Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
In edicola
3 | |
4 | |
3 | |
3 | |
3 | |
3 | |
2 | |
1 | |
2 | |
3 | |
2 | |
3 | |

Bianca & Bernie nella Terra dei Canguri

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Grrodon
Flagello dei mari

  • *****
  • Post: 4041
  • Potere e Potenza!
    • Offline
    • Mostra profilo

    Bianca & Bernie nella Terra dei Canguri
    Sabato 24 Dic 2005, 03:45:18
    Sono vari i motivi che mi spingono a considerare questo film un'anomalia assoluta nell'intero panorama disneyano.
    Innanzitutto Bianca e Bernie nella Terra dei Canguri va a incastrarsi in un momento particolarissimo della storia della Disney. La fine del periodo xerox, che durava dagli anni 60, e la rinascita avuta con la Sirenetta erano state accompagnate da un "codice" non scritto, che da quel momento fino alla fine del decennio sarebbe stato ossequiosamente rispettato. Trattare di vita, di morte, d'amore, il rifarsi a un patrimonio culturale ben radicato nel nostro immaginario, il non sbilanciarsi verso un determinato genere, cercando di condensare il maggior numero di elementi nello stesso film per accontentare un pubblico il più vasto possibile erano le regole implicitamente stabilite. Bianca e Bernie nella Terra dei Canguri decide di rompere con questa tradizione appena consolidata e si inserisce a forza, e in modo alquanto peculiare, nell'ideale linea continuativa che collega la Sirenetta a La Bella e la Bestia, Aladdin e il Re Leone. La struttura del film è invece parecchio affine a quella che avranno i film dei primi anni 00, in pieno periodo sperimentale: il film si sbilancia verso un genere preciso. Il risultato è un delizioso film d'azione/avventura caratterizzato quindi da un ritmo più serrato, da un' ambientazione al tempo presente e dalla totale mancanza di canzoni. Quest'ultima scelta, abbastanza insolita per i tempi, era stata operata solo in Taron e la pentola magica. La colonna sonora però è ottima, e l'intensità di alcuni brani strumentali rendono ancor più spettacolari certe sequenze ambientate nei cieli, durante i vertiginosi voli dell'aquila Marahute. L'edizione italiana tuttavia è stata "arricchita" nei titoli di coda da una canzoncina pop intitolata come il film e cantata da Arianna, cantante disney per eccellenza, assai famosa qualche lustro fa.
    Un altra peculiarità di Bianca e Bernie nella Terra dei Canguri è che si tratta di un sequel. Nel 1990 l'abitudine di sequelizzare i classici disney tramite film direct-to-video di qualità discutibile era ancora di là da venire. Il Ritorno di Jafar sarebbe stato prodotto solo cinque anni dopo infatti, e se escludiamo l'affinità tra Saludos Amigos e I Tre Caballeros o la debole continuità che legava tra loro alcuni corto o mediometraggi con protagonisti I Tre Porcellini, Casey o Winnie the Pooh, quel che otteniamo è un panorama totalmente sgombro da ritorni. Perchè allora omaggiare Le avventure di Bianca e Bernie di un seguito? Innanzitutto c'è da considerare il fatto che questo film non prosegue affatto la storia iniziata nel '77. Bianca e Bernie appartengono a una società di salvataggio e il loro lavoro consiste nel prender parte a un innumerevole quantità di missioni. Ogni missione è una storia diversa, che può avere un setting o una motivazione totalmente differente dalla precedente. Questo conferisce alla coppia di topolini una certa riproponibilità che li rende sfruttabili all'infinito senza grandi forzature narrative (da tempo si parla di un loro ritorno in un terzo capitolo). Che Bianca e Bernie nella Terra dei Canguri desideri essere un film a sé ma con personaggi conosciuti, poi, lo si capisce sin dalle prime scene incentrate sull'elemento discriminante anzichè sulla coppia di topolini presenti in entrambi i film: dopo la stupenda corsa della telecamera verso l'Ayers Rock assistiamo al risveglio di un bambino, Cody, e al salvataggio di un'aquila. Arriva poi la scena madre, il volo del bambino in groppa all'aquila, assolutamente da pelle d'oca. Tutto questo senza che Bianca e Bernie entrino minimamente in scena, come a voler suggerire che questo è principalmente il film di Cody e la sua aquila, prima ancora che un sequel di Bianca e Bernie.

