Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
3 | |
3 | |
2 | |
4 | |
5 | |
2 | |
3 | |
3 | |
3 | |
5 | |
3 | |
3 | |
Topolino 3377 - Recensione di Paolo

Per capire quanto questa copertina sia sconclusionata, provate ad immaginare Batman al posto di Paperinik…Buono davvero questo numero di Topolino, sebbene mi trovi ad iniziare questa recensione commettendo un reato di lesa maestà… La cosa meno riuscita è la copertina di Cavazzano: un Paperinik in spiaggia sotto il sole, a giocare con Gastone, con l’ineludibile “look-in-camera” e sorrisone verso il lettore suona male come un disco di Nino D’Angelo! Però l’interno è di tutt’altra pasta. Si apre con la storia in due tempi di Gervasio disegnata da Vian, Paperinik e la vacanza di fortuna: non è certo il Paperinik vendicatore delle origini che prediligo, ma la storia garantisce una lettura piacevole, senza grossi intoppi, alcune gag che mi hanno fatto sorridere e le “solite” citazioni cui l’autore ci ha abituato. Stavolta tocca a Paperin Hood e al nome dei due fratelli: sebbene venga nominato il solo Castore, non si fa fatica ad immaginare quello dell’altro e a collegarli alla classica Paperinik allo sbaraglio. Certo, forse la parte finale con il quasi-monologo di Gastone sembra un po’ forzata e sa di già sentito, ma ripeto, la storia è molto valida. Poco convincenti, secondo me, le vignette iniziali, con inquadrature dove i protagonisti occupano gran parte dello spazio della vignetta con i loro primi piani, invadendo quasi lo spazio del lettore mi verrebbe da dire; qualche “ripresa” con un campo un po’ più lungo non avrebbe di certo guastato, anzi! Dimostrazione ne siano le tavole notturne in campo lungo molto più godibili e ricche di tratteggio. Infine, non voglio neanche nominare i ridicoli rimaneggiamenti delle vignette dove di supponeva ci fosse un’arma in mano ai personaggi… Da diabolico vendicatore armato di pistola paralizzante, a ridicola oca starnazzante il passo è breve… Gran bella sorpresa Bum Bum Ghigno e il salvadanaio prodigioso. Ho sempre considerato una qualità importante quella di riuscire ad essere un autore completo, e la storia che vede protagonista Bum Bum non fa altro che confermarmelo: Corrado Mastantuono si diverte (e ci fa divertire) con una storia tra il surreale e lo slapstick, arricchita da trovate esilaranti (non voglio anticiparvi nulla, ma le indicazioni necessarie per trovare il “tesoro” sono due pagine di risate!) dove lo svolgimento della trama conta poco o nulla. L’obiettivo è far divertire il lettore, e viene centrato grazie alle espressioni dei protagonisti ed al continuo fluire di battute. Molto bella anche la penultima tavola con l’azione che accade al di fuori del nostro campo visivo, con i soli protagonisti a descrivercela. Umorismo che invece non è così originale nella storia Chi ha rubato i ghiaccioli? di Fontana e Held che vede protagonisti Pippo e Manetta, e si risolve in una serie continua di gag, alcune riuscite (il lucchetto, la sveglia) altre decisamente meno (io ancora non ho capito quella dei libri attorno al letto…). E arriviamo a Zio Paperone e l’identità perduta. Vito sembra muoversi a suo agio anche nel formato più ampio delle storie a puntate, in un’ambientazione (per ora) urbana che non sempre è semplice da gestire: nelle storie con viaggi e cacce al tesoro il riuscire a trovare spunti è più “facile”, mentre a Paperopoli è già successo praticamente tutto… invece Vito sviluppa una trama apparentemente ultra-classica con tutte le situazioni che ci si potrebbe attendere (e che per questo non considero spoiler): la storia prende le mosse al Club dei Miliardari, c’è una sfida tra Zio Paperone e Rockerduck, intervengono i Bassotti con un loro piano… tutto nella norma, ma tutto estremamente fluido e godibile. Un paio di esempi di becchi lunghi, sia nel fumetto che nel mazzo di carte allegato.I disegni di Rota sono un po’ diversi da quanto eravamo abituati a conoscere, e sembrano più usciti da un Anders And & Co. che da Topolino, con alcune soluzioni originali tipo i Bassotti più “robusti” o i becchi dei paperi che tornano ad allungarsi, come fossimo negli anni Quaranta. Vediamo come si concluderà la trama, ma è una di quelle storie che danno pregio al settimanale, consentendo di avere un livello medio ben più che accettabile, e la gag con la signora Arraffoni mi ha fatto ridere a voce alta! Chiude l’albo la storia “sperimentale” Pippo terzo incomodo vacanziero di Gagnor e Cesarello, composta da strisce da 4 vignette l’una (più o meno) che è stata pubblicata già sulla rete dei social di Topolino. L’ho riletta tre volte nel tentativo di riuscire ad elaborare un giudizio significativo sulla storia, o sull’esperimento fatto, ma senza grossi esiti. Mentre ritengo inevitabile un risultato altalenante nella riuscita della battuta di chiusura delle varie strisce, il tipo di soluzione adottata – risultando in una storia dalla trama non organica – non rientra tra i miei preferiti; forse nuovi esperimenti del genere potranno chiarirmi le idee, per ora non mi pronuncio! Comunque, considerando anche la presenza del primo mazzo di carte, con i bei disegni di Marco Rota, e l’editoriale sulle meravigliose isole Lofoten, credo che le 4 stelle possano essere il giusto riconoscimento al numero di Ferragosto, di certo il migliore degli ultimi anni.

