Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
3 | |
4 | |
4 | |
3 | |
3 | |
3 | |
2 | |
2 | |
2 | |
1 | |
4 | |
3 | |
Topolino 3359 - Recensione di Gianni Santarelli

La storia di una rivista pluridecennale e con periodicità settimanale come Topolino è naturalmente ricca di numeri senza infamia e senza lode, numeri sui quali si potrebbe glissare senza problemi. Anche perchè quando, come in questo caso, nessuna storia colpisce in maniera particolare diventa difficile scrivere qualcosa. Tuttavia è giusto che chi cerca una guida o un parere sull’opportunità di spendere l’iperbolica cifra di 3 euro o semplicemente chi vuole leggere una voce differente per concordare con o dissentire da essa, abbia quel che desidera. Vediamo quindi come descrivere questa 3359-esima uscita della rivista a fumetti per antonomasia (si nota che sto tirando in lungo perché veramente è un numero che non mi ispira affatto?). Innanzitutto notiamo che ben tre sono storie divise in più parti (questa è diventata una situazione molto ricorrente sotto la nuova gestione), quindi è necessario aspettare che si concludano per dare un giudizio completo. Comunque possiamo dare un’occhiata a quanto finora avvenuto. Il cinquecentenario della morte di Raffaello è l’occasione per celebrarlo sul settimanale con una storia scritta da Bruno Enna e disegnata da Alessandro Perina. Trattandosi della prima puntata non c’è molto da dire: si introduce il tema principale (la ricerca di una particolare pietra), vengono presentati i personaggi coinvolti, ci si riallaccia alla precedente storia “artistica”, Paperino, Qui, Quo, Qua e il grande gioco geniale, sempre dello stesso autore e si rimane in attesa dell’episodio successivo. Nulla che faccia presagire qualcosa di epocale, comunque. D’altra parte Amelia ha smesso di dire qualcosa nel 1963, ha tentato la carta del rilancio nazional-popolare negli anni ’90 e continua stancamente a vivacchiare da allora, ormai tragica parodia di sé stessa. Aspettarsi qualcosa di memorabile è utopistico, meglio confidare che la bravura di Enna ci regali una storia almeno dignitosa. Area 15 finora era stata davvero una bella sorpresa: ha saputo raccontare bene e senza particolari sbavature la vita di normali adolescenti, divisa tra famiglia, scuola, amici, sogni e passioni. Una narrazione efficace, a tratti delicata, mai sopra le righe. Improvvisamente Gagnor sente il bisogno di tornare all’antico rispolverando il suo caratteristico umorismo e infilando qualche banalità di troppo senza riuscire ad essere divertente come forse avrebbe voluto. La storia registra così un passaggio a vuoto proprio in corrispondenza dell’ultimo episodio, limitandosi a fare facile “ironia” sulle fiere del fumetto e i suoi frequentatori. Topolino, le origini sembra una serie inutile, viene portata avanti come una serie inutile ma non lasciatevi ingannare: è veramente una serie inutile. Non serve neanche scomodare Gottfredson perché comunque, in un universo narrativo vasto come quello Disney, ci può essere spazio per tutto, anche per versioni contrastanti o diverse di uno stesso personaggio. Quello che è importante è come vengono raccontate. Alla fine, per capire cosa non va in questo progetto di Deninotti basta confrontarlo con qualcosa di molto più recente del Topolino anni ’30, ovvero con Paperino Paperotto (di Enna principalmente, ma anche Fasano ed altri). In quel caso gli autori hanno creato ex novo un mondo comunque coerente con quanto già scritto in precedenza, con personaggi nuovi e una nuova ambientazione. Quelle che leggiamo non sono le storie di un piccolo Paperino ma, come è giusto che sia, di un Paperino piccolo. In questa serie, già l’ambientazione è (forzatamente) monca: ritroviamo Topolino e Pippo appena dopo il college ma nulla sappiamo di loro e delle loro eventuali famiglie, nè dei loro trascorsi. Sono semplicemente gli stessi di oggi ma con qualche anno in meno. Topolino è già lui, con la sua innata propensione alle indagini e lo stesso vale per il suo amico, già alle prese con la soffitta dei bis-bis. Dopo Topolinia 20802 insomma, ancora una serie che cerca vanamente di svecchiare il personaggio simbolo della Disney. Relativamente a questo episodio poi, bisogna dire che Ottavio Panaro non è certo il disegnatore più adatto per dare credibilità a gangster e fuorilegge, con i suoi personaggi orrendamente “pucciosi” e dall’aspetto bonario. Paperino e i naufragi a ripetizione è un’insipida storiella danese che vorrebbe farsi forte dei disegni di un Rota che ha però perso (parliamo comunque di una storia del 2007) la freschezza dei suoi anni migliori. Riguardo Ciccio, Paperinik e le creature della fattoria, l’ho letta ormai due giorni fa e ancora mi sto chiedendo cosa ho letto. Un trip di peperonata di Faraci? Un omaggio, ridicolmente malriuscito, ai B-movie degli anni ’50 (Attacco alla Terra e simili)? Forse persino qualcosa che sfocia nell’avanguardia artistica? Vallo a sapere. Spiace solo vedere coinvolto il nome di Leoni in una simile baracconata. A completare il volume ci sono una intervista ad Enna e Perina sulla loro ultima storia, una breve presentazione di Raffaello e un articolo dedicato a Nicolò Govoni, un giovane giornalista che si occupa di programmi educativi rivolti a orfani e profughi.

