Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
In edicola
4 | |
4 | |
4 | |
3 | |
4 | |
4 | |
3 | |
3 | |
4 | |
3 | |
3 | |
3 | |

PKNE - "Paperinik New Era" - Discussione Generale

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

3cod3
Brutopiano
   (3)

  • *
  • Post: 28
  • Codice Fiscale
    • Offline
    • Mostra profilo
   (3)
    Re: PKNE - "Paperinik New Era" - Discussione Generale
    Risposta #210: Sabato 4 Ago 2018, 08:39:52
    Adesso che la PKNE ha al suo attivo ormai 4 quattro storie e la quinta è in dirittura d'arrivo (non considerando gli episodi brevi Pktube e TimeCrime, dal chiaro e ben riuscito, secondo me, intento celebrativo), azzardo alcune riflessioni che costituiscono un provvisorio rendiconto del mio grado di soddisfazione sul nuovo corso pikappico.
    Premetto che trattasi indubbiamente di belle storie, che credo abbiano fatto e facciano bene a Topolino, e che possono essere considerate in modi differenti. Il mio criterio interpretativo è inevitabilmente quello del vecchio lettore di PKNA e PK2. Secondo questo angolo visuale, la PKNE per me è ancora ferma a Potere & Potenza. E' l'unica storia, ancora oggi, che abbia raggiunto il punto di equilibrio fra fedeltà alla continuity e originalità di soluzioni narrative, senza lasciare dubbi o incertezze nel lettore: tutto in essa è ben calibrato.
    Credo che dopo P&P, ciò non sia più avvenuto, e che si sia andati da un lato alla ricerca di soluzioni nuove, ma in contrasto con i punti fermi della continuity, dall'altro si sia attinto al vecchio materiale pikappico, ma nel mero senso del riciclo di storie, personaggi e situazioni già colladaute.
    Il problema si verifica già in GADT: bella storia, indubbiamente, basata su una felice ed originale idea circa lo scorrere del flusso spazio temporale, ma che entra in contraddizione con la continuity nella rappresentazione della personalità del Razziatore; checchè ne dica Sisti, questa storia contraddice almeno in parte l'evoluzione psicologica e caratteriale del Razziatore e l'evoluzione delle sue scelte di vita: lo stesso torna a lavorare per l'Organizzazione, seppure rinnovata ai suoi vertici, e torna ad essere un infido avversario di Paperinik: e se nel finale non si riprendesse un pò, salvando Paperinik dall'implosione, si potrebbe parlare proprio di totale passo indietro del personaggio. C'è poi la questione di Angus Fangus, che torna dalla nuova Zelanda, più in collegamento con le storie di Universo Pk che con P&P, tanto che in IRN si è dovuta mettere una pezza a questa contraddizione.
    La contraddizione con l'universo narrativo conosciuto, apprezzato e metabolizzato del vecchio piker continua poi in modo ancora più eclatante in IRN, dove tutta la storia di Moldrock e di Everett è in aperto contrasto con la biografia di Ducklair narrataci in PK2: è vero che c'è uno spunto proveniente dalla saga originale (il mondo coroniano ai tempi in cui aveva ancora solo cinque lune, la DT come portale a difesa della Terra), ma la ricerca del nuovo è portata avanti  in assoluto disequilibrio con l'ottimo vecchio, ed ho il timore che, se anche Artibani abbia in mente qualcosa per appianare l'antinomia, ciò avvenga solo grazie ad interminabili spiegoni.
    Per non parlare di CDUR, ove si reintroduce Xadhoom: è vero che il "trucco" per riportarla in vita stava già nella saga originale, e che ciò vale anche per la spiegazione circa l'esistenza di nuovi sciami di Evroniani, diversi da quelli annientati da PK nella PKNA, ma ciò non toglie che il lavoro di rielaborazione di spunti tratti dal vecchio corso, se pure non contrasta formalmente con esso, quanto meno gli toglie il sapore di epicità e di definitività con cui lo ricordavamo; senza dire che la suddetta sensazione di perdità di epicità della vecchia saga non è neanche compensata da quei momenti di lirismo e sentimento più adulto, che spesso trovavamo in PKNA e PK2 e che sarebbero stati doverosi fra personaggi che si reincontrano dopo tanto tempo.
    Delle contraddizioni de Il marchio di Moldrock stiamo già parlando diffusamente nel topic dedicato, e confermano quanto sopra: riciclo di personaggi vecchi (vedi monaci di Dhasam Bull) senza la rappresentazione di alcuna emozione in Pk, che pure li reincontra dopo tempo e dovrebbe esserne contento, ripescaggio di altri personaggi del passato (vedi Trauma) sic et simpliciter, senza alcuna coerenza, neanche interna, all'evolversi della trama: infatti nella seconda puntata della storia si punta tutto sulla creazione di un nuovo Trauma, ignorando del tutto la possibilità di utilizzare i poteri pschici dei monaci di Dhasam Bull, e poi all'improvviso, senza alcuna spiegazione, i nostri addirittura rinunciano all'idea senza neanche dirselo apertamente e si avventurano alla ricerca del vecchio Trauma, come se ciò fosse ovvio e scontato.
    Mi sembra che il nuovo corso PKNE, così com'è adesso, possa certamente soddisfare nuovi lettori, amanti del genere, ma per me, vecchio ed affezionato lettore di PKNA e PK2, è fonte, allo stato, più di confusione e contraddizioni che altro, e che, più che aggiungere qualcosa di nuovo ed originale a quel bel romanzo che è stato il Pk degli ultimi anni 90, gli vada invece togliendo qualcosa, svuotando di significato le soluzioni narrative che allora ho apprezzato, ammirato ed amato. Per questo per me, pur apprezzando in sè ogni singola storia del nuovo corso, idealmente la saga di PK rimane ancora solo quella degli ultimi anni 90, con una "chiusura del cerchio" rappresentata da P&P e dal ritorno in "vita" di Uno nel suo epilogo.

