Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
In edicola
3 | |
2 | |
3 | |
4 | |
4 | |
3 | |
4 | |
3 | |
4 | |
3 | |
5 | |
3 | |

Rapunzel - L'intreccio della torre

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

cianfa88
Diabolico Vendicatore

  • ****
  • Post: 1404
  • SI...è Siena!
    • Offline
    • Mostra profilo

    Rapunzel - L'intreccio della torre
    Sabato 27 Nov 2010, 10:42:54
    Dopo averci lavorato per un sacco di anni, ecco il 50° classico Disney (ufficializzato dal logo a tema dei WDAS).

    Dopo aver visto un paio di trailer, che non mi convincevano appieno, ero un po' timoroso.
    Ma la visione al cinema ha ribaltato il tutto: ampiamente promosso, secondo me.

    Come da tradizione, la storia originaria viene presa e manipolata a piacimento. Ne viene fuori che i capelli della principessa Rapunzel hanno la magica possibilità di tenere giovani, e una vecchia la rapisce, la rinchiude in una torre nascosta e la tiene lì spacciandosi per sua madre, allo scopo di mantenersi sempre giovane. Questo finchè non arriva il giovane ladro Flynn Rider, e tutto cambia.
    La storia è frizzante, moderna e ben raccontata. Le scene d'azione si alternano a quelle più di riflessione, comicità e tensione ben dosati.

    I personaggi. Ottimamente caratterizzata Rapunzel, sufficiente ma senza spiccare troppo Flynn. Mi è piaciuta molto la figura della matrigna, e simpatici anche i caratteristi animali, il cavallo e il camaleonte.

    L'animazione. In fin dei conti questa era la prima fiaba che i WDAS realizzavano in CGI. Si è molto parlato di un certo tentativo di "fondere" l'animazione classica con quella al computer. E i risultati di questo film sono sicuramente innovativi. Eccezionale le rese dei fondali e delle ambientazioni, in primo luogo la torre solitaria e l'entusiasmante scena della liberazione notturna delle lanterne, una vera delizia per gli occhi. Bene anche l'animazione delle figure umane, soprattutto nelle scene di movimento. Mi rimane ancora qualche dubbio sui primi piani, dove ho notato una certa mancanza di fluidità.
    Ah, il 3D. Non sopporto quello invasivo, e qui fortunatamente non è molto invasivo, anzi forse valorizza pure qualche scena. Una cosa che non sopporto veramente del 3D è che scurisce tutti i colori, con perdita di brillantezza. E non sopporto nemmeno che il cinema debba costare 11€.

    Colonna sonora. Di certo non insufficiente, ma mi aspettavo qualcosa di più. Si riprende nella seconda parte, ma all'inizio mi aveva un po' deluso. Mi sono piaciute le canzoni della matrigna, dei malviventi dell'osteria e quella con i due protagonisti sulle barca, un po' meno le prime due cantate da Rapunzel.

    I punti deboli. Ho notato un po' di buchi nella sceneggiatura, un po' affrettata in qualche caso. Per esempio, Flynn Rider che può girare quasi liberamente per il paese il giorno della festa quando è super-ricercato, oppure l'alleanza tra il cavallo e Flynn quando fino a due secondi prima si cobattevano, o anche Rapunzel che si rende conto in due secondi che la matrigna non è la a vera mamma.


    Al di là di questo, un altro film promosso. La dimostrazione che si può ancora raccontare una fiaba nel 2010, con uno stile moderno e al tempo stesso classico.

    « Ultima modifica: Venerdì 17 Dic 2010, 10:09:06 da cianfa88 »

    *

    V
    Dittatore di Saturno

    • *****
    • Post: 3277
    • Torino
      • Offline
      • Mostra profilo

      Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
      Risposta #1: Sabato 27 Nov 2010, 15:37:32
      un'analisi interessante sul futuro della disney, collegato con i buoni incassi di Rapunzel: http://www.badtaste.it/index.php?option=com_content&task=view&id=16863&Itemid=40
      Quando hai capito che è tutto uno scherzo, essere Il Comico è l'unica cosa sensata.
      Watchmen, Alan Moore and Dave Gibbons

      Disney Compendium Don Rosa: http://www.ilsollazzo.com/c/disney/lista/fumetti-donrosa

      Il mio mercatino: http://www.papersera.net/forum/index.php/topic,6635.0.html

      *

      cianfa88
      Diabolico Vendicatore

      • ****
      • Post: 1404
      • SI...è Siena!
        • Offline
        • Mostra profilo

        Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
        Risposta #2: Domenica 28 Nov 2010, 12:53:52
        A propoisto, ma prima non ci doveva essere il corto Tick Tock Tale?

        Per ora sembrerebbero incassi superiori alle attese almeno in America.

        *

        Bramo
        Dittatore di Saturno
           (1)

        • *****
        • Post: 2974
        • Sognatore incallito
          • Offline
          • Mostra profilo
           (1)
          Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
          Risposta #3: Lunedì 29 Nov 2010, 22:34:02
          Quando le luci in sala si spengono, inizia a battermi forte il cuore.
          Quando appare il Castello, con il bell'effetto del 3D, mi emoziono.
          Quando inaspettatamente il Topolino di Steamboat Willie si muove dentro al numero "50" per far capire proprio a tutti che quello a cui si sta per assistere è un grandissimo traguardo per il cinema d'animazione di qualità, ecco che affiora sulle mie labbra un gran sorriso. Sta per iniziare il cinquantesimo Classico Disney!



          Ed è un film splendido, a dir poco. Quest'opera è tutto quello che mi aspettavo dalla pellicola, tutto quello che speravo ci fosse: a fargli salire un gradino in più e ad assurgerlo allo stato di perla rara è il fatto che mi abbia dato anche di più di quello che mi aspettavo. :)

          Abbiamo una protagonista che è rappresentata in modo perfetto, davvero, senza sbavature: Rapunzel è adorabile, innanzitutto esteticamente. Quel visino timido e tenero, con quei dentini e quegli occhioni, non può non attirare istitivamente le simpatie del pubblico. E caratterialmente ecco che si dimostra una ragazza attiva, con sogni e speranze, forte anche se con una componente di incertezza. Un'adolescente credibile senza essere stereotipata.
          Abbiamo un protagonista che è veramente, veramente buono: a me sembra che sia il personaggio maschile giusto per la pellicola. Il suo essere l'eroe, il personaggio positivo, e nello stesso tempo un ladro, con un certo piglio ironico e all'inizio tutto incentrato sui suoi interessi lo rende moderno e anche qui molto credibile. Un connubio di sentimenti contrastanti che danno spessore a Flynn e ce lo rendono simpatico. Inoltre nelle sue gag fortunatamente non ho avvertito un umorismo dreamworksiano di nessun tipo, mi pare genuinamente divertente. Per alcuni versi mi ha ricordato Aladdin come interpretazione, e non solo perchè entrambi sono ladri.
          Abbiamo una cattiva degna di questo nome, sicuramente uno dei villain più complessi apparsi nei Classici: Madre Gothel è infatti una donna prima di tutto umana, troppo umana: quell'umanità deviata che non vuole rinunciare a quello che crede il massimo bene, la vita e la giovinezza, e che per questi valori arriva a compere gli atti peggiori. Ma sotto una patina di bontà e perbenismo che riescono così convinenti al pubblico e a Rapunzel stessa tanto da farci capire che Gothel stessa è convinta di agire per il bene.
          Maximus e Pascal sono i due animaletti buffi, decisamente irresistibili: muti, riescono a utilizzare la mimica e il linguaggio del corpo in modo impeccabile per strappare risate e simpatia agli spettatori.



          La vicenda, poi, è molto ben costruita: non un solo passaggio appare forzato, non una sola tappa inutile nell'economia della narrazione. Sia quando i due protagonisti arrivano alla taverna, sia nella splendida scena d'azione della diga e di conseguenza in quella della grotta, sia quando arrivano nel Regno tutto è lineare, naturale come corso degli eventi. Ogni situazione arricchisce gli animi e le sensazioni dei personaggi, ed è attraverso queste tappe che Flynn smussa la sua spacconeria accentuando l'altruismo che era già in minima parte presente in lui e che viene favorito dall'infatuazione per Rapunzel, e attravero lei l'infatuazione per l'universo di valori che la ragazza esprime.
          La scena delle lanterne è una delle cose più romantiche che abbia visto negli ultimi anni, di forte impatto visivo e narrativo, e il gran finale è lirico e potente, con un dramma e una pietas che a un certo punto raggiungo alte vette. Il film è così un crescendo di emozioni fino alla conclusione, classica che più classica non si può.

          Discorso a parte per l'animazione. Che siamo davanti a una nuova ricerca stilistica della CGI si nota abbastanza, nei fondali curati e nell'aspetto dei personaggi che si avvicina all'estetica dell'animazione classica molto più che in qualunque altra pellicola animata al computer. Al mio occhio niente di plateale forse, ma le finezze si notavano e la strada intrapresa è quella giusta per continuare a sperimentare le possibilità che offre la CGI. Il 3D è molto buono, neanche inutilissimo come temevo anche se penso che a visione in 2D non faccia perdere più di tanto.



          Una menzione d'onore va poi fatta, più che a Uncino e agli altri allegri avventori della locanda (che pure sono personaggi riusciti), ai genitori di Rapunzel, che senza mai parlare trasmettono tantissimo di quello che provano e hanno provato.
          Altra cosa da sottolineare sono le canzoni: cercando di evitare paragoni con le altre composizioni di Menken per i film Disney, adesso come adesso canzoni come I See the Light, When Will My Life Begin? e Mother Knows Best mi sono entrate già in testa. Ma anche le altre mi sono piaciute, e in generale tutta la colonna sonora. Ho apprezzato moltissimo anche le traduzioni italiane delle canzoni, che trovo calzanti.
          Infine elogio anch'io il doppiaggio: alla faccia dell'odio per la scelta di talent, ancora una volta siamo stati ripagati da ottime interpretazioni IMHO. Laura Chiatti rivelazione, tanto nel cantato quanto nel recitato, che sfoggia una performance brillante dando alla protagonista un tono di voce adeguato. E checchè ne legga di ogni su Giampaolo Morelli, ritengo che sia stato molto bravo anche lui. Immagino che chiunque avrebbe sfigurato di fianco al superbo doppiaggio della Chiatti, Morelli pur essendo meno a suo agio compie un lavoro più che onesto e a dispetto di una certa piattezza di tono mi pare dia una buona interpretazione del personaggio. Mario Biondi molto buono, per il poco che si è sentito, E Giò Giò Rapattoni è stata una splendida Gothel. La voce profonda e cupa di Insegno nei panni di uno dei due fratelli complici di Flynn, infine, è perfetta.



          Rapunzel rappresenta tanto, a volte temevo troppo perchè potesse reggerlo sulle sue spalle. 50esimo Classico, ritorno alla fiaba dopo che il genere in qualche modo è stato sdoganato da La Principessa e il Ranocchio, ritorno del marchio Keane/Menken in un lungometraggio Disney, l'arrivo in un periodo più che delicato in Disney, nel bel mezzo di una nuova rinascita che sembrava non saper trovare la sua esplosione viste alcune decisioni dei piani alti... e invece Rapunzel regge tutto questo peso benissimo, e lo fa con la forza di una storia che sa richiamare i Classici Disney sapendo modernizzarsi nella narrazione, attraverso tanti accorgimenti... lo fa con personaggi veri, tridimensionali (e non mi riferisco al 3D ;) ) che sanno avere e comunicare emozioni vere, che siano lacrime, risate o empatia. L'essenza (o le tante essenze) Disney sono distillate qui dentro, con un occhio al mondo contemporaneo. E ora come ora i primi dati sembrano darci un'immagine vincente anche al botteghino, oltre che sotto il profilo della qualità.
          Quindi forse la nuova rinascita Disney sta davvero avverandosi: questa rinascita che ha avuto i suoi primi embrioni nei Robinson, che si è affinata col ritorno della scrittura mista in Come d'Incanto e che si è confermata con Bolt, che l'anno scorso ha ripescato il 2D regalandoci uno spettacolo meraviglioso con La Principessa e il Ranocchio e che ora ha forse raggiunto la sua piena confretizzazione, con una fusione di glorioso passato e innovativo futuro che possa accontentare tutti, il pubblico moderno e quello dei fan duri e puri. Adesso è presto per dirlo, ovviamente, ma qualitativamente l'obiettivo è centrato, e questo è già un ottimo risultato.
          In fondo, il 30esimo Classico Disney fu uno dei più grandi successi degli Studios, e sempre nel bel mezzo di una rinascita... sarebbe simbolicamente appagante che il 50esimo lungometraggio animato eguagli il risultato :)

          *

          Ilja Topovic
          Gran Mogol

          • ***
          • Post: 704
          • Alea iacta est
            • Offline
            • Mostra profilo

            Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
            Risposta #4: Venerdì 3 Dic 2010, 17:50:07
            La copertina del Topolino 2782 è dedicata a Rapunzel - l'intreccio della torre!

            There's no point being grown-up if you can't be childish sometimes.

            *

            Vito
            Flagello dei mari
               (1)

            • *****
            • Post: 4899
            • Life is like a hurricane
              • Offline
              • Mostra profilo
               (1)
              Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
              Risposta #5: Sabato 4 Dic 2010, 10:35:04
              *SPOILER*


              Rapunzel era per me il film definitivo. Il film che avrebbe dovuto decidere il futuro dei successivi film Disney, da seguire con passione o accantonare nello sgabuzzino. Cosa, quest'ultima, che per fortuna non ho fatto.

