Papersera.net

Le Pubblicazioni => Testate Regolari => Topic aperto da: V - Martedì 5 Mag 2020, 10:43:40

Titolo: Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: V - Martedì 5 Mag 2020, 10:43:40
Apro il topic del nuovo volume della saga di Gagnor su PK. Da War Dome, il titolo e diventato Danger Dome, per una decisione della Disney, come ha scritto Gagnor su facebook.

Scrivete qui le vostre impressioni, pareri, idee :)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Flash X - Martedì 5 Mag 2020, 11:31:31
Io ancora non l'ho trovato, sfortunatamente. Però a quanto vedo la copertina è sempre di Freccero, sempre credo con i colori di Monteduro. Proprio una bella copertina: speriamo che la storia lo sia altrettanto.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: MisterAndrea - Martedì 5 Mag 2020, 12:39:57
Preso e letto questa mattina.
Purtroppo questa testata potrebbe chiamarsi “Frittole Fuoriserie”.
Non si capisce dove la trama voglia andare a parare, e forse troppo infantile e stereotipata!
Bellissimi i disegni di Vian, sicuramente la nota più lieta!
SPOILER









La storia non finisce ma continuerà nel prossimo numero con Pk con dei nuovi “superpoteri” acquisiti dai galaxy gate... mah

A mio gusto,Non regge il confronto con il pkne di Artibani e Sisti, mi spiace
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: hendrik - Martedì 5 Mag 2020, 20:13:33
Spiace dirlo, ma era purtroppo evidente che Pk non fosse nelle corde di Gagnor. Molti di noi erano perplessi sin dai primi rumor sul nuovo sceneggiatore del progetto. Molti lo sono diventati dopo la prima parte.

E no, i disegni di Lavoradori, seppur estremi, non erano gli unici colpevoli. E neppure la mancanza delle pagine bianche di cortesia.

Niente di personale, ma è dura passare da Brigittik (sic), dalle troppe banalità su Dinamite (povero mondo contadino, deriso così), a Pk.

Pikappa è umoristico, certo, ma anche epico e profondo. Senza questi ingredienti non è lui, ma una frittolata.

Che tristezza.

Ofelé, fa el to mesté.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: paolo87 - Mercoledì 6 Mag 2020, 12:27:29
Dunque.

Ho letto ieri sera il volume e devo dire che la storia in sè non mi è dispiaciuta, l'ho trovata anzi molto divertente nel suo essere movimentata e piena d'azione.

Il problema vero è il seguente: il tono della narrazione non è quello tipico di PK. Anche il tipo di fantascienza è diverso da quello tipicamente "alla Ridley Scott" della saga. Su di un velivolo costruito da extraterrestri, situato su di un pianeta che si trova chissà dove nello spazio-tempo, c'è una piantina come nei musei, e per giunta con le indicazioni in inglese? Una gag che starebbe benissimo in una storia Disney qualunque, ma in una di PK... Lo stesso dicasi per il personaggio che gira col bidone di sbobba in spalla e la spruzza addosso ai nemici...

Termino con una preoccupazione/auspicio: altri sei mesi per il terzo episodio... no, vero?
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: MirkoFMP - Mercoledì 6 Mag 2020, 17:14:58
Posto la mia recensione che ho scritto anche nella mia Pagina (https://www.facebook.com/italydisneycomics/posts/2921121241302980)

Dico fin da subito che questa recensione si dividerà in due parti: La prima SENZA SPOILER e la seconda CON SPOILER.
Ovviamente all'inizio della seconda parte inserirò un Alert così alcuni di voi non vanno avanti nella lettura.

🆓 NO SPOILER ZONE
Partiamo subito dall'esterno: La copertina è indubbiamente bella e rispetto al numero precedente rappresenta la trama principale della storia. Purtroppo, però, questa non nasconde l'assurdità del cartonato in un volume di 50 pagine: in pratica la stessa copertina ha lo stesso spessore della storia.
Ancora peggio il prezzo di 9,90€: se la storia è oggettivamente corta e dobbiamo pagare questo prezzo perchè è cartonato o aumentate le pagine o trasformate il volume in un classico brossurato per spendere meno.

TITOLO: è imbarazzante cambiare titolo così. Nell'ultima vignetta del numero 1 il "carro alieno" lo chiamano War Dome" e in questo "Danger Dome"...no comment

LA STORIA: Chi vi parla è un Pkers che ha visto nascere PK negli anni 90. Mi dispiace dirlo ma questo a me sembra un "PK Frittole" con piccole parti di PKNA.
Se il numero 1 della storia era un Prologo, questo è un semplice passaggio in più ma che ancora poco convince.
PK non è "mettiamo Paperinik nello Spazio e facciamolo combattere" ma un insieme di storie, frasi, sentimenti, rapporti di amicizia/inimicizia che lo differenzia molto dalle classiche storie Disney...
Questo numero manca di questo e purtroppo le frasi d'effetto (che solitamente lo caratterizzano) sembrano una caricatura dello stesso PK, per non parlare di certe similitudini che ho trovato con l'ultimo Avengers che non impreziosiscono la storia ma che anzi la ridicolizzano perchè sono forzate (nella zona Spoiler ve ne parlerò).
Il PK di ora manca di questo, manca di rapporti umani (vedrete apparire i personaggi senza dare spiegazioni e per tutti è normale)...e manca di vignette.
A me piace Gagnor come autore e credo che la sua pecca sia proprio il fatto che era limitato a queste 50 pagine, la storia di per sè non è brutta ma quando scrivi di PK devi dare di più del normale e comprendo che è difficile. In effetti la piega finale sembra interessante e sono del parere che la cosa potrebbe prendere una piega inaspettata e coinvolgere aspetti mai sviluppati finora...

I DISEGNI: Belli! A Vian non ho nulla da ridire a riguardo, degni di una storia Pikappica e le prime pagine...wow!

Il voto complessivo per me è un 2 ⭐️ su 5 ⭐️

⚠️ SPOILER ALERT

Spoiler: mostra
Finalmente posso sfogarmi! 😆
Partiamo subito da un riepilogo: PK Si ritrova in un pianeta tramite un Galaxy-Gate, non si capisce nemmeno quando visto che si parla di "recente passato" (Prima della fine di Evron?), diventa schiavo, si libera, ha nuovi amici e nemici ed infine, soprattutto in questo numero, combatte nello stesso pianeta (?) contro una ex-spia Evroniana, Tuiroon, insieme a Uno e Lyla (che spuntano dal nulla!), per poi ritrovarsi solo in un passato molto remoto dove probabilmente scopriremo l'origine degli Evroniani.
Credo che la parte figa e più Pikappica sia quella finale e il numero successivo fa ben sperare ma se viene descritto come in questi due numeri potrebbero seriamente rovinare tutto.
Intanto, a mio parere, ci sono troppi nomi date a troppe cose (Galaxy-Gate, Shikaar, Mastini, Decimator, Pkorps...) che rendono il tutto un circo, poi, come ho detto precedentemente, mancano le vignette!
Esattamente, alle volte sembra che qualche conversazione saltava e si passava da una parte all'altra della sequenza senza spiegazioni ed infatti, non so se è capitato anche a voi, sono dovuto tornare indietro più di una volta per capire cosa stava succedendo!
Io questo lo capisco bene che non è colpa dell'autore, in parte, ma del numero ristretto di pagine, ma così la storia viene completamente sminuita!
Non si capiscono bene certi passaggi perchè proprio non ci sono e questo fa si che la storia è monca di quello che solitamente PK rappresenta.
E' monca di vignette come è monca dei rapporti tra PK e i suoi amici che parlano tra di loro come se fossero apatici (Se sei abbandonato nello spazio e vedi i tuoi amici arrivare per salvarti il culo piumato fai i salti di gioia...ed invece nulla!)
Il fatto che poi, per riempire quel vuoto, si mettono frasi di scena come "Il mio piano è ineluttabile" detto dal cattivone di turno o piccoli dettagli che ricordano Avengers (PK che assorbe poteri con i Galaxy-Gate ricorda un pò Capitan Marvel "distruggi tutta l'astronave" e un pò Iron Man con il guantone delle gemme in mano) si spoglia il personaggio per fargli mettere addosso vestiti già visti e rivisti ma messi lì solo perchè hanno fatto successo in altre serie. Ci può anche stare, ma devono essere indossati bene quei vestiti e non così.

In poche parole mi è piaciuto poco ma ho qualche speranza per il futuro della serie per via delle ultime vignette.
Gagnor non è assolutamente un autore pessimo, anzi è tra i migliori (Area 15 per esempio) e credo che con il tempo (e spero con qualche vignetta in più) riesca a migliorare il tiro per darci storie migliori e Pikappike!
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Andy392 - Mercoledì 6 Mag 2020, 17:30:09
Devo ordinare il volume per un mio amico ma sul sito della Panini mette l'articolo senza cover e con il titolo vecchio. C'è da fidarsi?
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Flash X - Mercoledì 6 Mag 2020, 17:58:46
Devo ordinare il volume per un mio amico ma sul sito della Panini mette l'articolo senza cover e con il titolo vecchio. C'è da fidarsi?
Guarda: siccome nell'edicola dove compro di solito non è ancora arrivato, io l'ho ordinato dalla Panini, anche se dà il titolo vecchio War Dome e non c'è la copertina. Onestamente non vedo perché non fidarsi, alla fine il volume è per forza quello...
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: HIPERBOREAN - Giovedì 7 Mag 2020, 23:57:36
Questo non è pk! No. Né per testi (con sempre identici trucchetti), né per disegno (flaccido e confuso). Da vecchio lettore so che ci sono state anche altre storie sottotono, ma qui c'è di più. Qui manca il battito cardiaco.
Scusate il tono, ma questo non è pk! E' altro. >:(
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Luxor - Venerdì 8 Mag 2020, 00:04:08
Devo ordinare il volume per un mio amico ma sul sito della Panini mette l'articolo senza cover e con il titolo vecchio. C'è da fidarsi?

Ti confermo che è quello, io l'ho ordinato dal sito Panini e mi è arrivato oggi!
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Filo Sganga - Venerdì 8 Mag 2020, 16:23:52
Secondo me vogliono affossare il mito di PK apposta per far smettere anche ai fan più fidati di comprarlo...non mi spiego altrimenti questo cambiamento così in peggio rispetto a un Droidi (storia molto bella) di solo un annetto fa.
Ammetto di non aver letto finora la storia in questione, ma i numerosi commenti non mi fanno minimamente venire la voglia di comprarla. Preferisco rileggermi le vecchie storie. In questi giorni ho riletto Potere e Potenza: Nonostante sia stata scritta in tempi più recenti quella storia è perfetta.  Artibani è sicuramente di un'altra caratura, ma Gagnor ne ha fatte di belle storie e sa scrivere quando vuole di rapporti umani, di sentimenti, e mettere il "battito cardiaco" come avete detto voi. Probabilmente PK non gli piace come personaggio o non gli è incline. O semplicemente Bertani odia PK e lo trasmette anche agli autori.
Non credo però sia solamente un problema di poche pagine...
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Volkabug - Venerdì 8 Mag 2020, 16:33:43
Secondo me vogliono affossare il mito di PK apposta per far smettere anche ai fan più fidati di comprarlo...non mi spiego altrimenti questo cambiamento così in peggio rispetto a un Droidi (storia molto bella) di solo un annetto fa.
Ammetto di non aver letto finora la storia in questione, ma i numerosi commenti non mi fanno minimamente venire la voglia di comprarla. Preferisco rileggermi le vecchie storie. In questi giorni ho riletto Potere e Potenza: Nonostante sia stata scritta in tempi più recenti quella storia è perfetta.  Artibani è sicuramente di un'altra caratura, ma Gagnor ne ha fatte di belle storie e sa scrivere quando vuole di rapporti umani, di sentimenti, e mettere il "battito cardiaco" come avete detto voi. Probabilmente PK non gli piace come personaggio o non gli è incline. O semplicemente Bertani odia PK e lo trasmette anche agli autori.
Non credo però sia solamente un problema di poche pagine...

Ma anche al termine di PK2 hanno tirato fuori dal cilindro Pikappa che non c'entrava nulla... è una direzione in cui la gestione di PK si dirige quando i risultati non sono soddisfacenti, si prova a cambiare target e stile. Gagnor evidentemente dal canto suo non ha nelle sue corde il PK che osa di più come fumetto, non penso ci siano altre ragioni complottiste.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Erdesgr - Venerdì 8 Mag 2020, 17:20:41
Mi sembra che in questa storia e in quella precedente ci siano un paio di problemi di base:
1) Un'impostazione generale superficiale, che non tiene conto delle basi per scrivere pk: non basta citare elementi presi dai comics marvel, perchè pk non è solo questo, con in più un paio di frasi emozionanti per dare spessore alla storia (come accade in questo caso). E anche le interazioni tra i personaggi (Uno e Lila) e il loro stesso carattere non mi sembrano "in bolla" rispetto a quelle canoniche delle storie di Pkna e Pk².
2) Penso ci sia troppa confusione. La storia parte anche bene (le prime due tavole sono interessanti), ma poi prende una velocità eccessiva, che mantiene per tutte le (poche) pagine a disposizione, e si arriva alla fine che non ti ricordi i particolari di quello che hai letto.
La velocità ti fa sembrare di aver saltato dei passaggi o delle vignette nella lettura, ma se poi torni indietro capisci che non manca niente, è proprio così che andava la storia, e rimani con il becco asciutto.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: paolo87 - Venerdì 8 Mag 2020, 18:11:58
La tesi complottista per cui starebbero facendo apposta a produrre storie non all'altezza perche' odierebbero PK e lo vorrebbero chiudere mi sembra, con il dovuto rispetto, contorta ed irrispettosa del lavoro di Gagnor e Bertani. Pur confermando le critiche mosse piu' sopra, sono convinto che sia la direzione che gli autori ce la stiano comunque mettendo tutta per fornire un prodotto valido. Che poi il prodotto finito possa non piacere e' un altro discorso.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: emmevi - Venerdì 8 Mag 2020, 21:06:28
Secondo me vogliono affossare il mito di PK apposta per far smettere anche ai fan più fidati di comprarlo...non mi spiego altrimenti questo cambiamento così in peggio rispetto a un Droidi (storia molto bella) di solo un annetto fa.
Ammetto di non aver letto finora la storia in questione, ma i numerosi commenti non mi fanno minimamente venire la voglia di comprarla. Preferisco rileggermi le vecchie storie. In questi giorni ho riletto Potere e Potenza: Nonostante sia stata scritta in tempi più recenti quella storia è perfetta.  Artibani è sicuramente di un'altra caratura, ma Gagnor ne ha fatte di belle storie e sa scrivere quando vuole di rapporti umani, di sentimenti, e mettere il "battito cardiaco" come avete detto voi. Probabilmente PK non gli piace come personaggio o non gli è incline. O semplicemente Bertani odia PK e lo trasmette anche agli autori.
Non credo però sia solamente un problema di poche pagine...

A parte che è meraviglioso leggere un commento a una storia da parte di un utente che ammette candidamente di non averla letta, ma tant'è.
Ma, poi, secondo te, davvero una casa editrice crea dal nulla una testata nuova per un personaggio solo per affossare il personaggio stesso?
Ma che strategia è?
Cioè (e perdona l'elenco salviniano) paga: uno sceneggiatore, un disegnatore, un colorista, un inchiostratore, un letterista, carta, stampa e distribuzione nelle edicole solo per convincere gli irriducibili fan a non acquistare più alcun volume di quel personaggio.
 
 
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: hendrik - Venerdì 8 Mag 2020, 21:24:06
Odiare magari no, ma mi è stato confermato che non è certo il suo personaggio preferito (Pk eh, non Paperinik).

Non è sensato che AB voglia affossare Pk, ma forse il non avere il feeling giusto con il personaggio ha avuto un peso in questa débâcle.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: RobertoGagnor - Venerdì 8 Mag 2020, 21:45:42
E chi ti avrebbe confermato tale notizia? Scusami, ma quando le stupidaggini raggiungono il livello di guardia, vorrei almeno sapere da dove arrivano.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Paperinika - Venerdì 8 Mag 2020, 21:56:26
Vedo che gli animi si stanno scaldando velocemente... invito tutti a mantenere la discussione ad un livello civile, per favore.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Vito65 - Venerdì 8 Mag 2020, 22:13:55
E chi ti avrebbe confermato tale notizia? Scusami, ma quando le stupidaggini raggiungono il livello di guardia, vorrei almeno sapere da dove arrivano.
Solo a titolo di cronaca e per amore di verità: ad Etna Comics 2019 il Direttore Bertani, parlando del 50.mo di Paperinik, ha detto in pubblica conferenza che per lui Paperinik è quello di Elisa Penna e Guido Martina, più che la derivazione supereroistica di Pk.
Io ero presente.
Per completezza, aggiungo che in quella sede Bertani ha caldeggiato anche il progetto, a quell' epoca ancora in fieri, di una pubblicazione dedicata a Pk.
Certamente, l' impressione, per quanti di noi avevano sentito negli anni precedenti la De Poli, sempre ad EtnaComics, è stata che la ex Direttora avesse maggior trasporto affettivo per Pk, il che peraltro è comprensibile, dato che la De Poli seguì la nascita di PKNA fin dagli albori.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: emmevi - Venerdì 8 Mag 2020, 22:22:06
E, secondo te, questo basta per affermare che non si stia lavorando con lo stesso impegno su ogni testata e su ogni storia che viene pubblicata?
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Vito65 - Venerdì 8 Mag 2020, 22:31:41
E, secondo te, questo basta per affermare che non si stia lavorando con lo stesso impegno su ogni testata e su ogni storia che viene pubblicata?
Naturalmente no.
Preciso che non conosco l' utente hendrik, dal cui commento sono scaturite le domande di voi autori, ma ho assistito alle dichiarazioni di un Direttore in una pubblica conferenza e le ho riportate, separando le nude dichiarazioni dalle impressioni che io ne ho riportato.



Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: piccolobush - Venerdì 8 Mag 2020, 23:30:33
Credo sia il caso di riportare la discussione sui binari corretti. Anzitutto vi invito a non riportare "voci di corridoio", dicerie, complotti, sensazioni varie. Atteniamoci ai fatti.
Poi, punto altrettanto importante, dato che si sta parlando di una storia, si critichi la storia, possibilmente in maniera educata. Evitiamo quindi attacchi ad autori, redattori, direttori e via di seguito.
Il motivo mi sembra abbastanza semplice: ad una critica, corretta, ad un prodotto l'autore può rispondere (e allora magari può uscirne un confronto interessante) o non rispondere (e in tal caso si rimarrà tutti col dubbio se sia colpevole o semplicemente saggio).
Se, come si sta facendo ora, si oltrepassa il limite e si va sul personale (dubitando persino dell'etica professionale delle persone), a quel punto non solo le critiche alle storie vengono delegittimate ma ci si ritrova stupidamente dalla parte del torto e gli autori hanno gioco facile nello sviare le risposte.
Lavoriamo tanto da anni per offrirvi uno spazio in cui discutere delle vostre passioni e, in alcuni casi, coinvolgere direttamente gli autori: provate ad usare questa opportunità con un po' di furbizia, grazie
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: HIPERBOREAN - Sabato 9 Mag 2020, 09:31:46
Credo sia il caso di riportare la discussione sui binari corretti. Anzitutto vi invito a non riportare "voci di corridoio", dicerie, complotti, sensazioni varie. Atteniamoci ai fatti.
Poi, punto altrettanto importante, dato che si sta parlando di una storia, si critichi la storia, possibilmente in maniera educata. Evitiamo quindi attacchi ad autori, redattori, direttori e via di seguito.
Il motivo mi sembra abbastanza semplice: ad una critica, corretta, ad un prodotto l'autore può rispondere (e allora magari può uscirne un confronto interessante) o non rispondere (e in tal caso si rimarrà tutti col dubbio se sia colpevole o semplicemente saggio).
Se, come si sta facendo ora, si oltrepassa il limite e si va sul personale (dubitando persino dell'etica professionale delle persone), a quel punto non solo le critiche alle storie vengono delegittimate ma ci si ritrova stupidamente dalla parte del torto e gli autori hanno gioco facile nello sviare le risposte.
Lavoriamo tanto da anni per offrirvi uno spazio in cui discutere delle vostre passioni e, in alcuni casi, coinvolgere direttamente gli autori: provate ad usare questa opportunità con un po' di furbizia, grazie

Binari corretti e cancelli post senza insulti? senza nomi? Ma con una semplice constatazione al post di Emmevi? Atteniamoci ai fatti, esatto; in quel post avevo indicato un fatto! Una pubblicazione completamente sfuocata (ai miei gusti di vecchio lettore di PK).
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: luciochef - Sabato 9 Mag 2020, 09:45:57
Atteniamoci ai fatti, esatto
Atteniamoci ai fatti, esatto !
Sei entrato, non ti sei neanche presentato, hai scritto un primo messaggio di ingresso partendo subito con una critica abbastanza "feroce" e poi, non soddisfatto del trattamento che ti è stato riservato, chiedi anche spiegazioni ad un moderatore senza un minimo di garbo.
Ecco, Atteniamoci ai fatti !
E magari leggiamo i regolamenti prima di entrare in un forum, cerchiamo di usare una sorta di etichetta accompagnata da una grande dose di buona educazione e poi se ne riparla....
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Paperinika - Sabato 9 Mag 2020, 10:50:11
Credo sia il caso di riportare la discussione sui binari corretti. Anzitutto vi invito a non riportare "voci di corridoio", dicerie, complotti, sensazioni varie. Atteniamoci ai fatti.
Poi, punto altrettanto importante, dato che si sta parlando di una storia, si critichi la storia, possibilmente in maniera educata. Evitiamo quindi attacchi ad autori, redattori, direttori e via di seguito.
Il motivo mi sembra abbastanza semplice: ad una critica, corretta, ad un prodotto l'autore può rispondere (e allora magari può uscirne un confronto interessante) o non rispondere (e in tal caso si rimarrà tutti col dubbio se sia colpevole o semplicemente saggio).
Se, come si sta facendo ora, si oltrepassa il limite e si va sul personale (dubitando persino dell'etica professionale delle persone), a quel punto non solo le critiche alle storie vengono delegittimate ma ci si ritrova stupidamente dalla parte del torto e gli autori hanno gioco facile nello sviare le risposte.
Lavoriamo tanto da anni per offrirvi uno spazio in cui discutere delle vostre passioni e, in alcuni casi, coinvolgere direttamente gli autori: provate ad usare questa opportunità con un po' di furbizia, grazie

Binari corretti e cancelli post senza insulti? senza nomi? Ma con una semplice constatazione al post di Emmevi? Atteniamoci ai fatti, esatto; in quel post avevo indicato un fatto! Una pubblicazione completamente sfuocata (ai miei gusti di vecchio lettore di PK).
Ecco, sì, atteniamoci ai fatti.
Quella che ho cancellato io era una risposta che praticamente scimmiottava il post che citava per non aggiungere nulla di costruttivo alla discussione.
Tutti sono i benvenuti, ma, come già detto, in un contesto civile (e in una discussione che sia possibilmente costruttiva e rispettosa di tutti, e non fatta solo di interventi tanto per).

