Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
3 | |
3 | |
3 | |
3 | |
4 | |
3 | |
3 | |
3 | |
4 | |
3 | |
4 | |
3 | |
I Grandi Classici Disney 56 - Recensione di Dominatore delle Nuvole

Attenzione attenzione! Da questa settimana la nostra testata prediletta gode di un testimonial d’eccezione. Instagram ci mostra come il piccolo Leone, figlio di ben noti personaggi pubblici, si delizi con le prodezze dei Ribelli di Brillifrilly raccontate nel numero di aprile dei Grandi Classici Disney: decisamente un piccolo buongustaio. Ma ora a noi. Cosa troverebbe il piccolo Leone se, una volta imparato a leggere, decidesse di recuperare anche il numero di agosto 2020? Eccoci dunque a recensire l’ultimo numero pienamente estivo, fra l’altro con inconcepibile anticipo sul consueto ritardo. Si comincia con Zio Paperone e la proposta dell’alter ego. Il tema del doppio Paperone non è nuovo alla storia del fumetto Disney; nella storia di apertura di questo numero è un grande Rudy Salvagnini a cimentarvisi, con esito decisamente degno di memoria soprattutto nei momenti iniziali e centrali. Un po’ più scontata la parte finale, dove non mancano passaggi un po’ questionabili come quello riportato nella vignetta riportata qui sotto, ma nel complesso è una bella storia. Non si può dire lo stesso della successiva, Paperoga e le nozze alla montanara, uno di quei casi in cui il “metodo Kinney” di sublime accumulo del paradossale si scontra con la monotonia dei personaggi del cucuzzolo del Misantropo, senza riuscirne vittorioso. Neppure è troppo pregevole Zio Paperone e i pellicani ruba-dollari, abbastanza lineare nella trama anche se ornata dai sempre deliziosi disegni scarpiani. E tanti saluti alla formazione del cittadino Molto bella invece Paperino e lo sprint fulminante, del grandissimo astro della comicità topolinesca Osvaldo Pavese con Romano Scarpa ai disegni, che fra l’altro ripresenta ai lettori italiani il barksiano Baldo Muscolo; in particolare la sezione iniziale ci propone una scena fra Paperone e Paperino decisamente da antologia. Degna di nota, per l’occasione più che per il contenuto (purtroppo), Archimede e il nipote Newton, la storia d’esordio del piccolo inventore che di recente è tornato, con ben migliore esito, sulle pagine di Topolino. È Luca Boschi a presentarcelo in una introduzione ad hoc, per l’occasione scorporata dalle pagine di approfondimento dedicate alle Superstar, le storie “preziose” e più datate che lo stesso Boschi ci regala ogni mese con invidiabile spirito di ricerca. A completare la prima parte dell’albo, ecco Indiana Pipps e il problema 4×4, storia sempre godibile ma ultraristampata per motivazioni ignote, e Topolino e i bottoni a tre buchi. Quest’ultima non è di alto rilievo e forse è fra le meno riuscite del suo autore, il misconosciuto (ma grande) Roberto Catalano, che ci trasporta nel West montano in compagnia di un godibile (e poco credibile) Pippo uomo di legge. Ma è la sezione Superstar, intitolata “È lui o non è lui?” a riservare le più gradite sorprese. Anzitutto Topolino e il ritorno di Macchia Nera, che si sforza evidentemente di riprodurre le atmosfere inquietanti della storia d’esordio del genio del male disneyano, e ci riesce molto bene, a sua volta poi smarcandosene verso uno sviluppo del tutto personale; ciò complice un buon Murry all’apice della forma che si destreggia perfettamente fra, appunto, richiami gottfredsoniani e il suo tratto dolce e preciso. La sezione, dedicata agli sdoppiamenti e scambi di persona prosegue con la storica Paperino e il suo fantasma (altresì nota come Paperino re dei Paprikos), perla d’esordio di Giovan Battista Carpi e Giulio Chierchini. I due avrebbero fornito a Guido Martina, autore di questa stessa storia, molte altre prove in tutto il decennio, quegli anni Cinquanta che segnarono appunto non solo la consacrazione del Professore a nume tutelare del Disney italiano, ma anche la nascita del grandioso connubio fra lui e Carpi che sarebbe continuato per altri trent’anni. La storia è sconclusionatissima, e perciò divina. I disegni, acerbissimi, si producono fra le altre cose in una pittoresca rappresentazione degli starnuti, fenomeno chiave di un momento importante della trama. La storia di chiusura, Paperino e la sposa persiana, è un grande lavoro di Carl Barks. Piuttosto semplice nella sua messa in scena, l’idea è però estremamente intrigante e ben sviluppata, e riproduce davanti ai nostri occhi la resurrezione dell’antica civiltà persiana. Un’attenzione alla Storia, fra invenzione, scherno e appassionante mistero, che trovate spiegata con altrettanta passione in un pezzo del nostro Davide Del Gusto da pochissimo pubblicato sul nostro sito in occasione del ventennale dalla scomparsa del Maestro. Tornando a noi, ad ogni modo, analizzando questa storia è quasi superfluo rimarcare la consueta giusta dose di ironia e imprevedibilità, e il solito delizioso ritmo implacabile che ad ogni pagina cela un nuovo guizzo d’ingegno. E anche qua è da segnalarsi un personaggio, archeologo e inventore dall’inquietante presenza, di quell’aspetto umanoide da cui solo Barks sapeva trarre un irripetibile senso di terrore. Una lettura consigliata in conclusione, nonostante qualche inciampo nella prima sezione, che ci consente anche quest’anno di traghettarci fuori dall’estate e salutarci come di consueto fino alla prossima uscita.

