Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
In edicola
4 | |
4 | |
4 | |
4 | |
3 | |
4 | |
4 | |
3 | |
3 | |
4 | |
3 | |
3 | |

Riprendere testate chiuse da dove si erano interrotte

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

    Re:Riprendere testate chiuse da dove si erano interrotte
    Risposta #30: Martedì 7 Nov 2017, 10:16:58
    Ma così impedisci ai lettori più giovani di poter diventare collezionisti a loro volta.
    E se invece li stimolasse a diventarlo, dovendo andare alla ricerca dei numeri precedenti?

    Hai dei dati sulle vendite del n. 1 dei GC nuova serie?
    infatti........a me questa storia che ripartono da 1 non piace....ed infatti non li prendo.......fosse una continuazione sarebbe diverso per i vecchi collezionisti e probabilmente anche per i nuovi che cercherebbero quelli passati....
    Ok che loro vogliono vendere......e non creare giro su materiale che non stampano.....ma se non esistono collezionisti....secondo me esisterano in futuro anche pochi lettori.....spero ci arrivino
    Ma voi date per scontato il "ricercare i vecchi numeri". Prendo per esempio Zio Paperone, se domani dovesse ripartire dal 217 potrei anche farci un pensierino, ma di certo non mi sognerei mai di andare a recuperare i 216 numeri precedenti. Sia per lo sbattimento, ma anche perché molti di essi sono esauriti ovunque. Si potrebbe fare una ristampa, ma in questo modo ti giochi chi aveva già comprato la precedente serie. E allora fai una serie nuova, con contenuti nuovi (si spera validi) e i collezionisti come te la serie nuova la comprano, almeno la maggior parte.
    La storia dei numeri 1 non piace a molti, ma evidentemente è piaciuta ai più visto che sta andando avanti. Purtroppo la Panini deve pensare anche agli introiti, mica fa fumetti per passione.

    Restando in tema Disney, la testata Walt Disney's Comics and Stories, più volte interrotta e ripresa da diversi editori, ha sempre proseguito nella stessa numerazione progressiva senza mai ripartire da 1. Questo per dire che certe cose sono molto più possibili di quanto possano sembrare. Certo una casa editrice non ha interesse a incoraggiare la ricerca di pubblicazioni edite in passato, ma nel caso dei Maestri Disney questo si potrebbe risolvere con una ristampa ad hoc acquistabile a parte. In generale, il prestigio di una testata è dato anche dalla sua longevità, e le ripartenze dal numero 1 non lo aumentano certo, oltre a portare vantaggi commerciali tutti da verificare.
    Parliamo degli USA però, dove il mercato dei fumetti Disney è profondamente diverso dal nostro. Sarebbe come chiedere, qui in Italia, di rinumerare da 1 Tex o Diabolik (o Topolino).
    WDC&S è la serie di punta negli States e comunque è rimasta chiusa per un periodo, ma i fumetti che la fanno da padrona negli USA sono ben altri, i vari Spider-Man, Bat-Man, e tutti sono frequenti a rinumerazioni. E sulle pubblicazioni che importiamo da loro stiamo "ereditando" questa usanza, l'esempio che ho riportato prima diei GC è il primo caso che ricordi di una tale "contaminazione".

    *

    Max
    Cugino di Alf

    • ****
    • Post: 1084
    • Appassionato Disney
      • Offline
      • Mostra profilo