Detto ciò, gentilezza e garbo non sono mai cose che si rifiutano, qualora ci fossero.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Hero of Sky - Sabato 9 Mag 2020, 14:32:30
Non voglio essere troppo duro con un nuovo iscritto, anche perché non ne ho diritto, ma temo che questo atteggiamento ti porterà al ban, se non lo cambi
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: emmevi - Sabato 9 Mag 2020, 14:39:44

Binari corretti e cancelli post senza insulti? senza nomi? Ma con una semplice constatazione al post di Emmevi? Atteniamoci ai fatti, esatto; in quel post avevo indicato un fatto! Una pubblicazione completamente sfuocata (ai miei gusti di vecchio lettore di PK).

Credo di essermi perso un passaggio.
Che constatazione facevi?
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Atius - Sabato 9 Mag 2020, 14:58:40
Credo sia il caso di riportare la discussione sui binari corretti. Anzitutto vi invito a non riportare "voci di corridoio", dicerie, complotti, sensazioni varie. Atteniamoci ai fatti.
Poi, punto altrettanto importante, dato che si sta parlando di una storia, si critichi la storia, possibilmente in maniera educata. Evitiamo quindi attacchi ad autori, redattori, direttori e via di seguito.
Il motivo mi sembra abbastanza semplice: ad una critica, corretta, ad un prodotto l'autore può rispondere (e allora magari può uscirne un confronto interessante) o non rispondere (e in tal caso si rimarrà tutti col dubbio se sia colpevole o semplicemente saggio).
Se, come si sta facendo ora, si oltrepassa il limite e si va sul personale (dubitando persino dell'etica professionale delle persone), a quel punto non solo le critiche alle storie vengono delegittimate ma ci si ritrova stupidamente dalla parte del torto e gli autori hanno gioco facile nello sviare le risposte.
Lavoriamo tanto da anni per offrirvi uno spazio in cui discutere delle vostre passioni e, in alcuni casi, coinvolgere direttamente gli autori: provate ad usare questa opportunità con un po' di furbizia, grazie

Binari corretti e cancelli post senza insulti? senza nomi? Ma con una semplice constatazione al post di Emmevi? Atteniamoci ai fatti, esatto; in quel post avevo indicato un fatto! Una pubblicazione completamente sfuocata (ai miei gusti di vecchio lettore di PK).
Ecco, sì, atteniamoci ai fatti.
Quella che ho cancellato io era una risposta che praticamente scimmiottava il post che citava per non aggiungere nulla di costruttivo alla discussione.
Tutti sono i benvenuti, ma, come già detto, in un contesto civile (e in una discussione che sia possibilmente costruttiva e rispettosa di tutti, e non fatta solo di interventi tanto per).

Detto ciò, gentilezza e garbo non sono mai cose che si rifiutano, qualora ci fossero.

Visto una scimmiottata e una cosa da poco, perchè tanta forza e voglia di levarlo? strano. Dai, rimettilo, te lo chiedo con gentizza e la sofficità d'un petalo di rosa. Peace&love.
Diciamo che gradiremmo tutti evitare scimmiottate onde evitare polemiche che altrimenti sarebbero evitabilissime.
Comportiamoci da persone mature e rispettose, e nessuno avrà nulla da dire e nessun moderatore dovrà cancellare post.

(Anche volendo, i post cancellati non restano in archivio, quindi impossibile ripristinarli).

Grande Paperinika! Goal! In trasparenza sei, ah-ah, Number One!

A prescindere dal fatto che tu sia un nuovo utente, ti consiglierei di portare un po' di rispetto nei confronti dei moderatori e degli altri utenti in generale. Sai, non è bello presentarsi un luogo (sia pure virtuale) pubblico usando certi toni.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Paperinika - Sabato 9 Mag 2020, 15:04:22

Binari corretti e cancelli post senza insulti? senza nomi? Ma con una semplice constatazione al post di Emmevi? Atteniamoci ai fatti, esatto; in quel post avevo indicato un fatto! Una pubblicazione completamente sfuocata (ai miei gusti di vecchio lettore di PK).

Credo di essermi perso un passaggio.
Che constatazione facevi?
Credo si possa tranquillamente passare oltre. Visto che l'utente non sembra neanche in grado di mantenere una conversazione seria, lo salutiamo subito.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: emmevi - Sabato 9 Mag 2020, 15:22:25
Ok, mi terrò il dubbio.
Ma dormirò ugualmente sereno.  ;)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: RobertoGagnor - Sabato 9 Mag 2020, 16:41:20
Grazie ai moderatori, a Max e ai Paperseri! Le opinioni ci stanno, tutte: le illazioni sull'etica professionale no.
Io e tutto il team con cui lavoro su PK ce la mettiamo tutta: io lo so, e voi lo sapete.

Amiamo tutti PK: forse il mio modo è diverso da quello dei Pkers più accesi, e ci sta.
Ho sempre detto che il tono di queste storie, per me, è meno Ridley Scott e più James Cameron.
Senza nulla togliere ai capolavori di chi è venuto prima di me, ma facendo la mia strada.
Scimmiottare pedestremente le idee altrui non avrebbe senso e non sarebbe onesto da parte mia.

I tempi cambiano, gli autori cambiano, l'editoria cambia: e l'idea è di fare queste nuove strade, noi e voi, insieme.

Se poi una storia non piace, naturalmente, accetto le critiche.
Ma grazie per aver riportato il dibattito a un discorso ragionevole e interessante. :-)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: MiTo - Sabato 9 Mag 2020, 16:43:37
Ho appena letto Danger Dome, quindi vi scrivo un paio di considerazioni.

Non avendo (ancora) letto Un nuovo eroe sono partito solo con le dida di riassunto. Alla fine non è stato un grosso problema, anzi mi sono goduto un inizio in media res coi fiocchi.
Devo dire che, leggendo alcuni commenti, temevo che la storia potesse essere ben peggiore di quanto in realtà non sia. Ok, non è il vecchio PKNA, ma alla fine non ha nemmeno senso fare operazioni nostalgia. La storia scorre, ci sono copi di scena e i disegni di Vian sono qualcosa di spettacolare, almeno dal mio punto di vista.

Questo significa che si tratta di una storia perfetta? No, assolutamente. Come avevate detto già voi in alcuni commenti, ci sono dei passaggi un po' troppo veloci e non adeguatamente raccordati. E un po' di soluzioni "topolinesche" di troppo. Trovate che possono funzionare su una storia tradizionale, ma che fanno storcere il naso in serie che, come PK e MMMM, avevano fatto della loro forza lo staccarsi da quelle soluzioni. Quanto alle citazioni, alcune ne ho colte, altre (non sono un esperto di film Marvel) no, ma in ogni caso si tratta sempre di armi a doppio taglio, nel senso che è labile il confine tra l'uso e l'abuso di esse.

In assoluto, quindi, non si tratta di una cattiva storia. Il vero problema secondo me è editoriale (e non lo dico per fare l'esperto di editoria, ma semplicemente da appassionato che bene o male naviga da anni in questo mondo da spettatore). Proporre una storia così beve con un cartonato a un prezzo piuttosto elevato (sempre in rapporto al numero di tavole) temo che frenerà molti lettori, e anche qualche contenuto in più oltre alla storia non avrebbe stonato. Anche il fatto di dover aspettare 6 mesi per un nuovo episodio relativamente breve di una saga in stretta continuity può scoraggiare parecchi lettori. Tra l'altro anche correggere continuamente il tiro (prima le mini-saghe su Topolino, ora Topolino Fuoriserie) potrebbe creare quantomeno confuzione.

Infine, una critica severa: né sulla pagine Facebook di Topolino Magazine né su quella di Pikappa Official ci sono post che annuncino l'uscita di Danger Dome, né un jpg della cover. Addirittura la pagina Pikappa Official è abbandonata da metà febbraio, quando vennero pubblicate alcune matite di questa storia senza date precise per l'uscita. Questo è un atteggiamento che francamente trovo immotivato. Sia perché tanti lettori hanno il follow a queste pagine ufficiali ma magari non leggono forum e fanpage, quindi nemmeno sapranno dell'uscita del volume. E poi i social hanno il pregio di essere gratuiti, Topolino Magazine ha quasi 400.000 like, Pk Official poco meno di 16.000, che senso ha non fare perlomeno un paio di post per promuovere il nuovo volume? Senza contare che nemmeno su Topolino mi sembra siano stati pubblicati servizi o pubblicità relativi al nuovo PK.

EDIT Mentre scrivevo questo post ha postato il suo commento anche lo stesso Gagnor. Ne approfitto per specificare che a me non passa nemmeno per l'anticamera del cervello che possa essere stato incaricato di "rovinare" PK. Penso piuttosto che PK sia un personaggio tra i più difficili da trattare, e che farlo sia una grossa responsabilità. Gagnor del resto è stato il primo nuovo autore a occuparsene da vent'anni a questa parte, visto che per le mini-saghe di PKNE la redazione aveva fatto ricorso ai veterani Sisti e Artibani. Gagnor suppongo debba "prendere la mano" con un personaggio e una saga così particolare per potere, nelle prossime storie, fare ancora meglio e non commettere gli stessi errori. Anche perché, leggendo i suoi commenti, mi sembra uno che ascolta le critiche (quelle costruttive, ovvio) e le opinioni dei lettori per migliorare.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: piccolobush - Sabato 9 Mag 2020, 16:54:36
Ok, mi terrò il dubbio.
Ma dormirò ugualmente sereno.  ;)
Guarda Massimiliano, il dubbio te lo tolgo volentieri anche se, purtroppo, non abbiamo salvato uno screenshot.
Partiva dal tuo messaggio in cui facevi l'elenco delle persone pagate per produrre una storia, aggiungeva "paga anche 11 giocatori, un allenatore, un massaggiatore,..." per prendere in giro e concludeva in maniera insensata (anche grammaticalmente).
Dato che si è iscritto ieri, a quanto pare appositamente per far casino in questo thread, lo salutiamo senza rimpianti
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Vincenzo - Sabato 9 Mag 2020, 17:03:53


Amiamo tutti PK: forse il mio modo è diverso da quello dei Pkers più accesi, e ci sta.
Ho sempre detto che il tono di queste storie, per me, è meno Ridley Scott e più James Cameron.


E meno male, aggiungo io: a parte Alien e Blade Runner, Ridley Scott mi è sempre sembrato un regista molto sopravvalutato.
Molto meglio il fratello Tony.
Scusate per l'offtopic ;)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: el_pikappa - Sabato 9 Mag 2020, 17:45:40
Tenendo al momento tutte le considerazioni su quest'albo per me, perché vorrei avere anche un quadro generale di tutto quello che avverrà, se Gagnor mi sta leggendo, potrebbe dirci per favore quando se ne parlerebbe l'uscita del terzo volume? Non chiedo di quanti atti si compone tutta la storia in sè, ma almeno spero di non dover attendere fine anno...
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: RobertoGagnor - Sabato 9 Mag 2020, 17:56:38
Io l'ho già scritto! :-) Ma onestamente non so dirti nulla sui tempi di pubblicazione: dipende dalle scelte editoriali della redazione, ma anche dal momento, causa virus etc. Stay tuned! :-)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Shumani - Sabato 9 Mag 2020, 19:04:29
Amiamo tutti PK: forse il mio modo è diverso da quello dei Pkers più accesi, e ci sta.
Ho sempre detto che il tono di queste storie, per me, è meno Ridley Scott e più James Cameron.
E meno male, aggiungo io: a parte Alien e Blade Runner, Ridley Scott mi è sempre sembrato un regista molto sopravvalutato.

ah beh, anche James Cameron, a parte Terminator, Titanic e Avatar, non è che abbia fatto poi molto...
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Hero of Sky - Sabato 9 Mag 2020, 20:40:15
The Abyss. Sottovalutato come pochi ma a mio avviso eccellente
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: brigo - Sabato 9 Mag 2020, 21:23:05
ah beh, anche James Cameron, a parte Terminator, Titanic e Avatar, non è che abbia fatto poi molto...

Riconosco il tono sarcastico e chiedo scusa per il tremendo OT, ma anche "The abyss" e "True lies" sono, nel peggiore dei casi, godibilissimi.

Ritornando IT: appena sarà più sicuro uscire, andrò in fumetteria ed acquisterò il volume. I disegni di Vian in questo formato non li ho mai visti e non voglio perdermi l'occasione.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Vito65 - Domenica 10 Mag 2020, 00:49:46
Ringrazio Gagnor per il suo penultimo post, e per la sincerità con cui ha condiviso con noi il suo interesse per Pk. Credo che l'Autore meriti la stessa chiara sincerità da noi lettori: un atteggiamento di lealtà e chiarezza è sempre un buon presupposto per un costruttivo scambio di idee.
Io sono un lettore di Pk della prima ora. E' vero quello che dice Gagnor: il rapporto con i pikers più accesi non è facilissimo. Questo perchè i "fedelissimi" di Pk sono in genere lettori attenti ed esigenti, molto più della media normale; questa attenzione, però, a ben vedere discende direttamente da quello a cui che il nostro supereroe preferito ci ha abituato, anzi direi meglio: dipende da quello che voi autori ci avete portato ad amare ed a gustare. In Pk noi lettori fedelissimi abbiamo sempre trovato un fumetto che vola alto, ricco di spessore e di profondità su vari piani: con Pk ci sono stati offerti avventura, azione, lirismo, riflessioni sul rapporto bene/male, sullo spirito di sacrificio, sull'amicizia, sull'amore, sui rapporti padri/figli, e tanto altro, il tutto declinato in una maniera leggera ma al tempo stesso seria.
E' inevitabile dunque che il lettore di Pk si accosti alla lettura di una nuova storia con aspettative elevate, che sono peraltro un sintomo della fiducia del lettore nella capacità degli autori di osare e di continuare ad intrattenerci in modo divertente ed intelligente al tempo stesso.
Ogni ammiratore di Pk  desidera che gli autori continuino a percorrere strade originali, per cui tutti apprezziamo quel che qui ha detto Gagnor sul suo desiderio di percorrere vie nuove. Ma desideriamo anche, in egual misura, continuare a trovare, pur nella ricerca del nuovo, quella che è la cifra caratteristica, il marchio che contraddistingue Pk, quella sua capacità di volare alto, di superare, se mi si consente l'espressione, il livello del Topolino libretto.
Riguardo la sottolineatura del post di Gagnor, che giustamente dice di non voler scimmiottare gli autori che lo hanno preceduto, io vorrei proporgli, se mi permette, una riflessione: secondo me, la sua giusta, legittima aspirazione di percorrere una strada nuova non implica alcuna scimmiottatura o contrapposizione con le storie del passato. Qui entra un po' in gioco il concetto di continuity; anche questo aspetto, se vogliamo, è un elemento del successo di Pk, a cui proprio voi autori ci avete abituato: il rappresentare, cioè, la storia di Pk come una lunga avventura, dove tutto si tiene e tutto è concatenato, un po' come avviene nella vita reale: tanto è vero che nelle storie di Pk, diversamente da quanto generalmente avviene nel resto dell'universo disneyano, il tempo scorre, ed ogni storia segue logicamente e cronologicamente alle precedenti.
Una maggiore attenzione al patrimonio ormai consolidato della storia e delle opere di Pk, a mio parere, non è un limite, ma una opportunità propria del "corpus" pikappico.
Per spiegarmi meglio, vorrei chiedere a Gagnor, nella speranza che mi legga, come si sentirebbe se, una volta iniziata la lettura di un romanzo, non trovasse, in fondo al libro, la fine della storia. Ci resterebbe male, no? Gagnor, si metta nei miei panni: io ho potuto leggere la (parziale) conclusione delle trame legate ad Everett e al ciclo di Corona dopo vent'anni dalla loro interruzione! Adesso rimangono in sospeso diverse trame aperte dal suo collega Sisti: ne leggerò l'esito quando sarò prossimo all' ultima dimora? Non sarebbe un segno di attenzione a quei lettori, a cui rivolgete i vostri sforzi e il vostro lavoro, portare avanti, insieme e contemporaneamente al nuovo, quello che è già iniziato? Constatare che gli aspetti di coerenza narrativa legati alla continuity non sono adesso il prioritario interesse degli autori, (o forse della redazione?),  mentre prima lo sono stati, trasmette in noi fedeli lettori il messaggio che, in fondo, le nostre attese non sono importanti, e che l' autore non scrive più per noi. La libertà creativa dell'autore è sacra, ma è fisiologico che questa libertà creativa sia rivolta al pubblico dei potenziali lettori, ed io, che pure faccio parte di questo pubblico, mi sento un po' trascurato quando credo di percepire che la mia presenza di lettore non  interessi più di tanto all'autore.
Grazie anticipate per l'attenzione di chi mi leggerà e, in particolare, di Gagnor, se vorrà arrivare fino in fondo a questo lungo post.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: RobertoGagnor - Domenica 10 Mag 2020, 07:20:43
Vero, la continuity. O anche, come sempre, nella cultura di massa, il bisogno - del pubblico e anche degli autori - di qualcosa di "moderatamente nuovo": se è troppo vecchio ci si annoia, se è troppo nuovo non lo si riconosce.

Vito, tu fai l'esempio del romanzo cui manca il finale: naturalmente ci resterei male. Però il tuo esempio sottintende che, appunto, PK debba "finire". Ma come dici giustamente tu stesso, PK è una "lunga storia" che continua. Appunto: continua. La mia idea non è mai stata di "chiudere" ogni trama. E nemmeno, confesso, di affrontare quelle stesse trame. Un po' per il rispetto enorme che ho per Sisti (e Artibani), che sono due grandissimi autori e, anche, miei maestri (Sisti lo è stato letteralmente, all'Accademia Disney). Un po' perché mi sarei sentito inadatto a farlo, dando a quelle stesse trame finali che magari non meritano.
Un po' perché sarei felicissimo che qualcun altro o altra lo facesse. Un po' perché anch'io, quando finirà la mia run su PK, lascerò magari qualcosa di aperto e sarò felicissimo che un nuovo autore la continui. Perché conta PK. Conta la "lunga storia".

Il punto è che, per forza di cose, qualcuno che scriverà PK ci sarà anche dopo di me, spero. Come in ogni serie. E magari sarà lui o lei a portare avanti quelle trame. Come nella migliore tradizione del fumetto supereroistico. Da grande lettore degli X-Men, anni fa Lobdell accennò a un "terzo fratello" di Ciclope e Havok. E io, come te, a struggermi per anni per capire chi fosse. Poi arriva Brubaker, ANNI DOPO, e crea Vulcan, il famoso terzo fratello.

Le vostre attese sono importanti, naturalmente.
E io scrivo per divertire, appassionare, acchiappare il mio pubblico: un interesse condiviso da tutti quelli che fanno PK con me.
Ma al momento voglio aprire questo mondo. Metterci cose. Creare mondi, appigli, personaggi, situazioni per continuare la "lunga storia" (mi piace molto, come definizione, sappilo!). Se poi andassi avanti per anni, naturalmente, ci penserei eccome, a chiudere le trame di Sisti.

La mia famosa dichiarazione "voglio fare a modo mio" forse ha creato un equivoco. Non è che io "me ne freghi" dei lettori: anzi!
Se fai questo lavoro, è sottinteso che VUOI scrivere PER UN PUBBLICO.
Ma per esperienza personale ho anche scoperto che se pensi "solo" al pubblico, hai la sicurezza di scrivere male tu, e di deludere quello stesso pubblico.
Quando dico che scrivo "per me stesso", intendo che scrivo cose che debbano soddisfare me per primo, perché - di nuovo, per esperienza personale - ho visto che le cose che soddisfano di più me soddisfano di più, di solito, anche il pubblico. Che poi, naturalmente, ascolto.

Ma il punto è: scrivo "per me" per scrivere meglio, davvero, per voi.


 
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Matteastro - Domenica 10 Mag 2020, 10:22:51
Buongiorno,

Ho letto ieri sera il nuovo episodio di Pk.
Da ignorante in materia di fumetto, ma lettore assiduo (e di Pk dai tempi di Pkna), qualche considerazione dopo averci dormito su.

Trovo innanzitutto un problema editoriale e di comunicazione. La mancanza totale di comunicazione, in merito alla nuova storia, sulle pagine social porta una idea di trascuratezza e poco interesse da parte della Panini-Disney stessa a vendere le proprie storie. È spesso più facile sapere novità su Pk tramite gruppi di fan su fb o telegram che dalle fonti ufficiali, anche Anteprima.

Dopo 2 storie, sono giunto a una prima idea: oltre ai redazionali, il nuovo formato manca di spazio. Troppe poche tavole per sviluppare una storia "ai livelli delle precedenti incarnazioni di Pk".
Non lo dico con cattiveria. Al netto del piacermi o meno questo nuovo filone (per ora è no, ma era no anche per le trame PBI di pkna, questi sono gusti), temo che l'autore finisca per avere poco spazio per sviluppare con tempi giusti idee che potrebbero mostrarsi realmente interessanti. Aggiungere poi troppe citazioni finisce per ammazzare ulteriormente lo spazio.

L'unica "critica" che mi sento di fare è nella caratterizzazione dei personaggi storici, come Lyla. Ho la sensazione che in questa ultima storia non si comporti minimamente da Lyla e questo fa storcere il naso parecchio, allontanando dalla voglia di proseguire la lettura.

Infine, i disegni: in questo secondo volume sono decisamente più chiari che nel primo, anche se alcune scene sono troppo veloci e quindi probabilmente difficili da disegnare chiaramente. Ma qui registro un "miglioramento".

Pk è sempre stato caratterizzato dall'essere ben poco Topolinesco, anche nei cambi sostanziali come il passaggio a Pk2 o nella versione alternativa di Pikappa.
Per ora quello che ho letto mi ricorda più Universo Pk, il what-if di Paperinik contro gli Evroniani. Se questa sarà la direzione voluta, probabilmente smetterò di seguire il fumetto che mi ha accompagnato dalle elementari all'università nelle sue varie incarnazioni. Dispiace.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: luciochef - Domenica 10 Mag 2020, 10:36:24
Ci tengo davvero tanto tanto a fare i miei complimenti (per quel poco che potranno valere...) a @Vito65 e a @Gagnor per la bellissima pagina che ci hanno regalato.
Due post profondi, critici nel modo giusto, argomentati nei temi trattati. Ma, soprattutto, privi di isterie (figlie dei nostri tempi e del cattivo uso dei Social) e dello squallido e macabro giochetto del "buttarsi fango addosso a vicenda".
Più che post pubblicati su un forum mi sono sembrati un rapporto epistolare quasi intimo nel quale ognuno ha fatto la propria parte nel massimo della sincerità.
Complimenti ad entrambi !
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Volkabug - Domenica 10 Mag 2020, 12:18:16
Trovo innanzitutto un problema editoriale e di comunicazione. La mancanza totale di comunicazione, in merito alla nuova storia, sulle pagine social porta una idea di trascuratezza e poco interesse da parte della Panini-Disney stessa a vendere le proprie storie. È spesso più facile sapere novità su Pk tramite gruppi di fan su fb o telegram che dalle fonti ufficiali, anche Anteprima.

