Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
5 | |
3 | |
4 | |
4 | |
3 | |
3 | |
3 | |
2 | |
2 | |
2 | |
1 | |
4 | |
Topolino 3354 - Recensione di Gianni Santarelli

La lettura di Paperina e la selezione scientifica lascia piuttosto perplessi: non è una storia, ma una insieme di scene e personaggi messe insieme senza una logica (il buon René Ferretti avrebbe la definizione giusta): sembra quasi un flusso di (in)coscienza, con una sceneggiatura raffazzonata e dal dubbio senso dell’umorismo. Se non fosse per l’articolo che la segue, non si capirebbe neanche il perché dell’esistenza di una simile bruttura.
Leggendo il suddetto articolo invece, si scopre che il tutto voleva essere un omaggio alle donne che si sono distinte e si distinguono in ambito scientifico omaggiando (e parodizzando) in particolare due ricercatrici. Intento meritorio ma la prossima volta magari evitiamo di disturbare la Arrighini (e anche la Ziche ha disegnato cose molto, ma molto migliori). Non che questa sia l’unica nota dolente del numero sia chiaro, però ha un difetto aggiuntivo che aggrava oltremodo la situazione: è la storia di apertura dell’albo, quella principale, quella che dovrebbe essere il pezzo forte. Finché si tratta di storielline come I Bassotti senza dimora o Contrabbandieri quasi sorvegliati, avanzi di magazzino dispersi all’interno del fascicolo, si può anche passare oltre e fare finta che non esistano. Ma la storia di apertura no. Una storia così malriuscita in apertura di volume è anzitutto un errore (e poi un orrore). Paperinikland di Marco Gervasio e Giorgio Cavazzano gioca ancora sul plot twist della prima puntata ma continua a mostrarsi interessante. L’unica cosa che mi preoccupa è che si tratta di un’avventura in 3 puntate e arrivati ai 2/3 ancora non si entra davvero nel vivo, (tra l’altro 2/3 abbastanza esigui, 40 tavole totali). Speriamo che l’ultima puntata sia sufficiente per tirare le fila di tutto e regalare a questa impresa di Paperinik il finale che merita. Gambadilegno e i colpi di sfortuna fa parte delle dimenticabili del numero. Il vero problema è che è lunga ben 24 pagine. Accorpando queste a quelle di una delle altre inutili del numero si raggiungono facilmente le canoniche 30-35 pagine, ovvero la lunghezza media di tante belle storie del settimanale. Certo, bisognerebbe anche avere chi le sa usare queste pagine… In questo panorama piuttosto triste, la storia di Pisapia in chiusura di albo ha gioco facile. Zio Paperone e la bufala migratoria, col senno di poi è piuttosto implausibile (non l’idea di base che è, anzi, piuttosto attuale e realistica, ma come viene resa nel complesso), ma l’autore riesce a conferirle un ritmo tale che ci si lascia trasportare dalla lettura fino alla fine, non dando il tempo di fermarsi troppo a riflettere. Divertente e avvincente, Pisapia merita di avere un po’ più di spazio come autore completo. La parte redazionale, oltre all’intervista alle due ricercatrici citate in precedenza, ospita un servizio su un film maker appassionato di lupi e anticipazioni su Cartoomics, superate però dalla cronaca di questi ultimi giorni

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (18)
Esegui il login per votare

Topolino 3354

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Atius
Sceriffo di Valmitraglia

  • ***
  • Post: 308
  • "Dentro spazzatura!" "Fuori iettatura"
    • Online
    • Mostra profilo

    Re:Topolino 3354
    Risposta #15: Lunedì 9 Mar 2020, 18:53:17
    Secondo me suddividerla in tre episodi è stata la scelta più saggia. A me, personalmente, non ha annoiato e consideriamo anche che, fosse stata divisa in due parti, si sarebbe rischiato di tralasciare o di riassumere troppo qualche passaggio: meglio invece un primo episodio più introduttivo, un secondo in cui magari la trama scorre più lenta ma vengono districati alcuni nodi e un terzo in cui mi auguro avvengano i tipici colpi di scena della storie del Diabolico Vendicatore.

    P.s. Paperino sa dell'esistenza di un supereroe chiamato Paperinik e di un parco divertimenti a lui dedicato dal momento che, al ritorno a casa dal laboratorio di Archimede, i nipotini stanno guardando il notiziario proprio mentre si sta parlando dei suddetti argomenti.
    « Ultima modifica: Lunedì 9 Mar 2020, 19:11:55 da Atius »
    O Patria, mia solleva il capo affranto / Sorridi ancora, o bella tra le belle / o madre delle madri asciuga il pianto! / Il ciel per te s'accenda di fiammelle / Splendenti a rischiarar ancor la via / Sì che tu possa riveder le stelle! / Dio ti protegga Italia, così sia.

    *

    Dippy
    Diabolico Vendicatore

    • ****
    • Post: 1611
    • Tra un corto e una sciocca sinfonia...
      • Offline
      • Mostra profilo

      Re:Topolino 3354
      Risposta #16: Lunedì 9 Mar 2020, 21:43:18
      La storia di Pisapia, come altre sue precedenti, è molto bella: si dimostra essere un ottimo autore completo. Non sono molto d'accordo con chi vede in lui un autore donrosiano; anzi, a ma sembra che i suoi dialoghi e i suoi disegni abbiano un piacevole tocco naif che manca di certo a un più rigido Don Rosa, collocato su altri stili narrativi. In un paio di vignette invece mi è parso di vedere personaggi molto gottfredsoniani nello stile (mi riferisco ai signori di pagina 129 e 137).
      La seconda puntata di Paperinik mi sembra girare un po' a vuoto; forse soffre il fatto di essere una giunzione tra le narrazioni iniziali e i dispiegamenti finali. Ma mi restano dei dubbi sul giro serale alle giostre. A che serve di preciso quella sequenza?
      Non mi farei nemmeno troppi problemi per le spiegazioni di Archimede sulle caramelle mai prese. Gervasio, lui sì, è donrosiano nella coerenza filologica delle sue storie, quindi non mi aspetto che questa continuity interna venga seguita in storie di altri autori.
      La storia iniziale invece ha lasciato molto deluso anche me: difficile da leggere, appesantita di dialoghi lunghi e priva di una vera narrazione. Sembra una storia molto affannata e affannosa.
      Le brevi infine le metto tranquillamente nel mazzo: fanno numero e riempimento, senza troppe pretese.
      « Ultima modifica: Lunedì 9 Mar 2020, 21:47:58 da Dippy »
      Sappiate che tutte le cose sono così: un miraggio, un castello di nubi... Nulla è come appare  -  Buddha

      https://ilnumeroprimopiugrande.wordpress.com/author/arcelli1947/

      https://numeriprimiaritmeticamodulare.wordpress.com/

       

      Dati personali, cookies e GDPR

      Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

      Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

      Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.