Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
4 | |
3 | |
3 | |
1 | |
3 | |
3 | |
3 | |
5 | |
3 | |
4 | |
4 | |
3 | |
Topolino 3371 - Recensione di Chen Dai-Lem

Nell’editoriale che apre il nuovo Topolino, il direttore Bertani anticipa il ritorno di una serie che pare abbia avuto un grande successo di pubblico: si tratta di Area 15 che, con nuovi sceneggiatori e disegnatori, potrebbe vedere la luce già entro la fine del 2020. La prima storia di questo numero vede invece il ritorno di Francesco Artibani, con Zio Paperone e la mano di riserva, per i disegni di Stefano Intini. Paperone, come sempre alla ricerca di un’idea lucrosa, vede che tutti i Paperopolesi hanno sempre una mano occupata da uno smartphone e decide, per agevolarli, di dotarli di una mano robotica di riserva, che li aiuti nelle faccende quotidiane: ma sarà davvero una buona idea? Era da un po’ che non vedevamo Artibani sulle pagine di Topolino con una storia urbana e quotidiana, ma l’autore romano ci dimostra come forse sia proprio in questo tipo di storie, apparentemente semplici, che riesce a dare il meglio. Il tema del rapporto uomo (o in questo caso forse è meglio dire papero)-tecnologia, sempre più trattato, gli offre l’occasione per creare delle gag molto divertenti. A movimentare ulteriormente la storia ci pensano le matite di Stefano Intini, che riescono sempre a dare ai personaggi la giusta espressività. Non ci si stacca mai dal cellulare… Nucci prosegue il racconto de ll torneo delle cento porte con il Quarto turno, dal titolo Una questione di piumaggio, sempre accompagnato ai disegni da Soffritti. I Klondike devono battere i Rocks per mantenere il primato e i 313 devono portare a casa il risultato pieno contro i Bassotti per sperare di rimanere in corsa per la vittoria finale. Rockerduck e Lusky tentano di imbrogliare, cercando di mettere fuori gioco la proverbiale fortuna di Gastone ma, come sempre, sono destinati a perdere, mentre i Bassottini, litigando fra loro, spianano la strada alla squadra di Qui e Quo. Nucci riesce a mantenere accesa l’attenzione del lettore – impresa non facile in una storia divisa in così tanti episodi -, crea dei momenti divertenti e fa salire la tensione proprio all’ultima vignetta. Non ci resta che aspettare la conclusione per capire cosa stia tramando Paperone. L’altra storia a puntate del numero è Star Top III – L’opposto del bene (Enna/Limido). In questa prima parte viene catturata fin da subito l’attenzione del lettore, che vede T.J.J. Tirk fare la conoscenza del nonno, una vera e propria leggenda sulla Terra, che si credeva morto nell’esplosione di un satellite. Bruno Enna riesce a giocare molto bene sia con i personaggi, che sono divisi tra la profonda ammirazione e l’inevitabile diffidenza per il nuovo arrivato, sia con il lettore che non sa da che parte stare. Il tutto in un crescendo di tensione, perché pare che Topolino Senior Kirk voglia far esplodere l’Enter-Play. La storia si conclude nel momento di massima preoccupazione, costringendo il lettore a dover aspettare qualche giorno per sapere come si risolverà la vicenda. I dinamici disegni di Guerrini In Archimede e la vacanza esasperante (Mazzoleni/Guerrini), stressato dall’estate paperopolese e alla disperata ricerca di un’idea per vincere il concorso estivo per inventori, Archimede riceve un regalo inaspettato: una vacanza nell’Isla Puerdida. Il viaggio si rivela tutt’altro che rilassante e il povero inventore si troverà bloccato in un’isola non particolarmente ospitale, lontano dal luogo del concorso… o forse no? Una breve carina in cui fa piacere rivedere i disegni di Francesco Guerrini. L’altra breve è www.benessere.pap – Brigitta e la ginnastica utile (Bosco/Molinari). Miss Paperett porta Brigitta a un corso di yoga; gli esercizi, però, non si rivelano essere proprio nelle sue corde, salvo poi scoprire l’esistenza della più utile ginnastica acrobatica… La storia risulta piacevole e fa sorridere in qualche occasione ma, secondo me, si avvia troppo rapidamente alla conclusione, come se ci fosse un taglio netto; una tavola in più, forse, non ci sarebbe stata male. Fra gli editoriali, infine, segnaliamo “Una finestra sul mondo”, primo appuntamento di una serie che ci accompagna in Africa meridionale, attraverso alcune bellissime foto scattate dallo stesso Direttore Alex Bertani.

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (21)
Esegui il login per votare

Topolino 3371

0 Utenti e 2 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

*

Flash X
Pifferosauro Uranifago
   (1)

  • ***
  • Post: 386
  • Mezzanotte: l'ora di Paperinik!
    • Offline
    • Mostra profilo
   (1)
    Topolino 3371
    Mercoledì 1 Lug 2020, 08:57:35
    Numero di questa settimana:

    Cover: Andrea Freccero (disegni), Andrea Cagol (colori).