      Re:Riprendere testate chiuse da dove si erano interrotte
      Risposta #31: Martedì 7 Nov 2017, 12:53:01
      In realtà, come detto sopra, che I Grandi Classici e Paperinik abbiano tratto giovamento dalla ripartenza da 1 è tutto da dimostrare. Quello che è certo è che abbiano perso qualcosa dall'interruzione di una continuità pluridecennale, anche a livello collezionistico oltre che di prestigio. Proporre nuove serie valide? Ben venga, ma per il momento, non mi pare che ci si sia riusciti più di tanto: un pullulare di testate precarie e dall'indirizzo editoriale non chiaro non è sicuramente il massimo. Tesori Made in Italy mi sembra la testata più curata e quella che promette meglio, ma è pur vero che la bassa tiratura e il prezzo non proprio popolare ne fanno un prodotto un po' di nicchia. Auspicherei, perciò, meno testate e maggiori certezze. Zio Paperone aveva già pubblicato tutto Barks e Rosa e mi sembrerebbe irrealistico farlo ripartire solo con storie di altri autori; nel caso andrebbe seguita una politica simile a quella dell' omologo francese Picsou Magazine, che ristampa ciclicamente le loro storie insieme ad altre inedite. I Maestri Disney, invece, potrebbe continuare praticamente all'infinito senza ripetersi: non so come la pensate voi, ma a me il logo della testata piaceva moltissimo, specialmente nel contesto grafico delle copertine della prima serie, e mi sembra ancora valido, ben più di quello dei Tesori attuali. Inoltre la non eccessiva foliazione (130 pagine) consentirebbe di contenere anche i costi: meno testate e più diffuse, quindi.

        Re:Riprendere testate chiuse da dove si erano interrotte
        Risposta #32: Martedì 7 Nov 2017, 13:20:47
        In realtà, come detto sopra, che I Grandi Classici e Paperinik abbiano tratto giovamento dalla ripartenza da 1 è tutto da dimostrare. Quello che è certo è che abbiano perso qualcosa dall'interruzione di una continuità pluridecennale, anche a livello collezionistico oltre che di prestigio. Proporre nuove serie valide? Ben venga, ma per il momento, non mi pare che ci si sia riusciti più di tanto: un pullulare di testate precarie e dall'indirizzo editoriale non chiaro non è sicuramente il massimo. Tesori Made in Italy mi sembra la testata più curata e quella che promette meglio, ma è pur vero che la bassa tiratura e il prezzo non proprio popolare ne fanno un prodotto un po' di nicchia. Auspicherei, perciò, meno testate e maggiori certezze. Zio Paperone aveva già pubblicato tutto Barks e Rosa e mi sembrerebbe irrealistico farlo ripartire solo con storie di altri autori; nel caso andrebbe seguita una politica simile a quella dell' omologo francese Picsou Magazine, che ristampa ciclicamente le loro storie insieme ad altre inedite. I Maestri Disney, invece, potrebbe continuare praticamente all'infinito senza ripetersi: non so come la pensate voi, ma a me il logo della testata piaceva moltissimo, specialmente nel contesto grafico delle copertine della prima serie, e mi sembra ancora valido, ben più di quello dei Tesori attuali. Inoltre la non eccessiva foliazione (130 pagine) consentirebbe di contenere anche i costi: meno testate e più diffuse, quindi.
        Completamente d'accordo....
        Baterebbero poche testate..... curate e che non spariscono in 3-4 anni.......
        Zio Paperone se ci fosse un seguito 217.......credo che tanti andrebbero in cerca dei restanti 216 dopo che magari hanno dal 217 al 350........ovviamente ci vuole il suo tempo........ma collezioni che ripartono sempre dal N1 non porteran da nessuna parte in futuro

