Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
In edicola
3 | |
2 | |
3 | |
4 | |
4 | |
3 | |
4 | |
3 | |
4 | |
3 | |
5 | |
3 | |
Uack! 35 - Vita da Paperi 1 - Recensione di scrooge4

Secondo giro di boa per la collana edita da Panini che, dall'aprile 2014, sta riportando in edicola le storie di Carl Barks. Dopo un cambio netto tra la prima e la seconda serie con la fine della pubblicazione delle storie tratte dalla collana Uncle $crooge, per approcciarsi a Walt Disney's Comics and Stories in modalità cronologica e agli albi one-shot della serie Four Color in modalità antologica, Vita da Paperi prosegue in versione ridotta quanto visto in Paperopoli. Eliminate, come era prevedibile, le storie di Don Rosa, autore al quale la Panini sta riservando un'ottima collana cronologica mensile, vengono ridotte in maniera sensibile la foliazione e lo spazio riservato agli articoli di approfondimento. Siamo così a constatare come purtroppo anche questa collana (come già avvenuto in questi mesi per le altre pubblicazioni di maggior prestigio dell'editore) subisca un sostanziale ridimensionamento, pur mantenendo inalterato il prezzo di copertina.
Fatte queste dovute premesse è comunque impossibile non evidenziare come si sia di fronte ad un albo davvero imperdibile per i fan dell'Uomo dei Paperi. Addirittura imprescindibile per coloro che non abbiano mai avuto modo di leggere Paperino e il segreto del vecchio castello, certamente tra i più noti e apprezzati lavori dell'artista dell'Oregon. Seconda avventura con Paperon de' Paperoni, la storia è in realtà la prima a presentarci lo zione in veste di protagonista attivo, alla ricerca di un tesoro di famiglia celato da secoli nell'antica dimora di famiglia: un'avventura emozionante, a tratti inquietante che non mancherà di sorprendere soprattutto i giovani lettori ormai assuefatti a tonalità e registri del fumetto Disney contemporaneo lontanissimi dall'intensità di questi capolavori senza tempo. Oltre ad un portfolio finale che approfondisce, tra le altre cose, i quadri a olio dell'autore ispirati alla storia, l'albo contiene tutte le tavole autoconclusive tratte da Four Color 189 del giugno 1948: due delle quali mai riproposte (e quindi ricolorate e ritradotte) nella cosiddetta "serie bianca" di Zio Paperone e pertanto qui ripubblicate nella vecchia versione Mondadori di fine anni '80.
La cronologia di Walt Disney's Comics and Stories prosegue con Paperino e il ladro fantasma e Paperino e il picchio dai numeri 56 e 57 del 1945, dai quali sono tratte anche due sunday pages rimontate e una tavola autoconclusiva disegnate da Al Taliaferro.
Infine, oltre alla seconda versione di Le Giovani Marmotte e il Colossosaurus Paperopolensis, trova qui spazio anche una breve inedita scritta e disegnata da Daan Jippes nel 2010: Zio Paperone, invulnerabile quanto basta, che presenta uno zione oniricamente alle prese di un tracollo monetario causato dall'incontrollato diffondersi di fake news finanziarie.

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (20)
Esegui il login per votare

Uack! 35 - Vita da Paperi 1

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Ci-cioh
Sceriffo di Valmitraglia

  • ***
  • Post: 305
  • lupo dei fumetti
    • Offline
    • Mostra profilo

    Re:Uack! 35 - Vita da Paperi 1
    Risposta #15: Domenica 4 Feb 2018, 16:35:00
    A me piace questa nuova versione,perché mi è parsa più leggibile e meglio impostata della precedente. Devono a mio avviso puntare di più sulle storie inedite, troppo scarsa la solita "4 paginette " di Jippes. E poi qualche gadget, qualche cartolina collezionabile non guasterebbero certo,credo io, perché in questo senso è da fine anni 90 che siamo in penuria. (A parte la solita robaccia di plastica costosa e poco maneggevole)

    *

    Max
    Cugino di Alf

    • ****
    • Post: 1054
    • Appassionato Disney
      • Offline
      • Mostra profilo

      Re:Uack! 35 - Vita da Paperi 1
      Risposta #16: Domenica 4 Feb 2018, 18:12:46

      Noi siamo i fruitori di questi prodotti, li paghiamo, vorremmo qualcosa e ci tocca talvolta accontentarci di qualcosa di meno a un prezzo che non ci convince, è corretto lamentarsi.