    Scusate se quoto un post un po' vecchiotto, ma secondo me riassume in pieno e in maniera perfetta questo PKNE.
    Una critica che comunque non sminuisce la bontà delle storie in sè.

    *

    Vito65
    Cugino di Alf

    • ****
    • Post: 1230
    • ex Generale Westcock
      • Offline
      • Mostra profilo

      Re:PKNE - "Paperinik New Era" - Discussione Generale
      Risposta #211: Mercoledì 21 Nov 2018, 23:52:46
      Una piccola riflessione a caldo, dopo la lettura del primo episodio di "Droidi" in Topolino 3287.
      Ancora una volta Sisti attinge al passato di Pikappa e vi prende spunto per elaborare ed offrire al pubblico nuove storie aventi il nostro supereroe come protagonista. Mi sembra che il punto di vista del nostro autore sia quello di considerare PKNA e Pk2 quasi come una miniera ancora da esplorare, dalla quale si possano continuare a trarre nuovi e buoni frutti: mi sembra di capire che Sisti, con le sue storie, parta dal presupposto che l' universo narrativo di PKNA e Pk2 abbia ancora molto da dire al lettore.
      Artibani nel suo arco narrativo sembra invece aver fatto un percorso inverso, quasi speculare: elaborare nuovi scenari e prospettare nuove situazioni, che presuppongano il patrimonio narrativo del passato, con l'obiettivo però di superarlo e di aprire nuovi scenari. Artibani, al contrario di Sisti, sembra dunque ispirarsi ad un altro intento: considerare il patrimonio narrativo del passato come un dato di partenza da superare, e far sì che le nuove storie offrano scenari e situazioni diverse.
      Posto il diverso presupposto ideologico dei due autori coinvolti in PKNE, sarebbe interessante sapere come Sisti avrebbe trattato le trame della famiglia Ducklair e di Corona ed il ritorno di Uno, e come invece si sarebbe accostato Artibani alle tematiche cronotemporali ed al ritorno di Xadhoom.

