Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
3 | |
4 | |
4 | |
3 | |
3 | |
3 | |
2 | |
2 | |
2 | |
1 | |
4 | |
3 | |
Topolino 3266 - Recensione di Chen Dai-Lem

La direttora, nel suo editoriale, dice che Zio Paperone e la coppa del Mondor (Enna/Perina), dovrebbe consolare i tifosi dell’Italia in questo momento di sconforto, con i Mondiali in corso e la nostra Nazionale a casa. Non si sa se la cura abbia funzionato, ma sicuramente, come si percepisce fin dalla copertina realizzata dal sempre bravo Alessandro Perina, il nuovo numero è dominato dalla conclusione di questa storia.
Amelia, coinvolta dall’arcimago Mondor in una sfida calcistica, è costretta ad allenare la squadra di Paperi e, in caso di sconfitta, si vedrà privata dei suoi poteri. Trovato l’allenatore degli allenatori, si avvicina il momento della partita e in questi due episodi (Intitolati appunto Primo tempo e Secondo tempo) seguiremo la telecronaca dell’evento. La storia è senza dubbio da promuovere; Bruno Enna fa un grande lavoro, basti pensare che le storie a tema calcistico ad episodi si ripropongono a cadenza regolare, quantomeno biennale, causa Mondiali ed Europei, ed essere originali è sempre più difficile. Lo sceneggiatore sardo, invece, riesce a imprimere alla storia il suo marchio di fabbrica, creando una commistione di gag, colpi di scena, sentimenti e suspense.
Molto meno originale è Paperino, Paperina, Gastone e il ballo peperonato (Vitaliano/Baccinelli): torna infatti il tema della danza, con Paperina che deve nuovamente partecipare ad un ballo e sa di non poter contare sulle doti danzanti di Paperino. Stavolta, il "terzo incomodo" non è Paperinik, (come in Paperino e il problema ballerino (Arrighini/Perissinotto) vista nel numero 3262), ma Gastone. Il fatto che le due storie siano state pubblicate a distanza così ravvicinata ha probabilmente fatto sì che si percepisse in modo più netto il senso di ripetitività del tema. Molto bravo ai disegni Emmanuele Baccinelli.
Bene le brevi, sia Paperi a motore - Forature (Bosco/Rigano), ma soprattutto Indiana Pipps, Orazio e gli introvabili ricambi (Valentini/Baldoni), che propone una nuova coppia formata appunto da Orazio e Indiana Pipps, alla ricerca dei pezzi di ricambio per riparare la Gippippa. La relativa brevità della storia è uno dei suoi punti di forza, perché riesce, in questo modo, a creare gag senza annoiare, lasciando forse anche qualche spunto per la realizzazione di eventuali nuovi episodi.
Questo è un numero interamente dedicato allo sport, non solo per la conclusione de La coppa del Mondor, ma anche per l'articolo dedicato alle finali NBA e a uno dei suoi protagonisti: Lebron James (ancora ritratto in maglia Cleveland Cavaliers, ndr). Il redazionale ci offre qualche curiosità su uno degli eventi più seguiti in America e non solo, ma pubblicizza anche una mostra, intitolata NBA Crossover, a Milano dal 29 giugno al 1 luglio.

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (21)
Esegui il login per votare

Topolino 3265

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Vincenzo
Cugino di Alf
   (1)

  • ****
  • Post: 1262
  • Esordiente
    • Offline
    • Mostra profilo
   (1)
    Re:Topolino 3265
    Risposta #15: Lunedì 25 Giu 2018, 12:46:15
    Concordo con l'analisi di tang: credo che Zemelo (il quale come sappiamo è da tempo utente del forum e potrebbe intervenire per darci la sua visione) intendesse proprio mettere in rilievo come ogni società in cui viviamo, al di là delle apparenze, non potrà mai essere perfetta per l'individuo che vi risiede, e che pertanto alla lunga essa possa esasperarlo nonostante a una prima superficiale esperienza possa sembrare ideale
    Ricordo una puntata dei Simpson e un'altra di Spongebob in cui sostanzialmente capita la stessa cosa rispettivamente a Ned Flanders e a Squiddi, con la differenza che loro si trasferivano di spontanea volontà in due comunità in cui inizialmente si integravano, prima di tornare al caos di Homer e Spongebob.
    If you can dream it, you can do it.

