Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
3 | |
2 | |
4 | |
5 | |
2 | |
3 | |
3 | |
3 | |
5 | |
3 | |
3 | |
3 | |
Topolino 3335 - Recensione di Chen Dai-Lem

Il numero di questa settimana rientra nella norma del periodo, con storie più o meno buone, ma senza particolari guizzi. La bellissima copertina di Freccero è dedicata alla storia di apertura, Paperino e il conquistatore vichingo, che vede nuovamente Secchi e Guerrini realizzare un’avventura che si ricollega all’immortale Paperino e il cimiero vichingo di Carl Barks. A differenza della precedente occasione, Paperino & il dollaro fatale (remake di Paperino, zio Paperone e il ventino fatale), gli autori optano non per un rifacimento, ma per un prequel, ambientato ai tempi di Olaf l’Azzurro e non nella Paperopoli contemporanea. Il risultato è dunque una storia in costume, ottimamente illustrata, ma assai più leggera rispetto alla vicenda cui si ispira, d’altronde uno dei capolavori del maestro dell’Oregon, impossibile da eguagliare. Lo stesso può dirsi di Pippo vs Nocciola – Che stress (Zemelo/D’Ippolito), che riprende l’ormai noto duello (reso celebre da Chendi e Bottaro) nel quale Nocciola tenta inutilmente di convincere Pippo dell’esistenza della magia. Questa volta la fattucchiera dovrà vedersela anche con Gilberto, nipote di Pippo, molto diverso ma in un certo senso molto simile allo zio. Zemelo, che tante volte ha dato prova di saper creare storie molto valide, in questo caso scrive una buona breve, che intrattiene, ma che non riesce a raggiungere le vette del passato. In Qui, Quo, Qua e la squadra antibufala (Badino/Picone), i tre nipotini affrontano a scuola il tema molto attuale delle bufale, le notizie false che circolano in rete e, grazie a Mike Nolies, membro dell’Ente Anti Panzane Paperopolesi, scopriranno come riconoscerle e combatterle. La storia tratta quindi un argomento di forte attualità e cerca di sensibilizzare le nuove generazioni sull’utilizzo dei social media e sulla reale bontà delle notizie che circolano in rete. Il risultato non è particolarmente divertente, ma è funzionale allo scopo che l’autore si era prefissato, quindi credo che per essere una vicenda didattica, abbia raggiunto il suo obiettivo. La storia migliore del numero è probabilmente Tre paperi, un deposito e… tanta fifa (Sarda/Fizialetti). Battista si prende incredibilmente due giorni di ferie, Paperone deve partire per assistere all’inaugurazione di un suo nuovo parco divertimenti e Paperino, Paperoga e Gastone vengono reclutati per vegliare sul deposito. La trama, pur partendo da uno spunto non particolarmente originale, riesce a creare delle gag divertenti, generate non solo dagli avvenimenti che accadono in questa lunghissima notte, ma anche dall’interazione tra i tre cugini. Peccato per i disegni di Fizialetti che a volte fanno assumere ai personaggi pose ed espressioni fin troppo strane. Troviamo poi i prologhi di Wizards of Mickey New Misadventures (Venerus/Baccinelli) e Pk – Un nuovo eroe (Gagnor/Lavoradori), due avventure che si svilupperanno in una nuova testata intitolata Topolino Fuoriserie, che troveremo in edicola e in fumetteria a partire dal 30 ottobre. Non possiamo dire molto dei due prologhi, perché le poche pagine non ci fanno capire molto della storia che leggeremo (aumentando anche la nostra curiosità); quello che possiamo fare fin da subito sono però i complimenti ad Emmanuele Baccinelli per i disegni, che già in queste prime tavole sono veramente meravigliosi. Un numero quindi nella media ma che, come sempre a ridosso di Lucca Comics & Games, preannuncia molte novità. Già nell’editoriale, infatti, il direttore Bertani: anticipa una nuova avventura in quattro puntate scritta e disegnata da Claudio Sciarrone intitolata Foglie rosse, ricorda il ritorno di Marco Rota nelle pagine di Topolino, crea un po’ di suspense promettendo una nuova collaborazione di una coppia di superstar del fumetto Disney che non si vedeva da molto tempo… quindi aspettiamo fiduciosi!

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (20)
Esegui il login per votare

Topolino 3335

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Giona
Visir di Papatoa

  • *****
  • Post: 2422
  • FORTVNA FAVET FORTIBVS
    • Offline
    • Mostra profilo

    Re:Topolino 3335
    Risposta #45: Sabato 2 Nov 2019, 18:01:59
    Molto meglio la storia di Badino/Picone sulle fake news, che si lascia leggere, e mi fa sorgere una curiosità: Badino da tempo non collabora più col settimanale, dal 2010/2011, questa storia è un "ritorno" o un fondo di magazzino? Nel secondo caso, complimenti all'autore per aver realizzato con notevole anticipo una storia su un tema così attuale.
    Mi ha lasciato perplesso leggere, sul cartello nella prima vignetta, la scritta "QUACK TOWN - SCUOLA"  e, nella disacalia, "Nella scuola di Qui, Quo e Qua è una giornata speciale..." Mi sarei aspettato che i tre paperini andassero a scuola a Paperopoli, non a Quack Town.
    « Ultima modifica: Sabato 2 Nov 2019, 18:05:09 da Giona »
    "Coi dollari, coi dollari si compran le vallate / Così le mie ricchezze saran settuplicate" (da Paperino e l'eco dei dollari)

    *

    Cornelius Coot
    Imperatore della Calidornia

    • ******
    • Post: 10330
    • Mais dire Mais
      • Offline
      • Mostra profilo

      Re:Topolino 3335
      Risposta #46: Martedì 17 Dic 2019, 21:26:25
      Mi ha lasciato perplesso leggere, sul cartello nella prima vignetta, la scritta "QUACK TOWN - SCUOLA"  e, nella disacalia, "Nella scuola di Qui, Quo e Qua è una giornata speciale..." Mi sarei aspettato che i tre paperini andassero a scuola a Paperopoli, non a Quack Town.
      Credo che Badino e Picone abbiano fatto confusione con il paperotto zio, altrimenti non avrebbe alcun senso questa loro affermazione (da sempre abbiamo visto i nipotini frequentare la scuola a Paperopoli). Questo è un numero parecchio 'confuso' (per non dire errato), considerando anche ciò che ha scritto la Garufi sul sequel donrosiano del 'Cimiero vichingo' collocato nel 1955 anziché nel 1995: non sembrerebbe un semplice refuso visto che la redattrice specifica che sono "pochi anni dopo" la storia di Barks del 1952 (43 non sono pochi, 3 si).

      Riguardo il prequel di Secchi e Guerrini, Paperino conquistatore vichingo è una bella storia che si collega perfettamente a quella di Barks. Penso che se in futuro si vorrà girare intorno alle indimenticabili del fumetto Disney sarà meglio farlo con prequel e sequel piuttosto che con 'riletture' (come gli stessi Secchi e Guerrini - una vera coppia in tal senso - hanno fatto con il 'Ventino fatale'). Rileggere una grande storia in forme diverse ma sostanze simili non è che sia così interessante. Meglio escogitare un 'prima' o un 'dopo' con trame e personaggi più caratteristici.

                                                                         
      « Ultima modifica: Martedì 17 Dic 2019, 21:51:45 da Cornelius Coot »

       

      Dati personali, cookies e GDPR

      Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

      Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

      Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.