      « Ultima modifica: Giovedì 22 Nov 2018, 00:00:46 da Vito65 »

      *

      prezio
      Diabolico Vendicatore
         (3)

      • ****
      • Post: 1415
      • (credevo di essere un) Pker
        • Offline
        • Mostra profilo
         (3)
        Re:PKNE - "Paperinik New Era" - Discussione Generale
        Risposta #212: Sabato 24 Nov 2018, 00:45:16
         Artibani scrive che Pk entra a far parte canonicamente del Topo e che, per questo, si viaggia verso storie meno lunghe e meno complesse.

        Ancora meno complesse di queste della Pkne fatico a immaginarle.

        Prossimo step: Pikappa Junior?
        ...poche ragazze da quelle parti...

        www.acroteri.altervista.org - sito amatoriale della mia squadra di calcetto
        www.goblins.net - sito dedicato ai giochi da tavolo

        *

        Manuel Crispo
        Papero del Mistero
           (1)

        • **
        • Post: 240
          • Offline
          • Mostra profilo
           (1)
          Re:PKNE - "Paperinik New Era" - Discussione Generale
          Risposta #213: Sabato 24 Nov 2018, 09:10:41
          È arrivato il momento di rendersi conto che PK ha concluso la sua corsa negli anni novanta e che tutto ciò che è venuto dopo (frittole, universo pk, pkne) ha un senso diverso, risponde a logiche diverse. Questa nuova avventura pkneica ne è l'emblema, andando a recuperare un personaggio protagonista di una delle storie più inutilmente zuccherose e contraddittorie di tutto il progetto. Traslocando su Topolino, pk ha portato al libretto epicità e freschezza grafica ma ha perduto profondità e coerenza, riportando in auge personaggi morti e sepolti per gratificare i lettori nostalgici che altrove vengono però bonariamente perculati. Sì può continuare a leggere pkne, che resterà certo godibile, ma tenendo sempre presente che quei tempi e quelle storie non torneranno mai più.

          *

          prezio
          Diabolico Vendicatore
             (2)

          • ****
          • Post: 1415
          • (credevo di essere un) Pker
            • Offline
            • Mostra profilo
             (2)
            Re:PKNE - "Paperinik New Era" - Discussione Generale
            Risposta #214: Sabato 24 Nov 2018, 10:15:22
            Quoto.

            È così fin dall'inizio, nonostante si sia cercato di mascherarlo. Che tristezza.
            ...poche ragazze da quelle parti...

            www.acroteri.altervista.org - sito amatoriale della mia squadra di calcetto
            www.goblins.net - sito dedicato ai giochi da tavolo

            *

            Manuel Crispo
            Papero del Mistero
               (1)

            • **
            • Post: 240
              • Offline
              • Mostra profilo
               (1)
              Re:PKNE - "Paperinik New Era" - Discussione Generale
              Risposta #215: Sabato 24 Nov 2018, 10:27:34
              Quoto.

              È così fin dall'inizio, nonostante si sia cercato di mascherarlo. Che tristezza.

              Infatti, anche potete e potenza risponde alla stessa logica: Esagerare, Citare, Resuscitare. Solo che lì l'autore era riuscito a dare al suo minestrone una consistenza solida, forse perché consapevole della posta in gioco si era impegnato un po' di più. Dopo di che, il deserto.
              Personalmente l'unica cosa che salvo di questo "Paperinik New Frittole" è pktbe.

