Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
In edicola
3 | |
4 | |
3 | |
3 | |
3 | |
3 | |
2 | |
1 | |
2 | |
3 | |
2 | |
3 | |
Topolino 3324 - Recensione di piccolobush

Cominciano in questo numero le nuove avventure di Paperinik direttamente ispirate alle storie originali di Martina degli anni '70. Artefice di questa operazione è Marco Gervasio, già artefice della riscrittura delle origini del vendicatore di qualche numero fa e anche in questa occasione autore completo.
Essendo più o meno suo coetaneo, non posso non valutare questo progetto con gli occhi di chi ha letto già da bambino quelle avventure. Indubbiamente "Paperinik e l'inghippo del 'B&B'", in questa prima parte, è scorrevole e rispettosa dei personaggi originali. A lasciarmi perplesso è però tutta l'operazione. L'autore e anche il direttore del giornale erano stati fin troppo espliciti, dichiarando a più riprese la diretta ispirazione alla versione primordiale del personaggio, ma qua non si tratta di semplice ispirazione: si riprendono pedissequamente elementi, caratterizzazioni, quasi intere sequenze di quei vecchi lavori per ottenerne una rimasticatura e riproponendoli senza un po' di originalità. Che senso ha? I limiti del Paperinik martiniano, per quanto sia un suo accanito fan, mi sono fin troppo chiari e tra l'altro emergono subito dopo poche storie dell'autore piemontese: il Paperinik vendicatore che ha come nemesi naturali il cugino e lo zio è un filone che si inaridisce presto e, già dopo alcune avventure, a questa raffigurazione si alterna quella di un "vigilante" sui generis che porterà poi a quella di supereroe cittadino a tutti gli effetti solo qualche anno dopo la sua prima apparizione. Riuscirà Gervasio a evitare il vicolo cieco cui porta inevitabilmente la figura del Paperinik vendicatore di se stesso? Aspettiamo la seconda puntata (e magari le storie successive) per un giudizio completo, tuttavia, in mancanza di qualcosa di realmente nuovo, rischia di essere una iniziativa velleitaria, senza un vero appeal.
Altra storia da segnalare è "Young Donald Duck", una nuova serie ideata da Francesco Artibani e Stefano Ambrosio che si dipanerà per otto puntate. Si tratta di una serie che narra il periodo adolescenziale di Paperino e di altri personaggi Disney (compresi quelli di Topolinia) pensata anche (soprattutto) per il mercato americano. Questa prima parte è poco più di un prologo e al di là che sembra essere interessante, soprattutto considerando il pubblico ben specifico cui si rivolge, c'è poco altro da dire. Non resta che aspettare le puntate successive. Artibani comunque ha già realizzato un buon lavoro con Slam Duck, operazione per certi versi analoga, ed è quindi lecito sperare in una felice riuscita.
Delle altre storie presenti val la pena notare la divertente breve di Vito Stabile e Fabio Pochet e "Indiana Pipps e la tavola del re delle onde". Questa in particolare si segnala, oltre che per i disegni di Vian, per aver inquadrato in un contesto preciso il personaggio creato da Sarda. Sisto Nigro lo assimila ancor di più alla sua controparte cinematografica, facendone un professore universitario. In tal modo gli dà una connotazione più realistica non solo rispetto all'avventuriero senza arte né parte come era in origine, ma anche rispetto al goffo tentativo fatto dal suo stesso creatore quando lo aveva inserito tra i custodi del mistero. Inoltre, la presenza di Kranz resa da subito palese, pur non dando chissà quale valore aggiunto, evita almeno al lettore di chiedersi in quale pagina salterà fuori "a sorpresa". Ci si toglie il dente subito e va bene così.
Complessivamente un numero sufficiente che, in più, ha come allegato il secondo mazzo di carte da gioco disegnate da Paolo Mottura.

