Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
2 | |
1 | |
4 | |
3 | |
4 | |
3 | |
3 | |
3 | |
5 | |
3 | |
2 | |
2 | |
Topolino 3356 - Recensione di Chen Dai-Lem

Topolino 3356 Non so se questo Topolino risenta un po’ del clima triste che aleggia nel Paese a causa del Coronavirus, ma di sicuro non riesce a distrarci in questo momento. Gli editoriali parlano di cose che non si sa quando vedremo: uno è dedicato all’Europeo di calcio già rimandato all’anno venturo, uno al live action di Mulan che avremmo dovuto vedere al cinema, ma in questo periodo neanche ricordiamo più la sensazione di sederci sulle poltroncine rosse a gustare un bel film in compagnia. Un articolo è dedicato alla giornata mondiale della felicità, che di questi tempi, diciamocelo, è passata un po’ in secondo piano e almeno con l’ultimo possiamo rinfrancarci… perché sì, per fortuna il gelato possiamo mangiarlo anche a casa! Se pensavamo di risollevarci con le storie, però, non ci va molto bene. Questa settimana finisce 19.999 leghe sotto i mari (Artibani/Pastrovicchio) lasciando un po’ di perplessità. Il lettore scivola tra le pagine, accompagnato forse più dai bellissimi disegni che dalla suspense creata dalla trama, ma quello che purtroppo manca alla storia per fare un salto di qualità, per passare da buona a memorabile, è la mancanza delle emozioni forti che Verne riusciva a creare con i suoi romanzi. Qui vengono molto depotenziate e temo che la maggior parte della responsabilità ce l’abbia Pippo. Pippo è un personaggio meraviglioso ma, secondo me, non adatto a impersonare il Capitano Nemo: un carattere molto complesso, molto affascinante ma allo stesso tempo inquietante, fatto di ombre prima ancora che di luci. Quello che esce da Pippo è… Pippo! In questo caso, un inventore geniale ma comunque svampito, privo del carisma del protagonista di Verne. La perplessità continua anche nel nuovo progetto che prende avvio questa settimana e che il direttore Bertani ci anticipa nell’editoriale: Topolino, le origini, una serie che dovrà portarci nel passato di Topolino e farci capire un po’ di più della sua giovinezza, come in un romanzo di formazione. Il primo episodio, Vita vera, sceneggiato da Danilo Deninotti affiancato ai disegni da Fabrizio Petrossi, vede Topolino lasciare l’università e tornare a Topolinia, dove incontra l’amico Pippo e ottiene quasi per caso il suo primo incarico di giornalista. Nella storia non manca una citazione a Young Donald Duck (serie pubblicata di recente nelle pagine del settimanale), in una sorta di crossover, pratica che ormai pare consolidata all’interno del libretto, dove troviamo continui rimandi tra serie. La narrazione però non riesce ad entusiasmare il lettore, che ha l’idea di trovarsi di fronte a qualcosa di già visto e non aggiunge niente di rilevante a ciò che sapeva già di Topolino; vedremo se magari le puntate successive riusciranno ad essere più avvincenti. Buona prova, invece, per Roberto Gagnor e Claudio Sciarrone e il loro secondo episodio di Area 15. In Qui, Quo, Qua – La collezione dei ricordi i due riescono a catturare tutte le manie e i tic dei collezionisti che affollano le fiere del fumetto. Difficile non riconoscersi nei protagonisti quando cercano il minimo difetto nella costina di un albo prima di comprarlo o nella ricerca compulsiva di action figure che, al di là del valore commerciale, rivestono un enorme valore sentimentale grazie ai ricordi che i personaggi riprodotti rievocano. Tra un sorriso e un sospiro, questa storia ci ricorda in questo momento difficile un mondo che ci è caro e che speriamo di rivivere al più presto. Pippospot – Alta pressione di Alessio Coppola è una breve che dovrebbe, forse, divertire, ma che non riesce fino in fondo nel compito, mentre più carina è La Banda Bassotti e la concorrenza di quartiere (Panini/Limido), dove la banda meno temibile di Paperopoli cerca di incastrare una coppia di ladri concorrenti e, per farlo, chiede aiuto a tutta la criminalità della città… il risultato, come sempre, è un disastro! La storia più bella del numero, infine, è sicuramente quella di Marco Rota, Paperino e l’approdo sfortunato della Dollaro bucato. Paperino, su una barca al largo delle isole del Pacifico, confessa ai nipoti un’avventura sfortunata, avvenuta anni prima, del cui esito infausto Zio Paperone non è del tutto a conoscenza. Il lettore viene rapito dal racconto di Paperino e dai meravigliosi disegni dell’autore milanese e arriva in fondo all’avventura facendo anche un sorriso. Un numero quindi un po’ sottotono, speriamo di risollevarci con il prossimo!