              *

              Vito65
              Cugino di Alf

              • ****
              • Post: 1230
              • ex Generale Westcock
                • Offline
                • Mostra profilo

                Re:PKNE - "Paperinik New Era" - Discussione Generale
                Risposta #216: Lunedì 26 Nov 2018, 00:30:18
                Artibani scrive che Pk entra a far parte canonicamente del Topo e che, per questo, si viaggia verso storie meno lunghe e meno complesse.
                Il fatto che siano meno lunghe di per sè non è un male: quelle di PKNA e PK2 non arrivavano mai alle 150/160 pagine delle ultime recenti storie. Il fatto che siano meno complesse non sarebbe un male se si trattasse solo di minor complessità degli intrecci, ma temiamo tutti che non si tratti solo di questo.
                « Ultima modifica: Lunedì 26 Nov 2018, 00:33:00 da Vito65 »

                *

                prezio
                Diabolico Vendicatore

                • ****
                • Post: 1415
                • (credevo di essere un) Pker
                  • Offline
                  • Mostra profilo

                  Re:PKNE - "Paperinik New Era" - Discussione Generale
                  Risposta #217: Giovedì 29 Nov 2018, 17:21:12
                  Artibani scrive che Pk entra a far parte canonicamente del Topo e che, per questo, si viaggia verso storie meno lunghe e meno complesse.
                  Il fatto che siano meno lunghe di per sè non è un male: quelle di PKNA e PK2 non arrivavano mai alle 150/160 pagine delle ultime recenti storie. Il fatto che siano meno complesse non sarebbe un male se si trattasse solo di minor complessità degli intrecci, ma temiamo tutti che non si tratti solo di questo.

                  Se ne era già parlato all'epoca, la lunghezza delle pagine non rende automaticamente una storia più lunga rispetto ad un'altra. Si erano conteggiate le vignette delle prime saghe di Pkne e, paragonate a storie casuali di Pkna, ne risultava che erano grossomodo lunghe uguali. 150 pagine di Pkne = 70 di Pkna, circa.

                  In quanto alla profondità, Artibani ha appena risposto su Fb dicendo che, per ampliare il tutto anche ai lettori più giovani, è normale.che le storie siano meno complesse e profonde.

                  Una conferma rispetto a quello che si è sempre detto fin dal ritorno di Pk, ovvero che il Topo non avrebbe condizionato la saga. E invece così, scientemente, è stato.
                  ...poche ragazze da quelle parti...

                  www.acroteri.altervista.org - sito amatoriale della mia squadra di calcetto
                  www.goblins.net - sito dedicato ai giochi da tavolo

                  *

                  Hero of Sky
                  Gran Mogol

                  • ***
                  • Post: 699
                  • L'Occhio che tutto scruta,tuttoosservaetuttoindaga
                    • Offline
                    • Mostra profilo

                    Re:PKNE - "Paperinik New Era" - Discussione Generale
                    Risposta #218: Giovedì 29 Nov 2018, 20:44:15
                    Artibani scrive che Pk entra a far parte canonicamente del Topo e che, per questo, si viaggia verso storie meno lunghe e meno complesse.

                    Ancora meno complesse di queste della Pkne fatico a immaginarle.

                    Prossimo step: Pikappa Junior?
                    Pensando alle potenzialità narrative che erano scaturite dall'Orizzonte degli eventi rimango triste, molto triste, ma, purtroppo, non stupito
                    Artibani scrive che Pk entra a far parte canonicamente del Topo e che, per questo, si viaggia verso storie meno lunghe e meno complesse.
                    Il fatto che siano meno lunghe di per sè non è un male: quelle di PKNA e PK2 non arrivavano mai alle 150/160 pagine delle ultime recenti storie. Il fatto che siano meno complesse non sarebbe un male se si trattasse solo di minor complessità degli intrecci, ma temiamo tutti che non si tratti solo di questo.

                    Se ne era già parlato all'epoca, la lunghezza delle pagine non rende automaticamente una storia più lunga rispetto ad un'altra. Si erano conteggiate le vignette delle prime saghe di Pkne e, paragonate a storie casuali di Pkna, ne risultava che erano grossomodo lunghe uguali. 150 pagine di Pkne = 70 di Pkna, circa.