Questa cosa l'ho notata anche io; personalmente conosco solo una pagina ufficiale del Topo su instagram, che se non sbaglio ha pubblicizzato PK solo una volta e per di più solo una volta pubblicato; ora non è che voglio dire che Ig sia la chiave per raggiungere i lettori, ma in generale un'attenzione maggiore ai mezzi di comunicazione più moderni vale a dire i vari social network, non guasterebbe.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Pacuvio - Domenica 10 Mag 2020, 13:42:13
In aggiunta ai commenti sulla gravità della mancata pubblicità, sinora non è stato sottolineato come sia ulteriormente penalizzante il silenzio dei social soprattutto ora che Pk non si è potuto giovare di un lancio in pompa magna in fiera...
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Domenica 10 Mag 2020, 14:26:44
Riprendo con qualche modifica quanto scritto già sul forum della Tana del Sollazzo riguardo il secondo capitolo del "gagnorverso".

Sarà un problema mio, ma non ho capito a chi è rivolta questa storia. Evidentemente non è rivolta ai Pker classici, ma mi azzarderei a dire che non è rivolta neanche a un pubblico particolarmente adulto. Ma allora a chi? Un nuovo lettore, un ragazzino, sarebbe interessato a comprarsi un volumetto cartonato di 10 euro per una storiella di 48 tavole? E sia chiaro, il format dell'albo io non lo demonizzo. Ma è chiaramente un format che può interessare solo chi è disposto a sobbarcarsi una spesa simile "al buio": in questo caso, un Pker, o comunque un pubblico fidelizzato che segue il personaggio da tempo. Quindi si arriva al paradosso di una storia che si comprerebbe solo un certo tipo di lettore, ma che NON è rivolta a quel tipo di lettore, e che anzi cerca di accattivarsi un nuovo tipo di lettore che però non la comprerebbe. (Ma poi, anche se la comprasse, riuscirebbe ad accattivarlo? Davvero quel tipo di storia sarebbe più apprezzato da quel tipo di lettore rispetto ad altri? Indimostrato, finora).

Andiamo con ordine. Analizziamo prima la novità: i disegni. Premetto, io personalmente non mi sono stracciato le vesti per il Lavoradori di "Un nuovo eroe". Detto questo, Vian è un adattissimo nuovo acquisto, perfetto per PK. A volte troppo "deformed", ma comunque spettacolare: sarebbe stato perfetto già ai tempi di PKNA probabilmente, e spero che abbia un futuro pikappico radioso anche dopo il ciclo di Gagnor. Molti sceneggiatori saprebbero valorizzarlo: sotto un Sisti o un Artibani farebbe faville. Ha un tratto originale che in alcuni tratti è meravigliosamente disturbante e inquietante, in senso buono, basti pensare alla seconda tavola, oltre alla scena della
Spoiler: mostra
temporanea trasformazione di Derrick in larva
. Ci sono problemi, certo, non dipendenti da Vian in sé: il disegnatore "eredita" certi personaggi ideati da Lavoradori, ed è un po' in difficoltà col loro character design. Non è colpa sua: è che quei personaggi "funzionavano" con il tratto di Lavoradori, ma col tratto di Vian rendono meno. Il personaggio di "Ed il Senzanome" è più mingherlino della sua versione originale, e gli evroniani mutanti (Tuiroon e i Decimator), con quegli occhietti chiusi sottili, non sono un granché a vedersi. A tal proposito basti fare il confronto tra la preview della storia che ha girato per mesi, lo schizzo della seconda tavola, con la versione effettivamente pubblicata: nello schizzo originale abbiamo un Vian a briglia sciolta e un Tuiroon assolutamente terrificante (di nuovo, in senso buono), mentre nella tavola modificata abbiamo una versione forse più rispettosa del Tuiroon "lavoradoriano" ma molto meno efficace. Altro problema, che dimostra come i dialoghi e i balloon siano supervisionati esclusivamente dal disegnatore (in questo caso non è una colpa "originale" né di Gagnor né di Vian, dato che un problema analogo si è avuto coi balloon delle storie di Sciarrone e Sisti, negli Argini del Tempo e in Cronaca di un Ritorno): Tuiroon in realtà sarebbe una sorta di "sciarpa"/coda parlante, che si parassita sul corpo muto di un Decimator - se ho capito bene - ma in questa storia i suoi balloon di dialogo provengono sempre e solo dal "corpo", mentre a parlare dovrebbe essere la coda/sciarpa. Ripeto, è già successo con altri autori, ma già al secondo numero di due vedere inconsistenze un po' pesa: si tratta di cose sicuramente risolvibili nel prossimo capitolo però, quindi è una cosa che va fatta presente, senonaltro per evitare che si ripeta nel capitolo successivo.

Quello che invece dubito sia facilmente risolvibile sono i testi, i dialoghi. E qui passiamo alle dolenti note: lo sceneggiatore. Ora, io spero che la lettura di questo numero abbia chiarito a tutti, fugando ogni dubbio, che il problema non era il disegnatore (o non solo, al peggio). Perché questo capitolo ha esattamente gli stessi identici difetti del precedente, se non addirittura qualcuno in più. Perché se anche stavolta non capisco cosa succede in diverse scene, né con Lavoradori né con Vian (e non penso sia un problema di comprensione mio, dato che io riuscivo a capire anche cosa accadeva nelle pazze scene di massa di Guerrini), allora "forse" il problema non è del disegnatore, ma di chi scrive. Per il resto, il solito menu del Gagnor di UNE: caratterizzazioni molto forzate, personaggi vecchi e nuovi ridotti a cliché piatti e stereotipati persino nei litigi e nell'evoluzione delle relazioni tra loro, rapporti tra personaggi e character arcs "velocizzati" per motivi di spazio...in poche pagine effettivamente più di tanto non si può fare, ma ho già letto altrove qualcuno che sostanzialmente giustificava lo scrittore dando la colpa al poco spazio. E prima il problema era il disegnatore, e poi il problema sono le 48 pagine...quand'è che il problema inizierà ad essere chi scrive la storia? Non è questione di mettere Gagnor alla gogna (Gognar?), ma semplicemente va preso atto di come stanno le cose. Il problema non sono tanto le strizzatine d'occhio forzate fatte come compitino per il nerd scemo, il problema è direttamente la sceneggiatura...ma non solo, è ancor più a monte: l'impostazione. E da lì discende tutto. Da lì si arriva a una trama che vorrebbe essere complicata e pomposa ma invece è ridicola, le tecnobubbole che non sono tecnobubbole, i non-spiegoni, le iperboli da fanfiction svogliata, il coso potentissimissimissimo, la civiltà antichissimissimissima.

In breve, la cosa terribile della storia è che riesce ad essere banale e approssimativa e malgrado ciò risulta lo stesso confusionaria (anche a una rilettura). E la cosa brutta è che non ci si capisce nulla non perché sia particolarmente complessa o ci sia un gran lavoro dietro, tutt'altro. In PKNA spesso non ci capivamo nulla: ed era bellissimo, ci piaceva pure, o comunque ce ne fregavamo, riuscivamo a mantenere la sospensione dell'incredulità anche se le famose "tecnobubbole" erano fatte apposta per non farci capire niente. In questo caso però, le tecnobubbole sono superficiali: restano incomprensibili, ma l'unica cosa che riesci a capire in questo caso è che sono fatte pure male, con parole a caso, fatte volutamente per confondere e buttarla in caciara ma senza un vero lavoro dietro. E inizi a vedere i fili. La sospensione dell'incredulità si incrina. Lo si vedeva già nella presentazione dei personaggi e dei loro rapporti: erano tutti archetipi e cliché (tutti i personaggi delle storie di finzione rappresentano archetipi del resto), ma in maniera evidente e manifesta. Li vedi e non ti sembrano "reali" (nel senso di "credibili"), li vedi per quello che sono, espedienti narrativi. E a questo punto ti chiedi perché dovrebbe fregartene qualcosa di loro, del loro fato. E non è manco questione di "sono cresciuto troppo per questa roba ormai", dato che non solo le storie vecchie, ma anche diverse storie a fumetti nuove riescono lo stesso a generarmi quella sensazione di "credibilità" e "coinvolgimento". Non è questione di "siamo cambiati noi, le storie sono sempre le stesse ma non fanno più per noi". Se una storia è fatta bene si vede, se non lo è pure. Qua si vede, ed è il secondo caso.

E se una storia è fatta male, si inizia a dare peso alle cose su cui si sarebbe potuto sorvolare: se una storia è fatta bene, i buchi di trama e gli errori di continuity passano in secondo piano, o comunque ognuno di noi nel suo headcanon può immaginarsi una giustificazione plausibile. Se mi faccio andare bene i paradossi temporali assurdi di Carpe Diem, potrei passare pure sopra al fatto che Lyla conosca il significato di "grabbaga plutz" o che la Tempolizia sia così informata sull'intera civiltà evroniana: quisquilie, non sono neanche "errori" veri e propri. Uno sforzo per giustificare quelle cose si può fare: anche nel precedente "Un nuovo eroe", che pure non mi è piaciuto, sono comunque riuscito a dare un senso alla Pikar nello spazio, immaginando fosse lo stesso velivolo (leggermente modificato) de "Il marchio di Moldrock", quindi non mi soffermerò su quelle cose.

Ma ci sono cose che non possono essere catalogate come semplici "sviste", non possono essere ritenuti semplici "bloopers", "leggerezze" o errorucci, perché minano proprio le basi dei personaggi. Insomma, io non mi ritengo un nerd impallinato solo perché "oso" lamentarmi del fatto che la sfera di Uno se ne vada a zonzo per il pianeta Shikaar. Il pensare che Uno sia una palla volante, e che in quanto tale possa non solo abbandonare la Ducklair Tower senza problemi, ma anche viaggiare nello spaziotempo, vuol dire proprio non conoscere il personaggio, vuol dire non aver letto non solo la "bibbiona" del personaggio, ma neanche una singola storia su di lui. Si parla delle basi, dei fondamentali, non sono cose "da talebani": semplicemente, se voglio leggere una storia con Uno, mi aspetto Uno. E lo sceneggiatore avrebbe il potere di...non mettercelo! Era necessario, Uno, in questa storia? Ciò che fa non poteva essere svolto da qualcun altro? Era fondamentale piegare i personaggi alla storia facendoli incastrare forzatamente, invece di usare altri personaggi (o di evitare che i personaggi esistenti si incastrassero così malamente)? Il presupposto del Gagnorverso si basa proprio su PK lontano dal suo mondo, che era anche un modo brillante per evitare errori di continuity o di essere imbrigliati dalle trame base di PKNA, PK2 e PKNE...e lo scrittore che fa? Due personaggi ripesca, e li ripesca pure sbagliandoli? Nessuno l'ha costretto a usare Uno e Lyla, nessuno l'ha obbligato a usarli così.

I personaggi, tra l'altro, sembrano più adatti alla terza serie reboot, PK-Pikappa ("Frittole", per gli amici): lì un Uno in bolla a zonzo per lo spazio non avrebbe stonato (oddio, in realtà anche lì aveva dei limiti, in una storia - scritta da Lavoradori, peraltro! - utilizzava un corpo robot per muoversi in giro!). Il fatto che Uno sappia esattamente quanto è antica la civiltà evroniana (improvvisamente un esperto di storia di Evron?) è più da "U.N.O." di Frittole che da quello "storico". E verrebbe quasi da pensare che Gagnor si sia confuso, mischiando elementi della prima serie con quelli della terza. Se PK non venisse chiamato "Paperinik" e se Lyla non facesse parte della Tempolizia, verrebbe davvero da credere che questa storia sia ambientata nell'universo "Ultimate" del Frittole. Ma probabilmente il problema è un altro: forse non è mancata comprensione dei personaggi, è un disinteressarsene, un "fregarsene", se vogliamo. Sostanzialmente lo sceneggiatore, invece di adattare la storia ai personaggi che ha scelto di utilizzare, adatta i personaggi alla storia, a costo di forzarli e snaturarli: piega ai fini della trama non solo le personalità dei personaggi, ma anche le caratteristiche base, come poteri e conoscenze. Improvvisamente possono muoversi a zonzo nello spaziotempo perché allo sceneggiatore serviva che avessero quel potere e si trovassero lì. Possono avere conoscenze vaste su civiltà aliene, riuscire ad analizzare una cosa in due secondi e a raccontartene vita morte e miracoli...semplicemente perché per lo sceneggiatore era utile che avessero queste capacità.

Io penso che questa saga dimostri purtroppo tutti i limiti dello sceneggiatore nel fare una cosa appena più complicata di una storiella comica o parodistica. Succede. Ma a questo punto meglio "volare bassi": non ha senso fare roba di questa portata se poi...non si è portati. A che pro fare una cosa super complicata con roba super antica super potente ecc se poi non si sa nemmeno spiegarla decentemente? Perché fare una cosa contemporaneamente approssimativa E confusa? Questa storia è sostanzialmente una lunga scazzottata con non-spiegone. E non si può neanche giustificarlo con la scusa delle 48 pagine che sono poche. Se sono poche, allora lo sceneggiatore potrebbe fare una cosa più semplice, più tranquilla, qualcosa per cui abbia le spalle abbastanza larghe, qualcosa di maggiormente alla sua portata. E se deve proprio fare una cosa inutilmente complessa, almeno faccia qualcosa che abbia un senso, perché così risulta invece una roba confusionaria che non ha dietro neanche un grosso sforzo, uno sbattimento, un volercisi impegnare o almeno far finta. Sembra un compitino svogliato per accontentare quelli che lui pensa siano i "nerd". Che ha dietro una concezione sbagliata di PK ("è SuperPaperino con però toni altisonanti e vanagloriosamente epici, roba supertecnologica complessa e incomprensibile a caso, super poteri e super cazzotti contro super mostroni" - NO*) oltre che probabilmente dei nerd stessi.

L'ultima pagina della storia, che normalmente metterebbe curiosità (
Spoiler: mostra
"un papero preistorico-barbaro di nome Ur-Evron? Gagnor vuole forse raccontare le origini del primo Evron e dell'impero evroniano?"
) in questo caso, con questa impostazione superficiale, confusa e approssimativa mette invece un po' paura (
Spoiler: mostra
"voglio davvero che sia Gagnor a raccontarmi le origini di Evron, col rischio che me lo rovini?"
). Anche le prime due pagine di Danger Dome (poi vabbé, sul titolo e sulla mania censoria della Disney Italia - e solo quella italiana, perché è evidente che quella americana non si pone questo problema - parleremo un'altra volta) mettevano un minimo di curiosità per il futuro, del resto, ma poi le premesse sono state inficiate dalla storia vera e propria dopo il prologo, insomma il succo dell'albo. Anche perché poi ad essere sbagliata non è tanto la "trama" in sè (anche l'idea base di "Un nuovo eroe" non era brutta), ma come si è detto l'impostazione generale dietro, a monte, oltre ovviamente alla realizzazione pratica e concreta. Uno può avere anche un piano, un'idea, una visione, ma se non sa rappresentarla in maniera diversa da una "superficialata" allora no, e allora è inutile nutrire speranze e aspettative.

E, come già detto, le varie strizzatine d'occhio (sì, abbiamo colto la citazione di "ineluttabile" la prima volta, non serviva ripeterla altre due volte, grazie) e i toni ostentatamente e forzatamente epici non fanno PK. Non basta copiare i cliché del fumetto supereroistico Marvel o DC per fare PK. Certo, PK nasce ispirandosi ai comics americani di supereroi. Ma appunto ispirandosi, prendendo spunto, a volte emulando, ma non essendo mai una brutta copia approssimativa di un fumetto di supereroi, e questo fa tutta la differenza del mondo. Gagnor non emula il fumetto di supereroi, ne fa una parodia. E il ciclo di PK di Gagnor mi dà la sensazione di essere proprio questo, sostanzialmente: la caricatura di una storia a fumetti Marvel/DC, la caricatura di una storia a fumetti di PK.


(* dico questo perché in un commento di critica alla storia ho letto qualcuno dire che Danger Dome mancava del "tono epico di PK". Au contraire, tono epico a volte ce l'ha, ma forzato. C'erano intere storie di PKNA prive di tono epico, o con quel tono ridotto al minimo. Non era tanto il tono a fare il PK, ma lo stile e l'impostazione. E non è manco questione di seriosità, perché PKNA era anche umoristico, ma di serietà: "quando si scherza bisogna essere seri", diceva Alberto Sordi.)

PS: capisco il discorso sulle trame in sospeso e la necessità di "closure", ma direi che è opportuno che sia Sisti a chiudersi da solo le sue stesse trame in sospeso (del resto Sisti stesso ha fatto capire che ha idee e voglia, bisogna solo sperare ci sia la volontà da parte di Bertani di pubblicarlo) invece di farle concludere a qualcun altro. Poi ci sarebbero le sottotrame lasciate in sospeso da LODE di Artibani, ma anche lì è da sperare che sia Artibani stesso a ripensarci (non so se ha voglia di scrivere ancora PK, a differenza di Sisti) e tornare per concluderle.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: prezio - Domenica 10 Mag 2020, 15:51:36
Complimenti, un post estremamente interessante.

Tutto ciò che hai scritto lo si può applicare (tranne, ovviamente, per i riferimenti a Vian e alle specifiche di Danger Dome), al primo volume di questa serie.

Chapeau.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Vito65 - Domenica 10 Mag 2020, 17:29:07
Ringrazio Roberto Gagnor per aver accettato di dialogare con me, con tutti noi, a seguito del mio post precedente. Condivido l'idea dell' autore che il nuovo possa, debba sussistere, anche senza moderazione. Io sono uno di quelli che ha apprezzato moltissimo il nuovo rappresentato da PK2, dopo la chiusura di PKNA; non ho gradito però il passaggio dal nuovo di PK2 al nuovo di Pk-Frittole: voglio dire che il nuovo non spaventa, se si ritrova in esso passione, originalità, forza creativa. Roberto, Lei ci assicura che ama Pk: io ci credo e questo mi rincuora; credo che questa sia la prima cosa, essenziale per tutti noi lettori: sapere che l'autore crede nel personaggio, che non lo maneggia solo per direttive editoriali ma che intende considerarlo cosa anche sua. Ciò mi riporta alla sua considerazione finale, sul fatto che Lei scrive quello che Le piace, perchè piaccia anche ai lettori: lo capisco, è stato bello chiarire questo punto, è giusto che un autore creda in quello che scrive, altrimenti rischierà di non trasmettere la sua passione al pubblico, rischierà in definitiva di non essere credibile. Ma, dato che Lei mostra attenzione e rispetto per il Suo pubblico (lo attesta il fatto che segue il forum, e forse anche altri canali di comunicazione) e interloquisce con noi, La prego di tenere in considerazione i nostri commenti, sorvolando con indulgenza sui toni più accesi, che sono solo significativi di sincera passione per il personaggio: a questo proposito,  le perplessità avanzate da altri utenti nei post precedenti su alcuni passaggi di trama troppo veloci, o sulle caratteristiche consolidate di Lyla e sopratutto di Uno, che non sono state adeguatamente rispettate, non sono peregrine.
Riguardo alle trame ancora aperte, naturalmente anch'io considero naturale che sia chi le ha aperte a portarle avanti, e gradirei molto che Alessandro Sisti abbia la possibilità di stupirci ancora con le avventure di Xhadoom e della Tempolizia. Roberto, il mio è stato più uno sfogo a cuore aperto, che probabilmente avrebbe come più diretto interlocutore non Lei, ma il Direttore editoriale. Spero che in qualche modo anche la conoscenza di queste aspettative da parte di un autore, pur non direttamente coinvolto nel problema, possa essere utile. Fugo un possibile fraintendimento: io non ho fretta che la lunga storia di Pk finisca, ma solo che le vicende aperte vengano portate a compimento. E' quel che intendevo dire quando affermavo che, accanto alla trattazione di nuovi scenari, come quelli che Lei ha intrapreso, non si trascuri di completare quelli irrisolti; sarebbe anche una questione di serietà dell'editore: ma anche qui non è problema nelle mani di un singolo autore, può solo essere utile che anche gli autori vengano sensibilizzati a questa legittima aspettativa dei lettori.
Approfitto infine della conclusione di questo mio post per salutare Luciochef, la cui stima e il cui apprezzamento nei miei confronti è sempre fonte per me di gratitudine e di gratificazione.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: hendrik - Domenica 10 Mag 2020, 20:45:52
Bella recensione della TdS:

http://www.ilsollazzo.com/articoli/approfondimenti/pk-la-run-di-roberto-gagnor/

Sono sempre molto sintetico, purtroppo o per fortuna, ma mi consola il sapere che non sono l'unico ad avere notato certe storture. Quando ho parlato di mancanza di feeling, avevo in mente proprio, ad esempio, lo svolazzare di Uno: un regista (per non dire direttore) che conosce a fondo PKNA non avrebbe mai approvato questo (né altri) particolare della sceneggiatura.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Paperisenzafrontiere - Lunedì 11 Mag 2020, 13:56:59
Quando lessi Un nuovo eroe, ammetto che preferii astenermi dal commentarlo. Non solo perché non sono abituato a dare opinioni pubbliche su ciò che leggo, ma anche perché la quantità di punti che mi aveva deluso era tale da spingermi ad aspettare almeno il secondo volume per avere delle idee chiare. Con l'arrivo di Danger Dome, ho maturato un'opinione completa e, per questo motivo, la mia recensione sarà principalmente un raffronto tra i due volumi e tra il nuovo corso e le serie precedenti. Metto subito le mani avanti e avviso che non è mia intenzione attaccare/denigrare gli autori, quanto più fornire una critica il più costruttiva possibile. Amiamo tutti questo universo narrativo e ne vogliamo un gran bene.

- i disegni di Alberto Lavoradori non mi dispiacevano, ma erano penalizzati da una colorazione che nel suo piattume non valorizzava l'estetica e rendeva la lettura davvero complessa. Qualcuno obietterà che ciò è un problema del disegnatore, visto che suo è il compito di rendere tutto chiaro, e avrebbe ragione. Con l'arrivo di Roberto Vian si cambia musica: i passaggi ci guadagnano in chiarezza, senza perdere la dinamicità dell'azione e gli scenari assumono tridimensionalità e personalità che richiamano la fantascienza fantasy franco-americana degli anni 80-90. I colori migliorano, ma non sono del tutto ragionati: basti vedere coma la sequenza di Lyla che calcia l'evroniano si perda nei colori che uniscono le due vignette, rendendola a primo impatto incomprensibile. Colpa del disegnatore? Stavolta no: credo che se un lettore se ne accorge nel corso della lettura, se ne possa accorgere anche un eventuale colorista.