              Mai come quest'anno ho avuto davvero paura e timore di recarmi al cinema. Ero spaventato di fronte all'idea di trovarmi dinanzi una grande delusione; avevo pensato di rimandare la visione fino a che non avessi letto pareri solo ENTUSIASTICI. E così non è stato, ahimé.
              Chi parla di bel film indebolito da un cancro, chi sostiene che Rapunzel sia un capolavoro con colpi di scena allucinanti, chi invece parla di filmetto, e così via in una serie interminabile di giudizi sempre più diversi. Sempre più depistanti.

              La paura era alle stelle, ma la voglia era troppa e così anche io mi sono recato al cinema, ieri sera. Non mi vergogno a dire che io volevo e desideravo (e un po' speravo) che Rapunzel si inserisse prepotentemente nel mio cuore come una freccia. Avrei voluto che Rapunzel diventasse il mio film Disney preferito. Assurdo pensare una cosa del genere di questi tempi, eh? Eppure l'ho pensato. I promo online, le animazioni perfette che circolavano, il carisma dei personaggi che traspariva da quelle clippette, mi facevano sperare in bene e io ero attratto dalla storia di Raperonzolo come un'ape sul miele (sebbene sostengo che bisognerebbe abbandonare per un bel po' l'immagine della principessa che fa merchandising).

              E il mio giudizio è, prevedibilmente, che si tratta di un capolavoro mancato. Come troppi film Disney. E' però un giudizio a caldo che mi sento di dare dopo una nottata in cui ho avuto modo di dormirci su e metabolizzare meglio il tutto.

              Le cose che ho amato:

              - Rapunzel. Oddio, qui sono al solito un sentimentalone emotivo che probabilmente esagera con le parole, ma lo voglio dire lo stesso: Rapunzel è il personaggio femminile disneyano più meraviglioso, perfetto e appagante che abbia mai visto. Sì. E' stata una cosa straordinaria, una bellezza sia grafica che caratteriale, con un doppiaggio fantastico e un'animazione strepitosa. Per lei sono pronto a perdonare tutti i Disney Store stra-pieni di bambole. Bellissima, stupenda, mai stato così soddisfatto di un personaggio Disney dopo Zio Paperone. :D
              Rider buono e carismatico, mi è piaciuto. Non mi sento di attribuirgli particolari difetti, se non che è inferiore a Rapunzel.

              - Il doppiaggio di Laura Chiatti. La Chiatti è stata la sorpresa dell'anno, donando alla già perfetta biondina una voce eccezionale, che compete seriamente con le più brave doppiatrici adatte per la fanciulla. Giampaolo Morelli non è stato lo schifo che ho letto in giro, ma alcuni toni inespressivi li ho notati anche io. Ma di fronte alla Chiatti avrebbero sfigurato in molti.

              - Le animazioni. Veramente gradevolissime. Disney sovrana, una CGI secondo me degna della Pixar. E gli umani forse erano anche meglio. Peccato solo per la mamma di Rapunzel che sembrava sua sorella di due anni più grande, ottimo invece il padre.

              - E anche le canzoni. Magari non ci sono stati pezzi da venerare e forse Menken si merita tutte le critiche che sta ricevendo sul suo appannamento, ma non ne ho sgradito nessuno, e oltretutto li ho tutti trovati ben inseriti nel film. Divertentissima la canzone alla taverna.

              Ce ne sono tanti di pregi ma queste sono state le cose che ho più apprezzato.

              Le cose che non ho amato. Di cui una compromettente tutta la magia del film, e per me fatale. Sono tre, eccole in ordine di gravità:

              - Pascal. Oh bè, è talmente marginale che non penso ci fosse davvero il bisogno di metterlo nelle pecche gravi, ma non capisco proprio la sua presenza. Ha appeso sul collo un cartello con su scritto “servo solo a fare il simpatico puccettoso per far ridere il pubblico”. Ma poi, perché mai inserire un camaleonte in un film con quell'atmosfera boscosa e medievaleggiante? Non so, mi pare non c'entri nulla, credo che sarebbe stato davvero meglio una ranocchia ma ovviamente avrebbe richiamato troppo lo scorso Classico. In ogni caso non compete assolutamente con l'ottimo e divertentissimo Maximus.

              - Il finale. Ecco, di questo avevo paura. Di un finale scontato e banale con il “vissero tutti felici e contenti”, il bacio del vero amore e la sconfitta del cattivo. E ho avuto tutto, lol. Merda. Sia chiaro, non sono uno di quelli che schifa il lieto fine, anzi. Ma sono uno di quelli che avrebbe preferito che le cose andassero risolte diversamente. Quando Rapunzel ha cominciato a piangere ho sentito i miei amici di fianco dire “vabbè, ecco la lacrima che salverà la vita a Flynn” con aria un po' seccata, e io in mente mia ho pensato “ma no, figurati se la Disney mi fa questa banalità, adesso arriva la sorpresona gestita con maestria e mi farà gridare al capolavoro”. No, Flynn si sveglia. E si sposano. E vissero felici e contenti. Peccato, perché l'atmosfera creatasi in sala (nonostante fossimo solo 6 persone) puzzava di sfottò e io mi sono sentito un po' a disagio, cosa che non volevo assolutamente nel climax finale.

              - La chiusura. No, no, i primi due punti sono pronto a perdonarli (specie il superfluo Pascal), ma questo non dovevano farmelo. Sono ancora incazzato nero, ma incazzato che più incazzato non si può. Io do tantissima importanza al termine di un film, è il momento esatto in cui mi trovo a riflettere su quello che ho appena visto. In questo caso avrei desiderato arrivare all'ultima scena sorpreso, o commosso, o emozionato, o nostalgico, malinconico, felice, tutto quello che volete. E invece non solo mi trovavo già abbastanza piccato per la scontatezza dell'happy ending, ma come saluto Rapunzel? Col vecchio che manda i bacini al pubblico vestito da Cupido! Nooooooo! Ammazzatelo! Che nel mezzo del film mi era pure piaciuto, ma non posso credere che mi abbiano fatto rimanere sulla poltrona così basito mentre sentivo le risate dei miei amici. Spero in futuro di perdonare una simile porcata, ma per ora sono arrabbiato. Quel vecchio è stato il caffè amarissimo pronto a guastarti il gusto di un ottimo pranzo, bevuto poi per farsi la bocca dopo una fettina di torta neanche troppo buona. La canzone successiva nei titoli di coda mi ha fatto sentire meglio, ma io su questa cosa ci sono rimasto davvero male.

              Comunque, a conti fatti Rapunzel è stato un bambino studioso e capace che non si è applicato, e questa cosa fa più dispiacere di un bambino poco intelligente che ce la mette tutta. Bastava pochissimo, un ripasso di matematica e una lettura veloce della paginetta di storia e in pagella avrei messo il voto pieno con lode.
              Ci sarebbero altre cosettine come alcuni buchi di sceneggiatura che non mi tornano (i dipinti a forma di sole che brillano e donano a Rapunzel l'onniscienza sul suo passato, Rider che pascola per il villaggio nonostante fosse ricercato...), e un eccessivo uso di umorismo violento che più che divertirmi mi ha un po' spiazzato (penso alle fortissime padellate in testa a Flynn o le cadute pesanti sul pavimento mentre era svenuto), ma sono tutto sommato dettagli poco rilevanti.

              Spero che con il passare del tempo possa vedere il bicchiere di Rapunzel più pieno.
              « Ultima modifica: Sabato 11 Ago 2012, 23:23:27 da Dollarone_89 »

              *

              Lavi-Schroeder
              Pifferosauro Uranifago
                 (1)

              • ***
              • Post: 382
              • Scorbutica
                • Offline
                • Mostra profilo
                 (1)
                Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                Risposta #6: Domenica 5 Dic 2010, 21:05:57
                Ed eccomi! Sono appena tornata dal cinema, quindi la cosa è fresca. Non mi dilungherò troppo, anche perché non ne ho voglia.

                Dunque, il 50° Classico Disney, io speravo fosse in 2D, ma non si può volere tutto dalla vita, quindi becchiamocelo in animazione digitale (ma senza il 3D!).
                Rapunzel mi è piaciuto e non mi è piaciuto. C'erano delle parti in cui mi aspettavo di più, altre invece che erano perfette così com'erano. Lei è molto carina, attiva e tutto, però ammetto che preferisco altre eroine; lui è simpatico, mi piaceva all'inizio quando ancora non conosceva la sua bella, ironico e tutto, poi direi che c'è una sorta di appiattimento, quasi come se lui da quel momento in poi dovesse solo esistere in base alla promessa fatta dai due. Insomma, diciamo che i due protagonisti principali mi sono piaciuti fino ad un certo punto.
                Mi è piaciuta davvero molto invece Madre Gothel, l'ho trovata perfetta, cattiva quanto bastava, ma affascinante nel portamento e nella presenza (e secondo me l'aspetto giovane ci stava tutto, d'altronde usava i capelli di Rapunzel non a caso). Tra Pascal il camaleonte e Maximus il cavallo ho preferito di gran lunga quest'ultimo: vuoi vedere che alla fine è il mio personaggio preferito di tutto il film!
                 ::)
                La seconda parte mi ha preso di più, fino al suo apice nella "morte" di Flynn (morte che mi è sembrata fosse annunciata ad inizio film, con la sua voce narrante). L'escamotage dei soli, della lacrima... Non so, mi sono sembrati un po' stupidini, quasi quasi avrei preferito lasciarlo morire piuttosto che resuscitarlo con una trovata così insipida. Sarebbe ipocrita, però, scrivere di non aver apprezzato l'happy ending. Molto molto bella la scena delle lanterne, che per certi versi mi ha ricordato la famosa scena in barca de La Sirenetta. Forse perché a me piacciono tanto le lanterne di carta à la Bon-Odori.
                 :)
                Sull'animazione non mi pronuncio perché non sono un'esperta e non ho neanche avuto modo di vedere né i Robinson, né Bolt, che, a quanto ho capito, dovrebbero essere i primi film con il sistema della CGI. Una cosa però ho notato: la pelle di Gothel da vecchia è stata resa in modo assolutamente fantastico, sembrava vera; al contrario le mani di Flynn, di Rapunzel e altri personaggi "giovani" erano davvero gommose (nella scena in cui lei guarisce la ferita alla mano di lui è stato toccato proprio l'apice della gommosità).
                Il doppiaggio mi è piaciuto abbastanza, proprio brava Laura Chiatti a cui non avrei dato due lire, in fondo bravo anche Giampaolo Morelli, o almeno il suono della sua voce mi è sembrato azzeccato, magari il tono in qualche caso poteva essere sicuramente migliore, però non male. Ottima Giò-Giò Rapattoni, ma insomma, lei è una professionista, non mi aspettavo certo una ciofeca!
                 :P

                Menzione d'onore per i titoli di coda che mi sono piaciuti veramente tantissimo: quasi preferivo quelli al film!
                 ;D
                « Ultima modifica: Domenica 5 Dic 2010, 21:08:56 da Lavinia »

                *

                Brigitta MacBridge
                Flagello dei mari
                Moderatore
                   (6)

                • *****
                • Post: 4726
                • Paperonuuuuccciooooo....
                  • Offline
                  • Mostra profilo
                   (6)
                  Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                  Risposta #7: Lunedì 6 Dic 2010, 10:40:47
                  Ancora una volta mi ritrovo a non condividere più di tanto le critiche che vengono fatte ad un film.

                  Sarà che non avevo aspettative di alcun tipo. Questo film non doveva dimostrarmi nulla. Non doveva decidere se avrei continuato o meno ad amare l'animazione Disney. Non doveva dimostrare a nessuno che il mio amore per il cinema di animazione non è un capriccio da bambina mai cresciuta. Tutto quello che doveva fare era intrattenere piacevolmente mia figlia per un paio di ore, e non farmi sbadigliare troppo mentre stavo in sala in quelle due ore. Tanto sarebbe bastato.

                  E invece, sorpresa sorpresa,  mi è piaciuto.
                  E tanto.
                  Anzi, fatti i debiti distinguo, mi piace anche più di molti dei Classiconi con principesse che lo hanno preceduto.
                  Non fraintendetemi. Cerco di spiegarmi meglio, ma prima vi devo raccontare di me e delle Principesse.

                  Le Principesse, anzitutto, nel mio immaginario sono tre: Biancaneve, Cenerentola e Aurora. Le altre non mi hanno mai detto molto, sono venute "dopo" e non sono mai riuscita a sentirle "vive".

                  Le Principesse, da bambina ovviamente le adoravo. Ma c'era qualcosa che mi faceva storcere il naso. Gente che non si è mai vista prima, si incontra e BAM! amore a prima vista. Mai creduto che fosse possibile una cosa del genere. A dirla tutta, non ho mai capito cosa ci trovassero in quelle tre i rispettivi principi, a parte il fatto che erano carine e sapevano fare gli occhi alla Bambi e il sorriso alla Barbie. E per contro non ho mai capito cosa loro trovassero nei rispettivi principi, la cui abilità maggiore sembrava essere quella di saper drappeggiare elegantemente un mantello lungo fino ai polpacci.
                  Oltre ad essere degli ottimi partiti, beninteso.
                  Tutto perfetto per una storia d'amore degli anni '50. Ma quando li ho visti io quei film, c'era stato di mezzo il '68, il femminismo, la rivoluzione sessuale. Io, bambina degli anni '70, aspiravo a diventare uno degli ufficiali dell'Enterprise, non una fanciullina che cantava agli uccellini. E poi, a dirla tutta, "tu sogna e spera fermamente, dimentica il presente e il sogno realtà diverrà" non è che fosse un progetto di vita molto costruttivo. Al giorno d'oggi, se si esclude la lagnosissima Bella di Twilight, non ci sarebbe una sola protagonista che si accontenterebbe di una filosofia questo tipo. Certo, i film erano belli lo stesso, ma fino ad un certo punto.

                  (che nella realtà dei fatti molte ragazze di oggi non abbiano piani più incisivi, e che il massimo della espressione della loro personalità sia "mi piacerebbe lavorare nel mondo dello spettacolo", è un altro, e triste, discorso.)