      Panini è una multinazionale che ha una divisione specializzata nel fumetto, non possono pretendere di pubblicare una collana su Barks e attirare decine di migliaia di lettori, è evidente a noi che non vendiamo fumetti ma che li compriamo che la terza serie dedicata a Barks non può essere di richiamo per il pubblico generalista del fumetto, perché loro non l'hanno capito dopo due tentativi falliti?
      Ora stanno facendo lo stesso errore con Tesori International.

      Non siamo noi lettori a dover dire agli editori cosa fare, noi paghiamo per quello che vogliamo acquistare se ci piace, ma se non ci convince appieno abbiamo tutto il diritto di criticare con educazione.

      Il diritto di lamentarsi è sacrosanto, e ci mancherebbe. Non volevo metterlo in dubbio, ma semplicemente far notare che criticare delle scelte altrui senza indicare una personale, per quanto ipotetica, alternativa, non ha molto senso. È evidente come la Panini abbia capito ben presto che la prima versione non andasse (come pure il nome della testata e, aggiungo, le copertine realizzate con particolari ingranditi di vignette) date le vendite contenute. Quindi ha modificato i contenuti; non essendo stato utile, ha effettuato un taglio dei costi (foliazione) per poter consentire alla testata di proseguire, unitamente a un cambio di grafica, fermo restando che lo spettro della chiusura è abbastanza vicino. Comprendo perfettamente il dispiacere per il minor numero di pagine ed il cambio di testata e numerazione (le scelte fatte non sono piaciute nemmeno a me) ma tu - se fosse dipeso da te - cosa avresti fatto, al numero 24 e ora? L'errore riguardo il nome della testata e le immagini di copertina era già stato fatto (per quanto non credo sia stato poi così determinante) per cui come ovviare? Io soluzioni diverse non sono riuscito a immaginarle, se tu le hai ben venga!
      « Ultima modifica: Domenica 4 Feb 2018, 18:15:30 da Max »

      *

      Bladestarr
      Giovane Marmotta
         (1)

      • **
      • Post: 159
        • Offline
        • Mostra profilo
         (1)
        Re:Uack! 35 - Vita da Paperi 1
        Risposta #17: Domenica 4 Feb 2018, 19:43:37

        Noi siamo i fruitori di questi prodotti, li paghiamo, vorremmo qualcosa e ci tocca talvolta accontentarci di qualcosa di meno a un prezzo che non ci convince, è corretto lamentarsi.

        Panini è una multinazionale che ha una divisione specializzata nel fumetto, non possono pretendere di pubblicare una collana su Barks e attirare decine di migliaia di lettori, è evidente a noi che non vendiamo fumetti ma che li compriamo che la terza serie dedicata a Barks non può essere di richiamo per il pubblico generalista del fumetto, perché loro non l'hanno capito dopo due tentativi falliti?
        Ora stanno facendo lo stesso errore con Tesori International.

        Non siamo noi lettori a dover dire agli editori cosa fare, noi paghiamo per quello che vogliamo acquistare se ci piace, ma se non ci convince appieno abbiamo tutto il diritto di criticare con educazione.