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (9)
Esegui il login per votare

I Grandi Classici Disney n. 56 - Agosto 2020

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Bramo
Dittatore di Saturno
   (5)

  • *****
  • Post: 3008
  • Sognatore incallito
    • Offline
    • Mostra profilo
   (5)
    I Grandi Classici Disney n. 56 - Agosto 2020
    Giovedì 20 Ago 2020, 14:42:06
    Chiedo se e´gia  stato aperto il topic del numero 56
    Eccolo qua, io l'ho trovato ieri in edicola ;)

    Una dimensione a misura di Paperone (intro di Lidia Cannatella)
    Zio Paperone e la proposta dell'alter-ego (Rudy Salvagnini, Giorgio Cavazzano)
    Paperoga e le nozze alla montanara (Dick Kinney, Al Hubbard)
    Paperino e lo sprint fulminante (Osvaldo Pavese, Romano Scarpa)
    Topolino e i bottoni a tre buchi (Roberto Catalano, Pier Lorenzo De Vita)
    Zio Paperone e i pellicani ruba-dollari (Disney Studio, Romano Scarpa)

    Quel genio di Newton (intro di Luca Boschi)
    Archimede e il nipote Newton (Vic Lockman, Phil DeLara)

    Indiana Pipps e il problema 4x4 (Massimo Marconi, Massimo De Vita)

    STORIE SUPERSTAR - È lui o non è lui? (intro di Luca Boschi)
    Topolino e il ritorno di Macchia Nera (Cecil Beard, Paul Murry)
    Paperino e il suo fantasma (Guido Martina, Giovan Battista Carpi, Giulio Chierchini)
    Paperino e la sposa persiana (Carl Barks)

      Re:I Grandi Classici Disney n. 56 - Agosto 2020
      Risposta #1: Giovedì 20 Ago 2020, 14:58:42
      Tre sezioni al posto delle solite due?