                  A partire dalla Sirenetta gli autori Disney hanno chiaramente cercato di risolvere questa cosa. Le Principesse degli anni '90 sono più attive, determinate, sicure di sé. Peccato che la cosa appariva troppo scritta a tavolino per essere naturale. Si avvertiva, o almeno IO avvertivo, una sorta di insincera ricerca del politically correct più che una vera convinzione che una protagonista dovesse saper fare qualcosa in più che cantare in maniera intonata mentre spolvera casa.
                  Tanto tanto riesco a salvare Mulan, ma le altre, bof, non mi hanno mai detto niente.
                  E poi, mi perdonino i fedelissimi, ma non sopportavo le canzoni di quel periodo. Anzi ricordo di aver pensato che l'unico elemento di redenzione di "Atlantis" (che per il resto non mi era piaciuto per niente) fosse proprio la mancanza delle stesse.

                  Ma torniamo a Rapunzel.
                  Per la seconda volta (la prima essendo successa con Tiana) mi sono ritrovata ad apprezzare la personalità di una Principessa. Rapunzel è simpatica, credibile, accattivante. E il suo principe (che poi principe non è) è divertente al punto giusto. Insomma, si capisce perché si piacciono l'un l'altra. Il rapporto fra i due viene costruito, e convince quanto basta.

                  C'è anche dell'altro, in questo film, che convince la spettatrice "adulta" che c'è in me. Il rapporto madre-figlia fra Gothel e Rapunzel è sviluppato in maniera interessante e tutt'altro che banale. Ci sono madri che davvero educano le loro figlie in quel modo, lavorando sui sensi di colpa, sui "mi spezzeresti il cuore", tarpando loro le ali con una falsa bontà. Nelle scene fra loro due mi si stringeva il cuore, e mi ritrovavo a pregare di non diventare anche io una madre così, quando mia figlia avrà diciott'anni... e Gothel è una cattiva molto ma molto convincente, con motivazioni assolutamente credibili. Mentre Rapunzel è una adolescente mostruosamente accattivante, e non si può non volerle bene. Quanto è fantastica la scena in cui alterna euforia e sensi di colpa, determinazione a partire e a tornare nella torre, entusiasmo e depressione!

                  E poi il film è divertente, romantico da impazzire quando serve, e le canzoni non rompono le scatole. Insomma, mi è piaciuto.

                  Concordo che di Pascal se ne poteva fare a meno. Ma non è che sia poi troppo invasivo.


                  L'ultima riflessione, non è né una critica né una lode, riguarda le "suggestioni" che ho avvertito durante la visione del film. Riferimenti, citazioni, o semplici somiglianze? Al giorno d'oggi è probabilmente quasi impossibile realizzare qualcosa che non ne ricordi altre già fatte in precedenza. Eppure ci sono un sacco di elementi che mi sapevano fortemente di "già visto". Espressioni facciali, lineamenti  dei comprimari, grafica degli scenari, ed altro ancora. Devo ancora inquadrarne alcuni, ma so che prima o poi riuscirò a pescarli.

                  La torre, per esempio, mi ricorda tantissimo una qualche illustrazione da un libro di Tolkien. Qualcosa tipo questo, ma SO che ce ne è un'altra che ci somiglia anche di più.
                  Gli avventori della locanda malfamata, pure loro li ho già visti. Ma dove? Un po' ricordano i vichinghi di Dragon Trainer.  Qualcosa della Sposa Cadavere. Ma devo inquadrare meglio la suggestione.

                  L'unicornino da collezione, non ditemi che non viene da Blade Runner :D
                  La scena in cui stanno per affogare nella grotta è pari pari ripresa da qui
                  Il cavallo Maximus viene un po' da qui e molto da qui. Del secondo ripesca in parte anche personalità (oltre all'insana passione per le mele).

                  Ah, e Madre Gothel , non ditemi che non somiglia da impazzire a lei :D :D ;D
                  I miei teSSSSori: http://tinyurl.com/a3ybupd

                  "You must be the change you want to see in the world" -- Gandhi

                  *

                  Vito
                  Flagello dei mari
                     (1)

                  • *****
                  • Post: 4899
                  • Life is like a hurricane
                    • Offline
                    • Mostra profilo
                     (1)
                    Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                    Risposta #8: Lunedì 6 Dic 2010, 15:42:37
                    Tutto quello che doveva fare era intrattenere piacevolmente mia figlia per un paio di ore, e non farmi sbadigliare troppo mentre stavo in sala in quelle due ore.
                    Sei brutalmente e irrimediabilmente cresciuta. :(

                    Quanto è fantastica la scena in cui alterna euforia e sensi di colpa, determinazione a partire e a tornare nella torre, entusiasmo e depressione!
                    E' stata la scena che mi ha confermato che io Rapunzel l'avrei promossa a personaggio dell'anno e a miglior principessa di sempre! :D

                    Eppure ci sono un sacco di elementi che mi sapevano fortemente di "già visto". Espressioni facciali,
                    Io avevo notato qualche espressione Dreamworks su certi sguardi fighetti di Flynn (tipo il ghignetto ammiccante e il sopracciglio alzato), ma forse è solo perché la Dreamworks ha il monopolio assoluto degli sguardi fighetti.

                    Il cavallo Maximus viene un po' da qui e molto da qui. Del secondo ripesca in parte anche personalità (oltre all'insana passione per le mele).
                    Qui non saprei... A parte il fatto che le mele piacciono un po' a tutti i cavalli, ma credo che la figura in sé dell'equino sia difficilmente diversificabile per un prodotto d'animazione. Poi certo la Disney fa i ricicloni e pure i plagioni spudorati, vedasi i "picciotti" di Bolt.

                    Ah, e Madre Gothel , non ditemi che non somiglia da impazzire a lei :D :D ;D
                    Oggesù! ;D ;D
                    « Ultima modifica: Lunedì 6 Dic 2010, 15:43:53 da Dollarone_89 »

                    *

                    Grrodon
                    Flagello dei mari
                       (2)

                    • *****
                    • Post: 4041
                    • Potere e Potenza!
                      • Offline
                      • Mostra profilo
                       (2)
                      Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                      Risposta #9: Lunedì 6 Dic 2010, 17:48:54
                      Sarà che non avevo aspettative di alcun tipo. Questo film non doveva dimostrarmi nulla. Non doveva decidere se avrei continuato o meno ad amare l'animazione Disney. Non doveva dimostrare a nessuno che il mio amore per il cinema di animazione non è un capriccio da bambina mai cresciuta.


                      E fin qui clap. Yeah. Altro che Vito.

                      Citazione
                      Tutto quello che doveva fare era intrattenere piacevolmente mia figlia per un paio di ore, e non farmi sbadigliare troppo mentre stavo in sala in quelle due ore.

                      Poi qui mi sono cascati i coglioni per terra rotolando giù per le scale e poi velocemente sull'asfalto.

                      Citazione
                      le canzoni non rompono le scatole.


                      E qui ci è passato sopra uno scooter.

                      (ho aggiornato la firma!)
                      « Ultima modifica: Lunedì 6 Dic 2010, 17:53:03 da Grrodon »

                      *

                      Brigitta MacBridge
                      Flagello dei mari
                      Moderatore
                         (3)

                      • *****
                      • Post: 4726
                      • Paperonuuuuccciooooo....
                        • Offline
                        • Mostra profilo
                         (3)
                        Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                        Risposta #10: Lunedì 6 Dic 2010, 17:57:08
                        Poi qui mi sono cascati i coglioni per terra rotolando giù per le scale e poi velocemente sull'asfalto.
                        Beh, pace, avevo poche aspettative. E il film è andato molto, molto oltre ad esse. Oltre a quelle di Vito, se è per questo :P

                        Citazione
                        E qui ci è passato sopra uno scooter.
                        Sapevo di darti un dolore e me ne dispiace, ma ormai te ne devi fare una ragione: a me il musical alla Menkel non piace. Sopporto le canzoni in certi casi (Rapunzel è uno). In altri (quasi tutti i film anni '90) le ho trovate fastidiose. Limite mio. Quando scrivevo "mi perdonino i fedelissimi" pensavo proprio a te più che ogni altro.
                        I miei teSSSSori: http://tinyurl.com/a3ybupd

                        "You must be the change you want to see in the world" -- Gandhi

                        *

                        Vito
                        Flagello dei mari

                        • *****
                        • Post: 4899
                        • Life is like a hurricane
                          • Offline
                          • Mostra profilo

                          Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                          Risposta #11: Lunedì 6 Dic 2010, 18:03:02
                          Grrodon: ;D

                          Comunque, più che altro il mio messaggio era da intendere in positivo, volevo veramente STUPIRMI della Disney, cosa che non mi faceva più fare da tempo, troppo tempo.

                          Direi che dopo questi anni di buio totale e la breve risalita con Tiana, se Rapunzel fosse stata una delusione la cosa non mi sarebbe andata per niente giù (soprattutto tenendo conto che il prossimo Classico non mi invoglia per niente e che molto probabilmente avremo pure un buco nel 2012).

                          Invece sono felice, sii contento. :P Renditi conto che per me questo è il miglior film Disney dal dopo TARZAN.
                          « Ultima modifica: Lunedì 6 Dic 2010, 18:06:01 da Dollarone_89 »

                          *

                          Lavi-Schroeder
                          Pifferosauro Uranifago

                          • ***
                          • Post: 382
                          • Scorbutica
                            • Offline
                            • Mostra profilo

                            Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                            Risposta #12: Lunedì 6 Dic 2010, 18:16:23
                            (soprattutto tenendo conto che il prossimo Classico non mi invoglia per niente e che molto probabilmente avremo pure un buco nel 2012).
                            Ma quindi il prossimo Classico è davvero quello su Winnie The Pooh?
                            Oddio, ho una visione tremenda: le mie ex-compagne di classe che si precipitano al cinema a vederlo, urlando come delle ossesse ad ogni scenetta pucciosa.
                            :faccinachevomita:

                            Ah, probabilmente non posso chiederlo qui, però non mi sento di aprire una discussione in proposito: ma la graphic novel di Rapunzel? Quand'è che esce?

                            *

                            Vito
                            Flagello dei mari

                            • *****
                            • Post: 4899
                            • Life is like a hurricane
                              • Offline
                              • Mostra profilo

                              Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                              Risposta #13: Lunedì 6 Dic 2010, 18:24:03
                              Ma quindi il prossimo Classico è davvero quello su Winnie The Pooh?
                              Oddio, ho una visione tremenda: le mie ex-compagne di classe che si precipitano al cinema a vederlo, urlando come delle ossesse ad ogni scenetta pucciosa.
                              :faccinachevomita:
                              E' proprio Pooh, sul quale mi sono già infelicemente espresso da altre parti.

                              Ah, probabilmente non posso chiederlo qui, però non mi sento di aprire una discussione in proposito: ma la graphic novel di Rapunzel? Quand'è che esce?
                              Non so quando esce qui (spero a breve), ma ho visto che la lacrima che Rapunzel versa alla fine è dorata. In pratica sarebbe un ultimo "rimasuglio" della magia guaritrice dei suoi capelli e la cosa l'ho amata... Perché non l'hanno inserita nel film??
                              « Ultima modifica: Lunedì 6 Dic 2010, 18:25:12 da Dollarone_89 »

                              *

                              Grrodon
                              Flagello dei mari

                              • *****
                              • Post: 4041
                              • Potere e Potenza!
                                • Offline
                                • Mostra profilo

                                Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                Risposta #14: Lunedì 6 Dic 2010, 18:51:18
                                Guarda che è da intendersi così anche nel film, solo tu non l'hai capito.
                                E Pooh è una gran cosa, davvero una GRAN cosa, a dispetto delle apparenze. Vedrete. Ve lo prometto io.

                                Quanto ai musical, capisco che c'è gente a cui non piacciono, ma allora non capisco come possano relazionarsi al cinema Disney. E' un pacchetto pensato per essere unico e non scomponibile, eh.
                                Insomma l'effetto che mi fa sentire certe cose è quello dell'eterosessuale che dice "Amo tutto delle donne, persino le tette".
                                « Ultima modifica: Lunedì 6 Dic 2010, 18:52:43 da Grrodon »

                                *

                                Vito
                                Flagello dei mari

                                • *****
                                • Post: 4899
                                • Life is like a hurricane
                                  • Offline
                                  • Mostra profilo

                                  Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                  Risposta #15: Lunedì 6 Dic 2010, 19:01:45
                                  Guarda che è da intendersi così anche nel film, solo tu non l'hai capito.
                                  Infatti quando vedi una lacrima normale è talmente evidente pensare che sia d'oro come i suoi capelli... :P

                                  Non dico che a intuizione uno col senno di poi non ci possa arrivare, ma vuoi mettere il carisma visivo e affatto banale di un pianto dorato?

                                  *

                                  Grrodon
                                  Flagello dei mari

                                  • *****
                                  • Post: 4041
                                  • Potere e Potenza!
                                    • Offline
                                    • Mostra profilo

                                    Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                    Risposta #16: Lunedì 6 Dic 2010, 19:08:01
                                    Ma si saranno sbagliati i coloristi del fumetto, non è dorata la lacrima. Ma che questo ricrei il potere solare è evidente dai figurini che spuntano in ognidove a forma di fiore dal corpo di lui.

                                    *

                                    Zangief
                                    Ombronauta
                                       (3)

                                    • ****
                                    • Post: 940
                                    • Comunellista
                                      • Offline
                                      • Mostra profilo
                                       (3)
                                      Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                      Risposta #17: Mercoledì 8 Dic 2010, 13:47:51
                                      Ancora una volta mi ritrovo a non condividere più di tanto le critiche che vengono fatte ad un film.