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (24)
Esegui il login per votare

Topolino 3324

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

ilFumettista
Sceriffo di Valmitraglia
   (1)

  • ***
  • Post: 325
  • Non prendetevi troppo sul serio...
    • Offline
    • Mostra profilo
   (1)
    Re:Topolino 3324
    Risposta #30: Giovedì 8 Ago 2019, 13:34:19
    Guarda, io non sono per niente purista, sostenevo che YD si avvicinasse più a Pp8 che alla visione DonRosiana.
    Citazione da: Francesco Artibani
    possono saltarla o leggerla con rilassatezza
    Io l'ho letta di relax e l'ho apprezzata tanto. Davvero piacevole :).
    -ilFu
    « Ultima modifica: Giovedì 8 Ago 2019, 14:05:09 da ilFumettista »

    *

    Lunatico
    --
       (1)

       (1)
      Re:Topolino 3324
      Risposta #31: Giovedì 8 Ago 2019, 15:08:38
      Il prodotto young Donald è pensato per un pubblico internazionale, non esistiamo solo noi italiani abituati a paperino paperotto. Basta con sta storia della continuity

      Non capisco perché un  pubblico internazionale dovrebbe aver problemi a comprendere chi sono gli amici storici di Paperino, ne' perché questi debbano essere totalmente eliminati dalla vicenda senza neppure un vago accenno della loro esistenza. Non ci vuole molto a rendere coerenti fra di loro due cicli narrativi, se si vuole che abbiano una certa "parentela", come in questo caso. Non venitemi a dire che YD non è stato quanto meno inteso come seguito spirituale di PP8: c'è perfino un riferimento esplicito a Miss Witchcraft, personaggio iconico ed esclusivo di PP8, chiaro accenno che serve a comunicare al lettore la parentela fra l'universo di YD e PP8.
      Se questa era l'intenzione, allora bisognava fare più attenzione al fatto che in PP8, a differenza del Don, Paperino conosce perfettamente lo Zio, fin da bambino.
      Quindi da un lato riprendiamo l'infanzia di Paperino di PP8, allevato da Elvira a Quacktown, dall'altra riprendiamo il rapporto inesistente e conflittuale con Zio Paperone di Don Rosa. Personalmente non mi piace questa sorta di ibrido, che sembra proprio non sapere dove andare a parare. Avrei preferito che YD si inserisse chiaramente in uno dei due filoni, o raccontasse qualcosa di completamente inedito.
      Detto ciò, a prescindere da queste riflessioni, la prima storia di YD mi è parsa decisamente anonima, con un finale frettoloso e un'unica gag basata sull'inettitudine costante di Meo Porcello. Un po' miserello come inizio, se permettete. Anche perché poi, con l'improvviso trasferimento a Topolinia sul finale, ho la netta sensazione che Meo Porcello non lo rivedremo più, quindi un personaggio inserito unicamente per le quattro gag infelici che lo hanno avuto come protagonista.
      « Ultima modifica: Giovedì 8 Ago 2019, 15:12:26 da Lunatico »

      *

      Cornelius Coot
      Sapiente Ciminiano
         (1)

      • ******
      • Post: 9952
      • Mais dire Mais
        • Offline
        • Mostra profilo
         (1)
        Re:Topolino 3324
        Risposta #32: Giovedì 8 Ago 2019, 16:47:43
        Non capisco perché un  pubblico internazionale dovrebbe aver problemi a comprendere chi sono gli amici storici di Paperino, ne' perché questi debbano essere totalmente eliminati dalla vicenda senza neppure un vago accenno della loro esistenza.
        Anche perché PP8&Friends sono stati pubblicati in diversi paesi europei, per cui i lettori dovrebbero conoscerli. Forse il problema è con l'America che però potrebbe rimediare ai suoi (oramai) cronici ritardi in materia fumettistica disneyana. La presenza di Meo Porcello mi fa pensare a ciò (forse ricordato dagli americani per i cartoni anni '30 di Donald Duck). Ad ogni modo questo 'itinerario' sull'adolescenza e la gioventù di Paperino sembra interessante: si è partiti con il suo più 'vecchio' amico (per la storia massmediologica) che però segue i veri primi amici (Tom, Louis, Betty Lou, Millicent), sempre a Quack Town (gli americani la conosceranno?) e passando da un tempo indefinito del passato ad uno molto presente ('presentissimo'), nonostante Meo lo si colleghi agli anni '30.