        Il diritto di lamentarsi è sacrosanto, e ci mancherebbe. Non volevo metterlo in dubbio, ma semplicemente far notare che criticare delle scelte altrui senza indicare una personale, per quanto ipotetica, alternativa, non ha molto senso. È evidente come la Panini abbia capito ben presto che la prima versione non andasse (come pure il nome della testata e, aggiungo, le copertine realizzate con particolari ingranditi di vignette) date le vendite contenute. Quindi ha modificato i contenuti; non essendo stato utile, ha effettuato un taglio dei costi (foliazione) per poter consentire alla testata di proseguire, unitamente a un cambio di grafica, fermo restando che lo spettro della chiusura è abbastanza vicino. Comprendo perfettamente il dispiacere per il minor numero di pagine ed il cambio di testata e numerazione (le scelte fatte non sono piaciute nemmeno a me) ma tu - se fosse dipeso da te - cosa avresti fatto, al numero 24 e ora? L'errore riguardo il nome della testata e le immagini di copertina era già stato fatto (per quanto non credo sia stato poi così determinante) per cui come ovviare? Io soluzioni diverse non sono riuscito a immaginarle, se tu le hai ben venga!

        A me, personalmente e da aspirante collezionista dell'opera barksiana, Uack! andava benissimo così com'era dall'inizio.
        Io credo che Panini avrebbe dovuto avere bene in mente che quel tipo di prodotto così come era stato concepito era estremamente di nicchia, ed eventualmente portarlo alla bimestralità fin da subito.

        Io per renderlo più diffuso lo avrei dotato di copertine più accattivanti, avrei optato per un maggior raccordo tra le storie ospitate, lo avrei intitolato diversamente e avrei risparmiato sui redazionali, oppure come detto in precedenza avrei optato per una riedizione della splendida testata Zio Paperone.

        Ormai il danno è fatto, la testata non andrà meglio con questa operazione, forse si risolleverà per qualche numero anche se non so quante persone saranno attratte da un titolo del genere e da una copertina come quella del primo numero che francamente non si fa certo notare per concetto ed estetica.

        Io tengo duro, ma ormai ho ben poche speranze, se a suo tempo avessi preso la GDDP...  :'(

        *

        TubaMascherata21
        Papero del Mistero
           (1)

        • **
        • Post: 204
        • Paperoniano convinto
          • Offline
          • Mostra profilo
           (1)
          Re:Uack! 35 - Vita da Paperi 1
          Risposta #18: Lunedì 5 Feb 2018, 15:47:51
          Mi vedo costretto a concordare con Bladestarr. Il nuovo rimaneggiamento dubito porterà ad un aumento delle vendite della testata, quindi lo spettro della chiusura resta a pendere come spada di Damocle sulle sorti del periodico (e questo, giocoforza, influisce anche sui contenuti). L'idea di partenza era senz'altro buona, avrebbe permesso a chi non aveva acquistato/completato la GDDP a suo tempo di avere in mano un'omnia di Barks. Proprio perché l'idea era accattivamente l'ho sempre seguita anch'io, almeno fino all'ultimo numero di Paperopoli. Dopo questo secondo rimaneggiamento ho deciso, mio malgrado, di lasciare la testata e cercare di recuperare la GDDP.
          Vero è che la testata partiva già come prodotto di nicchia, quindi un'uscita bimestrale fin da subito forse avrebbe giovato. Altresì vero che, se la testata è indirizzata principalmente ai collezionisti, l'impianto grafico non va proprio. Basterebbe un rapido confronto con Zio Paperone per capirlo. A questo punto, piuttosto che mandare avanti una testata con rimaneggiamenti continui, io la chiuderei qui. Sarebbe senz'altro una mossa onorevole (e credo che succederà a breve, poiché Panini dovrà inevitabilmente ridurre la varietà delle testate).
          La mia collezione INDUCKS

          *

          Gancio
          Dittatore di Saturno
             (1)

          • *****
          • Post: 3143
            • Offline
            • Mostra profilo
             (1)
            Re:Uack! 35 - Vita da Paperi 1
            Risposta #19: Lunedì 5 Feb 2018, 18:59:45
            Ci sarebbe da chiedersi come si sia potuto fallire così platealmente pur raccogliendo l'eredità di una testata "storica" come Zio Paperone...
            Tritumbani fritti!