- il soggetto e la sceneggiatura, che non mi avevano affatto convinto nel primo volume, guadagnano nel secondo, andando ad esplorare la lore, ma anche fornendo più dettagli rispetto ad un n.1 che non diceva nulla di più di quello che metteva in scena. Resta, però, ciò che sicuramente fa soffrire un pker (che ha apprezzato anche una parte della tanto odiata Frittole, quindi non così ostinato come qualcuno può pensare), ovvero l'inconsistenza con le serie pregresse, come la sfera di Uno fluttuante (che è una delle cose più gravi e che ancora aspetta una spiegazione consona) o la personalità di Lyla che sembra più simile a quella di Frittole che di PKNA. I personaggi risultano appiattiti, semplificati, spogliati di ogni limite che li aveva resi credibili più di qualsiasi potere. L'altro problema è sicuramente il ritmo troppo frenetico, i cui passaggi risultano difficili da seguire, compensando (in negativo) la rinnovata chiarezza della narrazione grafica. Infine, ricordo veramente con amarezza la conclusione dello scontro con Ed nel primo volume, che fu emblema dell'altro grosso problema di questo PK New (New) Era. I dialoghi sono, infatti, forse il punto più debole del prodotto. Stereotipati, fatti di frasi fatte, tamarre e citazioni inutili, ridondanti e a tratti addirittura disturbanti per l'attenzione. Inutile dire che alcune "battute", come ad esempio quelle sulla sbobba sparata in giro dal cuoco, risultino davvero fuori luogo, soprattutto perché mettono in ombra una delle caratteristiche principali di Pikappa: l'ironia e l'umorismo inopportuno, ereditato da Spider-man. Nei concitati e mai tranquilli dialoghi (davvero, sono 44 pagine in cui non si respira, come leggere 44 righi senza punteggiatura), le battute di Pikappa si perdono tra quelle degli altri personaggi praticamente tutti uguali. Nota di biasimo per Hellenoire, che nonostante il piacevole seppur stereotipato rapporto con Lyla (veramente ben reso), perde drasticamente nella battuta "se sopravviviamo, non lo ammetterò mai!", veramente evitabile, al punto che ti chiedi se non si tratti di un dialogo originariamente scartato. Molto simpatica la ripresa del "grabbaga plutz", ma spero non venga ripreso Neopard (che adoro), visto che andremmo ad incrementare la ridondanza umoristica-sarcastica. Questo tipo di dialoghi rendono la lettura di scarsa credibilità, impediscono l'immersione ancor più dell'assenza di tecnobubbole; e se ai suoi tempi trattenevi il respiro in attesa della risposta di PK a Firefax su quel famoso aereo, oggi il respiro lo cacci, in uno sbuffo poco convinto al terzo "ineluttabile", che rende vana e priva di pathos la sequenza finale (che resta ben congeniata).

- la lore è sicuramente il punto apparenemente più valido del prodotto. Roberto Gagnor riesce a stuzzicare l'interesse e la curiosità del lettore con poche vignette sparse all'inizio e alla fine, e veramente aspetto concitatamente di sapere chi sia Ur-Evron. Anche qui una piccola pecca: i Galaxy-Gate. Credo che la spiegazione alla base del loro funzionamento non tarderà ad arrivare, ma spero davvero che si rivelino una tecnobubbola coi fiocchi, piuttosto che un qualche MacGuffin di dubbio gusto.

- i personaggi. Se sui mal resi Pk, Uno e Lyla mi sono già espresso, credo sia il momento di trattare anche i nuovi. Tuiroon inizia a mostrare le tipiche caratteristiche degli ufficiali di alto rango evroniani e ciò non può che giovare alla sua personalità. Anche Derrik assume una nuova dimensione caratteriale ed è ben riuscita. Hellenoire, per quanto stereotipata, rivela qualche simpatica sopresa nel duetto con Lyla. Gli altri risultano essere sgradevole fuffa e arrivi a chiederti perché sono ancora in scena.

Sicuramente è percepibile la visione di Roberto Gagnor dietro questo progetto e il suo punto di vista su PK (serie), e credo che sia poco contestabile. PK ha saputo mettere in mostra svariate anime della propria esistenza, dall'umorismo faraciano di Motore/Azione all'azione thriller di Underground, fino a giungere all'epos apocalittico di Potere e Potenza. Ciò che vorrei capire, però, è se l'autore si rende conto che PK non è solo "viaggi nello spazio", come sembra essere stata millanta nel corso degli anni tra PK2 e PKNE, anzi: nel corso delle prima serie, sono solo 7 gli albi (su 56) a portare avanti l'esplorazione di altri pianeti o astronavi, relegando la funzione dell'"universo" a quella di inquietante origine delle minacce, dove un'avventura non risulta altro che in una vera e propria incursione in territorio nemico. Ed è questo il motivo per cui, fin dall'inizio, l'esplorazione spaziale è stata mostrata come qualcosa di difficoltoso o addirittura dannoso (basti pensare come Uno, dopo Ombre su Venere, fu messo in tanto e tale sforzo cognitivo da lasciare spazio libero a Due nel numero seguente). La Pi-Kar non è mai stato un mezzo spaziale e si è sempre dovuto ricorrere ad alternative complesse come l'astronave sulla cima della Ducklair Tower o quella di Corona in L'orizzonte degli eventi. Le dimensioni sono state un vacuo tabù per svariati episodi e raramente con buoni risultati. Qui, invece, PK sembra una biglia impazzita, impegnato a venire spostato, trascinato, correre da un posto/pianeta/astronave/dimensione all'altro. Ciò che posso solo auspicare per il futuro è che la storia possa smettere di spostarsi epiletticamente e si focalizzi sulla narrazione stessa. Dall'altro lato, l'autore lascia trasparire tutto il proprio amore per il genere supereroistico, mettendo in scena topoi diffusi in maniera anche simpatica. Ci sarebbe da discorrere riguardo quanto PK sia davvero stato supereroistico nel senso stretto, ma basta così: credo che Gagnor possa infondere la propria anima e allo stesso tempo essere rispettoso di quella di PK. Non vorrei, infatti, che passasse la solita idea del "pker talebano che non accetta le novità", anzi, ben vengano, così come i cambi di registro, ma sempre rispettosi di uno spirito che ha permeato un progetto per oltre vent'anni. Spero comunque che Gagnor possa avere modo di raccontarci per bene il suo discorso. Se non bene, almeno meglio di quello che abbiamo visto fin'ora.

Voti: Un nuovo eroe 4, Danger Dome 6.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: conker - Lunedì 11 Mag 2020, 20:18:38
questo PK mi sembra somigliare a un blockbuster hollywoodiano action diretto da Michael Bay... frenetico, con scontri ed esplosioni, ma superficiale e a tratti confuso

e sotto tanti aspetti mi ha ricordato anche i film DC di Zack Snyder, dove vedi tizi iconici in costume che non si comportano come ti aspetteresti... e allora pensi “quello è vestito da Superman, ma non è Superman... quell’altro ha l’aspetto di Batman, ma non è Batman” e via dicendo

la lettura non è fluida e i personaggi non catturano, un po’ perché non del tutto riconoscibili con il loro modo di agire passato, un po’ perché persi in una narrazione frenetica

la colorazione è un pelo migliore di PKUNE, ma sempre lontana anni luce da quello che può fare un bravo colorista

visivamente, io adoro Lavoradori e mi è dispiaciuto tantissimo non ritrovarlo sul volume 2 come precedentemente annunciato, Vian fa comunque un lavoro apprezzabile, a tratti anche suggestivo
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Flash X - Martedì 12 Mag 2020, 16:44:49
Finalmente ieri mi è arrivato il volume e ho avuto modo di leggerlo.
Dal punto di vista grafico, questo è decisamente molto più interessante del numero precedente, con degli ottimi disegni di Roberto Vian.
Ma sulla storia, secondo me proprio non ci siamo... Quando ai tempi ho letto il primo volume non mi aveva intrigato molto, ma ero molto fiducioso in Gagnor, dato che probabilmente si stava ancora adattando al tipo di narrazione, dunque pensavo che dal secondo volume si sarebbe avvicinato a delle trame più Pikappiche (onestamente mi è piaciuto di più il primo). E invece, mi duole dirlo, ma non sono soddisfatto. In primis perché la trama non mi coinvolgeva per niente, e ogni volta - questo era un problema presente anche in "Un nuovo eroe" - mi sembrava di perdere dei pezzi, come se non mi erano entrati in testa. Concordo con chi ha detto che ci sono troppi nomi di troppi aggeggi e anche personaggi e la cosa mi ha confuso. E in generale tutta la trama era una confusione e non sono riuscito a seguirla con interesse. Inoltre secondo me non c'era alcun coordinamento tra Gagnor e Vian, in tanti punti della storia; faccio un esempio per far capire che cosa intendo: non ho capito quale sia stata l'azione di PK per recuperare i Galaxy-Gate a pag. 21 dato che è indicata soltanto da una scia bianca che rimbalza tra le 2 pareti della vignetta (non dà proprio l'idea di che tipo di mossa abbia fatto il Papero Mascherato!); in ogni caso questo non è un problema di Vian, che disegna splendidamente una storia se ha le indicazioni precise su che cosa vuole l'autore, ma è proprio questo che mancava: Gagnor non si sarà spiegato bene su che cosa voleva che fosse disegnato in quella vignetta. Ora, non vorrei che venisse frainteso il messaggio, io non voglio criticare l'autore, ma voglio esprimere semplicemente che cosa mi ha trasmesso la storia, così che le mie parole, come immagino quelle di altri utenti, possano essere prese al limite come consigli per scrivere qualcosa che piaccia di più ai lettori. Purtroppo in generale non mi ha trasmesso alcunché di positivo. La trama del prossimo numero, PK - Ur-Evron,  che dovrebbe avere a che fare con le origini evroniane (se ho capito bene), si prospetta interessante: è chiaro che però va fatta evolvere al meglio su carta, e non come abbiamo visto fino ad ora, dunque speriamo bene! Tra l'altro io sono un PKer da poco, cioè da quando è iniziata la PKNE che mi aveva intrigato talmente tanto da farmi recuperare PK - Il Mito e poter leggere anche la PKNA e la PK2, in modo da poter capire la Continuity. Le ho adorate queste serie, fino alla PKNE, ma adesso sarebbero queste nei Fuoriserie le nuove storie dell'ultima NUOVA ERA? Anche no magari! Ci sono inoltre fantastiche trame iniziate da Artibani (come il fatto che Everett stia ancora cercando di capire che fine abbia fatto Korinna dopo "L'orizzonte degli eventi") e da Sisti (come invece il fatto che Xadhoom, alla fine di "Cronaca di un Ritorno", non abbia ritrovato gli altri Xerbiani che sperava tanto di rivedere) che non è giusto che vengano lasciate così e vorrei che prima o poi venissero riprese! Ripeto: possiamo solo sperare in un miglioramento di qualità delle storie che potrebbe già avvenire nei prossimi numeri se Gagnor capisse che PK é le prime tre serie e non Frittole o un Paperinik che fa avventure strambissime. Credo che però se mai venissero riprese le trame lasciate in sospeso nella PKNE che ho citato prima, bisognerà comunque aspettare parecchi anni, magari a ciclo Gagnor concluso.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: prezio - Martedì 12 Mag 2020, 19:30:27
Denoto che la maggior parte dei commenti si orienta su alcuni appunti in particolare:

- passaggi confusi e troppo repentini;
- sviluppo della vicenda poco approfondito;
- personaggi stereotipati e/o non rispettosi del proprio background;
- battute fini a se stesse;
- limitata profondità narrativa;
- Uno che svolazza e altri comportamenti dei personaggi totalmente ingiustificati.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: hendrik - Martedì 12 Mag 2020, 21:08:21
Bisognerà comunque aspettare parecchi anni, magari a ciclo Gagnor concluso.
Parecchi anni?!? Speriamo 'sta trama (trama?) chiuda col n.3, va'!
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: camera_nøve - Giovedì 14 Mag 2020, 15:13:21
Buongiorno ragazzi, oggi ho pubblicato il video dedicato a questa storia: https://youtu.be/5MrPbLWbYXM  ;)

Un punto di vista particolare il mio, che ha voluto propositamente evidenziare quanto sia distante questo nuovo ciclo di storie dal mondo di Pikappa con cui sono cresciuto  :(
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Flash X - Giovedì 14 Mag 2020, 16:12:31
Buongiorno ragazzi, oggi ho pubblicato il video dedicato a questa storia: https://youtu.be/5MrPbLWbYXM  ;)
Un punto di vista particolare il mio, che ha voluto propositamente evidenziare quanto sia distante questo nuovo ciclo di storie dal mondo di Pikappa con cui sono cresciuto  :(
L'ho visto: interessantissima recensione!
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Andy392 - Venerdì 15 Mag 2020, 12:52:01
Fisbio ha organizzato una live con i due autori domenica alle 18. Visto i commenti sul volume, prevedo una diretta di fuoco.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: prezio - Venerdì 15 Mag 2020, 15:58:41
Sarà interessante sapere se si continuerà su questa linea nei prossimi episodi o se si cambierà, perchè, come dice Fisbio, da ciò dipenderà se in tanti o meno acquisteranno il prossimo volume.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: camera_nøve - Sabato 16 Mag 2020, 10:58:48
 :info: LIVE

Come già anticipato nel video la prossima LIVE del The Fisbio Show avrà come ospiti Roberto Gagnor e Roberto Vian, rispettivamente autore e disegnatore dell'ultima nuova storia "Pikappa Danger Dome".

Un'occasione ghiotta per fare il punto della situazione sul nuovo ciclo di Pk all'interno della testata Topolino Fuoriserie, con la solita parte della chiacchierata dedicata all'interazione in diretta con i lettori che potranno porre domande e curiosità ai due ospiti  :D

Link: https://youtu.be/mGFDpQRXzTk

(https://i.ibb.co/mFTtC5Z/PASTRO-GIADA-2.png)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Sabato 16 Mag 2020, 12:56:49
Buongiorno ragazzi, oggi ho pubblicato il video dedicato a questa storia: https://youtu.be/5MrPbLWbYXM  ;)

Un punto di vista particolare il mio, che ha voluto propositamente evidenziare quanto sia distante questo nuovo ciclo di storie dal mondo di Pikappa con cui sono cresciuto  :(

Vista, molto condivisibile! Mi permetto solo di aggiungere una cosa: giusto farsi le domande che ti sei posto verso la fine del video, ma la risposta penso che ormai sia chiara. Il tema non è tanto "sono nostalgico, sono intransigente, magari ai nuovi piace, semplicemente non è rivolto a me". Ha difetti evidenti sia per vecchi che per nuovi lettori.

Ci tengo a precisarlo perché non vorrei che ci fosse un equivoco di fondo: non è questione di "nuovo contro il vecchio" e neanche di "il Pker è un lettore più esigente della media, è un talebano". I Pker si sono fatti andar bene un sacco di cose chiudendo entrambi gli occhi in nome della qualità. Ma soprattutto i Pker non sono diversi da qualunque fruitore di un'opera di finzione. Spesso "pretenderebbero" solo una storia fatta bene.

E questa invece è confusionaria e malfatta: Flash X non è un pker storico, è "salito a bordo" col PKNE, e comunque ha saputo distinguere la qualità. E vale anche per lettori ancora più a digiuno: i difetti della storia resterebbero tali anche se i personaggi non fossero PK, Uno e Lyla. Quindi, concludendo, credo che questo non solo non sia "il mio PK" ma dubito anche fortemente sia "il LORO PK"  :P
O comunque, il PK di chiunque voglia storie fatte bene... :)

Bella recensione della TdS:

http://www.ilsollazzo.com/articoli/approfondimenti/pk-la-run-di-roberto-gagnor/

Sono sempre molto sintetico, purtroppo o per fortuna, ma mi consola il sapere che non sono l'unico ad avere notato certe storture. Quando ho parlato di mancanza di feeling, avevo in mente proprio, ad esempio, lo svolazzare di Uno: un regista (per non dire direttore) che conosce a fondo PKNA non avrebbe mai approvato questo (né altri) particolare della sceneggiatura.

Davvero un'ottima recensione quella del link: va dritta al punto con estrema chiarezza.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Carlo Barkso - Sabato 16 Mag 2020, 14:06:04
Ho un solo appunto: il War Dome a forma di coniglio? Ma che, davvero...? Mah.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Garalla - Sabato 16 Mag 2020, 15:02:30
Faccio notare che finalmente la mia fumetteria è riuscita a farselo arrivare.
Ancora una volta l'acquirente che frequenta una fumetteria, prenota con 2 mesi di anticipo il volume si becca una fregatura e deve aspettare 2 settimane rispetto a chi magari non l'ha ordinato e se lo trova in edicola.
La questione dei ritardi del COVID ci stanno fino ad un certo punto visto che è dal 2014 che vanno avanti questi ritardi del tutto immotivati e ingiustificati se non che si tratti di due catene di distribuzioni diverse (cosa che però Panini nel lato Marvel non pare soffrire)...

Come faccio da quando c'è il virus in giro lascio i volumi 24 ore su una mensola che non si sa mai. Dubito ci abbiamo fatto cose strane ma preferisco maneggiarli a mani nude una volta certo che il rischio contagio sia nullo. Quindi dai... ancora 20 ore e poi potrò leggere la storia e il resto del topic.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Manuel Crispo - Sabato 16 Mag 2020, 21:32:57
Ho un solo appunto: il War Dome a forma di coniglio? Ma che, davvero...? Mah.

Ciao Carlo. A occhio e croce, il Danger Dome di questa storia si ispira in maniera piuttosto esplicita al Tarkus.

(https://i.imgur.com/4b62vqi.jpg)

Creato dall'artista William Neal, il Tarkus campeggia sulla copertina dell'omonimo disco del 1971 del gruppo prog Emerson Lake and Palmer e il suo nome è una crasi tra tartarus e carcass. Il mostro è anche protagonista di alcuni brani del disco, in cui viene a grandi linee raccontata la sua storia.

Ovvio che si tratta di una citazione grafica del tutto decontestalizzata, soprattutto perché completamente diversa per design da qualunque altra struttura evroniana mostrata nella saga pikappica. Nonostante la sua bruttezza, non direi che sia il difetto maggiore di questa storia.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Dippy Dawg - Sabato 16 Mag 2020, 21:47:35
Ancora una volta l'acquirente che frequenta una fumetteria, prenota con 2 mesi di anticipo il volume si becca una fregatura e deve aspettare 2 settimane rispetto a chi magari non l'ha ordinato e se lo trova in edicola.
Magari si trovasse in edicola, aggiungo io!

Mai vista una distribuzione più carente: su quattro albi (considerando anche i due di Wizards of Mickey) ne ho trovato regolarmene in edicola solo uno (il secondo di WoM)... >:(
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Carlo Barkso - Domenica 17 Mag 2020, 10:20:30
Ho un solo appunto: il War Dome a forma di coniglio? Ma che, davvero...? Mah.

Ciao Carlo. A occhio e croce, il Danger Dome di questa storia si ispira in maniera piuttosto esplicita al Tarkus.

Creato dall'artista William Neal, il Tarkus campeggia sulla copertina dell'omonimo disco del 1971 del gruppo prog Emerson Lake and Palmer e il suo nome è una crasi tra tartarus e carcass. Il mostro è anche protagonista di alcuni brani del disco, in cui viene a grandi linee raccontata la sua storia.

Ovvio che si tratta di una citazione grafica del tutto decontestalizzata, soprattutto perché completamente diversa per design da qualunque altra struttura evroniana mostrata nella saga pikappica. Nonostante la sua bruttezza, non direi che sia il difetto maggiore di questa storia.

Ti ringrazio per la risposta, non avevo colto la citazione e devo dire che, se fosse stata un minimo contestualizzata, sarebbe stata anche gradevole.
Concordo anch'io non sia il difetto maggiore di questa storia, ma tutti gli altri problemi li avete già ampiamente sviscerati in cinque pagine di topic.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Manuel Crispo - Domenica 17 Mag 2020, 11:36:49
Ho un solo appunto: il War Dome a forma di coniglio? Ma che, davvero...? Mah.

Ciao Carlo. A occhio e croce, il Danger Dome di questa storia si ispira in maniera piuttosto esplicita al Tarkus.

Creato dall'artista William Neal, il Tarkus campeggia sulla copertina dell'omonimo disco del 1971 del gruppo prog Emerson Lake and Palmer e il suo nome è una crasi tra tartarus e carcass. Il mostro è anche protagonista di alcuni brani del disco, in cui viene a grandi linee raccontata la sua storia.

Ovvio che si tratta di una citazione grafica del tutto decontestalizzata, soprattutto perché completamente diversa per design da qualunque altra struttura evroniana mostrata nella saga pikappica. Nonostante la sua bruttezza, non direi che sia il difetto maggiore di questa storia.

Ti ringrazio per la risposta, non avevo colto la citazione e devo dire che, se fosse stata un minimo contestualizzata, sarebbe stata anche gradevole.
Concordo anch'io non sia il difetto maggiore di questa storia, ma tutti gli altri problemi li avete già ampiamente sviscerati in cinque pagine di topic.

Figurati. Tra parentesi, non considero Tarkus il miglior album degli ELP.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: prezio - Domenica 17 Mag 2020, 14:18:30
È importante, anche in vista della live intervista di oggi, non spostare l'attenzione su stupidaggini, quali le citazioni o gli evroniani o i galaxy gate, il cambio di disegnatore, ecc..

Il punto è la bassa qualità di questa saga, che di Pk ha poco e niente.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Franz Manuzzi - Domenica 17 Mag 2020, 17:07:04
È importante, anche in vista della live intervista di oggi, non spostare l'attenzione su stupidaggini, quali le citazioni o gli evroniani o i galaxy gate, il cambio di disegnatore, ecc..

Il punto è la bassa qualità di questa saga, che di Pk ha poco e niente.
Vero
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: prezio - Domenica 17 Mag 2020, 19:03:43
I due aspetti più interessanti della live di oggi di Fisbio, che ammetto essere stato piuttosto bravo, sono stati:

- Gagnor che ha parlato di un nuovo Pk Team e di un futuro a lungo termine per la serie;
- il discorso inerente Uno, sul quale purtroppo non c'è un punto di incontro tra lettori e autore: io capisco che Gagnor intenda che non valga la pena concentrarsi su una piccolezza, ma i lettori ribadiscono, per me giustamente, che piccolezza non è, in quanto svilisce e smentisce ciò che è il personaggio in sé.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Hero of Sky - Domenica 17 Mag 2020, 20:16:27
Qualcuno ha detto accanimento terapeutico? Perché ormai di questo si tratta
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: el_pikappa - Domenica 17 Mag 2020, 20:32:17
- il discorso inerente Uno, sul quale purtroppo non c'è un punto di incontro tra lettori e autore: io capisco che Gagnor intenda che non valga la pena concentrarsi su una piccolezza, ma i lettori ribadiscono, per me giustamente, che piccolezza non è, in quanto svilisce e smentisce ciò che è il personaggio in sé.

A parte il fatto non riuscire a capire personalmente perché durante il Live di Camera 9 ci si è soffermati continuamente su questa domanda, quando probabilmente la trama della storia (che ricordo sempre NON è conclusa) darà delle spiegazioni a tutto (o quasi, o almeno lo spero), come ha sottolineato lo stesso Gagnor, chiedo per conto di un "sommo avvocato":
alla luce di questo stupore della bolla di Uno che cammina in solitaria, mi spiegate allora queste tavole tratte da "Il marchio di Moldrock"?
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Domenica 17 Mag 2020, 20:41:48
- il discorso inerente Uno, sul quale purtroppo non c'è un punto di incontro tra lettori e autore: io capisco che Gagnor intenda che non valga la pena concentrarsi su una piccolezza, ma i lettori ribadiscono, per me giustamente, che piccolezza non è, in quanto svilisce e smentisce ciò che è il personaggio in sé.

A parte il fatto non riuscire a capire personalmente perché durante il Live di Camera 9 ci si è soffermati continuamente su questa domanda, quando probabilmente la trama della storia (che ricordo sempre NON è conclusa) darà delle spiegazioni a tutto (o quasi, o almeno lo spero), come ha sottolineato lo stesso Gagnor, chiedo per conto di un "sommo avvocato":
alla luce di questo stupore della bolla di Uno che cammina in solitaria, mi spiegate allora queste tavole tratte da "Il marchio di Moldrock"?