        Si è rinunciato ai paperetti ma non alla loro cittadina bucolica: anche Meo Porcello è un quacktonian! Se i primi sono compagni di scuola elementare, il secondo lo è delle medie. Finite le quali Paperino vince una borsa di studio (con lo zampino dello zione?) che lo porterà a Topolinia. Dunque la presenza di Donald nella città dei topi sembrerebbe dovuta alla volontà di allontanarlo da Meo, pericoloso amico scansafatiche (e dalla voglia del guadagno facile). La settimana prossima vedremo se Artibani e Ambrosio ricollegheranno i loro soggetti alle storie di Gottfredson o ai cartoni dell'epoca.

        Giustamente ci si è lamentati dell'assenza di Della, sorellina che poteva essere protagonista (come lo è stata in Olanda). Sono sicuro che mi lamenterò dell'assenza di Donna, la sua fidanzata messicana che, teoricamente, potrebbe comparire, magari negli ultimi episodi. Sarebbe simpatico vedere il giovane Paperino fare lo strillone con Topolino a sua volta impegnato in imprese giornalistiche o in cacce ai fantasmi. Ma forse i protagonisti erano già più grandi, nonostante tutto.
        « Ultima modifica: Giovedì 8 Ago 2019, 19:37:48 da Cornelius Coot »

        *

        Andy392
        Evroniano

        • **
        • Post: 116
          • Offline
          • Mostra profilo

          Re:Topolino 3324
          Risposta #33: Giovedì 8 Ago 2019, 18:30:11
          Domanda veloce: nella storia di Paperinik i due ospiti sono caricature dello staff del topo? Perché uno è Guido Martina, ma l'altro?
          In effetti l'altro non si capisce... Genoveffo Antamoro non sembra un nome storpiato.

          *

          Lunatico
          --
             (1)

             (1)
            Re:Topolino 3324
            Risposta #34: Giovedì 8 Ago 2019, 19:24:06
            Vorrei ora  parlare della storia "Indiana Pipps e la Tavola del Re delle onde".
            Storia particolare per diversi motivi: innanzi tutto per gli splendidi disegni e paesaggi di Vian, ma non solo!
            Non so se fosse già emerso in altre storie, ma qui si scopre che Indiana Pipps non è un cane sciolto (mi si perdoni il gioco di parole), ma che  lavora come professore in un prestigioso college inglese. Oltre a essere un riferimento a Indiana Jones, la sua fonte di ispirazione, ho apprezzato tantissimo questa cosa: da profondità al personaggio, permette di vederlo in un contesto più ortodosso e formale, ci mostra un suo lato accademico troppo spesso oscurato dal suo lato più estremo e spericolato.
            Inoltre Indiana si riconferma un grande sciupafemmine: neanche il tempo di arrivare alle Hawaii che già ammalia una bella locale. Anche questo riferimento al professor Jones? :'D
            La vicenda in se scorre tranquilla e senza grandi emozioni. Peccato per Kranz: la sua presenza non aggiunge davvero nulla alla vicenda, poteva offrire MOLTO di più. Tra l'altro, da quando Kranz soffre della sindrome dell'eterno secondo? Non confondiamolo con Rockerduck, non mi pare che Kranz provi qualcosa di particolare nei confronti di Pipps, ne' bene ne' male; le sue azioni dovrebbero essere mosse da puro opportunismo: riconosce l'incredibile capacità di Pipps come archeologo, per questo lo pedina costantemente, per impadronirsi più facilmente dei reperti, mica per tentare di surclassarlo e compensare qualche strano complesso di inferiorità.
            Comunque, una storia molto gradevole.
            Divertente come all'inizio la didascalia dipinga il college come "austero" e Vian ci mostri un austero accademico in bicicletta :'D
            « Ultima modifica: Giovedì 8 Ago 2019, 19:26:38 da Lunatico »

            *

            Vincenzo
            Cugino di Alf
               (2)

            • ****
            • Post: 1186
            • Esordiente
              • Offline
              • Mostra profilo
               (2)
              Re:Topolino 3324
              Risposta #35: Giovedì 8 Ago 2019, 19:33:04
              A proposito di Young Donald, semplicemente in America non conoscono bene i personaggi di Paperino Paperotto, per questo non compaiono al di là della breve citazione della Witchcraft.
              Paperone veniva talvolta a trovarli alla fattoria, ma di certo non li frequentava come farà nelle storie del "presente", è più che plausibile che si sia allontanato dal nipote e che abbia un rapporto conflittuale con lui.
              Comunque mi pare chiaro che il focus della storia verterà sulla nascita dell'amicizia fra le due icone Disney, e mi sembra un ottimo focus.
              If you can dream it, you can do it.