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (20)
Esegui il login per votare

Topolino 3359

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Cooper
Bassotto

  • *
  • Post: 3
  • Re di Pasticci
    • Offline
    • Mostra profilo

    Re:Topolino 3359
    Risposta #15: Lunedì 13 Apr 2020, 17:54:05
    Breve commento sull'ultimo numero:
    Zp e la pietra dell'olteblù: primo episodio introduttivo ma che riesce a giustificare in maniera adeguata la scelta dello zione di imbarcarsi in questa nuova avventura.
    Topolino le origini: parto con la premessa che non capisco perché mettere questa serie in "continuity" con YDD se poi il contesto esterno non combacia. Mi riferisco in particolare al rapporto con la tecnologia, se non ricordo male in YDD i personaggi sono a stretto contatto con la tecnologia dei giorni nostri. In questa serie invece sembra tutto più primordiale (addirittura Topolino spedisce il proprio CV via posta).
    Anche ignorando questa mia paranoia mentale rimane il fatto che, come nel primo episodio, Topolino riesce a risolvere la situazione in un batter d'occhio. Se la volta scorsa gli era piovuto dal cielo il posto da giornalista qua riesce
    Spoiler: mostra
    a incastrare i furfanti con un autoscatto (rigorosamente senza cellulare ma con fotocamera) dopo una sola lezione. Che dire, forse si dovrebbe chiamare Scuola di Fuffantologia.
    Su Macchia Nera no comment per il momento, spero che si riesca a salvarlo nei prossimi episodi.
    Area 15: si conclude la prima parte di questa serie e gli episodi migliori rimangono il primo e il penultimo. In particolare in Cosplay alla riscossa, sebbene sia l'epilogo di questa prima parte, molte delle trame minori rimangono ancora aperte.
    In definitiva una buona serie supportata ottimamente dai disegni di Sciarrone, anche se qualche volta si sono confusi con Qui e Quo. Spero che successivamente vengano approfonditi anche Mooz e Cindy e magari anche riprese tematiche importanti come il bullismo (vedasi primo episodio).
    Paperino e i naufragi a ripetizione: breve molto divertente con gli ottimi disegni di Rota

    *

    Andy392
    Papero del Mistero

    • **
    • Post: 225
      • Online
      • Mostra profilo

      Re:Topolino 3359
      Risposta #16: Lunedì 13 Apr 2020, 22:50:40
      Topolino le origini: parto con la premessa che non capisco perché mettere questa serie in "continuity" con YDD se poi il contesto esterno non combacia. Mi riferisco in particolare al rapporto con la tecnologia, se non ricordo male in YDD i personaggi sono a stretto contatto con la tecnologia dei giorni nostri. In questa serie invece sembra tutto più primordiale (addirittura Topolino spedisce il proprio CV via posta).
      La serie Young Donald Duck è una commissione estrera e non ha niente a che fare con le idee della redazione di Topolino. Lo ha ribadito anche il direttore nel video di The Fisbio Show.