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (24)
Esegui il login per votare

Topolino 3377

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Flash X
Gran Mogol

  • ***
  • Post: 627
  • Mezzanotte: l'ora di Paperinik!
    • Offline
    • Mostra profilo

    Topolino 3377
    Mercoledì 12 Ago 2020, 12:22:03
    Numero di questa settimana:

    Cover: Giorgio Cavazzano (disegni), Andrea Cagol (colori).

    Paperinik e la vacanza di fortuna - Primo tempo (Marco Gervasio, Roberto Vian);
    Paperinik e la vacanza di fortuna - Secondo tempo (Marco Gervasio, Roberto Vian);
    Bum Bum Ghigno e il salvadanaio prodigioso (Corrado Mastantuono);
    Pippo e Manetta in: Chi ha rubato i ghiaccioli? (Giorgio Fontana, Valerio Held);
    Zio Paperone e l'identità perduta - Episodio 1 (Vito Stabile, Marco Rota);
    Topolino insta stories - Pippo terzo incomodo vacanziero (Roberto Gagnor, Davide Cesarello).

    One-page story finale:
    Stile da vendere - Hobby rilassante (Enrico Faccini).



    Per chi vuole, in allegato c'è il primo mazzo di carte da gioco disegnate da Marco Rota, iniziativa analoga a quella di Paolo Mottura dell'anno scorso. Questa settimana abbiamo il mazzo rosso (io l'ho preso ovviamente), e la prossima quello blu. Topilino + Mazzo = €6,50.
    « Ultima modifica: Mercoledì 12 Ago 2020, 13:28:50 da Flash X »

    *

    Atius
    Pifferosauro Uranifago

    • ***
    • Post: 403
    • "Dentro spazzatura!" "Fuori iettatura"
      • Offline
      • Mostra profilo

      Re:Topolino 3377
      Risposta #1: Mercoledì 12 Ago 2020, 12:56:42
      Che dire sulle carte di Marco Rota... Spettacolari. A differenza di quanto accaduto con Mottura, in cui mi pare fossero rappresentati solo i paperi, l'autore milanese rappresenta anche l'universo di Topolinia. Da quel che vedo, sulle carte di picche e di fiori sono raffigurati gli antagonisti (vedo Gambadilegno, Macchia Nera, i Bassotti), mentre sulle carte rosse sono raffigurati personaggi tendenzialmente positivi (Paperone, Topolino, Minni...). Per quanto riguarda il Topolino, grande ritorno
      Spoiler: mostra
      della Maschera Tribale
      nella storia di Bum Bum.
      O Patria, mia solleva il capo affranto / Sorridi ancora, o bella tra le belle / o madre delle madri asciuga il pianto! / Il ciel per te s'accenda di fiammelle / Splendenti a rischiarar ancor la via / Sì che tu possa riveder le stelle! / Dio ti protegga Italia, così sia.

