Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
2 | |
3 | |
4 | |
3 | |
5 | |
4 | |
3 | |
3 | |
3 | |
2 | |
4 | |
4 | |

Anderville

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Spia Poeta
Evroniano
   (1)

  • **
  • Post: 122
    • Offline
    • Mostra profilo
   (1)
    Re: Anderville
    Risposta #60: Domenica 30 Mag 2010, 21:14:10
    Il numero 0 è sicuramente il più bello (i disegni di Cavazzano sono strepitosi),gli altri poi iniziano pian piano a calare di qualità e spesso a creare confusione nel lettore. Era una seria che sicuramente poteva avere più successo su un pubblico un po' più adulto, ma a quanto pare segnava una visione troppo diversa dal topolino moderno. A quanto mi ha detto Francesco Artibani poi, non c'è una minima possibilità che possa essere ripreso...

    *

    brigo
    Visir di Papatoa

    • *****
    • Post: 2002
      • Offline
      • Mostra profilo

      Re: Anderville
      Risposta #61: Domenica 30 Mag 2010, 21:41:53
      Ammetto di aver comprato il primo numero perchè affascinato dai disegni di Cavazzano; poi è stato impossibile non voler sapere come sarebbe andato a finire. peccato che sia durato tutto troppo poco... ma quanta sofferenza per superare l'attesa da un numero all'altro!
      I miei numeri preferiti sono il mitico numero 0, quelli disegnati da Sciarrone e quelli disegnati da Mastantuono, Mottura e Turconi.

      *

      PhantomBlot
      Ombronauta

      • ****
      • Post: 737
      • Novellino
        • Offline
        • Mostra profilo

        Re: Anderville
        Risposta #62: Domenica 30 Mag 2010, 23:21:16
        sono totalmente d'accordo... nel numero 0 lo stile del maestro Cavazzano ha nobilitato la già bellissima sceneggiatura. Poi se davvero riprenderà la serie MM vorrà dire che alla Disney Italia hanno finalmente abbracciato il nuovo millennio, le aspettative dei lettori e le sfide più intriganti !!! :)

        *

        hendrik
        Dittatore di Saturno

        • *****
        • Post: 3227
        • W Carlo Barx!
          • Offline
          • Mostra profilo

          Re: Anderville
          Risposta #63: Lunedì 31 Mag 2010, 09:51:08
          Noooo! Guarda che Artibani è stato un MOSTRO sulle sue sceneggiature, anche più di Faraci forse, quindi il fatto della chiusura mozzata non è certo colpa sua, neanche Tito avrebbe potuto fare più di tanto in quelle condizioni.

          Non ci siamo intesi: non volevo certo sostenere che Artibani sia meno bravo di Faraci, non mi permetterei mai! Intendevo dire che ritenevo ovvio che spettasse a Tito chiudere il cerchio, scrivendo lui l'ultima sceneggiatura: cavolo, quando ha partorito il #0 avra' ben avuto in mente almeno un'ombra del finale! ;)
          ... non ferma a Verkuragon!

          *

          L._Vertighel
          --


            Re: Anderville
            Risposta #64: Lunedì 31 Mag 2010, 14:42:01
            Bah, non credo che ci sarebbe stata molta differenza (in una conclusione normale, intendo) tra Faraci e Artibani. Poi che spettasse a lui o meno chiudere il fumetto è una questione su cui discutere, visto che credo che Artibani nel progetto MM avesse praticamente lo stesso peso di Tito e conoscesse anche lui molto bene quale dovesse essere l'ipotetico finale.
            Che siano eccezionali autori entrambi ovviamente non lo nega nessuno!
             ;)

            Citazione
            A quanto mi ha detto Francesco Artibani poi, non c'è una minima possibilità che possa essere ripreso...
            Citazione
            Poi se davvero riprenderà la serie MM vorrà dire che alla Disney Italia hanno finalmente abbracciato il nuovo millennio, le aspettative dei lettori e le sfide più intriganti !!!
            Ma se Artibani stesso ha detto che è impossibile che la serie venga ripresa! MM per la Disney è stato un flop economicamente e soprattutto CONCETTUALMENTE, per la redazione riaprirlo sarebbe come ammettere che ad averlo chiuso sono stati degli emeriti idioti. E questo non lo faranno mai!
            « Ultima modifica: Lunedì 31 Mag 2010, 14:45:54 da L._Vertighel »

