Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
In edicola
5 | |
5 | |
4 | |
3 | |
3 | |
5 | |
5 | |
4 | |
5 | |
5 | |
4 | |
3 | |
Topolino 3309 - Recensione di piccolobush

"Topolino e il mistero di Acquadombra" è una storia di Casty in tutto e per tutto. Ci sono tutti gli elementi più tipici della sua produzione, una serie di eventi apparentemente inspiegabili, un nemico misterioso, la protagonista femminile… In più le consuete e gradevoli strizzate d’occhio, l’umorismo a volte leggero, a volte disarmante e qualche sana frecciatina verso la nostra società e i suoi (apparenti) paradossi. C’è anche qualcosa che non va? Sì, qualcosa è mancato alla fine, perché il cattivo non viene raccontato completamente, non capiamo come è diventato ciò che è. Anche la protagonista femminile lascia parzialmente insoddisfatti: sembra quasi una "quota rosa", deve esserci perchè sì, una presenza che richiama le molte altre eroine create dall’autore ma senza averne lo stesso carisma, la stessa importanza. E anche la sua controfigura acquatica, che nella prima parte sembrava dovesse assurgere a ruolo di vera antagonista, arrivati alla resa dei conti scivola via senza lasciare traccia, proprio come il liquido di cui è composta. Insomma, sembra che a Casty sia mancata qualche pagina per definire meglio quella che resta comunque una storia più che buona e che ha un grande merito: ci restituisce l’Eta Beta più vero e genuino, quello originale di Walsh, lontano anni luce dalla caratterizzazione che poi gli è stata cucita addosso soprattutto in Italia. Ottima anche l’idea di "neutralizzare" parzialmente lo stesso Eta Beta e il suo gonnellino, con un espediente talmente semplice che passa quasi inosservato: permette alla storia di non essere troppo schiava del simpatico uomo del futuro e regala anche uno dei tanti momenti di ilarità.
La storia di apertura del numero è invece dedicata a Paperino, in una delle ormai frequenti sedute di psicanalisi operate dagli autori su di lui. Evidentemente c’è il bisogno ciclico di ripetere ai lettori e allo stesso protagonista, che non è lo sfortunato, svogliato combina-guai che tutti pensano, ma un individuo tenace, pieno di risorse, etc… Solo che lo si fa sempre nello stesso modo, in maniera scolastica, con i concetti che vengono esplicitati senza tanti giri di parole: "Sei coraggioso, sai tirarti fuori dai guai… Coloro che ti circondano lo sanno, etc…"
C’era (c’è) un altro personaggio che soffriva (e in parte ancora soffre?) di crisi d’identità, un personaggio visto come antipatico, saputello, etc… Beh, ci credereste? Un pugno di autori (tra cui lo stesso Faraci che ha scritto questa avventura) si sono messi al lavoro e hanno scritto storie dove finalmente tornava ad avere una dimensione diversa, in cui si riappropriava delle sue caratteristiche originarie e le approfondiva ulteriormente. Se Topolino oggi ha superato quel periodo di scarsa celebrità lo deve appunto all’opera di autori come Faraci, Casty e altri che hanno mostrato per lui quel rispetto che gli era negato da anni.
Perché non è possibile fare un’operazione simile con Paperino? Perché dobbiamo accontentarci di storie come questa, divertenti sì (Faraci non ha perso la vena umoristica), ma dove ci viene spiegato chi è Paperino anziché mostrarcelo? E’ così difficile scrivere buone storie con quello che era il personaggio più universale della famiglia disneyana?
Blasco Pisapia torna in veste di autore completo cogliendo l’occasione della mostra dedicata a Canova nella città di Napoli. E la città di cui lui stesso è originario è la vera protagonista dell’avventura, con angoli, paesaggi e caratteristiche che evidentemente l’autore conosce molto bene e sa rendere in maniera altrettanto felice sulla tavola. Questo, accompagnato alla gradevolezza della trama, fa chiudere un occhio sulla resa non sempre ottimale nella rappresentazione di alcuni dei protagonisti.
Sul resto delle storie non c’è molto da dire.
Non so se avete presente Nonna Papera e le torte galattiche: io purtroppo sì. E il fatto che quella storia fosse firmata da Pavese e Chierchini, cioè due colonne della Disney italiana, mi impedisce di infierire come potrei e vorrei su quella di Secchi, di cui però voglio almeno riscrivere il titolo, così, per non dimenticare: "Nonna Papera e la minaccia di Pasticcino 03"...
Non mi sovvengono invece storie simili a quella di Deninotti il che potrebbe dare il via libera alla messa per iscritto del mio pensiero. Ma ormai sono arrivato alla fine senza scrivere una sola vera cattiveria, perché rovinare la media di questo numero? E poi gli efficacissimi disegni di Baccinelli, di grande effetto, emendano una trama sconclusionata e con passaggi logici alquanto frettolosi.
Oltre le storie, spazio a una serie di interessanti contenuti: un articolo sugli esperimenti robotici del CNR, una intervista a Blasco Pisapia e il backstage dello spot ideato per festeggiare i 70 anni di Topolino libretto

