Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
In edicola
5 | |
5 | |
4 | |
3 | |
3 | |
5 | |
5 | |
4 | |
5 | |
5 | |
4 | |
3 | |

MALEFICENT

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Ser Soldano
Ombronauta
   (1)

  • ****
  • Post: 879
  • scarpiano e classicista
    • Offline
    • Mostra profilo
   (1)
    Re: MALEFICENT
    Risposta #75: Mercoledì 11 Gen 2017, 15:32:38
    C'è una cosa che non riesco a cogliere appieno, scusate...
    Alla Disney hanno SEMPRE rimproverato di aver diviso il mondo manicheisticamente in buoni da una parte e cattivi dall'altra, di aver sempre raffigurato i cattivi in modo "bidimensionale e semplicistico" (e non sto scherzando: esistono interi libri di attacchi acidissimi con questa "gravissima accusa"), e ora invece le viene rimproverato di addolcire le sfumature e di voler dipingere i cattivi con molte sfumature di chiaroscuro?

    Insomma, i cattivi-cattivi no, i cattivi-buonini nemmeno... decidersi pare tanto brutto?

    *

    Solomon Cranach
    Gran Mogol
       (1)

    • ***
    • Post: 638
    • Axaxaxas mlö!
      • Offline
      • Mostra profilo
       (1)
      Re: MALEFICENT
      Risposta #76: Mercoledì 11 Gen 2017, 16:40:45
      Dipende da come lo si fa. Con Maleficent l'hanno fatto male, ed è giusto che la cosa gli venga rimproverata. Non è che, dal momento che ci hanno pro-vato e la cosa gli è però gli è sfuggita di mano, bisogna comunque, lodarli a prescindere dal risultato.
      Il risultato fa infatti discretamente schifo (lo dico senza peli sulla lingua): Maleficent è un film brutto (salvato solo in parte da Angelina Jolie), e se ne sono accorti critici navigati, così come pure spettatori dell'ultim'ora.

      Stai semplificando molto la questione (della serie: "E accontentatevi, una buona volta!" - NO, troppo facile), e ho l'impressione che tu lo sappia benissi-mo ;)
      « Ultima modifica: Mercoledì 11 Gen 2017, 17:01:15 da Solomon_Cranach »
      « L'UNICA DIFFERENZA FRA LA FOTOCAMERA E NOI
      È CHE LA FOTOCAMERA, QUESTA STUPIDA, NON SBAGLIA MAI,
      MENTRE NOI SBAGLIAMO IN CONTINUAZIONE, IN OGNI DISEGNO.
      ED È QUESTO CHE CREA LA MAGIA!
      »

      J. Giraud

      *

      Zampe di Gallina
      Sceriffo di Valmitraglia
         (1)

      • ***
      • Post: 276
      • Nient'altro che zampe di gallina!
        • Offline
        • Mostra profilo
         (1)
        Re: MALEFICENT
        Risposta #77: Giovedì 12 Gen 2017, 22:52:15
        C'è una cosa che non riesco a cogliere appieno, scusate...
        Alla Disney hanno SEMPRE rimproverato di aver diviso il mondo manicheisticamente in buoni da una parte e cattivi dall'altra, di aver sempre raffigurato i cattivi in modo "bidimensionale e semplicistico" (e non sto scherzando: esistono interi libri di attacchi acidissimi con questa "gravissima accusa"), e ora invece le viene rimproverato di addolcire le sfumature e di voler dipingere i cattivi con molte sfumature di chiaroscuro?

        Insomma, i cattivi-cattivi no, i cattivi-buonini nemmeno... decidersi pare tanto brutto?
        Io in realtà da sempre adoro i cattivi Disney, che sono così noti proprio perché sono cattivi senza se e senza ma.
        Basta guardar la regina cattiva di Biancaneve, è una delle cose più affascinantemente malvagie che si possano immaginare, senza un solo tratto di umorismo... Crudele e basta, per capirci.
        Ho considerato la Disney un po' manichea nel voler distinguere personaggi troppo buoni da personaggi troppo malvagi, ma nella sua dimensione l'ho apprezzato.