    Zio Paperone e la mano di riserva (Francesco Artibani, Stefano Intini);
    Il Torneo delle Cento Porte - Quarto turno: Una questione di piumaggio (Marco Nucci, Donald Soffritti);
    Archimede e la vacanza esasperante (Gabriele Mazzoleni, Francesco Guerrini);
    www.benessere.pap - Brigitta e la ginnastica utile (Marco Bosco, Lara Molinari);
    Star Top 3 - Episodio 3 (prima parte): L'opposto del bene (Bruno Enna, Carlo Limido).

    One-page story finale:
    Malachia professione gatto - Selfie (Alessio Coppola, Alessio Coppola).

    In allegato in omaggio c'era ovviamente la bustina del Torneo dell Cento porte contenente 10 figurine.

    *

    Flash X
    Pifferosauro Uranifago
       (1)

    • ***
    • Post: 386
    • Mezzanotte: l'ora di Paperinik!
      • Offline
      • Mostra profilo
       (1)
      Re:Topolino 3371
      Risposta #1: Mercoledì 1 Lug 2020, 16:38:19
      Un numero che è peggiore dello scorso, però di per sé non male, perché ha alti molto potenti e bassi.
      Gli alti sono ovviamente in primis Star Top e il Torneo. I bassi sono la storia di Archimede e benessere.pap di Brigitta. Invece la storia di apertura se la gioca nel mezzo.
      Andando in ordine quindi, è proprio da questa storia che voglio partire. Dal punto di vista grafico è una bomba: Stefano Intini ci sa proprio fare a rendere la storia molto "luminosa" e, con i soli disegni, la storia risulta divertente. Anche la trama di Artibani non è male ma da lui, che è un mago a scrivere PK, mi sarei aspettato qualcosina di più. I Paperopolesi guardano sempre il cellulare allora Archimede, sotto commissione di Zio Paperone, costruisce una mano meccanica che farà al posto tuo qualunque cosa che non sia tenere in mano il tuo telefono. Paperone commercializzerà questa nuova invenzione, ma Rockerduck e Lusky hanno un piano in mente ed entrano in gioco pure i Bassotti con Intellettuale-176... . Storia che, ripeto, non mi ha convinto in apertura. Magari in chiusura o al centro sarebbe stata meglio valutata. Ciò non lo direi mai invece della storia di qualche settimana fa della questione di Paperino, Paperone con il divano. Quella era una storia di routine, come questa, ma ci stava bene anche in apertura perché era molto riuscita, mentre questa, non dico che è brutta, però NAAAAH.
      Il Torneo di Nucci prosegue, anche in questo caso, alla grande! Ehi, Marco Nucci: com'è che sei uno dei pochi autori di cui non si può dire nulla di negativo nei tuoi lavori? Eh? Com'è sta storia? A parte gli scherzi, è vero che non ho niente da dire. Anzi, una cosa sì: voglio subito l'ultimo episodio. PS. Qui voglio dire qualcosa che non c'entra a pieno, però in fin dei conti, ci sta. Ho letto proprio ieri anche la storia sul Paperino Mese collegata al Torneo e, c'è da dire che, come anche nel caso di Zio Paperone, non dovete per forza leggerla per capire la storia su Topolino, perché non è strettamente collegata. Però ve la consiglio: mi è piaciuta anche di più di quella su Zio Paperone e presenta, come lo stile di Nucci deve essere, un finale paritocolare, a sorpresa. Molto, molto carina come storia! Qui però lo sport in questione non è proprio il calcio, bensì... il calcetto, il biliardino!
      La storia di Archimede che viene dopo è un po' sottotono rispetto al resto del numero. Sono 20 pagine con un plot già visto e rivisto (Archimede è stanco e vuole andare in vacanza) che mi sono sembrate molte di più. Promuovo la storia solo per i caratteristici disegni di Francesco Guerrini.
      Arriviamo poi proprio alla storia flop dell'albo: la storia del ciclo benessere.pap con Brigitta come protagonista. In realtà, siccome si tratta di una breve, le aspettative non sono granché, quindi un po' immaginavo che fosse di questo livello. In ogni caso sicuramente questa è ORO rispetto alla storia di Paperino con la burocrazia che abbiamo visto settimana scorsa. Quella semplicemente era una storia scritta senza pensare perché non aveva senso e mi era sembrata una storia lunga (infatti resto dell'idea che fosse quella la più brutta storia breve dall'inizio del 2020).
      Infine, dopo che il numero rimaneva in piedi solo grazie a Nucci e un po' ad Artibani, arriva la storia TOP dell'albo: Star Top. Questa volta la trama non è troppo autoconclusiva come nei due episodi precedenti, ma funge da collegamento a tutto quello che abbiamo visto finora in Star Top 3, però anche sono presenti alcuni elementi che ci fanno tornare in mente le stagioni precedenti, come il fatto che Topolino Senior Tirk, il nonno del protagonista, abbia salvato il mondo. Ed è proprio su questo personaggio che la trama di questo episodio si incentra, ed è la prima volta che lo vediamo agire e non più solo dai racconti dei vari personaggi. Più che altro ciò che è rilevante in questo episodio, è che viene confermata la teoria di Topolino Junior Junior Tirk, cioè che il nonno potesse aver infranto la prima direttiva. Quindi viene imprigionato. Ci viene però poi spiegato che se ha fatto ciò è perché fosse l'unico modo per salvarsi. Oltre a questo inoltre, vengono già molte risposte alle nostre domande che avevamo iniziato a porci leggendo i primi due episodi. Insomma, una bomba! Sembra una serie TV: bravissimo Enna! Invece di concentrarsi troppo sulle storie dei giovani, la redazione dovrebbe pensare di più a trame intricate con gli adulti, un po' come questa fantastica saga che spero non si concluda con la terza stagione!
      Dunque, un Topolino buono a metà. Però la metà buona non è solo buona, ma eccellente! Quindi ve lo consiglio! W Star Top e W Torneo!

