Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
In edicola
4 | |
3 | |
3 | |
4 | |
3 | |
3 | |
3 | |
3 | |
2 | |
1 | |
2 | |
3 | |

Young Donald Duck

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

    Re: Young Donald Duck
    Risposta #30: Giovedì 15 Ago 2019, 20:11:11
    Alla luce del secondo episodio, mi trovo a ritrattare drasticamente quanto ho affermato più sopra e plaudo alle fortunate circostanze che hanno impedito qualsiasi legame fra questa serie e il mondo sospeso e magico del Paperotto.
    Anch'io mi ritrovo a tirare un sospiro di sollievo: veder inserire Della in una serie con un umorismo del genere, che tenta di scimmiottare sitcom adolescenziali di dubbia natura... meglio così, coi soliti Pippo, Topolino e oscuri comprimari inediti e dimenticabili.

    *

    Paperinika
    Imperatore della Calidornia
    Moderatore
       (4)

    • ******
    • Post: 10238
      • Offline
      • Mostra profilo
       (4)
      Re: Young Donald Duck
      Risposta #31: Giovedì 15 Ago 2019, 21:55:26
      Sto osservando da spettatore "neutrale" a questa vicenda che mette in discussione la creazione e la stesura di questa nuova serie dedicata al giovane Paperino.
      Dico neutrale poiché a me, in generale, non è mai interessato molto di continuity, serialità o altri argomenti del genere. A me interessa che le storie siano belle, interessanti, scritte con criterio e disegnate (nel possibile) ancora meglio.
      Ma mi sforzo e cerco di capire e comprendere le posizioni di tutte le parti in causa.
      Ognuno, in base ai propri gusti (o forse meglio dire alle proprie "aspettative"), accoglie le nuove avventure con spirito critico differente.
      Quello che a me fa storcere il naso parte solo da una affermazione che mi fa imbestialire al solo leggerla.
      Gli autori agiscono così perché "è un prodotto dedicato al mercato estero e perlopiù americano".
      E a noi, di cortesia, cosa ce ne dovrebbe fregare ?
      Ogni appassionato di una determinata materia, argomento, fonte di svago sarebbe (uso il condizionale..) tenuto a ricercare tutto ciò che ruota intorno al microcosmo inerente tale passione.
      Non sono (o meglio non sarebbero) gli autori a doversi fare carico (e quindi limitando la propria creatività) di tali vuoti o mancanze.
      Noto da sempre un certo "servilismo" verso gli Americani che noi ci dovremmo scrollare di dosso con convinzione.
      Non tanto per un semplice ed insulso discorso patriottico, ma proprio per convincerci che il fulcro, il centro del fumetto Disney mondiale siamo noi e non loro.
      Questi ragionamenti mi fanno sempre pensare al discorso degli inglesi sul football (ossia il calcio). Siccome lo hanno creato loro (o così dicono...) sono stati convinti per decenni che loro fossero i migliori e che solo loro potessero deciderne le sorti. Ma poi il tempo ed i risultati sul campo hanno decretato ben altro.
      Penso sia arrivato il momento che i simpatici amici che vivono fuori dai nostri confini nazionali si impegnino a scoprire un mondo dei fumetti che, soprattutto in Italia, è cresciuto e progredito.
      Se significa che debbano informarsi e leggere tutte le storie di PP8, è ora che lo facciano.
      Perché se Artibani decide di intavolare una serie per idee sue libere è un conto, se la deve plasmare per non far "scomodare" i lettori statunitensi allora non mi sta bene.
      Capisco che sia un mercato grosso e di riferimento, ma capisco pure che tanti altri paesi non hanno la stessa "delicatezza" nei nostri riguardi.
      Perché come documentato spesso in Olanda non si fanno scrupoli a fare storie che vertono sulla "Malavita italica" in barba alle nostre tradizioni ed ai limiti che regolano le nostre pubblicazioni.
      Detto ciò aspetto di conoscere il continuo della serie con tranquillità e calma. Sicuro che gli autori italiani sappiano fare, come sempre, un egregio lavoro. Anche dovendo sottostare a ragionamenti davvero tarati e assurdi.....
      Occhio però, mi pare si continui a non cogliere un punto fondamentale.
      Questa non è una storia nata per essere pubblicata su Topolino, né tanto meno (a meno di smentite) l'idea di fondo è di Artibani. Va bene portare avanti il discorso del "non siamo secondi a nessuno", ma se la stessa divisione americana commissiona una storia da destinare ad un determinato mercato avrà anche il sacrosanto diritto di esigere che risponda ad alcuni requisiti, che poi ovviamente possono piacere o no, ma che non sono scaldalosi come li vedo dipinti qui.
      Questa è una storia che è stata pubblicata anche su Topolino, ma non è nata per questo target.
      Facciamocene una ragione e, se non piace, passiamo oltre, senza demonizzarla inutilmente. ;D