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (20)
Esegui il login per votare

Topolino 3356

0 Utenti e 2 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

*

Cornelius Coot
Imperatore della Calidornia
   (2)

  • ******
  • Post: 10141
  • Mais dire Mais
    • Offline
    • Mostra profilo
   (2)
    Topolino 3356
    Mercoledì 18 Mar 2020, 11:45:22
    STORIE
    __________________________________________________________________________________________________________

    Topolino. Le Origini - Vita vera                                                       (24 tavole)
    Danilo Deninotti - Fabrizio Petrossi     
    Area 15 - Qui Quo Qua e la collezione dei ricordi                      (22 tavole)
    Roberto Gagnor - Claudio Sciarrone       
    PippoSpot - Alta pressione                                                             (12 tavole)
    Alessio Coppola     
    La Banda Bassotti e la concorrenza di quartiere                      (20 tavole)
    Gabriele Paolini - Claudio Limido       
    Paperino e l'approdo sfortunato della 'Dollaro bucato'           (12 tavole)
    Marco Rota     
    19999 leghe sotto i mari   (seconda parte)                                  (26 tavole)
    Francesco Artibani - Lorenzo Pastrovicchio       
    TopoGulp - Le strade di Topolinia                                                    (1 tavola)
    Massimiliano Valentini - Gigi Piras
    __________________________________________________________________________________________________________



    SERVIZI  e  RUBRICHE
    __________________________________________________________________________________________________________

    Cosa state per leggere - A metà strada                 
    Barbara Garufi
    Happy day! - W la felicità                                       
    Barbara Garufi - Stefano Zanchi
    Cosa state per leggere - Missione collezionista     
    Barbara Garufi
    TopoWeek - Agenda                                             
    Francesca Agrati
    Dal nostro inviato nel pallone...  Esami d'Europeo   
    Fabio Licari
    Al Cinema - Mulan                                                 
    Francesca Agrati
    Ricorrenze golose - Per tutti i gusti!
    Gabriella Valera
    Cosa state per leggere - Un capitano molto... profondo!
    Barbara Garufi
    Posta & Risposta - W la festa del papà
    __________________________________________________________________________________________________________
    « Ultima modifica: Mercoledì 18 Mar 2020, 18:19:15 da Cornelius Coot »

    *

    Cornelius Coot
    Imperatore della Calidornia

    • ******
    • Post: 10141
    • Mais dire Mais
      • Offline
      • Mostra profilo

      Re:Topolino 3356
      Risposta #1: Mercoledì 18 Mar 2020, 12:03:20
                                                       Con il numero 3356 è uscita la seconda parte del Nautilus
      ______________________________________________________________________________________________________________

      « Ultima modifica: Mercoledì 18 Mar 2020, 18:21:14 da Cornelius Coot »

      *

      Devis91
      Evroniano

      • **
      • Post: 105
      • Esordiente
        • Offline
        • Mostra profilo

        Re:Topolino 3356
        Risposta #2: Mercoledì 18 Mar 2020, 16:12:35
        Molto in linea con la tematica di questi giorni la one page "che aria tira a paperopoli" ;D

        *

        Vito65
        Cugino di Alf
           (1)

