Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
2 | |
1 | |
4 | |
3 | |
4 | |
3 | |
3 | |
3 | |
5 | |
3 | |
2 | |
2 | |
Il Manuale delle Giovani Marmotte 1 - Recensione di Kim Don-Ling

Lo slogan del ritorno delle GM Introduzione Preceduto da un intenso battage pubblicitario, ha fatto la comparsa nelle edicole – allegato in anteprima a Topolino 3362 – il primo numero di un nuovo mensile, destinato probabilmente al pubblico adolescente: Il Manuale delle Giovani Marmotte. Pur mutuando il titolo dallo storico e fortunatissimo volumetto cartonato edito da Mondadori negli anni ’60 e tuttora presente nelle librerie nella ristampa Giunti, il presente albo appare a prima vista più vicino alla testata pubblicata a metà anni ’90 e sempre dedicata agli scout paperopolesi. Le GM sanno coniugare natura e tecnologia Analizzando il volumetto, non si può non partire dalla sua quasi impeccabile confezione. Ottima la cover realizzata da Francesco D’Ippolito; efficace il tradizionale verde scelto per la costina; interessante l’inserimento di un moderno logo composto dalle maiuscole GM e dal loro tipico berretto. Una scelta, quest’ultima, che si pone in conflitto con quanto mostrato da Don Rosa, ma apprezzabile per la volontà di superare il presunto canone dell’autore americano e di proporre un elemento di novità, creato espressamente per il pubblico italiano. Sfogliando l’interno, notiamo come questo nuovo Manuale si componga sia di avventure a fumetti che di articoli e reportage, secondo una precisa scansione. Si parte con la ristampa di quattro storie, italiane ma non solo; si prosegue con l’apparato redazionale; si termina con ulteriori quattro storie straniere, inedite nel nostro Paese. Un buono schema, che dovrebbe destare l’interesse tanto del lettore casuale, quanto dell’appassionato più esigente. Peccato solo per l’assenza di un editoriale in apertura, a presentare i contenuti e gli intenti della testata qui inaugurata. Fumetti Quanti professori di italiano avranno avuto un mancamento? Ma passiamo alle storie. Nella parte dedicata alle ristampe, la redazione non si limita a riproporre avventure prese dal libretto, ma attinge all’intero corpus disneyano, ripescando anche uno dei tardi soggetti di Barks nel suo remake grafico operato da Jippes. Un’iniziativa lodevole che consente di riscoprire alcune buone storie, spesso tralasciate in quanto apparse in testate secondarie, come ad esempio La nuova arca, un soggetto di Corteggiani disegnato da un Cavazzano spettacolare. Spiace tuttavia imbattersi in un balloon che non avrebbe dovuto sfuggire ai correttori in fase di realizzazione dell’albo. Per quanto riguarda invece le storie inedite, la migliore è probabilmente la più recente del lotto, Dove non osano i delfini, in cui Korhonen affianca al gruppo scout il multimiliardario Paperon de’ Paperoni, per una caccia al tesoro che mette pericolosamente a rischio l’habitat sottomarino. Le rimanenti avventure offrono invece tre sceneggiature abbastanza stereotipate, quando non esageratamente surreali come nel caso de Gli osservatori osservati. Articoli Un approfondimento breve ma puntuale Molto interessanti sono anche i redazionali di accompagnamento, che sono ben più che una cornice e che, essendo sempre molto brevi e ricchi di foto, risultano fruibili anche dai più piccoli. Proprio come immaginiamo sia il vero Manuale delle Giovani Marmotte, ci vengono proposte delle piccole schede su alcuni animali, con caratteristiche e curiosità che li riguardano (in questo numero troviamo ad esempio la marmotta, i ricci, l’orso bianco e l’orso bruno). Si parla poi di trekking, introducendo questo sport sempre più praticato, soprattutto in ambiente montano, dando poche ma precise regole da seguire per iniziare ad approcciarsi all’attività. Si conclude infine trattando la fotografia, suggerendo ad esempio di valutare cosa considerare quando si vuole scattare una foto o che tipo di strumento scegliere. Alcune delle immagini che ci vengono proposte, tra l’altro, sono state realizzate proprio dal Direttore Alex Bertani nei corso dei suoi viaggi. Conclusione L’albo si presenta quindi come un aggiornamento piuttosto riuscito dei suoi predecessori citati in apertura, caratterizzandosi come un interessante mix di fumetti e articoli. In ogni caso, due saranno i fattori determinanti per la riuscita di questa proposta editoriale. Innanzitutto, la selezione delle storie pubblicate: la base del primo numero è buona, ma ci si augura che la qualità delle inedite straniere possa migliorare in futuro. Infine, la partecipazione dei lettori alle iniziative che verranno man mano lanciate: speriamo riescano a coinvolgerli e ad arricchire pertanto le pagine del mensile con i loro contributi, per una rivista sempre viva ed attuale. N.B. Recensione scritta a quattro mani da Kim Don Ling e Chen Dai Lem!