      *

      luciochef
      Ombronauta
         (2)

      • ****
      • Post: 740
        • Offline
        • Mostra profilo
         (2)
        Re: Young Donald Duck
        Risposta #32: Venerdì 16 Ago 2019, 00:03:12
        Occhio però, mi pare si continui a non cogliere un punto fondamentale.
        Questa non è una storia nata per essere pubblicata su Topolino, né tanto meno (a meno di smentite) l'idea di fondo è di Artibani. Va bene portare avanti il discorso del "non siamo secondi a nessuno", ma se la stessa divisione americana commissiona una storia da destinare ad un determinato mercato avrà anche il sacrosanto diritto di esigere che risponda ad alcuni requisiti, che poi ovviamente possono piacere o no, ma che non sono scaldalosi come li vedo dipinti qui.
        Questa è una storia che è stata pubblicata anche su Topolino, ma non è nata per questo target.
        Facciamocene una ragione e, se non piace, passiamo oltre, senza demonizzarla inutilmente. ;D

        Qui non si sta demonizzando nessuno (o... almeno parlo per me).
        Io ho chiarito che seguo la serie con curiosità ma senza preconcetti o altri sentimenti forzatamente negativi.
        Vedo come si sta evolvendo e poi magari, alla fine degli 8 episodi, tirerò le mie personali somme. Di solito non sono abituato a parlare in precedenza. Anche per paura di sonore smentite....
        Ma approfitto del post di Paperinika per rispondere anche a Paperinik il templare qualche post addietro.
        Il mio invito a non essere "servili" nei confronti degli Americani non era rivolto né alla redazione, né agli autori ma bensì proprio a noi lettori.
        Dico questo perché ogni qual volta si muovono delle critiche c'è sempre chi se ne esce con il fatto che è un prodotto rivolto al mercato estero. Ma questa non può essere una ragione valida per spiegare il fatto che ci possano essere dei "buchi di trama".
        Il mio era un ragionamento secondo il quale ogni lettore, di qualunque parte del mondo, non si può accostare alla lettura solo se questa ricalca la sua "comfort zone". Un lettore ha l'obbligo morale di capire come si sia arrivati a quel punto di trama, cosa ci sia nel profondo di quella storia, cosa muova i personaggi che agiscono all'interno dell'episodio.
        Altrimenti la lettura diventa passiva e limitativa.
        Per il lettore in primis, ma di conseguenza anche per l'autore che si trova a dover praticare dei dolorosi tagli di trama e così anche per tutti i restanti lettori che seguiranno quella serie.

        Non tanto per un semplice ed insulso discorso patriottico
        Infatti qui avevo chiarito che il mio non era un intervento per gonfiare il petto o per farsi affiggere medaglie. Penso che siamo consapevoli tutti di cosa l'Italia abbia fatto per il fumetto Disney. Non credo ci sia bisogno di sottolinearlo...
        Se poi la divisione americana richiede storie con fetori corporali che ben venga.
        Contenti loro che sono passati da Gottfredson, Barks, Murry alle nuvole verdi......
        Io sono un cattivo... e questo è bello! Io non sarò mai un buono e questo non è brutto! Io non vorrei essere nessun altro... a parte me.

        *

        tang laoya
        Cugino di Alf

        • ****
        • Post: 1055
        • Mano rampante in campo altrui
          • Offline
          • Mostra profilo

        Mi avevano dato le mappe del percorso, ma nessuna idea circa i bizzarri paesaggi che avremmo attraversato durante lunghi mesi. - Per Nettuno Capitano! Con questa luna di sghimbescio gli sgombri cremisi fluttuano flessi!

        *

        Dippy Dawg
        Visir di Papatoa
           (2)

        • *****
        • Post: 2482
          • Offline
          • Mostra profilo
           (2)
          Re: Young Donald Duck
          Risposta #34: Venerdì 16 Ago 2019, 10:10:26
          Questa è una storia che è stata pubblicata anche su Topolino, ma non è nata per questo target.
          Facciamocene una ragione e, se non piace, passiamo oltre, senza demonizzarla inutilmente. ;D
          Quello che temo è che saranno sempre di più, queste storie...

