Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
1 | |
4 | |
3 | |
4 | |
3 | |
3 | |
3 | |
5 | |
3 | |
2 | |
2 | |
3 | |

Vito Stabile

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

ele684
--
   (1)

   (1)
    Re: Vito Stabile
    Risposta #465: Mercoledì 30 Mar 2016, 14:44:26
    Volevo fare i complimenti a Vito per la splendida prima puntata di Detective Donald. Aspetto la prossima.  :)
    Sono contenta anche perché grazie a Vito possiamo nuovamente rivedere il personaggio di Paperetta non solo più frequentemente, ma soprattutto utilizzato non più come macchietta o in un cameo, ma come protagonista come è accaduto nelle storie di Scarpa.  :)
    È la stessa gioia che ho provato quando Casty ha scritto nuove storie con Atomino :)
    « Ultima modifica: Mercoledì 30 Mar 2016, 15:02:47 da ele684 »

    *

    Lucandrea
    --


      Re: Vito Stabile
      Risposta #466: Giovedì 31 Mar 2016, 23:41:27
      Complimentoni a Vito per la storia di Detective Donald. Ottima ambientazione ed uso dei personaggi bene calati nella parte. Sono sicuro che vedremo future nuove puntate entusiasmanti di questa serie

      *

      Cornelius Coot
      Imperatore della Calidornia

      • ******
      • Post: 10130
      • Mais dire Mais
        • Offline
        • Mostra profilo

        Re: Vito Stabile
        Risposta #467: Venerdì 1 Apr 2016, 00:21:18

        Mentre la Paperopoli anni '20 di Gervasio è direttamente collegabile a quella attuale, sia per i personaggi che per le storie, in un filo conduttore realistico fra il passato ed il presente, la Duckburg anni '40 di Vito, al di là dell'epoca storica (sempre prima metà del Novecento), si trova in una realtà 'altra' rispetto alla canonica che tutti conosciamo: diciamo anche 'parallela' (un po' come la Anderville di Topolino rispetto a Topolinia).

        Di sicuro in questa Duckburg non vedremo mai una collina con un Deposito (come nelle storie di Fantomius) però sarei curioso di sapere da Vito se un personaggio a lui caro come Paperone lo si potrà mai vedere, non certo nelle sue vesti reali (non sarebbe né logico né coerente in questo contesto) ma in quelle di un ricco produttore cinematografico (per dire) magari chiamato Scrooge (visto che Paperino è Donald e Paperina è Daisy).
        Riguardo i nomi hai mai pensato di chiamare Paperetta Dicky Duck (nome datole da Scarpa per il mercato internazionale) piuttosto che Oletta (che a me non dispiace, in ogni caso)?

        Circa il decennio preso in questione, gli anni '40, vorrei chiederti se intendi la seconda metà, quella del dopoGuerra, dove la speranze e i sogni a cui accenni poterono naturalmente avere una base più solida anche in America, oppure intendi restare nel vago, includendo magari nei prossimi episodi qualche riferimento bellico che farebbe da sfondo a nuove situazioni.

        Termino col farti i complimenti anche per una serie di personaggi creati apposta per l'occasione (come il pittore Paintell e la ex ballerina Natasha che nell'Anteprima ipotizzavo potesse essere una Doretta-Goldie) e ti risparmio le mie polemiche sul Paperino troppo sfruttato anche perché, in fondo, quel che conta è la riuscita della serie in se, al di là dei singoli personaggi da copertina dietro i quali possono venirne fuori altri sempre molto interessanti (come sembra fin dal primo episodio).
        « Ultima modifica: Sabato 2 Apr 2016, 11:27:38 da leo_63 »

        *

        Vito
        Flagello dei mari

        • *****
        • Post: 4899
        • Life is like a hurricane
          • Offline
          • Mostra profilo

          Re: Vito Stabile
          Risposta #468: Sabato 2 Apr 2016, 01:40:30
          Per Paperone ho già in mente qualcosa ma è presto per parlarne, mentre il nome “Dickie” l'ho abbandonato perché non mi sembrava adatto al contesto e al personaggio. Riguardo il periodo sono stato vago apposta per avere un certo margine di “movimento”, ma in ogni caso per parlare di guerre ci sono ovviamente altre riviste.

          Grazie a tutti per i commenti. :)

          *

          pkthebest
          --


            Re: Vito Stabile
            Risposta #469: Sabato 2 Apr 2016, 09:54:49
            Grazie, Vito, per l'intervista, e grazie per Detective Donald.