      *

      Garalla
      Dittatore di Saturno
         (2)

      • *****
      • Post: 3471
      • ex Topo_Nuovo ex ASdrubale
        • Offline
        • Mostra profilo
        • La soffitta di Camera Mia
         (2)
        Re:Topolino 3377
        Risposta #2: Mercoledì 12 Ago 2020, 14:31:36
        Mi inimico il forum? Possibile ma tocca dirlo...
        Non posso definirmi un fan visto che la maggior parte delle storie non le ho lette, ma ho sempre ritenuto Rota un buon disegnatore, anche se un po' fuori target, un po' troppo retrò per il Topolino attuale.
        E sulle storie di 12 anni fa danesi lo potevo accettare. Ma su una storia del 2020... mi spiace eh ma ho fatto una fatica incredibile a leggere la nuova fatica di Rota. Più per i disegni decisamente minimali e errati per proporzioni e inquadrature che non per la storia in sé abbastanza semplice ma interessante. A questo punto capisco ancora meno l'estromissioni di Gatto che per quanto lo ritenessi uno stile di disegno un po' fuori target risultava ancora piacevole.
        La Soffitta di Camera Mia è un canale youtube che tratta di fumetti.
        Ogni Venerdì il video sul Topolino della settimana.

        https://www.youtube.com/lasoffittadicameramia

        *

        Stefanooo
        Bassotto

        • *
        • Post: 3
        • Esordiente
          • Offline
          • Mostra profilo

          Re:Topolino 3377
          Risposta #3: Mercoledì 12 Ago 2020, 16:05:51
          Buongiorno a tutti, io sono un lettore di Topolino dell'epoca della prima edizione di MacPaper sull'almanacco Topolino (questo per dare un'idea della veneranda età), che sta riprendendo in mano il Topolino settimanale a distanza di decenni ora che i figli stanno imparando a leggere. Ho acquistato il 3777 con le carte di Marco Rota, splendide, un peccato usarle, realizzate da quello che quando era bambino era il mio disegnatore preferito (e che in occasione di una visita con la scuola alla sede di Mondadori a Segrate, chi viveva a Milano all'epoca aveva questa fortuna, mi guardò e corresse molto bonariamente alcuni disegni che avevo portato).
          Ho sfogliato anche la storia che ha realizzato e faccio una domanda a voi esperti: ma da quando Rota ha modificato lo stile con cui lo conoscevo negli anni '70? ora (quantomeno a me) sembra un clone di  Barks; se non ci fossero raffigurati elementi moderni (come un televisore a schermo piatto), penserei addirittura ad una storia realizzata negli anni'50.
                 

          *

          Flash X
          Gran Mogol

          • ***
          • Post: 627
          • Mezzanotte: l'ora di Paperinik!
            • Offline
            • Mostra profilo

