Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
In edicola
3 | |
2 | |
4 | |
5 | |
3 | |
3 | |
2 | |
4 | |
3 | |
3 | |
2 | |
3 | |

Robert Smith-The Cure

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Juro
Diabolico Vendicatore

  • ****
  • Post: 1491
  • Gradite del tè?
    • Offline
    • Mostra profilo

    Robert Smith-The Cure
    Mercoledì 22 Lug 2009, 21:59:54
    Nessun fan dell'ultimo vero cantante Punk attivo nel mondo della musica qui?Se ci siete,cos'è che vi piace di Robbi.Se non ci siete,vabbè,topic aperto a vuoto :P
    Anzi no,ve li andate a sentire così potete parlarne >:(

    *

    Gingerin_Rogers
    Diabolico Vendicatore

    • ****
    • Post: 1657
    • Lurkatrice sfegatata
      • Offline
      • Mostra profilo

      Re: Robert Smith-The Cure
      Risposta #1: Mercoledì 22 Lug 2009, 22:13:17
      Boy, don't cry!!! ;)

      *

      Juro
      Diabolico Vendicatore

      • ****
      • Post: 1491
      • Gradite del tè?
        • Offline
        • Mostra profilo

        Re: Robert Smith-The Cure
        Risposta #2: Giovedì 23 Lug 2009, 08:53:26
        Personalmente la mia preferita è "the same deep water as you",ma proprio per volene mettere una favorita :)

        *

        piccolobush
        Flagello dei mari
        Moderatore

        • *****
        • Post: 4230
          • Offline
          • Mostra profilo

          Re: Robert Smith-The Cure
          Risposta #3: Giovedì 23 Lug 2009, 08:55:33
          Punk? Robert smith? Vabbèh che da quando si è dato ad mtv anche lui, come peter murphy (ex bauhaus) va dicendo di non aver mai fatto parte del movimento dark :o, ma punk proprio no! Post-punk semmai. Da estimatore dei gruppi gothic, dark e new wave in generale sono sempre stato un suo fan almeno appunto finche è rimasto nei confini del genere (veramente era partito come musicista pop poi per fortuna si è convertito). Diciamo che fino a disintegration è stato davvero uno degli eredi dei "maudits" francesi dell'800 come lo considerano in francia. Poi è tornato al pop più classico, per il quale ha pure ha un indubbio talento, ma insomma di canzonette ce ne sono già tanti a produrne... D'altra parte vista la fine di tanti gruppi coetanei, probabilmente è stato proprio la sua deriva pop a salvarlo

          *

          Juro
          Diabolico Vendicatore

          • ****
          • Post: 1491
          • Gradite del tè?
            • Offline
            • Mostra profilo

            Re: Robert Smith-The Cure
            Risposta #4: Giovedì 23 Lug 2009, 09:08:28
            Consentimi,ma da quando seguo i Cure(nello specifico Smith,visto che è l'autore di testi e musiche)non si sono mai definiti Dark o Ghotich,forse in effetti nel dire Punk ho un pò esagerato,Post-Punk,come fai notare tu,è più adatto.Ma dirmi che un gruppo che su quella ciofeca di mtv ci passa una volta al secolo sia pop è,secondo me,un'assurdo.Di gruppi musicali(se davvero ci vogliamo sprecare questo appellativo)che asseriscono di essere dei Punk e che sono dei minchioni pop ne abbiamo,ma i loro nomi sono green day,finley e immondezzai simili.

            *

            piccolobush
            Flagello dei mari
            Moderatore

            • *****
            • Post: 4230
              • Offline
              • Mostra profilo

              Re: Robert Smith-The Cure
              Risposta #5: Giovedì 23 Lug 2009, 12:18:01
              Consentimi,ma da quando seguo i Cure(nello specifico Smith,visto che è l'autore di testi e musiche)non si sono mai definiti Dark o Ghotich,forse in effetti nel dire Punk ho un pò esagerato,Post-Punk,come fai notare tu,è più adatto.
              Non l'avrà mai detto (ma ho una paio di libri sui cure con tante sue interviste, devo rileggermeli) ma uno che si presenta sul palco così:

              che scrive canzoni come "the holy hour" (dedicata a ian curtis), "a forest", "one hundred years", che ha collaborato con siouxie, steven severin, cocteau twins, lo definiresti come? Che lo abbiano fatto scientemente o no, i cure sono stati un gruppo dark, i tre album principali dei questa loro fase (seventeen seconds, faith, pornography) sono noti come "trilogia dark" e (parole sue di qualche anno fa) quando vanno in giappone o in argentina devono ancora vestirsi come 30 anni fa perchè lì è così li vogliono! Poi certo, adesso è invecchiato, ingrassato e anche un pò creativamente esaurito, quindi non sarebbe più credibile vestito come un edward mani di forbice ante litteram ;D e d'altra parte lui comincia come musicista pop puro, boys don't cry che ricordava gingerin cos'è? E poi subito dopo pornography ecco canzoni anche abbastanza raccapriccianti come "let's go to bed" e "lovecats" insieme ad altra roba di qualità, alternando cose più "ballabili" ad altre che ricordano i vecchi trascorsi e fino all'ultimo del 2004 (non so se ne hanno fatto un altro in verità) questa altalena continua anche all'interno degli stessi album, in questo per esempio c'è lost che sembra una canzone di pornography mentre altre potrebbe cantarle anche britney spears!
              Citazione
              Ma dirmi che un gruppo che su quella ciofeca di mtv ci passa una volta al secolo sia pop è,secondo me,un'assurdo.
              E' pop, almeno nella volontà di smith. Lui nasce come musicista pop, sa fare pop di qualità (o no a seconda della voglia ::)) e continua a farlo per restare sull'onda dopo più di trent'anni di carriera, mischia un pò le carte ogni tanto ma ormai non tornerà più (e non potrebbe) a quel periodo tra fine anni '70 e inizi anni '80