            *

            TubaMascherata21
            Papero del Mistero

            • **
            • Post: 204
            • Paperoniano convinto
              • Offline
              • Mostra profilo

              Re:Uack! 35 - Vita da Paperi 1
              Risposta #20: Lunedì 5 Feb 2018, 20:12:13
              Ci sarebbe da chiedersi come si sia potuto fallire così platealmente pur raccogliendo l'eredità di una testata "storica" come Zio Paperone...

              Questa sarebbe senz'altro una domanda obbligata. Forse - ed è duro ammetterlo - Zio Paperone era una rivista curata in modo diverso, da un punto di vista diverso, con un obiettivo diverso ed un team diverso...
              La mia collezione INDUCKS

              *

              Cornelius Coot
              Sapiente Ciminiano
                 (2)

              • ******
              • Post: 9816
              • Mais dire Mais
                • Offline
                • Mostra profilo
                 (2)
                Re:Uack! 35 - Vita da Paperi 1
                Risposta #21: Lunedì 5 Feb 2018, 20:41:38
                Ho pochissimi numeri di questa testata una e trina avendo già tutto lo ZP (oltre alla GDP). Però, da quel poco che ho visto e letto, ho avuto impressioni positive: mi pare si siano seguite le collane americane degli anni 40/50/60 con tanto di copertine originali e pagine interne redazionali dell'epoca, oltre a nuovi redazionali di Boschi e Beccatini riguardanti tematiche specifiche (soprattutto durante il periodo 'Paperopoli'), qualche chicca riguardante disegni o bozze mai pubblicate prima. A Barks si sono voluti subito affiancare i suoi epigoni, al contrario di quanto fece ZP che solo dalla serie bianca cominciò a guardare oltre il Maestro dell'Oregon, avendo terminato la sua omnia. Tutto ciò ha prolungato la copertura di tutta l'opera barksiana che necessiterebbe di almeno altri 20/30 numeri di questo nuovo 'Vita da Paperi' (mantenendo la caratteristica di portare avanti più autori).

                Spero che la Panini ci riesca, soprattutto per quei lettori digiuni di Barks che, non avendo ZP e GDP, pensavano di arrivare comunque ad un omnia dell'autore, sebbene piuttosto articolata e irregolare: titoli diversi, numerazione varia che dopo 34 numeri riparte da 1, linea cronologica non rispettata in quanto c'è stata una divisione per testate - Uncle Scrooge, Donald Duck, Four Colors, WDCS - per cui, dopo averne finita una arrivata ai '60, si è ricominciato con un'altra dai '40 (non vorrei sbagliarmi ma mi pare sia così).
                Come si dice, "il fine giustifica i mezzi" e se lo scopo è coprire tutto Barks, se al termine dell'operazione ci si riuscirà si perdoneranno alla Panini dei 'mezzi' che stanno rendendo perplessi tutti quelli che seguono questa testata una e trina.
                « Ultima modifica: Martedì 6 Feb 2018, 00:03:01 da Cornelius Coot »

                *

                Andrea87
                Uomo Nuvola

                • ******
                • Post: 6564
                • Il terrore di Malachia!
                  • Offline
                  • Mostra profilo

                  Re:Uack! 35 - Vita da Paperi 1
                  Risposta #22: Lunedì 5 Feb 2018, 22:38:04
                  Ci sarebbe da chiedersi come si sia potuto fallire così platealmente pur raccogliendo l'eredità di una testata "storica" come Zio Paperone...

                  Questa sarebbe senz'altro una domanda obbligata. Forse - ed è duro ammetterlo - Zio Paperone era una rivista curata in modo diverso, da un punto di vista diverso, con un obiettivo diverso ed un team diverso...


