Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
3 | |
2 | |
4 | |
5 | |
2 | |
3 | |
3 | |
3 | |
5 | |
3 | |
3 | |
3 | |
Topolino 3355 - Recensione di Paperinika

Si sta andando sempre più verso un Topolino composto quasi sempre di storie a puntate, sovrapposte l’un l’altra in una catena infinita e che portano ormai il settimanale a non essere più fruibile a sé stante al 100% in quanto in ogni uscita c’è almeno una (o anche di più, come nelle ultime settimane) storie a puntate. Se da un lato è una mossa che di certo avrà i suoi risultati per quanto riguarda i lettori da fidelizzare e invogliare alla lettura, dall’altro ci si chiede se non si finisca poi per scoraggiare l’acquirente più distaccato, quello casuale, che vorrebbe una lettura tranquilla e invece deve districarsi tra una prima puntata dell’avventura, un’ultima puntata della storia, una ripresa della saga, un prologo del capolavoro e così via. In ogni caso, pensieri a parte, quello di questa settimana è un Topolino ricco di sostanza, con ben 7 storie, anche se quelle davvero stand alone sono 5 (anzi, se vogliamo escludere gli “episodi zero” restano solo in tre, e per giunta si tratta di storie brevi.) Partiamo dal pezzo da novanta, a cui è dedicata anche la copertina: la prima parte di 19.999 leghe sotto i mari, della premiata ditta Artibani/Pastrovicchio.
La trama ci riporta alle atmosfere del romanzo di Verne, i personaggi sono splendidamente caratterizzati e i disegni, neanche a dirlo, un vero belvedere. Un’ottima prima parte, quindi, in attesa della conclusione sul prossimo numero. Segue Area 15 – Qui, Quo, Qua e lo strano, grandioso club (Gagnor/Sciarrone), episodio pilota di quella che viene preannunciata come una nuova finestra sul mondo di Qui, Quo, Qua e dei loro amici. Fatto salvo il messaggio neanche troppo nascosto sull’inclusione di tutti (da notare un personaggio in sedia a rotelle, evento quasi unico nel panorama delle nuvolette di Topolino, dove ormai viene edulcorato praticamente tutto), sull’importanza del gruppo e della lotta ai bulli, la storia in sé non racconta molto a livello di trama. Anche lo stile di disegno segue la scia degli ultimi lavori di Sciarrone, un tratto spigoloso e giovanile, magari a volte divisivo, a seconda dei gusti di chi le incontra. Torna poi in veste di autore completo Alessio Coppola (del quale ricordiamo la piacevolissima Zio Paperone e la memoria del fenicottero), stavolta alle prese con quella che è stata preannunciata come una serie di storie incentrate su Pippo. Ecco quindi che in Pippospot – Pippo e il talento inconsapevole il nostro passa dall’aiutare gli amici a scoprire quello che sembra essere un talento nascosto… vedremo, anche qui, a cosa porterà nelle prossime storie. Di certo in ogni caso è che tra testi e disegni si avverte un grande connubio. È poi il turno delle consuete storie brevi, la prima una simpatica avventura muta di Paperoga a firma Nucci/Faccini e le altre due praticamente dei corti animati a fumetti di Paperino. Chiude l’albo la puntata finale di Paperinikland (Gervasio/Cavazzano), saga che, stando alle anticipazioni delle settimane scorse, è destinata a mettere un importante punto fermo nelle avventure del supereroe mascherato. Lo fa, per quanto non si tratti di uno sconvolgimento epocale, tuttavia la narrazione soffre molto il ritmo spezzettato imposto dalla pubblicazione in quattro tranche: se il prologo e la prima puntata hanno svolto bene il compito di mettere la carne al fuoco, la seconda puntata spezza completamente il ritmo della narrazione risultando in un episodio quasi vuoto, che si ripercuote anche sul finale, in cui non si raggiungono i fasti di climax ed atmosfere della prima parte. Un buon soggetto, ma che probabilmente avrebbe giovato molto da una diversa suddivisione delle tavole e delle tempistiche di pubblicazione. A livello di editoriali, spicca l’ovvia parentesi dedicata a 19,999 leghe sotto i mari con l’intervista ai due autori, e un approfondimento sulle programmate novità della fiera milanese che avrebbe dovuto tenersi proprio qualche giorno fa ma che, come purtroppo ben sappiamo, è stata rimandata in attesa di tempi migliori.