        Difatti critico la Disney attuale per l'incapacità di portare sul grande schermo dei villain convincenti al livello di quelli anni '90.

        inoltre alla fin fine il film è manicheo lo stesso, solo lo è dall'altro lato. Perché Stefano è malvagio fino alla parodia, ma non ha niente di affascinante nell'esserlo. Aurora è santarellina bambina che redime anche i demoni. Maleficent si crede cattiva ma in realtà non fa nulla di malvagio, mai. Decide di essere un demone vendicativo ma l'unica cosa che fa è maledire una bambina a cui tra l'altro si affeziona tantissimo fin da subito...
        « Ultima modifica: Giovedì 12 Gen 2017, 22:53:01 da Zampe_di_Gallina »
        Zampe di gallina! Nient'altro che zampe di gallina! (Anacleto, La spada nella roccia)

        *

        Rockerduck87
        Ombronauta
           (1)

        • ****
        • Post: 791
        • Just another brick in the wall
          • Offline
          • Mostra profilo
           (1)
          Re: MALEFICENT
          Risposta #78: Giovedì 12 Gen 2017, 23:41:36

          inoltre alla fin fine il film è manicheo lo stesso, solo lo è dall'altro lato. Perché Stefano è malvagio fino alla parodia, ma non ha niente di affascinante nell'esserlo. Aurora è santarellina bambina che redime anche i demoni. Maleficent si crede cattiva ma in realtà non fa nulla di malvagio, mai. Decide di essere un demone vendicativo ma l'unica cosa che fa è maledire una bambina a cui tra l'altro si affeziona tantissimo fin da subito...

          Esatto, e aggiungo una cosa: l'obiettivo del film non è spiegare perchè Malefica è cattiva, qui Malefica è stata giustificata. Che è molto, molto peggio.
          La Malefica della bella addormentata se non altro era schiava di quel dogma che la vedeva come imperatrice del male, Malefica non sapeva cos'era il bene, e perciò perseguiva il male (forse è l'essenza di male meglio riuscita alla Disney), se uno aveva voglia di avere empatia per il personaggio bastava questo pensiero, un po' come la pensava Fauna.
          Qui Malefica non è solo buona, è una vittima di un tradimento gravissimo, sentimentale e personale.
          E quindi, di conseguenza, si arriva al terribile messaggio finale: chi fa del male lo fa perché è stato vittima di qualcosa, e in fondo in fondo, ha pure ragione. In sostanza la malvagità cieca e puramente vendicativa è sdoganata.
          Se avessero presentato un progetto del genere a Walt credo che l'ideatore sarebbe finito alla manutenzione dei bagni di Disneyland nel giro di 3 minuti.
          E' questo quello che ci tocca? Una vita a lottare, senza tempo per gli amici... e alla fine sono solo i nemici a portarci delle rose.

          *

          Kim Don-Ling
          Diabolico Vendicatore
          Moderatore

          • ****
          • Post: 1495
            • Offline
            • Mostra profilo

            Re: MALEFICENT
            Risposta #79: Venerdì 13 Gen 2017, 09:31:52
            Con Maleficent l'hanno fatto male

            Decisamente male. Per esempio, il film vuole appunto spiegare perché la fata è diventata cattiva. Ma si perde fin da subito, dall'introduzione: "c'era una volta una fata buona e cara e in empatia con la natura e le creature circostanti... il suo nome era Malefica". :o Ma come?? :o Ma dimmi che si chiamava in qualche modo e che DOPO un evento traumatico quale quello che la attende ha deciso di cambiare... ma non puoi dire che un personaggio così raffigurato si chiama così!
            "Se nato cigno nessuno ti trasformerà in avvoltoio"

            *

            Maximilian
            Dittatore di Saturno

            • *****
            • Post: 3173
            • Innamorato di Bill Walsh
              • Offline
              • Mostra profilo

              Re: MALEFICENT
              Risposta #80: Venerdì 13 Gen 2017, 11:06:58
              ma non puoi dire che un personaggio così raffigurato si chiama così!
              Io non te lo vorrei dire, ma Luciano Gatto non è un gatto...