              *

              Juro
              Diabolico Vendicatore

              • ****
              • Post: 1491
              • Gradite del tè?
                • Offline
                • Mostra profilo

                Re: Robert Smith-The Cure
                Risposta #6: Giovedì 23 Lug 2009, 20:22:31
                Non so,forse bisogna che ci regoliamo prima su cosa intende uno per dark,pop e punk. Quando parli di dark,a me fai pensare subito agli emo(ngoloidi),e su quello mi auguro converrai che non lo sono.Se poi come dark tu ti riferisci al movimento postpunk dei primi anni 80,periodo in cui in effetti nascono i cure,allora siamo già su un'altro livello.
                Non riesco a trovarmi daccordo con l'affermazione che i cure nascano con un'intento pop,proprio non ci arrivo. Ho visto le prime performance di Smith,prima ancora che adottasse il suo look "alla edward mani di forbice" e le sonorità erano molto dure,non di quelle fatte per entrarti in testa.
                C'è poi questa frase dello stesso Robert:
                 " È tristissimo quando «goth» continua a venire appiccicato al nome «The Cure». Noi non siamo categorizzabili. Suppongo che all'epoca del nostro esordio fossimo post punk, ma complessivamente non è una definizione possibile. Come puoi descrivere una band che ha fatto uscire un album come Pornography e anche Greatest Hits, dove ogni canzone è stata nella Top Ten in tutto il mondo? Io suono solo la musica dei Cure, qualsiasi essa sia "
                Forse non sarà un fedelissimo(nel senso che non è tipo i Pistols,che erano l'incarnazione oltre che i creatori del punk,ma loro sono pure durati un solo anno)ma questo mi pare il normale percorso evolutivo di qualsiasi gruppo:i beatles sono nati con le loro canzoni beat d'amore semplici e non impegnate e sono finiti con le più grandi sperimentazioni sonore e testuali del loro tempo;
                Poi non sò,a me non sono mai sembrati appartenenti al dark,qualsiasi canzone ascoltassi.Che hanno sonorità cupe si,ma allora qualsiasi cantante che scrive una canzone di quel genere è dark?
                Che poi in argentina e in giappone lo vogliono col trucco anni 80 che centra?Mai sentito che l'abito non fa il monaco :-??

                *

                piccolobush
                Flagello dei mari
                Moderatore

                • *****
                • Post: 4230
                  • Offline
                  • Mostra profilo

                  Re: Robert Smith-The Cure
                  Risposta #7: Venerdì 24 Lug 2009, 09:27:08
                  NQuando parli di dark,a me fai pensare subito agli emo(ngoloidi)
                  Gli emo dei dark? Un affermazione del genere fa il paio con quella di molti per i quali avril lavigne è punk ;D
                  I cure nel periodo a cavallo tra gli anni 70 e '80 rientrano perfettamente (che lo abbiano fatto volontariamente o no) nella new wave ovvero in quel calderone in cui si incontravano rock gothico, dream pop e via dicendo. Per fare qualche nome gruppi come i joy division, bauhaus, dead can dance, cocteau twins, sisters of mercy e che oggi è ancora vivo pur se meno di moda (per fortuna) con bhp, sam rosenthal, arcana, in the nursery etc.

                  Citazione
                  Non riesco a trovarmi daccordo con l'affermazione che i cure nascano con un'intento pop,proprio non ci arrivo. Ho visto le prime performance di Smith,prima ancora che adottasse il suo look "alla edward mani di forbice" e le sonorità erano molto dure,non di quelle fatte per entrarti in testa.
                  Basta ascoltare three imaginary boys, la differenza con seventeen seconds che è il successivo è abissale. E anche per i primi singoli mai inclusi negli album (almeno che io sappia) ma reperibili in qualche maniera 8-) vale lo stesso discorso.

                  Citazione
                  C'è poi questa frase dello stesso Robert:
                   " È tristissimo quando «goth» continua a venire appiccicato al nome «The Cure». Noi non siamo categorizzabili. Suppongo che all'epoca del nostro esordio fossimo post punk, ma complessivamente non è una definizione possibile. Come puoi descrivere una band che ha fatto uscire un album come Pornography e anche Greatest Hits, dove ogni canzone è stata nella Top Ten in tutto il mondo? Io suono solo la musica dei Cure, qualsiasi essa sia "
                  Ma infatti è quello che dicevo io, dopo pornography l'andamento è stato sempre altalenante, mischiando vari generi con risultati anch'essi altalenanti. Sicuramente fa parte del processo evolutivo di smith, ma secondo me il top della qualità lo ha raggiunto con i suo album più "oscuri"

                  Citazione
                  Poi non sò,a me non sono mai sembrati appartenenti al dark,qualsiasi canzone ascoltassi.Che hanno sonorità cupe si,ma allora qualsiasi cantante che scrive una canzone di quel genere è dark?
                  Non è questione solo di sonorità ma anche di contenuti, del modo di rapportarsi con il mondo, puoi sfogare la rabbia e la tristezza urlando a squarciagola o affondare lentamente tra le tue malinconie :P

                   

                  Dati personali, cookies e GDPR

                  Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                  Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                  Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.