            Re:Topolino 3377
            Risposta #4: Mercoledì 12 Ago 2020, 16:21:23
            Un ottimo numero: lo dico subito.
            Si parte con una nuova storia-bomba del mio sceneggiatore preferito Marco Gervasio!
            Spoiler: mostra
            Paperino e Gastone litigano per chi debba portarsi Paperina in vacanza e questa decide di usare i due biglietti vinti da Gastone per fare andare in vacanza assieme il Papero Sfortunato e il Papero Fortunato. Ma i due si imbatteranno in due fratelli criminali e Paperino dovrà diventare Paperinik,
            anche se con un costume giocattolo.
            Questa storia è da lodare da tutti i punti di vista. Vian ha fatto un ottimo lavoro nel disegnarla con il suo meraviglioso stile Cavazzaniano. E il Mitico Gervasio ha saputo creare una trama spettacolare: non solo era talmente coinvolgente che ne ho letto entrambi i tempi tutti di un fiato, ma questa trama entra nel cuore dei personaggi di Paperino/Paperinik e di Gastone rivelando delle emozioni addirittura migliori del cinema. Inoltre insegna una grande lezione, non banalizzandola, ma tramite una vicenda solida e a dir poco perfetta: non è il costume a fare Paperinik! Marco Gervasio, se mi leggi, sei il miglior autore Disney dei nostri tempi! Grandissimo! E speriamo che facciano veramente la Definitive con le sue storie di Paperinik, analogamente a quella di Fantomius. Inoltre non vedo l'ora di leggere la seconda stagione di Fantomius e la nuova saga (?) pubblicizzata su questo numero, in arrivo a settembre, oltre ad altre fantastiche storie di Paperinik!
            Segue una nuova storia del ciclo di Bum Bum Ghigno di Corrado Mastantuono. Questa storia, a un certo punto, fa riferimento a due numeri di Topolino di parecchio tempo fa, in cui a quanto pare si aveva come protagonista Bum Bum. Io non ho mai letto questi vecchi numeri, però vi posso garantire che la storia l'ho capita alla perfezione, quindi non c'è il problema "continuity, non capisco". Parlando della storia, proprio una buona prova per il buon Corrado, che dimostra di saper usare questo personaggio (da lui creato) al massimo! Dei suoi due cicli in corso su Topolino, ora come ora preferisco comunque quello del Papersera, ma anche questo gli riesce alla grande. Una cosa che apprezzo poi, è come si mantenga questa grande amicizia che c'è tra Paperino, Archimede e Bum Bum.
            Spoiler: mostra
            Bum Bum, grazie a uno strano specchio parlante, trova un salvadanaio che sputa tre monete ogni volta che lo si agita, anche se con un piccolo prezzo doloroso da pagare. Infatti lui, Paperino e Archimede dovranno trovare un modo per evitare gli inconvenienti causati dall'oggetto, ogni volta che lo scuotono per ottenere il denaro.

            Subito dopo abbiamo una breve (una dozzina di pagine) con protagonisti Pippo e Manetta.
            Spoiler: mostra
            Pippo dice a Manetta che da un po' di tempo di notte gli vengono rubati i ghiaccioli dal freezer, e da qui partono un sacco di gag abbastanza riuscite.
            Una storiella che fa il suo lavoro di breve intrattenendo e divertendo, specialmente con la gag finale in cui si scopre che
            Spoiler: mostra
            veramente sono stati gli alieni ad aver derubato Pippo, esattamente come sospettava lui. :)

            Torna il Maestro Marco Rota nel disegno di una storia italiana, dopo Ingorgopoli (anche se quella ce l'aveva da tempo nel "cassetto"). Non riesco ad essere d'accordo con altri utenti sui disegni di Rota: saranno in stile abbastanza retrò, ma li adoro (anche sulle carte) e per me sono sempre ben accetti, anche su un giornale come Topolino. Il nostro settimanale è bello perché è vario, come sceneggiatori e disegnatori, quindi ci sta che ci siano storie con disegni moderni e altre con disegni "vintage": l'importante (almeno per me) è che le storie, come sempre, siano inedite, e che, sia quelle dai disegni moderni, sia quelle dai disegni retrò, abbiano il lettering al computer, perché graficamente rende le storie a volte anche più belle di ciò che sono. Dal punto di vista della sceneggiatura, Stabile fa un ottimo lavoro, con una trama semplice, ma efficace. La trama, se vogliamo, è molto classica e sa di già visto, ma è ben riuscita per ciò che vuole raccontare, oltre a ricevere infiniti punti in più grazie ai sublimi disegni di Rota.
            Spoiler: mostra
            Zio Paperone diventa generoso a causa di un casco speciale costruito da Archimede, ma rubato dai Bassotti, che hanno obbligato Paperone a metterlo. Così lui comincia a regalare soldi in giro. Ci saranno anche Paperino e i nipotini a cercare di capire che cosa stia succedendo. La storia si conclude con Paperone che ha perso la memoria perché il casco si è rotto e onestamente sono curioso di vedere la prossima settimana, con il secondo episodio, come si riesca a uscire da questa situazione.