              *

              brigo
              Diabolico Vendicatore

              • ****
              • Post: 1817
                • Offline
                • Mostra profilo

                Re: MALEFICENT
                Risposta #81: Venerdì 13 Gen 2017, 14:37:52
                Io non te lo vorrei dire, ma Luciano Gatto non è un gatto...


                *

                Vito65
                Cugino di Alf

                • ****
                • Post: 1195
                • ex Generale Westcock
                  • Offline
                  • Mostra profilo

                  Re: MALEFICENT
                  Risposta #82: Sabato 14 Gen 2017, 00:47:21
                  Io ho visto per la prima volta Maleficent in tv i primi di quest'anno, e a me è piaciuto. Credo, rispetto ad altri commentatori di questo forum, che a me sia piaciuto in base ai presupposti secondo cui mi sono accostato a questo film, e cioè considerandolo già in partenza una rivisitazione della fiaba, e non un remake fedele del più famoso La bella addormentata nel bosco, al quale peraltro sono legatissimo fin dall'infanzia. In fondo non è questo il primo caso di riscrittura e/o riproposizione di una fiaba famosa: vedasi Cinderella-La leggenda di un amore, Biancaneve con Julia Roberts, le varie versioni di La bella e la bestia...Anche questi film rivedono e in parte modificano le vicende che molti di noi hanno conosciuto attraverso i film classici della Disney, ma queste differenze non ci hanno sconvolto, semplicemente accettiamo che si tratti di riscritture delle fiabe di riferimento, e personalmente non mi sconvolgono neanche in questo Maleficent, che ho accettato subito come un'altra storia, un'altra versione de La bella addormentata, in cui Malefica non è affatto cattiva, ma subisce il male e il tradimento: il suo cuore si indurisce per questo motivo, ma la sua vera natura rimane intatta nel profondo, e riemerge a fronte dell'affetto materno che spontaneamente e quasi suo malgrado sorge in lei di fronte ad Aurora, che amerà come una madre ama una figlia. Ed è questo, a parer mio, il vero messaggio finale del film: su questo punto quindi dissento da Rockerduck87, la malvagità non è affatto giustificata e sdoganata dal film, il vero messaggio finale è che solo un amore forte come l'amore di una madre vince sul male e sulla morte: infatti non è il bacio di un amore acerbo, ai limiti della mera simpatia, qual'è quello di Filippo, a svegliare Aurora, ma il bacio di Malefica, che è espressione di un affetto maturato e consolidatosi nel tempo e perciò capace di sacrificio e dedizione.
                  Il vero cattivo qui è Stefano. Non sono d'accordo che sia un cattivo parodistico, come dice Zampe di Gallina: magari non è affascinante ma è realistico, infatti è un cattivo vigliacco, simbolo dell'arrampicatore sociale disposto a tutto pur di arrivare ai suoi scopi, anche disposto a colpire alle spalle; un arrivato e un mediocre come ce ne sono tanti nella vita, che si è fatto avanti non per merito, ma con l'inganno e le scorciatoie: non ditemi che non ne avete mai visti, nella realtà, di cattivi di questo genere...
                  Sono d'accordo invece sulla caratterizzazione insulsa che hanno trovato in questo film le tre fatine: davvero su questo versante si poteva fare meglio.
                  E, comunque, è innegabile che il film si regge sulla interpretazione di Angelina Jolie, affascinante come non mai, e scusatemi se stravedo per lei!
                  « Ultima modifica: Sabato 14 Gen 2017, 00:49:46 da Vito65 »

                  *

                  Zampe di Gallina
                  Sceriffo di Valmitraglia
                     (1)

