Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
In edicola
3 | |
2 | |
3 | |
4 | |
4 | |
3 | |
4 | |
3 | |
4 | |
3 | |
5 | |
3 | |

TopoTravel - Topolinia: guida della città (in attesa del Plastico?)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Cornelius Coot
Sapiente Ciminiano
   (2)

  • ******
  • Post: 9818
  • Mais dire Mais
    • Offline
    • Mostra profilo
   (2)


    Non mi pare di aver visto postato qualcosa sulla nuova guida del TopoTravel dedicata a Topolinia, sempre redatta dal bravissimo Blasco Pisapia. Alcune delle varie curiosità e notizie lette nei primi tre numeri sono prese da vecchie storie italiane e americane (soprattutto di Scarpa e Gottfredson) mentre altre credo siano frutto della fervida fantasia dell'autore. Ricordo che durante il TopoTravel paperopolese alcuni edifici erano contemporaneamente presenti in storie parallele (ad esempio la Borsa... a forma di borsa) e questo 'sinergia' fra autori ha sicuramente reso più popolari luoghi, personaggi e situazioni al punto da concepire, tempo dopo, il Plastico di Paperopoli dove tutti gli edifici di Pisapia sono confluiti in 3D.

    Speriamo che la stessa cosa accada anche per Topolinia, sebbene al momento non mi pare di aver visto storie legate a questi primi itinerari. Al di là dell'eventuale plastico topesco (che, se mai uscisse, avrebbe bisogno sicuramente di una maggiore conoscenza della città da parte dei lettori e questo potrebbe accadere solo con storie specifiche da pubblicare nei prossimi mesi/anni), i rimandi di Pisapia a personaggi come Capitan Radimare (o Toporagno), a zio Balatrone, a Fortunio Bancarotta, a Zenobia (e ad altri che vedremo nei successivi tre itinerari) come a situazioni storiche sull'origine della città, spero inducano alcuni autori (e la redazione, ovviamente) a ripresentarli al grande pubblico, insieme agli edifici o ai quartieri a loro collegati. Solo così potremo avere, noi lettori, un interesse maggiore e più info verso la città dei Topi, tale da avvicinarsi a quella che si ha attualmente (e da tempo immemore) nei confronti di Paperopoli. Un Plastico non arriva per caso ma bisogna meritarlo, anche perché poi dovrà ottenere risultati positivi nelle vendite.

    Nei vari itinerari le diverse guide ci portano a vedere, fra le altre cose riportate, le loro case, al solito ben sezionate e descritte in ogni minimo dettaglio, sia esterno che, soprattutto, interno. Ancora non lo si è fatto per il TopoTravel Paperopoli ma spero che sia quest'ultimo che l'attuale dedicato a Topolinia saranno prima o poi trasformati in Manuali speciali contenenti tutti gli itinerari di Pisapia: lo stesso autore in un passato intervento aveva auspicato ciò.



    ITINERARIO 1   (Guida Turistica TOPOLINO)
    ________________________________________________________________________________________

    Il nome originale della città è Mouseton e la sua fondazione risale al 1695 (piuttosto antica per essere una città della West Coast: la fondazione di Paperopoli risale al 1818, sebbene l'originale Fort Drake Borough fatto erigere da Sir Francis Drake risalga al 1579). Ad oggi Topolinia avrebbe 1.106.000 abitanti. E' nell'insenatura di Tabasco Bay, a sud della città, che una banda di bucanieri fondò il primo nucleo della città. Oggi la baia è attraversata dal Mouseton Bridge da dove si vede il porto turistico alle cui spalle sorge il quartiere residenziale dove abitano Topolino e gran parte dei suoi amici.
    Nella bella panoramica Pisapia disegna anche la downtown, il quartiere metropolitano 20802 e la Snob Hill dove risiedono diversi personaggi che vedremo nel capitolo successivo. L'autore ricorda il vecchio villaggio di Spavent City e Topo the Kid che all'epoca del West sarebbe potuto diventare... Imperatore della Calidornia. Possiamo vedere la sede dell'Eco del Mondo, diretto in passato da Topolino che aveva denunciato loschi affari tra la pubblica amministrazione e la banda di Gambadilegno. Al contrario dei luoghi suddetti, il Joe's Diner dove Topolino e amici vanno spesso a sorseggiare un caffè bollente o mangiare sandwich e gelati penso sia una creazione originale del Blasco che in un segmento a parte elenca una serie (molto parziale) di alcuni ospiti strani e portatori di guai ai quali Mickey ha aperto la porta di casa: Tapioco VI, Davy (Crockett), O'Bully e O'Gully, zio Balatrone e Giacinto I (quest'ultimo non lo ricordo). Altro rimando ad un personaggio passato è il veliero 'Chiaro di Luna' di proprietà del Capitano Radimare (alias TopoRagno). Sul Palazzo del Municipio sventola una bandieruola a forma di veliero che ricorda ai topolinesi che tutti loro discendono da un manipolo di pirati.