      *

      King Jay
      Brutopiano

      • *
      • Post: 55
        • Offline
        • Mostra profilo

        Re:Topolino 3371
        Risposta #2: Mercoledì 1 Lug 2020, 16:45:45
        Lieto di rivedere il buon Artibani nuovamente sul Topo, dopo mesi dall'ultima storia (che mi sa che era 19.999 leghe). Il risultato è ottimo e spero di tornare a vederlo più spesso.
        Per Star Top e Cento porte attendo gli episodi finali per un parere complessivo.
        « Ultima modifica: Mercoledì 1 Lug 2020, 16:49:58 da King Jay »

        *

        Dippy
        Diabolico Vendicatore

        • ****
        • Post: 1612
        • Tra un corto e una sciocca sinfonia...
          • Offline
          • Mostra profilo

          Re:Topolino 3371
          Risposta #3: Mercoledì 1 Lug 2020, 18:32:37
          Per una volta la posta mi consegna il Topo senza ritardi... dunque ecco il mio commento. Nel complesso un buon numero di Topolino.
          Proseguono molto bene le saghe di Star Trek e di Nucci,
          Spoiler: mostra
          che si chiude con un bel cliffhanger.
          Ben scritte, con colpi di scena e un piacevole ritmo narrativo.
          Risulta gradevole anche la storia di Mazzoleni e Guerrini, forse più per i disegni che per una trama che, obiettivamente, sa di già visto, ma comunque anche questa ben scritta e godibile. E' anche un ulteriore piacere perdersi nei dettagli e nelle piccole citazioni e scritte disseminate qua e là da Guerrini.
          La storia breve su Brigitta direi che tiene bene il colpo rispetto a millemila altre brevi apparse in passato. Niente di che, ma fa il suo dovere.
          Molto piacevole infine anche la storia di apertura, di Artibani, che con sagacia critica l'abuso tecnologico dei cellulari da parte delle persone. I disegni di Intini a parer mio aiutano anche a conferire un sano senso di confusione dovuto all'uso troppo massiccio di tutta questa tecnologia.
          Da segnalare inoltre il reportage made in Bertani sul bellissimo Botswana. Beato lui!

          Ho letto proprio ieri anche la storia sul Paperino Mese collegata al Torneo e, c'è da dire che, come anche nel caso di Zio Paperone, non dovete per forza leggerla per capire la storia su Topolino, perché non è strettamente collegata. Però ve la consiglio: mi è piaciuta anche di più di quella su Zio Paperone e presenta, come lo stile di Nucci deve essere, un finale paritocolare, a sorpresa. Molto, molto carina come storia! Qui però lo sport in questione non è proprio il calcio, bensì... il calcetto, il biliardino!

          Potresti approfondire la trama, per chi come me non ha la più pallida idea di che cosa tu stia parlando? :) Grazie
          « Ultima modifica: Mercoledì 1 Lug 2020, 18:35:54 da Dippy »
          Sappiate che tutte le cose sono così: un miraggio, un castello di nubi... Nulla è come appare  -  Buddha

          https://ilnumeroprimopiugrande.wordpress.com/author/arcelli1947/

          https://numeriprimiaritmeticamodulare.wordpress.com/

          *

          Flash X
          Pifferosauro Uranifago
             (1)

          • ***
          • Post: 386
          • Mezzanotte: l'ora di Paperinik!
            • Offline
            • Mostra profilo
             (1)
            Re:Topolino 3371
            Risposta #4: Mercoledì 1 Lug 2020, 19:32:49
            Potresti approfondire la trama, per chi come me non ha la più pallida idea di che cosa tu stia parlando?  Grazie
            Il titolo della storia è "Paperino e il grande Rifrulli".
            Per non rischiare di fare spoiler citerò esattamente la trama come scritta nell'indice dell'albo.
            "Durante una pausa del Torneo delle Cento Porte, si gioca calcio... in miniatura! E si raccontano le gesta di un mitico campione di biliardino. Il suo cognome, Rifrulli, è tutto un programma!".