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (29)
Esegui il login per votare

Topolino 3309

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

ventinofatale
Gran Mogol

  • ***
  • Post: 584
  • Esordiente
    • Offline
    • Mostra profilo

    Re:Topolino 3309
    Risposta #30: Mercoledì 1 Mag 2019, 09:20:24
    a me il numero è sembrato fi ottimo livello sinceramente, quanto a Cavazzano... sinceramente criticare il suo tratto attuale mi sembra perlomeno ingeneroso, per carità i gusti sono gusti, ma Cavazzano ha la rara capacità di trasmettere con i suoi disegni l'essenza stessa dello stile Disney, per cui se non piace forse il problema è che non si apprezzano abbastanza i personaggi o la Disney stessa, troppo spesso si giudicano i disegnatori a seconda del periodo nel quale si è iniziato a leggere Topolino, io ho 48 anni e logicamente ho iniziato con le storie del maestro Carpi, del grande Romano Scarpa e poi anche Bottaro Martina ecc, poi ho scoperto Barks, oggi dopo aver letto e rilettto migliaia di storie ritengo Cavazzano e Rota i migliori in assoluto dopo il maestro Barks.

    *

    Nuvola che ride
    Bassotto
       (1)

    • *
    • Post: 2
    • Esordiente
      • Offline
      • Mostra profilo
       (1)
      Re:Topolino 3309
      Risposta #31: Mercoledì 1 Mag 2019, 11:29:31
      Anch'io, come altri, ho nostalgia del Cavazzano anni '70 (anzi, "dei" Cavazzano; quello "Moloch" e quello "Eroico smemorato"), ma in questa storia, a parer mio, ci sono squarci degni del tempo che fu: trovo molto evocativi  alcuni paesaggi - e anche alcune semplici vignette con Paperino. Farei la firma per trovare in tutti i numeri un paio di storie così.
      « Ultima modifica: Mercoledì 1 Mag 2019, 11:31:03 da Nuvola che ride »

      *

      Walecs
      Evroniano

      • **
      • Post: 112
        • Online
        • Mostra profilo

        Re:Topolino 3309
        Risposta #32: Mercoledì 1 Mag 2019, 19:18:11
        Tuttavia ho trovato questa seconda parte affrettata, decisamente non all’altezza della prima in cui i misteri sembravano molto più interessanti. Ho letto che qualcuno avrebbe gradito un paio di pagine in più, io avrei addirittura preferito una storia in tre parti con una parte di mezzo corposa e magari anche complessa in cui i misteri si infittivano.

        Concordo in pieno. Storia bellissima, per carità, ma credo che avrebbe giovato molto dalla presenza di una puntata in più. Detto ciò, tanti complimenti a Casty perché le sue storie sono formidabili, sempre cariche di tensione e di mistero. Bellissima anche l'idea alla base della storia!