            Chiude l'albo una storia "on the road" di Roberto Gagnor. Parliamo di una rilassante storia di chiusura e che ricopre alla perfezione il suo ruolo. Grande Roberto!
            Spoiler: mostra
            Topolino e Minni stanno partendo per le vacanze al mare, ma arriva Pippo che di punto in bianco si autoinvita decidendo di andare con loro. Da qui ci saranno tantissime situazioni interessanti e divertenti, da godersi alla perfezione in questo periodo.

            Numero ultra-consigliato, già solamente per la doppia storia di Paperinik, che è veramente un capolavoro meraviglioso. E comunque sono carine anche la storia di Mastantuono e quella disegnata da Rota. Quindi questo numero offre tantissimo!
            E non vedo l'ora di leggere il prossimo, che sembra essere anch'esso molto interessante, con la doppia storia di Casty, il terzo episodio di Fast Track, il secondo della storia di Rota e avremo anche una nuova storia di Faccini a quanto pare! Tanta, ma tanta carne al fuoco insomma! Alex Bertani si sta veramente rivelando un mago!
            « Ultima modifica: Mercoledì 12 Ago 2020, 23:45:33 da Flash X »

            *

            Volkabug
            Diabolico Vendicatore

            • ****
            • Post: 1464
            • affezionato lettore
              • Offline
              • Mostra profilo

              Re:Topolino 3377
              Risposta #5: Mercoledì 12 Ago 2020, 16:24:39
              Mi inimico il forum? Possibile ma tocca dirlo...
              Non posso definirmi un fan visto che la maggior parte delle storie non le ho lette, ma ho sempre ritenuto Rota un buon disegnatore, anche se un po' fuori target, un po' troppo retrò per il Topolino attuale.
              E sulle storie di 12 anni fa danesi lo potevo accettare. Ma su una storia del 2020... mi spiace eh ma ho fatto una fatica incredibile a leggere la nuova fatica di Rota. Più per i disegni decisamente minimali e errati per proporzioni e inquadrature che non per la storia in sé abbastanza semplice ma interessante. A questo punto capisco ancora meno l'estromissioni di Gatto che per quanto lo ritenessi uno stile di disegno un po' fuori target risultava ancora piacevole.

              Sì, forse molti non la penseranno così ma anche io trovo lo stile di Rota un po' più arcaico e indigesto di quelli persino di Gatto o di Amendola. Da un lato, sarà che lo sento troppo barksiano e quindi faccio il confronto a ogni vignetta con l'Uomo dei paperi. Sono gusti però, che si tratti di un bravissimo artista non c'è ombra di dubbio, e forse (chissà? Boh) i lettori più giovani lo adoreranno.
              Micropaperi! Dove siete?

              *

              Baraquack
              Sceriffo di Valmitraglia

              • ***
              • Post: 270
              • Riprendete assolutamente le TOPOSTORIE
                • Offline
                • Mostra profilo

                Re:Topolino 3377
                Risposta #6: Mercoledì 12 Ago 2020, 19:01:40
                Rota ha fatto buone storie negli anni 70 80 ma perlopiu  era un ottimo copertinista . Per quanto riguarda G atto non bisognava assolutamente escluderlo dal nuovo corso di Topolino
                come faccio a mettere immagine qui

                *

                Atius
                Pifferosauro Uranifago
                   (9)

                • ***
                • Post: 403
                • "Dentro spazzatura!" "Fuori iettatura"
                  • Offline
                  • Mostra profilo
                   (9)
                  Re:Topolino 3377
                  Risposta #7: Mercoledì 12 Ago 2020, 19:05:19
                  Marco Gervasio, se mi leggi, sei il miglior autore Disney dei nostri tempi!

                  Casty.exe ha smesso di funzionare.  ;D
                  O Patria, mia solleva il capo affranto / Sorridi ancora, o bella tra le belle / o madre delle madri asciuga il pianto! / Il ciel per te s'accenda di fiammelle / Splendenti a rischiarar ancor la via / Sì che tu possa riveder le stelle! / Dio ti protegga Italia, così sia.