          Sai qual è la cosa che mi ha dato più fastidio? Non la nuvola verde, e neanche Youduck, gli smartphone o la trama un po' così così...
          Quello che mi ha dato più fastidio, sono i personaggi disegnati in stile Disney store! Una cosa che non sopporto, contraria al concetto di fumetto Disney a cui sono abituato da quasi cinquant'anni ! >:(

          Se poi la divisione americana richiede storie con fetori corporali che ben venga.
          Contenti loro che sono passati da Gottfredson, Barks, Murry alle nuvole verdi......
          E' sempre il solito discorso: adattare le cose ai (presunti) gusti del pubblico, invece di puntare sulla semplice qualità...

          Mi viene sempre in mente quando al supermercato vedo scritto su un qualche pacchetto "Nuova ricetta! Ancora più buona!": qual è il risultato? Che non la compra più nessuno, perché chi la comprava prima, magari, non gli piace più e non la compra più, mentre chi prima non la comprava continuerà a non farlo...
          Io son nomato Pippo e son poeta
          Or per l'Inferno ce ne andremo a spasso
          Verso un'oscura e dolorosa meta

          • ****
          • Post: 909
          • affezionato lettore
            • Offline
            • Mostra profilo

            Re: Young Donald Duck
            Risposta #35: Venerdì 16 Ago 2019, 12:20:55

            Ma approfitto del post di Paperinika per rispondere anche a Paperinik il templare qualche post addietro.
            Il mio invito a non essere "servili" nei confronti degli Americani non era rivolto né alla redazione, né agli autori ma bensì proprio a noi lettori.
            Dico questo perché ogni qual volta si muovono delle critiche c'è sempre chi se ne esce con il fatto che è un prodotto rivolto al mercato estero. Ma questa non può essere una ragione valida per spiegare il fatto che ci possano essere dei "buchi di trama".
            Il mio era un ragionamento secondo il quale ogni lettore, di qualunque parte del mondo, non si può accostare alla lettura solo se questa ricalca la sua "comfort zone". Un lettore ha l'obbligo morale di capire come si sia arrivati a quel punto di trama, cosa ci sia nel profondo di quella storia, cosa muova i personaggi che agiscono all'interno dell'episodio.
            Altrimenti la lettura diventa passiva e limitativa.
            Per il lettore in primis, ma di conseguenza anche per l'autore che si trova a dover praticare dei dolorosi tagli di trama e così anche per tutti i restanti lettori che seguiranno quella serie.

            Non tanto per un semplice ed insulso discorso patriottico
            Infatti qui avevo chiarito che il mio non era un intervento per gonfiare il petto o per farsi affiggere medaglie. Penso che siamo consapevoli tutti di cosa l'Italia abbia fatto per il fumetto Disney. Non credo ci sia bisogno di sottolinearlo...
            Se poi la divisione americana richiede storie con fetori corporali che ben venga.
            Contenti loro che sono passati da Gottfredson, Barks, Murry alle nuvole verdi......

            In realtà non si sta parlando di "buchi di trama", semplicemente YDD risulta slegato (forzatamente, il Paperseriano nota) da PP8, è un prodotto a parte. Preso da solo non credo verrebbe giudicato così male, se PP8 non esistesse (ma neanche un capolavoro ovviamente, se il tono della seconda puntata di manterrà in futuro). Comunque per il resto non ho molto da aggiungere, anche in questo caso il tuo discorso non fa una grinza, ma ti sei risposto da solo e citando Paperinika: è all'estero che preferiscono questo genere di umorismo e non conoscono il fumetto italiano, e la storia è stata creata per il mercato estero, noi la leggiamo idealmente dopo di loro. Non penso che qualcuno possa contestare l'idea degli obblighi morali del lettore, ma RIPETO, quella relativa al mercato estero è una constatazione, non una giustificazione; non significa che io chiuda un occhio sulle incongruenze e sulle cadute di stile, semplicemente trovo inutile discuterne.
            Surda Lima

            *

            Arzzi
            Bassotto
               (1)

            • *
            • Post: 15
            • Esordiente
              • Offline
              • Mostra profilo
               (1)
              Re: Young Donald Duck
              Risposta #36: Venerdì 16 Ago 2019, 15:40:20