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (20)
Esegui il login per votare

Topolino 3355

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Cornelius Coot
Imperatore della Calidornia

  • ******
  • Post: 10321
  • Mais dire Mais
    • Online
    • Mostra profilo

    Re:Topolino 3355
    Risposta #15: Sabato 14 Mar 2020, 14:48:26
    PAPERINIKLAND   (terza e ultima puntata)
    Per quanto diluita e forse non così appassionante, questa storia è comunque importante perché segna un passo avanti nella ripresa del Paperinik classico da parte di Gervasio: pur mantenendo fede alle radici martiniane (con la bella quadrupla del ritorno alla memoria di Paperino) e tenedo presenti quelle gervasiane (con la vignetta finale che vede la 'doppia coppia' di geni e ladri/vendicatori unita, oltre che dal diario di Fantomius e da Villa Rosa, anche dalla consanguineità da parte di Archimede), 'Paperinikland' introduce un nuovo personaggio, Red Duckan (del quale l'autore ha scritto un interessante approfondimento in questo stesso topic) che in futuro sembra darà filo da torcere non solo al mascherato ma anche ai tycoon paperopolesi (primo nuovo vero character disneyano di questo nuovo decennio).

    E risolve l'annosa questione delle car-can, sebbene alla fine della storia Archimede, di fronte ad un Paperino che ha riacquistato la memoria, sembra volerne trangugiare una per dimenticare tutto l'accaduto. Visto che in precedenza aveva ammesso ad un Paperino 'smemorato' che l'assunzione delle cancellin era solo di facciata, per tranquillizzarlo riguardo al segreto della sua identità e, al tempo stesso, per assicurarsi di poter intervenire con 'coscienza' nel caso ce ne fosse stato bisogno (come in questo), mi chiedo se anche in questa occasione la sua sia stata una 'finta' (considerando che Paperino, riacquistando la memoria, potrebbe aver dimenticato la 'confessione' del suo amico inventore) o se volesse prenderla davvero. Ipotizzo il primo caso perché se fosse vero il secondo Archimede smentirebbe se stesso. Magari voleva vedere la reazione di Paperino che, memore o meno di ciò che gli aveva detto, decide di fermarlo riconoscendogli un intervento e una presenza decisivi nella complessa situazione. Con la 'benedizione' cosciente di Paperino, Archimede dice l'ultima bugia contento del fatto che da ora in poi non dovrà più recitarla.

    Riguardo ciò mi piacerebbe leggere qualcosa dall'autore in questione, il 'nostro' MG  :)

    « Ultima modifica: Sabato 14 Mar 2020, 16:19:27 da Cornelius Coot »

    *

    LolloPippinide
    Brutopiano

    • *
    • Post: 48
    • Esordiente
      • Offline
      • Mostra profilo

      Re:Topolino 3355
      Risposta #16: Lunedì 16 Mar 2020, 23:35:29
      Scusate la domanda fuori tema con il numero in questione (che purtroppo causa periodo di quarantena non sono ancora riuscito a leggere  :'( ) Spero di rimediare al più presto!!!
      Ho letto su anteprima Disney che ci sono anche testate con il nome "Topolibro e SuperTopolino"....che differenza c'è tra le due? E ultimissima domanda….non sono riuscito a completare la raccolta dei Paperdollari, per caso qualcuno di voi sa se si possono ordinare su internet? Grazie mille a chi risponderà!!!! Siete sempre molto gentili!!!  :)

      *

      giorgio
      --
         (1)

         (1)
        Re:Topolino 3355
        Risposta #17: Martedì 17 Mar 2020, 00:38:30
        Scusate la domanda fuori tema con il numero in questione (che purtroppo causa periodo di quarantena non sono ancora riuscito a leggere  :'( ) Spero di rimediare al più presto!!!
        Ho letto su anteprima Disney che ci sono anche testate con il nome "Topolibro e SuperTopolino"....che differenza c'è tra le due? E ultimissima domanda….non sono riuscito a completare la raccolta dei Paperdollari, per caso qualcuno di voi sa se si possono ordinare su internet? Grazie mille a chi risponderà!!!! Siete sempre molto gentili!!!  :)
        I superTopolino sono i numeri venduti con un allegato e quindi a un prezzo maggiore.
        I Topolibro sono dei fumetti con copertina cartonata.
        Per i Paperdollari puoi provare su Prima Edicola, se è ancora possibile ordinare degli arretrati.