            *

            GioReb
            Giovane Marmotta

            • **
            • Post: 145
            • Sono un ammiratore del maestro Rebuffi
              • Offline
              • Mostra profilo

              Re:Topolino 3371
              Risposta #5: Mercoledì 1 Lug 2020, 22:39:20
              Premetto che questo numero tutto sommato mi è piaciuto e ci sono diversi colpi di scena che lasciano col fiato sospeso fino al prossimo numero, sperando che le aspettative non vengano deluse.  :-\

              Per contro, non posso fare a meno di rammaricarmi come la Disney Italia abbia ormai deciso di fatto accantonare il personaggio di Qua, relegandolo ai margini di semplice comparsata se non addirittura facendogli fare la figura dell'ameba.  :ill: :ill: :ill:

              Zio Paperone e la mano di riserva: Divertente storia che prende apertamente in giro l'odierno vizio di stare in giro sempre con lo smartphone in mano, che vede contrapposti un mondo imprenditoriale senza scrupoli (Paperone e Rockerduck) e gli scettici guidati dal buonsenso (Paperino). E i soliti Bassotti che debbono rovinare tutto con la solita dabbenaggine loro. E come fatto rilevare prima, anche in questa storia vediamo Qui e Quo giocare allegramente in giardino e Qua invece in casa a guardare il televisore.  :(
              Spoiler: mostra
              Non capisco che bisogno c'era di esporsi così apertamente in rischiosi spionaggi industriali per un prodotto ormai più che commercializzato e quindi sufficiente studiare i meccanismi di un articolo acquistato in incognito.
              Voto 8.

              Il Torneo delle Cento Porte - Quarto turno: Una questione di piumaggio R.I.P. Qua.  :( Il racconto si dipana tra i pronostici del calcio e surreali sotterfugi per vincere la partita (anche qui un piano geniale rovinato per dabbenaggine di chi lo ha ideato!) e il finale a sorpresa lascia parecchie aspettative. Ricordo a Soffritti che i Bassottini indossano la mascherina nera sugli occhi come tutti i componenti della famiglia (o anche qui hanno deciso di fare delle riforme!?) Sempre sui Bassottini, decisamente sciocco il modo in cui perdono la partita. Voto sospeso.

              Archimede e la vacanza esasperante: Storia déjà-vu che si giova dei dinamici e umoristici disegni di Guerrini. Voto 7 1/2.

              www.benessere.pap - Brigitta e la ginnastica utile: Storia breve della notoria stalkeratrice tutto sommato accettabile. La Molinari ultimamente sta cambiando stile semplificando il tratto (peccato!) e rinunciando alla ripetitiva postura delle mani con le dita piegate in avanti. Voto 6 1/2.

              Star Top 3 - Episodio 3 (prima parte): L'opposto del bene: La miglior storia dell'albo, ricca di grinta e con i vari nodi che vengono al pettine con un nuovo personaggio. Anche qui finale che lascia il fiato sospeso fino al prossimo numero. Voto quindi sospeso anche qui.

              Un numero che è peggiore dello scorso, però di per sé non male, perché ha alti molto potenti e bassi. (...)

              Posso permettermi di suggerire un maggiore uso di spoiler soprattutto quando si è tra i primi a scrivere la recensione?  ;)

              GioReb
              « Ultima modifica: Giovedì 2 Lug 2020, 08:32:59 da GioReb »

              *

              Atius
              Sceriffo di Valmitraglia
                 (1)

              • ***
              • Post: 335
              • "Dentro spazzatura!" "Fuori iettatura"
                • Offline
                • Mostra profilo
                 (1)
                Re:Topolino 3371
                Risposta #6: Giovedì 2 Lug 2020, 10:31:10
                Per contro, non posso fare a meno di rammaricarmi come la Disney Italia abbia ormai deciso di fatto accantonare il personaggio di Qua, relegandolo ai margini di semplice comparsata se non addirittura facendogli fare la figura dell'ameba.  :ill: :ill: :ill:

                Sei sicuro che sia così? Io ho notato invece un grande rilancio del personaggio in questo ultimo anno (vedi serie come Area 15 o X-Music).
                O Patria, mia solleva il capo affranto / Sorridi ancora, o bella tra le belle / o madre delle madri asciuga il pianto! / Il ciel per te s'accenda di fiammelle / Splendenti a rischiarar ancor la via / Sì che tu possa riveder le stelle! / Dio ti protegga Italia, così sia.