          Re:Riprendere testate chiuse da dove si erano interrotte
          Risposta #33: Martedì 7 Nov 2017, 15:00:03
          Mi è venuta voglia di prendere parte a questa discussione per poter dire la mia sull'argomento.
          Il riprendere le testate da dove erano state lasciate o chiuse può essere una buona idea.
          Ma, come per tutte le cose, non vale per ogni singolo caso.
          Ci sono testate che hanno fatto il loro corso storico, hanno fatto fede al proprio compito e quindi, anche in modo naturale, sono terminate. È ovvio che tutti desideriamo una nuova proposizione del fumetto Zio Paperone, soprattutto per la cura e la maestria con le quali era redatto. Ma siamo sicuri che avrebbe davvero senso questa nuova uscita ?
          Di storie dello zione, o dei paperi in generale, ce ne sono tantissime non inserite nei 216 numeri che compongono la serie. E tante altre sono state pubblicate in seguito alla chiusura della testata e quindi sarebbero idonee ad un inserimento nella stessa.
          Ma la domanda che mi pongo, e che vi pongo, è se sia proprio necessario andare a toccare una testata così importante col rischio magari di "snaturarla" e privarla di quel magico alone di magia che ha agli occhi di tanti affezionati.
          Siamo sicuri che la Panini saprebbe dare la giusta direzione editoriale a questa testata ? O farebbe solo danni ?
          A questo punto io preferirei "non toccare" una serie così prestigiosa ma aprirne una parallela. Ma fatta bene, con la stessa cura che contraddistingueva quella su Zio Paperone.
          Sull'aspetto di far ripartire le serie da 1 sono molto dubbioso sulla reale valenza dell'iniziativa.
          Quando si fa partire la serie dei Grandi Classici da 1 penso sia molto improbabile che un nuovo lettore o collezionista si vada a recuperare i numeri della vecchia serie. Proprio perché dando un taglio così netto si crea una frattura tra la serie passata e quella attuale, producendo così due serie distinte e separate. Aggiungiamoci poi il rischio di doppioni e riproposizioni di storie all'interno delle due serie e la frittata è fatta!
          Infine bisogna dire che non sempre il proseguire un numero seriale ha dato giovamento ad una testata.
          Prendiamo il caso dell'Almanacco Topolino.
          I primi 300 numeri sono quelli che più si avvicinano ad una testata "perfetta". Tanta cura editoriale, giusta varietà tra storie italiane e straniere, storie inedite create appositamente per questa testata (alcune di esse mai o quasi mai ristampate su altre testate Disney), rubriche interessanti nelle quali si spiegava ai ragazzi tutto ciò che li circondava (la natura, gli animali, le città italiane, ecc..)
          Si è continuato poi, cambiando veste grafica, fino al 330 circa ma con risultati nettamente inferiori in termini di qualità.
          Poi si è pensato di cambiare nome in Mega Almanacco e via discorrendo (Mega 2000, 3000, Mega soltanto). Ma queste testate che dovevano proseguire il cammino dell'Almanacco Topolino (visto che ne continuavano il numero seriale) erano quanto di più lontano ci fosse dalla testata originale.
          Insomma io non sarei né pienamente favorevole, né contrario a riaprire vecchie serie chiuse da dove si erano fermate. La discriminante che farebbe pendere il mio giudizio sarebbe il modo in cui riproporle, la cura con cui ripresentarle ad un pubblico differente, la voglia che ci si metterebbe nel confezionare una testata di valore che interessi sia il normale lettore occasionale che il collezionista più esigente.
          Io sono un cattivo... e questo è bello! Io non sarò mai un buono e questo non è brutto! Io non vorrei essere nessun altro... a parte me.

          *

          alec
          Dittatore di Saturno
             (2)

          • *****
          • Post: 3884
          • Novellino
            • Offline
            • Mostra profilo
             (2)
            Re:Riprendere testate chiuse da dove si erano interrotte
            Risposta #34: Giovedì 21 Dic 2017, 23:07:20
            Sciagurata l'idea di interrompere la Legendary X-Mickey al volume 10. Mi sarei aspettato la ristampa completa, visto che per "Wizards of Mickey" ( la peggior saga Fantasy della Disney ) ci si è spinti sino a pubblicare l'opera omnia. Spero riprendano presto le vicende di Manny, Pipwolf & Co. Detesto laciare le cose a metà, o poco più...