    In questo articolo di Paperpedia le date corrispondono: 1690, anno d'arrivo dei primi bucanieri spagnoli e 1695, anno di fondazione vero e proprio della città da parte di Geremia Ratt, insieme ad un piccolo pugno di pionieri. Stranamente Pisapia non fa cenno del 'Cornelius Coot' topolinese.
    http://it.paperpedia.wikia.com/wiki/Topolinia





    ________________________________________________________________________________________________________________




    ITINERARIO 2   (Guida Turistica MINNI)
    ________________________________________________________________________________________

    Le ville di Snob Hill appartengono a personaggi famosi apparsi in storie passate: nel Palazzo del Colonnello Basset Topolino, Paperino e Pippo provarono a cacciare dei fastidiosi fantasmi, la Villa Straccetti fu teatro di uno dei colpi più clamorosi dell'inafferrabile 'Splendente' (questo non lo ricordo) la villa di Rick Purcel fece da scenario al mistero dell'Unghia di Kalì mentre nella tenuta Van Asterisk si organizzano feste memorabili ma Minni e Topolino ne ricorderanno per sempre una in particolare (quale sarà?). Minni ci fa vedere il Teatro Alhambra a cui è molto affezionata avendovi calcato le scene più di una volta, riproponendo anche con Topolino diversi 'classici in chiave umoristica. E la copia della statua dell'eccentrico miliardario filantropo Fortunio Bancarotta, visto che l'originale fu abbattuta a colpi di piccone da Basettoni e Topolino!
    Minni ci tiene a farci visitare il negozio Hattie, dove trova i suoi famosi cappellini e il romantico Maple Park, caratterizzato da un meraviglioso orto botanico.





    __________________________________________________________________________________________________________________




    ITINERARIO 3   (Guida Turistica PIPPO)
    _______________________________________________________________________________________

    Poco lontano da casa sua, Pippo ci conduce alla piccola e pittoresca Stazione Ferroviaria con la scritta MouseTon, sebbene da tempo un nuovo e imponente edificio le ha portato via gran parte del traffico. Poi troviamo una vecchia Agenzia di Investigazioni che Pippo ereditò da un suo zio e Villa Magagna, tetra magione dove il fantasma del pirata Brian il nero (detto Gangarone) fu rinchiuso per più di 150 anni!
    Pippo ci fa vedere il cottage di Zenobia, sua vecchia fiamma, ex regina d'Africa ed oggi solo saltuariamente presente a Topolinia. Stranamente ci conduce a vedere anche il villino di Topesio, tipo spocchioso e indisponente che in passato lo ha spesso preso in giro: forse per farci notare che per metà è fatto di cartapesta!  ;D

    Non ancora in rete come quelle di Topolino e Pippo, la casa di Pippo viene sezionata da Pisapia in tre parti: piano terra, piano superiore e soffitta.
    Nel primo da segnalare in soggiorno un proiettore con schermo (in mancanza della tv), dei birilli posti posti sulle scale che danno al piano superiore (il suo attuale passatempo preferito: il bowling scalare) e l'angolo della scrittura creativa (ma solo di mercoledì).
    Nel secondo c'è la camera di Gilberto, il cui letto ha una coperta con simboli matemartici (molto rilassanti) mentre nella sua vediamo un armadio malmesso ereditato dallo prozio Pipponio.
    In soffitta, fra il vario ciarpame,  c'è un apparecchio televisivo (ecco dov'era finito!) e un cannocchiale appartenuto a Cateratto de Pippis, capitano di vascello.