                  Più semplicemente, all'epoca era l'unico modo per avere un'integrale di Barks e quindi si inserivano in un territorio vergine
                  Nel tempo dell'inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario (G. Orwell)

                  *

                  Kim Don-Ling
                  Diabolico Vendicatore
                  Moderatore

                  • ****
                  • Post: 1495
                    • Offline
                    • Mostra profilo

                    Re:Uack! 35 - Vita da Paperi 1
                    Risposta #23: Martedì 6 Feb 2018, 10:39:48
                    Ci sarebbe da chiedersi come si sia potuto fallire così platealmente pur raccogliendo l'eredità di una testata "storica" come Zio Paperone...
                    Più semplicemente, all'epoca era l'unico modo per avere un'integrale di Barks e quindi si inserivano in un territorio vergine

                    Sono d'accordo. Al di là dell'integrale di Barks, Zio Paperone è stata forse la prima vera collana filologica (che poi all'inizio, degli articoli e degli approfondimenti tanto lodati non ce n'era praticamente traccia, a parte una manciata di righe) e non ce n'erano state prima di lei.
                    Oggi: in circa 3 decenni Barks è stato ristampato più e più volte, lo si va a cercare anche in edizioni in lingua originale (cosa che all'epoca era impensabile) e si è molto molto più esigenti. Un prodotto del genere fatica a soddisfare i collezionisti e non riesce a raggiungere un ampio mercato (d'altra parte sono mosche bianche quelli che ce la fanno).

                    Questo Vita da Paperi, visto così, non è nemmeno malaccio: ma è la terza strada che si prova a percorrere senza che forse ci siano le condizioni per ottenere un buon risultato.
                    "Se nato cigno nessuno ti trasformerà in avvoltoio"

                    *

                    Topaccio
                    Brutopiano
                       (4)

                    • *
                    • Post: 60
                    • Novellino
                      • Offline
                      • Mostra profilo
                       (4)
                      Re:Uack! 35 - Vita da Paperi 1
                      Risposta #24: Martedì 6 Feb 2018, 13:03:59
                      Io sono l'ultimo della carriola a parlare, visto che di ZP a malapena comprai 1-2 numeri perchè ai tempi ero il classico giovincello che leggeva fumetti e vedeva il prezzo.
                      Posso dire che i primi numeri, quando ancora la testata non era stata fagocitata dalla mentalità Panini, era partita benissimo perchè stava facendo un ottimo copia&incolla delle testate americane. Ora questo nuovo UAck non mi sembra più con la stessa attrazione filologica, coi perchè dei loghi storici o la copertina originale, dei primi numeri.
                      Storie a parte, vedo una cosa fatta tanto per non chiudere la testata o rimborsare noi abbonati che, abbonati al D1 di uack, ci siamo beccati poi 2 anni di abbonamento extra a prezzo stracciato grazie al cambio di pubblicazione da mensile a bimestrale.

                      Fanno prima a chiudere, aspettare un po , e riproporlo.

                      Per quanto riguarda Panini Disney in generale, devo pure io dire che sta esagerando con le testate, di cui non si capisce più un tubo e ormai mi sono fermo solo su Topolino perchè mi vedo solo una confusione in testa. Nel senso che ci sono fin troppe testate ch hanno la loro tematica e fanno girare le stesse storie senza avere qualcosa di cronologico da collezionare.
                      Comunque meglio parlarne in altra sede perché senno avrei da scrivere pagine intere e andare OT.

                      *

                      Tapirlongo Fiutatore
                      Pifferosauro Uranifago

                      • ***
                      • Post: 500
                      • Orrido bestio!
                        • Offline
                        • Mostra profilo

                        Re:Uack! 35 - Vita da Paperi 1
                        Risposta #25: Martedì 6 Feb 2018, 14:28:17
                        È ovvio che nessuna testata riuscirà mai a raggiungere il successo di Zio Paperone, per il semplice motivo che ZP era la prima testata per collezionisti. Panini ha provato ad eguagliarlo con Uack! ed è andata male
                        Sérait-t-il impossible de vivre debout?