            *

            Doctor Einmug
            Visir di Papatoa
               (1)

            • *****
            • Post: 2740
              • Offline
              • Mostra profilo
               (1)
              Re: Anderville
              Risposta #65: Lunedì 31 Mag 2010, 18:28:00
              Ma se Artibani stesso ha detto che è impossibile che la serie venga ripresa! MM per la Disney è stato un flop economicamente e soprattutto CONCETTUALMENTE, per la redazione riaprirlo sarebbe come ammettere che ad averlo chiuso sono stati degli emeriti idioti. E questo non lo faranno mai!
              Se non sbaglio Artibani ormai non è più nell'ambiente già da un po' di tempo, quindi credo non abbia molto peso quello che ha dichiarato, che probabilmente era dettato dalla delusione della gestione degli ultimi anni in cui è stato in Disney. Naturalmente non voglio fuorviare le sue parole, ma credo che andassero intese in queto senso.
              Per quanto riguarda la mia visione di lettore negli ultimi anni la Disney si è nuovamente aperta, e Topolinia 20802 ne è la dimostrazione. Con questo progetto in corso d'altronde, non avrebbe praticamente senso riprendere anche MMMM.
              « Ultima modifica: Lunedì 31 Mag 2010, 18:29:32 da Doctor_Einmug »
              W la Disney e Dumas!
              EFFEGGI

              *

              Maximilian
              Dittatore di Saturno
                 (1)

              • *****
              • Post: 3467
              • Innamorato di Bill Walsh
                • Offline
                • Mostra profilo
                 (1)
                Re:Anderville
                Risposta #66: Domenica 22 Lug 2018, 15:54:43
                Nel maggio del 1999, sugli schermi dei cinema statunitensi iniziava un capolavoro. E contemporaneamente, nelle edicole italiane ne partiva un altro.

                Anderville è una storia magnifica che rappresenta per Tito Faraci un enorme salto di qualità. Mentre nelle opere destinate al settimanale egli predilige nemici comici e facilissimi da battere, questa volta punta tutto sulla pericolosità di un ambiente ostile. E' anche l'occasione di trattare argomenti seri e d'attualità, come attentati, annegamenti di persone tramite il cemento, capi della malavita confinati in casa ma che non vengono arrestati e rivalità fra le bande criminali che lottano per il controllo del territorio.
                Malgrado ciò, è presente anche l'umorismo, ma non è dovuto alla stupidità di questo o quel personaggio o alle varie bizzarrie che vediamo di norma, bensì al sarcasmo che contraddistingue tutti gli abitanti della città e che a un certo punto adotta anche Topolino, evidentemente per farsi accettare dai membri di questa realtà.
                Un'altra innovazione è la maggiore aderenza all'ambientazione americana, tra cinema drive-in, gangster e altri dettagli.

                Riflettendo in seguito, mi sono accorto che ho visto diversi film che trattano gli stessi argomenti, ma non ne ricordo nemmeno uno. Credo che ciò sia da imputare dal fatto che i protagonisti di tali pellicole siano tutti simili e non mi dicano niente. Invece qui c'è Topolino, usato divinamente. E' lui principalmente a fare la storia: se al suo posto ci fosse stato un altro, magari lo avrei giudicato comunque un fumetto di buona qualità, ma il mese successivo sarebbe scivolato via dalla mia mente per finire nell'oblio.

                Questa vicenda (e anche tutto il filone che inaugura) è la cosa più gottfredsoniana che abbia mai letto, intendendo proprio le storie realistiche scritte da Gottfredson. Alla faccia chi la giudica poco disneyana.
                Certo, ci sono delle diversità dovute ai lontani fra loro stili narrativi degli autori (montaggio cinematografico, scene mute, didascalie introspettive), però, messe da parte queste differenze di forma, vediamo che la sostanza è molto affine: creare storie che emozionino e divertano, con pericoli che non vengono risolti con soluzioni semplicistiche, rigettare i soliti clichè e trattare argomenti sociali reali.

                I disegni di Cavazzano qui si "abbruttiscono" rispetto alle sue altre prove dello stesso periodo; tuttavia tale cambiamento è funzionale alla narrazione, quindi ne sono stato soddisfatto. Il realismo si riflette anche in alcuni dettagli figurativi, per esempio sono in pochi a portare scarpe gialle.