      *

      Volkabug
      Cugino di Alf

      • ****
      • Post: 1263
      • affezionato lettore
        • Offline
        • Mostra profilo

        Re:Topolino 3359
        Risposta #17: Lunedì 13 Apr 2020, 23:54:25
        Topolino le origini: parto con la premessa che non capisco perché mettere questa serie in "continuity" con YDD se poi il contesto esterno non combacia. Mi riferisco in particolare al rapporto con la tecnologia, se non ricordo male in YDD i personaggi sono a stretto contatto con la tecnologia dei giorni nostri. In questa serie invece sembra tutto più primordiale (addirittura Topolino spedisce il proprio CV via posta).
        La serie Young Donald Duck è una commissione estrera e non ha niente a che fare con le idee della redazione di Topolino. Lo ha ribadito anche il direttore nel video di The Fisbio Show.

        Sì ma ecco a proposito di quello che ha detto il direttore in quel video, se da una parte ha preso le distanze da YDD, dall'altra ha parlato con entusiasmo del trend delle nuove storie con protagonisti adolescenti o sul passato dei personaggi descrivendole un po' come il punto di forza del nuovo settimanale che si vada a rivolgere ai lettori più giovani in maniera meno infantile; e tuttavia ha messo sullo stesso piano Area 15 e Topolino - Le origini. Non me ne capacito, forse avevano un'idea interessante ma non hanno letto cosa è uscito come prodotto finale... ;D
        Micropaperi! Dove siete?

        *

        Cooper
        Bassotto

        • *
        • Post: 3
        • Re di Pasticci
          • Offline
          • Mostra profilo

          Re:Topolino 3359
          Risposta #18: Martedì 14 Apr 2020, 09:07:55
          Topolino le origini: parto con la premessa che non capisco perché mettere questa serie in "continuity" con YDD se poi il contesto esterno non combacia. Mi riferisco in particolare al rapporto con la tecnologia, se non ricordo male in YDD i personaggi sono a stretto contatto con la tecnologia dei giorni nostri. In questa serie invece sembra tutto più primordiale (addirittura Topolino spedisce il proprio CV via posta).
          La serie Young Donald Duck è una commissione estrera e non ha niente a che fare con le idee della redazione di Topolino. Lo ha ribadito anche il direttore nel video di The Fisbio Show.

          Grazie dell'informazione, non lo sapevo. Rimango comunque perplesso sulla scelta fatta. Non tanto sull'inserire un riferimento a YDD ma semplicemente sull'ambientazione della storia. Poi ripeto è una mia fissa mentale ed è l'ultimo dei problemi di questa serie

          *

          paolo87
          Pifferosauro Uranifago

          • ***
          • Post: 424
          • Novellino
            • Offline
            • Mostra profilo

            Re:Topolino 3359
            Risposta #19: Martedì 14 Apr 2020, 14:01:16
            Ho letto solo il primo episodio della serie e ho deciso di non continuare a seguirla in quanto non destava in me particolare interesse. Tuttavia, paragonarla a quella corazzata Potemkin che è YDD è veramente troppo, dai..

            *

            GioReb
            Giovane Marmotta

            • **
            • Post: 141
            • Sono un ammiratore del maestro Rebuffi
              • Offline
              • Mostra profilo

              Re:Topolino 3359
              Risposta #20: Martedì 14 Apr 2020, 18:08:25
              Mia rece da quarantena:

              - Zio Paperone e la pietra dell’oltreblù, ep. 1 - Dal momento che è il primo episodio, aspetterò a dare il giudizio; ad ogni modo vedo un Paperone in ottima forma, grintoso e taccagno come been si addice al personaggio. Unica nota stonata Battista che se ne sta lì inebetito anzichè impedire il solito Paperoga commettere la solita dabbenaggine, sarebbe stato più consono che l'avesse commessa di nascosto dopo reiterati divieti del fido maggiordomo.

              -Topolino, le origini – Scuola di furfantologia - Non ho mai amato questo filone di storie pseudoadolescenziali dei vari protagonisti e questo episodio non fa che rafforzare la mia tesi, con gangster che non spaventerebbero neanche un bambino e un Macchia Nera ridotto a teppistello di quartiere. Voto 4.