                                      Sarà che non avevo aspettative di alcun tipo. Questo film non doveva dimostrarmi nulla. Non doveva decidere se avrei continuato o meno ad amare l'animazione Disney. Non doveva dimostrare a nessuno che il mio amore per il cinema di animazione non è un capriccio da bambina mai cresciuta. Tutto quello che doveva fare era intrattenere piacevolmente mia figlia per un paio di ore, e non farmi sbadigliare troppo mentre stavo in sala in quelle due ore. Tanto sarebbe bastato.

                                      E invece, sorpresa sorpresa,  mi è piaciuto.
                                      E tanto.
                                      Anzi, fatti i debiti distinguo, mi piace anche più di molti dei Classiconi con principesse che lo hanno preceduto.
                                      Non fraintendetemi. Cerco di spiegarmi meglio, ma prima vi devo raccontare di me e delle Principesse.

                                      Le Principesse, anzitutto, nel mio immaginario sono tre: Biancaneve, Cenerentola e Aurora. Le altre non mi hanno mai detto molto, sono venute "dopo" e non sono mai riuscita a sentirle "vive".

                                      Le Principesse, da bambina ovviamente le adoravo. Ma c'era qualcosa che mi faceva storcere il naso. Gente che non si è mai vista prima, si incontra e BAM! amore a prima vista. Mai creduto che fosse possibile una cosa del genere. A dirla tutta, non ho mai capito cosa ci trovassero in quelle tre i rispettivi principi, a parte il fatto che erano carine e sapevano fare gli occhi alla Bambi e il sorriso alla Barbie. E per contro non ho mai capito cosa loro trovassero nei rispettivi principi, la cui abilità maggiore sembrava essere quella di saper drappeggiare elegantemente un mantello lungo fino ai polpacci.
                                      Oltre ad essere degli ottimi partiti, beninteso.
                                      Tutto perfetto per una storia d'amore degli anni '50. Ma quando li ho visti io quei film, c'era stato di mezzo il '68, il femminismo, la rivoluzione sessuale. Io, bambina degli anni '70, aspiravo a diventare uno degli ufficiali dell'Enterprise, non una fanciullina che cantava agli uccellini. E poi, a dirla tutta, "tu sogna e spera fermamente, dimentica il presente e il sogno realtà diverrà" non è che fosse un progetto di vita molto costruttivo. Al giorno d'oggi, se si esclude la lagnosissima Bella di Twilight, non ci sarebbe una sola protagonista che si accontenterebbe di una filosofia questo tipo. Certo, i film erano belli lo stesso, ma fino ad un certo punto.

                                      Applausi a scena aperta. A parte il discorso sulla figlia, condivido tutto. Tant'è che il "tu sogna e spera fermamente, dimentica il presente e il sogno realtà diverrà" proprio con Tiana e - soprattutto - Charlotte l'hanno bellamente sfottuto e sovvertito.

                                      A partire dalla Sirenetta gli autori Disney hanno chiaramente cercato di risolvere questa cosa. Le Principesse degli anni '90 sono più attive, determinate, sicure di sé. Peccato che la cosa appariva troppo scritta a tavolino per essere naturale. Si avvertiva, o almeno IO avvertivo, una sorta di insincera ricerca del politically correct più che una vera convinzione che una protagonista dovesse saper fare qualcosa in più che cantare in maniera intonata mentre spolvera casa.
                                      Tanto tanto riesco a salvare Mulan, ma le altre, bof, non mi hanno mai detto niente.

                                      Altri applausi. All'epoca mi appassionai ad Ariel proprio perché a differenza delle predecessore era attiva, e non veniva passivamente sballottata dagli eventi e/o dai piani della matrigna di turno. Poi è vero che inizialmente l'interesse che prova per il principe non va al di là del "perché è figo", eh. Ma quantomeno ci lavora un minimo su e prova a conquistarselo. Ok, in tre giorni, ma non sottilizziamo. Mulan come personaggio era ottima; è il film che non mi è mai piaciuto... Ed è verissimo che si notava una ipocritissima ricerca del politicamente corretto, su tutti i fronti e non solo per il femminismo di facciata. Pocahontas per esempio è emblematico di quel che chiamo "pentimento post-Balla coi lupi" (sebbene in realtà la "riabilitazione" in salsa new age dei nativi americani risalga a parecchi anni prima del film di Costner).

                                      E poi, mi perdonino i fedelissimi, ma non sopportavo le canzoni di quel periodo. Anzi ricordo di aver pensato che l'unico elemento di redenzione di "Atlantis" (che per il resto non mi era piaciuto per niente) fosse proprio la mancanza delle stesse.

                                      Acc, sei sposata... :P
                                      Seriamente: come il buon Grrodon ben sa, le canzoni sono il punto maggiore su cui discordo con lui. Sempre odiate, sempre trovate fuori posto e ridicolmente spezzanti l'immedesimazione che potevo provare per i personaggi, a meno che non cercassero almeno di salvarle con stratagemmi narrativi che potessero un minimo giustificarle.  All'epoca salvai quelle de La Sirenetta anche perché se non altro Sebastian era il direttore d'orchestra e Ariel faceva parte del coro, per cui... rimane comunque ridicolo il fatto che si mettano a cantare per fare un discorso, ma tant'è. Giusto Ursula era davvero fuori personaggio; ma somigliava talmente tanto a Vanna Marchi che ridevo troppo all'idea di vedere la Marchi cantare per farci caso. ;D
                                      Però, nonostante abbia adorato Il re leone, per fare un altro esempio, Scar che descrive cantando come uno scemo assieme alle jene i suoi piani di conquista, o anche Simba che folleggia con gli animali, mi parvero talmente ridicoli che finii per rivedere il film molto meno di quanto mi sarei aspettato.
                                      Quelle di Rapunzel non le ho trovate tanto invasive, ma il punto migliore del film rimane la danza popolare. Che non è cantata, e meno male. Ho provato, in un impeto di orrifico masochismo, a immaginarmela cantata, e da Rapunzel sarebbe diventato My fair lady coi capelli lunghi. Con tutti gli astanti che ballano e cantano mentre lavorano o si fanno i cavoli propri, e sapendo pure le coreografie. Dai, seriamente... per fare ridere avrebbe fatto anche ridere, ma non sarebbe stato l'effetto che avrebbero voluto dare; e giustamente quella scena crea il pathos necessario perché c'è la musica e basta. E su questo immagino che anche Grrodon concordi.


                                      Ma torniamo a Rapunzel.
                                      Per la seconda volta (la prima essendo successa con Tiana) mi sono ritrovata ad apprezzare la personalità di una Principessa. Rapunzel è simpatica, credibile, accattivante. E il suo principe (che poi principe non è) è divertente al punto giusto. Insomma, si capisce perché si piacciono l'un l'altra. Il rapporto fra i due viene costruito, e convince quanto basta.

                                      C'è anche dell'altro, in questo film, che convince la spettatrice "adulta" che c'è in me. Il rapporto madre-figlia fra Gothel e Rapunzel è sviluppato in maniera interessante e tutt'altro che banale. Ci sono madri che davvero educano le loro figlie in quel modo, lavorando sui sensi di colpa, sui "mi spezzeresti il cuore", tarpando loro le ali con una falsa bontà. Nelle scene fra loro due mi si stringeva il cuore, e mi ritrovavo a pregare di non diventare anche io una madre così, quando mia figlia avrà diciott'anni... e Gothel è una cattiva molto ma molto convincente, con motivazioni assolutamente credibili. Mentre Rapunzel è una adolescente mostruosamente accattivante, e non si può non volerle bene. Quanto è fantastica la scena in cui alterna euforia e sensi di colpa, determinazione a partire e a tornare nella torre, entusiasmo e depressione!

                                      E poi il film è divertente, romantico da impazzire quando serve, e le canzoni non rompono le scatole. Insomma, mi è piaciuto.

                                      Concordo che di Pascal se ne poteva fare a meno. Ma non è che sia poi troppo invasivo.

                                      Uffa, mi sto annojando; di' qualcosa con cui non concordo! :P


                                      L'ultima riflessione, non è né una critica né una lode, riguarda le "suggestioni" che ho avvertito durante la visione del film. Riferimenti, citazioni, o semplici somiglianze? Al giorno d'oggi è probabilmente quasi impossibile realizzare qualcosa che non ne ricordi altre già fatte in precedenza. Eppure ci sono un sacco di elementi che mi sapevano fortemente di "già visto". Espressioni facciali, lineamenti  dei comprimari, grafica degli scenari, ed altro ancora. Devo ancora inquadrarne alcuni, ma so che prima o poi riuscirò a pescarli.

                                      La torre, per esempio, mi ricorda tantissimo una qualche illustrazione da un libro di Tolkien. Qualcosa tipo questo, ma SO che ce ne è un'altra che ci somiglia anche di più.
                                      Gli avventori della locanda malfamata, pure loro li ho già visti. Ma dove? Un po' ricordano i vichinghi di Dragon Trainer.  Qualcosa della Sposa Cadavere. Ma devo inquadrare meglio la suggestione.

                                      Raperonzolo coi capelli corti mi ricorda un sacco Will Vandom, per dirne una.
                                      Gli avventori della locanda malfamata mi hanno ricordato i pesanti di Gea, mischiati coi pirati di Laputa. Oltre ai vichinghi di DT che già hai citato.

                                      *

                                      Pacuvio
                                      Imperatore della Calidornia
                                      Moderatore

                                      • ******
                                      • Post: 11793
                                        • Offline
                                        • Mostra profilo

                                        Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                        Risposta #18: Mercoledì 8 Dic 2010, 18:11:43
                                        La discussione musicale continua qui
                                        « Ultima modifica: Mercoledì 8 Dic 2010, 18:13:35 da pacuvio »

                                        *

                                        Brigitta MacBridge
                                        Flagello dei mari
                                        Moderatore

                                        • *****
                                        • Post: 4726
                                        • Paperonuuuuccciooooo....
                                          • Offline
                                          • Mostra profilo

                                          Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                          Risposta #19: Mercoledì 8 Dic 2010, 19:33:17
                                          A parte il discorso sulla figlia, condivido tutto

                                          E vabbeh. Devo proprio ammetterlo. Il discorso sulla figlia mi è uscito proprio infelice. La realtà era al contrario: il film doveva intrattenere me e non far sbadigliare troppo mia figlia e mio marito, che ho trascinato al cinema sentra offrire loro possibilità di alternative. Questa era "l'aspettativa bassa" che mi ero prefissata ;)

                                          Per il resto del messaggio, ti ringrazio per l'approvazione. Ovvio che io sia d'accordo cone te, dato che ti sei detto d'accordo con me su tutto... ;)
                                          I miei teSSSSori: http://tinyurl.com/a3ybupd

                                          "You must be the change you want to see in the world" -- Gandhi

                                          *

                                          Brigitta MacBridge
                                          Flagello dei mari
                                          Moderatore

                                          • *****
                                          • Post: 4726
                                          • Paperonuuuuccciooooo....
                                            • Offline
                                            • Mostra profilo

                                            Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                            Risposta #20: Mercoledì 8 Dic 2010, 19:40:09
                                            Io avevo notato qualche espressione Dreamworks su certi sguardi fighetti di Flynn (tipo il ghignetto ammiccante e il sopracciglio alzato), ma forse è solo perché la Dreamworks ha il monopolio assoluto degli sguardi fighetti.
                                            Non solo Flynn. La stessa Rapunzel fa a volte la faccetta da "ops, non volevo ma ho fatto un pasticcio" che è uguale a certe facce di Fiona in Shrek. La cosa buffa è che non ho mai visto un attore in carne e ossa fare quella faccia, eppure il significato è chiarissimo .
                                            I miei teSSSSori: http://tinyurl.com/a3ybupd

                                            "You must be the change you want to see in the world" -- Gandhi

                                            *

                                            Grrodon
                                            Flagello dei mari
                                               (1)

                                            • *****
                                            • Post: 4041
                                            • Potere e Potenza!
                                              • Offline
                                              • Mostra profilo
                                               (1)
                                              Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                              Risposta #21: Mercoledì 8 Dic 2010, 20:38:05
                                              Il fatto che è la Disney è un impero che si fonda sul sonoro, il simbolo è Steamboat Willie, la materia prima creativa per i lungometraggi animati sono le Silly Symphonies, va da sé che il musical di broadway è la naturale evoluzione di tutto ciò. Il discorso canzoni sta proprio nel dna narrativo di Walt, per cui ripudiarlo è proprio un problema se si vuole apprezzare il cinema Disney.

                                              E ad ogni modo Treasure Planet è stupendo, ma lo è soprattutto per la sequenza cantata, che riassume TUTTI i pregi del film.

                                              E sinceramente tra fuori campo e non, la differenza è impercettibilissima. Sempre quello è lo scopo, il fine estetico, intra o extra diegetico che sia.

                                              *

                                              Vito
                                              Flagello dei mari

                                              • *****
                                              • Post: 4899
                                              • Life is like a hurricane
                                                • Offline
                                                • Mostra profilo

                                                Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                Risposta #22: Sabato 11 Dic 2010, 00:57:19
                                                Ho rivisto il film e ho perdonato tante cose, come Pascal che fondamentalmente non fa nulla di speciale, o la lacrima che ho compreso meglio nell'ottica di magia ancora presente in Rapunzel (che in questo modo risulta molto meno banale). Banale, purtroppo, rimane la sequenza immediatamente successiva con la gran festa e il lieto fine tutto miele, ma sarebbe tutto sommato passabile se avesse avuto una conclusione degna invece del vecchietto deturpatore.

                                                Per il resto confermo i suoi tantissimi lati positivi: grafica sublime, estetica e movenze dei personaggi (specie Rapunzel, che stabilisco come miglior personaggio femminile disneyano) impressionanti, ottimo coinvolgimento emotivo e ottima musica (che ho rivalutato ancora di più, adoro le canzoni di questo film). Ho apprezzato meglio perfino l'umorismo che alla prima visione avevo trovato in alcune parti esagerato.