        Per quanto riguarda la storia di Paperino anch'io sono rimasto piuttosto deluso; la morale della storia è banale, ma alla fine non è quello il problema principale, bensì la rapidità e la superficialità con cui viene presentata. Sembra quasi che Faraci abbia detto "dai, ormai questo tipo di messaggio è già stato trasmesso mille volte su Topolino, inutile perderci troppo tempo". In generale sono convinto che questa storia avrebbe dovuto essere molto più lunga e più profonda; io avrei aggiunto un prologo ambientato a Paperopoli (e avrei evitato l'inizio in medias res) e un conflitto più sentito. Peccato, perché gli spunti interessanti non mancano (per esempio la sequenza onirica che funge da spinta motivazionale per Paperino) e Cavazzano, secondo me, è ancora in gran forma e in questa storia non è da meno. Questa storia, secondo me, soffre degli stessi problemi di un'altra storia di Faraci molto recente, ovvero Topolino e l'amico non ritrovato, che si basava su una sinossi accattivante che poi si è sviluppata in una sceneggiatura davvero troppo affrettata e priva di personalità.

        Vorrei infine muovere una piccola critica alla storia Macchia Nera e il ratto dei furfanti. Ma era proprio necessario utilizzare il termine "training" invece che "addestramento" (pagina 85)? Mah

        *

        GioReb
        Evroniano
           (2)

        • **
        • Post: 103
        • Sono un ammiratore del maestro Rebuffi
          • Offline
          • Mostra profilo
           (2)
          Re:Topolino 3309
          Risposta #33: Giovedì 2 Mag 2019, 08:09:52
          Vorrei infine muovere una piccola critica alla storia Macchia Nera e il ratto dei furfanti. Ma era proprio necessario utilizzare il termine "training" invece che "addestramento" (pagina 85)? Mah

          Fosse solo quello...  :( :( :(

          Ciao

          GioReb

          *

          Dmenini
          Brutopiano

          • *
          • Post: 32
          • Esordiente
            • Offline
            • Mostra profilo

            Re:Topolino 3309
            Risposta #34: Giovedì 2 Mag 2019, 20:34:25
            Gio reb sei ancora lì  che ti lamenti ma basta !

            *

            MatteZena
            Papero del Mistero

            • **
            • Post: 239
            • Esordiente
              • Offline
              • Mostra profilo

              Re:Topolino 3309
              Risposta #35: Giovedì 2 Mag 2019, 22:57:29
              Allora: numero particolare, bello, per carità, ma rispetto ai 2 precedenti con una qualità un po' "altalenante"
              Paperino in: le disavventure di un papero tenace: storia molto carina, simpatica e 'riflessiva', ma noto lo stesso problema della storia di Faraci-Cavazzano di aprile 2018 con Topolino e Gambadilegno: cioè non ha nè un inizio ne una fine, ma racconta un pezzo di un'avventura più lunga.
              Voto storia: 7+ Voto disegni: 9                 Voto media: 8

              Topolino Canova e la scintilla poetica: storia elegante e molto gradevole. Sia la sceneggiatura che i disegni sono veramente belli e i secondi un piacere per gli occhi.
              Nota di merito all'aspetto classico (molto simile a quello dei corti e di Gottfredson) di Orazio e dell'altro riccone
              Voto storia: 7 1/2  Voto disegni:8+
              Voto media: 7/8

              Macchia nera e il ratto dei furfanti: storia che sarebbe potuta essere più carina ma che si è rivelata molto dispersiva, caotica e irrealistica.
              Nota di merito per i disegni di Baccinelli
              Voto storia: 6    Voto disegni: 7+              Voto media: 6/7


              Nonna Papera e la minaccia di pasticcino 03:
              Storia simpatica ma ritengo banale l'aver dovuto usare DI NUOVO gli alieni.
              Come sempre molto gradevoli i disegni di Franzò
              Voto storia:6+  Voto disegni: 7 1/2               Voto media: 6/7

              Acquadombra ep. 2: Questo secondo episodio è, come il primo, molto divertente,coinvolgente e interessante, ma ho notato delle incongruenze  sul come vengano comandati gli 'schiavi acquatici', a volte viene detto con il telefono a volte con le bacchette. Inoltre ho notato che la parte finale è un po' 'tirata via'.
              Voto ep. 1: 8/9  Voto ep.2: 8+  Voto media: 8 1/2