              -Area 15 – Cosplay alla riscossa! - Non so, è una serie che mi lascia un poco perplesso. Tuttavia l'argomento è di attualità avente per protagonista il fumetto  :)) :)) :)) e i personaggi sono tutto sommato in linea con i loro ruoli (perlomeno Qui, Quo e Qua fanno i normali ragazzini con i loro pregi e limiti). Piacevole poi la figura di Ray, ragazzino immobilizzato su una sedia a rotelle: da che io ricordi, non mi risulta di aver visto prima d'ora un personaggio disneyano con evidente handicap a parte Gambadilegno dei primi tempi al quale poi hanno deciso per chissà quale motivo mettergli una gamba normale. Suggerisco a Sciarrone di fare Newton un po' meno copia carbone dello zio Archimede. Voto 8.

              -Paperino e la sorpresa sfiancante - Ubezio non rientra tra i miei disegnatori preferiti e qui le tavole non sembrano nemmeno disegnate ma soltanto schizzate. Storia riempitiva lineare e al di là della sorpresa finale, ha pur sempre vinto un premio (mai contento, eh!!!). Voto 6 1/2.

              -Paperino e i naufragi a ripetizione - Rota è Rota, anche se qui forse una mezza pagina oppure qualche didascalia in più non avrebbe guastato, infatti in un primo momento non avevo capito che lo zione e i nipotini avessero già preso possesso della nave pirata. Voto 7 1/2.

              -Ciccio, Paperinik e le creature della fattoria - Quando entrano in ballo gli alieni, capisci già che gli autori sono a corto di idee. Voto 5.

              Ciao

              GioReb
              « Ultima modifica: Martedì 14 Apr 2020, 18:16:31 da GioReb »

              *

              GioReb
              Giovane Marmotta

              • **
              • Post: 141
              • Sono un ammiratore del maestro Rebuffi
                • Offline
                • Mostra profilo

                Re:Topolino 3359
                Risposta #21: Martedì 14 Apr 2020, 18:18:08
                Ha un bel da dire il direttore Bertani che Topolino va riaggiornato ai canoni del presente. Questo non è un riaggiornamento, qui è travisare un mondo intero, questo è un altro universo che non ha ormai più nulla che fare con il passato. :alien1:

                Finalmente qualcuno che la pensa come me!  :) :) :) :)

                GioReb

                *

                Volkabug
                Cugino di Alf

                • ****
                • Post: 1263
                • affezionato lettore
                  • Offline
                  • Mostra profilo

                  Re:Topolino 3359
                  Risposta #22: Martedì 14 Apr 2020, 18:33:53
                  Ha un bel da dire il direttore Bertani che Topolino va riaggiornato ai canoni del presente. Questo non è un riaggiornamento, qui è travisare un mondo intero, questo è un altro universo che non ha ormai più nulla che fare con il passato. :alien1:

                  Finalmente qualcuno che la pensa come me!  :) :) :) :)

                  GioReb

                  Veramente mi sembra che più o meno tutti la pensiamo così
                  Micropaperi! Dove siete?

                  *

                  GioReb
                  Giovane Marmotta

                  • **
                  • Post: 141
                  • Sono un ammiratore del maestro Rebuffi
                    • Offline
                    • Mostra profilo

                    Re:Topolino 3359
                    Risposta #23: Martedì 14 Apr 2020, 21:01:54
                    Veramente mi sembra che più o meno tutti la pensiamo così

                    Mah, più volte ho espresso in passato le mie perplessità ma non mi era parso di essere condiviso.

                    Ciao

                    GioReb

                    *

                    Devis91
                    Evroniano

                    • **
                    • Post: 105
                    • Esordiente
                      • Offline
                      • Mostra profilo

                      Re:Topolino 3359
                      Risposta #24: Mercoledì 15 Apr 2020, 11:25:04
                      Un numero davvero niente male a mio parere.

                      La puntata introduttiva di paperello mi ha davvero intrigato e mi è piaciuta moltissimo, questa saga parte davvero alla grande secondo me.
                      L'episodio conclusivo di area 15 non è male, ma dopo il capolavoro fatto con il penultimo era impossibile mantenere lo standard. Quindi lo considero al di sotto di altri episodi precedentemente visti, ma è normale.
                      La storia di topolino devo dire che non mi ha entusiasmato, peccato perché la prima puntata non mi era dispiaciuta.
                      Molto bella anche la storia di Rota, con dei disegni barksiani che adoro e mi danno quella nostalgia di un passato in realtà mai vissuto che mi piace tantissimo.
                      Carina anche la riempitiva di paperino e la storia di chiusura di paperinik.