                  *

                  brigo
                  Diabolico Vendicatore
                     (5)

                  • ****
                  • Post: 1970
                    • Offline
                    • Mostra profilo
                     (5)
                    Re:Topolino 3377
                    Risposta #8: Mercoledì 12 Ago 2020, 22:15:35
                    Marco Gervasio, se mi leggi, sei il miglior autore Disney dei nostri tempi!

                    Casty.exe ha smesso di funzionare.  ;D

                    Ma perché ogni aspetto delle nostre vite deve sempre ridursi a mera tifoseria da stadio? "Migliore", "peggiore"....
                    E' tanto difficile dimostrare il proprio consenso/dissenso in modi non assolutisti?

                    *

                    Sgozza
                    Bassotto

                    • *
                    • Post: 6
                    • Esordiente
                      • Offline
                      • Mostra profilo

                      Re:Topolino 3377
                      Risposta #9: Mercoledì 12 Ago 2020, 22:27:00
                      Salve a tutti
                      Questo è il mio primo post su Papersera, anche se leggo Topolino da sempre.
                      Essendo nato alla fine degli anni Novanta, non avevo mai letto nessuna storia di Rota, anche se ne avevo già sentito parlare.
                      Personalmente non mi dispiace il suo stile (ho adorato ingorgopoli :inLove:) però devo dire che questo numero mi ha fatto provare sensazioni contrastanti: le carte le ho adorate, la storia non mi è piaciuta molto.
                      Non sono contrario ad autori con uno stile classico, però mi è sembrato che alcune tavole mancassero proprio di proporzioni....
                      Ps: l'idea delle carte si conferma fantastica, finalmente un allegato che permette di godere della bravura dei nostri disegnatori....non vedo l'ora di scoprire chi le disegnerà il prossimo anno!

                      *

                      brigo
                      Diabolico Vendicatore
                         (3)

                      • ****
                      • Post: 1970
                        • Offline
                        • Mostra profilo
                         (3)
                        Re:Topolino 3377
                        Risposta #10: Giovedì 13 Ago 2020, 15:01:42
                        Stranamente ho ricevuto la copia in settimana (in compenso hanno perso un altro numero precedente per strada...).

                        Ho letto la storia disegnata da Rota: Dio benedica quelle mani, e speriamo di poterne avere ancora, ancora e ancora!!!!
                        Pulizia del tratto, leggibilità delle vignette, espressività dei personaggi, tratto classico e proporzionato, inchiostrazione mai invadente...
                        In parole povere, guardo i suoi lavori, e finalmente riconosco una matrice disneyana di fondo. Merce rara, di questi tempi.
                        Non mi stancherei mai di vedere i suoi disegni su "Topolino".

                        Grazie redazione, grazie Bertani, per essere riusciti a riportare Marco Rota sulle pagine del Topo, anche con materiale inedito.

                        *

                        aripasolo
                        Brutopiano
                           (2)

                        • *
                        • Post: 64
                        • Novellino
                          • Offline
                          • Mostra profilo
                           (2)
                          Re:Topolino 3377
                          Risposta #11: Venerdì 14 Ago 2020, 08:20:49
                          Buongiorno a tutti.
                          Pongo mia attenzione sui disegni di Roberto Vian. Io ho avuto la sensazione in diversi punti che l espressioni facciali fossero poco espressive.
                          In parole povere...se non leggevo i baloon...non mi era chiaro cosa stesse succedendo al personaggio.
                          Perche' da sempre funziona cosi la mia lettura...il disegno mi colpisce d impatto con un emozione la mente e poi...viene il testo.
                          Se avviene il contrario la lettura non è piacevole. Per me almeno.