    *

    PkAvenger96
    Evroniano

    • **
    • Post: 112
    • Next Generation Pker
      • Offline
      • Mostra profilo

      Re:Topolino 3265
      Risposta #16: Lunedì 25 Giu 2018, 12:52:55
      Tuttavia, se oggi la pubblicità verte solo su ambiti Disney, la visibilità di tutto il brand non può che giovarne, e la cosa, a mio avviso, può considerarsi positiva.
      Convinto tu...
      A mio modesto avviso, invece, la mancanza di pubblicità comporta minori entrate per la testata, con tutte le ovvie conseguenze del caso.

      Stavo solo cercando di vedere il bicchiere mezzo pieno... E' vero che in effetti a meno pubblicità corrispondono meno entrate, però considerando che Topolino è parte del brand Disney, se si sceglie di focalizzarsi solo su pagine promozionali di altri ambiti disneyani, a me la cosa non dispiace. In ogni caso, non sono un esperto di marketing e di vendite  ;D
      Chi sa di aver già vinto, non combatte.
      Solo chi deve rovesciare la sorte, lotta fino all'ultimo!

      Un supereroe solitario e silenzioso!  Posso almeno fischiettare? (Magari la Marcia di Topolino?)

      *

         (5)

      • *
      • Post: 23
      • Nuovo utente
        • Offline
        • Mostra profilo
         (5)
        Re:Topolino 3265
        Risposta #17: Lunedì 25 Giu 2018, 20:16:35
        La danese di Transgard e Andersen, pur con tutte le caratteristiche che poco apprezzo del loro stile, si lascia leggere e intrattiene fino alla fine. Certo, non si capisce perché introdurre tutti quei detective se ad avere una parte attiva sono meno della metà.

        Si tratta di una storia VIP. Anche se il codice, il disegnatore ed il scenaggiatore sono danesi, la storia e stata ideata e sviluppata della redazione del Lustiges Taschenbuch (tedesco), Peter Höpfner (caporedattore) e Saskia Hauff.
        La storia è una parodia della serie poliziesca "Tatort" che si vede pratticamente ogna domenica nel tivù tedesco (fino da 1970). Ci sono 21 squadre che mettono gli indagini nelle grande città di Germania (ed anche in Vienna e Zurigo).
        I poliziotti sono le squadre le più famose: Max Ballauf e Freddy Schenk (Colonia, amatori delle salsiccie con salsa di curry e degli auto veloci d'epoca), Franz Leitmayer e Ivo Batic (Monaco di Baviera, con i capelli bianchi), Nick Tschiller (Amburgo, un pò come Bruce Willis) e la squadra di Münster: commissario Frank Thiel (con i capelli lunghi, un pò voluminoso) ed il medico legale Karl-Friedrich Boerne (con occhiali e barba nera). Il capo della polizia si referisce al leggendario commissario Horst Schimanski (Duisburg, attivo negli anni '80).

        Questa storia è stata pubblicata in tutti i paesi Egmont (Scandinavia ed i Paesi Bassi) benché non si vede il Tatort in questi paesi. Peter Höpfner già ha annunciato altri episodi (forse con qualche detective di meno, non si sa...)
        NRW = Nord-Rhein-Westfalen (Renania Settentrionale-Vestfalia): la regione tedesca da dove vengo

        *

        Vincenzo
        Cugino di Alf

        • ****
        • Post: 1262
        • Esordiente
          • Offline
          • Mostra profilo

          Re:Topolino 3265
          Risposta #18: Lunedì 25 Giu 2018, 23:37:58
          La danese di Transgard e Andersen, pur con tutte le caratteristiche che poco apprezzo del loro stile, si lascia leggere e intrattiene fino alla fine. Certo, non si capisce perché introdurre tutti quei detective se ad avere una parte attiva sono meno della metà.

          Si tratta di una storia VIP. Anche se il codice, il disegnatore ed il scenaggiatore sono danesi, la storia e stata ideata e sviluppata della redazione del Lustiges Taschenbuch (tedesco), Peter Höpfner (caporedattore) e Saskia Hauff.
          La storia è una parodia della serie poliziesca "Tatort" che si vede pratticamente ogna domenica nel tivù tedesco (fino da 1970). Ci sono 21 squadre che mettono gli indagini nelle grande città di Germania (ed anche in Vienna e Zurigo).
          I poliziotti sono le squadre le più famose: Max Ballauf e Freddy Schenk (Colonia, amatori delle salsiccie con salsa di curry e degli auto veloci d'epoca), Franz Leitmayer e Ivo Batic (Monaco di Baviera, con i capelli bianchi), Nick Tschiller (Amburgo, un pò come Bruce Willis) e la squadra di Münster: commissario Frank Thiel (con i capelli lunghi, un pò voluminoso) ed il medico legale Karl-Friedrich Boerne (con occhiali e barba nera). Il capo della polizia si referisce al leggendario commissario Horst Schimanski (Duisburg, attivo negli anni '80).