La coscienza di Uno era ospitata dai computer della nave. Non è un errore.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Domenica 17 Mag 2020, 20:44:14

- Gagnor che ha parlato di un nuovo Pk Team e di un futuro a lungo termine per la serie;

Questo mi preoccupa IMMENSAMENTE. Dargli addirittura il ruolo di DEMIURGO del nuovo PK a capo di un nuovo (?) PKTeam mi sembra un'enormità, tenendo conto che l'autore ha mostrato difficoltà persino a coordinare se stesso.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: MiTo - Domenica 17 Mag 2020, 20:50:07

- Gagnor che ha parlato di un nuovo Pk Team e di un futuro a lungo termine per la serie;

Questo mi preoccupa IMMENSAMENTE. Dargli addirittura il ruolo di DEMIURGO del nuovo PK a capo di un nuovo (?) PKTeam mi sembra un'enormità, tenendo conto che l'autore ha mostrato difficoltà persino a coordinare se stesso.

Io più che altro ho il timore che il PK Team non possa più esistere né sia più esistito dopo la fine dell'era dello spillato.
Già con PKNE con soli due autori, Artibani e Sisti hanno fatto un po' quel che faceva loro comodo, con l'uno che tappava i buchi dell'altro nella storia successiva.
Ed erano autori di lunghissimo corso pikappico. Ora io tempo che per "PK Team" si intenderà semplicemente quell'elenco di persone che scriveranno e disegneranno il "nuovo-nuovo" PK. peraltro in questo ennesimo rilancio vedo poca convinzione, spero di sbagliarmi ma ho idea che il PK Fuoriserie durerà ben poco.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: el_pikappa - Domenica 17 Mag 2020, 20:52:50
La coscienza di Uno era ospitata dai computer della nave. Non è un errore.

Continuo a non capire, ma magari è un problema mio: cosa cambia se in Danger Dome la "coscienza" sia da sempre nella Ducklair Tower e Uno quindi riesca a fluttuare tranquillamente nella sua boccia dove vuole, così come avviene nel "Marchio"?
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: RobertoGagnor - Domenica 17 Mag 2020, 21:11:52
@Sommo Zotnam: hai ragione. Non vedo l’ora che tu, dall’alto della tua esperienza di autore, coordini PK: sono sicuro che farai un lavoro fantastico. :-)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: paolo87 - Domenica 17 Mag 2020, 21:31:49
Nemmeno io vedo questa problematicita' nel fatto che Uno possa temporaneamente trasmettere la propria memoria. Del resto, nel XXIII secolo la trasferira' in un droide.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: prezio - Domenica 17 Mag 2020, 21:48:03
Il punto non è se Uno possa o non possa fare una certa cosa, siamo nei fumetti e si può fare tutto, ma che questo comportamento non sia motivato né giustificato e che, quindi, smentisca le caratteristiche intrinseche del personaggio.

Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Franz Manuzzi - Domenica 17 Mag 2020, 21:50:10
Nemmeno io vedo questa problematicita' nel fatto che Uno possa temporaneamente trasmettere la propria memoria. Del resto, nel XXIII secolo la trasferira' in un droide.
A dire il vero Odin non è semplicemente un droide, ma come decritto dalla storia stessa "qualcosa di più evoluto che unisce tecnologia e misticità", motivo per cui riesce a diventarlo solo dopo avere aspirato anche una parte di Due ottenendo così il germe del suo contrario come una persona vera
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Franz Manuzzi - Domenica 17 Mag 2020, 21:53:54
La coscienza di Uno era ospitata dai computer della nave. Non è un errore.

Continuo a non capire, ma magari è un problema mio: cosa cambia se in Danger Dome la "coscienza" sia da sempre nella Ducklair Tower e Uno quindi riesca a fluttuare tranquillamente nella sua boccia dove vuole, così come avviene nel "Marchio"?
Direi che c'è un po' di differenza tra lo riuscire a muoversi da un enorme elaboratore hardware a pochi centimetri di distanza e in un punto dell'universo lontano millemila anni luce e attraverso il tempo
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Domenica 17 Mag 2020, 21:59:08
La coscienza di Uno era ospitata dai computer della nave. Non è un errore.

Continuo a non capire, ma magari è un problema mio: cosa cambia se in Danger Dome la "coscienza" sia da sempre nella Ducklair Tower e Uno quindi riesca a fluttuare tranquillamente nella sua boccia dove vuole, così come avviene nel "Marchio"?

Perché Uno NON fluttua dove vuole, nel Marchio. Non si allontana mai dall'astronave. La differenza dal muoversi non solo lontano dai banchi di memoria, ma addirittura in un altro spazio-tempo, dovrebbe essere evidente.

@Sommo Zotnam: hai ragione. Non vedo l’ora che tu, dall’alto della tua esperienza di autore, coordini PK: sono sicuro che farai un lavoro fantastico. :-)

Guardi, messa così allora solo gli addetti ai lavori potrebbero commentarsi da soli e auto-giudicarsi dandosi pacche sulle spalle. Fortunatamente non funziona così. Per il resto, giudico basandomi su cose concrete e verificabili: ciò che ho comprato e letto.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Franz Manuzzi - Domenica 17 Mag 2020, 22:16:12
Io ci ho pensato un po', e alla fine credo che il problema non sia esattamente Gagnor: come quest'ultimo ha fatto giustamente notare, ha un suo approccio e un suo modo di scrivere le storie, così come qualsiasi altro autore; scrivendo pk fa solo quello che sa fare e in questo non c'è niente di cui lamentarsi, ne' da criticare, ne da giudicare inferiore a chiunque altro. Il problema sorge nel momento in cui quell'approccio non funziona per il tipo di lavoro o storia che è incaricato di scrivere, come appunto per pk, che richiede un ALTRO tipo di scrittura, di visione, eccetera; in qual caso si tratta semplicemente di una risorsa male collocata, e la colpa e il putiferio da sollevare è quindi di chi ha messo Gagnor in quel ruolo, che presumo essere in questo caso Bertani (ma potrei anche sbagliarmi), quando invece poteva dare il suo megli in altri tipi di storie. E' come se un comandante manda un fante a sparare ad un carro armato col fucile e quando la cosa non funziona la colpa viene data al fante. Suggerisco quindi di rivolgere le critiche verso i veri responsabili
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK DangAer Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Erdesgr - Domenica 17 Mag 2020, 22:16:41
A me fa paura un altra cosa:
Spoiler: mostra
alla fine della storia sembra che pikappa acquisisca dei poteri a causa dei galaxy gate. Ecco questo, se portato avanti come sviluppo di trama, cosa che ancora non so visto che la prossima storia non è ancora uscita, non vi va molto giù. Principalmente perchè non è nel personaggio avere poteri: pikappa èun piccolo, papero spaventato, catapultato in avventure più grandi di lui, che però con un pizzico di coraggio da piccolo papero quale è, e l'aiuto di nuovi amici, può affrontare qualsiasi cosa. Pikappa non è un supereroe con superpoteri alla Marvel/Dc.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK DangAer Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Franz Manuzzi - Domenica 17 Mag 2020, 22:22:24
A me fa paura un altra cosa:
Spoiler: mostra
alla fine della storia sembra che pikappa acquisisca dei poteri a causa dei galaxy gate. Ecco questo, se portato avanti come sviluppo di trama, cosa che ancora non so visto che la prossima storia non è ancora uscita, non vi va molto giù. Principalmente perchè non è nel personaggio avere poteri: pikappa èun piccolo, papero spaventato, catapultato in avventure più grandi di lui, che però con un pizzico di coraggio da piccolo papero quale è, e l'aiuto di nuovi amici, può affrontare qualsiasi cosa. Pikappa non è un supereroe con superpoteri alla Marvel/Dc.

Beh questo, se limitato a questa storia e ben usato, non direi essere poi un problema, è una svolta narrativa come un'altra alla fine
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Garalla - Domenica 17 Mag 2020, 22:39:19
La coscienza di Uno era ospitata dai computer della nave. Non è un errore.

Continuo a non capire, ma magari è un problema mio: cosa cambia se in Danger Dome la "coscienza" sia da sempre nella Ducklair Tower e Uno quindi riesca a fluttuare tranquillamente nella sua boccia dove vuole, così come avviene nel "Marchio"?

Dovrei rivedere le storie de Il Marchio di Moldrock e l'Orizzonte degli Eventi, ma in linea di massima Uno non si è mai trasportato lontano nello spazio perché ne era impossibilitato. Muoversi all'interno dei dispositivi della Ducklair Tower o dell'astronave  mostrandosi nel suo testone è possibile perché comunque la potenza di calcolo del suo elaboratore  glielo consente. Rimane tutto circoscritto e vicino a dove si trova per l'appunto il suo "elaboratore principale".
Vado totalmente a memoria ma anche in LODE Uno non si sposta di per sè... interagiste solo con PK fuori dalla Ducklair Tower questo.
In Un Nuovo Eroe e in Danger Dome Uno non dovrebbe potersi spostare con questa libertà proprio perché parliamo di una distanza eccessiva. Ci sono state storie di PKNA dove Paperinik ha dovuto cavarsela sulle sue sole forze proprio perché Uno non poteva raggiungerlo, vuoi per motivi spazio-temporali (vedi Antico Futuro, Il Passato dell'Eroe da Giovane) e in ogni caso si mostrava solo tramite lo scudo extransformer.
Con questo non reputo che questa cosa sia di per sé un errore (per quanto apparentemente va contro a "Le Parti e il Tutto"). Limitarsi a criticare questo mi sembra simile a quando ci si lamentò del primo capitolo di PK2 dove Uno veniva disattivato (cosa che andava in contrasto con "Le Parti e il Tutto" ) limitandosi a percepire esserci qualcosa che non piace o non vada e puntare il dito su un dettaglio e non sul contesto.

Come dicevo ho letto l'albo oggi pomeriggio alcune ore prima della diretta di Fisbio per poterla seguire e partecipare nel caso da spettatore attivo.
Ho riscontrato sicuramente un ritmo sballato. E' una storia principalmente d'azione alla Mad Max mi verrebbe da dire ma che non ha saputo coinvolgermi e mi ha pure parecchio annoiato perché ho faticato a seguire gli scambi.
Cercherò di leggerla con più calma solo perché dovrei e vorrei parlarne sul mio canale (e in questo momento non saprei assolutamente cosa dire perché penso di averci capito poco proprio dello svolgimento degli eventi e di cosa ) e non vorrei avere troppe influenze da recensioni altrui (crediateci o meno non ho ancora visto il video di Fisbio e sto cercando di limitarmi a leggere i commenti qui su questo topic pur essendo curioso) ma per citare forse il caso più emblematico cito pagine 35 (come detto anche durante la live) dove manca un pezzo... PK nella terza vignetta se ne esce con una frase che è del tutto fuori contesto tant'è che mi sono fermato e ho riletto pagina 34-35 per cercare di capire a cosa si stesse riferendo. Ancora ora penso di non esserci arrivato.


A me fa paura un altra cosa:
Spoiler: mostra
alla fine della storia sembra che pikappa acquisisca dei poteri a causa dei galaxy gate. Ecco questo, se portato avanti come sviluppo di trama, cosa che ancora non so visto che la prossima storia non è ancora uscita, non vi va molto giù. Principalmente perchè non è nel personaggio avere poteri: pikappa èun piccolo, papero spaventato, catapultato in avventure più grandi di lui, che però con un pizzico di coraggio da piccolo papero quale è, e l'aiuto di nuovi amici, può affrontare qualsiasi cosa. Pikappa non è un supereroe con superpoteri alla Marvel/Dc.


Spoiler: mostra
 Nel 2012 è morto il 4° Robin. Tornando in vita ho storto il naso perché Robin ora aveva i superpoteri. Ma la cosa è stata decisamente momentanea e spiegata in maniera logico.
Stessa cosa si può attuare qui. PK ha attinto ai Galaxy Gate e ha acquisito dei nuovi poteri, ma potrebbe essere un'acquisizione solo temporanea. Col tempo PK potrebbe espellere quelle radiazioni e tornare ad essere un papero qualunque. Ergo staremo a vedere
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: RobertoGagnor - Lunedì 18 Mag 2020, 08:24:23
@Franz Manuzzi: "risorsa mal collocata" sarai tu.

:-)

Scherzi a parte: mi sembra ormai evidente che non ti piaccia il mio approccio a PK, e va benissimo.
Ma forse non tieni in conto che se una redazione dà un incarico a un autore, forse lo fa perché dà fiducia a un'idea, una visione.
Un'idea che magari tu non cogli. E credo sarà difficile toglierti dalla testa tale convinzione. Ma anche questo va benissimo.
Ma se non ti piace assolutamente NULLA di quanto viene deciso, fatto etc., hai una scelta molto facile: non leggermi.
Ogni altro tuo discorso risulta inutile, sorry.

@Sommo Zotnam: esatto, fortunatamente a scrivere PK non ci sei tu. ;-)
Non so quale sia il tuo lavoro, ma se venissi, poniamo, in un tuo negozio o ufficio a dirti che non sei in grado di coordinarti, senza alcuna idea del lavoro che fai, cosa diresti? Sarebbe come minimo un giudizio affrettato e senza basi reali, no? E giustamente tu la prenderesti male.
Ecco, questo è il genere di giudizio che hai dato.




Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: prezio - Lunedì 18 Mag 2020, 09:45:08
Ma a parte le sterili polemiche, è assurdo che sul discorso di Uno ci sia una contrapposizione così netta tra autore e lettori.

Al di là dei gusti personali, non è sorto il minimo dubbio che forse dietro le richieste e segnalazioni dei lettori ci sia qualcosa di più che un banale capriccio?

La vicenda di Uno è il simbolo di come molti vedono finora (finora, preciso) questo Pk: superficiale.

Poi non siamo sceneggiatori e non possiamo certo consigliare COME fare tale lavoro, ma dire che per noi sono 88 pagine superficiali e non in linea con la profondità narrativa di Pk possiamo ammetterlo?
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: RobertoGagnor - Lunedì 18 Mag 2020, 10:18:00
@prezio: è un giudizio legittimo, e magari questa cosa verrà anche risolta, in futuro: ma quando, come e se vorrò io, non voi.
Altrimenti, come dicevo ieri nella live, io divento un supermercato di idee al servizio dei fan e voi dei nerd petulanti che si attaccano a tutto pur di avere la LORO versione della storia.

Ma sappiamo bene che io non sono così e, più importante ancora, VOI non siete così. Anzi.

Il dubbio che però viene a me è che se, su 88 tavole di storia, l'UNICA cosa su cui vogliate discutere sia Uno, è che un po' di capricciosità ci sia. O meglio: un disperato attaccarsi a UNA cosa invece di leggere il resto, per giustificare una posizione "non è il MIO PK" che magari potrebbe anche essere ragionata diversamente, al netto della nostalgia e dell'idea che ognuno di voi ha di PK nella sua testa.

Mi sembra che alcuni di voi (non tutti, ci mancherebbe) vedano questa cosa come una battaglia da combattere per "sgamarmi" in quanto autore superficiale, senza rendersi conto che un autore non fa altro che fare scelte narrative, dando più o meno importanza ad alcune cose rispetto ad altre. Magari per spiegarle dopo. O no.

(Poi c'è anche questa cosa per cui per voi IO sono per forza superficiale, mentre questa vostra ossessione per i dettagli è benemerita e importante. Parliamone.)

Magari, poi, non sarà tutto così superficiale.

Certo, dovreste ricordarvi che non è il PK del passato. E io non sono gli autori del passato.
Nel bene e nel male. Get over it. Magari vi godrete delle nuove storie. :-)


Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Doctor Einmug - Lunedì 18 Mag 2020, 10:32:49
(Poi c'è anche questa cosa per cui per voi IO sono per forza superficiale, mentre questa vostra ossessione per i dettagli è benemerita e importante. Parliamone.)
Ciao Roberto,
non ho ancora letto le tue storie, quindi mi tengo fuori da questa discussione. Però, a mio avviso, le questioni che sono state sollevate riguardo Uno, se veritiere, nell'economia della serie di Pk, non dovrebbero essere considerate un dettaglio  O0
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: RobertoGagnor - Lunedì 18 Mag 2020, 10:39:08
Per ora lo sono eccome. Poi, chissà... :-)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Franz Manuzzi - Lunedì 18 Mag 2020, 10:44:16
Io avevo un po' paura che il continuo accento sulla questione Uno avrebbe causato questa percezione di "nerdino ossessionato da un punto messo al posto di una virgola", come se nel vecchio pk non sia mai successo nulla del genere (anzi!). Il motivo per cui si tira in ballo spesso la sfera fluttuante non è perchè sia questa da sola chissà quale tragedia; ci sono post di decine di righe su questo stesso forum che affrontano e giudicano la storia in base ad ogni suo aspetto ed elemento, ignorarli è un tantinello errato, ed è OVVIO che non si affossa un intero arco narrativo solo per un particolarino così, sennò il 90% dei fumetti sul mercato non si salverebbe. Ma perchè è un esempio di un problema esteso appunto all'intero impianto narrativo, è solo un simbolo così come se ne sarebbero potuti trovare molti altri in altre pagine, cosa che effettivamente è stata fatta in parecchi discorsi che mi è capitato di leggere.

Inoltre mi dispiace che tu abbia preso male il mio post di prima, stavo proprio cercando di dire che il problema non sei tu.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: V - Lunedì 18 Mag 2020, 11:08:18
Il dubbio che però viene a me è che se, su 88 tavole di storia, l'UNICA cosa su cui vogliate discutere sia Uno, è che un po' di capricciosità ci sia. O meglio: un disperato attaccarsi a UNA cosa invece di leggere il resto, per giustificare una posizione "non è il MIO PK" che magari potrebbe anche essere ragionata diversamente, al netto della nostalgia e dell'idea che ognuno di voi ha di PK nella sua testa.

Ringrazio Roberto per il confronto aperto e cordiale. Spero entro fine giornata di scrivere una piccola recensione della storia.
Riguardo a questo punto, pero, discordo. Ieri, nella live da Fisbio, avevo sollevato un mio parere personale riguardo alle due storie: inserire, malamente, cosi tanti personaggi nuovi, che non riescono ad avere modo di farsi ricordare, la trovo una scelta sbagliata. A parte Hellenoir e Tuiroon, le altre figure sono ombre impalpabili, senza particolari caratterische, se non sbobbare in giro. Ovviamente, mi baso su 88 tavole, come potrei fare diversamente?

Questo parere, opinabile ma legittimo, ieri e stato catalogato come malignita. Quindi, non penso che ci si impunti solo su "dettagli" tecnici.

Spero di essere smentito nella prossima storia, in cui i vari personaggi potrebbero entrare nell'empireo della saga di PK. Ma ad oggi, con questo materiale di mia conoscenza, stentano a farsi ricordare.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: prezio - Lunedì 18 Mag 2020, 11:24:23
Il discorso di Uno non è un dettaglio.

Giusto ora mi segnalano una vignetta in cui Uno sembra spari scariche energetiche dalla sua bolla...

Gagnor, è come se, in un film degli Avengers, inserito nella saga, Spider Man volasse invece che arrampicarsi con le ragnatele. Non credo sarebbe definibile un dettaglio, ma andrebbe a svilire e smentire il personaggio.

Io credo che, nel caso lei non abbia dato peso a questi comportamenti di Uno, ci sia una profonda discrasia tra Pk e come lei intende Pk. Preciso: non come i fan intendono Pk, perché non siamo in cerca di cose vecchie, ma siamo avidi sempre di novità. Ma di novità coerenti con Pk.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: RobertoGagnor - Lunedì 18 Mag 2020, 11:26:57
Be', questo è un altro discorso: è un parere critico, e ci sta, eccome. L'avevi solo espresso in un modo (o forse l'ho letto io così) che lasciava intendere che mettessi i personaggi "a c... di cane". E dato che alcuni danno per scontato che io scriva in questo modo, e che così non è, la cosa chiaramente non mi lascia indifferente.
Però, seriamente: grazie a te per il confronto!

Per risponderti: il mio piano si gioca su più storie. Quindi i PK Corps avranno un ruolo eccome! È vero che qui sono meno in risalto, ma, di nuovo: la mia idea è di portarli in primo piano nei prossimi numeri.

Intanto, ne approfitto per copiare qui una cosa che ho scritto su FB stamattina, e che riguarda DANGER DOME.

In una precisa vignetta io e Roberto abbiamo inserito un messaggio. Bisogna ragionarci su. Bisogna arrivarci. Ma c'è un messaggio. Che dice una cosa MOLTO precisa su dove stia andando la nostra storia.

Vediamo se lo trovate.
E soprattutto, vediamo se capite cosa dice.
Buona caccia! :-)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: RobertoGagnor - Lunedì 18 Mag 2020, 11:31:16
@prezio: se Spiderman vola, io prima di tutto mi chiedo perché. Poi penso che l'autore me lo spiegherà, e avrò pazienza.
Magari c'è un motivo. Ma in questo caso vedo la cosa come MOLTO meno "drammatica" e "dirompente" di quanto la vediate voi.

Dovrete farvene una ragione.

Quanto alla discrasia, sicuramente c'è: tra l'idea che i fan hanno di PK e quella che ho io.
"Novità coerenti con PK" vuol dire, sorry, "cose che somigliano anche a quelle vecchie".
Non è questo ciò che voglio fare. Il mio lavoro è (anche) mettere idee, suggestioni, cose che poi spiegherò.

E darvi qualcosa di nuovo.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: prezio - Lunedì 18 Mag 2020, 11:46:37
La ringrazio per la risposta.

Riguardo Uno rimarco che la "preoccupazione" è che non sembri lui. Così come Lyla non sembri lei. Non hanno comportamenti coerenti con i loro personaggi.

Non c'è alcuna paura nel leggere cose nuove: Pk si è costantemente rinnovato (pensiamo a Pk2); il dubbio che ci attanaglia è che, per ora, non sembra di leggere Pk. Non ci sono stroncature in sé sulla storia, perché, come dissi mesi fa, si tratta di una bella avventura di Paperinik. Perfetta per il mensile... Ma non per Pk.

È come se lei andasse al cinema a vedere un film di Nolan, regista che ha affrontato vari generi: non sarebbe deluso se ci fossero novità (in fondo Interstellar racconta una storia diversa da Batman), ma lo sarebbe se il film le sembrasse, più che di Nolan, un'opera di Tarantino. Bella, per carità, ma da Nolan io mi aspetto Nolan.

E il paragone non è, me lo conceda, tra un autore e l'altro: ma tra il rispettare, o meno, le caratteristiche proprie di ciò che scriviamo. Sarebbe come se, nei "Tesori di serie b", Brigitta fosse innamorata di Filo e Filo stesso diventasse ricco e generoso. Senza spiegazione alcuna... Magari le storie sarebbero funzionali comunque, ma rispetterebbero il background dei personaggi e, soprattutto, le altre trame appartenenti al medesimo filone?

I nostri dubbi, mi permetto di scrivere a nome di molti, sono questi; non certo affrontare nuove strade o un Pk disperso nello spazio e nel tempo e non comodo nella DT.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: RobertoGagnor - Lunedì 18 Mag 2020, 11:54:07
Mi spiace, ma non la penso così.

Per come la vedo io, non è uno snaturare il personaggio: è portargli qualcosa di nuovo - spiegabile poi, o anche no - che gli dà più possibilità. Secondo me ti stai perdendo in questioni "meccaniche". Ma abbiamo capito di non essere d'accordo su questa cosa: per te sono fondamentali, per me no. Punto.