              *

              Cornelius Coot
              Sapiente Ciminiano
                 (2)

              • ******
              • Post: 9952
              • Mais dire Mais
                • Offline
                • Mostra profilo
                 (2)
                Re:Topolino 3324
                Risposta #36: Giovedì 8 Ago 2019, 19:36:41
                Paperinik e l'inghippo del B&B
                Gervasio riprende Paperinik con piglio 'martiniano' e il risultato, a metà tempo, è più che positivo: come scrivevo in precedenti post, l'autore ridà a diversi personaggi certe caratteristiche che avevano perso da tempo, sfidando eventuali paletti buonisti e politicamente corretti che sembrano immobilizzare tanti altri autori. Vedete che 'volere è potere' ?
                Papere all'ultima spiaggia
                Simpatica nuova situazione con Paperino 'accompagnatore turistico' del trio Brigitta-Paperina-Miss Paperett sulle coste paperopolesi, in cerca di una spiaggia 'appropriata'. Divertente anche la contrapposizione con un altro trio, al maschile: quello dei Bassotti. Gaja Arrighini sa valorizzare sia la componente papera, utilizzando al meglio i personaggi femminili (a cui aggiungerei Chiquita, perfetta 'quarta amica' - anche per un fatto generazionale - quando Nonna Papera è assente) che quella naturale, sfruttando una costa oceanica mai troppo presente in termini di quotidiano ristoro. Il tutto illustrato da Nico Picone, sempre più intiniano, per la gioia di altri e il dolore sicuramente mio.
                Young Donald Duck - Il Club dell'Avventura
                La 'strana coppia' Artibani-Ambrosio ha il merito di riprendere Meo Porcello, 'posizionato' in un periodo post PP8 (ma sempre in QuackTown) e ante Topolinia (con Gottfredson Paperino passò diverso tempo nella città dei topi). Al netto della delusione per alcune assenze (Tom, Louis, Millicent, Betty Lou e... Della) e delle tavole di Intini (sempre troppo pasticciate per i miei gusti) questa nuova serie sembra promettere bene.
                Indiana Pipps e la tavola del re delle onde
                L'eccellente Vian ha l'unico neo (a parer mio) di disegnare un Pipps troppo... pippesco (soprattutto quando, inizialmente, veste abiti eleganti molto lontani dai suoi abituali): una maggiore prestanza fisica (spalle, pettorali, postura generale) caratterizzerebbe meglio un personaggio altrimenti sosia del cugino. La forzata 'coabitazione' con Kranz (personaggio spesso criticato per la poca personalità - ma si comincia a sapere qualcosa in più su di lui) produce un effetto migliore dei precedenti.
                « Ultima modifica: Giovedì 8 Ago 2019, 19:44:15 da Cornelius Coot »

                *

                Giona
                Visir di Papatoa
                   (2)

                • *****
                • Post: 2299
                • FORTVNA FAVET FORTIBVS
                  • Offline
                  • Mostra profilo
                   (2)
                  Re:Topolino 3324
                  Risposta #37: Giovedì 8 Ago 2019, 20:45:20
                  Confermo, qualora ce ne fosse bisogno, che le carte del mazzo blu sono ESATTAMENTE UGUALI a quelle del mazzo rosso.

                  non mi torna
                  Spoiler: mostra
                  a gastone che è contento di lavorare

                  Questo avviene anche in Paperinik e il diabolico vendicatore, anche se sono d'accordo che ciò contraddice in parte l'impostazione data da Barks al personaggio.