                                                Come ho già detto, per me si mangia la Principessa e il Ranocchio (in senso positivo per Rapunzel, non negativo per Tiana).

                                                Toy Story 3 è stato un ottimo capitolo finale di una storica trilogia, ma io questa volta vorrei che l'Oscar andasse alla Disney.
                                                « Ultima modifica: Sabato 11 Dic 2010, 02:13:59 da Dollarone_89 »

                                                *

                                                Grrodon
                                                Flagello dei mari
                                                   (6)

                                                • *****
                                                • Post: 4041
                                                • Potere e Potenza!
                                                  • Offline
                                                  • Mostra profilo
                                                   (6)
                                                  Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                  Risposta #23: Lunedì 13 Dic 2010, 17:26:09
                                                  Rapunzel - L'intreccio della Torre (Tangled)



                                                  1. Una Lunga Lavorazione


                                                  Facevo il liceo quando per la prima volta sentii parlare di Rapunzel. Sono passati quasi dieci anni ma mi ricordo bene questo titolo svettare tra la lista di futuri progetti, alcuni concretizzatisi (Brother Bear, Lilo & Stitch, Enchanted) altri tristemente defunti (Antonius, Fantasia 2006, The Search of Mickey Mouse). Da allora in Disney sono successe tantissime cose, c'è stata una fase sperimentale in cui non si capiva quale direzione si volesse seguire, alla quale è seguita una crisi tremenda e infine una parziale rinascita. Al vertice si sono avvicendati i cattivi, poi di nuovo i buoni, mentre nel frattempo il panorama dell'animazione intorno alla Disney cambiava sempre più con l'ascesa di pericolosa concorrenza, frontiere autoriali che si aprivano dall'oriente, sfiducia da parte di un pubblico che regrediva sempre più volgendosi alla risata facile di stampo Dreamworksiano. La lavorazione di questo film è stata una vera cartina tornasole dei tumultuosi eventi che avvenivano intorno ad esso: ogni volta che la politica dirigenziale cambiava, anche il film veniva completamente rivoluzionato, se ne scrissero qualcosa come quattro versione diverse, anche radicalmente differenti tra loro, con intenti, stili e sensibilità spesso e volentieri opposte. Si ricordano a questo proposito la versione Classico Disney anni '90, oppure la sciaguratissima versione Unbraided, una sorta di Come d'Incanto all'incontrario in cui due moderni adolescenti venivano trascinati nel mondo delle fiabe fino a rubare le fattezze di Raperonzolo e del principe, a loro volta trasformati in una scoiattola e in un cane. Era la versione più Eisneriana, la risposta a Shrek di una Disney in piena crisi d'identità, ma si ricordano volentieri pure la versione dark di qualche anno fa. Un percorso travagliato che finisce dritto dritto su quella che potremmo idealmente definire la "versione hippie", arrivata finalmente al cinema quest'anno.

                                                  2. L'Animazione di Glen Keane


                                                  Una cosa però è quasi sempre rimasta costante: Rapunzel avrebbe dovuto essere un qualcosa di rivoluzionario che avrebbe impresso una svolta decisiva all'animazione computerizzata, conferendole le tipiche qualità espressive e recitative dell'animazione tradizionale, in una sorta di fusione del meglio di entrambe le tecniche. L'uomo chiave di questo progetto si chiama Glen Keane, che prima di fare un infarto (dal quale pare essersi ripreso!) doveva addirittura essere il regista del film, e che oggi è "solo" il produttore esecutivo e il supervisore di ogni briciolo di animazione presente sullo schermo, mentre la regia è passata in mano a Byron Howard (regista di Bolt) e Nathan Greno (che ha codiretto Super Rhino). Glen Keane è insieme ad Andreas Deja, Eric Goldberg, Mark Henn, Musker & Clements e molti altri, uno dei "nuovi vecchi", formatosi alla scuola di Eric Larson, e senza dubbio il miglior animatore della storia dell'umanità. Il grizzly di Red & Toby, Rattigan, Sykes, Ariel, Marahute, la Bestia, Aladdin, Pocahontas, Tarzan e Long John Silver sono tutte sue creazioni, che dimostrano la sua incredibile versatilità e l'immensa carica espressiva di ogni suo disegno. Basta vedere uno schizzo a matita di Glen per rendersi conto della forza che sprigiona ogni sua macchia di matita. Affidare al numero uno dell'animazione tradizionale la resa di un film in computer grafica, di UNA FIABA in computer grafica, concetto che sia le raffinate commedie Pixar che i cinepanettoni Dreamworks hanno contribuito a rendere ossimorico poteva sembrare un azzardo. Se però l'azzardo si fosse trasformato in un progetto ben preciso volto a nobilitare una CGI da sempre a disagio con la figura umana allora poteva essere diverso. L'animazione tradizionale di Glen Keane aveva saputo da sempre offrirci personaggi espressivi, facendo non poco sfigurare la CGI, incapace di trovare la giusta via di mezzo tra le simpatiche stilizzazioni estreme Pixariane o lo squallido fotorealismo della motion capture di Zemeckis: ora si trattava di applicare la cura di Glen Keane a questa tecnica d'animazione per vedere cosa ne sarebbe uscito. E Glen le sue idee chiare le aveva, e quindi attraverso ogni fase o riscrittura del film, ha sempre continuato ad istruire la crew di animatori 3D, animando personalmente in 2D una miriade di scene, mostrando ai discepoli come infondere lo stile Disney nei modelli poligonali di cui dovevano essere fatti i personaggi.
                                                  Col tempo e col passaparola questo proposito è fuoriuscito dalle porte degli studios fino a raggiungere il fandom, che per anni ci ha chiacchierato sopra arrivando ad immaginarsi mirabolanti fusioni 2d/3d in cui la resa sarebbe stata simile a quella di un dipinto, oppure ad una sorta di cel-shading su grande schermo. E invece no, non era tanto nella resa che risiedeva il cuore 2d del film, bensì in una miriade di altri fattori ben più profondi e importanti, tra cui la recitazione pura dei personaggi, il modo in cui i loro volti sono illuminati, e la loro stessa modellazione che richiama parecchio quella dei disegni 2d di Glen Keane sin nei minimi particolari. Un esempio a questo proposito può essere il fatto che gli occhi dei personaggi (persino del protagonista maschile) sono leggermente "ombrettati" in maniera da replicare alla perfezione la sottile linea nera del contorno occhi, uno dei punti forti dell'animazione tradizionale, che spesso e volentieri nella CGI era invece lasciata scontornata dando a certi umani del passato (la bimbetta di One Man Band, ad esempio) quel fastidioso effetto plasticoso. E questo è solo uno dei tanti piccoli tocchi, finezze che possono passare inosservate ma ad un livello inconscio aiutano a restituire il feeling che Glen Keane ha cercato di ricreare per amor della sua arte, il resto è dato dall'aspetto dei modelli, e dalla qualità dei loro movimenti, qualcosa che mai prima d'ora si era visto nella storia dell'animazione CGI.

                                                  3. Storia di una Ribellione


                                                  Passando poi all'opera finita, possiamo dire di trovarci davanti ad un film che ripropone il classicissimo stile Disney, con contaminazioni umoristiche moderne qua e là, in alcuni casi piuttosto riuscite, in altre meno. Certo è che la storia in sé è veramente ben fatta, e riesce a servirsi della fiaba originale, senza tradirla più di tanto, ma discostandosi da essa abbastanza da portare avanti la tradizione tutta Disneyana delle reinterpretazioni, piuttosto che degli adattamenti. Certo, lo schema compositivo della sceneggiatura è quanto di più classico si possa immaginare, ma a parte che la cosa ha sempre funzionato molto bene a livello di ritmi, penso che il messaggio che voglia far trasparire questo film è che se lo si fa nel modo giusto è possibile fare un film "come una volta" anche in CGI. Quindi rivoluzione, sì, ma più formale che contenutistica. Una sfida senza dubbio vinta, come del resto lo era stata secondo me anche quella inversa dell'anno scorso che voleva invece infondere il metodo narrativo Pixar, col suo setting più concreto e i suoi personaggi più realistici (per non parlare della musica di Randy Newman), all'interno della classicissima animazione tradizionale Disney. Ma anche se ben collaudato, questo processo di scrittura anche quest'anno riesce a restituirci alcuni spunti non banali e mai utilizzati prima d'ora in un Classico Disney: la protagonista Rapunzel, i cui capelli hanno un effetto terapeutico, viene rapita ai suoi genitori e rinchiusa nella torre da una megera che intende spacciarsi per sua madre pur di sfruttarne il magico potere. La megera in questione, Madre Gothel, ha come unico obiettivo quella di mantenersi giovane grazie ai capelli di lei, e per cercare di preservare questo dono non esita a costruire barriere intorno a Rapunzel specialmente psicologiche, senza mai farla uscire, e infondendo in lei la convinzione che il mondo esterno sia cattivo e che lei sia troppo bruttina e debole per riuscire a far fronte a tali orrori. Una violenza psicologica notevole, perpetuata negli anni, nei confronti di una ragazzina e che potrebbe ricordare un altro imprigionamento, quello di Quasimodo. C'è però una differenza sostanziale in tutto questo, ed è nel rapporto tra le due: se Frollo e Quasimodo avevano più che altro un rapporto tutore/allievo, quello che offre questo film è qualcosa di molto più disturbante, un rapporto genitoriale morboso, basato sull'inganno e la manipolazione, e uno filiale fatto di senso di colpa, disagio e insoddisfazione. Insomma, la biondina dai capelli lunghi (i quali non vengono mai tagliati per impedire che il loro potere si perda) alla sua presunta madre è sinceramente affezionata, e si avverte tutto il suo dispiacere quando si trova costretta a fuggire da lei, e in qualche punto del film viene da chiedersi se quella donna mostruosa di Gothel, tanto egoista e presa da sé stessa, non si sia minimamente affezionata alla "figlia" nel corso di questi 18 anni, pur non alimentando dubbio alcuno su quali siano le sue priorità. Ed è infatti molto più inquietante il rapporto tra le due quando è tranquillo e falsamente positivo rispetto a quando nel finale per ovvi motivi si fa via via più conflittuale. Ed è per questo che si può parlare di film hippie, dal momento che è la storia della liberazione di Rapunzel da queste catene psicologiche e della sua ingenua ribellione, che si traduce in una sorta di fuga dalla torre con l'aiuto e il supporto della bodyguard improvvisata Flynn Rider, bandito in corso di redenzione, e contrappunto picaresco (e un po' pagliaccesco) del film.

                                                  *

                                                  Grrodon
                                                  Flagello dei mari
                                                     (2)

                                                  • *****
                                                  • Post: 4041
                                                  • Potere e Potenza!
                                                    • Offline
                                                    • Mostra profilo
                                                     (2)
                                                    Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                    Risposta #24: Lunedì 13 Dic 2010, 17:28:19
                                                    4. La Musica di Alan Menken