                        *

                        Gus Goose
                        Giovane Marmotta

                        • **
                        • Post: 145
                        • Disneyano ritrovato
                          • Offline
                          • Mostra profilo

                          Re:Uack! 35 - Vita da Paperi 1
                          Risposta #26: Giovedì 8 Feb 2018, 21:55:56
                          È ovvio che nessuna testata riuscirà mai a raggiungere il successo di Zio Paperone, per il semplice motivo che ZP era la prima testata per collezionisti. Panini ha provato ad eguagliarlo con Uack! ed è andata male

                          Altra collana dedicata a Barks e che ebbe vita breve fu "Il Paperino d'oro", conteneva prevalentemente storie brevi e qualche grande classico del maestro

                          *

                          Hugh McDuck
                          Giovane Marmotta
                             (1)

                          • **
                          • Post: 136
                          • Panchito Pistoles
                            • Offline
                            • Mostra profilo
                             (1)
                            Re:Uack! 35 - Vita da Paperi 1
                            Risposta #27: Venerdì 9 Feb 2018, 11:59:55
                            Questo numero è senz'altro eccellente, il materiale che hanno a disposizione come è risaputo è ottimo, però mettono a dura prova la pazienza del lettore.
                            Io posso capire anche il tentativo (disperato) di accalappiare nuovi lettori ripartendo da 1 con la numerazione, ma la diminuzione delle pagine è veramente dura da digerire per una testata già bimestrale che deve pubblicare ancora molte storie. In ogni caso continuerò a sostenerlo perchè in fin dei conti mi piace com'è impostato, però io avrei aumentato a 6 euro piuttosto che diminuire le pagine, in fondo il prezzo è fermo a 5 euro dal 2014, quindi un aumento ci poteva stare. Chiaro che la Panini ha paura di perdere i lettori se aumenta il prezzo, sarebbe curioso capire se sia più dannoso aumentare il prezzo o diminuire le pagine, probabilmente avranno fatto una ricerca di mercato e scelto la seconda ipotesi  :(
                            « Ultima modifica: Venerdì 9 Feb 2018, 12:01:46 da Hugh McDuck »

                            *

                            V
                            Dittatore di Saturno
                               (1)

                            • *****
                            • Post: 3277
                            • Torino
                              • Offline
                              • Mostra profilo
                               (1)
                              Re:Uack! 35 - Vita da Paperi 1
                              Risposta #28: Venerdì 9 Feb 2018, 13:57:12
                              Ecco qui la differenze tra Paperopoki e Vita da paperi. Peccato non abbiano mantenuto l'uniformita...
                              « Ultima modifica: Venerdì 9 Feb 2018, 13:59:17 da V »
                              Quando hai capito che è tutto uno scherzo, essere Il Comico è l'unica cosa sensata.
                              Watchmen, Alan Moore and Dave Gibbons

                              Disney Compendium Don Rosa: http://www.ilsollazzo.com/c/disney/lista/fumetti-donrosa

                              Il mio mercatino: http://www.papersera.net/forum/index.php/topic,6635.0.html

                              *

                              Kim Don-Ling
                              Diabolico Vendicatore
                              Moderatore

                              • ****
                              • Post: 1495
                                • Offline
                                • Mostra profilo

                                Re:Uack! 35 - Vita da Paperi 1
                                Risposta #29: Lunedì 12 Feb 2018, 12:22:56
                                Ecco qui la differenze tra Paperopoki e Vita da paperi. Peccato non abbiano mantenuto l'uniformità...
                                Beh, ma era inevitabile considerando che hanno azzerato la numerazione! Tra l'altro, se ho visto bene su anteprima, il n.2 avrà un altro colore quindi potrebbero riproporre un effetto "primi zio paperone" con albi affiancati di vari colori!
                                "Se nato cigno nessuno ti trasformerà in avvoltoio"

                                 

                                Dati personali, cookies e GDPR

                                Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                                Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                                Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.