Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
In edicola
4 | |
4 | |
4 | |
3 | |
4 | |
4 | |
3 | |
3 | |
4 | |
3 | |
3 | |
3 | |
Topolino 3304 - Recensione di Paperinika

Finalmente dopo gli ultimi numeri (abbastanza altalenanti ma tendenti comunque verso il basso) abbiamo un numero di quelli che ci fanno terminare la lettura soddisfatti.
Il 3304 inizia bene già dalla copertina, c'è da dire, con un Cavazzano ispirato e che stavolta ci propone qualcosa di diverso dai soliti personaggi che sorridono in camera.
La copertina anticipa la storia di apertura, Zio Paperone e la crisi dei sali auriferi (Fontana/Mottura), in cui viene dato spazio ad un elemento - possiamo dire - essenziale nelle avventure di Zio Paperone: i sali auriferi. Come mai sono così efficaci per la rigenerazione del multimiliardario? Da dove vengono? Fontana ci fornisce la risposta a tutte queste domande, con un'avventura dallo stampo classico (e con echi di avventura ciminiana, che non guastano mai) e dal registro che non annoia mai, e anzi incuriosisce fin dalle prime tavole, fino alle spiegazioni finali. I disegni di Mottura, inutile dirlo, sono un belvedere che aggiunge un notevole plus alla storia.
A seguire troviamo Topolino e Orazio apprendisti a vicenda dove Zironi, in veste di autore completo, ci propone un'altra piccola perla, incentrata stavolta sul rapporto tra Topolino e Orazio, entrambi comprimari in maniera perfetta, dato che nessuno dei due ruba la scena all'altro e sembrano muoversi nella maniera più naturale e spontanea possibile all'interno della sceneggiatura, che guadagna anche dal fatto che la mano del disegnatore e quella dello sceneggiatore siano praticamente le stesse.
Le due brevi (Fino all'ultimo strillo (Faccini) e Paperoga insegna - La guida naturalistica (Mazzoleni/Panniello)) strappano più di una risata, anche se la storia di Faccini, c'è da dire, sembra un po' una copia sbiadita del tormentone anni Novanta Ktinn-Ktann.
Altro giro, altra corsa, altro autore completo (ben tre diversi nello stesso numero, se non è un record, poco ci manca. Stavolta la scena è di Alessio Coppola che con Gambadilegno e la celebrità... furtiva propone una simpatica avventura con protagonista il vecchio Gamba.
In chiusura tocca a Paperinik e il treno del mistero (Panaro/Ferracina), forse la storia meno originale del numero, ma la presenza di Paperinik aiuta certamente ad apprezzarla. Il colpo di scena e la cattura del colpevole non sono dei più fantasiosi, ma nell'insieme della storia comunque non lasciano troppo l'amaro in bocca, e il risultato complessivo è comunque più che gradevole.
Da segnalare anche i redazionali, dedicati quasi tutti all'imminente live action di Dumbo.

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (19)
Esegui il login per votare

Topolino 3304

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Paperinika
Imperatore della Calidornia
Moderatore
   (2)

  • ******
  • Post: 10249
    • Offline
    • Mostra profilo
   (2)
    Topolino 3304
    Mercoledì 20 Mar 2019, 22:59:55


    Zio Paperone e la crisi dei sali auriferi (Fontana/Mottura)
    Topolino e Orazio apprendisti a vicenda (Zironi)
    Fino all'ultimo strillo (Faccini)
    Paperoga insegna - La guida naturalistica (Mazzoleni/Panniello)
    Gambadilegno e la celebrità... furtiva (Coppola)
    Paperinik e il treno del mistero (Panaro/Ferracina)

    *

    Lucandrea
    --


      Re:Topolino 3304
      Risposta #1: Venerdì 22 Mar 2019, 14:13:40
      Ho apprezzato molto la storia di apertura dove si parla di uno delle varie cose che spesso attorniano la vita di Paperone, ossia i sali auriferi. Mi è piaciuta la trama e i vari richiami ciminiani: bravi gli autori. Molto simpatica la storia di Faccini e anche quella di Coppola. Un plauso a Zironi per avere riproposto la coppia Orazio-Topolino in una vicenda mai banale e coinvolgente