              In definitiva un numero gradevole e che si legge volentieri, ma leggermente sottotono rispetto ai precedenti 2
              « Ultima modifica: Lunedì 6 Mag 2019, 22:49:36 da MatteZena »

              *

              Walecs
              Evroniano

              • **
              • Post: 112
                • Online
                • Mostra profilo

                Re:Topolino 3309
                Risposta #36: Venerdì 3 Mag 2019, 15:13:32
                Acquadombra ep. 2: Questo secondo episodio è, cone il primo, molto divertente,coinvolgente e interessante, ma ho notsto delle incongruenze  sul come vengano comandati gli 'schiavi acquatici', a volte viene detto con il telefono a volte con le bacchette. Inoltre ho visto che la parte finale è un po' 'tirata via'.
                Voto ep. 1: 8/9  Voto ep.2: 8+  Voto media: 8 1/2

                Non viene detto che l'acqua viene controllata con gli ultrasuoni? Sia i cellulari che la bacchetta emettono ultrasuoni, e ovviamente la bacchetta da sola non è sufficiente a controllare tutti gli schiavi contemporaneamente.

                *

                MatteZena
                Papero del Mistero
                   (1)

                • **
                • Post: 239
                • Esordiente
                  • Offline
                  • Mostra profilo
                   (1)
                  Re:Topolino 3309
                  Risposta #37: Venerdì 3 Mag 2019, 22:25:32

                  Vorrei infine muovere una piccola critica alla storia Macchia Nera e il ratto dei furfanti. Ma era proprio necessario utilizzare il termine "training" invece che "addestramento" (pagina 85)? Mah

                  Ormai la tendenza (o dovevo dire trend ?) è quella di sostituire parole italiane con le corrispondenti inglesi, senza una logica motivazione.  SmBho

                  Esatto: penso che se ci sono delle parole che è più giusto dire in inglese (per esempio, per i film, Trailer invece che pubblicità, oppure, in alcuni casi,intro invece che sigla, oppure Smartphone invece che cellulare, per distinziare i telefonini vecchi da quelli nuovi), sia giusto utilizzare maggiormente l'Inglese. Ma in casi come questo no: ci sono un sacco di casi in cui viene detto happy hour invece che aperitivo (ma tra queste due cose c'è una bella differenza), quando si potrebbe benissimo usare la seconda, oppure cover invece che copertina (e Topolino Magazine stesso lo fa), (a volte) comic al posto di fumetto o, appunto, training al posto di allenamento, e io non riesco davvero a sopportarli😅😅

                  *

                  Walecs
                  Evroniano
                     (1)

                  • **
                  • Post: 112
                    • Online
                    • Mostra profilo
                     (1)
                    Re:Topolino 3309
                    Risposta #38: Sabato 4 Mag 2019, 12:37:44

                    Vorrei infine muovere una piccola critica alla storia Macchia Nera e il ratto dei furfanti. Ma era proprio necessario utilizzare il termine "training" invece che "addestramento" (pagina 85)? Mah

                    Ormai la tendenza (o dovevo dire trend ?) è quella di sostituire parole italiane con le corrispondenti inglesi, senza una logica motivazione.  SmBho

                    Esatto: penso che se ci sono delle parole che è più giusto dire in inglese (per esempio, per i film, Trailer invece che pubblicità, oppure, in alcuni casi,intro invece che sigla, oppure Smartphone invece che cellulare, per distinziare i telefonini vecchi da quelli nuovi), sia giusto utilizzare maggiormente l'Inglese. Ma in casi come questo no: ci sono un sacco di casi in cui viene detto happy hour invece che aperitivo (ma tra queste due cose c'è una bella differenza), quando si potrebbe benissimo usare la seconda, oppure cover invece che copertina (e Topolino Magazine stesso lo fa), (a volte) comic al posto di fumetto o, appunto, training al posto di allenamento, e io non riesco davvero a sopportarli😅😅

                    - Certo, ci sono casi in cui io stesso adopero i termini inglesi perché non esiste un corrispettivo italiano (trailer, ad esempio, è più specifico di pubblicità, dato che sottintende solamente quelle dei prodotti audiovisivi e talvolta anche dei libri, ma mai di uno shampoo o di uno spremiagrumi).