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (11)
Esegui il login per votare

Il Manuale delle Giovani Marmotte 1

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Flash X
Papero del Mistero
   (2)

  • **
  • Post: 216
  • Mezzanotte: l'ora di Paperinik!
    • Offline
    • Mostra profilo
   (2)
    Il Manuale delle Giovani Marmotte 1
    Giovedì 30 Apr 2020, 01:23:30
    Disponibile con Topolino 3362 il primo numero del nuovo Manuale delle GM, che sarà disponibile anche da solo in fumetteria nei prossimi giorni.
    Ecco l'indice, che presenta 4 storie ristampate e 4 inedite in italia prima di questa pubblicazione, di provenienza straniera:
    Le Giovani Marmotte e la nuova arca (ristampa);
    Le Giovani Marmotte - La casa da tè del drago scodinzolante (ristampa);
    Le GM e l'espediente del sentiero galleggiante (ristampa);
    Le GM - Una lezione di fiducia (ristampa);
    Le Giovani Marmotte in: Tigre di carta (storia inedita);
    Le Giovani Marmotte in: Dove non osano i delfini (storia inedita);
    Le Giovani Marmotte in: Gli osservatori osservati (storia inedita);
    Le Giovani Marmotte in: L'albero misterioso (storia inedita).
    Sono presenti, oltre alle classiche varie pubblicità di altre testate, ben 26 pagine di guide, giochi e consigli per "aspiranti Giovani Marmotte"!
    L'ho appena finito di leggere, quindi posso tirare le somme di questo primo numero, con un mio piccolo pensiero personale.
    Si tratta di un ottimo prodotto e lo si può paragonare alla buona qualità del Papersera. La storia più lunga è quella di apertura che attrae già subito dai disegni di Giorgio Cavazzano, ma che si rivela una buona prova, in cui le GM devono superare una sorta di test in... una giungla, e non dico altro! La seconda storia è intrattenente e soprattutto divertente dato che mi ha strappato più di una risata, ad esempio mi ha fatto ridere il fatto che in uno stato inventato possa esserci la pelle di yak come valuta... La terza è forse la meno riuscita di tutte le storie dell'albo, ma non fraintendetemi: è una bella storia, solo che tra tutte le storie di altissima qualità presenti nel volume, è quella che mi è piaciuta di meno. "Una lezione di fiducia" ha come trama un bell'argomento da trattare in una storia delle GM, la fiducia in se stessi, e lo esprime a meraviglia. Le storie inedite mi hanno interessato tutte e anche divertito (ad esempio in "Tigre di carta" è divertente il fatto che quel tipo abbia paura di qualsiasi animale!). Mi ha incuriosito e stupito come nella seconda storia inedita i delfini siano tanto intelligenti da escogitare un piano! Nella terza invece abbiamo degli stranissimi volatili inquietanti che ripetono i versi degli animali della fattoria. Infine nell'ultima le GM avranno a che fare con un albero che nasconde un segreto, molto intrigante da scoprire in un'appassionante lettura, come ho fatto io! Nel next dice che il prossimo numero sarà disponibile in edicola dal 29 maggio, con un totale di addirittura 5 storie INEDITE e una guida ai photobook di viaggio, oltre alle classiche ristampe e altre curiosità in generale. In conclusione, per me si tratta di un'operazione molto interessante sia per le storie che per questi articoli, approfondimenti, guide (addirittura 26 pagine!), che tra l'altro esce proprio in concomitanza con la nuova miniserie su Topolino. Dunque, vi consiglio l'acquisto di questo volume? Assolutamente sì! Anche perché il direttore Bertani ha annunciato che se la serie vende bene, viene prolungata di altri 4 numeri, dopo questi 4. E magari poi a mano a mano continua sempre, proprio come sta succedendo con il Papersera!