        *

        Luxor
        Dittatore di Saturno
           (1)

        • *****
        • Post: 3662
        • Supremo Organizzatore, Folle Ideatore!
          • Online
          • Mostra profilo
           (1)
          Re:Topolino 3355
          Risposta #18: Martedì 17 Mar 2020, 10:50:41
          Scusate la domanda fuori tema con il numero in questione (che purtroppo causa periodo di quarantena non sono ancora riuscito a leggere  :'( ) Spero di rimediare al più presto!!!
          Ho letto su anteprima Disney che ci sono anche testate con il nome "Topolibro e SuperTopolino"....che differenza c'è tra le due? E ultimissima domanda….non sono riuscito a completare la raccolta dei Paperdollari, per caso qualcuno di voi sa se si possono ordinare su internet? Grazie mille a chi risponderà!!!! Siete sempre molto gentili!!!  :)

          Per i Paperdollari puoi ordinare gli albi mancanti sul sito Panini, per ora poi c'è una promozione con la quale hai la spedizione gratis se raggiungi i 15 euro di spesa!
          The Rabbit Hunter! (Copyright by Gancio 08.II.16)


          *

          Estoy Acà
          Brutopiano

          • *
          • Post: 34
          • Uh, come pullulo!
            • Offline
            • Mostra profilo

            Re:Topolino 3355
            Risposta #19: Venerdì 20 Mar 2020, 12:50:21
            Un po' in ritardo, ma ho letto anche io questo numero.

            Sinceramente continuo la mia timida protesta contro l'abuso delle storie a puntate ed ho accuraramente evitato di leggere sia la storia del nautilus che quella degli "ado" (brrr, volevo dargli una chance ma appena letta quell'abbreviazione mi è passata la voglia). Sicuramente mi sarò perso delle belle storie visti i commenti, ma non voglio sentirmi obbligato ad acquistare i prossimi numeri (vista anche la difficoltà a reperirli in questo periodo) e quindi non lo farò.

            Paperinikland è stata una piccola eccezione, da estimatore del papero mascherato e da questa intera operazione di retcon di cui non voglio perdermi niente.
            L'idea del magnate "borderline" che rispetta la legge ma cerca tutti i mezzi per aggirarla mi è piaciuta. Ricorda un po' Rockerduck (non il primo di Martina, quello che era a un baciamani dall'essere il Padrino) ma è comunque un personaggio nuovo che porta un po' di freschezza. Spero che continui ad essere valorizzato e non finisca nel solito piattume degli antagonisti ("Ah! In realtà sono cattivo! Adesso conquisterò il mondo eheheh!")... ma sono fiducioso.
            In ogni caso, queste tre puntate si sono lasciate leggere ma non sono mai decollate, alla fine della fiera mi sembrano tutte un gigantesco prologo (e forse è giusto così).
            L'unica cosa davvero memorabile è la vicenda Archimede/Car Can (per quanto, lo ammetto, fargli inventare le caramelle che annullano le car can mi è sembrata una soluzione molto di comodo, oltre che pericolosa per il futuro anche in mano ad altri sceneggiatori)

            Soddisfatto anche del resto del numero... anche se la storia di Paperoga mi ha mandato in difficoltà dandogli di nuovo Malachia  :))
            « Ultima modifica: Venerdì 20 Mar 2020, 12:53:23 da Estoy Acà »

            *

            Gancio
            Dittatore di Saturno
               (1)

            • *****
            • Post: 3192
              • Offline
              • Mostra profilo
               (1)
              Re:Topolino 3355
              Risposta #20: Sabato 21 Mar 2020, 12:02:26
              Torno a commentare un "topo" dopo un bel po'...