                      Nel complesso un numero che mi sento di consigliare senza dubbio :)
                      « Ultima modifica: Mercoledì 15 Apr 2020, 11:27:19 da Devis91 »

                      *

                      Cornelius Coot
                      Imperatore della Calidornia

                      • ******
                      • Post: 10221
                      • Mais dire Mais
                        • Offline
                        • Mostra profilo

                        Re:Topolino 3359
                        Risposta #25: Mercoledì 15 Apr 2020, 17:04:55
                        Zio Paperone e la pietra dell'Oltreblu
                        Interessante collegamento fra il precedente viaggio in Italia e quest'ultimo: tra un Paperdinci e un Paperello si rivede la famiglia Quagliaroli (con lo storico dell'arte Adalbecco, la moglie Peppina - intransigente cuoca - e la figlia Lucilla) che torna ad ospitare Paperino e nipotini con l'aggiunta, questa volta, dello zione. Coinvolta doppiamente anche Amelia: geograficamente ('un volo di scopa' il tragitto tra Napoli e Firenze) e scientificamente, visto che la ricerca della misteriosa pietra potrebbe rivoluzionare la infinita guerra per la Numero Uno a suo favore. Parte molto bene questa storia di Bruno Enna e penso che si svilupperà in modo ancor più interessante.
                        Topolino. Le Origini - Scuola di furfantologia
                        Per quanto continui a ritenere inutile questa serie sul 'Giovane Mickey' mi sforzo di leggere qualcosa di interessante. Ma anche le presenze di Macchia Nera e di un Basettoni fin troppo ringiovanito (se a Topolino leviamo una decina di anni al Commissario ne abbiamo levati una trentina) non è che mi stimolino più di tanto (e non per colpa loro ma per il 'contesto'). Oltretutto la moglie di Adamo si chiamerebbe Petulia e non Petunia, anche lei fin troppo ringiovanita nella foto sul cruscotto della macchina della polizia.
                        Area 15 - Cosplay alla riscossa!
                        Cronaca di un normale pomeriggio ad una fiera di cosplayer (personaggi che non ho mai troppo amato nelle fiere del 'fumetto'), fra amoruzzi adolescenziali e piogge tipiche di Ocopoli. Alla fine spunta una relativa novità molto presente in queste settimane che però il  magnifico Sciarrone disegna tale e quale allo zio: Newton dovrebbe essere caratterizzato meglio (magari con capelli rossi), a cominciare da una testa più piccola, quantomeno nella vignetta adiacente quella di Archimede, altrimenti sembra una immagine allo specchio.
                        Paperino e la sopresa sfiancante
                        Breve che immagino appartenga ai fondi di magazzino dal lento (ma spero inesorabile) smaltimanto. Vedendo le tavole e pensando all'ingiusto pensionamento di Luciano Gatto direi che Ubezio è su quella strada.
                        Paperino e i naufraghi a ripetizione
                        Breve ma intensa avventura marinara con un finale piuttosto velocizzato dove la navi (oltre ai naufraghi) continuano ad affondare ad un ritmo notevole. Storia danese del 2007 facente parte del 'recupero rotiano' finalmente in corso d'opera.
                        Ciccio, Paperinik e le creature della fattoria
                        Un Faraci recentemente in calo questa volta propone il Paperinik più demenziale, fra carote e rape giganti e antropomorfe e... Ciccio. Che sia un fondo di magazzino anche questo? In ogni caso: smaltito!


                        Da sinistra: Zio Paperone, Adalbecco, Paperino, Lucilla, Qui, Qua, Quo, Peppina (La pietra dell'Oltreblu)
                        « Ultima modifica: Giovedì 16 Apr 2020, 23:05:09 da Cornelius Coot »

                        *

                        Dippy Dawg
                        Visir di Papatoa

                        • *****
                        • Post: 2574
                          • Offline
                          • Mostra profilo

                          Re:Topolino 3359
                          Risposta #26: Giovedì 16 Apr 2020, 22:34:38
                          Sono d'accordo con voi riguardo alle perplessità per "Topolino. Le Origini - Scuola di furfantologia"; il primo episodio mi era anche piaciuto, ma questo è decisamente venuto male da parecchi punti di vista! :(

                          Area 15 si "conclude" bene, a mio parere! Anche l'ambientazione in una fiera mi è piaciuta!