    *

    V
    Dittatore di Saturno

    • *****
    • Post: 3371
    • Torino
      • Offline
      • Mostra profilo

      Re:Il Manuale delle Giovani Marmotte 1
      Risposta #1: Giovedì 30 Apr 2020, 09:49:59
      Grazie Flash per avere aperto il topic.
      Aggiungo copertina e indice per dare un'idea degli articoli, molto ben curati.

      Qui link inducks: https://inducks.org/issue.php?c=it%2FPMGM++1
      Quando hai capito che è tutto uno scherzo, essere Il Comico è l'unica cosa sensata.
      Watchmen, Alan Moore and Dave Gibbons

      Disney Compendium Don Rosa: http://www.ilsollazzo.com/c/disney/lista/fumetti-donrosa

      Il mio mercatino: http://www.papersera.net/forum/index.php/topic,6635.0.html

      *

      Atius
      Sceriffo di Valmitraglia

      • ***
      • Post: 273
      • "Dentro spazzatura!" "Fuori iettatura"
        • Offline
        • Mostra profilo

        Re:Il Manuale delle Giovani Marmotte 1
        Risposta #2: Giovedì 30 Apr 2020, 10:11:12
        Merita l'acquisto?
        O Patria, mia solleva il capo affranto / Sorridi ancora, o bella tra le belle / o madre delle madri asciuga il pianto! / Il ciel per te s'accenda di fiammelle / Splendenti a rischiarar ancor la via / Sì che tu possa riveder le stelle! / Dio ti protegga Italia, così sia.

        *

        MatteZena
        Papero del Mistero

        • **
        • Post: 264
        • Esordiente
          • Offline
          • Mostra profilo

          Re:Il Manuale delle Giovani Marmotte 1
          Risposta #3: Giovedì 30 Apr 2020, 10:44:13
          Merita l'acquisto?
          Secondo me sì, ma è importante specificare che è errato l'accostamento che il direttore ha fatto (sia negli editoriali sia nella live di Fisbio) con il manuale anni '70, infatti questa nuova collana non c'entra minimamente con il noto libro, ma è invece una collana che riprende paro paro struttura, caratteristiche... della raccolta degli anni '90 (stesso cappello sul logo, stessi colori, grafiche che ricordano quella versione, anche qui vi sono numerose pubblicità...). La raccolta è molto valida, ma l'unica pecca è che gli editoriali da manuale delle GM hanno veramente pochissime pagine (ora non ce l'ho davanti e non posso contarle, ma secondo me sono meno di 10)

          *

          paolo87
          Pifferosauro Uranifago

          • ***
          • Post: 403
          • Novellino
            • Offline
            • Mostra profilo

            Re:Il Manuale delle Giovani Marmotte 1
            Risposta #4: Giovedì 30 Apr 2020, 11:01:45
            Quindi le inedite sono danesi? Ottimo! Finalmente si inizia a recuperare in modo sistematico materiale estero.