      *

      Flash X
      Gran Mogol

      • ***
      • Post: 567
      • Mezzanotte: l'ora di Paperinik!
        • Offline
        • Mostra profilo

        Re:I Grandi Classici Disney n. 56 - Agosto 2020
        Risposta #2: Giovedì 20 Ago 2020, 15:16:33
        L'unica vera cosa che mi interessava di questo numero era l'esordio di Newton che non avevo mai letto, ma ero curioso di leggere, considerando che ho apprezzato il nuovo ciclo di Nucci. Infatti, a parte il ciclo di Nucci, di storie in cui compare Newton ne ho lette pochissime (ad esempio in alcune delle GM compare: queste le ho lette nei nuovi Manuali). Prima di leggere la storia, ho letto l'articolo di Luca Boschi "Quel genio di Newton" e mi sono stupito del fatto che questa fosse la prima ristampa dopo la pubblicazione sul vecchissimo numero di Topolino. Poi sono andato a controllare su Inducks ed effettivamente è così! Wow! Praticamente è come avere una storia inedita, perché scommetto che in pochi avevano già letto il Topolino originale. Comunque la storia risulta abbastanza breve, ma carina. Sono rimasto solamente un po' perplesso del fatto che Newton la prima volta compaia così, come se nulla fosse. Come se ci fosse sempre stato. Invece da una storia di esordio di solito mi aspetto che ci sia l'incontro tra un personaggio noto (Archimede) e quello nuovo (Newton, perché magari Archimede non sa di avere un nipote, finché non gli viene presentato dal/dalla fratello/sorella). Sta di fatto che la storiella è molto leggera e piacevole alla lettura.

        *

        Atius
        Pifferosauro Uranifago

        • ***
        • Post: 382
        • "Dentro spazzatura!" "Fuori iettatura"
          • Offline
          • Mostra profilo

          Re:I Grandi Classici Disney n. 56 - Agosto 2020
          Risposta #3: Giovedì 20 Ago 2020, 15:28:00
          La sezione superstar di questo mese la trovo particolarmente succosa. Ho già letto "Il ritorno di Macchia Nera" e, nonostante non sia paragonabile a pietre miliari come il "Mistero" e il "Doppio Segreto", l'ho trovata carina, con un colpo di scena finale abbastanza spiazzante, ma con atmosfere forse un po' troppo soft per contesto, trama e personaggio (ma, d'altronde, anche per questo motivo, dopo il capolavoro di Gottfredson e DeMaris, in America Macchia Nera ha perso quel fascino che ha conservato per lungo tempo in Italia). Interessante, comunque da un punto di vista filologico.
          « Ultima modifica: Giovedì 20 Ago 2020, 15:30:38 da Atius »
          O Patria, mia solleva il capo affranto / Sorridi ancora, o bella tra le belle / o madre delle madri asciuga il pianto! / Il ciel per te s'accenda di fiammelle / Splendenti a rischiarar ancor la via / Sì che tu possa riveder le stelle! / Dio ti protegga Italia, così sia.

          *

          Baraquack
          Papero del Mistero

          • **
          • Post: 259
          • Riprendete assolutamente le TOPOSTORIE
            • Offline
            • Mostra profilo

            Re:I Grandi Classici Disney n. 56 - Agosto 2020
            Risposta #4: Giovedì 20 Ago 2020, 16:30:55
            Cosi ,di primo acchito , mi sembra un indice molto valido .Forse l unico difetto e´che le storie tratte dall almanacco possono non rendere al massimo su un formato come quello dei Grandi Classici, essendo suddivise in quattro file di vignette per pagina anziche´tre
            « Ultima modifica: Giovedì 20 Ago 2020, 16:59:09 da Baraquack »
            come faccio a mettere immagine qui

              Re:I Grandi Classici Disney n. 56 - Agosto 2020
              Risposta #5: Giovedì 20 Ago 2020, 21:51:15
              Cosi ,di primo acchito , mi sembra un indice molto valido .
              Forse l unico difetto e´che le storie tratte dall almanacco...

              Non è un difetto da poco.
              ...ho la febbre, ma ti porto fuori a bere...