                    In quanto alla profondità, Artibani ha appena risposto su Fb dicendo che, per ampliare il tutto anche ai lettori più giovani, è normale.che le storie siano meno complesse e profonde.

                    Una conferma rispetto a quello che si è sempre detto fin dal ritorno di Pk, ovvero che il Topo non avrebbe condizionato la saga. E invece così, scientemente, è stato.
                    Qui c'è una falla logica. PK, prima e seconda serie, non è mai stato rivolto ai lettori più giovani, quelli che la Muci definiva "bambini svegli delle elementari" (sic...). Quello è Frittole. PKNE era partito sotto i migliori auspici, c'è da augurarsi che le sue storie continuino a mantenere il timore che è stato presente fino a L'Orizzonte degli Eventi
                    « Ultima modifica: Giovedì 29 Nov 2018, 21:05:51 da Hero of Sky »
                    Perchè di questo mondo siamo solo ospiti, fra i tanti. E non i padroni

                      Re:PKNE - "Paperinik New Era" - Discussione Generale
                      Risposta #219: Giovedì 29 Nov 2018, 21:07:56
                      si viaggia verso storie meno lunghe e meno complesse.

                      Meno complesse ovviamente è inquietante, ma meno lunghe non mi spiacerebbe affatto. Ricordiamo quanto duravano i capolavori di PKNA e pensiamo alle ultime storie di PKNE.

                      *

                      Vito65
                      Cugino di Alf

                      • ****
                      • Post: 1230
                      • ex Generale Westcock
                        • Offline
                        • Mostra profilo

                        Re:PKNE - "Paperinik New Era" - Discussione Generale
                        Risposta #220: Venerdì 30 Nov 2018, 17:20:25
                        Riguardo alla questione della minore complessità delle prossime storie con Pk penso, dopo aver letto il secondo episodio di Droidi, che forse stiamo esprimendo troppi dubbi: in questo episodio, infatti, la rappresentazione dell'ambiguità dei personaggi, dove probabilmente non tutti sono buoni o cattivi come appaiono, mi è sembrata all'altezza delle atmosfere di PKNA.
                        « Ultima modifica: Venerdì 30 Nov 2018, 17:23:12 da Vito65 »

                        *

                        Vito65
                        Cugino di Alf
                           (2)