                *

                Vincenzo
                Cugino di Alf

                • ****
                • Post: 1271
                • Esordiente
                  • Offline
                  • Mostra profilo

                  Re:Topolino 3371
                  Risposta #7: Giovedì 2 Lug 2020, 17:02:29
                  Molto semplicemente, a Qua il calcio non piace e quindi ha meno spazio nella storia. I tempi in cui i nipoti di Paperino erano un unico personaggio diviso in tre sono finiti, per fortuna, ed è fantastico che si abbia una sorta di continuità con le storie precedenti. Quando Enna o chi per lui riprenderanno il progetto X-Music tornerà protagonista.

                  Comunque ottimo numero, a partire dalla storia d'apertura nella quale, come spesso fa con le vicende ambientate a Paperopoli, Artibani ironizza sui nostri strambi tempi, grazie a dialoghi spiritosi e divertenti, che Intini illustra perfettamente.
                  Ottimo anche il quarto episodio del Torneo, concentrato stavolta sulla figura di Gastone e le sue manie. Cliffhanger finale davvero efficace, per un finale che attendo con ansia.
                  Le storie "mediane" divertono, specie quella di Mazzoleni e Guerrini, mentre L'opposto del bene conferma l'ottimo utilizzo dei personaggi in una trama intrigante.
                  If you can dream it, you can do it.

                  *

                  GioReb
                  Giovane Marmotta

                  • **
                  • Post: 145
                  • Sono un ammiratore del maestro Rebuffi
                    • Offline
                    • Mostra profilo

                    Re:Topolino 3371
                    Risposta #8: Giovedì 2 Lug 2020, 18:00:26
                    Sei sicuro che sia così? Io ho notato invece un grande rilancio del personaggio in questo ultimo anno (vedi serie come Area 15 o X-Music).

                    Se fossi sicuro sarei ora milionario al casinò. ;)

                    Qui, Quo e Qua sono sempre stati tra fratelli assai legati fra di loro e alle origini parlavano pure in modo buffamente sincrono (Qui: "Ciao"; Quo: "zio"; Qua: "Paperino"). E naturalmente hanno sempre condiviso gli interessi.

                    Ci sono stati momenti di disaccordo o divergenze di opinioni (come non ricordare "Qui, Quo, Qua e il tempo delle mele" di Marconi e De Vita?) ma senza mai snaturare i personaggi come invece sta accadendo qui.

                    Di questo passo mi aspetto presto una Nonna Papera che si mette i pantaloni attillati per andare in moto a ballare in discoteca.

                    Ciao

                    GioReb
                    « Ultima modifica: Giovedì 2 Lug 2020, 18:04:50 da GioReb »

                    *

                    Cornelius Coot
                    Imperatore della Calidornia

                    • ******
                    • Post: 10269
                    • Mais dire Mais
                      • Offline
                      • Mostra profilo

                      Re:Topolino 3371
                      Risposta #9: Giovedì 2 Lug 2020, 20:14:33
                      Di questo passo mi aspetto presto una Nonna Papera che si mette i pantaloni attillati per andare in moto a ballare in discoteca.
                      Magari non arriverà a questo ma è già cambiata 'in quel senso' rispetto a qualche decennio fa. Se in passato aveva i capelli bianchi o grigi (come ancora in Egmont) o, tuttalpiù, di un biondo spento, oggi ha lo stesso tono di colore di Brigitta e Miss Paperett. E, come loro, è truccata, con ciglia lunghe e spesse, mentre 'un tempo' le ciglia neanche gliele disegnavano (o erano cortissime). Non dimentichiamo orecchini vistosi e colorati, quando in passato li aveva piccoli e semplici, non 'invadenti' (quando li portava).

                      Praticamente non c'è differenza tra la Elvira di PP8 e la odierna, pur essendo passato almeno un quarto di secolo. E comunque, anche a 60 anni (se oggi ne avesse circa 85), restava sempre una rude pioniera che non avrà fatto la Corsa all'Oro ma che il continente nordamericano lo aveva attraversato comunque, per arrivare in Calisota. Calcolavo che oggi avrà meno tempo da dedicare alla fattoria per visite costanti dal parrucchiere per la tinta e tempo perso davanti allo specchio per truccarsi ogni mattina (immagino di buonora) e rifarsi il trucco al pomeriggio, visto che probabilmente si sarà rovinato data la dura vita di campagna...

                      Nonna Papera ieri...


                      ... ed oggi!
                      « Ultima modifica: Giovedì 2 Lug 2020, 21:16:05 da Cornelius Coot »

                      *

                      Flash X
                      Pifferosauro Uranifago
                         (1)

                      • ***
                      • Post: 386
                      • Mezzanotte: l'ora di Paperinik!
                        • Offline
                        • Mostra profilo
                         (1)
                        Re:Topolino 3371
                        Risposta #10: Giovedì 2 Lug 2020, 21:10:01
                        Qui, Quo e Qua sono sempre stati tra fratelli assai legati fra di loro e alle origini parlavano pure in modo buffamente sincrono (Qui: "Ciao"; Quo: "zio"; Qua: "Paperino"). E naturalmente hanno sempre condiviso gli interessi.