    *

    Grrodon
    Flagello dei mari

    • *****
    • Post: 4041
    • Potere e Potenza!
      • Offline
      • Mostra profilo

      Re: Bianca & Bernie nella Terra dei Canguri
      Risposta #1: Sabato 24 Dic 2005, 03:45:29
      Questo non significa che i due topolini siano dimenticati. Inseriti in una New York più moderna, graficamente rimodernati e resi più adulti, i due devono guardarsi dall'e insidie di un terzo vertice, Jack. L'espediente è banalotto e a fin di bene ma intrattiene quel tanto che basta per mostrarci la coppia sotto una luce nuova. Strano il rimpiazzo di Orville con Wilbur, il completamento della citazione ai fratelli Wright ci sta tutta ma "sprecare" così un personaggio l'ho trovato quasi poco rispettoso, anche se Wilbur ha una caratterizzazione decisamente più moderna. Un po' improvvisato e poco credibile, poi, l'espediente che è stato usato per trattenerlo in Australia più del previsto, anche se sfocia nella divertente scenetta dell'ospedale.
      Il film ha poi un nuovo villain, il becero bracconiereMcLeach e la fedele iguana Johanna, simpatici ma non certo interessanti quanto Medusa e i suoi coccodrilli.
      Infine non si può non segnalare un buco nella sceneggiatura, presente anche in Lilli e il Vagabondo: gli animali intrappolati da McLeach, dopo essersi mangiati un buon quarto d'ora di film non vengono minimamente ripresi, lasciando incerto il loro futuro. Si poteva risolvere la cosa facendoli partecipare direttamente all'azione o con un piccolo accenno sul finale, fin troppo sbrigativo benchè d'effetto.
      The Rescuers Down Under uscì nel natale 1990 abbinato al mediometraggio Il Principe e il Povero che segnava il ritorno dopo un assenza di sette anni dal grande schermo di Topolino. Uno spettacolo unico incentrato sui ritorni. L'unico altro sequel della Disney Feature Animation sarebbe stato Fantasia 2000 in cui il volo delle balene avrebbe riecheggiato quello dell'aquila Marahute. Non c'è da stupirsi che il regista della sequenza fosse proprio lo stesso: Hendel Butoy.

      *

      Astrus
      Diabolico Vendicatore

      • ****
      • Post: 1616
      • Affamato di grandi storie
        • Offline
        • Mostra profilo

        Re:Bianca & Bernie nella Terra dei Canguri
        Risposta #2: Martedì 30 Gen 2018, 21:57:51
        Rivisto ieri sera.
        Uno dei Classici più dimenticati, non c'è dubbio, e, d'altronde, è pur vero che il film non è certo tra i migliori di quelli prodotti in Disney. Però, a ventotto anni dall'uscita nelle sale, le sequenze aeree con l'aquila Marahute rimangono assolutamente spettacolari, assai più impressionanti di tanta computer grafica attuale. E il merito è di quel mostro di talento che è Glen Keane: per quanto il livello dell'animazione degli altri personaggi sia eccellente, il volatile dorato fa sfigurare tutto e tutti nelle scene in cui è presente, merito anche della sua colorazione, con quelle ali dorate e sgargianti che sono una gioia per gli occhi in un film caratterizzato dalle tinte un po'spente dell'outback australiano, tendenti all'ocra pallido.
        Per il resto, si tratta di un prodotto onesto che racconta una vicenda piuttosto minimalista (letteralmente, dato che i protagonisti sono due topi), senza particolari guizzi e con qualche buco narrativo, ma gradevolissimo da rivedere.

         

        Dati personali, cookies e GDPR

        Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

        Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

        Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.