            L'ho riletta, finalmente, e ribadisco anche qui i complimenti per la storia, davvero originale

            Ovviamente, s'attende con ansia l'ep. 2, ma sorge una domanda: ai disegni, Limido (che è un ottimo andare, eh, ed ha tutta la mia approvazione, sia chiaro, e se tenuto sarà perfetto) sarà il disegnatore "ufficiale" della serie o sarà data secondo disponibilità?

            *

            Vito
            Flagello dei mari

            • *****
            • Post: 4899
            • Life is like a hurricane
              • Offline
              • Mostra profilo

              Re: Vito Stabile
              Risposta #470: Sabato 2 Apr 2016, 19:58:51
              Non saprei, se ne occupa la redazione...

              *

              Vincenzo
              Cugino di Alf

              • ****
              • Post: 1245
              • Esordiente
                • Offline
                • Mostra profilo

                Re: Vito Stabile
                Risposta #471: Sabato 2 Apr 2016, 20:36:56
                Vito, ti faccio i miei complimenti per questa serie che è partita alla grande!
                Una domanda: pensi di riprendere Gedeone, in futuro?
                If you can dream it, you can do it.

                *

                Lucandrea
                --


                  Re: Vito Stabile
                  Risposta #472: Sabato 2 Apr 2016, 23:08:02
                  Una domanda a Vito: chi vedresti bene come disegnatore di Detective Donald?

                  *

                  Vito
                  Flagello dei mari
                     (1)

                  • *****
                  • Post: 4899
                  • Life is like a hurricane
                    • Offline
                    • Mostra profilo
                     (1)
                    Re: Vito Stabile
                    Risposta #473: Domenica 3 Apr 2016, 01:19:27
                    Vincenzo: in realtà non è tra i miei progetti futuri, preferisco concentrarmi sui personaggi principali e non sui semi-dimenticati ripescati senza un solido motivo.

                    Lucandrea: non ho una vera e propria preferenza. Sono certo che qualunque disegnatore sceglierà la redazione sarà all'altezza del compito (come Carlo) e tanto mi basta. :)
                    « Ultima modifica: Domenica 3 Apr 2016, 01:22:50 da Dollarone_89 »

                    *

                    Lucandrea
                    --


                      Re: Vito Stabile
                      Risposta #474: Venerdì 8 Apr 2016, 09:55:53
                      Una domanda a Vito: oltre ai doverosi complimenti per la storia sulla 113 volevo sapere come ti è  nata questa idea ossia di rendere protagonista questa automobile che non ha mai avuto la stessa popolarità della 313 o della limousine di Paperone. Ho apprezzato molto questa idea

                      *

                      Bramo
                      Dittatore di Saturno
                         (5)

                      • *****
                      • Post: 2999
                      • Sognatore incallito
                        • Offline
                        • Mostra profilo
                         (5)
                        Re: Vito Stabile
                        Risposta #475: Martedì 2 Ago 2016, 16:35:48
                        Avendo un paio di giorni piuttosto liberi, ho ben pensato di fare una "maratona" di rilettura di quanto prodotto finora da Vito Stabile su Topolino.
                        Con tre anni di carriera all'attivo e una quarantina di storie pubblicate finora, mi è sembrato infatti un buon momento per fare un po' il punto della situazione su uno degli sceneggiatori più interessanti dell'ultima generazione.
                        Dopo due pomeriggi consecutivi di lettura sono giunto ad alcune schematiche conclusioni, che provo a riassumere di seguito.