              L'ovvia premessa è che, venuto a conoscenza della storia ispirata all'opera di Verne, non mi son voluto perdere l'occasione di poterla leggere e "gustare". E non ne sono rimasto deluso. Certo, al momento in cui scrivo ho già letto la seconda parte, quindi parto avvantaggiato nel commento, ma anche solo limitandomi a questa prima parte posso che dire che il risultato sia ottimo. Confesso di non aver mai letto 20.000 Leghe sotto i Mari, quindi non ne conosco con precisione la trama, tuttavia penso che il duo Artibai/Pastrovicchio sia riuscito a "rendere bene" l'idea, con le dovute cautele ed i necessari adattamenti, della famosa opera. I personaggi recitano bene nei ruoli loro affidati, non so quanto coincidenti con quelli originali, eppure tutti riescono ad adattare la loro personalità tradizionale senza che questa risulti preponderante rispetto al canovaccio. Pippo, in particolare, conferma la sua duttilità ed adattabilità a ruoli svariati ed eterogeni pur mantenendo una sua riconoscibilità. Graficamente è davvero un bel vedere, ovviamente le ambientazioni marine, e soprattutto sottomarine, contribuiscono molto e permettono a Pastrovicchio di dimostrare tutta la sua abilità. Insomma, il giudizio su questa prima parte è, ovviamente, molto positivo. Il tutto verrà poi confermato anche nel finale.
              Il resto dell'albo lo ricordo per la simpatica storia muta disegnata da Faccini e scritta da Nucci: personalmente trovo sempre molto divertenti questi "esperimenti" (che poi tali non sono) che permettono di variare e giocare con la comicità in maniera particolare ed originale. Se poi il protagonista è il Paperoga di Faccini tanto meglio! Carina anche la breve del duo Bosco/Panaro, una tradizionale storia a gag ben disegnata che punta molto sulle caratteristiche più tipiche del protogonista, vale a dire sfortuna e pigrizia. Proseguendo, la storia con Pippo risulta abbastanza originale, puntando su un nuovo aspetto della personalità del protanista che dovrebbe fare da apripista ad una serie: vedremo come evolve, per adesso l'idea la promuovo.
              Qualche perplessità mi è stata lasciata da Area15: inzio col dire che questo tipo di storie che puntano molto sull'aspetto "teen" di QQQ non mi hanno mai entusiasmato troppo, anche se ad onor del vero questa sembra più strutturata nel voler comunque mostrare nuovi comprimari e situazioni; mi riservo di valutare nel proseguo. Ah, graficamente trovo un po' "freddi" questi disegni, forse sarebbe più adatto l'aggettivo "asettici"? Non so dire, è una sensazione che ritrovo ogni volta e che in parte contribuisce a farmi poco apprezzare la storia nel suo complesso.
              Su Papenikland non mi pronuncio, dal momento che non ho letto i primi episodi.
              Tritumbani fritti!

              *

              MatteZena
              Sceriffo di Valmitraglia

              • ***
              • Post: 282
              • Esordiente
                • Offline
                • Mostra profilo

                Re:Topolino 3355
                Risposta #21: Sabato 21 Mar 2020, 20:06:31
                Numero abbastanza buono sebbene ritenga discutibile la presenza di 4 storie a puntate su 7.
                19.999 leghe sotto i mari parte 1 storia carina e con una buona sceneggiatura, che, con l'aiuto degli ottimi disegni di Patrovicchio, riesce a rendere interessante la storia nonostante la lentezza della trama. Mi fa piacere vedere finalmente un Artibani 'puro' tornato ad una sua tipica sceneggiatura matura, interessante e non forzata, dopo qualche mese di sceneggiature a mio parere non ai livelli a chi ci ha abituati.
                Voto sceneggiatura: 8/9
                Voto disegni: 8,5
                Voto storia: 8+

                Area 15 ep. 1 storia che, nonostante la potenziale noia che potrebbe dare ai ragazzi o agli adulti a causa della sua natura un po' più infantile, grazie alla sempre ottima penna di Roberto Gagnor e ad uno Sciarrone con una matita più convincente del solito, riesce ad essere abbastanza divertente e interessante
                Voto sceneggiatura: 8
                Voto disegni: 7,5
                Voto storia: 7+

                Pippo Spot ep. 1
                Storia molto buona, divertente e coinvolgente con degli ottimi disegni, che fa sperare in una buona serie (per quanto il secondo episodio, uscito nel numero 3356, sia leggermente inferiore). Mi fa piacere vedere la caratterizzazione 'classica' ma parallelamente 'rebootata' di Clarabella e Orazio; forse l'unico problema che posso trovare è il parziale snaturamento del personaggio di Pippo
                Voto sceneggiatura: 8,5
                Voto disegni: 8/9
                Voto storia: 8.5