              *

              Baraquack
              Papero del Mistero

              • **
              • Post: 259
              • Riprendete assolutamente le TOPOSTORIE
                • Offline
                • Mostra profilo

                Re:I Grandi Classici Disney n. 56 - Agosto 2020
                Risposta #6: Giovedì 20 Ago 2020, 22:18:32
                Infatti lo avevo gia riscontrato in qualche numero precedente ma puo darsi che qui il risultato sia diverso.Non si sa mai
                come faccio a mettere immagine qui

                *

                SilverPK
                Brutopiano
                   (1)

                • *
                • Post: 55
                • Esordiente
                  • Offline
                  • Mostra profilo
                   (1)
                  Re:I Grandi Classici Disney n. 56 - Agosto 2020
                  Risposta #7: Venerdì 21 Ago 2020, 13:40:03
                  L'unica vera cosa che mi interessava di questo numero era l'esordio di Newton che non avevo mai letto, ma ero curioso di leggere, considerando che ho apprezzato il nuovo ciclo di Nucci. Infatti, a parte il ciclo di Nucci, di storie in cui compare Newton ne ho lette pochissime (ad esempio in alcune delle GM compare: queste le ho lette nei nuovi Manuali). Prima di leggere la storia, ho letto l'articolo di Luca Boschi "Quel genio di Newton" e mi sono stupito del fatto che questa fosse la prima ristampa dopo la pubblicazione sul vecchissimo numero di Topolino. Poi sono andato a controllare su Inducks ed effettivamente è così! Wow! Praticamente è come avere una storia inedita, perché scommetto che in pochi avevano già letto il Topolino originale. Comunque la storia risulta abbastanza breve, ma carina. Sono rimasto solamente un po' perplesso del fatto che Newton la prima volta compaia così, come se nulla fosse. Come se ci fosse sempre stato. Invece da una storia di esordio di solito mi aspetto che ci sia l'incontro tra un personaggio noto (Archimede) e quello nuovo (Newton, perché magari Archimede non sa di avere un nipote, finché non gli viene presentato dal/dalla fratello/sorella). Sta di fatto che la storiella è molto leggera e piacevole alla lettura.
                  È comunque una cosa che succede quasi sempre per i personaggi del topo non essere introdotti, dai più classici Archimede e Basettoni ai più nuovi come Bum Bum.

                  Noto con piacere che anche se poco per volta, continui la pubblicazione delle storie di Kinney e Hubbard.

                  *

                  Filo Sganga
                  Pifferosauro Uranifago

                  • ***
                  • Post: 371
                  • Esordiente
                    • Offline
                    • Mostra profilo

                    Re:I Grandi Classici Disney n. 56 - Agosto 2020
                    Risposta #8: Martedì 25 Ago 2020, 11:26:47
                    Dai vostri pareri questo numero sembra migliore del precedente: conoscendo poche storie, vale l'acquisto?

                    *

                       (3)

                    • ****
                    • Post: 1401
                    • Guazzabù!
                      • Offline
                      • Mostra profilo
                       (3)
                      I Grandi Classici Disney 56
                      Risposta #9: Martedì 8 Set 2020, 17:14:23
                      Recensione I Grandi Classici Disney 56


                       Attenzione attenzione! Da questa settimana la nostra testata prediletta gode di un testimonial d’eccezione. Instagram ci mostra come il piccolo Leone, figlio di ben noti personaggi pubblici, si delizi con le prodezze dei Ribelli di Brillifrilly raccontate nel numero di aprile dei Grandi Classici Disney: decisamente un piccolo buongustaio.

                       Ma ora a noi. Cosa troverebbe il piccolo Leone se, una volta imparato a leggere, decidesse di recuperare anche il numero di agosto 2020? Eccoci dunque a recensire l’ultimo numero pienamente estivo, fra l’altro con inconcepibile anticipo sul consueto ritardo.

                       Si comincia con Zio Paperone e la proposta dell’alter ego. Il tema del doppio Paperone non è nuovo alla storia del fumetto Disney; nella storia di apertura di questo numero è un grande Rudy Salvagnini a cimentarvisi, con esito decisamente degno di memoria soprattutto nei momenti iniziali e centrali. Un po’ più scontata la parte finale, dove non mancano passaggi un po’ questionabili come quello riportato nella vignetta riportata qui sotto, ma nel complesso è una bella storia.