                        Riconoscibilità
                        Vito è riuscito in un tempo relativamente breve a creare uno stile narrativo riconoscibile, ed è un'osservazione che salta all'occhio ancora più evidentemente da una lettura consecutiva delle sue storie.
                        Personalmente individuo pochi autori, oggigiorno, che riescano a far percepire la loro opera "coesa", o permeata comunque da alcuni "fili rossi" individuabili. È una cosa che si notava molto in Romano Scarpa e in tempi più recenti in Casty e in Francesco Artibani.
                        Leggendo le storie di Vito si riconoscono le caratteristiche ormai tipiche del suo stile, mostrando quasi una "progettualità continuativa" (di intenti/produzione, ovviamente non narrativa) che rende sensata un'analisi complessiva del corpus, ritrovando punti di contatto.
                        Il suo modo di intendere Zio Paperone, suo personaggio feticcio, è sicuramente il punto più palese, ma non ne mancano altri: l'attenzione alla sensibilità e all'umanità dei personaggi, che cerca sempre di trattare come persone reali e non come pupazzi, la capacità di scrivere storie che rifuggono soluzioni e sviluppi prevedibili, una certa propensione all'umorismo verbale efficace, veloce e moderno, l'amore per l'avventura più genuina.
                        Un mix profondamente disneyano di elementi che lo porta a scrivere storie che tendono a farsi ricordare, perché dotate di un quid in più.
                        Il sentimentalismo non è (quasi) mai troppo calcato, e funziona sia nelle tavole finali del Crollo di Zio Paperone e del Patto della luna, sia in quella di Il mio amico Topolino che affronta in maniera a tratti ingenua ma pura e spontanea l'amicizia tra due personaggi che troppo spesso sembrano frequentarsi "perché sì".
                        Insomma, pur cambiando personaggi ed universi narrativi, è difficile non notare che la mano è la stessa. E non è un risultato da poco.

                        Paperone
                        È sicuramente Paperone il protagonista principale della poetica di Vito. La maggior parte delle storie scritte dall'autore campano lo vedono presente, al centro della vicenda o come comprimario, ma è sempre uno Scrooge dannatamente irresistibile.
                        Vito non si limita, come sarebbe facile rilevare, a recuperare l'essenza barskiana del personaggio, pur abbondantemente presente, ma la miscela sapientemente con altre influenze (Rodolfo Cimino, Teresa Radice, Francesco Artibani, ma volendo ci si può vedere qua e là qualcosina alla Pezzin e alla Chendi) e soprattutto con la sua visione del personaggio, costruita nel corso degli anni fatti di letture e visioni delle avventure del papero più ricco del mondo.
                        Le migliori storie con il personaggio sono le già citate Crollo (ed era la storia d'esordio!) e Il patto della luna, ma anche La Stampasogni, A proposito del Deposito, Le frottole da un dollaro, Alla ricerca di se stesso e L'ultimo scrigno. Non poche, insomma, ma tutte riescono a restituirci un Paperone davvero tridimensionale, rispettoso della sua identità e bellissima da seguire, leggere, guardare.
                        C'è l'avventuriero, il "più duro dei duri", l'animo sentimentale mantenuto sotto un velo di riserbo, il sarcastico, il bambinone... e anche aspetti meno esplorati, come quello meno distante dalla normalità (ultima tavola di A proposito del Deposito) o quello più contraddittorio nel senso umano del termine (come nell'irresistibile A pranzo dal nemico).
                        Vito Stabile è riuscito a mettere al servizio del personaggio la sua sterminata passione per lui... e ci è riuscito senza eccessi o chiusure mentali ma rispettandolo nella propria essenza.

                        Paperetta
                        Se Paperone è importante nella narrativa stabiliana, Paperetta non è da meno, o perlomeno lo segue a ruota.
                        Vito ha infatti usato più volte il personaggio, dimostrando - al di là e indipendentemente da eventuali volontà redazionali di rilancio esplicito che spesso condizionano gli autori - di saper usare e capire molto bene la ragazzina creata da Scarpa, cogliendone quei tratti che possono essere utilizzati anche ora.
                        Il risultato è una serie di storie molto convincenti, dove attraverso Paperetta lo sceneggiatore può raccontare spaccati credibili della realtà giovanile/adolescenziale: la miniserie Dai retta a Paperetta è chiaramente l'apice di questo progetto, ma anche Paperetta si fa in due o L'ultimo scrigno ci restituiscono versioni sbarazzine, simpatiche e convincenti della biondina. Avventure frizzanti, divertenti, spontanee e nelle quali è facile immedesimarsi per il giovane lettore.
                        La Paperetta vitesca meno riuscita è quella della prima storia in cui la fa recitare, quella dello Spettacolo al buio, onestamente una delle storie più dimenticabili.