E qui non stiamo parlando di un film, ma di una serie.
Per farti un esempio: abbiamo visto uno 007 biondo (Craig), giovane, più vecchio, rogue agent o quasi, sottoposto a reboot.
Lo 007 di Goldfinger e quello di Skyfall hanno delle differenze. Ma sono sempre 007. Q è diventato giovane, vecchio, John Cleese... :-)

Però mi rendo conto che non siamo d'accordo: e va benissimo così.
Il mio unico invito è di continuare a leggere queste storie, e di farlo magari sfrondando il campo da "quello che abbiamo in testa su PK".
Buon PK, in ogni caso! :-)



Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Franz Manuzzi - Lunedì 18 Mag 2020, 11:59:21
Mi spiace, ma non la penso così.

Per come la vedo io, non è uno snaturare il personaggio: è portargli qualcosa di nuovo - spiegabile poi, o anche no - che gli dà più possibilità. Secondo me ti stai perdendo in questioni "meccaniche". Ma abbiamo capito di non essere d'accordo su questa cosa: per te sono fondamentali, per me no. Punto.

E qui non stiamo parlando di un film, ma di una serie.
Per farti un esempio: abbiamo visto uno 007 biondo (Craig), giovane, più vecchio, rogue agent o quasi, sottoposto a reboot.
Lo 007 di Goldfinger e quello di Skyfall hanno delle differenze. Ma sono sempre 007. Q è diventato giovane, vecchio, John Cleese... :-)
Ma appunto, lo sta dicendo anche lei: sono personaggi diversi.
Non c'è alcuna paura nel leggere cose nuove: Pk si è costantemente rinnovato (pensiamo a Pk2); il dubbio che ci attanaglia è che, per ora, non sembra di leggere Pk. Non ci sono stroncature in sé sulla storia, perché, come dissi mesi fa, si tratta di una bella avventura di Paperinik. Perfetta per il mensile... Ma non per Pk.

È come se lei andasse al cinema a vedere un film di Nolan, regista che ha affrontato vari generi: non sarebbe deluso se ci fossero novità (in fondo Interstellar racconta una storia diversa da Batman), ma lo sarebbe se il film le sembrasse, più che di Nolan, un'opera di Tarantino. Bella, per carità, ma da Nolan io mi aspetto Nolan.
Era appunto quello che intendevo col post della "risorsa", ed è tutta lì la questione: non si sta dicendo che è brutto, ma che non è adatto.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: paolo87 - Lunedì 18 Mag 2020, 12:33:58
Leggendo questo confronto fra lettori ed Autore, mi vengono da fare alcune considerazioni. Le posizioni in campo mi sembra che siano queste: da un lato i lettori lamentano la differenza fra questa saga e il "caro vecchio PK", dall'altra l'autore rivendica il proprio diritto a dare una lettura originale di questo mondo. Ora, io sono su di una posizione intermedia: la saga mi sta piacendo ed, in particolare, ho trovato Danger Dome molto divertente, ma dall'altro non ho ritrovato quella "vibrazione" che mi aveva fatto amare le precedenti "stagioni". Ricordo, però, la reazione negativa di quasi tutta la community dei Pkers quando uscì PK2, al punto che quella serie chiuse solo dopo 18 numeri e fu, per molto tempo, la fine di PK. Oggi PK2 viene ricordata come una serie geniale ma incompresa perchè troppo "avanti"... Ecco, chiedo di non fare lo stesso errore. Diamo fiducia a Gagnor e vediamo dove vuole portarci. Magari non ci piacerà comunque,magari scopriremo, alla fine del viaggio, che il piano era fantastico e bastava pazientare. "Diamo tempo al tempo" (cit.)  ;).
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: prezio - Lunedì 18 Mag 2020, 12:41:24
Stiamo travisando il punto, Paolo.

Nessuno vuole il vecchio Pk. Semplicemente, queste storie non hanno alcuna caratteristica che solitamente ritroviamo in Pk. Ma non si parla di personaggi o ambientazioni, quanto di priorità.

Le priorità in Pk sono:

- caratterizzazione dei personaggi;
- dilemmi morali;
- tecnobubbole;
- coinvolgimento emotivo.

Possiamo girarci intorno quanto vogliamo, ma per 100 numeri queste sono le caratteristiche di Pk, che mancano PER ORA nella serie di Gagnor.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Lunedì 18 Mag 2020, 13:32:51

@Sommo Zotnam: esatto, fortunatamente a scrivere PK non ci sei tu. ;-)
Non so quale sia il tuo lavoro, ma se venissi, poniamo, in un tuo negozio o ufficio a dirti che non sei in grado di coordinarti, senza alcuna idea del lavoro che fai, cosa diresti? Sarebbe come minimo un giudizio affrettato e senza basi reali, no? E giustamente tu la prenderesti male.
Ecco, questo è il genere di giudizio che hai dato.

"Fortunatamente" non è detto: non sa come scriverei una storia, mentre io so come scrive lei :)

Il paragone è sbagliato, comunque. Se un pizzaiolo fa una pizza mal fatta (e non perché "nuova e con ingredienti diversi", proprio perché fatta male), il cliente che l'ha comprata e mangiata (per ben due volte: la prima gli aveva dato il beneficio del dubbio) ha tutto il diritto di giudicare il prodotto parlandone con i suoi amici ghiotti di pizza ed esprimendo perplessità e preoccupazione al pensiero che quel pizzaiolo possa supervisionare tutte le pizzerie del quartiere.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Vito65 - Lunedì 18 Mag 2020, 13:53:11
A questo punto, devo dire che non sono contento della scelta editoriale di dirottare Pk su una testata apposita: non va bene leggere una storia a puntate ad intervalli di tre/quattro/cinque mesi di distanza tra ogni puntata/episodio. Avrei preferito la pubblicazione su Topolino: nell'arco di un mese avremmo letto l'intera storia e fatto tutti i commenti con cognizione di causa.
Sulla ri-formazione di un Pk Team, mi sembra un'ottima cosa: è in ogni caso positivo che un gruppo di autori si confronti su un orizzonte, uno scenario comune, e che poi ciascuno, in autonomia ma in modo coerente allo scenario di fondo, sviluppi un proprio arco narrativo.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Obermeister - Lunedì 18 Mag 2020, 16:27:20
Buongiorno a tutti.
Leggo da anni il forum e non mi ero mai espresso, ma oggi ho creato un profilo proprio per dare sostegno al signor Gagnor (e ad altri artisti che potrebbero aver vissuto o vivere in futuro un'esperienza simile).
Ho recuperato tutta la discussione sull'ultima storia, Danger Dome, dopo aver ovviamente recuperato la storia stessa.

Non si può innanzitutto non essere d'accordo con chi dica che c'è stato un pessimo servizio pubblicitario legato a questa storia. La pagina facebook di PK è inattiva da mesi, quella di Topolino non ne ha parlato e, sulle stesse pagine di Topolino, non c'è il ben che minimo segno di una nuova avventura di PK nella sua nuova testata. Sono abbonato al giornalino dal 2002 e penso di poter dire che mai ho visto un disinteresse simile per altre testate della stessa casa. Ai tempi vedevo pubblicizzati PK e le Witch, adesso, aprendo gli ultimi numeri per avere conferma delle mie parole, sono pubblicizzati Paperinik, Paperino, Archimede genio ribelle, Zio Paperone, ma nessun riferimento a Danger Dome! Non riesco a spiegarmi il motivo, e ovviamente non posso entrare nelle questioni di quali pubblicità debbano andare sulla testata presumo principale della Disney Italia, perché non ne sono in grado, ma secondo me è un grave torto verso la testata che coinvolge noi parte "più adulta" che legge Topolino.

E vorrei anche lamentarmi del formato cartonato di 50 pagine, senza editoriali, ad un prezzo abbastanza fuori dal mercato odierno (giustificato forse dalla copertina cartonata, della quale però si può anche fare a meno). Ma ho visto essere spunti già trattati con la precedente storia di PK e di WOM.

Qui vorrei concentrarmi sulla storia.
Innanzitutto un plauso personale a Vian, che, parere personalissimo, ha risollevato molto la storia rispetto a Lavoradori. Purtroppo il MIO più grande problema con "Un nuovo eroe" sono stati i disegni. Ma d'altronde, in PKNA, se c'era Guerrini alle matite, non riusciva a piacermi la storia, anche se riuscivo a riconoscerne una buona scrittura.

Ma ora, come da intenti iniziali del post, vorrei spezzare una lancia in favore di Gagnor.
Trovo sacrosanta la sua volontà di voler portare PK fuori dalla sua comfort zone, e di affiancarlo a personaggi inediti. E non pretendo che l'autore mi spieghi, appena incontrati, tutti i loro retroscena ed i modi di agire ed interagire. Se vorrà, potrà spiegarmeli in futuro, altrimenti rimarranno personaggi un po' piatti, di contorno, come ce ne sono stati molti altri anche nelle storie dei grandi fasti del passato. Vorrei far presente che, appena comparsi, Everett era uno scienziato impazzito e Camera9 una figurina sullo sfondo; solo dando tempo e spazio agli autori, si sono riusciti a creare i loro incredibili personaggi. Per chiudere, questi nuovi alleati mi ricordano molto gli alieni incontrati in PKNA25, "Fuoco incrociato": ognun per sé e poi si riuniscono tutti solo la bandiera di PK, storie appena abbozzate, stereotipici. Nessuno li ha mai più tirati fuori. E' stato un problema? Non mi sembra. Quindi, personalmente sperando che verranno arricchiti in futuro, starebbero bene anche come semplici comparse di queste 2 storie.
Leggo poi un sacco di messaggi che accostano questo ciclo di storie a "PK - Pikappa". La trovo una lettura un po' superficiale (scusate, non voglio accusare nessuno di esserlo, vorrei solo portare all'attenzione qualche punto): in "PK - Pikappa", l'intero universo era su un altro piano, con avventure spaziali, puerili, autoconclusive e che non portavano a nulla più; qui ci vedo tutt'altro intento, quale la proposizione di nuovi personaggi che possano andare ad accostarsi a quelli già iconici nel mondo di PK (vedasi l'incontro/scontro tra Lyla e Hellenoire), l'espansione dell'universo con mondi e situazioni non ancora esplorate e un collegamento forte con il passato a fine storia,
Spoiler: mostra
ovvero quella che pare dovrà essere una narrazione dell'origine di Evron (ci si può scrivere di tutto, dalla Evron ancora pianeta fisso, ai vicini Ergoniani, al loro alvearismo descritto nella, più o meno recente, "Cronaca di un ritorno").
E queste soluzioni le apprezzo e omaggio anche a discapito della mia stessa preferenza, perché io avrei lasciato stare gli Evroniani dopo il ciclo di Artibani-Pastrovicchio. In ogni caso, vedo un accostamento a "PK - Pikappa" solo perché la storia è collocata in un pianeta sconosciuto e troviamo i PK-corps, che, per ora, sembrano molto i Guardiani della galassia di frittoliana memoria, mentre trovo che ci sia molto di più.
Ma poi, anche fosse che lo stile di scrittura e sceneggiatura di Gagnor non vi piace, c'è bisogno di andare a scrivere che queste storie sono ignobili, che l'autore non è adatto a scrivere su questa testata, che questa avventura non rispetta lo stile di PK? PK è tantissime cose! Forse si è un po' ingigantito il mito, ma anche nella cara e vecchia PKNA c'erano storie illustri e storie minori. O, per meglio dire, dato che non trovo Gagnor uno sceneggiatore minore, storie che incontravano il nostro favore e storie che non vedevamo l'ora finissero! Io non mandavo giù Urk, la PBI, e addirittura molte storie della guai-se-ne-parli-male Xadhoom. Aspettavo l'albo successivo e mi beavo di quello. Per carità, è giusto creare discussione attorno alla storia, qui si fa questo, ed è bello così, ma secondo me bisogna un attimo ricontestualizzare l'universo di cui si sta parlando.

Poi, se devo mettere sul piatto le mie sensazioni, questo paio di storie non è tra le mie preferite di PK. Preferisco le storie più terrene e psicologiche di PK, quelle meno fantascientifiche, infatti PK2 per me era oro, ma capisco che, essendo una commistione di artisti, le storie cambiano molto anche di registro tra loro. I personaggi mi hanno intrattenuto per quello che potevano fare finora, ho apprezzato Hellenoire nella storia precedente e Derrick in questa, con i suoi espedienti "trasformistici" e il, seppur frettoloso, cambio di intenti. Tuiroon (ti vedo signor Gagnor che usi il piemontese, ti vedo  8) ) per ora è il personaggio che più mi interessa venga sviluppato, soprattutto dopo le prime 2 meravigliose tavole di questo volume. Ci sono un sacco di elementi che attualmente non mi dicono nulla, ma che potrebbero essere sviluppati in futuro, quindi confido nell'operato di Gagnor e di chi si affiancherà a lui alle matite.

Una domanda al signor Gagnor, che ho visto molto attivo e che sta rispondendo a tutti in modo molto educato, nel caso volesse risolvere questo mio quesito:
Spoiler: mostra
pagina 35 (sì, cito esattamente pagina e vignette, ma d'altronde c'è la quarantena, zero ragazze da queste parti), uno disattiva le sbarre. PK non dice nulla. L'evroniano dice "Gasp!". Vignetta dopo, PK interviene con "Io no... ma lui sì!", con Ed che salta addosso al nemico.
Non ho proprio capito il passaggio tra la seconda e la terza vignetta, è la cosa che più mi fa storcere il naso dell'intero albo. E' come se PK stesse rispondendo a un "TU non puoi fare nulla", che però nessuno gli ha rivolto. L'unica spiegazione che riesco a darmi è che sia stata tagliata una parte, e poi il balloon di PK è rimasto immutato forse per una svista. E' per caso così? Grazie nel caso dovesse rispondermi.
E grazie comunque per le storie che sta scrivendo per noi, che, checché se ne dica, trovo in linea con lo stile pikappico e che non vedo l'ora di vedere dove andranno a parare!

PS: Uno vola lontano dalla Ducklair Tower? Tragedia, interruzione della continuity, non canon? In PKNA30, "Fase due", Uno trasferisce il proprio io in un razzetto per avvicinarsi ad un'astronave evroniana nello spazio aperto; "PK - Potere e Potenza", Everett riattiva Uno in qualche angolo sperduto dell'universo, di certo non sulla Terra; "PK - Il marchio di Moldrock", Uno e Everett atterrano sulla Terra, Uno nella sua palla, nessuna spiegazione; senza contare Uno che si sgancia dalla Tower per fondersi con Due e risiedere per sempre in Odin. A volte è stato raccontato nei minimi dettagli, altre volte hanno lasciato a noi l'interpretazione della meccanica. Ma non è la prima volta che accade. Senza contare che la serie di PK è forse l'unica che tiene conto dell'avanzare del tempo, nel ciclo di Artibani ci sono un sacco di riferimenti al tempo che è passato da PK2. E' anche possibile che, con una rinata inventiva e il passare del tempo, Everett abbia fatto in modo che Uno se ne stia per conto proprio, vada e venga dalla Ducklair Tower, che abbia spettri di connessione più estesi. No?  ;)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: RobertoGagnor - Lunedì 18 Mag 2020, 16:59:28
@Obermeister: ciao e grazie! Apprezzo il tuo ragionamento e i tuoi complimenti, ma soprattutto la tua fiducia. Che non deluderò.

Sì, a pag. 35 il balloon del Decimator doveva dire "GASP! N-non farmi del male!", così poi la battuta di PK aveva senso: piccolo errore.
Grazie anche per aver capito che Tuiroon è una parola piemontese, che più o meno si traduce in "grosso vortice": "tuiru" per noi valsusini è un "giramento", inteso come tormento, intestinale o meno. Pensando al Porphyoloon di Sisti, mi è venuto naturale metterci un po' anche del mio, di dialetto! :-)

Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: raz3r - Lunedì 18 Mag 2020, 17:45:25
Piccola premessa, parlo da fan di vecchia data, e per vecchia data intendo dal lontano 1996, sono cresciuto con PK, ho amato PK alla follia e ancora oggi alla ormai veneranda età di 32 anni mi ritrovo a correre in edicola con la stessa foga di quando andavo alle elementari. Sono tutto fuorché un esperto di fumetti (a parte PK ho sempre e solo letto Topolino), però ci tenevo comunque a dare un feedback perché tengo davvero a questa testata.

Prima cosa, la reperibilità del fumetto, capisco il discorso COVID ma anche "Un Nuovo Eroe" ho dovuto esplicitamente ordinarlo in edicola (non con poca difficoltà).

Seconda cosa, marketing, la pagine Facebook di PK non posta più niente da mesi, un post per annunciare l'uscita del nuovo fumetto mi sembrava davvero il minimo sindacale, è normale che viene a mancare fiducia (come ho visto in diversi post) quando dobbiamo venire a conoscenza del nuovo numero per vie traverse. C'era più comunicazione da e verso la redazione venti anni fa, non è concepibile una cosa del genere nel 2020. La totale assenza di rubriche nel nuovo PK poteva essere parzialmente soppiantata da post con curiosità e interazioni sui social network, un bel hashtag #pocheragazzedaquelleparti per capirci. Che poi a giudicare dai post precedenti la redazione fa anche live su canali Youtube etc, non sarebbe male pubblicizzare la cosa sulla pagina ufficiale, davvero non stiamo parlando di chissà quale sforzo, non serve una persona dedicata, se c'è la volontà basta un minimo sforzo di chiunque, chiunque all'interno della redazione.

Forse sarò vecchio io ormai ma faccio davvero fatica a seguire la storia, a tratti ho trovato la nuova serie confusionaria, non solo dal punto di vista della storia ma anche delle tavole stesse.

Mi trovo d'accordo con quanti hanno notato la deriva quasi "fantasy" che ha preso la serie, sta venendo a mancare quel velo di plausibilità che rendeva speciale PKNA.

Ultima cosa, chiedo (da profano), se la continuity è la stessa perché si è deciso di partire con una nuova serie anziché continuare con PKNE?
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: V - Lunedì 18 Mag 2020, 17:56:06
Be', questo è un altro discorso: è un parere critico, e ci sta, eccome. L'avevi solo espresso in un modo (o forse l'ho letto io così) che lasciava intendere che mettessi i personaggi "a c... di cane". E dato che alcuni danno per scontato che io scriva in questo modo, e che così non è, la cosa chiaramente non mi lascia indifferente.
Però, seriamente: grazie a te per il confronto!

Per risponderti: il mio piano si gioca su più storie. Quindi i PK Corps avranno un ruolo eccome! È vero che qui sono meno in risalto, ma, di nuovo: la mia idea è di portarli in primo piano nei prossimi numeri.

Il mio commento "a c... di cane" si riferiva dal minuto 27.18 della live, in cui Vian ci dice che "il risultato ottenuto alla fine, non lo si conosceva all'inizio". A me ha dato l'idea di una certa confusione, che secondo me si riflette nella storia, piuttosto confusionaria a mio parere.

Vedremo la continuazione, ma con il materiale che ho al momento questi sono i miei dubbi.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Flash X - Lunedì 18 Mag 2020, 18:05:39
Premessa: questo post non c'entra nulla con la discussione che si è venuta a creare tra Gagnor e gli utenti. In realtà non so neanche se sia il topic più adatto, quindi nel caso in cui fossi totalmente fuori topic, scusatemi: il fatto è che volevo mettere il post in una sorta di PK discussione generale, ma ho visto che c'è PKNA discussione generale, PK2 discussione generale e PKNE discussione generale e ciò che voglio dire non ne riguarda una in specifico.
In sostanza ho 2 perplessità sul lasso di tempo passato tra PK2 e PKNE (tra l'altro può essere che già siano state affrontate in dei topic, però io non lo so):
1) Che fine ha fatto il lavoro di "polizia" di Paperino nella sua vita privata e che fine ha fatto Lyo? Questa cosa a partire da Potere e Potenza non viene spiegata...;
2) Com'è possibile che in più di 10 anni (e il tempo è preciso nella saga di PK, come giustamente ha fatto notare Obermeister) Qui Quo e Qua non siano cresciuti, ma sono sempre dei bambini/adolescenti? So che ovviamente i personaggi Disney non crescono mai, ma è comunque bizzarro che mi viene specificato che sia passato così tanto tempo e poi le età non tornano. La soluzione secondo me non sarebbe stata quella di far crescere i nipotini (sarebbe insensato e nessuno lo vorrebbe), ma non specificare qual è stato quel lasso di tempo.
Queste sono delle mie osservazioni, anche se forse può sembrare un po' tardi porle, considerando che ora come ora ci ritroviamo in tutt'altra epoca di PK, con le nuove storie di Gagnor.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: el_pikappa - Lunedì 18 Mag 2020, 18:21:32
Preferisco le storie più terrene e psicologiche di PK, quelle meno fantascientifiche, infatti PK2 per me era oro [...]
PS: Uno vola lontano dalla Ducklair Tower? Tragedia, interruzione della continuity, non canon? In PKNA30, "Fase due", Uno trasferisce il proprio io in un razzetto per avvicinarsi ad un'astronave evroniana nello spazio aperto; "PK - Potere e Potenza", Everett riattiva Uno in qualche angolo sperduto dell'universo, di certo non sulla Terra; "PK - Il marchio di Moldrock", Uno e Everett atterrano sulla Terra, Uno nella sua palla, nessuna spiegazione; senza contare Uno che si sgancia dalla Tower per fondersi con Due e risiedere per sempre in Odin. A volte è stato raccontato nei minimi dettagli, altre volte hanno lasciato a noi l'interpretazione della meccanica. Ma non è la prima volta che accade. Senza contare che la serie di PK è forse l'unica che tiene conto dell'avanzare del tempo, nel ciclo di Artibani ci sono un sacco di riferimenti al tempo che è passato da PK2. E' anche possibile che, con una rinata inventiva e il passare del tempo, Everett abbia fatto in modo che Uno se ne stia per conto proprio, vada e venga dalla Ducklair Tower, che abbia spettri di connessione più estesi. No?  ;)

ORO per i mie occhi
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Franz Manuzzi - Lunedì 18 Mag 2020, 19:02:15
Preferisco le storie più terrene e psicologiche di PK, quelle meno fantascientifiche, infatti PK2 per me era oro [...]
PS: Uno vola lontano dalla Ducklair Tower? Tragedia, interruzione della continuity, non canon? In PKNA30, "Fase due", Uno trasferisce il proprio io in un razzetto per avvicinarsi ad un'astronave evroniana nello spazio aperto; "PK - Potere e Potenza", Everett riattiva Uno in qualche angolo sperduto dell'universo, di certo non sulla Terra; "PK - Il marchio di Moldrock", Uno e Everett atterrano sulla Terra, Uno nella sua palla, nessuna spiegazione; senza contare Uno che si sgancia dalla Tower per fondersi con Due e risiedere per sempre in Odin. A volte è stato raccontato nei minimi dettagli, altre volte hanno lasciato a noi l'interpretazione della meccanica. Ma non è la prima volta che accade.
ORO per i mie occhi
Mi sa che hai frainteso un tantino il problema che stiamo lamentando: non è il semplice fatto che Uno si muove, ma il COME questo viene allestito. Fase Due è esattamente l'esempio giusto per far capire come si sarebbe dovuto fare e di cosa stiamo parlando. Dare una spiegazione di come in quel caso riesce a farlo, (il razzetto, di cui tra l'altro erano anche narrate le caratteristiche e funzionamenti nella rubrica di tecnobubbole abitualmente inserita a fine storia), integrare l'espediente narrativo nella trama ed evitare così di rompere le regole stabilite, sono appunto le cose che quella storia fa e questa run no. Se fosse stata scritta come UNE e DD, avrebbe probabilmente avuto Uno che si teletrasporta randomicamente nell'astronave evroniana o magari fluttua nella sua bolla nello spazio per arrivarci.
Infatti è proprio il fatto che i vari momenti elencati esistono e sono parte fondamentale i pk il motivo per cui i fan se la sono presa tanto a sto giro per "il canon rotto" e l'hanno usato come simbolo del problema generale che affligge le storie in generale.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Franz Manuzzi - Lunedì 18 Mag 2020, 19:26:57
Vorrei a tal proposito fare un esperimento: guardiamo la situazione dalla prospettiva inversa, facciamo che in questo "nuovo pk" le spiegazioni scientifiche, le "tecnobubbole" e il verosimilismo degli espedienti narrativi tecnologici e logistici sono effettivamente meno prioritari e non importanti ai fini della narrazione, stiamo al gioco. Leggiamo queste storie, poi andiamo a riprenderci i vecchi numeri di PKNA, PK2 etc. A questo punto la loro rilettura diventa un'esperienza ridicola: l'ossessivo soffermarsi sugli elementi fantascientifici e le loro spiegazioni, la verosimilità che appesantisce la narrazione e la ancora a cavilli e limitazioni che ora abbiamo scoperto essere inutili: è totalmente assurdo che in queste situazioni i personaggi abbiano difficoltà con il connettersi a luoghi lontani, le limitazioni dei loro strumenti, le logistiche di trasporto, su cui tra l'altro si basano così tante trame, visto che, a quanto pare, potrebbero semplicemente teletrasportarsi nello spaziotempo come, dove e quando vogliono e tutte queste cose non hanno mai avuto valore ne per la narrazione ne per il tono del fumetto.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Mr. Verne - Lunedì 18 Mag 2020, 20:29:32
Buonasera a tutti, irrompo nell'accesa discussione per segnalarvi un segreto della storia di cui non ho letto da nessuna parte: é possibile decifrare le "iscrizioni arcaiche" di pagina 5 e 19, metto la soluzione che ho trovato sotto spoiler per chi volesse arrivarci da solo:
Spoiler: mostra
Pagina 5:
SPAZIO
 TEMPO
S   A
P   L
O   F
R   A
A     

Pagina 19:
LERA DI EVRON STA
ARRIVANDO
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: RobertoGagnor - Lunedì 18 Mag 2020, 21:09:16
Oh... bravo! :-)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Kraven - Lunedì 18 Mag 2020, 21:16:57
Buonasera a tutti, irrompo nell'accesa discussione per segnalarvi un segreto della storia di cui non ho letto da nessuna parte: é possibile decifrare le "iscrizioni arcaiche" di pagina 5 e 19, metto la soluzione che ho trovato sotto spoiler per chi volesse arrivarci da solo:
Spoiler: mostra
Pagina 5:
SPAZIO
 TEMPO
S   A
P   L
O   F
R   A
A     

Pagina 19:
LERA DI EVRON STA
ARRIVANDO

Grazie mille per lo sbattimento di aver tradotto per noi! Mi permetto allora di estrapolare un comodo alfabeto Evrongagnorvian / Italiano, che allego.