              Re:Il Manuale delle Giovani Marmotte 1
              Risposta #5: Giovedì 30 Apr 2020, 11:46:56
              Merita l'acquisto?
              Come detto nel topic di Topolino assolutamente sì !
              Prendendolo in accoppiata col Topolino, il Manuale verrebbe a costare 3 Euro rispetto al prezzo di vendita originale di 4,90 Euro.
              Ma, anche a prezzo pieno, questo albo è da acquistare e supportare con piena cognizione di causa.
              Se paragonato ai numerosi vatt che la Panini propone sul mercato questo è nettamente superiore sotto ogni punto di vista :
              - I materiali utilizzati per il confezionamento sono ottimi (molto belle al tatto sia la copertina che le pagine interne leggermente porose e non lucide)
              - La rilegatura è bella resistente e permette una perfetta fruizione non facendo scomode grinze interne
              - La grafica è accattivante e molto al passo con i tempi (ma ci sono chicche anche per coloro che sono legati alla tradizione con le matite di Carl Barks e delle storie danesi che trasportano per attimi sullo storico Zio Paperone)
              - Ma soprattutto i contenuti ! Qui si parla di un albo che contiene 4 inediti in Italia ! E già questo ci deve far gioire e rendere grazie :D. Ma poi, in raffronto ai normali vatt, qui abbiamo un largo apparato redazionale con contenuti anche interessanti.

              Secondo me sì, ma è importante specificare che è errato l'accostamento che il direttore ha fatto (sia negli editoriali sia nella live di Fisbio) con il manuale anni '70, infatti questa nuova collana non c'entra minimamente con il noto libro, ma è invece una collana che riprende paro paro struttura, caratteristiche... della raccolta degli anni '90 (stesso cappello sul logo, stessi colori, grafiche che ricordano quella versione, anche qui vi sono numerose pubblicità...). La raccolta è molto valida, ma l'unica pecca è che gli editoriali da manuale delle GM hanno veramente pochissime pagine (ora non ce l'ho davanti e non posso contarle, ma secondo me sono meno di 10)

              Concordo che l'accostamento con il Manuale non abbia senso di esistere ma, furbescamente parlando, è stato utilizzato come "traino" e richiamo per questa nuova iniziativa.
              Il volume attuale (e quindi la serie) si rifà, come ben detto, alla rivista GM degli anni '90. Ma ne è una evoluzione al positivo !
              E ne posso essere un serio testimone poiché la serie in questione la possiedo per intero. Quella era forse confezionata un pochino "al risparmio" come materiali (chi ha parlato di rilegatura sbilenca con pagine volanti ?  >:() ed aveva meno fascino grafico.
              Per quel che concerne i redazionali invece devo concordare oggettivamente con Flash X poiché sono composti da 26 pagine e non 10 soltanto. È vero che le pagine sono estremamente "ricche" di foto (cosa non necessariamente sconveniente..) ma oggi anche questo serve per attirare ed interessare i bambini/ragazzi.

              Io sono un cattivo... e questo è bello! Io non sarò mai un buono e questo non è brutto! Io non vorrei essere nessun altro... a parte me.

              *

              Atius
              Sceriffo di Valmitraglia

              • ***
              • Post: 273
              • "Dentro spazzatura!" "Fuori iettatura"
                • Offline
                • Mostra profilo

                Re:Il Manuale delle Giovani Marmotte 1
                Risposta #6: Giovedì 30 Apr 2020, 12:19:04
                Ok, grazie mille ad entrambi!
                O Patria, mia solleva il capo affranto / Sorridi ancora, o bella tra le belle / o madre delle madri asciuga il pianto! / Il ciel per te s'accenda di fiammelle / Splendenti a rischiarar ancor la via / Sì che tu possa riveder le stelle! / Dio ti protegga Italia, così sia.