        • ****
        • Post: 1290
        • ex Generale Westcock
          • Offline
          • Mostra profilo
           (1)
          Re:Topolino 3356
          Risposta #3: Mercoledì 18 Mar 2020, 16:17:18
          Posto un mio commento sulle storie di questo albo, che menziono in ordine di (mio) gradimento: interessante la seconda parte di "19999 leghe sotto i mari", dove troviamo un Macchia Nera in costume che in due occasioni particolari mostra di essere un vero cattivo, così come è nella sua natura più genuina. Gli elementi di tensione determinati dalle azioni e dalle intenzioni dei due cattivi, soprattutto Faraboot, vengono abilmente miscelati con atmosfere comiche e divertenti. Inoltre scopriamo nel finale che il dialogo fra Topolino e il mondo di Verne non finisce qua.
          "Paperino e l'approdo sfortunato della dollaro bucato" è una semibreve di Rota con echi barksiani, che porta impresso il marchio d'autore: Rota dimostra anche in una storia di carattere medio di avere sempre grande stoffa. La quarta vignetta della tavola conclusiva mi ha fatto ricordare un'altra storia (credo di Cimino) in cui Paperone sta con la palandrana aperta al vento per liberare i pori della sua pelle intossicati dall'oro. Qui l'ambientazione è diversa, ma la suggestione è la stessa.
          Simpatica la "Banda Bassotti e la concorrenza di quartiere": storia di stampo umoristico che riesce nel suo intento di intrattenere e di strappare qualche sorriso.
          Le altre storie dell'albo, le prime tre, non hanno suscitato il mio interesse.
          Interessante, nella sua essenzialità, l'articolo di approfondimento sul gelato e la sua storia.
          Stuzzicante l'articolo promozionale del film Mulan.
          Simpatica la gag dell'ultima pagina.
          « Ultima modifica: Mercoledì 18 Mar 2020, 22:49:55 da Vito65 »

          *

          Cornelius Coot
          Imperatore della Calidornia

          • ******
          • Post: 10141
          • Mais dire Mais
            • Offline
            • Mostra profilo

            Re:Topolino 3356
            Risposta #4: Giovedì 19 Mar 2020, 12:55:07
            Topolino. Le Origini - Vita vera
            Gira e rigira sempre al giornalismo si torna. Sotto certi aspetti lo si potrebbe interpretare come una sorta di 'continuity', considerando il 'Topolino Giornalista' del '35 e la serie Topolinia 20802 di quest'ultimo decennio. Cronologicamente questa nuova serie la si può collocare poco dopo 'Young Donald Duck' dove nella Jeremy Ratt High School gli ancor più giovani Topolino, Pippo e Paperino avevano frequentato il 'liceo' (per semplificare). In mezzo gli anni universitari che non credo siano stati ancora spulciati. Dopo i quali un Mickey poco più che ventenne (considerando che in America i laureandi sono mediamente più giovani rispetto a quelli italiani) ritrova l'amico Pippo e inizia a cercarsi un lavoro (non sappiamo esattamente in 'cosa' si sia laureato ma immagino un mix fra Scienze Politiche e Scienze della Cominicazione, considerando il suo pallino per il giornalismo). In teoria tutto ciò potrebbe essere interessante, in pratica mi procura qualche sbadiglio (a parte il momento in cui Pippo non da importanza ad alcune arachidi che ha in giardino, non sapendo a cosa avrebbe portato, in futuro, la loro deglutizione).
            Area 15 - Qui Quo Qua e la collezione dei ricordi
            Se anche la Garufi si confonde fra Qua (nipotino protagonista dell'episodio fin dal titolo dove il suo nome è cerchiato in verde) e Quo (erroneamente citato nell'intro alla storia, avendo un look blu e non verde come nelle vignette collegate) non ne verremo mai a capo sui colori personalizzati dei nipotini (Qui è rosso, per intenderci). A parte questo il soggetto è piacevole, tra fiere di Toys & Games, collezionisti, nuovi giovanissimi personaggi e altri più 'datati' ma comunque coinvolti in situazioni solo apparentemente lontane da loro.
            Un tipo che tutti sembrano riconoscere si rivela essere un attore di fantasy quando il suo aspetto mi faceva pensare addirittura a Don Rosa! Sciarrone al top: questa serie la seguirò con più interesse di quanto avevo previsto anche grazie alle sue tavole.
            PippoSpot - Alta pressione
            Questa poteva essere l'occasione per creare un nuovo cugino o parente di Pippo che non mi convince molto come pubblicitario esperto di campagne stampa, cartellonistica, televisione. Anche il particolare look sembrerebbe fatto apposta per una altro pippide che avrebbe potuto continuare il suo percorso anche dopo questa serie, infoltendo il parterre di Topolinia.
            La Banda Bassotti e la concorrenza di quartiere
            Ottimo soggetto di Gabriele Panini che approfondisce i movimenti della malavita paperopolese regalando ai Bassotti nuova linfa in plot che non devono necessariamente essere incentrati sul Deposito da svaligiare. Sperando che i personaggi creati per l'occasione non vengano subito cestinati (come solitamente accade nei fumetti Disney) ma considerati per altre storie del genere. Perfetto Limido per dare il giusto ritmo illustrativo alla narrazione.
            Paperino e l'approdo sfortunato della 'Dollaro bucato'
            Al momento una delle migliori storie di Marco Rota recuperate dagli archivi della Egmont. Il racconto fatto dal 'comandante' Paperino ai nipotini alla fine si ricongiunge al presente che potrebbe portare grossi guai a lui e grandi vantaggi allo zione. Nel titolo avrei preferito un 'del' piuttosto che un 'della': per quanto possa essere più corretto (riferendosi a una nave) mi suona male.
            19999 leghe sotto i mari   (seconda parte)
            Questa parodia (che sarà la prima di una serie) non mi è dispiaciuta: trama a parte (non so quanto fedele all'originale che non conosco) ho apprezzato soprattutto i rapporti e i dialoghi fra i vari personaggi, ricondotti alla verve delle loro origini e le attraenti tavole di Pastrovicchio che illustra al meglio le atmosfere e le situazioni storiche del soggetto.
            « Ultima modifica: Lunedì 23 Mar 2020, 20:22:37 da Cornelius Coot »