                          "Oh, no! Il tradizionale acquazzone da fiera!"
                          "Se non diluvia non è Ocopoli, no?"

                          Verissimo! Basta sostituire Lucca* ad Ocopoli! ;D

                          C'è solo un errore: la Gwen Movie di pagina 91 è tutt'altro che "parecchio somigliante" a quella di pagina 82! Ma forse sono i miracoli del trucco... ;D

                          La storia finale di Faraci & Leoni mi è piaciuta, anche perché mi ha ricordato una serie di storie della coppia uscite su Paperino qualche anno fa (in particolare questa)!


                          * temo che rimpiangeremo anche la pioggia dell'anno scorso, visto che, a meno di vaccini, la vedo difficile che si faccia anche una sola fiera di fumetti nel corso del 2020...  :(
                          Io son nomato Pippo e son poeta
                          Or per l'Inferno ce ne andremo a spasso
                          Verso un'oscura e dolorosa meta

                          *

                          doppio segreto
                          Gran Mogol

                          • ***
                          • Post: 672
                          • Topolino primo amore che non si scorda mai
                            • Offline
                            • Mostra profilo

                            Re:Topolino 3359
                            Risposta #27: Martedì 21 Apr 2020, 19:05:37
                            Io proporrei anche il voto: nessuna stellina - voto che, ne sono consapevole, utilizzerei solo io  ;D - con la dicitura: Ma che fine avete fatto! :'( :alien1:
                            Sei una brava persona Topolino. E' questo il tuo guaio (Vera Ackerman)

                            *

                            Atius
                            Sceriffo di Valmitraglia

                            • ***
                            • Post: 306
                            • "Dentro spazzatura!" "Fuori iettatura"
                              • Offline
                              • Mostra profilo

                              Re:Topolino 3359
                              Risposta #28: Martedì 21 Apr 2020, 20:25:35
                              Sicuramente un Topo un po' sottotono, ma nessuna stella é un po' esagerato dsl mio punto di vista :o :D
                              O Patria, mia solleva il capo affranto / Sorridi ancora, o bella tra le belle / o madre delle madri asciuga il pianto! / Il ciel per te s'accenda di fiammelle / Splendenti a rischiarar ancor la via / Sì che tu possa riveder le stelle! / Dio ti protegga Italia, così sia.

                              *

                              piccolobush
                              Flagello dei mari
                              Moderatore

                              • *****
                              • Post: 4239
                                • Offline
                                • Mostra profilo

                                Topolino 3359
                                Risposta #29: Giovedì 23 Apr 2020, 20:32:04
                                Recensione Topolino 3359


                                 La storia di una rivista pluridecennale e con periodicità settimanale come Topolino è naturalmente ricca di numeri senza infamia e senza lode, numeri sui quali si potrebbe glissare senza problemi. Anche perchè quando, come in questo caso, nessuna storia colpisce in maniera particolare diventa difficile scrivere qualcosa. Tuttavia è giusto che chi cerca una guida o un parere sull’opportunità di spendere l’iperbolica cifra di 3 euro o semplicemente chi vuole leggere una voce differente per concordare con o dissentire da essa, abbia quel che desidera. Vediamo quindi come descrivere questa 3359-esima uscita della rivista a fumetti per antonomasia (si nota che sto tirando in lungo perché veramente è un numero che non mi ispira affatto?).

                                 Innanzitutto notiamo che ben tre sono storie divise in più parti (questa è diventata una situazione molto ricorrente sotto la nuova gestione), quindi è necessario aspettare che si concludano per dare un giudizio completo. Comunque possiamo dare un’occhiata a quanto finora avvenuto.

                                 Il cinquecentenario della morte di Raffaello Sanzio è l’occasione per celebrarlo sul settimanale con una storia scritta da Bruno Enna e disegnata da Alessandro Perina. Trattandosi della prima puntata non c’è molto da dire: si introduce il tema principale (la ricerca di una particolare pietra), vengono presentati i personaggi coinvolti, ci si riallaccia alla precedente storia “artistica”, Paperino, Qui, Quo, Qua e il grande gioco geniale, sempre dello stesso autore e si rimane in attesa dell’episodio successivo. Nulla che faccia presagire qualcosa di epocale, comunque.