    « Ultima modifica: Giovedì 25 Lug 2019, 14:23:43 da Cornelius Coot »

    *

    Pato_Donald
    Pifferosauro Uranifago
       (1)

    • ***
    • Post: 393
    • Novellino
      • Offline
      • Mostra profilo
       (1)
      Avevo scritto anch'io un post in merito alla guida di Topolinia... Personalmente sono molto contento che finalmente abbiano deciso di dare un'identità ad una città spesso 'dimenticata' dai più... Dare a suddetta città, finalmente, delle caratteristiche con precise ubicazioni è finalmente un altro sogno che diventa realtà... Sono però dispiaciuto del fatto che le abbiano dedicato solo un misero spazio diviso in sei sezioni lasciando totalmente fuori personaggi importanti come Clarabella e Orazio o Gambadilegno, Tip e Tap e altri... Spero che la guida verrà ripresa più avanti ma vista l'uscita della guida turistica in un unico volume mi fa dubitare di future (quanto meno prossime) pubblicazioni sul topo inerenti Topolinia.

      Se non ricordo male la guida di Paperopoli era uscita in tre/quattro parti... Prima le case di (quasi) tutti i personaggi, poi la prima parte della città seguita qualche anno dopo dalla seconda e infine, in occasione del compleanno di Paperino, un itinerario speciale dedicato ai suoi luoghi particolari.

      *

      Cornelius Coot
      Sapiente Ciminiano
         (1)

      • ******
      • Post: 9818
      • Mais dire Mais
        • Offline
        • Mostra profilo
         (1)


        ITINERARIO 4   (Guide Turistiche ZAPOTEC e MARLIN)
        _______________________________________________________________________________________

        Nella prima tappa del loro itinerario i due prof ci portano alla Mouseton University, piccolo ma prestigiosissimo ateneo rinomato soprattutto per i suoi avveniristici laboratori di Fisica, Astrofisica e Geofisica. Anche Gilberto e Eta Beta lo frequentano. La seconda tappa prevede una sosta al Bellavista Park, non tanto per godere del verde ma per sbirciare ad una delle porte segrete che danno accesso alla Dimensione Delta, una realtà alternativa in cui il professor Enigm ha trasferito il suo laboratorio per dedicarsi indisturbato ai suoi studi in compagnia di Atomino Bip Bip. Tutte queste menti brillanti (Topolinia ha sempre attirato uomini di scienza, divenendo ben presto un polo di eccellenza per la ricerca, come scrive Pisapia ad inizio di questo quarto itinerario) ed altre ancora hanno realizzato Topolunia, una luna artificiale (copia esatta di Topolinia) che ruota intorno alla Terra, chiusa in un involucro trasparente. Realizzata per risolvere i problemi di affollamento del nostro pianeta, fu un posto tranquillo fino all'arrivo degli UfoPirati! (chi sa...sa!)

        Il professor Zapotec fa gli onori di casa nella terza tappa riguardante il Museo Archeologico dove ci fa vedere: i resti del Pippanderthal, una batteria di pentole etrusche, stuzzicadenti merovingi e paletta e secchiello per realizzare i misteriosi tracciati di Nazca. Ma il pezzo più importante si trova nella stanza segreta sotto i depositi ed è la prodigiosa Macchina del Tempo, messa a punto dai nostri due anfitrioni!

        Il quarto itinerario prevede una incursione alla Palude Nera, poco fuori città (anche se non è menzionata dall'autore), sede della villa sbilenca dell'archeoavventuriero Indiana Pipps, il più famoso fra i vari residenti scienziati e ricercatori (si menzionano l'archeologa Eurasia Tost, il paleontologo professor Ossivecchi e il bislacco Sfrizzo, zio di Pippo). E termina alla bottega antiquaria di Nataniele Ragnatele che, fra le varie cianfrusaglie, custodisce autentici tesori (come sanno bene Topolino e  Atomino nell'avventurosa ricerca delle Sogenti Mongole).