          Questa storia è stata pubblicata in tutti i paesi Egmont (Scandinavia ed i Paesi Bassi) benché non si vede il Tatort in questi paesi. Peter Höpfner già ha annunciato altri episodi (forse con qualche detective di meno, non si sa...)

          Ti ringrazio per la spiegazione. Immaginavo che ci fossero riferimenti televisivi nordici, ma non credo siano stati sfruttati appieno.
          If you can dream it, you can do it.

          *

          Vito65
          Cugino di Alf
             (2)

          • ****
          • Post: 1301
          • ex Generale Westcock
            • Online
            • Mostra profilo
             (2)
            Re:Topolino 3265
            Risposta #19: Lunedì 25 Giu 2018, 23:45:47
            permane durante tutta la storia una forma di ragionamento tipicamente greca: ciò che è perfetto dà noia, mentre ciò che perfetto non è dà diletto
            Assunto interessante il tuo: mi sembra però che sia più appropriato affermare che l'obiettivo della storia sia quello di stigmatizzare non la ricerca di perfezione, bensì la smania di perfezione, l'autocompiacimento nell'essere "perfettini", una smania ed un autocompiacimento rassicuranti ma sterili, che hanno come unico effetto di anestetizzare la coscienza e di obliare il ricordo delle persone e delle cose che contano (Topolino infatti, dopo appena una notte di permanenza a Perfettopoli, già fatica a ricordarsi di Pippo e poi addirittura di Minni):un disvalore, insomma, che nulla ha da spartire con una sana tensione alla perfezione, all'ordine ad al miglioramento di sè.

            *

            Cornelius Coot
            Imperatore della Calidornia

            • ******
            • Post: 10220
            • Mais dire Mais
              • Online
              • Mostra profilo

              Re:Topolino 3265
              Risposta #20: Martedì 26 Giu 2018, 20:03:29
              TOPOLINO... BENVENUTO A PERFETTOPOLI
              Quasi un 'Truman Show' o una 'Pleasantville' in salsa disneyana. Con la differenza (non so se voluta o meno) che gli abitanti di Perfettopoli sono tutti maschi (tranne una pasticcera), sia gli adulti che i ragazzini. Che il 'perfettinismo', secondo l'ottima 'traduzione' di Tang, sia un mondo declinato solo al maschile? Sceneggiatura piuttosto straniante, quasi alla Jerry Siegel. Alla fine Topolino è come se guardasse allo specchio una sua immagine deformata, all'eccesso, con il risultato di temerla, di esserne nauseato. Il ritorno di Pippo è uno squarcio reale in un microcosmo solo apparentemente perfetto: se prima lo sopportava poco, adesso l'amico è un raggio di sole in un ambiente sempre più tenebroso. Grazie a lui trova anche la chiave per uscirne, quando ciò sembrava non proprio semplice. Non prima di averlo modificato secondo dei canoni più consoni a lui ma soprattutto a Pippo.

              ZIO PAPERONE, AMELIA E LA COPPA DEL MONDOR - L'OMBRA DELL'ALLENATORE  (2° episodio)
              Questo soggetto calcistico-mondiale di Bruno Enna è sicuramente non banale anche se non mi convince del tutto. Seguo le varie situazioni con un certo interesse ma con poco entusiasmo. Sarà forse per gli aspetti magici, che pure in altre occasioni mi hanno coinvolto: dal quartiere partenopeo che segue in diretta le avventure dei paperi, quasi banalizzandole nella loro evoluzione, alla sfida dell'arcimago che da il là al tutto, un po' forzata nella sua causa iniziale. Le tavole di Perina avrebbero bisogno, ogni tanto, di quadri bianchi o spazi più neutri per poter respirare un po'. Riguardo il desiderio sognato da Archimede, egli ha già avuto un riconoscimento (che proprio l'immagine del sogno mi ha ricordato): il premio Snobbel ricevuto a Stockfish, in Norvezia, alla vigilia delle Paperolimpiadi. Il finale arriverà domani, all'improvviso: due puntate apriranno e chiuderanno il numero 3266. Perché tanta fretta quando la storia poteva essere 'spalmata' su quattro albi e il Mondiale russo terminerà a metà luglio?