      *

      Vincenzo
      Cugino di Alf

      • ****
      • Post: 1192
      • Esordiente
        • Offline
        • Mostra profilo

        Re:Topolino 3304
        Risposta #2: Venerdì 22 Mar 2019, 16:43:55
        Tra l'altro i sali erano uno dei pochi tòpoi paperoniani non ancora esplorati, ciò da' ancora più lustro alla splendida storia di Fontana, che utilizza alla grande uno stilema tipicamente ciminiano per dare vita a una storia molto divertente, splendidamente illustrata da Mottura.
        Così come è perfettamente riuscita la prova da autore completo di Giuseppe Zironi, con Topolino e Orazio finalmente insieme come non accadeva da tempo e affiatati come non mai. Orazio si conferma personaggio dalle grandi potenzialità, ovviamente diverse da quelle di spalle più bizzarre come Eta, Atomino e lo stesso PIppo, potenzialità che vorrei venissero esplorate più spesso.
        Molto valida anche la storia di Paperinik, sebbene avrei preferito qualcosa
        Spoiler: mostra
        di diverso dal congegno camuffante
        .
        Se a tutto questo aggiungiamo tre brevi assolutamente riuscite nell'intento di strappare risate ecco che abbiamo un numero che si candida fra i migliori dell'anno.
        If you can dream it, you can do it.

        *

        brigo
        Diabolico Vendicatore

        • ****
        • Post: 1861
          • Offline
          • Mostra profilo

          Re:Topolino 3304
          Risposta #3: Lunedì 25 Mar 2019, 09:03:32
          Anche in questo numero troviamo due cammei piuttosto singolari: nella fattispecie, sul treno della storia con Paperinik, tra i passeggeri ci sono nientepopodimeno che... Stanlio e Ollio!

          *

          Cornelius Coot
          Imperatore della Calidornia

          • ******
          • Post: 10009
          • Mais dire Mais
            • Offline
            • Mostra profilo

            Re:Topolino 3304
            Risposta #4: Lunedì 25 Mar 2019, 15:24:48
            ZIO PAPERONE E LA CRISI DEI SALI AURIFERI  -  Giorgio Fontana riesce, prendendo spunto da un'abitudine quasi quotidiana dello ziastro, a scrivere una storia molto interessante e articolata oltre che tragicomica. Paolo Mottura le da ulteriore qualità rendendo ammirevoli ambienti domestici, allontanandoli da una certa banalità estetica. Torna a mettere le quattro 'guglie' sul tetto del Deposito (oltre che i bulloni alle pareti) come faceva Scarpa ai tempi. Queste sono le storie che più amo: quelle che diventano avventurose loro malgrado, partendo da situazioni di (relativa, come può essere uno svenimento) normalità.

            TOPOLINO E ORAZIO APPRENDISTI A VICENDA  -  Altra bella storia di quotidianità, questa volta topoliniana. Giuseppe Zironi, sempre più bravo nel dare ritmo e vitalità alle sue matite, ripropone una coppia che per tanto tempo non lo è più stata, ridando spazio ad un personaggio ingiustamente sottovalutato come Orazio. Topolino torna a fare l'assistente in lavori casalinghi, come lo era stato al tempo dei Piombatori: e anche in questo caso l'azione non manca: cercata all'inizio, quasi inutilmente, dallo stesso Mickey e poi trovata suo malgrado.

            Fino all'ultimo strillo
            Faccini mi ha fatto ridere e di gusto: la sua Barbara Dark, che strilla anche dormendo e in stereo, contrapposta a Paperino è irresistibile
            Paperoga insegna - La guida turistica
            Niente di che: quando un personaggio ha troppo successo, rischia più di altri la banalizzazione.
            Gambadilegno e la celebrità furtiva
            Ottimo prova di Alessio Coppola autore completo di questa breve: comica la contrapposizione fra l'aspetto (stranamente sommesso) della statue dei 'personaggi del crimine' (preferiti da tutti a quelli dello spettacolo o dello sport) e quello di un personaggio del crimine in carne ed ossa.