        ITINERARIO 5   (Guida Turistica COMMISSARIO BASETTONI)
        _________________________________________________________________________________________

        Il nostro quinto cicerone ci farà scoprire che Topolinia è una città solo apparentemente ordinata e tranquilla.
        La prima tappa è ovviamente il Commissariato di Polizia sito in un palazzo piuttosto alto che da su uno slargo dove troviamo anche la Stazione dei Pompieri e la Torre dell'Orologio. Non lontano sorge la statua di Lucius Lumb, un munifico finanziatore di infinite iniziative benefiche ma anche una diabolica mente criminale: un lupo vestito da agnello!

        Un'altra tappa è tutta dedicata al Museo di Criminologia, ospitato in un maniero in stile neo-finto-gotigheggiante. Le sue sale sono ornate di pinnacoli e gargoyle oltre a statue di cera dei più pericolosi criminali. Tra i cimeli custoditi vediamo il primo bigliettino lasciato da Macchia Nera a firma delle sue imprese e il cappuccio che indossava quando fu smascherato la prima volta, oltre alla sua nera coupé; la palla di piombo legata al più temibile e recidivo di tutti i lestofanti: Pietro Gambadilegno; l'occhio ipnotico del pericolosissimo Mr Mistery Man; il furgoncino rimesso a nuovo di Giuseppe Tubi (idraulico, attore dilettante e ladro); la bombetta del manipolatore Vito Doppioscherzo: lo stendardo della temibile 'Maschera di ferro'; la replica del Misterioso "S", flagello dei mari; il tavolino del Commissario Topin, la tuta degli Ombronauti

        Terminiamo con le abitazioni di Basettoni, Manetta e Rock Sassi:
        la villetta del commissario è massiccia e quasi cubica, circondata da un giardino dove ogni ramo e ogni filo d'erba obbediscono a un rigido schema. Se Basettoni è un tipo 'quadrato', la moglie Petulia lo è molto più di lui!
        La casa di Rock Sassi tradisce le origini texane dell'imbranato poliziotto, situata al centro di un fazzoletto di stentata 'prateria' e con muri di basamento in pietra.
        La casa del tenete Manetta è alta e stretta, praticamente attaccata ad una linea ferroviaria sopraelevata, quasi per sentirsi sempre sul set di un vecchio film di gangster!




        ITINERARIO 6 - TOPOLINIA 20802  (guida turistica TOPOLINO)
        _________________________________________________________________________________________

        Topolino torna a farci da guida in questo ultimo itinerario anche perché si tratta del quartiere 20802, tentacolare e caotico, nel quale Mickey si trasferisce, di tanto in tanto, quando collabora con il Daily, il più autorevole quotidiano della città. I suoi uffici occupano alcuni piani del palazzo ospitante, dal 55° piano in su. Topolinia 20802 è una giungla d'acciaio e vetro nella quale troviamo autentici gioielli di archittettura: dal Deco al Modernismo, dall'High-Tech al Post Mouse! Tra i luoghi prescelti da Mickey c'è il supermercato gourmet Delicoius Goose, il Caymann Brothers Building (sede di una loschissima società finanziaria), the Tower, il grattacielo più alto di Topolinia (220 metri), l'Esplanade, l'hotel più lussuoso della città.



        Distante tre fermate della metropolitana è il Jon Kurtis Theater, il più antico di Topolinia. Poco distante si trova il sontuoso Littermayer Building, altero e sprezzante con i suoi pinnacoli neogotici  e le vetrate istoriate: un po' come la sua proprietaria Penelope Littermayer, ex compagna di scuola di Minni, che possiede anche il Nebraska Building, un edificio residenziale piuttosto decrepito dove Topolino alloggia quando lavora al Daily. La Mouseton Grand Central è il principale snodo ferroviario del  Nord Calisota, una mastodontica stazione che alcuni considerano un capolavoro ed altri un obbrobrio, unendo diversi stili architettonici (l'eclettico dei basamenti con il deco delle torrette).


        « Ultima modifica: Venerdì 21 Set 2018, 22:59:42 da Cornelius Coot »

         

        Dati personali, cookies e GDPR

        Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

        Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

        Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.