            *

            Ci-cioh
            Sceriffo di Valmitraglia

            • ***
            • Post: 307
            • lupo dei fumetti
              • Offline
              • Mostra profilo

              Re:Riprendere testate chiuse da dove si erano interrotte
              Risposta #35: Martedì 23 Gen 2018, 08:25:06
              Il problema come hanno detto anche altri, è che non si vuole prendere materiale inedito dall'estero ( e ce ne sarebbe un sacco anche anni 50 -60 ,penso ad esempio a Pete Alvarado ecc.) .Perciò come stiamo vedendo sommergono le edicole di ristampe delle quali personalmente mi sto stancando. All'estero non sanno che farsene di tutte quelle vecchie storie, ma qui in Italia farebbero furore coi tempi che corrono. Ve lo immaginate un volumone mensile di 500 pagine tutte inedite dal mondo? Altro che Deluxe ,Super ecc.

              *

              Max
              Cugino di Alf

              • ****
              • Post: 1084
              • Appassionato Disney
                • Offline
                • Mostra profilo

                Re:Riprendere testate chiuse da dove si erano interrotte
                Risposta #36: Martedì 23 Gen 2018, 13:31:10
                Ve lo immaginate un volumone mensile di 500 pagine tutte inedite dal mondo? Altro che Deluxe ,Super ecc.

                Non pensare che venderebbe più di un Big.

                *

                TubaMascherata21
                Papero del Mistero
                   (1)

                • **
                • Post: 204
                • Paperoniano convinto
                  • Offline
                  • Mostra profilo
                   (1)
                  Re:Riprendere testate chiuse da dove si erano interrotte
                  Risposta #37: Mercoledì 24 Gen 2018, 00:27:12
                  Da modesto appassionato quale sono, provo ad esprimere la mia idea in merito. Il fatto di riprendere di punto in bianco la numerazione da 1 in una testata in fieri lo trovo poco lungimirante, specie se si tratta di testate "di nicchia", quali si potrebbero definire i due Tesori e anche - perché no - lo stesso Uack. Non essendo appunto testate "a grande fruizione" la numerazione azzerata causa disaffezione nel collezionista, a mio parere. Questo tralasciando inoltre i vari cambi di veste grafica e concettuale in fieri (Uack docet). In sostanza, un successo di breve durata ma una disaffezione del collezionista/acquirente costante.
                  Per quanto riguarda serie passate, continuare la numerazione da dove è stata interrotta potrebbe avere effetti buoni (invogliare a continuare gli aficionados) o meno buoni (invogliare poco chi dovesse iniziare da zero), ma sarebbe in ogni caso un'opzione da prendere in considerazione.
                  Auspicherei, perciò, meno testate e maggiori certezze.
                  Pienamente d'accordo con Max su questo punto. Alla peggio si potrebbe eventualmente fare una ristampa di alcune serie che ormai circolano molto poco (vedi Maestri o anche le omnia, che credo diventerebbero così più accessibili ai neofiti). Ad esempio l'anastatica dei Gialli di Topolino mi ha permesso di completare la raccolta iniziata all'epoca (avrebbero però potuto mantenere anche il carattere e la colorazione della costa, eh :()
                  « Ultima modifica: Mercoledì 24 Gen 2018, 00:31:28 da TubaMascherata21 »
                  La mia collezione INDUCKS

                    Re:Riprendere testate chiuse da dove si erano interrotte
                    Risposta #38: Sabato 3 Feb 2018, 12:11:28
                    Il fatto di riprendere di punto in bianco la numerazione da 1 in una testata in fieri lo trovo poco lungimirante, specie se si tratta di testate "di nicchia", quali si potrebbero definire i due Tesori e anche - perché no - lo stesso Uack. Non essendo appunto testate "a grande fruizione" la numerazione azzerata causa disaffezione nel collezionista, a mio parere. Questo tralasciando inoltre i vari cambi di veste grafica e concettuale in fieri (Uack docet). In sostanza, un successo di breve durata ma una disaffezione del collezionista/acquirente costante.
                    E' una tendenza che la Panini sta sempre più spesso adottando per tentare di risollevare le sorti editoriali di testate che, per X motivi, probabilmente non raggiungono i risultati desiderati in termini di vendite.