                    - Idem. Purtroppo è una tendenza che ormai sta prendendo piede anche sul Topo.

                    *

                    Bramo
                    Dittatore di Saturno
                       (2)

                    • *****
                    • Post: 2973
                    • Sognatore incallito
                      • Offline
                      • Mostra profilo
                       (2)
                      Re:Topolino 3309
                      Risposta #39: Lunedì 6 Mag 2019, 00:09:18
                      Il problema di Tito Faraci è che da alcuni anni difficilmente riesce a fare storie con i personaggi Disney mentre scrive spesso storie sui personaggi Disney.
                      È il caso di Le disavventure di un papero tenace: l'avventura c'è, ma è basica, estremamente elementare, utile sostanzialmente solo a veicolare una riflessione sul carattere di Paperino. In realtà, rispetto ad altre prove di questo tipo dello sceneggiatore lombardo, in questo caso il risultato è anche piuttosto riuscito: un paio di gag particolarmente apprezzate e un buon Paperino in scena consentono alla storia di scorrere abbastanza bene, ma resta un impianto poco adatto ad essere "munto" troppo a lungo, e anche i disegni di Giorgio Cavazzano non bastano a far fare il salto di qualità alla storia, visto che in diverse occasioni il tratto del maestro non spicca e non appare particolarmente ispirato.

                      Un'avventura in senso classico è invece quella di Casty, che tiene fede a questo approccio anche nella seconda parte di Il mistero di Acquadombra. Lo sviluppo è forse un filo meno intrigante del primo tempo, ma l'intreccio fila, la tensione non manca, Topolino è perfettamente in parte e soprattutto abbiamo un Eta Beta meraviglioso, che ormai si può vedere fedele alla sua essenza (stralunato, serafico, quasi etereo, straniante e proprio per questo simpaticissimo) solo nelle storie castyane.
                      Una satira sottesa ma feroce, mai gratuita ma sempre inserita all'interno della trama, assolutamente integrata nella contemporaneità: due elementi importanti in questa storia, che si configura per me come una delle migliori dell'autore degli ultimi anni.
                      Anche a livello grafico, infine, trovo che il segno di Casty sia particolarmente plastico, sempre nell'ambito della sua line classica ma con un piglio ancora più dinamico, probabilmente grazie all'inchiostrazione che rende più guizzante un segno già sintetico di suo.

                      Le altre tre storie del numero, ahimè, non offrono spunti degni di nota o di dissertazione: Nonna Papera e la minaccia di Pasticcino 03 è una bambinata senza arte né parte, moscia e decisamente disinteressante, mentre perlomeno Macchia Nera e il ratto dei furfanti ci prova ad essere qualcosa di più... non riuscendoci, però, perché si risolve in qualcosa di piatto e prevedibile.
                      Topolinio Canova e la scintilla poetica è la sorpresa deludente: doveva essere un'altra storia di punta del numero (la variant cover era dedicata a lei, in fondo) e Blasco Pisapia ha sfornato ottime prove in questi anni, ma stavolta qualcosa è andato storto: raccontino didascalico e poco ispirato, che procede con il pilota automatico e privo di verve, annoiando durante la lettura. Non basta la presenza di un personaggio degli anni Trenta come Eli Squick a rendere interessante una trama, purtroppo. Anche lo stile grafico dell'autore, solitamente piacevolmente retrò ed elegante con i Paperi, con l'universo topolinesco appare ingessato e abbozzato, quasi un'involuzione del segno.