                Paperoga in: basta pensarlo
                Sicuramente i disegni di Faccini non sono stati scelti a caso, data la natura molto 'facciniana' della storia. L'ottima sceneggiatura del già consolidato Marco Nucci sembra proprio essere quella tipica delle storie di Faccini dei primi anni 2000.
                Storia piacevole e divertente, con ottimi disegni  e gag molto originali
                Voto disegni: 8+
                Voto storia: 8

                Paperino e il trattamento innovativo
                Storia simpatica e originale, con degli ottimi disegni del sempre bravissimo Ottavio Panaro. Mi ha fatto piacere vedere finalmente una nuova storia in cui a Gastone viene assegnata anche della gentilezza e dell'umanità, data la sua avarizia e quasi cattiveria che traspare ormai nella maggioranza delle storie.
                Voto sceneggiatura: 7/8
                Voto disegni: 8,5
                Voto storia: 7,5

                I corti di Paperino: sii clemente con il cliente
                Storia molto carina e divertente, forse la migliore del ciclo creato da Vito Stabile, con dei disegni ottimi di Antonello Dalena e una sceneggiatura convincente e non forzata.
                Voto sceneggiatura: 8/9
                Voto disegni: 8,5
                Voto storia: 8,5

                Paperinikland terza puntata
                Finale abbastanza sottotono e velocizzato rispetto a come ci aveva abituato la prima puntata, per quanto, però, Red Duckan rimanga un personaggio potenzialmente interessante, ma a mio parere non sufficientemente sfruttato e approfondito
                Voto sceneggiatura: 7/8
                Voto disegni: 8+
                Voto puntata: 7/8
                Voto storia totale: 7,5



                *

                Gancio
                Dittatore di Saturno

                • *****
                • Post: 3192
                  • Offline
                  • Mostra profilo

                  Re:Topolino 3355
                  Risposta #22: Lunedì 23 Mar 2020, 12:38:43
                  Numero abbastanza buono sebbene ritenga discutibile la presenza di 4 storie a puntate su 7.
                  Sinceramente continuo la mia timida protesta contro l'abuso delle storie a puntate

                  Mi sembra un punto abbastanza sottovalutato, non mi pare di leggere molte critiche al riguardo, eppure il tema non è poi così secondario. Le storie a puntate fanno indubbiamente parte della storia del "topo" sin dalle sue origini, e nel corso degli anni hanno vissuto alterne vicende tra alti e bassi, ma oggi sembra che si voglia puntare abbastanza su questa tipologia, andando un po' a rompere l'equilibrio con le autoconclusive che vedeva queste ultime prevalere con una certa facilità.
                  A mio avviso questa scelta - che ritengo orientata alla fidelizzazione degli acquirenti - può risultare controproducente nei confronti dei cd. "occasionali", cioè di quella fascia di mercato che acquista il "topo" una tantum, saltuariamente, e che difficilmente può essere attratta da volumi con storie già iniziate e/o che non si concludono. Sono certamente scelte editoriali ponderate, però temo che gi effetti positivi possano non compensare quelli negativi in termini di vendite...

                  Ma c'è un'ulteriore considerazione da fare: la storia "a puntate" - termine che, in realtà, ricomprende le due diverse forme delle storie singole divise in più parti (solitamente da 2 a 4) nonchè le serie formate da storie singole autoconclusive - è un prodotto in parte diverso dalla classica autoconclusiva da 20/30 tavole, a causa della sua struttura, per via della divisione in parti o in segmenti autonomi, nonchè per l'ampio spazio a disposizione.
                  Ora, se da un lato è sempre più difficile riuscire a trovare buone idee per le tradizionali autoconclusive - un po' perchè in tanti decenni di produzione è stato già detto quasi tutto e l'originalità non è semplice, anche in considerazione dei tanti vincoli e lacciuoli, quando non proprio censura - dall'altro le storie "a puntate" ultimamente sembrano in aumento.
                  Che vi sia un nesso? Si potrebbe azzardare l'ipotesi secondo cui, quando viene trovata un'idea particolarmente buona, si cerca di sfruttarla al massimo, allungando il brodo? O forse è proprio il maggior spazio a disposizione che, permettendo di meglio sviluppare la vicenda, offre più possibilità narrative e, di conseguenza, un miglior risultato finale?
                  Ovviamente queste sono solo congetture personali, magari del tutto infondate, tuttavia resta - almeno nel sottoscritto - un certo fastidio nel trovarmi davanti numeri con una percentuale troppo alta di storie a puntate che, di fatto, non mi permette di gustarmi per intero l'albo e neppure mi induce ad acquistarne altri senza una precisa ragione.
                  Tritumbani fritti!