                Fra i personaggi che ho apprezzato in particolar modo non posso non citare Clayton, la miglior creazione di Faraci, e Sam Roscoe, probabilmente il più inquietante di MMMM. A tal proposito, mi dispiace non averlo rivisto e che la sua sottotrama venga lasciata in sospeso: quella sfera di vetro sembrava rivestire un ruolo importante e anche chi l'ha consegnata all'agenzia di Sonny rimane nel mistero.

                Una postilla sui punti che invece ho sgradito:
                - Non si capisce perchè quelli del bar si impegnino così tanto ad aiutare uno conoscono appena, il che stride in una vicenda del genere. Anche Vera lo fa, ma questo troverà una gustificazione più avanti nella serie
                - Sempre a proposito di Little Caesar, pare che egli abbia una certa influenza dall'origine ignota. Per esempio, il trafficante d'armi prima non vuole parlare, ma quando sente il nome del barista cambia subito idea. Viene da pensare Little Caesar sia o un potente boss della criminalità o un agente segreto sotto copertura, ma la cosa non viene chiarita.
                - Non mi è piaciuta la frase "Non so perchè, ma a Topolinia non sarebbe successo". Topolino non ha motivazioni per pensare una cosa del genere. E dire che fino a "Vuole segare la corda con una vite" "Come nei fumetti" la cosa mi era anche piaciuta, come presa in giro di tante avventure precedenti. Però secondo me Faraci ha commesso l'errore di affondare il coltello nella piaga. E anche dopo "Un piano diabolico. Avrebbe funzionato sicuramente... a Topolinia!" E basta con questi luoghi comuni

                *

                Vincenzo
                Cugino di Alf

                • ****
                • Post: 1323
                • Esordiente
                  • Offline
                  • Mostra profilo

                  Re:Anderville
                  Risposta #67: Domenica 22 Lug 2018, 22:19:57
                  Scusa, qual è il capolavoro del cinema cui ti riferisci?
                  If you can dream it, you can do it.

                  *

                  Hero of Sky
                  Ombronauta

                  • ****
                  • Post: 933
                  • MAGA Stop the steal
                    • Offline
                    • Mostra profilo

                    Re:Anderville
                    Risposta #68: Lunedì 23 Lug 2018, 17:13:32
                    Che sia Matrix?
                    Perchè di questo mondo siamo solo ospiti, fra i tanti. E non i padroni. Insieme abbiamo dimostrato tante cose, ma la più importante è che non esiste l'impossibile

                    *

                    Ser Soldano
                    Ombronauta

                    • ****
                    • Post: 879
                    • scarpiano e classicista
                      • Offline
                      • Mostra profilo

                      Re:Anderville
                      Risposta #69: Lunedì 23 Lug 2018, 18:28:42
                      Che sia Matrix?
                      Beh dài, le parole “Matrix” e “capolavoro” non possono coesistere nella stessa frase. Nessun esperto di cinema accosterebbe le due parole né si sognerebbe mai di farlo.
                      Al limite Pulp Fiction, ma è del ’94.

                      *

                      Maximilian
                      Dittatore di Saturno
                         (2)

                      • *****
                      • Post: 3467
                      • Innamorato di Bill Walsh
                        • Offline
                        • Mostra profilo
                         (2)
                        Re:Anderville
                        Risposta #70: Domenica 29 Lug 2018, 16:19:35
                        difficoltà di gestire trame complesse ed adulte senza stravolgere la natura del suo protagonista

                        prendere un personaggio e inserirlo in un mondo completamente diverso dal suo

                        se vuoi scrivere storie tanto lontane dagli stilemi di Topolino, perché usare Topolino?
                        Tutti questi messaggi mi danno molto da pensare.
                        Come si può parlare in questo modo di una serie che, per certi versi, rappresenta la naturale evoluzione delle strisce di Gottfredson?
                        Secondo me molti di noi hanno un'idea di fumetto disney che corrisponde al tipo di storie che leggevamo da bambini, non tenendo conto delle altre epoche, che hanno visto invece avvicendarsi opere con caratteristiche sempre diverse. Io credo che esistano parecchie storie molto meno disneyane di questa, solo che di quelle nessuno si lamenta perchè siamo abituati ad esse. Così tante che quando invece vediamo qualcosa di deliziosamente gottfredsoniano non lo riconosciamo come tale. (Piccola parentesi: altro che storie scialbe tipo La strada che riprendono il maestro nella forma svuotandolo però della sostanza. Qui si fa il processo inverso: si mantiene la sostanza allo stato puro adattando ai tempi la forma).