              Ma approfitto del post di Paperinika per rispondere anche a Paperinik il templare qualche post addietro.
              Il mio invito a non essere "servili" nei confronti degli Americani non era rivolto né alla redazione, né agli autori ma bensì proprio a noi lettori.
              Dico questo perché ogni qual volta si muovono delle critiche c'è sempre chi se ne esce con il fatto che è un prodotto rivolto al mercato estero. Ma questa non può essere una ragione valida per spiegare il fatto che ci possano essere dei "buchi di trama".
              Il mio era un ragionamento secondo il quale ogni lettore, di qualunque parte del mondo, non si può accostare alla lettura solo se questa ricalca la sua "comfort zone". Un lettore ha l'obbligo morale di capire come si sia arrivati a quel punto di trama, cosa ci sia nel profondo di quella storia, cosa muova i personaggi che agiscono all'interno dell'episodio.
              Altrimenti la lettura diventa passiva e limitativa.
              Per il lettore in primis, ma di conseguenza anche per l'autore che si trova a dover praticare dei dolorosi tagli di trama e così anche per tutti i restanti lettori che seguiranno quella serie.

              Non tanto per un semplice ed insulso discorso patriottico
              Infatti qui avevo chiarito che il mio non era un intervento per gonfiare il petto o per farsi affiggere medaglie. Penso che siamo consapevoli tutti di cosa l'Italia abbia fatto per il fumetto Disney. Non credo ci sia bisogno di sottolinearlo...
              Se poi la divisione americana richiede storie con fetori corporali che ben venga.
              Contenti loro che sono passati da Gottfredson, Barks, Murry alle nuvole verdi......

              In realtà non si sta parlando di "buchi di trama", semplicemente YDD risulta slegato (forzatamente, il Paperseriano nota) da PP8, è un prodotto a parte. Preso da solo non credo verrebbe giudicato così male, se PP8 non esistesse (ma neanche un capolavoro ovviamente, se il tono della seconda puntata di manterrà in futuro). Comunque per il resto non ho molto da aggiungere, anche in questo caso il tuo discorso non fa una grinza, ma ti sei risposto da solo e citando Paperinika: è all'estero che preferiscono questo genere di umorismo e non conoscono il fumetto italiano, e la storia è stata creata per il mercato estero, noi la leggiamo idealmente dopo di loro. Non penso che qualcuno possa contestare l'idea degli obblighi morali del lettore, ma RIPETO, quella relativa al mercato estero è una constatazione, non una giustificazione; non significa che io chiuda un occhio sulle incongruenze e sulle cadute di stile, semplicemente trovo inutile discuterne.
              Poiché la nuova serie a fumetti è un prodotto internazionale rispetto ad altri prodotti italiani come le storie di Paperino Paperotto, vediamo la sesta storia di il giovane Donald in cui il racconto all'inizio è un po 'come Wizards of Mickey, Paperinik e Amazing Papers parodia con Donald e altri personaggi adolescenti vestiti con epici abiti da prigione.

              • ****
              • Post: 909
              • affezionato lettore
                • Offline
                • Mostra profilo

                Re: Young Donald Duck
                Risposta #37: Venerdì 16 Ago 2019, 16:38:47

                Ma approfitto del post di Paperinika per rispondere anche a Paperinik il templare qualche post addietro.
                Il mio invito a non essere "servili" nei confronti degli Americani non era rivolto né alla redazione, né agli autori ma bensì proprio a noi lettori.
                Dico questo perché ogni qual volta si muovono delle critiche c'è sempre chi se ne esce con il fatto che è un prodotto rivolto al mercato estero. Ma questa non può essere una ragione valida per spiegare il fatto che ci possano essere dei "buchi di trama".
                Il mio era un ragionamento secondo il quale ogni lettore, di qualunque parte del mondo, non si può accostare alla lettura solo se questa ricalca la sua "comfort zone". Un lettore ha l'obbligo morale di capire come si sia arrivati a quel punto di trama, cosa ci sia nel profondo di quella storia, cosa muova i personaggi che agiscono all'interno dell'episodio.
                Altrimenti la lettura diventa passiva e limitativa.
                Per il lettore in primis, ma di conseguenza anche per l'autore che si trova a dover praticare dei dolorosi tagli di trama e così anche per tutti i restanti lettori che seguiranno quella serie.

                Non tanto per un semplice ed insulso discorso patriottico
                Infatti qui avevo chiarito che il mio non era un intervento per gonfiare il petto o per farsi affiggere medaglie. Penso che siamo consapevoli tutti di cosa l'Italia abbia fatto per il fumetto Disney. Non credo ci sia bisogno di sottolinearlo...
                Se poi la divisione americana richiede storie con fetori corporali che ben venga.
                Contenti loro che sono passati da Gottfredson, Barks, Murry alle nuvole verdi......