                                                    Le notizie che si rincorrevano ai tempi delle prime versioni erano contraddittorie ma quasi tutte concordavo sul fatto che questo film in CGI non sarebbe stato solo una fiaba, ma addirittura un musical, nel senso più Disneyano del termine. Raccontare una storia tramite le canzoni, anche se molta gente non lo accetta, è sempre stato uno dei maggiori intenti estetici di Walt Disney, l'uomo che i Classici Disney li ha creati, intento che proprio in quegli anni stava cadendo in disuso a favore di esperimenti filmici più improntati all'azione (Atlantis, Treasure Planet), alla commedia (Le Follie dell'Imperatore, Lilo & Stitch) o con un limitato numero di canzoni originali (Chicken Little, I Robinson, Bolt). Koda Fratello Orso e Mucche alla Riscossa avevano segnato una piccola ripresa del musical, ma erano stati fortemente boicottati dalle alte sfere, frettolose di chiudere i conti con un passato che si pensava non più redditizio. Quindi Rapunzel rappresentava un'anomalia bella grossa in questo panorama anti-musical, tantopiù che a firmare le canzoni si vociferava essere una new entry, la compositrice Jeanine Tesori, che avrebbe firmato "capolavori" musicali come Mulan 2, La Sirenetta 3, o il musical di Shrek.
                                                    Menken in quel periodo stava facendo la muffa in teatro, e dopo l'esperienza minore (ma gustosa) di Mucche alla Riscossa non aveva più collaborato ai film Disney, un vero peccato considerando che il suo nome era stato un tempo sinonimo di classicismo. Ci voleva l'arrivo di Lasseter e soci al comando per ricoinvolgerlo nei progetti filmici, prima con la colonna sonora del film a scrittura mista Come D'Incanto, antipasto per la rinascita del 2D, e poi con la colonna sonora de La Principessa e il Ranocchio, incarico che però sarebbe passato quasi subito nelle mani del collega jazzistico Randy Newman. Non c'era dubbio che se si voleva tentare l'esperimento del Classico a tutti gli effetti era necessario che Rapunzel portasse la firma di Alan Menken, e quindi licenziata la versione Unbraided e tolta fortunatamente di mezzo la Tesori, si resettò la produzione consegnandoci il ritorno alla tradizione che nessuno avrebbe mai osato sperare.
                                                    La prima cosa che fece Menken fu dichiarare che Rapunzel avrebbe avuto sonorità rockeggianti, cosa che sconvolse tanti. Del resto stiamo parlando dell'uomo che scelse il gospel per parlarci di mitologia greca, le sonorità giamaicane per portarci in Danimarca, il jazz per le mille e una notte e lo Yodel per il vecchio west, quindi era logico che si sarebbe inventato qualcosa di atipico mischiando sonorità improbabili con collegamenti imprevedibili. E in questo caso il rock melodico anni '60 poteva descrivere alla perfezione questa fiaba hippie, che racconta della ribellione di una capellona, vera e propria "figlia dei fiori" in fuga da un sistema genitoriale castrante. Una concezione della fiaba sicuramente più innovativa e moderna di quanto in un decennio abbia fatto la tanto sbandierata Dreamworks di Katzenberg, che dietro una patina di ammiccante modernume ha sempre inserito idee piuttosto scontate.
                                                    Va detto che non è che nel prodotto finito questa anima rock si senta poi così tanto, ma quel che basta per descrivere al meglio la sognatrice Rapunzel il cui tema personale When Will My Life Begin apre il film offrendoci un modo radicalmente diverso di intendere la più classica delle I Want Song. Si sente la chitarra, la canzone è cantata fuori campo mentre la biondina passa a illustrare al pubblico, attraverso le mille attività che le tocca inventarsi nella torre per riempire le sue giornate, la sua condizione di prigioniera. E' una scena magnifica in cui la vediamo fare proprio di tutto, senza neanche rendersi conto dell'orrore della sua condizione: quel che vediamo infatti è una ragazza ingenua che pensa di star divertendosi e che un po' se la racconta, quando in realtà il suo sogno sarebbe uscire per scoprire il significato di quelle lanterne che i suoi veri genitori inviano ogni anno nei cieli per cercarla. Esistono ben due reprise di questa canzone, il primo dei quali è stato però brutalmente tagliato dal film ma inserito nella colonna sonora americana, mentre il secondo c'è eccome e descrive il momento in cui la ragazza per la prima volta scende dalla torre e si ritrova libera. E' un inno alla libertà, che riprende la melodia iniziale ma la trasforma abbandonando le sonorità rock in favore di un crescendo sinfonico da pelle d'oca in cui vediamo la biondina correre come un'indiavolata sul prato a piedi nudi mentre la telecamera, più dinamica che mai, le gira intorno danzando con lei. La seconda canzone del film è la villain song di Madre Gothel, Mother Knows Best, che sulle prime, col suo andamento recitativo da operetta, non sembrava essere una gran cosa, ma una volta vista all'interno del film si capisce quanto geniale possa essere: è una canzone dai toni melliflui il cui testo è quanto di più ironico, intelligente e divertente possa esistere all'interno della filmografia Disney. E' sicuramente il pezzo più teatrale, una scena completamente girata al buio dove le luci illuminano come un palcoscenico a volte Gothel e a volte Rapunzel, e in cui viene spiegato alla perfezione il tipo di rapporto malato che esiste tra le due. Tra un volteggio e l'altro la matrigna riesce a dare a Rapunzel dell'imbecille, a dirle che è brutta, incapace, il tutto tra un sorriso e una carezza e facendosi abbracciare al termine di tutto. Diabolicamente raffinato. E nella scena ci sono un paio di momenti veramente iconici come ad esempio Gothel che arrotola Rapunzel nei suoi capelli come un tappeto, mostrando coi fatti come sia capace di fare quello che vuole della figlia. E le espressioni mortificate della piccola sono davvero da oscar, il modo in cui le manca il terreno sotto i piedi dopo ogni affettuosa stilettata materna, il momento in cui si nasconde tra i capelli a mo' di casetta, quando al sentirsi dire che è brutta le trema la guancia come se stesse mettendosi a piangere, e soprattutto quando credendo di correre tra le braccia della madre si ritrova davanti ad un manichino mentre Gothel coi suoi atteggiamenti teatrali e egocentrici è da tutt'altra parte della stanza a scendere dalla scalinata come una diva. Bé potremmo essere davanti ad un esempio perfetto di come si possa dire con una canzone ben di più di quanto si potrebbe fare con una semplice scena di dialogo. Ci sarà più tardi nel film pure un potente reprise di questa canzone, meno mellifluo e sicuramente più sinistro, in cui Gothel cerca in tutti i modi di convincere Rapunzel a far ritorno tra le sue braccia instillandole il germe della sfiducia verso Flynn. In quell'occasione il nuovo palcoscenico diventerà il bosco, gli atteggiamenti di Gothel muteranno non poco e la storia verrà nuovamente messa in moto.
                                                    Con I've Got a Dream abbiamo il brano più umoristico, la famosa scena della baldoria nella locanda in cui Rapunzel, una volta libera, apre il cuore dei briganti spingendoli a rivelarsi per le mammole che sono. Un momento a dir poco trascinante, magari musicalmente non rivoluzionario ma molto classico, e visivamente forse il più indovinato. La sperimentazione qui è lasciata da parte, si tratta di un brano in pieno stile Broadway, con balli e canti, e sicuramente si ride tantissimo. Uncino che vorrebbe essere un pianista, Ulf che vuole fare il mimo, Vladimir che colleziona unicorni di porcellana sono un'idea più geniale dell'altra, e il testo della canzone si sposa con le immagini in maniera sempre imprevedibile. Siamo ai vertici dello humor Disney, quello delle caricature grottesche e delle risate a denti stretti, un qualcosa a cui dopo anni e anni di commediole in CGI bisognerebbe essere assuefatti, ma che invece risplende in modo fulgido, grazie alla sua raffinatezza.
                                                    E poi si arriva nel regno dove troviamo un paio di scene da capogiro. E la cosa più incredibile è che la prima delle due non è una canzone ma un brano strumentale. Menken aveva sempre lavorato fondendo storia, immagini, temi dei personaggi e reprise, costruendo una colonna sonora al totale servizio del film, in cui la storia veniva raccontata anche attraverso i richiami alle varie canzoni, però raramente si potevano individuare veri e propri brani strumentali che potessero vivere di vita propria alla pari delle canzoni, e invece qui succede e si tratta della Kingdom Dance, la scena madre del film in cui Rapunzel e Flynn entrano nella cittadina medioevale. Sembra di star vagando nella Hyrule Town di The Legend of Zelda: Twilight Princess e la cosa non può che essere deliziosa. Rapunzel e Flynn passano una giornata insieme innamorandosi sempre più e il tutto è raccontato in questa scena, che svolge un po' il ruolo che fu delle "canzoni della crescita" in cui le scene del loro avvicinarsi progressivamente durante la giornata vengono incrociate nel montaggio con questa danza inebriante che una Rapunzel dai capelli intrecciati e ricoperti di fiori fa completamente scalza coinvolgendo popolani di ogni età e sesso in un momento di comunione spirituale a dir poco dionisiaca. L'animazione di lei è qualcosa di sconvolgente, un risultato che solo un esteta visionario avrebbe potuto ottenere da una tecnica come la CGI che si credeva fredda. Rapunzel danza in maniera ingenua e allo stesso tempo sembra una che ne sa, e quando si lascia andare e va in estasi ad occhi chiusi sembra proprio di essere all'epoca degli hippie. Un risultato straordinario, sottolineato da un brano trascinante e dal sapore puramente medioevale che termina solo nel momento in cui i due futuri amanti riescono a congiungersi dopo esser stati per tutta la danza continuamente sviati dal caos della folla in festa. Da brivido.
                                                    E dopo un momento di festa così intenso si ha la scena più rilassante e serena, dove esplode il tema d'amore, quell'I See the Light che la Disney vuole candidare come miglior canzone agli Oscar di quest'anno. E' una scena veramente magica, in cui i due guardano finalmente le lanterne salire nel cielo nella notte stellata da sopra un'imbarcazione sul laghetto illuminato. Tornano questa volta le sonorità rock, ma è un rock lento che serve a descrivere l'evoluzione caratteriale di Rapunzel finalmente in pace con sé stessa e innamorata. Si tratta di un'altra canzone che ascoltata da sola poteva apparire molto più banale e meno significativa di quel che in realtà è, una volta collocata nel giusto contesto, e lo stesso si può dire un po' di tutta questa colonna sonora menkeniana che i più hanno criticato sottolineandone la scarsa incisività rispetto al passato. Forse è vero che non raggiunge i livelli spettacolari di un Gobbo di Notre Dame ma stiamo pur sempre parlando di film diversi, con intenti e storie diverse. E Menken dimostra di saperci fare reinventandosi ogni volta, e ponendosi al servizio dell'esigenza del momento, sia che si tratti di un'opera epica come il Gobbo, di un'opera leggera come Mucche, o di un'opera citazionistica come Enchanted. E sfido chiunque il film l'abbia davvero visto a dire che anche una sola di queste canzoni, una volta collocata al suo posto, sia fuoriposto, superflua o poco appropriata nel contesto. C'è persino una canzone brevissima, la Healing Incantation che ricorre più e più volte nel film e che ha un suo preciso ruolo, essendo la formula magica che attiva i capelli di Rapunzel. Un brano magico che sarebbe stato bello poter ascoltare in versione più estesa, ma che deve piegarsi anche lui alle esigenze di narrazione. Unico brano non di Menken del lotto è la cover pop Something That I Want presente nei credits, che offrono disegnetti simpaticissimi e leggermente burtoniani che descrivono la storia del film, e tocca dirlo, stavolta è perfettamente indovinata pure questa, simpatica e trascinante.

                                                    5. Flynn e gli Altri Personaggi


                                                    Per quanto riguarda il cast di personaggi, tenderei a ricordare che oltre che di fronte ad una cattiva molto riuscita ci troviamo davanti alla protagonista femminile Disney probabilmente più adorabile di sempre. La più credibile, la più espressiva, la più simpatica, e ottimo esempio di tutto questo è la mitica scena degli sbalzi di personalità appena uscita dalla torre. Mai si era vista una principessa Disney così buffa e nel contempo affascinante. E dire questo di un film in CGI è una gran cosa, specie dopo tutto il discutere di figura umana che si è fatto negli anni passati. Si sarebbe potuto esigere decisamente di più dal personaggio di Flynn Rider che invece non si discosta molto dallo stereotipo del bandito disinvolto e materialista che però ha un cuore d'oro. E va detto che per tutta la prima parte del film, prima della sua repentina maturazione, i suoi modi sempre sopra le righe e il suo atteggiamento egocentrico e disinvolto creano parecchi scompensi di registro al film, apparendo come note un po' stonate...che diventano molto stonate nell'adattamento italiano. Adattamento che non penso sia stato fatto poi così male, le canzoni adattate da Lorena Brancucci tendono un po' al banale, d'accordo, ma si nota un progresso rispetto ai suoi primi adattamenti incerti in Come D'Incanto e La Principessa e il Ranocchio. Certo ci sarebbe da eliminare qua e là dai titoli una quindicina di "sogno" messi a casaccio, ma in fin dei conti trovo che I've Got a Dream, vero banco di prova della qualità dell'adattamento faccia ridere anche in italiano, e tanto mi basta. Laura Chiatti nel ruolo di Rapunzel la invecchia un tantino ma trovo abbia fatto un lavoro validissimo, mentre il vero problema è Morelli e il suo Flynn, che come si diceva sopra, è un tarlo del film. I monologhi esibizionisti di Flynn vengono decisamente appesantiti da un'interpretazione monocorde, che rovina la sospensione d'incredulità. Sentirlo poi pronunciare delle frasi in romanesco, del tutto involontariamente suona proprio male, specie se si pensa che il personaggio avrebbe potuto avere una resa ben diversa se affidato ad un doppiatore professionista come Massimiliano Alto che ne interpreta la voce cantata o Nanni Baldini che lo interpretava nei trailer. Invece molto buono Mario Biondi nel ruolo di Uncino e un po' tutti gli avventori della locanda, personaggi graficamente straordinari che offrono un contrappunto comico davvero apprezzabile (sì, persino il vecchietto ubriaco è adorabile, anche se ovviamente avrei evitato di affidargli la chiusa). Inquietanti invece i fratelli Stabbington, con Pino Insegno che doppia l'unico a parlare dei due, dimostrando una volta di più la sua capacità di doppiatore capace di passare dal protagonista maschile (John Smith) a spalla comica (Louis) per finire a fare il cattivo. E poi vengono ovviamente le spalle comiche ufficiali, animali che stavolta non parlano: il camaleonte Pascal e il cavallo Maximus. Il primo è abbastanza inutile, diciamocelo, è un semplice contrappunto, interlocutore minimalista di Rapunzel che si limita a fare un paio di versetti e sorrisini, ma che non risulta assolutamente invasivo o pecoreccio come ci si aspetterebbe ormai purtroppo dalle spalle comiche, il secondo è un colpo di genio. Se dai trailer poteva sembrare il cavallo di Flynn o di Rapunzel, scoprire nel film che è una sorta di attivissimo antagonista, irriducibile nel voler catturare Flynn è sicuramente un sorpresone. E' un personaggio graficamente eccezionale, il giusto sunto di tutti i cavalli Disney che si sono avvicendati nel corso degli anni dal Ronzino di Cenerentola al Pegaso di Hercules, passando per il Sansone della Bella Addormentata nel Bosco, e le sue gag fisiche, nevrotiche, violente, e i suoi duetti con Flynn sono veramente uno dei punti di forza del film, occasioni in cui mostra tutta la sua energia. Perché va ricordato che questo è un film molto energico, con una buona dose d'azione, diretta in modo magistrale. Mi riferisco sia al combattimento tra l'uomo e il cavallo che avviene vicino alla diga, che alla scena in cui i due protagonisti sono intrappolati nelle rocce con l'acqua che sale e a un passo dalla morte svelano i propri segreti, per non parlare della liberazione di Flynn per mano dei vichinghi, un concentrato di gag divertenti ma nello stesso tempo ben dosate, e la "battaglia finale" nella Torre ricca di scene ad alto pathos, rese con una regia molto buona.
                                                    « Ultima modifica: Lunedì 13 Dic 2010, 19:55:24 da Grrodon »

                                                    *

                                                    Grrodon
                                                    Flagello dei mari
                                                       (2)