                  La vicenda in se scorre tranquilla e senza grandi emozioni. Peccato per Kranz: la sua presenza non aggiunge davvero nulla alla vicenda, poteva offrire MOLTO di più. Tra l'altro, da quando Kranz soffre della sindrome dell'eterno secondo? Non confondiamolo con Rockerduck, non mi pare che Kranz provi qualcosa di particolare nei confronti di Pipps, ne' bene ne' male; le sue azioni dovrebbero essere mosse da puro opportunismo: riconosce l'incredibile capacità di Pipps come archeologo, per questo lo pedina costantemente, per impadronirsi più facilmente dei reperti, mica per tentare di surclassarlo e compensare qualche strano complesso di inferiorità.
                  Io vedo la rivalità tra Indiana Pipps e Kranz in modo simile a quella tra Martin Mystère e Orloff nel fumetto della Bonelli: entrambi studiosi di grande talento e capacità, ad un certo punto uno è rimasto sulla "retta via" per amore della scienza, mentra l'altro è stato traviato dalla smania di ricchezza.
                  « Ultima modifica: Venerdì 9 Ago 2019, 13:44:22 da Giona »
                  "Coi dollari, coi dollari si compran le vallate / Così le mie ricchezze saran settuplicate" (da Paperino e l'eco dei dollari)

                  *

                  Vito65
                  Cugino di Alf

                  • ****
                  • Post: 1217
                  • ex Generale Westcock
                    • Offline
                    • Mostra profilo

                    Re:Topolino 3324
                    Risposta #38: Venerdì 9 Ago 2019, 09:49:28
                    Soprattutto quelli che, essendo abituati a caratteri bonariamente edulcorati, saranno rimasti 'scioccati' nel leggere tanta cattiveria (anche gratuita, la più dolorosa) in personaggi che, evidentemente, non conoscevano bene.
                    La "cattiveria" di Paperone è comunque stata attenuata dalla circostanza che lo stesso
                    Spoiler: mostra
                    non lascia Qui Quo Qua senza tetto, anzi li ospita al deposito.
                    « Ultima modifica: Venerdì 9 Ago 2019, 09:51:09 da Vito65 »

                    *

                    tang laoya
                    Cugino di Alf
                       (1)

                    • ****
                    • Post: 1054
                    • Mano rampante in campo altrui
                      • Offline
                      • Mostra profilo
                       (1)
                      Re:Topolino 3324
                      Risposta #39: Venerdì 9 Ago 2019, 10:37:50
                      Le tavole di Vian di questa settimana mi portano a sperare che se mai vi fosse un ritorno del Topomaltese, possa essere affidato alla sua matita.
                      Mi avevano dato le mappe del percorso, ma nessuna idea circa i bizzarri paesaggi che avremmo attraversato durante lunghi mesi. - Per Nettuno Capitano! Con questa luna di sghimbescio gli sgombri cremisi fluttuano flessi!

                      *

                         (1)

                      • ****
                      • Post: 909
                      • affezionato lettore
                        • Offline
                        • Mostra profilo
                         (1)
                        Re:Topolino 3324
                        Risposta #40: Venerdì 9 Ago 2019, 14:24:11
                        Sono corso ad acquistare questo Topo perché volevo godermi delle belle storie dopo che i numeri 3321 e 3322 mi avevano deluso parecchio... sento di aver vinto la scommessa!
                        La cover è piacevolissima, devo dire che in questo periodo se ne sfornano parecchie belle, e apprezzo moltissimo la fiducia che si continua a dare a disegnatori come Mottura.

                        Paperinik e l'inghippo del B&B
                        Gli echi del diabolico vendicatore potevano essere fuori luogo, tremavo già all'idea di ritrovare un pasticcio come in questa storia e invece per fortuna così non è stato, forse perché non si hanno troppe pretese e si riprende semplicemente il Paperino "cazzuto" di quei tempi... non che non lo sia oggi, tra DD e PK un numero dopo l'altro, ma sicuramente a questi particolari toni i lettori non sono abituati... spero che il responso sia positivo! Ho avuto quasi paura per loro vedendo la vignetta in cui Paperino fracassa il cartello in testa allo zione, e dire che rileggo proprio in questi giorni le storie del Martina anni '50, ma sapendo in che epoca mi trovavo con queste pagine del Topo mi sono immedesimato nei lettori millennials :D... ma quanto alla validità della storia, nulla da ridire, almeno per questa prima puntata.