                        Altro punto: Topolino non stride affatto nel contesto: è stato praticamente inventato per questo genere di storie.

                        Inoltre il personaggio di Topolino stava cambiando troppo dallo standar classico
                        Altro commento che mi lascia basito...

                        Citazione
                        cambiamento che non sarebbe stato apprezzato da tutti i lettori.
                        Lo avrei sgradito io per primo. Se fosse stato fatto. Invece non è successo niente di tutto ciò, Topolino era semplicemente sè stesso.

                        In conclusione, le possibilità sono due: o non avete capito nulla voi... o non ho capito nulla io. Capisco i gusti, ma è normale che si abbiano impressione così diverse, se non opposte, dopo aver letto la stessa cosa? (Ma abbiamo letto la stessa cosa? Mi viene il dubbio... )

                        Scusa, qual è il capolavoro del cinema cui ti riferisci?
                        Chi mi rivolge questa domanda non mi conosce abbastanza:

                        https://www.youtube.com/watch?v=J1gH_cjdb60
                        « Ultima modifica: Lunedì 30 Lug 2018, 08:27:22 da Maximilian »

                        *

                        doppio segreto
                        Gran Mogol

                        • ***
                        • Post: 673
                        • Topolino primo amore che non si scorda mai
                          • Offline
                          • Mostra profilo

                          Re:Anderville
                          Risposta #71: Domenica 29 Lug 2018, 17:58:14
                          Maximilian, sono completamente d'accordo con te su tutto ... e se se tu non hai capito Topolino, siamo in due a non averlo capito.


                          Fin da giovane lettore avrei auspicato che, in Italia, si fosse continuata quella grande tradizione delle strisce non auto-conclusive che rappresentavo un continuum, nella storia di Topolino.
                          Solo Scarpa ha saputo in buona parte fare questo nel secolo scorso ma con Anderville e Faraci si era veramente ridato vita allo spirito originario, liberando Topolino da tanti e brutti cliché che nel corso della seconda metà del Novecento e in questo ormai ventennio del Duemila lo hanno offeso e inficiato.
                          Topolino è, principalmente, un detective - il migliore dei detective - e, con Anderville, Faraci ha saputo rappresentare un detective non più in stile classico ma proiettato nel XXI° secolo.
                          Non mi meraviglia che dopo soli 13 numeri questo geniale esperimento sia naufragato e temo che unico rimarrà, a parte le dovute eccezioni, naturalmente.
                          Sei una brava persona Topolino. E' questo il tuo guaio (Vera Ackerman)

                          *

                          bunny777
                          Gran Mogol
                             (1)

                          • ***
                          • Post: 681
                          • Strapapero
                            • Offline
                            • Mostra profilo
                             (1)
                            Re:Anderville
                            Risposta #72: Lunedì 30 Lug 2018, 09:46:26
                            OT
                            Be' insomma, Star Wars I capolavoro...


                            *

                            Vincenzo
                            Cugino di Alf
                               (1)

                            • ****
                            • Post: 1323
                            • Esordiente
                              • Offline
                              • Mostra profilo
                               (1)
                              Re:Anderville
                              Risposta #73: Lunedì 30 Lug 2018, 15:43:30
                              Ah, beh, non concordo assolutamente.  ;D
                              Star Wars non mi è mai piaciuto e tantomeno la prequel tragedy che è semplicemente imbarazzante...

                              Tornando in argomento, è fuori dubbio che MMMM sia stato molto affine allo spirito originario di Topolino, un esperimento riuscitissimo che Faraci è riuscito a rendere cult.
                              If you can dream it, you can do it.

                              *

                              Maximilian
                              Dittatore di Saturno
                                 (1)

                              • *****
                              • Post: 3467
                              • Innamorato di Bill Walsh
                                • Offline
                                • Mostra profilo
                                 (1)
                                Re:Anderville
                                Risposta #74: Sabato 11 Ago 2018, 11:58:23
                                Un'altra innovazione è rappresentata dai dialoghi spicci, molto vicini al parlato, certamente meno elaborati di quanto la produzione italiana ci ha abituato (fa in parte eccezione il Professore): anche questa è una caratteristica tipica delle strisce.

                                Poi io non so perchè ma mi sono innamorato delle due vignette in cui Topolino si siede alla scrivania dell'agenzia investigativa...

                                 

                                Dati personali, cookies e GDPR

                                Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                                Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                                Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.