                        Ci sono stati momenti di disaccordo o divergenze di opinioni (come non ricordare "Qui, Quo, Qua e il tempo delle mele" di Marconi e De Vita?) ma senza mai snaturare i personaggi come invece sta accadendo qui.
                        Condivido!
                        Non so perché, ma sono pochi che come noi vogliono la tradizione e cioè mantenere i personaggi per come sono sempre stati. E qui si stanno cambiando troppo i poveri nipotini, che io ho sempre adorato proprio perché continuavano ognuno la frase dell'altro. Sempre è stato così, e bisogna mantenere la tradizione. Non è che arrivano degli autori che decidono di fare un progetto che snaturalizzi Qui Quo e Qua. A me onestamente mi ha dato fastidio per esempio che in tre paperi in gioco, si siano allontanati tantissimo da Paperino, rispondendogli male.
                        Io voglio le classiche avventure in cui a Zio Paperone, Paperino e Qui Quo Qua gliene capitano di tutti i colori, ma tutti loro almeno mantengono la loro personalità.
                        E il direttore, tutto contento, questa settimana ha detto nell'editoriale che Area 15 tornerà per ben 3 VOLTE entro la fine dell'anno perché è piaciuto un sacco.
                        Ma stiamo scherzando: piaciuto? A me dovrebbe piacere una serie di storie in cui i nipotini non sono uniti e hanno a che fare con Paperino o Zio Paperone pochissimo? Ma ve lo sognate!
                        Io quando ho letto quell'editoriale sono rimasto colpito in negativo: mi sono sentito preso in giro. A me, che Area 15 non è piaciuto, mi viene detto che tornerà prima del previsto perché lo abbiamo apprezzato.
                        Quello che mi chiedo è: come pensa la redazione di fare successo con le vendite se mi mette qualcosa come Area 15 per centomila volte all'anno? Pensa di attirare i giovani, perché i protagonisti lo sono? Impossibile! E sapete perché dico che è impossibile? Perché io sono giovane. Io sono nato nel 2006: ho 14 anni. Eppure neanche una volta in tutte queste serie sui giovani esageratamente frequenti mi sono immedesimato in Qui Quo e Qua. Io mi immedesimo di più in Paperino. O in Zio Paperone. Oppure le volte che in passato mi sono immedesimato nei nipotini, di certo non sono state in queste serie nuove, ma in storie classiche in cui i nipotini sono fratelli legati che si vogliono bene.
                        Quindi quello che vorrei è che non facciano tutti questi progetti pubblicizzati ovunque, se poi sono tutto fumo e niente arrosto. E poi proporre progetti anche su adulti (invece di fare con questi solo storielle semplici), perché i minorenni non sono il centro dell'universo, e ve lo dice un minorenne. Oppure, volete fare un progetto in cui ci siano Qui Quo e Qua? Bene, ma che siano come sono stati creati, e non sempre litigati tra loro con passioni nuove, diverse. In più, se in questo progetto ci devono essere, che ci siano anche Paperino e Zio Paperone, perché è tradizione. Incredibile come io sia un giovane che vuole nei fumetti la tradizione, e come ci siano magari adulti e anziani che vogliono Qui Quo e Qua persone irriconoscibili!
                        Molto semplicemente, a Qua il calcio non piace e quindi ha meno spazio nella storia. I tempi in cui i nipoti di Paperino erano un unico personaggio diviso in tre sono finiti, per fortuna, ed è fantastico che si abbia una sorta di continuità con le storie precedenti. Quando Enna o chi per lui riprenderanno il progetto X-Music tornerà protagonista.
                        Io invece spero che quei tempi non siano finiti. Perché rovinare il passato e quindi rovinare i nipotini cambiandogli carattere e atteggiamento? Secondo me si può fare tranquillamente un equilibrio tra innovazione e tradizione. Ad esempio bisogna assolutamente mantenere Qui Quo e Qua per come sono sempre stati, cioè fratelli uniti, ma che abbiano a che fare con la tecnologia moderna, come cellulari e devices. Questo, sempre con la presenza di Paperino e Paperone, per mantenere la tradizione che c'è sempre stata in ogni storia.
                        Poi è brutto che ci sia continuity tra queste storie, perché non fanno parte di una saga. E poi così si rischia di spingere futuri autori a scrivere dei nipotini con delle limitazioni, quando è sempre stato che ognuno vedesse Qui Quo e Qua come vuole, ma che sempre mantengano i propri caratteri affettuosi tra loro e nei confronti di Paperino, Zio Paperone e altri parenti. Io non li voglio vedere maleducati o che rispondano male ai parenti in qualsiasi storia, perché loro sono sempre stati onesti e rispettosi verso gli altri, come da brave Giovani Marmotte. A questo punto, se la redazione e gli autori vogliono rovinare così tanto il patrimonio magnifico che c'è di Qui Quo e Qua, che li facciano uscire dalle GM. Tanto ormai più il tempo passa, più i nipotini che conoscevo si trasformano in individui totalmente diversi.