                  • ***
                  • Post: 276
                  • Nient'altro che zampe di gallina!
                    • Offline
                    • Mostra profilo
                     (1)
                    Re: MALEFICENT
                    Risposta #83: Sabato 14 Gen 2017, 12:16:05
                    In fondo non è questo il primo caso di riscrittura e/o riproposizione di una fiaba famosa: vedasi Cinderella-La leggenda di un amore, Biancaneve con Julia Roberts, le varie versioni di La bella e la bestia...Anche questi film rivedono e in parte modificano le vicende che molti di noi hanno conosciuto attraverso i film classici della Disney, ma queste differenze non ci hanno sconvolto, semplicemente accettiamo che si tratti di riscritture delle fiabe di riferimento, e personalmente non mi sconvolgono neanche in questo Maleficent, che ho accettato subito come un'altra storia, un'altra versione de La bella addormentata, in cui Malefica non è affatto cattiva, ma subisce il male e il tradimento:
                    La differenza è che in questo caso è lo studio Disneyano a giocare con sè stesso e a riscriversi da solo, proponendolo quasi come la "vera versione" della Bella addormentata.
                    Al contrario ho apprezzato molto l'ultimo Cenerentola perché mostrava come bastasse dare un pochina di forza al carattere della protagonista per cancellare tutte le critiche che tende a subire (anche se nel farlo Madame Tremaine ha perso fascino, ma questo è un altro discorso). Trasformare il suo lavorare da una passività sognereccia alla lotta contro una situazione orribile nel non divenire tremenda quanto il resto della sua famiglia. Non piegarsi rimanendo figlia di suo padre e vera custode della sua casa.

                    Tra l'altro non ho idea di cosa vogliano fare col sequel (Maleficent 2). Anche se non se ci ripenseranno dopo i risultati di Alice attraverso lo specchio.

                    Citazione
                    il vero messaggio finale è che solo un amore forte come l'amore di una madre vince sul male e sulla morte: infatti non è il bacio di un amore acerbo, ai limiti della mera simpatia, qual'è quello di Filippo, a svegliare Aurora, ma il bacio di Malefica, che è espressione di un affetto maturato e consolidatosi nel tempo e perciò capace di sacrificio e dedizione.
                    Madre-matrigna che vede in Aurora la figlia che avrebbe voluto avere con Stefano, con la vera madre che diventa ancora più inesistente che nel film originale.
                    Problema ulteriore: il bacio del vero amore in questo senso l'aveva già usato Frozen al cinema cinque-sei mesi prima. Frozen è stato un successo e hanno quindi riutilizzato la stessa formula con scarsissima distanza di tempo.

                    Citazione
                    Il vero cattivo qui è Stefano. Non sono d'accordo che sia un cattivo parodistico, come dice Zampe di Gallina: magari non è affascinante ma è realistico, infatti è un cattivo vigliacco, simbolo dell'arrampicatore sociale disposto a tutto pur di arrivare ai suoi scopi, anche disposto a colpire alle spalle; un arrivato e un mediocre come ce ne sono tanti nella vita, che si è fatto avanti non per merito, ma con l'inganno e le scorciatoie: non ditemi che non ne avete mai visti, nella realtà, di cattivi di questo genere...
                    Non trovo in Stefano nulla di più realistico di quanto avessero precedenti antagonisti. È un concentrato di negatività senza alcuno spessore e senza alcuna speranza di redenzione, senza un minimo di profondità. E non attira in ciò che fa alcun fascino. Un uomo insulso messo lì solo come parafulmine di tutti i mali.
                    È la parodia del re cattivo, che definisco parodico perché non ne conserva nè l'intensità nè la crudeltà funzionale: vedasi per due esempi riusciti di questo tipo di personaggio come Edoardo di Braveheart e Joffrey di Game of Thrones. Il primo è tirannico e maestoso, il secondo è vigliacco e incompetente. Entrambi ricalcano lo stereotipo del re cattivo, ma fanno qualcosa per essere memorabili nel percorrere questa via. Cattivi fino in fondo ma personaggi compiuti nella loro crudeltà.
                    Stefano è un personaggio privo di qualsiasi spessore (e quindi incapace di costruire qualcosa oltre il banale cattivo) e privo di qualsiasi capacità di generare odio o rispetto nel pubblico (e quindi dimenticabile come cattivo).