                  *

                  LolloPippinide
                  Brutopiano

                  • *
                  • Post: 48
                  • Esordiente
                    • Offline
                    • Mostra profilo

                    Re:Topolino 3355
                    Risposta #23: Lunedì 23 Mar 2020, 16:31:42
                    Scusate la domanda fuori tema con il numero in questione (che purtroppo causa periodo di quarantena non sono ancora riuscito a leggere  :'( ) Spero di rimediare al più presto!!!
                    Ho letto su anteprima Disney che ci sono anche testate con il nome "Topolibro e SuperTopolino"....che differenza c'è tra le due? E ultimissima domanda….non sono riuscito a completare la raccolta dei Paperdollari, per caso qualcuno di voi sa se si possono ordinare su internet? Grazie mille a chi risponderà!!!! Siete sempre molto gentili!!!  :)
                    I superTopolino sono i numeri venduti con un allegato e quindi a un prezzo maggiore.
                    I Topolibro sono dei fumetti con copertina cartonata.


                    Per i Paperdollari puoi provare su Prima Edicola, se è ancora possibile ordinare degli arretrati.
                                   Citazione da: LolloPippinide - Lunedì 16 Mar 2020, 23:35:29Scusate la domanda fuori tema con il numero in questione (che purtroppo causa periodo di quarantena non sono ancora riuscito a leggere   ) Spero di rimediare al più presto!!! Ho letto su anteprima Disney che ci sono anche testate con il nome "Topolibro e SuperTopolino"....che differenza c'è tra le due? E ultimissima domanda….non sono riuscito a completare la raccolta dei Paperdollari, per caso qualcuno di voi sa se si possono ordinare su internet? Grazie mille a chi risponderà!!!! Siete sempre molto gentili!!!  Per i Paperdollari puoi ordinare gli albi mancanti sul sito Panini, per ora poi c'è una promozione con la quale hai la spedizione gratis se raggiungi i 15 euro di spesa!

                    Grazie mille ragazzi!! Mi metto subito al lavoro per ordinarli!!  ;)
                    Però mumble mumble...Secondo voi è sicuro farsi spedire un pacco a casa con questo virus che sta girando?!

                    *

                    Estoy Acà
                    Brutopiano

                    • *
                    • Post: 34
                    • Uh, come pullulo!
                      • Offline
                      • Mostra profilo

                      Re:Topolino 3355
                      Risposta #24: Martedì 24 Mar 2020, 14:04:44
                      Mi sembra un punto abbastanza sottovalutato, non mi pare di leggere molte critiche al riguardo, eppure il tema non è poi così secondario. Le storie a puntate fanno indubbiamente parte della storia del "topo" sin dalle sue origini, e nel corso degli anni hanno vissuto alterne vicende tra alti e bassi, ma oggi sembra che si voglia puntare abbastanza su questa tipologia, andando un po' a rompere l'equilibrio con le autoconclusive che vedeva queste ultime prevalere con una certa facilità.
                      A mio avviso questa scelta - che ritengo orientata alla fidelizzazione degli acquirenti - può risultare controproducente nei confronti dei cd. "occasionali", cioè di quella fascia di mercato che acquista il "topo" una tantum, saltuariamente, e che difficilmente può essere attratta da volumi con storie già iniziate e/o che non si concludono. Sono certamente scelte editoriali ponderate, però temo che gi effetti positivi possano non compensare quelli negativi in termini di vendite...

                      Ma c'è un'ulteriore considerazione da fare: la storia "a puntate" - termine che, in realtà, ricomprende le due diverse forme delle storie singole divise in più parti (solitamente da 2 a 4) nonchè le serie formate da storie singole autoconclusive - è un prodotto in parte diverso dalla classica autoconclusiva da 20/30 tavole, a causa della sua struttura, per via della divisione in parti o in segmenti autonomi, nonchè per l'ampio spazio a disposizione.
                      Ora, se da un lato è sempre più difficile riuscire a trovare buone idee per le tradizionali autoconclusive - un po' perchè in tanti decenni di produzione è stato già detto quasi tutto e l'originalità non è semplice, anche in considerazione dei tanti vincoli e lacciuoli, quando non proprio censura - dall'altro le storie "a puntate" ultimamente sembrano in aumento.
                      Che vi sia un nesso? Si potrebbe azzardare l'ipotesi secondo cui, quando viene trovata un'idea particolarmente buona, si cerca di sfruttarla al massimo, allungando il brodo? O forse è proprio il maggior spazio a disposizione che, permettendo di meglio sviluppare la vicenda, offre più possibilità narrative e, di conseguenza, un miglior risultato finale?
                      Ovviamente queste sono solo congetture personali, magari del tutto infondate, tuttavia resta - almeno nel sottoscritto - un certo fastidio nel trovarmi davanti numeri con una percentuale troppo alta di storie a puntate che, di fatto, non mi permette di gustarmi per intero l'albo e neppure mi induce ad acquistarne altri senza una precisa ragione.