                      *

                      Paperinika
                      Imperatore della Calidornia
                      Moderatore

                      • ******
                      • Post: 10180
                        • Offline
                        • Mostra profilo

                        Re:Topolino 3309
                        Risposta #40: Lunedì 6 Mag 2019, 00:26:15
                        Il problema di Tito Faraci è che da alcuni anni difficilmente riesce a fare storie con i personaggi Disney mentre scrive spesso storie sui personaggi Disney.
                        Non avrei potuto dirlo meglio.

                        *

                        Vincenzo
                        Cugino di Alf

                        • ****
                        • Post: 1162
                        • Esordiente
                          • Offline
                          • Mostra profilo

                          Re:Topolino 3309
                          Risposta #41: Lunedì 6 Mag 2019, 17:05:37
                          A me non dispiacciono affatto le storie sui personaggi Disney, visto che Faraci le scrive benissimo. Non è definibile problema, secondo me.
                          Avrei da ridire anche sul giudizio riguardo Topolinio Canova, che ho trovato assolutamente riuscito e per nulla noioso, oltre che disegnato benissimo (soprattutto per quanto riguarda le opere, ma anche i protagonisti non sono per niente "involuti").
                          .
                          « Ultima modifica: Lunedì 6 Mag 2019, 17:12:14 da Vincenzo »
                          If you can dream it, you can do it.

                          *

                          Bramo
                          Dittatore di Saturno

                          • *****
                          • Post: 2973
                          • Sognatore incallito
                            • Offline
                            • Mostra profilo

                            Re:Topolino 3309
                            Risposta #42: Lunedì 6 Mag 2019, 20:40:19
                            A me non dispiacciono affatto le storie sui personaggi Disney, visto che Faraci le scrive benissimo. Non è definibile problema, secondo me.
                            Ci sta, ovviamente, va a gusti.
                            Il "problema", a mio avviso, si crea quando diventa un pattern da cui l'autore non sembra riuscire più a staccarsi. Una volta ogni tanto la storia che riflette sugli stessi personaggi e ne fa una sorta di "decostruzione" anche ironica ci può stare, è anzi piacevole. Per me lo era alla fine degli anni Novanta, quando questo tipo di approccio era abbastanza inedito e proprio Faraci ne era il principale artefice..
                            Il fatto che uno sceneggiatore, quasi ogni volta che scrive una storia lunga ricorra a questo andamento, diventa secondo me una limitazione, se non una scorciatoia narrativa.
                            La filosofia di Paperino, Topolino, Gambadilegno e… il solito sospetto, Gambadilegno e il giallo della camera gialla, Zio Paperone in... un cosplayer di troppo, Paperoga con la testa tra le nuvolette, Topolino e il tesoro dell’isola, Le normalissime avventure di Paperino, Topolino in: Un eccezionale normale Natale sono i primi esempi che saltano fuori sbirciando velocemente su Inducks nella produzione degli ultimi 7-8 anni. Storie magari simpatiche, magari ben scritte, magari con personaggi ben raccontati (in particolare quella dello scorso Natale, che apprezzai nel complesso)... ma che si parlano addosso, e alla lunga lo ritengo uno stratagemma un po' troppo retorico e che ha esaurito la sua spinta creativa.
                            Questo non per farti cambiare idea, eh, ma solo per spiegare meglio le mie motivazioni.

                            Avrei da ridire anche sul giudizio riguardo Topolinio Canova, che ho trovato assolutamente riuscito e per nulla noioso, oltre che disegnato benissimo (soprattutto per quanto riguarda le opere, ma anche i protagonisti non sono per niente "involuti").
                            Anche qui, ovviamente, ci sta. ;)
                            Pisapia è un bravissimo disegnatore che solitamente apprezzo, ma stavolta nei personaggi principali ho visto davvero scarsa dinamicità.
                            Il tuo commento mi permette però di dire che anch'io ho apprezzato invece le sculture rappresentate.

                            *

                            Walecs
                            Evroniano
                               (3)

                            • **
                            • Post: 112
                              • Online
                              • Mostra profilo
                               (3)
                              Re:Topolino 3309
                              Risposta #43: Lunedì 6 Mag 2019, 22:17:41
                              A me non dispiacciono affatto le storie sui personaggi Disney, visto che Faraci le scrive benissimo. Non è definibile problema, secondo me.