                    Tra l'altro per ciò di cui è (in)capace rispetto alla fata delle tenebre, Malefica sarebbe capace di vendicarsi di lui in mille modi. E difatti i rapporti di forza non cambiano. Ci son solo tanti soldati armati in più in qualche scena, ma non c'è nessun rischio che Stefano bruci la foresta, distrugga le armate della protagonista, salvi Aurora o simili. Le bastava spedire un corvo trasformato in drago per trasformare il castello in un cumulo di macerie.

                    Ed era questa l'essenza di Malefica originale: la sua vendetta non era diretta contro Stefano o contro Leah, ma contro l'atto di non invitarla, che aveva offeso il suo essere dea in senso mitologico greco o il suo esser fata nel senso dei racconti inglesi originari. Il non averla resa partecipe a questo giorno di festa rendeva quel giorno di festa un giorno di futuro lutto, con una pena proporzionale alla gravità dell'atto. Tanto che la bimba sarebbe stata amata da coloro che la circondano proprio per rendere più dolorosa la sua dipartita.
                    E tutto ciò che fa serve per portare a termine il suo intento originale. In modo lucido, perfettamente coerente con sé stessa dall'inizio alla fine.

                    Citazione
                    Sono d'accordo invece sulla caratterizzazione insulsa che hanno trovato in questo film le tre fatine: davvero su questo versante si poteva fare meglio.
                    Più che altro sono completamente incomprensibili.
                    Se Malefica è in pratica la regina delle fate perché vengono mandate delle fate a fare doni e a proteggere la bambina? Perché il popolo delle fate invia qualcuno a porger doni a Stefano?

                    A quel punto avrei preferito come antagonista la Fata Madrina di Shrek, o una regina delle fate da spodestare, capace di considerare inutile l'immenso dolore causato da un umano ad una di loro in vista di un'utilità politica sua, ad esempio.

                    Citazione
                    E, comunque, è innegabile che il film si regge sulla interpretazione di Angelina Jolie, affascinante come non mai, e scusatemi se stravedo per lei!
                    Sì, sono d'accordo. Il problema è che non funziona nient'altro.
                    Aurora, che è una bambolina più che mai.
                    Stefano, che non funziona se non in rapporto a Malefica.
                    Le tre fatine, la storia.
                    Il film si regge su di lei. Toglila e non c'è un solo personaggio capace di stare in piedi. Nessuno di cui si vorrebbe conoscere una sola frase in più del pronunciato.
                    Tanto che tutto il procedimento è un monologo di Maleficent con comparse. Un suo processo mentale interiore in cui tutti gli altri sono solo specchi di sè stessa, dal corvo al re. Aurora non fa assolutamente nulla per conquistare il cuore di Malefica, se non essere così dolce e carina (e se qualcuno volesse dir che è quello il pregio di Aurora basterebbe pensar che lo è grazie al suo incantesimo...).

                    Tanto che chiunque altro (la Regina, le Fate, Filippo) sembra messo lì solo perché c'era nel film originale. Altrimenti se ne farebbe volentieri a meno.
                    Anche nella Bella Addormentata tutto girava attorno ad Aurora, solo che Aurora non era un personaggio così forte da potersi mangiar la scena (anzi Aurora era quasi un motore per gli altri, più caratterizzati). E tutti gli altri erano quindi assolutamente autosussistenti. Tanto che su Malefica hanno potuto fare un film.

                    E infatti piace solo per l'identificazione in Malefica (ragazza ferita e mollata da un ragazzo antipatico vuole poter essere una regina delle fate, maledire il suo ragazzo rovinandogli la vita, dirige male il suo odio, si affeziona al frutto del tradimento del suo ragazzo, decide di adottare la figlia del suo ragazzo per cui in fondo a quanto pare prova ancora qualcosa per ridirigere sulla figlia del ragazzo il futuro che aveva progettato col suo ragazzo ma che ha perduto a causa del tradimento di costui) o per l'apprezzamento per il suo personaggio. Ma non appena si va oltre lei l'impianto crolla.
                    « Ultima modifica: Sabato 14 Gen 2017, 12:49:26 da Zampe_di_Gallina »
                    Zampe di gallina! Nient'altro che zampe di gallina! (Anacleto, La spada nella roccia)