                        • ****
                        • Post: 1230
                        • ex Generale Westcock
                          • Offline
                          • Mostra profilo
                           (2)
                          Re:PKNE - "Paperinik New Era" - Discussione Generale
                          Risposta #221: Sabato 1 Dic 2018, 16:32:18
                          In questi giorni, complice la nuova saga di Pk “Droidi”, ho sentito il desiderio di rileggere alcune storie della PKNE, per la precisione quelle del ciclo narrativo con cui Artibani ha ripreso e rielaborato la storia di Corona e della famiglia Ducklair. Questa rilettura mi ha lasciato la stessa impressione che avevo avvertito nella primavera scorsa in occasione dell’uscita e della lettura di LODE, e cioè che la saga coroniana avesse sì trovato un esito, ma lasciando comunque dei vuoti e dei punti non completamente risolti. Mi spiego meglio. Dal secondo capitolo della saga –IRN- e dal terzo –IMdM- abbiamo appreso che la (lunga!) vita di Everett Ducklair conosce un prima e un dopo, inframmezzato da una cesura: una prima fase vissuta sotto la tirannia di Moldrock ed una seconda fase sotto il governo delle regine, fasi intervallate da una vera e propria cesura, e cioè la condizione di tempo interrotto, in cui Everett vive confinato in un laboratorio segreto per studiare il raggio nero. Non sappiamo se in questa lunghissima fase di cesura i coroniani abbiano memoria di lui. Io credo che si possa immaginare che della sua esistenza e delle sue ricerche siano costantemente a conoscenza le regine che si succedono al governo del pianeta e le “alte sfere”, mentre secondo me i comuni cittadini coroniani pian piano nel corso dei secoli potrebbero aver perso memoria di Moldrock e di Everett: quanto meno, non sanno più della loro esistenza in vita in condizioni di tempo sospeso. Seppur confinato in laboratorio, Everett però non è in stato di segregazione, anzi probabilmente gode di una certa autonomia di movimento: non si spiegherebbe altrimenti, infatti, che ad un certo punto veda Serifa e decida di reinserirsi nella società per conoscerla e conquistarne il cuore. Come avviene questo passaggio? Certamente con l’avallo della regina, che mi piace pensare sia Artana V, la regina che si è fatta una famiglia di nascosto e che, proprio per questo, è quella che può meglio capire l’innamoramento di Everett e il suo desiderio di costruirsi una famiglia. A questo punto Everett perde la sua condizione di tempo sospeso? O la perderà successivamente per ordine di Artana VI? E Serifa, quando verrà a conoscenza del passato di Everett? A me piace pensare che, nel momento in cui si è reintegrato nella società, per Everett il tempo riprenda a fluire e che Serifa sia, almeno inizialmente, all’oscuro del passato di Everett. Probabilmente, in questo periodo della sua vita Everett continua ad occuparsi in segreto dei suoi studi sul raggio nero, sperando di portarli a termine anche senza l’ausilio del tempo sospeso; del resto, dopo secoli e secoli di impegno, il suo lavoro è certamente a buon punto: di ciò abbiamo conferma in LODE, quando apprendiamo che Korinna ha ripreso gli studi riservati di suo padre. Le cose comunque cambiano con l’avvento al trono di Artana VI: nel MdM Everett ci dice che la regina Artana VI decreta la fine delle sue ricerche: ciò è perfettamente compatibile con le notizie che abbiamo in Pk2 sulla freddezza ed il distacco emozionale della nuova regina, che la portano a decidere di chiudere in modo definitivo “l’affaire Moldrock”, in sospeso ormai da tempo immemore. Secondo me, è solo a questo punto che l’esistenza in vita di Moldrock e dell’Orda viene resa pubblica, per provocare la loro condanna a morte da parte del popolo. A questo punto, anche Serifa ha appreso del passato di suo marito, probabilmente prima che la situazione venga resa pubblica. Come andranno poi le cose, lo sappiamo da PK2, anche se in Pk2 Everett riterrà opportuno tacere alle figlie tutto ciò che riguarda Moldrock, limitandosi a spiegare alle figlie solo parte delle motivazioni che lo hanno portato ad abbandonare Corona, e cioè quelle di carattere prettamente familiare.
                          Consideriamo adesso qualche altro aspetto di questo ciclo narrativo. Nell’epilogo di P&P Everett riattiva Uno per mettersi al lavoro con lui. Leggendo LODE qualche anno dopo, capiremo che Everett si trovava sulla sesta luna di Corona. Perché ha riattivato Uno proprio in quel momento? Secondo me Everett fino ad allora è stato impegnato a seguire di nascosto l’operato di Korinna su Ultima ma, a questo punto, avendo ricevuto il segnale dalla Terra ed avendo bisogno di un’astronave per tornarci, preferisce avere la collaborazione di Uno per potersi occupare di entrambe le cose (sorveglianza di Ultima, realizzazione dell’astronave) con maggiore celerità.
                          Nel MdM Everett inoltre accenna ad una tregua fra lui e le sue figlie in conseguenza dell’arrivo del segnale dalla Terra. Forse per potersi allontanare dal suo rifugio e mettersi in viaggio ha avuto bisogno di contattare le figlie e di ottenere di poter andare via senza interferenze, mettendo sul piatto la reciproca convenienza di contrastare Moldrock? Secondo me è l’unica spiegazione possibile: Ultima non è ancora pronta ad accogliere il vecchio tiranno, e quindi  Korinna e Juniper stipulano una tregua con Everett perchè preferiscono che Moldrock resti ancora per un po’ dov’è, e trovano comodo che di ciò si occupi il padre. Se accettiamo questa spiegazione, si potrebbe spiegare un altro fatto che nel MdM è problematico: il Custode nel secondo episodio chiede ai potenti della Terra aiuto per realizzare l’astronave chiesta da Moldrock, anche se lui è perfettamente in grado di costruirla da solo, come infatti farà poco dopo. Alla luce però del fatto che il Custode è segretamente al servizio di Korinna e Juniper, questa richiesta potrebbe essere semplicemente una ulteriore manovra dilatoria suggerita dalle due sorelle per prendere tempo e rimandare il ritorno di Moldrock su Corona, in attesa del completamento degli esperimenti su Ultima.
                          Proprio sul punto del tradimento del Custode: questi dichiara che le sue direttive sono state modificate dalle figlie di Everett durante il loro soggiorno nella DT, quindi nel corso degli avvenimenti descritti in PK2. In realtà nelle storie di PK2 Korinna e Juniper non appaiono mai da sole nella DT: Korinna vi si reca solo nell’ultimo episodio, per lo scontro finale con suo padre. E’ forse più coerente pensare che le modifiche alla programmazione del Custode siano state effettuate dalla sola Juniper, che aveva libero accesso alla DT e che, tra l’altro, in Affari di Famiglia si intrufola di nascosto nel livello Delta: potrebbe essere stato questo il momento giusto, dopo il ricongiungimento delle due sorelle e la messa a punto dei loro piani per conquistare la Terra. Alla luce del tradimento del Custode, inoltre, dobbiamo pensare che nel RN questi sapesse su Moldrock molto più di quanto abbia detto a Pk, e che, pur aiutando Pk in tutti modi, reciti una parte.
                          Sarei contento se chi ha amato Pk come me leggesse e commentasse queste mie fantasie, elaborate per puro diletto e per il desiderio di discutere sull’argomento. Credo che Pk, in questo, rappresenti forse un unicum nel mondo del fumetto: ha la capacità di far fantasticare, di far discutere e di diventare terreno d’incontro fra gli appassionati del genere.
                          Mi scuso con chi non è a conoscenza della saga pikappica, e non può cogliere appieno gli argomenti di questo post: occasione per andarla a leggere, tutta intera!