            PAPERINIK E IL TRENO DEL MISTERO  -  Buona utilizzazione da parte di Carlo Panaro dell'eroe mascherato in quei ruoli 'di mezzo' fra il noir, i viaggi cronospaziali e le ben note demenzialità. La sua presenza in un viaggio speciale del Calisota Rapid la trovo appropriata: a contatto diretto con la folla ma in un ruolo particolare, collaborando con Paperone che non chiama mai 'zio' (sembra aver imparato a non distrarsi a tal proprosito) neanche nei pensieri. Unica cosa che non mi ha convinto: la fuga di una persona che forse poteva avvenire in modo più celato, senza tirare il freno a mano del treno che ha destato paura e attenzione da parte dei viaggiatori.
            « Ultima modifica: Giovedì 28 Mar 2019, 14:29:03 da Cornelius Coot »

            *

            GioReb
            Evroniano

            • **
            • Post: 111
            • Sono un ammiratore del maestro Rebuffi
              • Offline
              • Mostra profilo

              Re:Topolino 3304
              Risposta #5: Lunedì 25 Mar 2019, 22:34:35
              Zio Paperone e la crisi dei sali auriferi : Finalmente un'avventura originale, che trae spunto da uno dei più classici accessori paperoniani - i sali auriferi del titolo - che effettivamente non erano mai stati presi in considerazione per una storia, almeno da che ricordo io. Non mancano i luoghi esotici e lo strampalato veicolo di turno con i quali il riccastro è solito trascinare i malcapitati nipoti in qualche sua improbabile avventura. Dulcis in fundo, finalmente un Paperone furibondo come ai bei vecchi tempi inseguire i nipoti con una clava!!!  :D :D :D :D :D :D :D :D Fontana omaggia Scarpa e Cavazzano a tutto tondo con il valido supporto delle tavole di Mottura. Voto 9 1/2.

              Topolino e Orazio apprendisti a vicenda: Anche qui un altro omaggio, questa volta a "Topolino e la Banda dei Piombatori" di Gottfredson anche se questa volta al posto di Giuseppe Tubi troviamo un integerrimo Orazio Cavezza in piena forma. Peccato i disegni non all'altezza del testo, che fanno abbassare non poco il voto. Voto 7/8.

              Fino all'ultimo strillo: In compenso Faccini non delude mai in entrambi i ruoli di sceneggiatore e disegnatore. La "dark scream" poi, è tutta da vedere.  :D :D :D Voto 8.

              Paperoga insegna - La guida naturalistica: La storia più debole dell'albo, banale e scontata. Voto 6.

              Gambadilegno e la celebrità... furtiva: Anche qui un altra storia magari non originalissima ma tutto sommato divertente e pertinente. Peccato che alla fine nessuno del pubblico abbia poi rilevato al presuntuoso scultore che l'unica opera degna di nota nella sala fosse Gambadilegno in persona. Bene i disegni. Voto 8.

              Paperinik e il treno del mistero: Una storia che avrebbe potuto essere sviluppata meglio. Vediamo un Paperone tutto sommato piuttosto "piatto", che si limita ad un piccola esclamazione di disappunto anziché elargire una delle sue magnifiche sfuriate nei confronti del cafone che gli strappa la tasca della blusa acquistata di terza mano nel ecc. ecc. ecc.; un Paperinik che ci mette del tempo a realizzare l'avvenuto furto del diamante; l'insospettabile colpevole che, invece di aspettare pazientemente l'arrivo a destinazione per eclissarsi con il bottino, frena platealmente il treno in aperta campagna svelando così la propria identità. Non male i disegni di Ferracina anche se deve curare meglio certi dettagli - per esempio nella terza a pag. 133 il treno sembra uscire dalla stazione sospeso nell'aria - e le espressioni/proporzioni dei personaggi a volte poco convincenti. Voto 6/7.

              Nel complesso un buon numero che lascia ben sperare nella nuova gestione del periodico.