                        Papere all'ultima spiaggia
                        Molti criticano i disegni, io trovo che, a parte la già citata vignetta finale, si sposino perfettamente con la leggerezza della vicenda... le papere di Picone sono divertenti e fresche, ma sanno anche il fatto loro! Sarà che lo stile intiniano mi piace, non è il mio preferito ma era ottimo per le storie di Bum Bum, trovo che abbia la sua "dimensione di utilizzo" in cui risulta vincente. Continuo ad aspettarmi la presenza di Paperetta Yè Yè nel gruppetto di amiche dopo averla trovata in Piccole grandi papere, ma immagino che sia un personaggio difficile da gestire in quanto non sufficientemente umoristico? La vicenda è scontatuccia, ma com'è che a differenza delle storielle degli ultimi numeri precedenti a questo non mi ha dato così tanto fastidio? Sospetto che sia perché ha una sua coerenza di trama e una accettabile caratterizzazione dei personaggi...

                        Young Donald Duck - Il Club dell'Avventura
                        Non so perché ci siate rimasti male per non aver trovato la gang di PP8, in fondo questo non è esattamente PP8... e poi non è detto che qualcuno di loro non possa fare capolino nei prossimi innumerevoli episodi, e poi dopotutto la separazione prima o poi doveva avvenire nella vita di Donald... Meo Porcello uscito dal cilindro senza preavviso, un po' come la storia martiniana di inizio numero non mi delude dopo avermi fatto sudare freddo... l'ho trovato fastidioso e arrogante al punto giusto! E poi un ottimo sfondo, con dialoghi credibili e divertenti tra la nonna e lo zione.

                        Indiana Pipps e la tavola del re delle onde
                        Continuo a non capire perché la faccia dei pippidi che disegna Vian non mi convinca... sarà che gli incisivi sono posizionati troppo avanti sul muso? Mi sembrano strani... mah, saranno paranoie mie, comunque a parte questi piccoli particolari adoro Vian e ho apprezzato molto questa avventura. Kranz mi risulta indigesto, dall'inizio alla fine, ma dopotutto un antagonista ci vuole, e in mancanza di meglio... Indiana ottimamente caratterizzato, e la caccia al tesoro sarà pure identica a molte altre anche come sviluppo, ma la trovo impreziosita da immagini e racconti mitici che distraggono a sufficienza... forse un auspicato recupero di quel "Sense of Wonder" che, da Cimino a Barks, tutti i grandi maestri possono insegnare ai nuovi artisti disney.


                        Sì, forse proprio grazie alla cura e al "sense of wonder", è un ottimo numero estivo. Ottimo anche l'editoriale, personale ma formale allo stesso tempo... li fa sempre così bene?
                        « Ultima modifica: Venerdì 9 Ago 2019, 14:31:31 da Paperinik il templare »
                        Surda Lima

                        *

                        Vincenzo
                        Cugino di Alf

                        • ****
                        • Post: 1186
                        • Esordiente
                          • Offline
                          • Mostra profilo

                          Re:Topolino 3324
                          Risposta #41: Venerdì 9 Ago 2019, 15:16:56
                          E' un numero che indubbiamente accontenta tutti i gusti, tra i più riusciti dell'anno.
                          L'inghippo del B&B diverte e incuriosisce, sicuramente una riuscita ripresa del Paperinik vendicatore già annunciata dall'autore tempo fa. Molto divertente Papere in spiaggia, con la Arrighini che si conferma insieme a Bosco la maggiore interprete dei personaggi femminili sul Topo, imbastendo una trama simpatica con un riuscito colpo di scena finale.
                          Young Donald si preannuncia pienamente all'altezza della fama dei suoi autori, una ventata d'aria fresca sulle pagine del settimanale, non vedo l'ora di proseguire nella lettura.
                          Tuttavia la storia migliore del numero è la splendida avventura di Indiana Pipps, splendida certamente grazie alle spettacolari tavole di Vian che riescono a immergere completamente il lettore nella vicenda ma anche a una sceneggiatura molto solida che caratterizza perfettamente i personaggi, protagonista in primis, rendendo onore alle prime avventure dell'archeologo pippide, generalmente le più amate.
                          Nigro è un autore piuttosto sottovalutato, soprattutto quando imbastisce trame di questo stampo con le quali si trova molto a suo agio.
                          If you can dream it, you can do it.