                      Premessa: io non ho mai fatto l'abbonamento a Topolino, l'ho comprato ogni settimana per anni nei '90 ma oggi sono appunto il classico lettore "occasionale".

                      Detto questo:

                      Guarda, io credo che sia un po' e un po', ma questa è la linea editoriale che hanno scelto avendo i loro buoni motivi e io, da semplice lettore, non posso che usare l'unica arma che ho a disposizione, ossia non acquistarlo "sulla fiducia" ed evitarlo quando si presentano queste situazioni (cioè spesso).

                      Non sono contro le storie a puntate a prescindere (basta guardare il mio avatar e il mio nick!) ma quando sono fatte con senso logico.
                      Ultimamente pare ci sia:

                      - Abbiamo una buona idea per una storia? E' sprecata, splittiamola in 2, 3 o 4 parti, così ci dura di più!
                      - Abbiamo una buona idea per una serie di storie? Facciamole uscire ogni settimana! (Ma mi raccomando eh, che non siano autoconclusive.)

                      Il problema è quando queste due cose capitano nello stesso numero, e ripetute!
                      Ad es. nel numero in questione abbiamo:

                      19.999 leghe - Storia "top" - Prima puntata
                      Paperinikland- Storia "top" - Terza puntata
                      Area 15 - Serie di storie - Prima puntata
                      Pippospot - Serie di storie - Prima puntata

                      Ora, non voglio dire che uno non possa gustarsi le ultime due da sole, ma se già le metti insieme, e poi insieme ad un'altra saga che inizia e una che finisce...

                      A me piace acquistare Topolino. Piace perchè dopo ho sempre la possibilità di prendere un numero a caso dalla mia libreria, e gustarmelo. Ma se poi ne prendo uno e ci trovo: la prima storia di una saga, la terza di un'altra, l'inizio della serie, la metà della serie... lo chiudo e ne prendo un altro.

                      Dici una cosa giustissima: le storie a puntate hanno sempre fatto parte di Topolino! Ma le storie a puntate vere.

                      Acquisto spesso le varie raccolte (Grandi classici, Le più belle storie etc) e anche lì ci sono storie a puntate del passato, di quando lo compravo da piccolo per capirci. Ma si tratta di storie nate chiaramente per essere a puntate, e non "allungate" apposta. Ora, non voglio contarmi le tavole, ma capita spessissimo di arrivare alla fine della prima parte e chiedersi "oddio, ma questo era solo l'inizio? E' successa tutta questa roba, in così tante pagine. Che bello". Completamente diverso da ora in cui c'è proprio la sensazione che una storia sia stata presa e divisa in tre o quattro.

                      Poi ci sono le varie serie. Ma ad esempio "i mercoledì di Pippo" non uscivano ogni settimana, e non erano collegati l'un l'altro. Questo permetteva di non sentirsi preso in mezzo leggendo direttamente il terzo piuttosto che il secondo.

                      Le uniche eccezioni che ricordo sono le serie della ziche, il topokolossal, la papernovela e il grande splash. Ma parliamo di pietre miliari che, se uscissero oggi, venderebbero da sole tutto l'abbonamento. (Ce ne sono sicuramente altre che ora non ricordo, ma il punto è che oggigiorno ci sono SEMPRE almeno due saghe in corso in una sorta di "marvelizzazione-ma-non-troppo" del prodotto)
                      « Ultima modifica: Martedì 24 Mar 2020, 14:07:10 da Estoy Acà »

                      *

                      Gancio
                      Dittatore di Saturno

                      • *****
                      • Post: 3192
                        • Offline
                        • Mostra profilo