                *

                Volkabug
                Cugino di Alf

                • ****
                • Post: 1136
                • affezionato lettore
                  • Online
                  • Mostra profilo

                  Re:Il Manuale delle Giovani Marmotte 1
                  Risposta #7: Giovedì 30 Apr 2020, 12:21:59
                  Secondo me sì, ma è importante specificare che è errato l'accostamento che il direttore ha fatto (sia negli editoriali sia nella live di Fisbio) con il manuale anni '70, infatti questa nuova collana non c'entra minimamente con il noto libro, ma è invece una collana che riprende paro paro struttura, caratteristiche... della raccolta degli anni '90 (stesso cappello sul logo, stessi colori, grafiche che ricordano quella versione, anche qui vi sono numerose pubblicità...). La raccolta è molto valida, ma l'unica pecca è che gli editoriali da manuale delle GM hanno veramente pochissime pagine (ora non ce l'ho davanti e non posso contarle, ma secondo me sono meno di 10)

                  In realtà non è che il direttore abbia fatto un accostamento netto tra i due volumi che giustificasse troppa aspettativa... nella live ha semplicemente rievocato i ricordi d'infanzia in cui si divertiva ad assemblare roba con i consigli del vecchio manuale, il tutto per introdurre l'argomento "testata sulle GM". Un accostamento lo ha fatto nell'editoriale del 3361 in cui affermava che sulla nuova testata avrebbero trovato spazio le stesse tematiche trattate sull'antico manuale, ma che essa avrebbe avuto appunto forma "ibrida", ovvero tra un albo a fumetti e una parte redazionale; dei riferimenti sapientemente non troppo marcati ma comunque presenti per far venire l'acquolina. Certamente si deciderà l'evolversi delle due componenti di cui la testata consta in base all'andamento della stessa.

                  Quindi le inedite sono danesi? Ottimo! Finalmente si inizia a recuperare in modo sistematico materiale estero.

                  Beh non è che si possa ancora parlare di recupero "sistematico"... d'altronde sulla testata, il cui futuro è ancora da scrivere, trovano posto anche storie della vecchia pubblicazione GM; semmai Bertani nella live di cui sopra ha parlato di una possibilità di recupero più ampia e attuabile nei confronti delle storie straniere non prima del 2021. E' ovvio che al momento sia necessario andare molto cauti, "step by step".
                  Micropaperi! Dove siete?

                  *

                  paolo87
                  Pifferosauro Uranifago

                  • ***
                  • Post: 403
                  • Novellino
                    • Offline
                    • Mostra profilo

                    Re:Il Manuale delle Giovani Marmotte 1
                    Risposta #8: Giovedì 30 Apr 2020, 14:28:37
                    Per "sistematico" intendevo qualcosa in piu' del recupero di una storia "una tantum" come visto negli ultimi 15 anni. Da nostalgico del vecchio Zio Paperone e del vecchio Mega 2000 l'idea di trovarmi 4 danesi inedite in un colpo solo mi fa venire l'acquolina in bocca.

                    *

                    Devis91
                    Evroniano

                    • **
                    • Post: 105
                    • Esordiente
                      • Offline
                      • Mostra profilo

                      Re:Il Manuale delle Giovani Marmotte 1
                      Risposta #9: Giovedì 30 Apr 2020, 16:22:27
                      Che bello vedere tanto entusiasmo per una nuova uscita, anche io l'ho già ordinato in fumetteria e sulla fiducia ho chiesto di mettere da pare anche i numeri seguenti :)

                      *

                      Cornelius Coot
                      Imperatore della Calidornia

                      • ******
                      • Post: 10157
                      • Mais dire Mais
                        • Offline
                        • Mostra profilo

                        Re:Il Manuale delle Giovani Marmotte 1
                        Risposta #10: Venerdì 1 Mag 2020, 12:36:40
                        Riguardo le inedite della Egmont, noto con piacere che tutti i quattro disegnatori hanno uno stile influenzato dai due grandi che hanno fatto la storia della casa editrice: Daniel Branca (Maria Josè Sanchez Nunez e Karl Korhonen) e Vicar (Josè Colomer Fonts e Tino Santanach Hernandez). Se agli inizi la Egmont esortava i suoi artisti a seguire lo stile barksiano, poi questo, con il tempo, si è trasformato a seconda dei vari 'discepoli' fra i quali Marco Rota che però ha uno stile molto particolare, se vogliamo, le cui rotondità e gommosità non mi sembra abbiano creato altrettanti 'discepoli'. Un po' come Don Rosa, supremo discepolo barksiano ma più nell'anima e nelle storie che nel disegno tout court il quale, proprio per le sue particolarità, non ha trovato altri eredi. 