                                                    • *****
                                                    • Post: 4041
                                                    • Potere e Potenza!
                                                      • Offline
                                                      • Mostra profilo
                                                       (2)
                                                      Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                      Risposta #25: Lunedì 13 Dic 2010, 17:29:24
                                                      6. La Riconquista del Pubblico


                                                      Quando La Principessa e il Ranocchio "floppò" al botteghino, sembrava la fine per le fiabe Disneyane, che erano timidamente tornate al cinema per farsi cacciare a calci, secondo la visione dei dirigenti Disney. Non era più il caso di riprovarci, e se avessero potuto avrebbero stoppato anche Rapunzel, che però era quasi pronto. Una rinascita abortita in partenza quindi, e l'unica cosa secondo loro da fare era stoppare i lavori sulla Regina delle Nevi, King of Elves e qualsiasi altro progetto potesse avere un reale nel titolo. Cancellare Rapunzel non si poteva, quindi l'unica cosa da fare era cambiare il titolo nel più commedioso e meno iconico Tangled (sciagura che noi italiani abbiamo scampato, come anche il cacofonico Raperonzolo), e portare avanti una campagna pubblicitaria alquanto fuorviante che cercava di sviare in tutti i modi l'attenzione dal lato fiabesco ed emozionante per buttare tutto sul ridere. Almeno si sarebbero limitati i danni. Uscirono così dei trailer alquanto farlocchi in cui si cercava di spacciare il film come miscela esplosiva unicamente d'azione e umorismo, arrivando persino ad inserire una manciata di animazioni puramente slapstick del tutto assenti dal film, come ad esempio Flynn che viene gettato dalla torre legato alla sedia, o che viene sommerso dalla chioma di lei, o Rapunzel che fa il kung fu coi capelli. Per non parlare poi dei trailer demenziali che pubblicizzavano finti prodotti legati al film, o quello demenzialissimo che parodizzava il double rainbow. Insomma una campagna promozionale volta a vendere un prodotto sviando il più possibile dal suo vero valore, nella speranza che prima della riorganizzazione degli studios il film potesse passare sufficentemente inosservato per poter candidare il pur bellissimo Toy Story 3 all'Oscar come Miglior Film, senza dover fronteggiare un imbarazzante calo d'immagine e un impiccio indesiderato. Poveri sciocchi, Rapunzel non solo non avrebbe causato alcun danno al botteghino, ma sarebbe stato un gran successo. Questo film portato avanti tra mille problemi e in cui al momento dell'uscita la dirigenza non credeva più ha avuto un incasso di tutto rispetto, un successo come da tempo non se ne vedevano in casa Disney. Certo, chiunque a posteriori potrebbe affermare che siano i frutti "dell'intelligentissima" manovra di marketing operata, ma va considerato anche il fattore passaparola. E se veramente un musical fiabesco non fosse adatto al pubblico odierno la cosa sarebbe emersa poco dopo e la "truffa" svelata. E invece Rapunzel piace eccome, per cui godiamoci questo momento dorato pensando che molto probabilmente Tiana ha aperto la strada ad una rinascita, rieducando un pubblico che al termine del 2009 era ancora scettico (e distratto da A Christmas Carol), a credere nuovamente nella Disney, un pubblico occasionale che magari avrà visto La Principessa e il Ranocchio se non al cinema magari in streaming, in dvd, o a casa d'altri, o che ne ha sentito parlare bene e passo passo a ripreso a fidarsi. E con questi presupposti qualitativi pure gli appassionati dovrebbero d'ora in poi approcciarsi alle scelte dei WDAS con maggior ottimismo, senza storcere troppo il naso di fronte ai prossimi progetti, dai più improbabili (Winnie the Pooh) a quelli apparentemente più modernisti ma in realtà dotati di un immenso potenziale (Reboot Ralph, Mort), dal momento che questi signori ci hanno finalmente dimostrato di voler tornare a far film qualitativamente impeccabili.
                                                      E a questo proposito godiamoci anche il bellissimo regalo che i WDAS quest'anno hanno fatto ai loro fan più storici facendo precedere e seguire il loro film da una bellissima variante del logo con Stemboat Willie che specifica a chiare lettere che questo è il 50th Animated Feature, fornendo una risposta e una chiusura definitiva alla querelle sulla Lista dei Classici che ormai da dieci anni tormentava gli animi dei fan più accaniti. Con questo bel numerone rosso posto addirittura all'interno di un loro film viene definito una volta per tutte il Canone Ufficiale Disneyano, riconoscendo con onestà al suo interno anche i meno riusciti film in CGI, e fornendoci così una cartina tornasole di quella che tra alti, bassi, e altissimi (non trovo ci siano mai stati bassissimi) è la vera storia dello studio d'animazione più importante del mondo.



                                                      da La Tana del Sollazzo
                                                      « Ultima modifica: Lunedì 13 Dic 2010, 18:46:09 da Grrodon »

                                                      *

                                                      alec
                                                      Dittatore di Saturno

                                                      • *****
                                                      • Post: 3884
                                                      • Novellino
                                                        • Offline
                                                        • Mostra profilo

                                                        Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                        Risposta #26: Giovedì 16 Dic 2010, 23:09:37
                                                        Chiaro che sia stato un successo.  La Disney propone fiabe animate da settant'anni. Cambiare tendenza avrebbe snaturato lo stesso concetto di lungometraggio animato in chiave Walt. Continuino così!!!!! ;) ;) ;)

                                                        *

                                                        Tigrotta
                                                        Gran Mogol
                                                           (1)

                                                        • ***
                                                        • Post: 547
                                                        • The wonderful thing about Tiggers...
                                                          • Offline
                                                          • Mostra profilo
                                                           (1)
                                                          Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                          Risposta #27: Domenica 19 Dic 2010, 17:15:12
                                                          Pant... Pant... Finalmente ho finito di leggere tutte le recensioni del Papersera, del Sollazzo e del Disney Forum (in particolare queste ultime che si moltiplicano di giorno in giorno) e posso dire la mia.

                                                          Questo film l'ho visto due volte. La prima volta il 5 dicembre, come mi piace tanto fare, e devo dire di essermi un pò rovinata la visione perché... mi sono emozionata troppo! Ero tesissima, mi è battuto forte il cuore per tutta la durata del film! Questa cosa non mi era mai successa prima e un pò mi ha disturbato, quindi ho deciso di rivedere il film il sabato dopo, cosa che solitamente non faccio per motivi economici, con a seguire Nightmare before Christmas in 3d.
                                                          Ma bando alle ciance, il film neanche a dirlo è bellissimo, una cosa che mi ha colpito è che sui 3 forum che frequento è piaciuto, a chi più a chi meno, a tutti!
                                                          Le scene che più ho apprezzato, riconoscibilissime dal tremore alle gambe della prima visione, sono state la discesa di Rapunzel dalla torre con successiva reprise di "When Will My Life Begin" e cambiamenti d'umore di Rapi, mio fratello in quel momento ha sussurrato: "E' Giulia, è Giulia (rivolto a me)! Anche tu fai così!", la "Kindom Dance", "I see the light", il taglio di capelli e le scene con il re e la regina. I tre personaggi principali sono ben caratterizzati, in particolare Rapunzel che è diventata una delle mie protagoniste femminili Disney preferite (le altre sono Belle e Mulan). Maximus e Pascal sono simpatici anche se non mi hanno detto molto. Poi ci sarebbero tante altre cose da scrivere ma che sono già state dette meglio da altri e a me non piace ripetere concetti già espressi.

                                                          Infine voglio ringraziare tutti coloro che hanno sostenuto il piccolo evento che ho creato su facebook per promuovere il film. Grazie! Se qualcuno si vuole aggiungere fa ancora in tempo.
                                                          Tata a te, tata per ora! (Tigro)

                                                          *

                                                          V
                                                          Dittatore di Saturno

                                                          • *****
                                                          • Post: 3277
                                                          • Torino
                                                            • Offline
                                                            • Mostra profilo

                                                            Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                            Risposta #28: Domenica 19 Dic 2010, 20:28:37
                                                            economici, con a seguire Nightmare before Christmas in 3d.

                                                            Uao, dove sei riuscita a vederlo? com'è con il 3D?
                                                            Quando hai capito che è tutto uno scherzo, essere Il Comico è l'unica cosa sensata.
                                                            Watchmen, Alan Moore and Dave Gibbons

                                                            Disney Compendium Don Rosa: http://www.ilsollazzo.com/c/disney/lista/fumetti-donrosa

                                                            Il mio mercatino: http://www.papersera.net/forum/index.php/topic,6635.0.html

                                                            *

                                                            Tigrotta
                                                            Gran Mogol

                                                            • ***
                                                            • Post: 547
                                                            • The wonderful thing about Tiggers...
                                                              • Offline
                                                              • Mostra profilo

                                                              Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                              Risposta #29: Domenica 19 Dic 2010, 21:09:35
                                                              Al Madison di Roma, ma ormai lo hanno tolto.
                                                              Il 3d si sente molto poco, è quasi inutile, ma è stato bello lo stesso vedere questo film al cinema.
                                                              Tata a te, tata per ora! (Tigro)

                                                              *

                                                              dany91
                                                              Gran Mogol

                                                              • ***
                                                              • Post: 557
                                                              • Se c'è rimedio perchè ti preoccupi?
                                                                • Offline
                                                                • Mostra profilo

                                                                Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                                Risposta #30: Domenica 19 Dic 2010, 22:10:58
                                                                *SPOILER*


                                                                - Il finale. Ecco, di questo avevo paura. Di un finale scontato e banale con il “vissero tutti felici e contenti”, il bacio del vero amore e la sconfitta del cattivo. E ho avuto tutto, lol. Merda. Sia chiaro, non sono uno di quelli che schifa il lieto fine, anzi. Ma sono uno di quelli che avrebbe preferito che le cose andassero risolte diversamente. Quando Rapunzel ha cominciato a piangere ho sentito i miei amici di fianco dire “vabbè, ecco la lacrima che salverà la vita a Flynn” con aria un po' seccata, e io in mente mia ho pensato “ma no, figurati se la Disney mi fa questa banalità, adesso arriva la sorpresona gestita con maestria e mi farà gridare al capolavoro”. No, Flynn si sveglia. E si sposano. E vissero felici e contenti. Peccato, perché l'atmosfera creatasi in sala (nonostante fossimo solo 6 persone) puzzava di sfottò e io mi sono sentito un po' a disagio, cosa che non volevo assolutamente nel climax finale.

                                                                ma scusa, è un Classico Disney.. non mi pare di aver mai visto un Classico che non avesse il "banale" (magari cambiando qualcosa certo) vissero felici e contenti.. ma forse c'ho un lapsus...  ;D
                                                                « Ultima modifica: Domenica 19 Dic 2010, 22:11:47 da dany91 »

                                                                *

                                                                Vito
                                                                Flagello dei mari

                                                                • *****
                                                                • Post: 4899
                                                                • Life is like a hurricane
                                                                  • Offline
                                                                  • Mostra profilo

                                                                  Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                                  Risposta #31: Lunedì 20 Dic 2010, 01:07:11
                                                                  Mica non volevo l'happy ending, solo magari non in modo così prevedibile... non è che Classico Disney significa aspettarsi l'ovvio e il lieto fine con lo stampino... Potevano esserci tanti altri finali buoni usati meglio.

                                                                  *

                                                                  V
                                                                  Dittatore di Saturno

                                                                  • *****
                                                                  • Post: 3277
                                                                  • Torino
                                                                    • Offline
                                                                    • Mostra profilo

                                                                    Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                                    Risposta #32: Giovedì 23 Dic 2010, 21:21:05
                                                                    Visto, non in 3D, e non sapevo che cosa aspettarmi.

                                                                    Devo dire, sono più che soddisfatto, bei personaggi, stupende scenografie, grandi psicologie, musiche carine, specie quella della locanda (e quella strumentale al villaggio, proprio bella).
                                                                    Madre Gothel è un personaggio supendo, così come Rapunzel.
                                                                    Il tutto però mi ha lasciato un'impressione di freddezza, che non so come spiegare. Non mi ha scaldato il cuore, al contrario della Principessa e il Ranocchio.
                                                                    Certo che il finale resta bellissimo,
                                                                    con il ricongiungimento con i genitori. Un film da pieni voti, senza dubbi,
                                                                    che però ha qualcosa che manca, ma non so che cos'è.
                                                                    Quando hai capito che è tutto uno scherzo, essere Il Comico è l'unica cosa sensata.
                                                                    Watchmen, Alan Moore and Dave Gibbons

                                                                    Disney Compendium Don Rosa: http://www.ilsollazzo.com/c/disney/lista/fumetti-donrosa

                                                                    Il mio mercatino: http://www.papersera.net/forum/index.php/topic,6635.0.html

                                                                    *

                                                                    Vito
                                                                    Flagello dei mari

                                                                    • *****
                                                                    • Post: 4899
                                                                    • Life is like a hurricane
                                                                      • Offline
                                                                      • Mostra profilo

                                                                      Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                                      Risposta #33: Martedì 28 Dic 2010, 17:53:48
                                                                      Visto al cinema ieri per la terza volta (in vita mia non ero mai andato a vedere lo stesso film più di due volte), dopo averlo visto pure in streaming in qualità schifida. E stavolta col pubblico di massa e senza 3d e i suoi occhialini scurissimi. Finalmente!

                                                                      Ero curioso di sentire le reazioni delle persone, che ridevano di gusto e si emozionavano nei momenti di tensione. E alla fine c'è stato pure un timido applauso, cosa che mi aspettavo molto poco da un pubblico campano pecorone. Due ragazze fighette all'uscita dalla sala borbottavano: "Noo, ma io lo denuncio a Walt Disney! Non può traumatizzare così i bambini... madò, troppo bello!!!"