            *

            Flash X
            Papero del Mistero

            • **
            • Post: 208
            • Mezzanotte: l'ora di Paperinik!
              • Offline
              • Mostra profilo

              Re:Topolino 3356
              Risposta #5: Giovedì 19 Mar 2020, 13:44:31
              Se per me lo scorso Topolino era uno dei migliori numeri del 2020, allora questo fa un tuffo decisamente in basso, e mi dispiace... Precisando meglio, la migliore storia del numero (19999 leghe sotto i mari) alza molto il livello del numero, infatti onestamente io vi consiglio tantissimo questo numero, anche se uno dei peggiori, proprio per questa storia. Una trama lineare che alterna i momenti di risate a quelli di tensione; sono strafelice inoltre che non sia finita qui e che vogliono portare sul settimanale un continuo (anche se dovrebbe essere una parodia, speriamo che vogliano farla diventare una saga vera e propria di Topolino, che compare ogni tanto sul giornale, perché tra disegni di Pastrovicchio e sceneggiatura di Artibani, è un gran bel capolavoro!). L'altra (e ultima) storia valida del numero è la storia straniera di Marco Rota, che rispetto alle precedenti è molto più riuscita: l'attenzione è tutta rivolta al flashback di Paperino e ciò che racconta ai nipotini è molto interessante, ma è meglio che lo Zione non sappia nulla... veramente una buona storia. A parte queste 2 storie secondo me le altre sono veramente brutte, non nei disegni, nella sceneggiatura (al limite si può salvare leggermente la storia dei Bassotti). Mi dispiace per Pippo Spot, che aveva un primo episodio eccezionale, e si è rovinato con questo secondo. La seconda storia di Qui Quo Qua era proprio monotona, in cui loro dovevano semplicemente recuperare questo giocattolo... . Saranno miei gusti, ma a me non piace vedere Topolino giovane: invece di questa storia si poteva mettere un bel giallo in stile "Guardie e Ladri" sempre con Topolino come protagonista. Come dicevo prima, ho il coraggio di consigliarvi questo numero semplicemente per 19999 leghe sotto i mari e la storia di Marco Rota.