Arrivati a questo punto, dopo aver fatto girare qualche ingranaggio ipotizzo che:
- il mega stego-niano di pietra che va a trovare Tuiroon nella tavola iniziale, sia un suo antenato lontano di un ceppo/razza "prototipale" degli evroniani che noi conosciamo
- questa razza viene dal "modello" alfa delle spore evroniane
- tale razza non andando a genio ad Evron è stata bandita, motivando il livore di Tuiroon nei confronti del popolo viola
- Tuiroon pian piano sta mutando nel ceppo originale, dato che inizia a parlare dal corpo del soldato (segno che lo ha "inglobato" a se?) etc etc

In tutto questo ovviamente mi sfugge il coinvolgimento del preistorico "papero bianco molto umano e poco alieno" Ur-Evron. Vedremo.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Vito65 - Martedì 19 Mag 2020, 00:25:57
1) Che fine ha fatto il lavoro di "polizia" di Paperino nella sua vita privata e che fine ha fatto Lyo? Questa cosa a partire da Potere e Potenza non viene spiegata...;
2) Com'è possibile che in più di 10 anni (e il tempo è preciso nella saga di PK, come giustamente ha fatto notare Obermeister) Qui Quo e Qua non siano cresciuti, ma sono sempre dei bambini/adolescenti? So che ovviamente i personaggi Disney non crescono mai, ma è comunque bizzarro che mi viene specificato che sia passato così tanto tempo e poi le età non tornano. La soluzione secondo me non sarebbe stata quella di far crescere i nipotini (sarebbe insensato e nessuno lo vorrebbe), ma non specificare qual è stato quel lasso di tempo.
Queste sono delle mie osservazioni, anche se forse può sembrare un po' tardi porle, considerando che ora come ora ci ritroviamo in tutt'altra epoca di PK, con le nuove storie di Gagnor.
1) Come hai notato, questi particolari non sono stati presi in considerazione. Possiamo solo pensare che Paperino non abbia mantenuto l'impiego presso la Star Cop. Riguardo a Lyo, è un personaggio che è stato abbandonato. Peccato, aveva un suo perchè. Probabilmente al di fuori dell'ambientazione di Pk2, dove fungeva da spalla per Pk (una specie di Archimede Pitagorico), non avrebbe avuto una sua collocazione: in Potere e potenza infatti, Pk viene affiancato da una nuova evolutissima Intelligenza Artificiale, e si creano le premesse per il ritorno di Uno, quindi un assistente dalle caratteristiche così "artigianali" non avrebbe avuto senso.
2) Qui, quo e qua sono gli unici personaggi per i quali è estremamente evidente che il tempo non passa: addirittura, se hai letto TimeCrime, avrai notato, in maniera ancor più palese, che il Pk del XX secolo e il Paperino del XXI secolo ne parlano considerandoli entrambi bambini/adolescenti: addirittura, dopo venti anni, sarebbero ancora in età da gita scolastica! E poi, se si considera il finale della stessa storia, dopo Paperino e nipotini vengono ripresentati cinquant'anni prima, a Villa Rosa...
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: paolo87 - Martedì 19 Mag 2020, 10:42:28
Mi sono sempre fatto anch'io domande su Lyo e sulla Star Cop. Non mi rassegno a lasciar cadere. Magari un giorno qualche autore, vecchio o nuovo che sia, ce lo raccontera'. Anche perche' a Lyo erano legati alcuni misteri mai svelati.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Obermeister - Martedì 19 Mag 2020, 12:25:11
Mi sa che hai frainteso un tantino il problema che stiamo lamentando: non è il semplice fatto che Uno si muove, ma il COME questo viene allestito. Fase Due è esattamente l'esempio giusto per far capire come si sarebbe dovuto fare e di cosa stiamo parlando. Dare una spiegazione di come in quel caso riesce a farlo, (il razzetto, di cui tra l'altro erano anche narrate le caratteristiche e funzionamenti nella rubrica di tecnobubbole abitualmente inserita a fine storia), integrare l'espediente narrativo nella trama ed evitare così di rompere le regole stabilite, sono appunto le cose che quella storia fa e questa run no.
Mi dispiace contraddirti, ma sono andato a riprendere l'albo ieri per parlarne correttamente, e ho ricontrollato ora. In "Fase due", proprio all'interno della storia, non viene spiegato nulla di come Uno riesca a trasferirsi nel razzetto. Vengono poi spese due pagine scritte fitte fitte nella rubrica apposita per descriverci tutte le varie funzionalità. Ma davvero la colpa di ciò quindi è da imputarsi allo sceneggiatore della storia? Per come la vedo io, Sisti allora e Gagnor oggi avevano bisogno di spostare Uno, e l'hanno fatto senza spiegare niente all'interno della propria storia. Poi l'albo che conteneva le storie di PK allora era un qualcosa di magico, conteneva storia principale, secondaria, posta, inserti, rubriche... Oggi ci ritroviamo ad avere un cartonatino con la sola storia e basta. Ma non credo proprio che Gagnor abbia potere decisionale in questo! E cosa dovrebbe fare lui quindi? Opzione 1: Spiegazione super dettagliata all'interno della storia; si tolgono vignette che possono essere usate diversamente (e già l'azione è molto frenetica!) e si sospende la narrazione. Opzione 2: tecnobubbola sbrigativa; avrebbe secondo me fatto peggio dell'opzione 3. Opzione 3: lascia perdere la questione, qualcuno non lo noterà e quindi ok, qualcuno lo noterà e potrà darsi una spiegazione.
Poi la smetto di fare l'avvocato di Gagnor (a meno che non voglia iniziare a finanziarmi  8) ), ma quando qualcosa ci stride in una storia, pensiamo anche a quali erano le altre opzioni di sceneggiatura che si sarebbero potute tirare in ballo e se erano applicabili.
Poi oh, sarò io, ma, quando ho visto Uno svolazzare nella palla, la prima cosa che la mia mente ha pensato è che fosse tornato dall'esilio di Everett di molto potenziato, e quindi sono passato avanti senza starci a ripensare.

é possibile decifrare le "iscrizioni arcaiche" di pagina 5 e 19
:minishock: Come hai fatto a tradurle?? Mi sono perso qualcosa io??

1) Che fine ha fatto il lavoro di "polizia" di Paperino nella sua vita privata e che fine ha fatto Lyo? Questa cosa a partire da Potere e Potenza non viene spiegata...;
2) Com'è possibile che in più di 10 anni (e il tempo è preciso nella saga di PK, come giustamente ha fatto notare Obermeister) Qui Quo e Qua non siano cresciuti, ma sono sempre dei bambini/adolescenti? So che ovviamente i personaggi Disney non crescono mai, ma è comunque bizzarro che mi viene specificato che sia passato così tanto tempo e poi le età non tornano. La soluzione secondo me non sarebbe stata quella di far crescere i nipotini (sarebbe insensato e nessuno lo vorrebbe), ma non specificare qual è stato quel lasso di tempo.
Anche a me manca Lyo  :( Spero che qualcuno lo riprenda in storie successive!
Per quanto riguarda l'età dei personaggi Disney invece, lì bisogna mettere in atto una sospensione dell'incredulità fuori misura, senza la quale però non si potrebbe godere di nessun fumetto che si protrae così a lungo nel tempo, che siano Disney, Marvel, DC o simili. Secondo me ha affrontato molto bene l'argomento Artibani in "Timecrime", come già esposto da Vito65: la storia finisce con
Spoiler: mostra
lo scudo Extransformer che finisce nel XX secolo, proprio quando Paperino e nipoti stanno per visitare Villa Rosa, e viene ritrovato da Jay J, Head H e Gizmo visibilmente più giovani rispetto alle storie attuali di DD.
Abbiamo così dei personaggi chiaramente invecchiati nel tempo che si affiancano ai personaggi principali, immutabili, della Disney. Artibani, e Mottura alle matite, sono riusciti con quelle due tavole a passare il messaggio che tutto questo è un grande gioco, cercare una "soluzione" in ciò non porta da nessuna parte e ci si può anche scherzare sopra!
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Vincenzo - Martedì 19 Mag 2020, 13:01:18
@Obermeister, una piccola correzione: Danger Dome viene pubblicizzato a pagina 71 di Topolino 3364. Niente da dire sullo scarso marketing in altri lidi, ma sul settimanale viene pubblicizzato come gli altri albi, forse ti è sfuggita quella pagina.

Per quanto riguarda il resto del tuo discorso sono totalmente d'accordo.
Sarebbe proprio il colmo se la più alta forma di tecnologia del pianeta Terra e non solo non trovasse il modo per migliorarsi e potenziarsi!
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Franz Manuzzi - Martedì 19 Mag 2020, 13:34:23
Mi sa che hai frainteso un tantino il problema che stiamo lamentando: non è il semplice fatto che Uno si muove, ma il COME questo viene allestito. Fase Due è esattamente l'esempio giusto per far capire come si sarebbe dovuto fare e di cosa stiamo parlando. Dare una spiegazione di come in quel caso riesce a farlo, (il razzetto, di cui tra l'altro erano anche narrate le caratteristiche e funzionamenti nella rubrica di tecnobubbole abitualmente inserita a fine storia), integrare l'espediente narrativo nella trama ed evitare così di rompere le regole stabilite, sono appunto le cose che quella storia fa e questa run no.
Mi dispiace contraddirti, ma sono andato a riprendere l'albo ieri per parlarne correttamente, e ho ricontrollato ora. In "Fase due", proprio all'interno della storia, non viene spiegato nulla di come Uno riesca a trasferirsi nel razzetto.
Guarda che QUELLA era la spiegazione. Il razzetto.
Ma ripeto, è solo un esempio come tanti, non è l'unico caso. Possiamo anche tornare a UNE e chiederci come fa Uno, che in PKNA 1 consuma le sue risorse al massimo facendo una fatica incredibile per connettersi solo a Venere all'interno del nostro sistema solare, a "setacciare lo spazio-tempo" dell'universo tutto anche attraverso le epoche come se nulla fosse. O come faccia il segnale dell'extransformer a viaggiare per il tempo e per lo spazio .
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Kraven - Martedì 19 Mag 2020, 13:35:11
In "Fase due", proprio all'interno della storia, non viene spiegato nulla di come Uno riesca a trasferirsi nel razzetto. Vengono poi spese due pagine scritte fitte fitte nella rubrica apposita per descriverci tutte le varie funzionalità. Per come la vedo io, Sisti allora e Gagnor oggi avevano bisogno di spostare Uno, e l'hanno fatto senza spiegare niente all'interno della propria storia.
Ti fermo subito. In FASE DUE non c'è stato nessuno spieghino perchè vedi con i tuoi occhi tramite poche vignette la sequenza:
1) Pagina 46. UNO dice "inizio la procedura di trasferimento" e parte per lo spazio sul razzo (quindi è facilissimo dedurre che contenga dei banchi di memoria!).
2) Pagina 47. PK torna alla DT e Uno non è più lì ad accoglierlo.
4) Pagina 60: Uno dice che tornerà sulla Terra sfruttando i ripetitori delle varie astronavi Evroniane in orbita, indicando chiaramente a Due "Io so dove trovare banchi di memoria pronti a ricevere la mia intera personalità" (ovvero la Ducklair Tower).

E non servono le pagine extra in questo caso, è la storia stessa che ti mostra chiaramente che Uno per muoversi nello spazio debba portarsi appresso dei banchi di memoria o sfruttare una serie di rimbalzi tra altre apparecchiature, per giungere comunque al fine ultimo di trovare abbastanza memoria da contenerlo.

Sisti ha aggirato il problema con tre vignette di numero, e stessa cosa si sarebbe potuta fare ora. Non servono 2 pagine di redazionali, o 2 pagine di storia "rubata".

E vi dirò, la cosa più facile in assoluto avrebbe richiesto per me un paio di vignette al massimo:
PK: "Uno ma come hai fatto a teletrasportarti qui? credevo non ti potessi muovere dalla DT!"
Lyla tira fuori una simil-pennetta usb e replica: "il tuo sferico amico è stato solo parzialmente caricato in questo mio supporto del 23°secolo. tanto ci bastava per avere sul campo un altro illustre sintetico a darci una mano!"

Uno è una intelligenza artificiale che proietta la sua immagine o dentro una bolla di vetro, oppure tridimensionalmente (vedi sempre FASE DUE quando esce dalla cornetta del telefono di Paperino, sfruttando la fibra ottica). NON è una sfera di energia che va a zonzo per la galassia. Ripeto, posso accettare (come scritto poco sopra) che abbia caricato una sub-routine di sè in un accrocchio sempre in mano a Lyla, e quella che vediamo è sempre una proiezione olografica.

Il punto della critica di tutti i vecchi mantelli è che OK una naturale evoluzione tecnologica, ma questa deve essere coerente e che non cancelli storie passate. Gagnor in live ha detto che quelle storie belle rimangono, ma LE PARTI E IL TUTTO invece continua ad essere calpestata per una bazzecola del genere semplicemente perchè NON SPIEGATA (o mostrata come scritto poco sopra).

Certo poi vedo a pagina 38 che addirittura spara raggi fotonici dalla bolla, per colpire un Decimator..  :ill:
(https://i.imgur.com/hM9jk0H.jpg)

Citazione da: Obermeister
:minishock: Come hai fatto a tradurle?? Mi sono perso qualcosa io??
Le vocali A E I O sono il simbolo di Evron orientato verso i punti cardinali nord sud ovest ed est. Penso che poi il resto sia stato trovato a intuito anche verificando le lettere doppie etc etc etc. Ottimo lavoro.(certo ora mia viene da chiedermi.. e la U come l'avrebbero fatta? a Nord-est? ahah)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Mr. Verne - Martedì 19 Mag 2020, 13:44:55
:minishock: Come hai fatto a tradurle?? Mi sono perso qualcosa io??

In questo caso la strategia vincente é stata identificare i simboli che potessero essere vocali sapendo che in italiano sono le lettere più frequenti e che la maggior parte delle parole termina con una di esse, il passo decisivo é stato indovinare una parola nel testo cifrato che probabilmente terminava con una consonante.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: prezio - Martedì 19 Mag 2020, 13:47:05
@ober: attento ale letture superficiali delle vignette e delle storie, altrimenti si rischia di perdere particolari fondamentali; Manuzzi e Kraven han illustrato alla perfezione il discorso inerente ad Uno e, come dimostra anche la vignetta in cui sembra sparare laggi energetici, il tutto non ha coerenza narrativa con il personaggio.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Garalla - Martedì 19 Mag 2020, 14:12:10
@Obermeister, una piccola correzione: Danger Dome viene pubblicizzato a pagina 71 di Topolino 3364. Niente da dire sullo scarso marketing in altri lidi, ma sul settimanale viene pubblicizzato come gli altri albi, forse ti è sfuggita quella pagina.

La stessa pubblicità l'ho trovata su "Le Grandi Sfide Paperino vs. Gastone" uscito a inizio Maggio.
Come pubblicità si poteva fare decisamente di meglio di 2 paginette in due albi o poco più (non credo sia mai stato inserito nemmeno in coda ai topolini nella pagina delle uscite in edicola).
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Martedì 19 Mag 2020, 14:15:14
Leggendo questo confronto fra lettori ed Autore, mi vengono da fare alcune considerazioni. Le posizioni in campo mi sembra che siano queste: da un lato i lettori lamentano la differenza fra questa saga e il "caro vecchio PK", dall'altra l'autore rivendica il proprio diritto a dare una lettura originale di questo mondo.


No, il problema non è tanto il "caro vecchio PK", dato che PK si è evoluto costantemente nel tempo. Il tema sono proprio i difetti della storia, in primis come storia di PK e in secondo luogo come storia in generale (storia Disney, storia di supereroi, storia a fumetti). I difetti della storia esulano dal fattore nostalgia: anche se fossero le avventure del nuovo eroe SuperPapero rimarrebbero tali.

Citazione
Ora, io sono su di una posizione intermedia: la saga mi sta piacendo ed, in particolare, ho trovato Danger Dome molto divertente, ma dall'altro non ho ritrovato quella "vibrazione" che mi aveva fatto amare le precedenti "stagioni". Ricordo, però, la reazione negativa di quasi tutta la community dei Pkers quando uscì PK2, al punto che quella serie chiuse solo dopo 18 numeri e fu, per molto tempo, la fine di PK. Oggi PK2 viene ricordata come una serie geniale ma incompresa perchè troppo "avanti"... Ecco, chiedo di non fare lo stesso errore. Diamo fiducia a Gagnor e vediamo dove vuole portarci. Magari non ci piacerà comunque,magari scopriremo, alla fine del viaggio, che il piano era fantastico e bastava pazientare. "Diamo tempo al tempo" (cit.)  ;).

Il paragone mi sembra più azzeccato se sostituiamo il PKNE a PK2 e la miniserie di Gagnor al reboot "Frittole".
PK2 fu discussa sì, e in alcuni punti rivalutata solo successivamente, ma la differenza di qualità era evidente già dal primo numero: PK2 1 "Ducklair" fu apprezzato anche dai critici di PK2 in toto, perché era una storia fatta bene, con un'ottima caratterizzazione del personaggio Paolino Paperino, efficace e riconoscibile, prima ancora che del personaggio Paperinik.
Una buona storia Disney, una buona storia supereroistica, una buona storia di PK. Una buona storia a fumetti.
Non solo attenzione al dettaglio, non solo worldbuilding, ma anche conoscenza (e ottimo utilizzo) delle "voci" dei personaggi, del ritmo. In generale, una storia fatta con cura.

Il PKNE invece, quello sì, ricevette critiche ingenerose (come PK2) ed è stato sostituito (?*), esattamente come PK2, da una serie approssimativa e che partiva proprio da un'impostazione sbagliata.

(*= in realtà, non essendo una serie regolare, il PKNE non è tecnicamente finito, solo sospeso finché Sisti, Artibani e altri autori eventuali non si cimenteranno in nuove storie finita questa miniserie, si spera in 3 parti)

PS: c'era anche un altro utente a cui pensavo inizialmente di rispondere, ma non riesco a prendere sul serio uno che dice "mi sono iscritto su questo forum solo ora appositamente per scrivere commenti in difesa dell'autore a prescindere, è il mio ruolo", o che dice "paragonare questo ciclo a Frittole è superficiale". O che ancora continua con le stesse cose dette e stradette, spiegate e straspiegate, ignorando tutti i precedenti commenti sulla differenza tra lo spostarsi dentro banchi di memoria (o in prossimità di essi) e in una boccia spara-lampi in un altro spaziotempo. E che soprattutto quello di Uno è solamente un esempio esplicativo: tutto si potrebbe spiegare, volendo, specie in presenza di buona fede dell'autore. Il problema prescinde dal singolo esempio, è l'impostazione generale.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: prezio - Martedì 19 Mag 2020, 14:25:52
Poi oh, sarò io, ma, quando ho visto Uno svolazzare nella palla, la prima cosa che la mia mente ha pensato è che fosse tornato dall'esilio di Everett di molto potenziato, e quindi sono passato avanti senza starci a ripensare.

Come ho scritto poco sopra, attenzione: in diverse storie il problema di Uno viene affrontato e giustificato. Anche in un episodio di Pk Tube, nel futuro, Ducklair e Uno discutono di come trasportare l'intelligenza artificiale ("questa era l'unica memoria capace di ospitarmi!"). E siamo mezzo secolo nel futuro rispetto a ciò che hai citato:

(https://i.imgur.com/ktKX0J4.png)

Già che tu lo definisca uno "svolazzare nella palla" e parli di "potenziato" (come se Uno fosse un robot o qualcosa di potenziabile), è indicativo che forse ti manca qualche passaggio narrativo.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Martedì 19 Mag 2020, 14:35:46
Comunque non soffermiamoci troppo neanche su questo tema di Uno: abbiamo spiegato che non era un semplice blooper e lo abbiamo usato come esempio dei problemi di impostazione dell'autore (che resterebbero a prescindere dalla plausibilità o meno delle giustificazioni della cosa).