              Paperina e un tranquillo weekend in soffitta
              Simpatica breve dove Paperina affronta con coraggio la soffitta di Paperino, che sembra essere peggio di quella di Pippo! Ottimi i disegni di Dalena, dinamici e lineari, nonostante il disordine e la polvere.
              Archimede e la distrazione molesta
              Altra breve carina per quanto le tavole di Rigano siano un po' pesanti (a cominciare dal cappello di Paperoga). Per fortuna il disegnatore fa quello che non ha fatto il suo collega Perina: porre uno spazio bianco (una intera striscia) per alleggerire il tutto.
              Paperi a Motore - Lavaggio Auto
              Sicuramente la migliore fra le brevi, non a caso firmata Bosco-Molinari. Questo numero del Topo ha comunque giocato un buon tris, considerando che questo genere cade spesso nella banalità.

              PAPERINO INVESTIGATORE IN PROVA
              Vedendo Paperino voler indossare i panni di Topolino, ho inizialmente pensato che non gli bastano tre o più alter ego (considerando anche il Detective Donald di Vito Stabile, un 'collega' anni '40 di quest'ultimo Made in Egmont). Però, dopo lo scetticismo iniziale, questa storia di Transgaard mi ha divertito e coinvolto con un papero ben delineato nel suo rapportarsi quasi infantile e 'capriccioso' con nuovi e più esperti 'colleghi'. Belle e movimentate le tavole di Andersen, bravo nel disegnarle con vignette di tutti i tipi e dimensioni. La natura papera del protagonista è messa in rilievo con contorno di personaggi tutti più grandi, umani tartufati (una tradizione barksiana non a caso ancora in voga in nord Europa) e, al tempo stesso, ridicolizzata con commenti non proprio positivi circa una statua a sua immagine e somiglianza, al centro della vicenda.
              « Ultima modifica: Martedì 26 Giu 2018, 23:57:16 da Cornelius Coot »

              *

              tang laoya
              Cugino di Alf
                 (1)

              • ****
              • Post: 1082
              • Mano rampante in campo altrui
                • Offline
                • Mostra profilo
                 (1)
                Re:Topolino 3265
                Risposta #21: Mercoledì 27 Giu 2018, 05:10:57
                Con la differenza (non so se voluta o meno) che gli abitanti di Perfettopoli sono tutti maschi (tranne una pasticcera), sia gli adulti che i ragazzini
                Laddove un filologo potrebbe giustamente ricavare che l'archetipo di tale "città ideale" sia da farsi risalire a un certain village champignon nel quale la popolazione muliebre si limita a une delicieuse, parfois rusée, Schtroumpfette.
                « Ultima modifica: Mercoledì 27 Giu 2018, 07:25:55 da tang laoya »
                Mi avevano dato le mappe del percorso, ma nessuna idea circa i bizzarri paesaggi che avremmo attraversato durante lunghi mesi. - Per Nettuno Capitano! Con questa luna di sghimbescio gli sgombri cremisi fluttuano flessi!

                *

                Dippy
                Diabolico Vendicatore

                • ****
                • Post: 1610
                • Tra un corto e una sciocca sinfonia...
                  • Offline
                  • Mostra profilo

                  Re:Topolino 3265
                  Risposta #22: Mercoledì 27 Giu 2018, 11:01:16
                  Bella la prima storia di Perfettopoli, con una narrazione che si porta dietro una scia di leggera inquietudine nella parte centrale; l'idealizzazione e la stereotopizzazione (!) dei personaggi perfetti e privi di una volontà viene aiutata anche dai disegni, semplici e puliti.
                  Sulla storia calcistica preferisco non dire niente, aspettando di vederla compiuta, ma da queste due puntate le promesse sono molto buone. Peccato che verranno pubblicate due puntate in un numero solo.
                  Bene le tre brevi centrali.
                  Sappiate che tutte le cose sono così: un miraggio, un castello di nubi... Nulla è come appare  -  Buddha

                  https://ilnumeroprimopiugrande.wordpress.com/author/arcelli1947/

                  https://numeriprimiaritmeticamodulare.wordpress.com/

                   

                  Dati personali, cookies e GDPR

                  Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                  Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                  Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.