              *

              Vincenzo
              Cugino di Alf

              • ****
              • Post: 1248
              • Esordiente
                • Offline
                • Mostra profilo

                Re:Topolino 3356
                Risposta #6: Giovedì 19 Mar 2020, 17:27:59
                Invece trovo che questo numero non abbia molto da invidiare allo scorso, a partire da un ottimo primo episodio delle origini di Topolino, che nonostante la breve durata riesce a intrigare per quello che sarà il prosieguo. Ottima la continuità con Young Donald e ben riuscite le gag, che vertono soprattutto sulle difficoltà nel trovare impiego, argomento con cui è facile empatizzare col protagonista. Fa piacere inoltre rivedere alle matite un artista che mancava da tempo come Petrossi.
                Il secondo episodio di Area 15 si fa apprezzare specilamente per il bel messaggio finale in stile Toy Story.
                Della buona parte centrale del numero spiccano i sempre eccelsi disegni di Rota, al servizio di una trama esigua ma simpatica.

                Ovviamente la seconda parte di 19999 leghe spicca sul resto, concludendo il solito ottimo lavoro della coppia Artibani-Pastrovicchio in attesa del prossimo rifacimento disneyano del ciclo di Verne.
                If you can dream it, you can do it.

                • **
                • Post: 119
                • Lord John Lamont Quackett
                  • Offline
                  • Mostra profilo

                  Re:Topolino 3356
                  Risposta #7: Venerdì 20 Mar 2020, 13:17:40
                  Un numero veramente interessante specie per la storia ispirata al libro di Verne (che è tra i miei scrittori preferiti)
                  Mi dispiace soltanto che non verrà replicata l’intera trilogia dell’isola misteriosa dato che non è stato considerato i figli del capitano Grant eppure era una storia perfetta per l’universo di topolino avevo già in mente il titolo i nipoti di PaperGrant (Zio Paperone) [che tra parentesi è una mia vecchia fan fiction disney]
                  « Ultima modifica: Venerdì 20 Mar 2020, 14:59:59 da Ladro Gentiluomo »
                  Perché Fantomius si è un ladro ma gentiluomo

                  *

                  camera_nøve
                  Ombronauta
                     (1)

                  • ****
                  • Post: 992
                  • Un Pker nostalgico..
                    • Offline
                    • Mostra profilo
                     (1)
                    Re:Topolino 3356
                    Risposta #8: Venerdì 20 Mar 2020, 16:07:15
                    La quarantena non ferma il The Fisbio Show ed anche questo venerdì sforna una nuova frizzante puntata tutta da gustare, dedicata al numero 3356 di Topolino: https://youtu.be/PSg4mb9K_pc
                    "Anche io una volta ero curioso..."

                    Il mio canale YouTube dedicato ai fumetti Disney: The Fisbio Show  SmMickey


                    @instafisbio su Instagram: https://www.instagram.com/instafisbio/

                    *

                    doppio segreto
                    Gran Mogol

                    • ***
                    • Post: 670
                    • Topolino primo amore che non si scorda mai
                      • Offline
                      • Mostra profilo

                      Re:Topolino 3356
                      Risposta #9: Venerdì 20 Mar 2020, 19:20:12
                      La quarantena non ferma il The Fisbio Show ed anche questo venerdì sforna una nuova frizzante puntata tutta da gustare, dedicata al numero 3356 di Topolino: https://youtu.be/PSg4mb9K_pc
                      Ho ascoltato la tua recensione ed ero molto interessato a comprendere come ti ponevi, da giovane lettore di Topolino molto però già esperto, nei confronti di quella che sarebbe la "storia vera" delle origini di Topolino ma, su questo argomento non ho sentito quello che cercavo a parte la battuta in cui tu affermi che ci stanno raccontando quello che era Topolino prima di diventare quel detective che noi conosciamo; battuta  che, in sé per sé, potrebbe già essere significativa sul come ti poni.