                        Da considerare che gli altri disegnatori italiani che hanno frequentato la sede danese (Cavazzano, Scarpa, Fecchi...) avranno a loro volta influenzato la linea barksiana degli altri autori, creando dei stili classici ma anche moderni. Penso soprattutto a Cavazzano che è stato per lungo tempo un  esempio per tanti artisti non solo italiani ma di tutta Europa. Non so quanto Scarpa, in poco più di un lustro (dal 2000 fìno alla sua scomparsa nel 2005), abbia potuto avere la stessa influenza, considerando il tempo relativamente breve del suo percorso egmontiano, per quanto anche lui fosse conosciutissimo dai colleghi nordici (e sudamericani) per tutta la sua opera italiana. Mi piacerebbe che nascessero dei 'Casty nordici', proprio come disegnatori seguaci di uno stile, quello scarpiano, secondo me il più bello mai visto nei fumetti disneyani.
                        ________________________________________________________________________________________________________________

                        Maria Josè Sanchez Nunez (con Cesar Ferioli)  -  https://inducks.org/creator.php?c=MSN

                        Karl Korhonen  -  https://inducks.org/creator.php?c=KKo

                        Josè Colomer Fonts  -  https://inducks.org/creator.php?c=JCF

                        Tino Santanach Hernandez  -  https://inducks.org/creator.php?c=TSa
                        « Ultima modifica: Domenica 3 Mag 2020, 10:45:08 da Kim Don-Ling »

                        *

                        marco3189
                        Bassotto
                           (1)

                        • *
                        • Post: 5
                        • Esordiente
                          • Offline
                          • Mostra profilo
                           (1)
                          Re:Il Manuale delle Giovani Marmotte 1
                          Risposta #11: Lunedì 4 Mag 2020, 20:46:10
                          Ho solo una parola per esprimere quello penso riguardo a questa testata. FINALMENTE!.
                          Ho praticamente quasi tutto sulle GM. Dalla serie di fumetti originale, la collana GM Esplora, tutti i manuali usciti negli anni. L'ho acquistato stamattina e quando ho visto la costina verde e la copertina mi è sembrato di tornare indietro di 20 anni. La qualità è molto buona, e tra ristampe e inedite estere secondo me hanno materiale per fare un'altra collana per più di quattro numeri.
                          Quindi, supportiamo questa testata in ogni modo possibile  ;D
                          Avevo scritto un paio di email negli ultimi due anni proprio riguardo la possibilità di fare qualcosa del genere e sicuramente non sono stato l'unico. Ci hanno ascoltati  8)

                            Re:Il Manuale delle Giovani Marmotte 1
                            Risposta #12: Martedì 12 Mag 2020, 07:31:40
                            io avrei messo anche qualche storia di Guido Martina con il suo gran mogol sfaticato e anche qualcuna di jerry siegel

                            *

                            Kim Don-Ling
                            Diabolico Vendicatore
                            Moderatore
                               (2)

                            • ****
                            • Post: 1526
                              • Offline
                              • Mostra profilo
                               (2)
                              Il Manuale delle Giovani Marmotte 1
                              Risposta #13: Mercoledì 13 Mag 2020, 14:32:01
                              Recensione Il Manuale delle Giovani Marmotte 1


                              Lo slogan del ritorno delle GM

                               Introduzione Preceduto da un intenso battage pubblicitario, ha fatto la comparsa nelle edicole – allegato in anteprima a Topolino 3362 – il primo numero di un nuovo mensile, destinato probabilmente al pubblico adolescente: Il Manuale delle Giovani Marmotte.