                              Concordo, di fatti non è quello il problema. Faraci è un autore superlativo, ha sceneggiato tantissime storie formidabili per il Topo, ma quest'ultima storia su Paperino sembra veramente un'accozzaglia di cose a caso. Magari è stata la redazione a mettergli dei paletti, questo non lo so e quindi non voglio puntare contro nessuno, ma insisto nel dire che questa storia avrebbe dovuto essere molto più lunga. Le storie sui personaggi sono interessanti (anzi, secondo me il Topo dovrebbe puntare molto di più su quelle, un ottimo esempio è stata la storia di Amelia sul numero 3310), ma il voler analizzare la personalità di un personaggio non deve ridursi a una mera esposizione di una morale o di un profilo psicologico (tipo "sei sfortunato, ma sei anche un tipo tenace e circondato da persone che ti vogliono bene"). Il messaggio della storia deve far parte di una narrazione, dev'essere la naturale risoluzione di un conflitto affrontato dal protagonista e vissuto dal lettore assieme a lui.

                              *

                              Cornelius Coot
                              Sapiente Ciminiano

                              • ******
                              • Post: 9762
                              • Mais dire Mais
                                • Online
                                • Mostra profilo

                                Re:Topolino 3309
                                Risposta #44: Mercoledì 8 Mag 2019, 19:18:25
                                PAPERINO IN: LE DISAVVENTURE DI UN PAPERO TENACE
                                Non solo avventura e comicità ma anche cinismo (da parte dello zione che lo pagherà alla fine) in un plot classico ma rivisto e 'corretto' da Tito Faraci. Ottimo Cavazzano sia nelle tavole che nella copertina. Nelle prime vignette Paperino, in una situazione di estrema difficoltà, sfoggia una serie di battute alla DoubleDuck che non mi piacevano in quell'ambiente e, a maggior ragione, in questo. Donald non è un cabarettista che deve far ridere il pubblico ogni minuto secondo: si può essere comici anche involontariamente, senza star sempre a becco spalancato.

                                TOPOLINO CANOVA E LA SCINTILLA POETICA 
                                Blasco Pisapia è davvero un maestro nel proporci ambienti del passato utilizzando personaggi non ordinari: oltre a Clarabella che sa muovere come nessun altro (in questo caso ricorda un po' la Zia Nena di cui si sente la mancanza) ripesca Eli Squinch e lo utilizza magnificamente, molto 'in character' nella complicità con Gamba in cui lui è la mente e Pietro il braccio, come nelle migliori storie di Gottfredson. Non dimenticandoci degli zii Balatrone e Topolinda: ogni occasione è buona per i 'ripescaggi' e spero che gli autori se ne ricordino anche nelle storie quotidiane dove rivedere certi characters sarebbe ancora più piacevole.

                                MACCHIA NERA E IL RATTO DEI FURFANTI
                                Buon giallo topoliniano dove Macchia Nera sfoggia la sua infinità genialità mai sufficiente, però, per una vittoria totale o finale.

                                Nonna Papera e la minaccia di Pasticcino 03
                                Considerando il materiale a disposizione (torte e marziani) Secchi riesce comunque a tirar fuori qualcosa di decente.

                                TOPOLINO E IL MISTERO DI ACQUADOMBRA
                                Prendendo diversi spunti da suoi precedenti lavori (come d'altronde hanno spesso fatto Gottredson e Barks) Casty confeziona un prodotto godibile e sicuramente di buon livello. Con in più un Eta Beta un po' in fissa con l'altro sesso, fino all'ultima vignetta. Spero di rivederlo in soggetti più quotidiani e meno 'enfatici', magari con Topesio o altri personaggi 'minori': penso che in questo periodo l'autore possa dare il meglio di se in questo campo.

                                                                             

                                « Ultima modifica: Mercoledì 8 Mag 2019, 23:21:01 da Cornelius Coot »

                                 

                                Dati personali, cookies e GDPR

                                Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                                Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                                Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.