                          *

                          Atius
                          Evroniano

                          • **
                          • Post: 114
                          • Ostentazione di Plutocratica Sicumera!
                            • Offline
                            • Mostra profilo

                            Re:Topolino 3324
                            Risposta #42: Venerdì 9 Ago 2019, 16:34:08
                            Soprattutto quelli che, essendo abituati a caratteri bonariamente edulcorati, saranno rimasti 'scioccati' nel leggere tanta cattiveria (anche gratuita, la più dolorosa) in personaggi che, evidentemente, non conoscevano bene.
                            La "cattiveria" di Paperone è comunque stata attenuata dalla circostanza che lo stesso
                            Spoiler: mostra
                            non lascia Qui Quo Qua senza tetto, anzi li ospita al deposito.


                            Anche perché un Paperone così cattivo, al giorno d'oggi non sarebbe più credibile come lo era negli anni 60

                            • ****
                            • Post: 909
                            • affezionato lettore
                              • Offline
                              • Mostra profilo

                              Re:Topolino 3324
                              Risposta #43: Venerdì 9 Ago 2019, 16:39:51
                              Soprattutto quelli che, essendo abituati a caratteri bonariamente edulcorati, saranno rimasti 'scioccati' nel leggere tanta cattiveria (anche gratuita, la più dolorosa) in personaggi che, evidentemente, non conoscevano bene.
                              La "cattiveria" di Paperone è comunque stata attenuata dalla circostanza che lo stesso
                              Spoiler: mostra
                              non lascia Qui Quo Qua senza tetto, anzi li ospita al deposito.


                              Anche perché un Paperone così cattivo, al giorno d'oggi non sarebbe più credibile come lo era negli anni 60

                              Dici? Non credo che la cattiveria si sia estinta... magari non sarà molto accettabile.
                              Oppure si potrebbe dire che non è molto credibile rispetto al Paperone che gli altri autori oggi ci propongono. Ma a quel punto de gustibus... piuttosto trovo poco credibile Gastone, nel senso che proprio chi glielo porta a fare lo scassac***i con il cugino per fargli perdere da casa, proprio lui che c'ha la dea bendata dalla sua? Ma anche questo è in linea con il Gastone anni '50-'60...
                              « Ultima modifica: Venerdì 9 Ago 2019, 16:52:06 da Paperinik il templare »
                              Surda Lima

                              *

                              Cornelius Coot
                              Sapiente Ciminiano
                                 (1)

                              • ******
                              • Post: 9952
                              • Mais dire Mais
                                • Offline
                                • Mostra profilo
                                 (1)
                                Re:Topolino 3324
                                Risposta #44: Venerdì 9 Ago 2019, 16:42:58
                                La "cattiveria" di Paperone è comunque stata attenuata dalla circostanza che lo stesso
                                Spoiler: mostra
                                non lascia Qui Quo Qua senza tetto, anzi li ospita al deposito.
                                Anche perché un Paperone così cattivo, al giorno d'oggi non sarebbe più credibile come lo era negli anni 60
                                In una situazione identica in quel periodo i tre nipotini, sacco in spalla e bici, andarono mestamente alla fattoria di Nonna Papera: Paperone non pensò di ospitarli nel suo Deposito, in effetti. Comunque, in altre occasioni che non ricordo nello specifico ma in generale (molteplici in quegli anni sono state le 'prepotenze' dello ziastro verso il nipote), Paperone tendeva ad essere comprensivo verso QQQ, sottolineando la differenza fra loro e Paperino.
                                « Ultima modifica: Venerdì 9 Ago 2019, 16:46:00 da Cornelius Coot »

                                 

                                Dati personali, cookies e GDPR

                                Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                                Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                                Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.