                      Dunque la domanda te la pongo allora qui e la estendo anche a tutti i vari recensori settimanali di Topolino: come vi ponete rispetto allo svelamento delle "vere" origini di Topolino rapportate a quelle che sono invece le ... reali. :blank:


                       La domanda è in realtà, rivolta a chiunque voglia dire la sua in merito

                      « Ultima modifica: Venerdì 20 Mar 2020, 19:42:49 da doppio segreto »
                      Sei una brava persona Topolino. E' questo il tuo guaio (Vera Ackerman)

                      *

                      archipapero
                      Evroniano

                      • **
                      • Post: 105
                      • Nuovo utente
                        • Offline
                        • Mostra profilo

                        Re:Topolino 3356
                        Risposta #10: Sabato 21 Mar 2020, 04:34:37
                        Nessuno si è ancora accorto dello strafalcione da penna blu nella storia di Marco Rota?

                        È vero che il lettering è (odiosamente)  digitale ma appunto per questo l'errore non doveva passare al correttore ortografico.

                        Secondo me è stato segnalato ma è stato poi ignorato come se fosse un falso allarme.

                        Una volta si imparava a leggere e scrivere sul Topolino...

                        *

                        Atius
                        Sceriffo di Valmitraglia

                        • ***
                        • Post: 272
                        • "Dentro spazzatura!" "Fuori iettatura"
                          • Offline
                          • Mostra profilo

                          Re:Topolino 3356
                          Risposta #11: Sabato 21 Mar 2020, 09:49:22
                          Di cosa si tratta? Non ho ancora letto la storia..
                          O Patria, mia solleva il capo affranto / Sorridi ancora, o bella tra le belle / o madre delle madri asciuga il pianto! / Il ciel per te s'accenda di fiammelle / Splendenti a rischiarar ancor la via / Sì che tu possa riveder le stelle! / Dio ti protegga Italia, così sia.

                          *

                          Devis91
                          Evroniano

                          • **
                          • Post: 105
                          • Esordiente
                            • Offline
                            • Mostra profilo

                            Re:Topolino 3356
                            Risposta #12: Domenica 22 Mar 2020, 11:35:37
                            Nessuno si è ancora accorto dello strafalcione da penna blu nella storia di Marco Rota?

                            È vero che il lettering è (odiosamente)  digitale ma appunto per questo l'errore non doveva passare al correttore ortografico.

                            Secondo me è stato segnalato ma è stato poi ignorato come se fosse un falso allarme.

                            Una volta si imparava a leggere e scrivere sul Topolino...

                            Quale strafalcione? sinceramente non me ne sono accorto  :o

                            *

                            Shootout
                            Bassotto
                               (1)

                            • *
                            • Post: 13
                            • Esordiente
                              • Offline
                              • Mostra profilo
                               (1)
                              Re:Topolino 3356
                              Risposta #13: Domenica 22 Mar 2020, 13:27:07
                              Nessuno si è ancora accorto dello strafalcione da penna blu nella storia di Marco Rota?

                              È vero che il lettering è (odiosamente)  digitale ma appunto per questo l'errore non doveva passare al correttore ortografico.

                              Secondo me è stato segnalato ma è stato poi ignorato come se fosse un falso allarme.

                              Una volta si imparava a leggere e scrivere sul Topolino...

                              "Metereologiche" a pag. 116 invece di  meteorologiche?

                              Trucchetto delle elementari di 'anta anni fa, ma vecchio come il cucco: ricordatevi che la meteorologia ed i suoi derivati contengono gli orologi.