                        *

                        Atius
                        Sceriffo di Valmitraglia
                           (3)

                        • ***
                        • Post: 335
                        • "Dentro spazzatura!" "Fuori iettatura"
                          • Offline
                          • Mostra profilo
                           (3)
                          Re:Topolino 3371
                          Risposta #11: Giovedì 2 Lug 2020, 21:28:20
                          Ma non è uno snaturare. È un naturale evolversi. Il carattere di Qui, Quo e Qua non è mutato, è stato semplicemente approfondito. Perché tutto deve rimanere come è sempre stato? Perché si ha così tanta paura delle novità (specie se queste non snaturando una psicologia ma la approfondiscono)?
                          « Ultima modifica: Giovedì 2 Lug 2020, 21:30:32 da Atius »
                          O Patria, mia solleva il capo affranto / Sorridi ancora, o bella tra le belle / o madre delle madri asciuga il pianto! / Il ciel per te s'accenda di fiammelle / Splendenti a rischiarar ancor la via / Sì che tu possa riveder le stelle! / Dio ti protegga Italia, così sia.

                          *

                          Hero of Sky
                          Ombronauta

                          • ****
                          • Post: 799
                          • L'Occhio che tutto scruta,tuttoosservaetuttoindaga
                            • Offline
                            • Mostra profilo

                            Re:Topolino 3371
                            Risposta #12: Giovedì 2 Lug 2020, 21:40:10
                            Qui, Quo e Qua sono sempre stati tra fratelli assai legati fra di loro e alle origini parlavano pure in modo buffamente sincrono (Qui: "Ciao"; Quo: "zio"; Qua: "Paperino"). E naturalmente hanno sempre condiviso gli interessi.