                                 D’altra parte Amelia ha smesso di dire qualcosa nel 1963, ha tentato la carta del rilancio nazional-popolare negli anni ’90 e continua stancamente a vivacchiare da allora, ormai tragica parodia di sé stessa. Aspettarsi qualcosa di memorabile è utopistico, meglio confidare che la bravura di Enna ci regali una storia almeno dignitosa.

                                 Area 15 finora era stata davvero una bella sorpresa: ha saputo raccontare bene e senza particolari sbavature la vita di normali adolescenti, divisa tra famiglia, scuola, amici, sogni e passioni. Una narrazione efficace, a tratti delicata, mai sopra le righe. Improvvisamente Gagnor sente il bisogno di tornare all’antico rispolverando il suo caratteristico umorismo e infilando qualche banalità di troppo senza riuscire ad essere divertente come forse avrebbe voluto. La storia registra così un passaggio a vuoto proprio in corrispondenza dell’ultimo episodio, limitandosi a fare facile “ironia” sulle fiere del fumetto e i suoi frequentatori.

                                 Topolino, le origini sembra una serie inutile, viene portata avanti come una serie inutile ma non lasciatevi ingannare: è veramente una serie inutile. Non serve neanche scomodare Gottfredson perché comunque, in un universo narrativo vasto come quello Disney, ci può essere spazio per tutto, anche per versioni contrastanti o diverse di uno stesso personaggio. Quello che è importante è come vengono raccontate.

                                 Alla fine, per capire cosa non va in questo progetto di Deninotti basta confrontarlo con qualcosa di molto più recente del Topolino anni ’30, ovvero con Paperino Paperotto (di Enna principalmente, ma anche Fasano ed altri). In quel caso gli autori hanno creato ex novo un mondo comunque coerente con quanto già scritto in precedenza, con personaggi nuovi e una nuova ambientazione. Quelle che leggiamo non sono le storie di un piccolo Paperino ma, come è giusto che sia, di un Paperino piccolo.

                                 In questa serie, già l’ambientazione è (forzatamente) monca: ritroviamo Topolino e Pippo appena dopo il college ma nulla sappiamo di loro e delle loro eventuali famiglie, nè dei loro trascorsi. Sono semplicemente gli stessi di oggi ma con qualche anno in meno. Topolino è già lui, con la sua innata propensione alle indagini e lo stesso vale per il suo amico, già alle prese con la soffitta dei bis-bis. Dopo Topolinia 20802 insomma, ancora una serie che cerca vanamente di svecchiare il personaggio simbolo della Disney.

                                 Relativamente a questo episodio poi, bisogna dire che Ottavio Panaro non è certo il disegnatore più adatto per dare credibilità a gangster e fuorilegge, con i suoi personaggi orrendamente “pucciosi” e dall’aspetto bonario.

                                 Paperino e i naufragi a ripetizione è un’insipida storiella danese che vorrebbe farsi forte dei disegni di un Rota che ha però perso (parliamo comunque di una storia del 2007) la freschezza dei suoi anni migliori.

                                 Riguardo Ciccio, Paperinik e le creature della fattoria, l’ho letta ormai due giorni fa e ancora mi sto chiedendo cosa ho letto. Un trip di peperonata di Faraci? Un omaggio, ridicolmente malriuscito, ai B-movie degli anni ’50 (Assalto alla Terra e simili)? Forse persino qualcosa che sfocia nell’avanguardia artistica? Vallo a sapere. Spiace solo vedere coinvolto il nome di Leoni in una simile baracconata.

                                 A completare il volume ci sono una intervista ad Enna e Perina sulla loro ultima storia, una breve presentazione di Raffaello e un articolo dedicato a Nicolò Govoni, un giovane giornalista che si occupa di programmi educativi rivolti a orfani e profughi.



                                Voto del recensore: 2/5
                                Per accedere alla pagina originale della recensione e mettere il tuo voto:
                                http://www.papersera.net/wp/2020/04/21/topolino-3359/

                                 

                                Dati personali, cookies e GDPR

                                Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                                Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                                Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.