                        Re:Topolino 3355
                        Risposta #25: Martedì 24 Mar 2020, 19:25:53
                        Ultimamente pare ci sia:

                        - Abbiamo una buona idea per una storia? E' sprecata, splittiamola in 2, 3 o 4 parti, così ci dura di più!
                        - Abbiamo una buona idea per una serie di storie? Facciamole uscire ogni settimana! (Ma mi raccomando eh, che non siano autoconclusive.)
                        Esatto, si tratta della stessa sensazione che ho avuto io.
                        Volendo tradurre in termini più pratici, se fosse vero indicherebbe un appiattimento delle logiche editoriali a quelle meramente economiche, perchè l'unica ragione che può giustificare questo tipo di tendenza è quella della massimizzazione delle vendite...

                        Acquisto spesso le varie raccolte (Grandi classici, Le più belle storie etc) e anche lì ci sono storie a puntate del passato, di quando lo compravo da piccolo per capirci. Ma si tratta di storie nate chiaramente per essere a puntate, e non "allungate" apposta. Ora, non voglio contarmi le tavole, ma capita spessissimo di arrivare alla fine della prima parte e chiedersi "oddio, ma questo era solo l'inizio? E' successa tutta questa roba, in così tante pagine. Che bello". Completamente diverso da ora in cui c'è proprio la sensazione che una storia sia stata presa e divisa in tre o quattro.
                        E infatti ciò trasmette un'idea di posticcio, di artificioso... ad esempio nelle storie di PKNE, che comparivano sul topo suddivise in più parti, si aveva netta la sensazione che la divisione fosse fatta ad esclusivo beneficio della pubblicazione in più numeri consecutivi, senza che fosse necessaria ai fini della vicenda.
                        Tritumbani fritti!

                        *

                        Mc quack
                        Allegro Castoro

                        • *
                        • Post: 1
                        • Esordiente
                          • Offline
                          • Mostra profilo

                          Re:Topolino 3355 -
                          Risposta #26: Lunedì 6 Apr 2020, 15:20:44
                          Buongiorno a tutti, non so se sia la sezione giusta ma ho da poco ripreso in mano Topolino e scoperto da poco il sito.
                          Vorrei chiedervi se anche voi abbiate notato una certa discrepanza quando Gambadilegno e Topolino si "presentano" nella parodia di 20.000 leghe.
                          Sembra quasi che Gambadilegno dice di essere un cacciatore di balene altrimenti poi non si capisce bene l'espressione di Topolino ed il conseguente discorso con il Capitano Macchia Nera.
                          PS Gambadilegno mi ricorda molto in questi disegni un cartone animato che vedevo in super 8 in cui lui faceva il controllore in un treno e Topolino cercava di far viaggiare clandestinamente Pluto.
                          qualcun altro ne ha memoria?

                          *

                          Andy392
                          Sceriffo di Valmitraglia

                          • ***
                          • Post: 314
                            • Offline
                            • Mostra profilo

                            Re:Topolino 3355
                            Risposta #27: Lunedì 6 Apr 2020, 20:18:13
                            Infatti è stato cambiato. Se noti, nel breve articolo a pagina 10 mette la vignetta con il dialogo originale. Non dice esplicitamente di essere un baleniere ma si capisce benissimo.

                            La sezione è giusta e anche il topic. Se vuoi presentarti meglio,  usa questo topic



                            • ***
                            • Post: 532
                            • Esordiente
                              • Online
                              • Mostra profilo

                              Re:Topolino 3355 -
                              Risposta #28: Lunedì 6 Apr 2020, 21:01:48

                              PS Gambadilegno mi ricorda molto in questi disegni un cartone animato che vedevo in super 8 in cui lui faceva il controllore in un treno e Topolino cercava di far viaggiare clandestinamente Pluto.
                              qualcun altro ne ha memoria?
                              Ciao, il cartone è Topolino va in vacanza
                              (Mr.Mouse takes a trip 1940).

                              *

                              Michael
                              Allegro Castoro

                              • *
                              • Post: 1
                              • Esordiente
                                • Offline
                                • Mostra profilo

                                Re:Topolino 3355
                                Risposta #29: Martedì 7 Apr 2020, 12:16:36
                                Questofumetto l'ho trovato molto interessante, disegni fantastici e sceneggiatura impressionante, assolutamente all'altezza della trama del libro e di Joule Verne

                                 

                                Dati personali, cookies e GDPR

                                Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                                Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                                Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.