera novità. Eppure, la Disney apprezzò molto l’idea e, pur mantenendo i tradizionali e ovvi limiti – niente violenza, sesso e religione –, si dimostrò interessata a utilizzare gli standard characters in scenari insoliti, con sceneggiature e disegni maturi ed estranei allo stile disneyano. Il risultato, ad oggi, sono dodici volumi cartonati firmati da celebri autori come Loisel, Cosey, De Poortere e Tébo. Non mancano alcuni italiani già da tempo sul mercato francese, come Fabrizio Petrossi e Silvio Camboni. Proprio quest’ultimo, sui testi di Denis-Pierre Filippi, ha disegnato un nuovo volume appena uscito in Francia, sostenuto da un’imponente campagna promozionale: Mickey et la terre des anciens. Prima però, i due avevano realizzato il volume uscito nel 2018 che stiamo per recensire.

                             La coppia aveva già lavorato per tanti anni insieme, con svariate opere di loro creazione (tra cui la bella serie Le voyage extraordinaire, in corso di realizzazione e arrivata al settimo volume), per cui non appare strano vederli a lavoro su Topolino. Camboni poi, ha studiato all’Accademia Disney di Carpi nel 1988-90, lavorando in maniera continuativa per Topolino fino al 2006 e realizzando storie anche per testate come X-Mickey e MMMM. Successivamente la sua presenza sarà più sporadica, dato il suo affermarsi nel mercato francese.

                             
                            Qui comincia l’avventura…

                            Di che cosa parlano le 56 tavole di L’ocean perdu? Si tratta di un’avventura di Topolino, Minni e Pippo in un mondo alternativo, fieramente steampunk, in cui tutti sono alla ricerca di un’alga dalla forte carica energetica. Le prime tre pagine sono ricche di dialoghi pieni zeppi di termini scientifici, di dettagli tecnologici, di minuzie tecniche, in cui capiamo subito come il trio sia una squadra con un lavoro preciso. Già si vede un approccio concreto alla realtà: i personaggi sono definiti e non artefatti. La scena si sposta poi sott’acqua, e abbiamo subito un pericolo ben preciso, dovuto alla limitata autonomia del respiratore dello scafandro, mentre i dialoghi risultano serrati e genuini. La storia poi prosegue, tra navi volanti e l’inserimento di nuovi personaggi – Gambadilegno, Enigm, Plottigat – che cambiano il corso della vicenda.

                             Effettivamente, il volume si può tranquillamente dividere in due parti, prima e dopo un evento fondamentale per la storia – che qui evitiamo di rivelare. Questa idea risulta davvero vincente perché mette Topolino (e il lettore) in una situazione del tutto nuova e intrigante. Questo stacco netto è ben rappresentato da una incredibile doppia tavola in cui personaggi appaiono con lo stile grafico degli anni Trenta.

                             La storia prosegue in maniera veloce, con qualche semplificazione per sveltire la trama, ma arrivando comunque al punto. Il trio è ben rappresentato, con una Minni prudente e saggia e un Pippo acuto e spiritoso, ma mai demenziale. Il finale coinvolge l’oceano perduto del titolo, e risulta decisamente emozionante.

                             Se Filippi scrive dialoghi veri e concreti, Camboni realizza paesaggi maestosi, in cui i dettagli – molteplici – non risultano mai invasivi. Le doppie tavole in cui si inseriscono le vignette, i panorami lussureggianti di vegetazione, i layout ariosi e movimentati, non coprono mai i personaggi, che restano sempre ben definiti, a partire dagli abiti steampunk – bombette, occhiali con tre lenti e via dicendo. I colori di Jessica Bodart e di Gaspard Yvan valorizzano il disegno, con una palette cromatica che esalta i ghiacci del polo e il verde della giungla.

                             In definitiva, si tratta
                            di una storia più che valida, matura ed emozionante, con un colpo di scena
                            inaspettato e davvero interessante. L’unico limite sta nelle numerose
                            potenzialità nascoste: non tutto viene spiegato di questo mondo, e le tavole
                            risultano strette. Il volume è decisamente autoconclusivo e funziona
                            perfettamente, ma non nascondiamo il fatto che ci piacerebbe conoscere di più.

                             Paragrafo a parte riguardo alla confezione editoriale. Si tratta di un volume lussuoso e raffinato, di grande formato (24 x 32 cm), la costa telata e la copertina con colori in rilevo. La carta utilizzata è di alta grammatura, ruvida. Il rapporto qualità/prezzo è eccellente, per un prodotto di qualità decisamente maggiore rispetto alle nostrane Deluxe o ai Fuoriserie (che al confronto risultano cartonati piuttosto miseri). Il consiglio, per chi sappia un po’ di francese, è di recuperare al più presto questa perla.

                             


                            Voto del recensore: 5/5
                            Per accedere alla pagina originale della recensione e mettere il tuo voto:
                            http://www.papersera.net/wp/2020/09/24/mickey-et-locean-perdu-di-denis-pierre-filippi-e-silvio-camboni/
                            Quando hai capito che è tutto uno scherzo, essere Il Comico è l'unica cosa sensata.
                            Watchmen, Alan Moore and Dave Gibbons

                            Disney Compendium Don Rosa: http://www.ilsollazzo.com/c/disney/lista/fumetti-donrosa

                            Il mio mercatino: http://www.papersera.net/forum/index.php/topic,6635.0.html

                            *

                            Atius
                            Pifferosauro Uranifago
                               (1)

                            • ***
                            • Post: 425
                            • "Dentro spazzatura!" "Fuori iettatura"
                              • Offline
                              • Mostra profilo
                               (1)
                              Re:Pubblicazioni francesi
                              Risposta #133: Giovedì 24 Set 2020, 17:27:49
                              Mi pento improvvisamente di non aver studiato il francese ;D
                              O Patria, mia solleva il capo affranto / Sorridi ancora, o bella tra le belle / o madre delle madri asciuga il pianto! / Il ciel per te s'accenda di fiammelle / Splendenti a rischiarar ancor la via / Sì che tu possa riveder le stelle! / Dio ti protegga Italia, così sia.

                              *

                              rikki-tikki-tavi
                              Gran Mogol
                                 (1)

                              • ***
                              • Post: 546
                              • Esordiente
                                • Offline
                                • Mostra profilo
                                 (1)
                                Re:Pubblicazioni francesi
                                Risposta #134: Giovedì 24 Set 2020, 18:43:28
                                Mi pento improvvisamente di non aver studiato il francese ;D
                                Io invece così lo ripasso volentieri...
                                Ma anche se non capite il francese potete ugualmente prendere il volume, non fatevelo scappare, Camboni è magico e la storia è veramente interessante. Certo fa un po' effetto vedere un Pippo lontano dal suo solito ruolo di imbranato e smemorato.
                                Ho già in programma di prendere anche l' altro volume, di cui ho visto alcune tavole strepitose, Mickey et la terre des Anciens.

                                 

                                Dati personali, cookies e GDPR

                                Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                                Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                                Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.