                            Ci sono stati momenti di disaccordo o divergenze di opinioni (come non ricordare "Qui, Quo, Qua e il tempo delle mele" di Marconi e De Vita?) ma senza mai snaturare i personaggi come invece sta accadendo qui.
                            Condivido!
                            Non so perché, ma sono pochi che come noi vogliono la tradizione e cioè mantenere i personaggi per come sono sempre stati. E qui si stanno cambiando troppo i poveri nipotini, che io ho sempre adorato proprio perché continuavano ognuno la frase dell'altro. Sempre è stato così, e bisogna mantenere la tradizione. Non è che arrivano degli autori che decidono di fare un progetto che snaturalizzi Qui Quo e Qua. A me onestamente mi ha dato fastidio per esempio che in tre paperi in gioco, si siano allontanati tantissimo da Paperino, rispondendogli male.
                            Io voglio le classiche avventure in cui a Zio Paperone, Paperino e Qui Quo Qua gliene capitano di tutti i colori, ma tutti loro almeno mantengono la loro personalità.
                            E il direttore, tutto contento, questa settimana ha detto nell'editoriale che Area 15 tornerà per ben 3 VOLTE entro la fine dell'anno perché è piaciuto un sacco.
                            Ma stiamo scherzando: piaciuto? A me dovrebbe piacere una serie di storie in cui i nipotini non sono uniti e hanno a che fare con Paperino o Zio Paperone pochissimo? Ma ve lo sognate!
                            Io quando ho letto quell'editoriale sono rimasto colpito in negativo: mi sono sentito preso in giro. A me, che Area 15 non è piaciuto, mi viene detto che tornerà prima del previsto perché lo abbiamo apprezzato.
                            Quello che mi chiedo è: come pensa la redazione di fare successo con le vendite se mi mette qualcosa come Area 15 per centomila volte all'anno? Pensa di attirare i giovani, perché i protagonisti lo sono? Impossibile! E sapete perché dico che è impossibile? Perché io sono giovane. Io sono nato nel 2006: ho 14 anni. Eppure neanche una volta in tutte queste serie sui giovani esageratamente frequenti mi sono immedesimato in Qui Quo e Qua. Io mi immedesimo di più in Paperino. O in Zio Paperone. Oppure le volte che in passato mi sono immedesimato nei nipotini, di certo non sono state in queste serie nuove, ma in storie classiche in cui i nipotini sono fratelli legati che si vogliono bene.
                            Quindi quello che vorrei è che non facciano tutti questi progetti pubblicizzati ovunque, se poi sono tutto fumo e niente arrosto. E poi proporre progetti anche su adulti (invece di fare con questi solo storielle semplici), perché i minorenni non sono il centro dell'universo, e ve lo dice un minorenne. Oppure, volete fare un progetto in cui ci siano Qui Quo e Qua? Bene, ma che siano come sono stati creati, e non sempre litigati tra loro con passioni nuove, diverse. In più, se in questo progetto ci devono essere, che ci siano anche Paperino e Zio Paperone, perché è tradizione. Incredibile come io sia un giovane che vuole nei fumetti la tradizione, e come ci siano magari adulti e anziani che vogliono Qui Quo e Qua persone irriconoscibili!
                            Molto semplicemente, a Qua il calcio non piace e quindi ha meno spazio nella storia. I tempi in cui i nipoti di Paperino erano un unico personaggio diviso in tre sono finiti, per fortuna, ed è fantastico che si abbia una sorta di continuità con le storie precedenti. Quando Enna o chi per lui riprenderanno il progetto X-Music tornerà protagonista.
                            Io invece spero che quei tempi non siano finiti. Perché rovinare il passato e quindi rovinare i nipotini cambiandogli carattere e atteggiamento? Secondo me si può fare tranquillamente un equilibrio tra innovazione e tradizione. Ad esempio bisogna assolutamente mantenere Qui Quo e Qua per come sono sempre stati, cioè fratelli uniti, ma che abbiano a che fare con la tecnologia moderna, come cellulari e devices. Questo, sempre con la presenza di Paperino e Paperone, per mantenere la tradizione che c'è sempre stata in ogni storia.
                            Poi è brutto che ci sia continuity tra queste storie, perché non fanno parte di una saga. E poi così si rischia di spingere futuri autori a scrivere dei nipotini con delle limitazioni, quando è sempre stato che ognuno vedesse Qui Quo e Qua come vuole, ma che sempre mantengano i propri caratteri affettuosi tra loro e nei confronti di Paperino, Zio Paperone e altri parenti. Io non li voglio vedere maleducati o che rispondano male ai parenti in qualsiasi storia, perché loro sono sempre stati onesti e rispettosi verso gli altri, come da brave Giovani Marmotte. A questo punto, se la redazione e gli autori vogliono rovinare così tanto il patrimonio magnifico che c'è di Qui Quo e Qua, che li facciano uscire dalle GM. Tanto ormai più il tempo passa, più i nipotini che conoscevo si trasformano in individui totalmente diversi.
                            Non sono d'accordo su quasi nulla di quello che dici, ma non è una novità, tanto per restare in tema. Ora che so quanti anni hai mi spiego molte cose. Non so nulla di queste storie di Enna, ma la gag famosa che citi proposta oggi sarebbe ridicola. Non è che se qualcosa è sempre andato in quel modo deve rimanere così. E non è certo la prima volta che si tenta di differenziare i nipotini
                            Perchè di questo mondo siamo solo ospiti, fra i tanti. E non i padroni.                                                                                                 Insieme abbiamo dimostrato tante cose, ma la più importante è che non esiste l'impossibile

                            *

                            Paperinika
                            Imperatore della Calidornia
                            Moderatore

                            • ******
                            • Post: 10328
                              • Offline
                              • Mostra profilo

                              Re:Topolino 3371
                              Risposta #13: Giovedì 2 Lug 2020, 21:46:30
                              Per non rischiare di fare spoiler
                              Io non sono certo una lettrice che abbia il terrore degli spoiler, perlomeno salvo casi particolari, però noto spesso che nei tuoi commenti riporti praticamente per filo e per segno tutta la trama delle storie.
                              Ripeto, a me non da più di tanto fastidio (anche perché leggo il topolino prima di aprire il topic), però ti inviterei ad essere un po' meno dettagliato e magari a lasciare più spazio alle opinioni e alle impressioni che ti sono rimaste, che non a riportare la trama in sé. Immagino che anche per chi legge il topic possa essere un motivo in più per intavolare belle (e pacifiche) discussioni. ;)

                              *

                              Paperinika
                              Imperatore della Calidornia
                              Moderatore

                              • ******
                              • Post: 10328
                                • Offline
                                • Mostra profilo

                                Re:Topolino 3371
                                Risposta #14: Giovedì 2 Lug 2020, 21:50:32
                                Per contro, non posso fare a meno di rammaricarmi come la Disney Italia abbia ormai deciso di fatto accantonare il personaggio di Qua, relegandolo ai margini di semplice comparsata se non addirittura facendogli fare la figura dell'ameba.  :ill: :ill: :ill:
                                Ma no, in fondo fa solo parte di quell'opera di differenziazione dei tre gemelli più volte decantata dal direttore nell'arco di questi ultimi mesi. È vero che nelle storie calcistiche è in disparte, ma di contro si interessa alla musica (come abbiamo visto in X Paper e Tre Paperi in gioco) e ad altri passatempi. Area 51 è incentrata parecchio su di lui invece che sugli altri due. L'hai letta?

                                 

                                Dati personali, cookies e GDPR

                                Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                                Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                                Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.