                    Il problema è però - come giustamente sottolinei tu - che si tratta di soluzioni meramente transitorie che alla lunga provocano disaffezione e diffidenza, che dunque nel lungo periodo non pagano. Questa è una delle critiche che maggiormente rivolgo alla Panini in ambito Disney, ossia quella di non cercare la fidelizzazione della clientela, preferendo l'uovo di oggi alla possibile gallina di domani.

                    Riazzerando una testata magari qualche lettore titbante potrebb anche essere indotto a seguirla, però prima o poi si renderà conto che la data testata non era affatto nuova ma, trattandosi della prosecuzione della precedente, quasi sicuramente non proporrà i contenuti già pubblicati in precedenza, dunque l'illusione di iniziare un qualcosa di nuovo si rivela fallace.

                    Chiaro, ovviamente, che il discorso ha più senso nel caso di testate rivolte ad un pubblico di collezionisti o comunque più attento al prodotto e meno incline all'acquisto d'impulso.
                    Tritumbani fritti!

                    *

                    TubaMascherata21
                    Papero del Mistero

                    • **
                    • Post: 204
                    • Paperoniano convinto
                      • Offline
                      • Mostra profilo

                      Re:Riprendere testate chiuse da dove si erano interrotte
                      Risposta #39: Sabato 3 Feb 2018, 14:51:30
                      Sono completamente d'accordo con te Gancio. Anche perché nulla esclude che fra una quindicina di numeri Panini non ripensi tutto da capo e compia un'altro "colpo di mano”, cambiando ancora volto alla rivista. Se riuscisse a portare seriamente a termine l'intenzione di pubblicare l'omnia barksiana sarebbe senz'altro lodevole, ma - come accennava anche Cornelius - ci vorrebbero una trentina e passa di numeri. A questo punto, a scanso di equivoci, credo che il collezionista medio magari si orienterà a recuperare l'omnia uscita con il Corriere, anche perché si riesce a trovare a prezzi non esorbitanti (basti fare il confronto con quella di Scarpa). Che dire, una politica discutibile applicata nel campo sbagliato (rivista per collezionisti).
                      Se dovessimo passare a testate a fruizione più ampia il discorso acquista chiaramente un'importanza relativa. Certo è che, comunque, anche queste riviste rischiano di perdere parte de loro bacino di lettori, se non riescono a mantenere gli obiettivi posti in partenza (vedi i tagli al Mega Almanacco).
                      La mia collezione INDUCKS

                      *

                      Max
                      Cugino di Alf

                      • ****
                      • Post: 1084
                      • Appassionato Disney
                        • Offline
                        • Mostra profilo

                        Re:Riprendere testate chiuse da dove si erano interrotte
                        Risposta #40: Domenica 26 Ago 2018, 14:04:09
                        Le recenti chiusure di varie testate fanno tornare, credo, d'attualità questa discussione. Le varie testate nuove e ripartenze da 1 non hanno pagato (I Grandi Classici in particolare non posso credere che vendano di più rispetto alla vecchia serie conclusa con il 350) e, magari, riprendere da dove ci si era fermati con una testata storica e prestigiosa potrebbe essere l'ideale in un periodo come questo. Chiaramente anche i contenuti dovrebbero essere all'altezza.

                          Re:Riprendere testate chiuse da dove si erano interrotte
                          Risposta #41: Sabato 6 Ott 2018, 18:29:08
                          queste continue chiusure e riaperture,stanno distruggendo i collezionismo,poche storie,in piu' non creano neanche nuovo pubblico.
                          serve un po' di pubblicita',non si puo' solo cambiar direttori,chiudere e riaprire testate per far crescere interesse oppure aumentare i prezzi.

                           

                          Dati personali, cookies e GDPR

                          Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                          Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                          Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.