                    *

                    Vito65
                    Cugino di Alf

                    • ****
                    • Post: 1195
                    • ex Generale Westcock
                      • Offline
                      • Mostra profilo

                      Re: MALEFICENT
                      Risposta #84: Sabato 14 Gen 2017, 14:35:47
                      Riguardo alla questione "riscrittura" io non ho detto che preferisco Maleficent a La bella addormentata, semplicemente le considero due storie diverse, seppure attingono alla stessa materia grezza: come storia autonoma rispetto a La bella addormentata Maleficent mi è piaciuto. Certo, se proprio lo dobbiamo mettere a confronto con il film d'animazione, non c'è storia, quest'ultimo è tutta un'altra cosa.
                      Riguardo all'affetto che Malefica prova per Aurora, io non vedo l'implicazione psicologica che vede Zampe di Gallina: non mi sembra che Malefica mostri residui sentimenti nostalgici per l'antico amore che l'ha legata un tempo a Stefano,e che la spingano a cercare Stefano in Aurora, mi sembra invece che progressivamente si affezioni ad Aurora ed impari ad amarla, sviluppando spontaneamente un affetto materno per lei.
                      Che Aurora sia una bambolina non mi stupisce, in fondo anche nel cartone animato non è una figura di spessore, è solo una adolescente simpatica che si affaccia all'amore. Che poi, a dirla tutta, non sempre le protagoniste femminili dei film d'animazione disneyana sono di spessore, soprattutto quelli più datati: se si pensa a Biancaneve, ad esempio? Un'ingenuotta credulona di fronte alla vecchietta che le offre la mela, meno accorta degli stessi animali del bosco che capiscono tutto molto meglio di lei.
                      Sono le protagoniste femminili più moderne, da Ariel e Belle in poi, che vengono caratterizzate come delle vere eroine, con  personalità e fascino non dipendenti solo dalla loro bellezza.
                      Riguardo a Stefano: certo, non è un cattivo di spessore, non ha fascino, non è profondo e non ha  personalità, è solo un mediocre come ce ne sono tanti nella realtà; proprio per questo non mi sembra una parodia o uno stereotipo, perchè  nella realtà di mediocri così, assetati di potere e disposti a tutto pur di ottenerlo e mantenerlo, se ne trovano tanti, forse più dei cattivi intelligenti ed affascinanti.
                      Tutto il film si regge su Angelina Jolie, certo: d'altra parte, una sceneggiatura, pur buona, senza un buon attore protagonista può determinare un buon film?
                      « Ultima modifica: Sabato 14 Gen 2017, 22:04:37 da Vito65 »

                      *

                      Zampe di Gallina
                      Sceriffo di Valmitraglia

                      • ***
                      • Post: 276
                      • Nient'altro che zampe di gallina!
                        • Offline
                        • Mostra profilo

                        Re: MALEFICENT
                        Risposta #85: Sabato 14 Gen 2017, 16:05:18
                        Riguardo alla questione "riscrittura" io non ho detto che preferisco Maleficent a La bella addormentata, semplicemente le considero due storie diverse, seppure attingono alla stessa materia grezza: come storia autonoma rispetto a La bella addormentata Maleficent mi è piaciuto.
                        Questo è un problema generale degli spin-off. Lo stesso fatto che sia uno spin-off spinge gli spettatori a considerarlo in base al confronto col materiale di partenza. Aumenta le certezze del pubblico in sala (se avessero fatto una villain totalmente nuova forse non ci sarebbe stata così tanta gente) ma contemporaneamente aumenta i rischi di disappunto.
                        E il fatto che venga proposto come "la vera storia" non fa che rigirare il coltello nella piaga...