                       Non si può dire lo stesso della successiva, Paperoga e le nozze alla montanara, uno di quei casi in cui il “metodo Kinney” di sublime accumulo del paradossale si scontra con la monotonia dei personaggi del cucuzzolo del Misantropo, senza riuscirne vittorioso. Neppure è troppo pregevole Zio Paperone e i pellicani ruba-dollari, abbastanza lineare nella trama anche se ornata dai sempre deliziosi disegni scarpiani.

                       
                      E tanti saluti alla formazione del cittadino

                      Molto bella invece Paperino e lo sprint fulminante, del grandissimo astro della comicità topolinesca Osvaldo Pavese con Romano Scarpa ai disegni, che fra l’altro ripresenta ai lettori italiani il barksiano Baldo Muscolo; in particolare la sezione iniziale ci propone una scena fra Paperone e Paperino decisamente da antologia.

                       Degna di nota, per l’occasione più che per il contenuto (purtroppo), Archimede e il nipote Newton, la storia d’esordio del piccolo inventore che di recente è tornato, con ben migliore esito, sulle pagine di Topolino. È Luca Boschi a presentarcelo in una introduzione ad hoc, per l’occasione scorporata dalle pagine di approfondimento dedicate alle Superstar, le storie “preziose” e più datate che lo stesso Boschi ci regala ogni mese con invidiabile spirito di ricerca.

                       A completare la prima parte dell’albo, ecco Indiana Pipps e il problema 4×4, storia sempre godibile ma ultraristampata per motivazioni ignote, e Topolino e i bottoni a tre buchi. Quest’ultima non è di alto rilievo e forse è fra le meno riuscite del suo autore, il misconosciuto (ma grande) Roberto Catalano, che ci trasporta nel West montano in compagnia di un godibile (e poco credibile) Pippo uomo di legge.

                       Ma è la sezione Superstar, intitolata “È lui o non è lui?” a riservare le più gradite sorprese. Anzitutto Topolino e il ritorno di Macchia Nera, che si sforza evidentemente di riprodurre le atmosfere inquietanti della storia d’esordio del genio del male disneyano, e ci riesce molto bene, a sua volta poi smarcandosene verso uno sviluppo del tutto personale; ciò complice un buon Murry all’apice della forma che si destreggia perfettamente fra, appunto, richiami gottfredsoniani e il suo tratto dolce e preciso.

                       La sezione, dedicata agli sdoppiamenti e scambi di persona prosegue con la storica Paperino e il suo fantasma (altresì nota come Paperino re dei Paprikos), perla d’esordio di Giovan Battista Carpi e Giulio Chierchini. I due avrebbero fornito a Guido Martina, autore di questa stessa storia, molte altre prove in tutto il decennio, quegli anni Cinquanta che segnarono appunto non solo la consacrazione del Professore a nume tutelare del Disney italiano, ma anche la nascita del grandioso connubio fra lui e Carpi che sarebbe continuato per altri trent’anni. La storia è sconclusionatissima, e perciò divina. I disegni, acerbissimi, si producono fra le altre cose in una pittoresca rappresentazione degli starnuti, fenomeno chiave di un momento importante della trama.

                       
                       La storia di chiusura, Paperino e la sposa persiana, è un grande lavoro di Carl Barks. Piuttosto semplice nella sua messa in scena, l’idea è però estremamente intrigante e ben sviluppata, e riproduce davanti ai nostri occhi la resurrezione dell’antica civiltà persiana. Un’attenzione alla Storia, fra invenzione, scherno e appassionante mistero, che trovate spiegata con altrettanta passione in un pezzo del nostro Davide Del Gusto da pochissimo pubblicato sul nostro sito in occasione del ventennale dalla scomparsa del Maestro. Tornando a noi, ad ogni modo, analizzando questa storia è quasi superfluo rimarcare la consueta giusta dose di ironia e imprevedibilità, e il solito delizioso ritmo implacabile che ad ogni pagina cela un nuovo guizzo d’ingegno. E anche qua è da segnalarsi un personaggio, archeologo e inventore dall’inquietante presenza, di quell’aspetto umanoide da cui solo Barks sapeva trarre un irripetibile senso di terrore.