                In realtà non si sta parlando di "buchi di trama", semplicemente YDD risulta slegato (forzatamente, il Paperseriano nota) da PP8, è un prodotto a parte. Preso da solo non credo verrebbe giudicato così male, se PP8 non esistesse (ma neanche un capolavoro ovviamente, se il tono della seconda puntata di manterrà in futuro). Comunque per il resto non ho molto da aggiungere, anche in questo caso il tuo discorso non fa una grinza, ma ti sei risposto da solo e citando Paperinika: è all'estero che preferiscono questo genere di umorismo e non conoscono il fumetto italiano, e la storia è stata creata per il mercato estero, noi la leggiamo idealmente dopo di loro. Non penso che qualcuno possa contestare l'idea degli obblighi morali del lettore, ma RIPETO, quella relativa al mercato estero è una constatazione, non una giustificazione; non significa che io chiuda un occhio sulle incongruenze e sulle cadute di stile, semplicemente trovo inutile discuterne.
                Poiché la nuova serie a fumetti è un prodotto internazionale rispetto ad altri prodotti italiani come le storie di Paperino Paperotto, vediamo la sesta storia di il giovane Donald in cui il racconto all'inizio è un po 'come Wizards of Mickey, Paperinik e Amazing Papers parodia con Donald e altri personaggi adolescenti vestiti con epici abiti da prigione.

                Could you please rewrite it in english? Because I'm not sure of what you're talking about.
                Surda Lima

                *

                Arzzi
                Bassotto
                   (1)

                • *
                • Post: 15
                • Esordiente
                  • Offline
                  • Mostra profilo
                   (1)
                  Re: Young Donald Duck
                  Risposta #38: Venerdì 16 Ago 2019, 16:55:16
                  Because the new comic book series is an international product compared to other Italian products such as the Paperino Paperotto stories, we see the 6th story of young Donald Duck which the story is a bit like Wizards of Mickey, and Amazing Papers parody with Donald and other teenage characters dressed in epic dungeon clothes.

                  *

                  Arzzi
                  Bassotto
                     (1)

                  • *
                  • Post: 15
                  • Esordiente
                    • Offline
                    • Mostra profilo
                     (1)
                    Re: Young Donald Duck
                    Risposta #39: Venerdì 16 Ago 2019, 17:03:16
                    Because the new comic series of Young Donald Duck is published by Disney Publish Worldwide (an international product of books), it's actually the original Italian stories like Paperino Paperotto. The second comic issue of the new series will have more characters like Della Duck, Bum Bum Ghigno, Fethry Duck and Gladstone Gander.

                    *

                    Arzzi
                    Bassotto
                       (1)

                    • *
                    • Post: 15
                    • Esordiente
                      • Offline
                      • Mostra profilo
                       (1)
                      Re: Young Donald Duck
                      Risposta #40: Venerdì 16 Ago 2019, 17:17:38

                      Ma approfitto del post di Paperinika per rispondere anche a Paperinik il templare qualche post addietro.
                      Il mio invito a non essere "servili" nei confronti degli Americani non era rivolto né alla redazione, né agli autori ma bensì proprio a noi lettori.
                      Dico questo perché ogni qual volta si muovono delle critiche c'è sempre chi se ne esce con il fatto che è un prodotto rivolto al mercato estero. Ma questa non può essere una ragione valida per spiegare il fatto che ci possano essere dei "buchi di trama".
                      Il mio era un ragionamento secondo il quale ogni lettore, di qualunque parte del mondo, non si può accostare alla lettura solo se questa ricalca la sua "comfort zone". Un lettore ha l'obbligo morale di capire come si sia arrivati a quel punto di trama, cosa ci sia nel profondo di quella storia, cosa muova i personaggi che agiscono all'interno dell'episodio.
                      Altrimenti la lettura diventa passiva e limitativa.
                      Per il lettore in primis, ma di conseguenza anche per l'autore che si trova a dover praticare dei dolorosi tagli di trama e così anche per tutti i restanti lettori che seguiranno quella serie.

                      Non tanto per un semplice ed insulso discorso patriottico
                      Infatti qui avevo chiarito che il mio non era un intervento per gonfiare il petto o per farsi affiggere medaglie. Penso che siamo consapevoli tutti di cosa l'Italia abbia fatto per il fumetto Disney. Non credo ci sia bisogno di sottolinearlo...
                      Se poi la divisione americana richiede storie con fetori corporali che ben venga.
                      Contenti loro che sono passati da Gottfredson, Barks, Murry alle nuvole verdi......