                          *

                          Dippy
                          Diabolico Vendicatore
                             (1)

                          • ****
                          • Post: 1624
                          • Tra un corto e una sciocca sinfonia...
                            • Offline
                            • Mostra profilo
                             (1)
                            Re:Topolino 3377
                            Risposta #12: Venerdì 14 Ago 2020, 17:02:29
                            Discutere di Rota?! Discutere di Rota?! Ma di che stiamo parlando?! :o Finalmente Rota è tornato (da un po') sulle pagine di Topolino, e finalmente ritorna con una storia tutta italiana. Una bellissima avventura urbana come si faceva una volta. Alla lettura sensazioni di decadi passate... Un bravo ovviamente anche a Vito, che scrive una storia forse lineare negli sviluppi (anche se manca una metà, per giudicare), ma ben godibile. E sì, i disegni ricordano Barks (!) e gli anni che furono. Ce ne fossero di disegnatori così!
                            Sono molto belle anche le altre storie: partiamo dalla fine, da un piacevole Gagnor che sforna una bella trama di mestiere con un Pippo terzo incomodo.
                            Dopo una breve con una "strana coppia" Pippo-Manetta, si passa a due storie scritte e disegnate col botto, di Mastantuono e Gervasio-Vian. Riguardo i disegni di quest'ultimo, qualche rigidità io l'ho vista più che altro nelle mani (soprattutto di Paperina). Ma nel complesso, per entrambe le storie, ottime trame e ottimi disegni.
                            Numero di Topolino magnifico!
                            Sappiate che tutte le cose sono così: un miraggio, un castello di nubi... Nulla è come appare  -  Buddha

                            https://ilnumeroprimopiugrande.wordpress.com/author/arcelli1947/

                            https://unnumeroprimoadunmiliardodicifre.wordpress.com/

                            *

                            Vincenzo
                            Cugino di Alf

                            • ****
                            • Post: 1298
                            • Esordiente
                              • Offline
                              • Mostra profilo

                              Re:Topolino 3377
                              Risposta #13: Venerdì 14 Ago 2020, 17:37:52
                              Sì, anche a me sembrano strane queste "rimostranze" nei confronti di Rota, più che altro perchè per Ingorgopoli e le altre brevi pubblicate nei mesi scorsi non ci sono state. Il suo tratto mi è sembrato adattarsi bene ai dialoghi di Vito, che risultano al solito molto vivaci, in attesa della seconda parte della storia.
                              Paperinik e la vacanza di fortuna conferma l'ottima vena di Gervasio, che realizza una storia ricca d'azione illustrata perfettamente da Vian. Nota di merito per
                              Spoiler: mostra
                              i due cattivi e per il loro piano piuttosto originale, che li rende una minaccia credibile per i protagonisti.

                              Nel complesso considero questa storia più riuscita di Paperinikland.

                              Ottimo anche il ritorno di BumBum, in una trama semplice ma efficace e dinamica, grazie anche al gradito ritorno della Maschera tribale e dei suoi siparietti con la creatura di Mastantuono.
                              Così com'è ottima la storia vacanziera di Gagnor e Cesarello, che sfruttano la classica struttura delle gag a strisce in una vicenda che strappa più di un sorriso.
                              If you can dream it, you can do it.

                              *

                              Volkabug
                              Diabolico Vendicatore

                              • ****
                              • Post: 1464
                              • affezionato lettore
                                • Offline
                                • Mostra profilo

                                Re:Topolino 3377
                                Risposta #14: Venerdì 14 Ago 2020, 17:56:38
                                Sì, anche a me sembrano strane queste "rimostranze" nei confronti di Rota, più che altro perchè per Ingorgopoli e le altre brevi pubblicate nei mesi scorsi non ci sono state. Il suo tratto mi è sembrato adattarsi bene ai dialoghi di Vito, che risultano al solito molto vivaci, in attesa della seconda parte della storia.

                                Oh sono gusti, e personalmente li ho espressi solo perché c'è stata almeno un'altra persona che ha manifestato lo stesso orientamento, altrimenti avrei taciuto come feci ai tempi di Ingorgopoli. Trovo che Rota sia un artista magnifico, sicuramente migliore di alcuni che ci sono attualmente, ma non sento personalmente alcuna nostalgia per uno stile di disegno più classico, bensì piuttosto mi infastidisce che si sia avvicinato forse un po' troppo a Barks per i miei gusti, lavorando alla Egmont. Detto questo, non penso ci sia nulla di cui discutere, è certamente ottimo avere un maestro in più sul settimanale.
                                Micropaperi! Dove siete?

                                 

                                Dati personali, cookies e GDPR

                                Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                                Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                                Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.