                        ... e i Topi?
                        Nonostante il suo cuore batta prevalentemente a Paperopoli, Vito ha voluto mostrare di saper gestire all'occorrenza anche il mondo di Topolinia.
                        Ne sono usciti racconti meno d'impatto, in realtà, rispetto alle controparti papere: L'impeccabile Mary Lou finisce per essere sospesa a metà tra la trama principale della gelosia di Minni per la nuova vicina perfettina e il pseudo-giallo, per esempio, mentre L'asso dei cieli pur essendo una buona storia approfondisce in modo meno fruttuoso di quanto poteva fare il rapporto tra Pippo e suo nonno, oltre a concludersi in modo troppo affrettato nella sua sottotrama avventurosa.
                        L'autore si riscatta però con Il mio amico Topolino e con Un'amica da rottamare, dove Topolino e Pippo vengono "fotografati" al loro meglio, in maniera credibile e realistica.

                        Avventura e quotidianità
                        Sono le due anime principali rintracciate nelle 35 storie dell'autore. Chiaramente sono anche quelle che si possono riscontrare nella produzione topolinesca generale, ma resta il fatto che Vito le sa trattare con garbo e capacità.
                        Il classico cliché di Paperone a caccia di un tesoro, che sembrava non avesse nessuno a raccoglierlo dopo Rodolfo Cimino, trova qui nuova linfa, in modo diverso dai "padri putativi" del genere ma sempre funzionale: una volta mette Paperone in viaggio con Paperetta, un'altra lo manda su un'isola deserta con Amelia, poi lo fa viaggiare con uno strano vecchietto e infine lo spedisce nella natia Scozia, dove si comporta nel modo più genuino che ci si potrebbe aspettare dal personaggio.
                        Recentemente Vito ha sviluppato anche l'avventura thriller/noir con il suo Detective Donald, una delle novità più fresche e convincenti di questa prima metà del 2016, nella quale è riuscito a far confluire le proprie caratteristiche di scrittura in un impianto fedele al genere di riferimento e sfornando una delle sue storie migliori in assoluto.
                        Per quanto riguarda la quotidianità, è senz'altro uno dei punti forti della poetica di Stabile, che riesce ad uscire da alcune ingessature radicate nel fumetto Disney per rendere un po' più realistico quel mondo: e allora Topolino guarda serie TV come farebbe chiunque di noi e Paperino addirittura  si preoccupa delle sorti di un sequel/reboot della propria serie preferita, Gastone deve decidere se rinunciare ai propri ideali o alla papera che voleva conquistare, Zio Paperone fatica ad entrare in mare per l'acqua troppo fredda e Paperino se la deve vedere con una fatica da nulla vista come impervia e con una situazione da cortometraggio animato, senza contare i sensi di colpa nell'andare a mangiare nel fast food di Rockerduck.
                        E il tutto senza citare l'ambiente giovanile di cui ho già parlato nel paragrafo su Paperetta, o l'attitudine a certa comicità molto moderna e quasi "trollosa" come nei finali di A pranzo dal nemico o Il morbido dilemma ;D
                        Personaggi vivi, con paturnie e idiosincrasie reali, con comportamenti e passioni calate nella quotidianità di tutti noi.

                        Concludendo...
                        Il meglio: Zio Paperone, Amelia e il patto della luna, Detective Donald - Mistero su tela, Zio Paperone e le frottole da un dollaro, Zio Paperone alla ricerca di se stesso, Zio Paperone, Paperetta e l'ultimo scrigno, Il mio amico Topolino.
                        Il peggio: Zio Paperone e un brutto quarto d'ora, Topolino, Minni e l'impeccabile Mary Lou, Qui, Quo, Qua e lo spettacolo al buio, I Bassotti in: questa roulotte non è un albergo.

                        I bassi non riescono ad offuscare più di tanto gli alti della produzione di questi tre anni: al di là dei singoli risultati ottenuti di volta in volta, che possono essere più o meno buoni (e come visto non sono mancate storie che non mi hanno granché convinto), quello che si rileva e che è importante notare è proprio l'approccio dell'autore al fumetto Disney e ai suoi interpreti, che è quello giusto e ideale.
                        Seguendo questa strada, credo che ci si possa aspettare ancora belle cose da Vito Stabile.

                        *

                        Cornelius Coot
                        Imperatore della Calidornia
                           (1)

                        • ******
                        • Post: 10130
                        • Mais dire Mais
                          • Offline
                          • Mostra profilo
                           (1)
                          Re:Vito Stabile
                          Risposta #476: Giovedì 7 Mag 2020, 13:58:56
                          Significativa foto di Vito Stabile al TopolinoMagazine:

                          « Ultima modifica: Giovedì 7 Mag 2020, 14:01:26 da Cornelius Coot »

                           

                          Dati personali, cookies e GDPR

                          Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                          Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                          Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.