                               Pur mutuando il titolo dallo storico e fortunatissimo volumetto cartonato edito da Mondadori negli anni ’60 e tuttora presente nelle librerie nella ristampa Giunti, il presente albo appare a prima vista più vicino alla testata pubblicata a metà anni ’90 e sempre dedicata agli scout paperopolesi.

                               
                              Le GM sanno coniugare natura e tecnologia

                               Analizzando il volumetto, non si può non partire dalla sua quasi impeccabile confezione. Ottima la cover realizzata da Francesco D’Ippolito; efficace il tradizionale verde scelto per la costina; interessante l’inserimento di un moderno logo composto dalle maiuscole GM e dal loro tipico berretto. Una scelta, quest’ultima, che si pone in conflitto con quanto mostrato da Don Rosa, ma apprezzabile per la volontà di superare il presunto canone dell’autore americano e di proporre un elemento di novità, creato espressamente per il pubblico italiano.

                               Sfogliando l’interno, notiamo come questo nuovo Manuale si componga sia di avventure a fumetti che di articoli e reportage, secondo una precisa scansione. Si parte con la ristampa di quattro storie, italiane ma non solo; si prosegue con l’apparato redazionale; si termina con ulteriori quattro storie straniere, inedite nel nostro Paese. Un buono schema, che dovrebbe destare l’interesse tanto del lettore casuale, quanto dell’appassionato più esigente. Peccato solo per l’assenza di un editoriale in apertura, a presentare i contenuti e gli intenti della testata qui inaugurata.

                               Fumetti
                              Quanti professori di italiano avranno avuto un mancamento?

                               Ma passiamo alle storie. Nella parte dedicata alle ristampe, la redazione non si limita a riproporre avventure prese dal libretto, ma attinge all’intero corpus disneyano, ripescando anche uno dei tardi soggetti di Barks nel suo remake grafico operato da Jippes. Un’iniziativa lodevole che consente di riscoprire alcune buone storie, spesso tralasciate in quanto apparse in testate secondarie, come ad esempio La nuova arca, un soggetto di Corteggiani disegnato da un Cavazzano spettacolare. Spiace tuttavia imbattersi in un balloon che non avrebbe dovuto sfuggire ai correttori in fase di realizzazione dell’albo.

                               Per quanto riguarda invece le storie inedite, la migliore è probabilmente la più recente del lotto, Dove non osano i delfini, in cui Korhonen affianca al gruppo scout il multimiliardario Paperon de’ Paperoni, per una caccia al tesoro che mette pericolosamente a rischio l’habitat sottomarino. Le rimanenti avventure offrono invece tre sceneggiature abbastanza stereotipate, quando non esageratamente surreali come nel caso de Gli osservatori osservati.

                               Articoli
                              Un approfondimento breve ma puntuale

                               Molto interessanti sono anche i redazionali di accompagnamento, che sono ben più che una cornice e che, essendo sempre molto brevi e ricchi di foto, risultano fruibili anche dai più piccoli. Proprio come immaginiamo sia il vero Manuale delle Giovani Marmotte, ci vengono proposte delle piccole schede su alcuni animali, con caratteristiche e curiosità che li riguardano (in questo numero troviamo ad esempio la marmotta, i ricci, l’orso bianco e l’orso bruno).

                               Si parla poi di trekking, introducendo questo sport sempre più praticato, soprattutto in ambiente montano, dando poche ma precise regole da seguire per iniziare ad approcciarsi all’attività. Si conclude infine trattando la fotografia, suggerendo ad esempio di valutare cosa considerare quando si vuole scattare una foto o che tipo di strumento scegliere. Alcune delle immagini che ci vengono proposte, tra l’altro, sono state realizzate proprio dal Direttore Alex Bertani nei corso dei suoi viaggi.