                       Una lettura consigliata in conclusione, nonostante qualche inciampo nella prima sezione, che ci consente anche quest’anno di traghettarci fuori dall’estate e salutarci come di consueto fino alla prossima uscita.



                      Voto del recensore: 3/5
                      Per accedere alla pagina originale della recensione e mettere il tuo voto:
                      http://www.papersera.net/wp/2020/09/08/i-grandi-classici-56/
                      « Ultima modifica: Giovedì 10 Set 2020, 18:03:01 da Paolo »

                      *

                      bunny777
                      Gran Mogol
                         (2)

                      • ***
                      • Post: 660
                      • Strapapero
                        • Online
                        • Mostra profilo
                         (2)
                        Re:I Grandi Classici Disney 56
                        Risposta #10: Giovedì 10 Set 2020, 10:26:51


                        Voto del recensore: 2/5
                        Attenzione: il voto indicato qui e il numero di stelle visibile in alto sul topic, così come quello leggibile sull'icona della recensione (cioè 2) non corrispondono al numero di stelle della recensione (3).


                        *

                        Gladstone
                        Diabolico Vendicatore
                           (1)

                        • ****
                        • Post: 1570
                        • Edizione straordinaria! L'Eco del Mondo!
                          • Offline
                          • Mostra profilo
                           (1)
                          Re:I Grandi Classici Disney 56
                          Risposta #11: Giovedì 10 Set 2020, 13:29:22


                          Voto del recensore: 2/5
                          Attenzione: il voto indicato qui e il numero di stelle visibile in alto sul topic, così come quello leggibile sull'icona della recensione (cioè 2) non corrispondono al numero di stelle della recensione (3).
                          Grazie per la segnalazione, sistemeremo il prima possibile.
                          Quel che conta, però, è il voto della recensione pubblicata sul sito. In questo caso, quindi, 3/5.
                          Homo viator

                          Omnia tempus habent, et momentum suum cuique negotio sub caelo

                          *

                          Baraquack
                          Papero del Mistero

                          • **
                          • Post: 259
                          • Riprendete assolutamente le TOPOSTORIE
                            • Offline
                            • Mostra profilo

                            Re:I Grandi Classici Disney n. 56 - Agosto 2020
                            Risposta #12: Sabato 12 Set 2020, 19:01:15
                            Mi sembra tutto sommato un numero buono e proporzionato ,anche se manca la storia di vertice trainante
                            come faccio a mettere immagine qui

                            *

                            camera_nøve
                            Cugino di Alf
                               (3)

                            • ****
                            • Post: 1038
                            • Bentornati al The Fisbio Show!
                              • Offline
                              • Mostra profilo
                               (3)
                              Re:I Grandi Classici Disney n. 56 - Agosto 2020
                              Risposta #13: Lunedì 14 Set 2020, 16:04:51
                              Vi segnalo con immenso piacere che è online la videorecensione completa di questo numero sul canale del The Fisbio Show: https://youtu.be/5HanOSj01t8  :D
                              "Anche io una volta ero curioso..."

                              Il mio canale YouTube dedicato ai fumetti Disney: The Fisbio Show  SmMickey


                              @instafisbio su Instagram: https://www.instagram.com/instafisbio/

                              *

                              Shumani
                              Evroniano
                                 (1)

                              • **
                              • Post: 96
                              • Leggere, leggere, leggere
                                • Offline
                                • Mostra profilo
                                 (1)
                                Re:I Grandi Classici Disney n. 56 - Agosto 2020
                                Risposta #14: Lunedì 14 Set 2020, 22:47:01
                                "I disegni di Pier Lorenzo De Vita non sono il Massimo"  ;D
                                "Quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che quando li hai finiti di leggere e tutto quel che segue vorresti che l'autore fosse un tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira."

                                 

                                Dati personali, cookies e GDPR

                                Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                                Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                                Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.