Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
In edicola
5 | |
5 | |
4 | |
3 | |
3 | |
5 | |
5 | |
4 | |
5 | |
5 | |
4 | |
3 | |
Topolino 3302 - Recensione di Chen Dai-Lem

Il numero 3302, disponibile anche in versione variant a Cartoomics, la tradizionale fiera del fumetto milanese, festeggia il 60° anniversario dalla prima apparizione di Atomino Bip Bip. Non poteva che essere Andrea Castellan a celebrare questo importante compleanno, impegnato in un triplice fronte: copertina, storia d’apertura e intervista nella quale ci spiega i pregi del noto personaggio ideato da Romano Scarpa, ma anche le difficoltà nell’utilizzarlo. Purtroppo né la storia né la copertina sono tra le più ispirate dell’autore goriziano, una delle punte di diamante del settimanale, dal quale ci si aspetta sempre un qualcosa in più. Atomino, Topolino e l’elemento qualsivoglia vede il duo, affiancato dal professor Enigm, indagare su un materiale sconosciuto, piovuto dallo spazio e ritrovato da Gambadilegno e Trudy. La storia è volutamente caotica e si procede a suon di gag fino alla conclusione ma, come detto, il risultato non raggiunge le alte aspettative che sono sempre riposte nell’autore.
Il libretto prosegue con una bella prova di Carlo Panaro con Paperino, Paperoga e l’innesto redazionale , disegnata da Federico Franzò, storia che promuove l’uscita del Papersera, nuova testata disponibile in edicola a partire da questa settimana in allegato a Topolino. Panaro riesce a creare una storia semplice, che sembra avviata lungo un binario già scritto, ma che al tempo stesso si rivela non scontata grazie al colpo di scena finale. Molto carina anche la breve Edi e i rifiuti reticenti (Rossi Edrighi/Pastrovicchio). In questo numero dovevano poi tornare i Wizards of Mickey con un nuovo capitolo della saga intitolato Destino (Venerus/Marini), anticipato da un redazionale che riassume i capitoli precedenti. E’ incredibile come non si riesca ad arrivare in fondo neanche ai riassunti, tanto li si trovi noiosi e allo stesso tempo come questa saga sia come la criptonite per gli sceneggiatori, perché anche Matteo Venerus, autore di buone storie nel settimanale, non riesce a tirare fuori niente di leggibile; il lettore infatti si perde, arranca fino all’ultima tavola, senza poi aver capito niente della trama (e siamo solo al primo episodio). Peccato anche che un disegnatore bravo come Marini debba disegnare storie come queste.
Le note negative continuano con Zio Paperone e il mitico chitarrone (Deninotti/Mazzarello). In una Paperopoli impazzita, dove tutti litigano, Paperone e famiglia partono alla ricerca di uno strumento leggendario appartenuto al popolo dei Rockoliani. In questa storia lo schema è il più classico: Paperone e nipoti partono alla ricerca di un tesoro, spiati e poi seguiti da Rockerduck e Lusky. Il problema è che lo schema è fin troppo classico, sembra di vivere una storia vista e rivista senza un guizzo o un elemento originale, fino alla risoluzione che oltre ad essere relegata a una didascalia, risulta un po’ banale.
Per quanto riguarda i redazionali troviamo un approfondimento sulla differenza tra Champions e Superlega a cura di Fabio Licari, un’intervista a Martina Vismara, la più piccola atleta italiana convocata ai Giochi Mondiali Estivi, organizzati da Special Olympics, che si terranno ad Abu Dhabi dal 14 al 21 marzo e un’intervista a Lillo, impegnato con il musical School of Rock.

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (24)
Esegui il login per votare

Le storie di Topolino sul Topolino

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Maximilian
Dittatore di Saturno

  • *****
  • Post: 3173
  • Innamorato di Bill Walsh
    • Offline
    • Mostra profilo

    Re:Le storie di Topolino sul Topolino
    Risposta #75: Lunedì 18 Mar 2019, 11:56:34
    Gambadilegno può grossomodo equivalere ai Bassotti
    Su questo nemmeno rispondo.

    ma nessuno corrisponde ad Archimede o a Nonna Papera, che pure sono spesso risorse importanti nell'universo narrativo dei paperi
    Se le risorse sono rappresentate da personaggi così piatti, siamo a posto

    Cosa gli si fa fare?
    Di tutto
    Se qualcuno si pone queste domande, mi viene da pensare che non conosca, se non sommariamente, il personaggio. E trovo poco utile mettermi a spiegarglielo.

    non ha praticamente parenti
    Punto 1: ne ha davvero bisogno? Le storie che vedono protagonista Topolino si basano principalmente su quest'ultimo, non su altri personaggi
    Punto 2: e Paperino, non ha praticamente amici

    Ciò detto, mi sembra che si cominci a reiterare gli stessi pareri detti in precedenza, per cui per me la discussione termina qui, almeno finchè non vengano sollevate nuove argomentazioni.
    Nota a margine: ma possibile che con tutti gli argomenti che il fumetto ci offra si finisce sempre per ripetere gli stessi concetti?

     

    Dati personali, cookies e GDPR

    Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

    Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

    Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.