                      In realtà non si sta parlando di "buchi di trama", semplicemente YDD risulta slegato (forzatamente, il Paperseriano nota) da PP8, è un prodotto a parte. Preso da solo non credo verrebbe giudicato così male, se PP8 non esistesse (ma neanche un capolavoro ovviamente, se il tono della seconda puntata di manterrà in futuro). Comunque per il resto non ho molto da aggiungere, anche in questo caso il tuo discorso non fa una grinza, ma ti sei risposto da solo e citando Paperinika: è all'estero che preferiscono questo genere di umorismo e non conoscono il fumetto italiano, e la storia è stata creata per il mercato estero, noi la leggiamo idealmente dopo di loro. Non penso che qualcuno possa contestare l'idea degli obblighi morali del lettore, ma RIPETO, quella relativa al mercato estero è una constatazione, non una giustificazione; non significa che io chiuda un occhio sulle incongruenze e sulle cadute di stile, semplicemente trovo inutile discuterne.
                      Poiché la nuova serie a fumetti è un prodotto internazionale rispetto ad altri prodotti italiani come le storie di Paperino Paperotto, vediamo la sesta storia di il giovane Donald in cui il racconto all'inizio è un po 'come Wizards of Mickey, Paperinik e Amazing Papers parodia con Donald e altri personaggi adolescenti vestiti con epici abiti da prigione.

                      Could you please rewrite it in english? Because I'm not sure of what you're talking about.
                      I mean, Grufus The Magnificent is the sixth story of Young Donald Duck.

                      *

                         (8)

                      • ***
                      • Post: 529
                        • Offline
                        • Mostra profilo
                         (8)
                        Re: Young Donald Duck
                        Risposta #41: Venerdì 16 Ago 2019, 21:02:32
                        Non mi è chiara una cosa: gli Americani hanno chiesto esplicitamente una storia con all'interno pesanti (e aggiungerei fastidiosi) riferimenti ai fetori corporali? E hanno detto pure: se non li mettete non vi compriamo la storia? Oppure diversamente la Divisione Italiana ha pensato: mettiamone quanti più possibile così li facciamo contenti?
                        In entrambi i casi è senz'altro un brutto segnale: per assurdo un lettore occasionale potrebbe pensare che questo sia il livello dei contenuti. Io mi ricordavo che Topolino avesse una funzione didattica ed educativa, ma probabilmente ricordavo male.

                        *

                        Manuel Crispo
                        Papero del Mistero
                           (2)

                        • **
                        • Post: 240
                          • Offline
                          • Mostra profilo
                           (2)
                          Re: Young Donald Duck
                          Risposta #42: Venerdì 16 Ago 2019, 21:05:00
                          Io mi ricordavo che Topolino avesse una funzione didattica ed educativa, ma probabilmente ricordavo male.

                          Ebbene, in questo caso la funzione didattica ed educativa c'è eccome: l'igiene è importante.

                          • ****
                          • Post: 909
                          • affezionato lettore
                            • Offline
                            • Mostra profilo

                            Re: Young Donald Duck
                            Risposta #43: Venerdì 16 Ago 2019, 22:03:33
                            In effetti, come indicato da Arzzi, almeno un "omaggio" alla storica PP8 sembra esserci nel sesto episodio (ancora inedito in Italia) in cui i protagonisti vivranno avventure fantastiche paragonabili a quelle di Paperotto & co. ai tempi di Amazing Papers. 
                            Insomma, adolescenti in tempesta ormonale ma non troppo (?)
                            Surda Lima

                            *

                            Andy392
                            Evroniano
                               (2)

                            • **
                            • Post: 118
                              • Offline
                              • Mostra profilo
                               (2)
                              Re: Young Donald Duck
                              Risposta #44: Sabato 17 Ago 2019, 11:41:42
                              Nel secondo episodio mi aspettavo di vedere Pippo già amicone con Topolino e invece c'è già Paperina... Non mi aspettavo un esordio già nel secondo episodio. Quello che non mi torna è l'ambientazione: che ci fanno così tanti pennuti (inclusa la stessa Paperina) a Topolinia?? Le scuole superiori a Paperopoli sono così scadenti che i genitori li mandano in un'altra città?

                               

                              Dati personali, cookies e GDPR

                              Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                              Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                              Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.