                        Citazione
                        Riguardo all'affetto che Malefica prova per Aurora, io non vedo l'implicazione psicologica che vede Zampe di Gallina: non mi sembra che Malefica mostri residui sentimenti nostalgici per l'antico amore che l'ha legata un tempo a Stefano,e che la spingano a cercare Stefano in Aurora, mi sembra invece che progressivamente si affezioni ad Aurora ed impari ad amrla, sviluppando spontaneamente un affetto materno per lei.

                        Come dissi si potrebbe pensare che i sentimenti sviluppati siano un controeffetto dell' "amata da tutti coloro che la circondano".
                        Secondo me il film si vuole proporre nel senso da te citato ma lascia in vita la seconda applicazione: dopo tutto Aurora è la figlia che Malefica avrebbe avuto se Stefano non si fosse comportato così male.

                        Ammetto: non ricordo neanche se la regina si veda in qualche scena all'infuori della maledizione...

                        Citazione
                        Che Aurora sia una bambolina non mi stupisce, in fondo anche nel cartone animato non è una figura di spessore, è solo una adolescente simpatica che si affaccia all'amore. Che poi, a dirla tutta, non sempre le protagoniste femminili dei film d'animazione disneyana sono di spessore, sopratutto quelli più datati: se si pensa a Biancaneve, ad esempio? Un'ingenuotta credulona di fronte alla vecchietta che le offre la mela, meno accorta degli stessi animali del bosco che capiscono tutto molto meglio di lei.
                        Sono le protagoniste femminili più moderne, da Ariel e Belle in poi, che vengono caratterizzate come delle vere eroine, con  personalità e fascino non dipendenti solo dalla loro bellezza.
                        Ma nel film originale Aurora non era importante. Era un motore della storia attorno a cui si muovevan tutti gli altri. Tanto che a combattere contro Malefica era Filippo. Ma in realtà i veri personaggi che organizzavano tutto erano le tre buone fate.

                        Invece qui si tratterebbe di sviluppare un film di rapporto materno che si instaura tra due personaggi. Però lo sbilanciamento è troppo forzato. Il procedimento è tutto interno a Malefica, Aurora non fa assolutamente nulla per spingerla in questa direzione. Tranne essere carina.

                        Citazione
                        Riguardo a Stefano: certo, non è un cattivo di spessore, non ha fascino, non è profondo e non ha  personalità, è solo un mediocre come ce ne sono tanti nella realtà; proprio per questo non mi sembra una parodia o uno stereotipo, perchè  nella realtà di mediocri così, assetati di potere e disposti a tutto pur di ottenerlo e mantenerlo, se ne trovano tanti, forse più dei cattivi intelligenti ed affascinanti.
                        Ho citato Joffrey Baratheon proprio per un cattivo che non è affatto intelligente o affascinante, ma è incapace nel comando e in tutto il resto. Eppure con tutto ciò è capace di essere ricordato dal pubblico perché in tutto ciò è reso bene ed è bravo a farsi odiare.

                        Ci sarebbero esempi migliori ancora del tipo di antagonista cui ti riferisci ma devo pensarci un attimo. Il punto è che come villain non è una novità. È semplicemente fatto male.

                        Citazione
                        Tutto il film si regge su Angelina Jolie, certo: d'altra parte, una sceneggiatura, pur buona, senza un buon attore protagonista può determinare un buon film?
                        E senza una colonna sonora, e senza un buon regista, e senza un buon sonoro, e senza un buon montaggio, e senza un buon tecnico degli effetti speciali?

                        Il punto è che ci sono film che cercano di reggersi su una sola gamba, come dei millepiedi azzoppati molte volte. Film ad esempio che senza colonna sonora sarebbero imbarazzanti. Avatar si regge quasi solo sui suoi effetti speciali. Maleficent si regge solo sull'attrice protagonista. Tutto il resto non funziona.
                        Zampe di gallina! Nient'altro che zampe di gallina! (Anacleto, La spada nella roccia)

                        *

                        Vito65
                        Cugino di Alf

                        • ****
                        • Post: 1195
                        • ex Generale Westcock
                          • Offline
                          • Mostra profilo