              GioReb
              « Ultima modifica: Lunedì 25 Mar 2019, 22:37:07 da GioReb »

              *

              Vito65
              Cugino di Alf

              • ****
              • Post: 1230
              • ex Generale Westcock
                • Offline
                • Mostra profilo

                Re:Topolino 3304
                Risposta #6: Lunedì 25 Mar 2019, 23:59:42
                Dopo aver letto Topolino e Orazio apprendisti a vicenda ho fatto una riflessione: la storia è ben costruita e mi è piaciuta molto, ed è stato interessante rivedere in azione la (vecchia) coppia di amici costituita da Topolino e Orazio, come una boccata di aria nuova; ho trovato azzeccatissime le frecciatine con cui Orazio ricorda a Topolino di non lasciarsi andare alla deformazione professionale del detective; ma a questo punto ho pensato: in fondo Orazio è rimasto immutato nella sua caratterizzazione originaria, quella del bravo artigiano esperto nel lavoro manuale, seppur adesso un po' più tecnologico; è stato bello rivederlo in azione insieme a Topolino, ma: non sarà che è stato bello rivederlo perchè ciò avviene raramente? Non è che, se lo si ritrovasse ogni settimana, o comunque più di frequente, il suo personaggio potrebbe risultare monotono?

                *

                GioReb
                Evroniano

                • **
                • Post: 111
                • Sono un ammiratore del maestro Rebuffi
                  • Offline
                  • Mostra profilo

                  Re:Topolino 3304
                  Risposta #7: Martedì 26 Mar 2019, 08:38:57
                  (...) non sarà che è stato bello rivederlo perchè ciò avviene raramente? Non è che, se lo si ritrovasse ogni settimana, o comunque più di frequente, il suo personaggio potrebbe risultare monotono?

                  Entrambe le cose ovvero:

                  1) Orazio è sempre stato un personaggio fedele a se stesso (o perlomeno finora a nessun autore è passato per la testa cucirgli ruoli per nulla consoni);

                  2) Le sue apparizioni sono sempre state misurate e mai forzate (a differenza di Ciccio, tanto per fare un esempio).

                  Ciao

                  GioReb

                  *

                  MatteZena
                  Papero del Mistero

                  • **
                  • Post: 254
                  • Esordiente
                    • Offline
                    • Mostra profilo

                    Re:Topolino 3304
                    Risposta #8: Mercoledì 27 Mar 2019, 22:12:02
                    Zio Paperone e la crisi dei sali auriferi
                    Ottima storia tranquilla ma nello stesso tempo avventurosa, che, come impostazione e trama, mi ha ricordato le storie autoconclusive di Don Rosa.
                    Disegni carini, ma Mottura mi è sembrato un po' "stanco" (in più di una scena nella parte iniziale ho notato dei personaggi  che aveva iniziato a disegnare di una certa grandezza e terminati con un'altra).
                    Voto disegni 7 1/2; Voto complessivo 8 1/2

                    Topolino e Orazio apprendisti a vicenda

                    Purtroppo non l'ho ancora letta

                    Fino all'ultimo strillo
                    Storia breve ma molto simpatica di Faccini, con Paperino protagonista insieme ad un lersinaggio tanto irrealistico da essere molto divertente
                    Voto 7 1/2

                    Paperoga insegna -la guida naturalistica
                    Storia breve che strappa una mezzo sorriso, ma abbastanza triste.
                    Buoni i disegni di Panniello.
                    Voto 6 1/2

                    Gambadilegno e la celebrità furtiva
                    Storia simpatica e leggera, ma con un finale un po' banale e con un 'eroe' (il bambino)  che batte Gambbadilegno in modo abbastanza irrealistico e scontato. Perciò, storia carina, tipica storia da leggere d'estate sotto l'ombrellone (anche se non è questo il periodo).
                    Voto 7 1/2

                    Paperinik e il treno del mistero
                    Storia carina e interessante. Ottima sceneggiatura del maestro Panaro e ottimi disegni di Ferracina, anche se, per una storia del genere, avrei preferito dei colori un po' più scuri dive possibile, al contrario di quelli utilizzati, che sono invece brillanti.
                    Voto 8 1/2

                     

                    Dati personali, cookies e GDPR

                    Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                    Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                    Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.