                          « Ultima modifica: Sabato 1 Dic 2018, 16:37:13 da Vito65 »

                            Re:PKNE - "Paperinik New Era" - Discussione Generale
                            Risposta #222: Giovedì 6 Dic 2018, 14:29:04
                            Il primo episodio di Droidi mi ha lasciato interdetto. Il secondo aveva aperto un varco di speranza. Il terzo è bellissimo. Altro che semplificazione! Un finale così non se lo aspettava nessUno! Bravo Sisti!
                            PB

                              Re:PKNE - "Paperinik New Era" - Discussione Generale
                              Risposta #223: Giovedì 6 Dic 2018, 14:30:50
                              Ah, su Facebook grandi polemiche perché questa storia, annunciata come fuori continuity, sembrava in continuity da chi ancora non la conosceva appieno.
                              Invece è confermato: è fuori continuity!
                              PB

                              *

                              Vito65
                              Cugino di Alf

                              • ****
                              • Post: 1230
                              • ex Generale Westcock
                                • Offline
                                • Mostra profilo

                                Re:PKNE - "Paperinik New Era" - Discussione Generale
                                Risposta #224: Giovedì 6 Dic 2018, 14:45:55
                                Fuori continuity nel senso che la storia non porta avanti alcuna trama orizzontale, ma la storia è perfettamente inserita nella saga ed è coerente con fatti, situazioni e personaggi di PKNA e PK2.
                                « Ultima modifica: Giovedì 6 Dic 2018, 16:38:56 da Vito65 »

                                 

                                Dati personali, cookies e GDPR

                                Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                                Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                                Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.