                                                                      Il mio giudizio si è molto ammorbidito, a furia di sentire Morelli mi sembra quasi meno sgradevole e più accettabile a ogni visione. La storia mi piace sempre di più (se ci si riflette, i buchi di trama non ci sono), i personaggi pure, le canzoni sarò esagerato ma le trovo bellissime a ogni riascolto. La sola cosa della quale continuo a dispiacermi (anche se la rabbia non c'è più) è l'ultimo minuto di film che rimane banale e stupidino, ma ormai non è più il caso di starci a fare le pulci.

                                                                      Oltretutto ieri sera ho rivisto anche La Bella e la Bestia, e... ci ho trovato mooolti più difetti e sgradevolezze di questo film... non me l'aspettavo. Fino a qualche mese fa per me era LA PERFEZIONE. :P

                                                                      *

                                                                      New_AMZ
                                                                      Sapiente Ciminiano

                                                                      • ******
                                                                      • Post: 8066
                                                                      • Nuove Argomentazioni Modificate Zootecnicamente
                                                                        • Offline
                                                                        • Mostra profilo

                                                                        Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                                        Risposta #34: Martedì 28 Dic 2010, 19:27:55
                                                                        Oltretutto ieri sera ho rivisto anche La Bella e la Bestia, e... ci ho trovato mooolti più difetti e sgradevolezze di questo film... non me l'aspettavo. Fino a qualche mese fa per me era LA PERFEZIONE. :P

                                                                        Mah... lo spezzone del ballo è qualcosa di assolutamente finto e brutto a vedersi.
                                                                        "Una omnia di Scarpa è un po' come avere la discografia completa dei Beatles, o un "vocabolario" del fumetto Disney." - cit.

                                                                          Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                                          Risposta #35: Martedì 28 Dic 2010, 22:34:07
                                                                          Visto proprio stasera con nipotame e cuginetti, tutti soddisfatti e anch'io, fan come voi dell'animazione Disney. Bella storia non banale, personaggi interessanti e protagonisti simpatici; ho proprio vissuto con curiosità e trepidazione il bivio in cui si trova Rapunzel nella parte cruciale del film, bivio risolto con un "colpo di scena" che non mi aspettavo.
                                                                          Tutto sommato soddisfatto del finale e anche del lieto fine; personalmente non vorrei più intristirmi come è successo all'inizio della visione di UP. :)

                                                                            Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                                            Risposta #36: Giovedì 30 Dic 2010, 02:17:17
                                                                            Io il film non l'ho ancora visto, ma mi sorge una curiosità. Che ne è del corto Tick Tock Tale? Lo proiettano prima del film? O dovremo aspettare l'Home Video?

                                                                            *

                                                                            Bramo
                                                                            Dittatore di Saturno
                                                                               (1)

                                                                            • *****
                                                                            • Post: 2974
                                                                            • Sognatore incallito
                                                                              • Offline
                                                                              • Mostra profilo
                                                                               (1)
                                                                              Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                                              Risposta #37: Giovedì 30 Dic 2010, 10:38:42
                                                                              Io il film non l'ho ancora visto, ma mi sorge una curiosità. Che ne è del corto Tick Tock Tale? Lo proiettano prima del film? O dovremo aspettare l'Home Video?
                                                                              Seee... ;D
                                                                              Il corto Tick Tock Tale percorrerà lo stesso brillante destino di Glago's Guest e Ballad of Nessie... non lo vedremo mai. Vengono proiettati se va bene all'interno di qualche festival dell'animazione e a noi non sarà mai dato di goderne. Il motivo di questa intelligentissima politica è per me ancora decisamente oscuro... :-X

                                                                              *

                                                                              cianfa88
                                                                              Diabolico Vendicatore

                                                                              • ****
                                                                              • Post: 1404
                                                                              • SI...è Siena!
                                                                                • Offline
                                                                                • Mostra profilo

                                                                                Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                                                Risposta #38: Martedì 4 Gen 2011, 14:55:19
                                                                                Intanto Rapunzel sia in Italia che negli Stati Uniti ha sverniciato Megamind, il cui mezzo flop è secondo me da imputarsi dal successo dell'apparentemente simile Cattivissimo Me.

                                                                                 8-)

                                                                                *

                                                                                Andrea87
                                                                                Uomo Nuvola
                                                                                   (1)

                                                                                • ******
                                                                                • Post: 6564
                                                                                • Il terrore di Malachia!
                                                                                  • Offline
                                                                                  • Mostra profilo
                                                                                   (1)
                                                                                Nel tempo dell'inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario (G. Orwell)

                                                                                *

                                                                                alec
                                                                                Dittatore di Saturno

                                                                                • *****
                                                                                • Post: 3884
                                                                                • Novellino
                                                                                  • Offline
                                                                                  • Mostra profilo

                                                                                  Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                                                  Risposta #40: Sabato 14 Gen 2012, 00:32:29
                                                                                  Intanto Rapunzel sia in Italia che negli Stati Uniti ha sverniciato Megamind, il cui mezzo flop è secondo me da imputarsi dal successo dell'apparentemente simile Cattivissimo Me.

                                                                                   8-)
                                                                                  §Beh, non c'è paragone.... ;)

                                                                                  *

                                                                                  alec
                                                                                  Dittatore di Saturno

                                                                                  • *****
                                                                                  • Post: 3884
                                                                                  • Novellino
                                                                                    • Offline
                                                                                    • Mostra profilo

                                                                                    Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                                                    Risposta #41: Domenica 5 Feb 2012, 23:05:01
                                                                                    Rivisto proprio oggi Rapunzel in DVD, complice il gelo che non accenna a diminuire. Unica osservazione:  mancano momenti davvero "spaventevoli" ed un po' thriller, di quelli che in passato hanno fatto gridare allo scandalo i "benpensanti" anti-Disney. A parte la matrigna che cade dalla finestra della torre non c'è nulla del genere. Con una cattivona di tal fatta qualche scena forte, da far chiudere gli occhi ai bambini, ci sarebbe stata bene.  ;)
                                                                                    PS: le scene d'inseguimento sono davvero magnifiche!

                                                                                    *

                                                                                    Vito
                                                                                    Flagello dei mari

                                                                                    • *****
                                                                                    • Post: 4899
                                                                                    • Life is like a hurricane
                                                                                      • Offline
                                                                                      • Mostra profilo

                                                                                      Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                                                      Risposta #42: Domenica 5 Feb 2012, 23:48:27
                                                                                      Bè, però Flynn che viene ACCOLTELLATO e poi MUORE, mentre Rapunzel gli piange addosso mi sembra una cosa abbastanza turbante, ed è successo a me a 22 anni.

                                                                                      Poi anche Flynn che realizza di stare per essere impiccato, con quel suo "Oh...." mentre si tocca il collo mi è sembrata una scena molto toccante ed inquietante nella sua delicatezza.
                                                                                      « Ultima modifica: Domenica 5 Feb 2012, 23:49:59 da Dollarone_89 »

                                                                                      *

                                                                                      alec
                                                                                      Dittatore di Saturno

                                                                                      • *****
                                                                                      • Post: 3884
                                                                                      • Novellino
                                                                                        • Offline
                                                                                        • Mostra profilo

                                                                                        Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                                                        Risposta #43: Lunedì 6 Feb 2012, 00:03:50
                                                                                        Sì, ma la forca si vede mooolto in lontananza...ecco, lì avrei reso tutto più..estremo!
                                                                                        « Ultima modifica: Lunedì 6 Feb 2012, 00:04:30 da alec »

                                                                                        *

                                                                                        V
                                                                                        Dittatore di Saturno

                                                                                        • *****
                                                                                        • Post: 3277
                                                                                        • Torino
                                                                                          • Offline
                                                                                          • Mostra profilo

                                                                                          Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                                                          Risposta #44: Lunedì 6 Feb 2012, 00:46:51
                                                                                          Bè, per quanto riguarda Rapunzel a mio parere è proprio il cattivo ad essere destabilizzante, nella sua finta dolcezza e nel suo ipocrita affetto.
                                                                                          La madre come villain, quello sì che è spaventole, quello sì che è un pericolo che non vorresti mai che diventasse reale, un incubo in cui mai vorresti precipitare.

                                                                                          Altro che matrigne distanti o draghi sputafuoco.
                                                                                          Quando hai capito che è tutto uno scherzo, essere Il Comico è l'unica cosa sensata.
                                                                                          Watchmen, Alan Moore and Dave Gibbons

                                                                                          Disney Compendium Don Rosa: http://www.ilsollazzo.com/c/disney/lista/fumetti-donrosa

                                                                                          Il mio mercatino: http://www.papersera.net/forum/index.php/topic,6635.0.html

                                                                                          *

                                                                                          alec
                                                                                          Dittatore di Saturno
                                                                                             (1)

                                                                                          • *****
                                                                                          • Post: 3884
                                                                                          • Novellino
                                                                                            • Offline
                                                                                            • Mostra profilo
                                                                                             (1)
                                                                                            Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                                                            Risposta #45: Lunedì 6 Feb 2012, 21:49:48
                                                                                            Bè, per quanto riguarda Rapunzel a mio parere è proprio il cattivo ad essere destabilizzante, nella sua finta dolcezza e nel suo ipocrita affetto.
                                                                                            La madre come villain, quello sì che è spaventole, quello sì che è un pericolo che non vorresti mai che diventasse reale, un incubo in cui mai vorresti precipitare.

                                                                                            Altro che matrigne distanti o draghi sputafuoco.
                                                                                            In effetti, la cattiveria della donna si avverte durante tutto il film, te la senti sul collo...ma qualche primo piano sullo sguardo torvo non lo avrei risparmiato.  Sono d'accordo con te, è uno dei villains più temibili del cinema Disney...perfino più di Crudelia, che è in fondo una perfida inetta...

                                                                                              Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                                                              Risposta #46: Mercoledì 5 Giu 2013, 04:01:02
                                                                                              Visto l'altra sera con la mia ragazza.
                                                                                              A tutte e due è piaciuto un sacco, sinceramente. :)
                                                                                              Belle le canzoni, le animazioni, la storia fila ed è divertente!
                                                                                              Più che altro, non so se l'ho notato solo io, ma ha un non so che di magia dei vecchi cartoni Disney, magari è stato un effetto singolare, ma è la mia sensazione è stata questa.

                                                                                              Ah, ADORO Pascal, è bellissimo. ;D

                                                                                              Ora, next: UP.

                                                                                              Che ancora mi manca, si, buttatemi tutto addosso. XD

                                                                                              *

                                                                                              Garalla
                                                                                              Dittatore di Saturno

                                                                                              • *****
                                                                                              • Post: 3152
                                                                                              • ex Topo_Nuovo ex ASdrubale
                                                                                                • Offline
                                                                                                • Mostra profilo
                                                                                                • La soffitta di Camera Mia

                                                                                                Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                                                                Risposta #47: Giovedì 6 Giu 2013, 09:30:27
                                                                                                Penso che Rapunzel sia riuscito a coniugare CGI e molti aspetti cari al rinascimento Disney, tanto da assomigliare parecchio a quei film.
                                                                                                Io devo ancora vedere Wall-E xD
                                                                                                La Soffitta di Camera Mia è un canale youtube che tratta di fumetti. Ogni Lunedì il video sul Topolino della settimana precedente.

                                                                                                https://www.youtube.com/lasoffittadicameramia

                                                                                                  Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                                                                  Risposta #48: Mercoledì 12 Giu 2013, 22:19:24
                                                                                                  Penso che Rapunzel sia riuscito a coniugare CGI e molti aspetti cari al rinascimento Disney, tanto da assomigliare parecchio a quei film.
                                                                                                  Io devo ancora vedere Wall-E xD

                                                                                                  Esattamente, l'ho visto nello stesso modo. Sembrava di riguardare un classico, davvero.

                                                                                                  P.S. Non sei il solo. ;D

                                                                                                  *

                                                                                                  Virginbell
                                                                                                  Ombronauta
                                                                                                     (2)

                                                                                                  • ****
                                                                                                  • Post: 992
                                                                                                  • Aveva gli occhi splendenti come stelle
                                                                                                    • Offline
                                                                                                    • Mostra profilo
                                                                                                     (2)
                                                                                                    Re: Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                                                                    Risposta #49: Lunedì 30 Dic 2013, 13:18:59
                                                                                                    Un gioiellino.
                                                                                                    Anche se non sono una critica cinematografica mi stavo comunque preparando un bel discorsetto ma non trovo le parole adatte, però sono lieta aver trovato molti dei miei pensieri esternati da chi ha commentato prima di me.
                                                                                                    Con Rapulzel e Frozen mi è sembrato di respirare a pieni polmoni quell'aria di magia che aleggiava nei Classici del passato...
                                                                                                    E mi rendo conto di cosa mi sono privata tanto a lungo.
                                                                                                    « Ultima modifica: Lunedì 30 Dic 2013, 14:15:19 da andromeda »

                                                                                                    *

                                                                                                    GrouchoMarx81
                                                                                                    Papero del Mistero

                                                                                                    • **
                                                                                                    • Post: 194
                                                                                                    • Semplicemente Groucho...
                                                                                                      • Offline
                                                                                                      • Mostra profilo
                                                                                                      • il mio mondo assurdo

                                                                                                      Re:Rapunzel - L'intreccio della torre
                                                                                                      Risposta #50: Domenica 25 Nov 2018, 00:49:12
                                                                                                      primo film in cui mi sono impigliato per la serie: "recuperiamo i classici che non ho mai visto" e, al momento, rimane il mio preferito tra i recuperati! mi ha fatto ridere e mi ha commosso allo stesso tempo! le scene di quando lei scappa e alterna fasi di felicità a fasi di sensi di colpa mi ha steso!
                                                                                                      Pezzente ma Signore, Cinico ma Appassionato, Egoista ma Generoso, Mai Approfittatore.

                                                                                                       

                                                                                                      Dati personali, cookies e GDPR

                                                                                                      Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                                                                                                      Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                                                                                                      Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.