                               Conclusione L’albo si presenta quindi come un aggiornamento piuttosto riuscito dei suoi predecessori citati in apertura, caratterizzandosi come un interessante mix di fumetti e articoli. In ogni caso, due saranno i fattori determinanti per la riuscita di questa proposta editoriale.

                               Innanzitutto, la selezione delle storie pubblicate: la base del primo numero è buona, ma ci si augura che la qualità delle inedite straniere possa migliorare in futuro. Infine, la partecipazione dei lettori alle iniziative che verranno man mano lanciate: speriamo riescano a coinvolgerli e ad arricchire pertanto le pagine del mensile con i loro contributi, per una rivista sempre viva ed attuale.

                               
                               
                               N.B. Recensione scritta a quattro mani da Kim Don Ling e Chen Dai Lem!



                              Voto del recensore: 4/5
                              Per accedere alla pagina originale della recensione e mettere il tuo voto:
                              http://www.papersera.net/wp/2020/05/13/il-manuale-delle-giovani-marmotte-1/
                              "Se nato cigno nessuno ti trasformerà in avvoltoio"

                              *

                              Gmaco
                              Brutopiano
                                 (1)

                              • *
                              • Post: 27
                              • Topostorie Fun
                                • Offline
                                • Mostra profilo
                                 (1)
                                Re:Il Manuale delle Giovani Marmotte 1
                                Risposta #14: Giovedì 14 Mag 2020, 16:38:50
                                E finalmente, dopo essermi goduto appieno questo primo volume, posso condividere la mia opinione.
                                Ho atteso con molta enfasi l’uscita di questa iniziativa editoriale e posso dire con soddisfazione che l’attesa è stata ripagata da un prodotto di ottima qualità!
                                Andiamo per categorie…

                                IMPATTO VISIVO: E’ indubbiamente il primo approccio che tutti noi abbiamo nei confronti di un albo, e sebbene valga la regola del “non giudicare il libro dalla copertina”, c’è anche il detto “anche l’occhio vuole la sua parte” ed in questo caso devo dire che l’occhio è stato ben appagato da una bella copertina. Ho apprezzato personalmente molto anche l’editing del nuovo simbolo GM e trovo assolutamente a tema la costina verde.

                                MATERIALI: Sono rimasto veramente sorpreso dalla qualità di rilegatura del volume, che non crea difficoltà durante la lettura, la carta risulta leggermente porosa e non crea fastidiosi riflessi anche in caso di luce diretta. La chicca però secondo me è il materiale esterno della copertura leggermente opacizzato con sensazione tattile molto gradevole.

                                STORIE RISTAMPATE: Le storie di ristampa le ho trovate tutte di buona/alta qualità, a partire dalla storia di apertura. Non scendo nei dettagli del commento delle singole, però devo dire che raffigurano bene nell’insieme lo spirito e lo standard delle storie italiane a tema.

                                STORIE INEDITE: Sono piccole perle dell’editoria straniera, è veramente raro ultimamente avere 4 storie inedite insieme in un volume del genere, perciò promosse a pieno titolo… lo stile è senz’altro molto diverso dalle storie di stampo italiano che io preferisco per profondità di narrazione, queste invece risultano più veloci ed immediate ma questo taglio stilistico ha il suo perché all’interno del mix del volume.

                                EDITORIALI ED INSERTI: Finalmente gli editoriali! Li ho trovati molto carini, in alcuni casi forse la parte grafica e le foto prendono un po’ troppo il sopravvento sui contenuti, però questo penso dipenda molto da una scelta di accattivarsi il pubblico più giovane… Comunque approfondimenti carini, che letti nel contesto ci stanno bene e fanno entrare nello spirito della collana.

                                Insomma, tirando le somme, ci hanno fatto attendere un bel po’ prima di far tornare in edicola una produzione interamente dedicata alle Giovani Marmotte, però il risultato è di qualità! 

                                 

                                Dati personali, cookies e GDPR

                                Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                                Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                                Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.