Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
In edicola
5 | |
4 | |
3 | |
5 | |
5 | |
3 | |
4 | |
4 | |
3 | |
5 | |
5 | |
3 | |

Topolino e gli orfani di guerra

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Maximilian
Dittatore di Saturno
   (1)

  • *****
  • Post: 3149
  • Innamorato di Bill Walsh
    • Offline
    • Mostra profilo
   (1)
    Topolino e gli orfani di guerra
    Giovedì 11 Lug 2019, 16:25:07

    https://inducks.org/story.php?c=YM+061

    Ecco una storia meravigliosa come poche.
    Un thriller piacevolmente inquietante, costruito in uno spazio abbastanza limitato (sole 30 strisce).
    Misteriosi attentati si susseguono ad un ritmo ansiogeno, mentre la città, teatro della vicenda, assume contorni claustrofobici in quanto non più sicura da infiltrazioni nemiche. Da paura l'agente segreto che spia dalla finestra, il poliziotto che si rivela un tedesco ma soprattutto la sparizione dei bambini, avvenuta da una vignetta all'altra che riprendono la stessa inquadratura apparentemente a pochi secondi di distanza ma durante i quali qualcosa di ignoto è successo. Anche una passante nei paraggi risulta sorpresa e non ha realizzato cosa di preciso sia avvenuto tanto da non avere la certezza che i ragazzini fossero stati veramente lì.

    Non mancano comunque le risate, come quando Topolino mette il pannolino a Pluto o la lezione di inglese di Pippo. A tal proposito, quella striscia si conclude con Topolino che insegue arrabbiato e impugnando una scopa l'amico, una scena che si ripeterà in futuro.
    Per quanto riguarda la vicina di casa ficcanaso, si noti che non è la stessa di questa striscia, poichè i cognomi - Jones e Green - sono differenti, nonostante il ruolo del personaggio sia il medesimo (e anche l'aspetto non diverge più di tanto).

    Una delle scene migliori si ha quando Topolino, per confortare e fare forza agli orfani, lancia il gelato contro il manifesto di Hitler

    La storia termina con un finale stranissimo, in cui avviene un colpo di scena inaspettato in quanto del tutto scollegato alla trama.

    Si tratta, purtroppo, dell'ultima occasione nella quale Topolino ha a che fare direttamente con i nemici di guerra. E' un gran peccato dato che dall'entrata degli Stati Uniti nel conflitto fino alla sua conclusione sono passati quasi 4 anni mentre le vicende più propriamente belliche nel fumetto sono durate soltanto alcuni mesi: sicuramente la formula si sarebbe potuto sfruttare di più.
    Inoltre, questa è probabilmente l'ultima volta che Walsh utilizza stilemi/elementi narrativi gottfredsoniani e demarisiani: in seguito William Crozier intraprenderà una strada assolutamente personale.

     

    Dati personali, cookies e GDPR

    Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

    Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

    Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.