                              *

                              Gancio
                              Dittatore di Saturno

                              • *****
                              • Post: 3187
                                • Offline
                                • Mostra profilo

                                Re:Topolino 3356
                                Risposta #14: Lunedì 23 Mar 2020, 18:50:02
                                Seppur posizionata in coda, la storia che spicca di più, a mio avviso, è la seconda e conclusiva (ma non del tutto) parte dell'ottima parodia di 20.000 leghe sotto i mari: come già detto per la prima parte, i personaggi sono ben calati nei ruoli e quindi "recitano" bene; a parte, forse, una sensazione di rapidità nella conclusione della vicenda, posso dire che il mio giudizio su questa parodia è veramente positivo, ed i complimenti ai due autori più che meritati.
                                Altra storia che mi è piaciuta è quella disegnata da Marco Rota: a parte il suo tratto così particolare e barksiano, che per me è sempre un valore aggiunto, la storia ha uno sviluppo semplice ma molto originale, con quella narrazione di un fatto passato che ritorna e conferisce significato al presente; l'idea funziona bene, è piacevole da leggere, per cui la promuovo con ottimi voti.

                                Andando avanti, invece, il discorso merita qualche considerazione in più.
                                Inizio dalla storia d'apertura, dedicata alla giovinezza del protagonista: personalmente nutro sempre parecchi dubbi su queste operazioni, oserei dire esperimenti, che provano a narrare fatti accaduti nel passato di personaggi che, per definizione, vivono un eterno e statico presente; forse l'esempio più famoso in tal senso è l'opera di Don Rosa dedicata alla vita di Paperone, un capolavoro frutto di un certosino lavoro di ricostruzione (e completamento) degli indizi disseminati qua e la da Barks nelle sue storie. Ovviamente non è l'unico caso, seppur forse uno dei meglio riusciti per coerenza col personaggio analizzato. Qui, ovviamente, si tratta di qualcosa di diverso, a cominciare dal fatto che il periodo preso in considerazione è ben determinato e non copre l'intera vita; siamo ancora al primo episodio, che introduce il protagonista, fresco di laurea, ed il reincontro con l'amico Pippo che non vedeva da anni: quindi, un episodio introduttivo. Vedremo come evolverà, per adesso questo assaggio oscilla, a mio avviso, tra momenti più coinvolgenti ed altri meno, ma tutto sommato lo promuovo. Mi auguro solo che l'operazione non faccia troppo patire, ad un personaggio nato quasi 100 anni in tutt'altro contesto, le ristrettezze degli attuali vincoli narrativi cui sono costretti gli autori...

                                Abbastanza deludente tutto il resto...
                                La storia con Pippo mi ha trasmesso poco, se non che la vicenda si risolve bene grazie ad una mera casualità. Peraltro, un Pippo così esperto di marketing dall'oggi al domani sembra un po' troppo tirato per la giacchetta, ma tant'è; resta da capire quante storie si vorranno proporre su questo canovaccio che, così a sensazione, temo non abbia tantissimo da dire.
                                Proseguendo la discesa troviamo la storia con i Bassotti: ora, comprendo il fine del mero intrattenimento fine a se stesso, però così è forse un po' troppo. I Bassotti sono ritratti come dei perfetti idioti, dove l'unico che si salva è solo il Nonno Grazia; all'inizio vengono individuati ma riescono a scappare per poi rifugiarsi al solito posto dove a nessuno passa per la mente di cercarli; il fatto che la città sia piena di poliziotti solo per acchiappare due semplici truffatori, nemmeno si trattasse di pericolosi criminali, poi, la dice lunga sul livello medio della malavita paperopolese... Insomma, tutto troppo scontato, come ovviamente la responsabilità dei due truffatori. Ah, solo per quella "orzata amara" al bar il voto è ancora più basso: si sarebbe benissimo potuto far ordinare genericamente "da bere" o "il solito", senza alcuna specificazione del contenuto alcolico, ma l'imperante opera di rincretinimento frutto del peggior politicamente corretto impone certe uscite veramente assurde...
                                Infine, Area 15: che dire, se il primo episodio aveva lasciato in me un giudizio sospeso, questo che ruota interamente attorno alla spasmodica ricerca di un pupazzetto mi ha deluso per l'eccessiva "nerdizzazione" della vicenda. Spiacente, ma tutto ciò non fa per me, al pari delle action figures.
                                « Ultima modifica: Lunedì 23 Mar 2020, 19:22:04 da Gancio »
                                Tritumbani fritti!

                                 

                                Dati personali, cookies e GDPR

                                Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                                Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                                Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.