                          Re: MALEFICENT
                          Risposta #86: Sabato 14 Gen 2017, 22:02:38
                          Ammetto: non ricordo neanche se la regina si veda in qualche scena all'infuori della maledizione...
                          Se ti riferisci al cartone animato, la regina compare solo nella scena del battesimo, dove dice la sua unica battuta ("E non vi siete offesa, eccellenza?"), e poi nella sala del trono, nel momento in cui viene addormentata insieme a tutti gli altri dalle tre fatine, ed al momento del risveglio, quando abbraccia Aurora ridestatasi; in Maleficent appare solo nella scena del battesimo, e poi nel seguito del film qualcuno annuncia che la regina è morta di malattia.
                          Invece qui si tratterebbe di sviluppare un film di rapporto materno che si instaura tra due personaggi. Però lo sbilanciamento è troppo forzato. Il procedimento è tutto interno a Malefica, Aurora non fa assolutamente nulla per spingerla in questa direzione. Tranne essere carina.
                          Sono in parte d'accordo ma Aurora non è che faccia la carina, è semplicemente una bambina in crescita; Malefica le si affeziona per il fatto stesso di frequentarla costantemente e vederla crescere, anche evitandole i pericoli in cui incorre per incoscienza, come avviene quasi sempre nella realtà nei rapporti genitori/figli o, più in generale, nelle relazioni asimmetriche.
                          Maleficent si regge solo sull'attrice protagonista.
                          E ci si regge bene! Come avevo detto anche sopra, meno male che c'è Angelina, è stupenda!

                          *

                          Zampe di Gallina
                          Sceriffo di Valmitraglia

                          • ***
                          • Post: 276
                          • Nient'altro che zampe di gallina!
                            • Offline
                            • Mostra profilo

                            Re: MALEFICENT
                            Risposta #87: Sabato 14 Gen 2017, 22:16:10
                            Se ti riferisci al cartone animato, la regina compare solo nella scena del battesimo, dove dice la sua unica battuta ("E non vi siete offesa, eccellenza?"), e poi nella sala del trono, nel momento in cui viene addormentata insieme a tutti gli altri dalle tre fatine, ed al momento del risveglio, quando abbraccia Aurora ridestatasi; in Maleficent appare solo nella scena del battesimo, e poi nel seguito del film qualcuno annuncia che la regina è morta di malattia.
                            Mi riferivo a Maleficent, il cartone animato lo ricordo bene :)
                            Ok, non ricordavo che fosse giustificata la sua dipartita, ma ricordavo il fatto che anche definirla comparsa fosse troppo.

                            Citazione
                            Sono in parte d'accordo ma Aurora non è che faccia la carina, è semplicemente una bambina in crescita; Malefica le si affeziona per il fatto stesso di frequentarla costantemente e vederla crescere, anche evitandole i pericoli in cui incorre per incoscienza, come avviene quasi sempre nella realtà nei rapporti genitori/figli o, più in generale, nelle relazioni asimmetriche.
                            Il punto che voglio mettere in luce è che alla fin fine Aurora c'entra col suo film quasi meno di quanto c'entrasse col precedente. Avrebbero potuto dare alla bimba un minimo di carattere, e invece è tutto lì.
                            Il film non si basa sulla relazione caratteriale tra Malefica e Aurora e neanche sulla relazione fallita tra Malefica e Stefano. Si basa sulla relazione tra Malefica e sé stessa. Malefica di Maleficent e Malefica de La bella addormentata.

                            Citazione
                            E ci si regge bene! Come avevo detto anche sopra, meno male che c'è Angelina, è stupenda!
                            Difatti, ma quando si nota che mancando quell'aspetto tutto il resto non starebbe insieme significa che il film ha un tratto forte e un mucchio di punti deboli. Perché non è il fatto che Angelina primeggi sugli altri attori, sui dialoghi ecc, ma che tutti gli altri sono solo comparse in un monologo interiore.
                            Zampe di gallina! Nient'altro che zampe di gallina! (Anacleto, La spada nella roccia)

                             

                            Dati personali, cookies e GDPR

                            Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                            Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                            Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.