Ma la verità è che se la storia non fosse stata così confusa e superficiale, insomma se fosse stata una storia bella e leggibile, probabilmente il fattore "Uno" avrebbe pesato meno. Non è che se spiegano in maniera sensata e credibile perché Uno è una boccia sparalampi che va a zonzo nello spaziotempo, questa storia diventa improvvisamente bella.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Gumi - Martedì 19 Mag 2020, 14:55:13
specie in presenza di buona fede dell'autore

Occhio: un conto è non concordare un conto è dire che il tuo interlocutore è in malafede. La seconda opzione non è contemplata e mette in preallerta i moderatori  ;).
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Martedì 19 Mag 2020, 15:01:37
specie in presenza di buona fede dell'autore

Occhio: un conto è non concordare un conto è dire che il tuo interlocutore è in malafede. La seconda opzione non è contemplata e mette in preallerta i moderatori  ;).

Non ti sfuggirà che non ho detto se l'autore è in buona o cattiva fede. Quindi mi stai accusando. Qualcuno dovrebbe preallertarti ;)

PS: con "buona fede" intendo "sbaglio di un autore che si è preoccupato di ciò che il personaggio potesse e non potesse fare o a cui le caratteristiche del personaggio importavano". Ciò detto non posso ovviamente stabilire la buona o cattiva fede di un autore e neanche mi interessa, anche per questo ho specificato che il problema è a prescindere da ciò.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Gumi - Martedì 19 Mag 2020, 15:14:30
ok ho preso evidentemente un granchio, my bad! Continuate pure come se non avessi detto niente.  :P
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Martedì 19 Mag 2020, 15:17:37
ok ho preso evidentemente un granchio, my bad! Continuate pure come se non avessi detto niente.  :P

Nessun problema, se c'era il dubbio almeno ho avuto l'occasione per chiarire :P
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Vito65 - Martedì 19 Mag 2020, 17:53:15
Sulla questione di Uno è stato detto tutto. Spiace notare che un confronto aperto e cordiale con l'Autore non abbia portato ad un punto d'incontro almeno concettuale: d'altra parte, non avrebbe potuto sperarsi di più, la storia ormai è scritta ed è quella. A me in particolare spiace che tutte le argomentazioni critiche proposte dagli altri commentatori, supportate da vari ed ampi riferimenti ragionati, non siano state assunte dall'Autore, che ha affermato in modo netto di non considerarle.
Volendo andare ancora più a fondo nell'analisi della questione, per analizzarne un altro risvolto, c'è da dire che questa discussione rivela una diversa considerazione di PKNA 48 "Le Parti e il Tutto". Per i fedelissimi di Pk Le Parti e il Tutto rappresenta la parola fine della saga, e costituisce un ulteriore colpo di genio del Pk Team: gli autori, allora, ci hanno fatto conoscere la conclusione dell'epopea di Pk quasi "in medias res": questa storia infatti rappresenta l'ideale fine della saga, ma non delle vicende del nostro supereroe mascherato: era infatti in cantiere quell'ulteriore sviluppo che fu Pk2, che si sarebbe inserito dopo la conclusione della varie sottotrame di PKNA e prima dei fatti narrati in PKNA n. 48.
Mi sembra che fra noi lettori di vecchio corso e Roberto Gagnor vi sia una diversa percezione sia del background di Uno, sia dell'importanza di "Le Parti e il Tutto", anche se bisogna ammettere, per amor di verità, che  PKNA n. 48 non è del tutto  compromesso dalla rappresentazione che Gagnor fa di Uno nel suo ciclo: infatti è vero che adesso Uno svolazza in una bolla, ma almeno non ha un corpo e quindi rimane salvo per il futuro il suo anelito a diventare una persona.
In ogni caso, staremo a vedere il prosieguo: come ormai sappiamo, Gagnor ha sparso in questi primi due episodi vari semi che porteranno a nuovi sviluppi, e speriamo che siano interessanti, come dallo stesso promesso.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: paolo87 - Mercoledì 20 Mag 2020, 16:50:27
Vedo che l'espressione da me usata "caro, vecchio PK" ha suscitato critiche da più parti. Voglio spiegarmi meglio: si trattava di un'espressione affettuosa, un pò come quando, parlando di un amico, si dice "il nostro caro, vecchio Mario". Non intendevo dire che i critici della "run di Gagnor" vogliono il vecchio, ma semplicemente dire che le critiche sono mosse dal fatto che in questa saga, finora, non si è visto ciò che fa di PK ... PK. E credo che fino a qui siamo tutti d'accordo. E tuttavia, vedo, da parte di Gagnor, la visione di questa saga come qualcosa destinata a durare senza scadenza, come i fumetti dei supereroi. In tale ottica, può starci che un prodotto muti in qualcosa di completamente diverso. Il lettore dei fumetti della Timely degli anni 30 e 40 sicuramente faticherebbe a riconoscere quel mondo nei fumetti Marvel di oggi (spero che il paragone sia azzeccato, ammetto di averli letti poco...). Questo non significa che un prodotto che va in quel senso sia per forza di qualità. Dico solo che, a fronte di legittime critiche espresse a queste due prime puntate, si debba comunque consentire a Gagnor di completare il suo ciclo prima di emettere un giudizio che sia troppo severo.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: hendrik - Mercoledì 20 Mag 2020, 21:14:33
Ho dato fiducia dopo il primo pessimo numero, la darò anche dopo questo secondo pessimo numero, ma la fiducia prima o poi va ripagata.

Dal n. 1 al n. 2 qualcosa è cambiato; ecco, la mia speranza per il n. 3 è che cambi qualcos'altro ancora. 8)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Mercoledì 20 Mag 2020, 21:19:44
A me pare che il tuo discorso non sia stato frainteso. Dire che i critici di Gagnor "sono affezionati al vecchio e non apprezzano il nuovo" e dire, come in questo post, "sono affezionati al PK che è sempre stato e non apprezzano il diverso"...non mi sembrano affermazioni così diverse fra loro.

Il volume ha delle pecche non perché "diverso", ma perché confusionario e approssimativo. Dubito che questa saga rimarrà nella memoria dei lettori come una storia "senza scadenza e senza età", personalmente penso sarà dimenticata abbastanza presto dopo la sua fine.

Non so se un finale buono basterebbe a "redimere" la minisaga in sé. La destinazione potrà essere più o meno buona ma il viaggio finora è stato accidentato. In fondo se due storie su due hanno pecche, si potrà pur giudicare per ciò che abbiamo avuto finora piuttosto che per ciò che potremmo avere. Per quanto mi riguarda spero comunque che il ciclo si concluda col terzo volume. Via il dente, via il dolore :)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: RobertoGagnor - Mercoledì 20 Mag 2020, 21:43:25
Mi spiace deluderti, ma si andrà avanti. Buona lettura! ;-)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Mercoledì 20 Mag 2020, 22:07:45
Chissà... ;-)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Cornelius Coot - Mercoledì 20 Mag 2020, 22:51:33
Da extra pikappico, considerando il prezzo di 10 euro e la foliazione di 50 pagine (20 cent a pagina - discorso che però non ha coinvolto molti pkers, evidentemente disposti a qualche sacrificio economico pur di seguire le gesta del loro super eroe) e considerando le tante polemiche lette in questo topic, direi che, in effetti, il prosieguo di questa nuova testata sembra essere alquanto arduo, fin dall'inizio.

L'altra Fuoriserie, i Wizards of Mickey, non credo abbia suscitato particolari turbamenti e immagino che anche in quel mondo fantasy ci saranno state diverse 'novità narrative' (tanto per giustificare la nuova veste). Evidentemente i fans dei Wizards sono più di 'bocca buona' rispetto ai pkers.

Mi inserisco da 'esterno' per dire che sicuramente questa del Pk Fuoriserie è, tra le tante, la sfida più difficile di Alex Bertani: proporre nuove situazioni, contesti diversi, personaggi un po' 'strattonati' in un cartonato deluxe (non tanto nella forma - che non mi pare abbia contenuti extra - quanto nella sostanza del rapporto pagine/prezzo) al posto di saghe pikappiche più popolari (anche per il prezzo - a parte la versione deluxe, quella 'vera') sembra essere una battaglia persa già in partenza ma evidentemente il direttore vuole fare una 'scrematura' dei tanti lettori amanti del genere per vedere quanti saranno disposti a seguirlo in questa nuova esperienza.

La politica del 'pochi ma buoni' potrebbe essere quella attuata da Bertani, per tornare a differenziare maggiormente un personaggio che negli anni della De Poli si era 'mischiato' troppo con altri inquilini nella stessa popolare testata del Topo. Non potendo tornare allo spillato dei '90 (che però è stato replicato) ecco una Fuoriserie che 'sbanda' ma dove i lettori, tra una curva pericolosa e l'altra, nonostante protestino con il guidatore, continuano a restare attaccati ai finestrini come alle maniglie delle portiere, sperando che prima o poi un percorso 'rettilineo' arrivi. Oltretutto il biglietto per fare un giro in Fuoriserie è salato e non è detto che molti vorranno continuare a pagarlo, considerando i 'rischi'.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Yaros - Mercoledì 20 Mag 2020, 22:58:45
Dopo aver letto tutta la discussione e vista la precedente delusione con UNE mi sono finalmente convinto, investo il mio obolo in Universo PK (che come deluxe sta pure esteticamente bene accanto a PKNE sulla libreria) e lascio perdere questa nuova run... nell'attesa e speranza che altri spiragli si concretizzino
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Giovedì 21 Mag 2020, 01:16:07
Da extra pikappico, considerando il prezzo di quasi 10 euro e la foliazione di quasi 50 pagine (20 cent a pagina - discorso che però non ha coinvolto molti pkers, evidentemente disposti a qualche sacrificio economico pur di seguire le gesta del loro super eroe) e considerando anche le tante polemiche lette in questo topic, direi che, in effetti, il prosieguo di questa nuova testata sembra essere alquanto arduo, fin da subito.

L'altra Fuoriserie, i Wizards of Mickey, non dovrebbe suscitare tanti turbamenti, sebbene immagini che anche in quel mondo fantasy ci saranno state diverse 'novità narrative' (tanto per giustificare la nuova veste). Evidentemente i fans dei Wizards sono più di 'bocca buona' rispetto ai pkers.

Mi inserisco da 'esterno' per dire che sicuramente questa del Pk Fuoriserie è, tra le tante, la sfida più difficile di Alex Bertani: proporre nuove situazioni, contesti diversi, personaggi un po' 'strattonati' in un cartonato deluxe (non tanto nella forma - che non mi pare abbia contenuti extra - quanto nella sostanza del rapporto pagine/prezzo) al posto di saghe pikappiche più popolari (anche per il prezzo - a parte la versione deluxe, quella 'vera') sembra essere una battaglia persa già in partenza ma evidentemente il direttore vuole fare una 'scrematura' dei tanti lettori amanti del genere per vedere quanti saranno disposti a seguirlo in questa nuova esperienza.

La politica del 'pochi ma buoni' potrebbe essere quella attuata da Bertani, per tornare a differenziare maggiormente un personaggio che negli anni della De Poli si era 'mischiato' troppo con altri inquilini nella stessa popolare testata del Topo. Non potendo tornare allo spillato dei '90 (che però è stato replicato) ecco una Fuoriserie che 'sbanda' ma dove i lettori, tra una curva pericolosa e l'altra, nonostante protestino con il guidatore, continuano a restare attaccati ai finestrini come alle maniglie delle portiere, sperando che prima o poi un percorso 'rettilineo' arrivi. Oltretutto il biglietto per fare un giro in Fuoriserie è salato e non è detto che molti vorranno continuare a pagarlo, considerando i 'rischi'.

Il formato comunque secondo me non è malaccio. Certo, prezzo elevato e qualche pagina in più non sarebbe male. Ma per una testata non mensile può essere accettabile (non da tutti, certo, sicuramente è ostica per i nuovi lettori).

Spero comunque che (magari con aggiustatine su pagine e prezzo, se possibile...sennò amen) questa idea del formato fuoriserie prosegua. Le critiche per quanto mi riguarda sono più sul contenuto che sulla forma: un Sisti o un Artibani in questo contenitore li prenderei in busta chiusa.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: hendrik - Giovedì 21 Mag 2020, 07:39:56
"Quel tizio del Papersera inutile, hendrik" (cit. Da Fisbio Live Show).

Post muto.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: RobertoGagnor - Giovedì 21 Mag 2020, 08:48:13
Vorrei specificare che il Papersera non è affatto inutile, Hendrik: parlavo di te.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Garalla - Giovedì 21 Mag 2020, 09:25:34
Vorrei specificare che il Papersera non è affatto inutile, Hendrik: parlavo di te.

Roberto perdonami... da un lato ci chiedi di fare gli adulti, di essere adulti (leggasi questione UNO) e poi rispondi alle provocazioni facendo il bambino?
Con colpevole ritardo (colpevole... in fumetteria mi è arrivato Sabato scorso... ho quasi fatto le corse per leggerlo e girare il video) pubblicherò oggi una mia video opinione più o meno dettagliata (e più ci penso più mi vengono in mente elementi che ho tagliato, ma che reputo marginali) su cosa mi è piaciuto (poco) e cosa non mi è piaciuto (troppo). E parliamo di un video di quasi 40 minuti su 50 pagine scarse.
Però se c'è una cosa che mi ha fatto uscire dai gangheri è questa pretesa che noi lettori dobbiamo fare gli adulti con però elementi nella storia che sembrano volerci trattare da bambini.
In merito alla storia mi riferisco in particolare a Chanoox.
In una storia il cui fulcro è "cos'è che ci rende davvero ciò che siamo" tematica anche matura e profonda volendo, degna di un bel albo di PK (anche se per come è posta nella storia mi è sembrata una moralina spicciola per un adolescente, figuriamoci per un adulto) inserire un personaggio caratterizzato da un'arma che spara sbobba che non piace a nessuno la trovo molto infantile.
Trovata che in storie comiche di Topolino (con Paperoga protagonista) posso capire e sopportare magari. Ma in PK?

(A proposito... Voleva essere una sorta di citazione al "Re dei Condimenti" di Batman? Personaggio nato in un contesto sopra le righe nel cartone animato anni '90 e recentemente usato da Tom King come macchietta comica per analizzare quanto Batman si prenda sul serio e trovi seri i crimini che compiono villain ridicoli come un tipo che spara ketchup e maionese da pistole?)

Siamo adulti? Cominciamo a trattarci da tali nelle storie (e nelle risposte ai post) e poi possiamo parlarne.

Perdonami se sono duro... ma è che conoscendo certe tue storie, e sapere cosa sai scrivere e quanto cuore sai metterci (Paperoga Eroe nello Spazio, Area 15)... sono abbattuto, amareggiato e arrabbiato da queste storie di PK.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Gumi - Giovedì 21 Mag 2020, 09:27:21
Ragazzi le offese personali no, però. "Inutile" ad un altro utente non si può scrivere. Rimaniamo nel seminato e se avete qualche "complimento", da scambiarvi vi prego di farlo in privato.
Su queste pagine gradiremmo che la discussione continuasse a svolgersi in maniera corretta: mi riservo di eliminare ulteriori code polemiche al riguardo (cancellerò ovviamente anche le risposte degli altri utenti, non inclusi nella diatriba, ma che vorranno partecipare alla rissa :P).

(https://lh3.googleusercontent.com/proxy/d4ql4iw8hUM8KxmfVGebcqsatFVbfFOKORC3lhhCoQ9xCYHZpNZtO4xvzCD-iXeiDjdIF9RjWKco44M)
tenderei a cercare di evitare ciò, insomma :)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: prezio - Giovedì 21 Mag 2020, 09:41:11
Più che altro ci sono tantissimi spunti di riflessione emersi in queste pagine e, nonostante una delusione palpabile, il tono degli utenti è formativo e propedeutico a lasciare feedback per migliorare una storia, finora, molto deludente.

Dispiace che l'autore intervenga per questi futili motivi; sarebbe interessante proseguire il discorso inerente alla saga che si sta dipanando, leggendo risposte più inerenti a ciò, visto che tutti quelli che hanno scritto finora hanno motivato chiaramente le critiche.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: conker - Giovedì 21 Mag 2020, 11:05:10
È notizia fresca la prossima uscita di una Snyder's cut del film Justice League (che, ricordiamo, è stato smontato e rimontato alla buona, considerati tempi strettissimi e budget, da Joss Whedon, risultando una sorta di creatura di Frankenstein con sprazzi di luce in mezzo al buio)... Snyder che, in tutti i suoi DC movie, ha interpretato a modo suo, con una sua visione, personaggi molto ben radicati nell'immaginario collettivo. Legittimo. Poi io mi trovo tra i tanti spettatori che quei personaggi non li hanno riconosciuti a schermo. Non basta per me il costume a rendere Superman tale. E neanche i superpoteri. È un insieme di tante piccole cose a rendere Superman "Superman". E Whedon nella breve scena iniziale di Justice League credo lo colga come Snyder non era riuscito minimamente a fare in due film interi, Man of Steel e Batman vs Superman.

Altro discorso.

I colpi a effetto, a sovvertire i (conosciuti) personaggi e le loro relazioni e l'ambiente in cui agiscono, ci stanno benissimo. Accidenti, adoro essere spiazzato. E anche qui mi viene da citare Joss Whedon, stavolta su Buffy dove di scherzetti ce ne ha giocati in quantità. Il più clamoroso forse quando improvvisamente appare dal nulla la sorella dell'ammazzavampiri. Destabilizzante. Ma tutto aveva una sua logica che è poi emersa.

Questo per ribadire che nel breve questi due volumi di PK non mi hanno convinto appieno sotto determinati aspetti, ma magari serve solo altro tempo e spazio per ingranare bene.

P.S. davvero mi si porta a esempio una "altalenante" qualità delle uscite di PKNA? una serie che usciva mensilmente con dietro un corposo team di scrittori e disegnatori paragonato alla formula attuale con un team creativo definito e uscite (2 o 3 in un anno?) rarefatte? la cosa non è sovrapponibile

Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Hero of Sky - Giovedì 21 Mag 2020, 11:43:32
Finora mi sono tenuto fuori dalla discussione sia perché non sto seguendo questo nuovo corso, sia perché non vedevo come potessi contribuire. Di fronte però agli ultimi sviluppi, non posso rimanere indifferente. Dire che Gagnor non è adatto allo stile generale di PK non è un insulto, solo una considerazione. Ogni autore ha lo stile che ritiene più consono con la sua personalità, questo è pacifico. Infatti secondo me se a Gagnor venisse affidato il rilancio di Neopard credo che farebbe faville, perché è un personaggio che ben si confà al suo stile. In generale trovo che sia nostro diritto esprimere se lo stile di un certo autore non ci piace, e nel caso, dire perché. Io stesso non apprezzo particolarmente quello di Gagnor, soprattutto con i Paperi, trovo che abbia un umorismo che non incontra il mio gusto. Ma ovviamente non nego che abbia talento, e lo ha dimostrato in più occasioni, per esempio nel Tor Korgat, per citare la mia preferita. Il problema non è lo stile, la difformità stilistica tra i vari autori che collaborarono a PKNA ha contribuito ad arricchirlo esponenzialmente. Il problema è che l'autore non può pensare di approcciarsi alla scrittura di PK come si approccia a quelle del settimanale,  perché si tratta di storie che hanno basi molto differenti. In PK c'è una forte continui, personaggi la cui caratterizzazione è in generale diversa da quella dei canonici. Nelle storie del settimanale, salvo eccezioni come Artibani, non c'è continuity, ed è anche giusto così. E in ogni caso è suo dovere nel farlo avere presente un minimo cosa PK è realmente stato, tra le altre cose il fatto che sia stato uno dei più coraggiosi progetti della Disney, senza dubbio. Da quanto mi è parso di capire dai vostri interventi (un piacere leggerli) anche più di Frittole, questo nuovo corso gagnoriano è l'equivalente pikappico, passatemi il paragone videoludico, di Other M, che è un gioco con pregi e difetti, ma che stilisticamente con l'atmosfera della serie c'entra nulla. O con i nuovi libri della saga di Millennium. Tutti esempi di bad fanfiction. Inoltre mi ha fatto molto dispiacere, seppur non fosse certo una sorpresa, che Gagnor sia così impermeabile alle critiche, anche e soprattutto quelle costruttive. Ma questo è un atteggiamento su cui seppur con fatica posso passare sopra. Quello che non sopporto, e il motivo che mi ha spinto a intervenire, è considerarci una comunità che si diverte a fare critica fine a sé stessa, quando palesemente non è così. Inoltre, è qui mi rivolgo a lei, signor Gagnor, si deve ricordare che lei qui è un utente come tutti noi, e come tale (questa è solo la mia opinione, ovviamente) dovrebbe trattarci come interlocutori alla pari, non con malcelata aria di superiorità. Non fa bene a noi e nemmeno a lei, distruggendo ogni possibilità di confronto costruttivo. Secondo me PK è una saga conclusa, ormai, e tenerla artificialmente in vita, senza che si abbia nulla di interessante e coerente da dire,  è uno sforzo inutile e dannoso. EDIT: Grrodon ha espresso il mio punto in modo molto più approfondito di me
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Kraven - Giovedì 21 Mag 2020, 11:48:09
Questo per ribadire che nel breve questi due volumi di PK non mi hanno convinto appieno sotto determinati aspetti, ma magari serve solo altro tempo e spazio per ingranare bene.

P.S. davvero mi si porta a esempio una "altalenante" qualità delle uscite di PKNA? una serie che usciva mensilmente con dietro un corposo team di scrittori e disegnatori paragonato alla formula attuale con un team creativo definito e uscite (2 o 3 in un anno?) rarefatte? la cosa non è sovrapponibile

Molto brevemente: non mi serve IL GIORNO DEL SOLE FREDDO per comprendere IL VENTO DEL TEMPO. #0/2 ha un inizio e una fine. #3 si lega perfettamente a questo, ma solo perchè ne eredita lo scheletro. Sempre #3 ha una sua conclusione, che poi verrà ripresa da altre storie, ma comunque ognuna con un capo, svolgimento e coda.

Attualmente, così come accadde per PK2, ci troviamo IN OSTAGGIO di una macro-trama solo accennata che ha bisogno di svariati numeri per essere compresa in pieno.

Mi sembra di parlare di serie tv, dove chiedo il parere di un amico che, per convincermi a vederla, dice: "i primi 4 episodi della 1° stagione non sono granchè, la trama inizia a prendere col 5° episodio (di 8 magari), poi fidati che il cattivo inizia a farti vedere qualcosa del suo piano, e poi c'è un bell cliffhanger che ti fa crescere l'hype per la seconda stagione che arriva tra un anno".
Capisci che ci sono dei lettori che non sono invogliati a continuare perchè (in primis monetariamente parlando) non vogliono investire ancora 20 € per due albi che FORSE saranno uguali ai primi acquistati, dove "si capirà tutto nelle prossime storie" e quindi ora ti rimane relativamente poco di attaccato? E non voglio una cosa tipo "rivelami tutto subito", sia ben chiaro. Ma vorrei qualche altro cenno chiaro che mi invogli a continuare, non dilungando le eccessive gag sulla sbobba, o le tirate di capelli tra Lyla ed Hellenoire.
Parentesi, a me Hellenoire in UNE aveva convinto, e mi sarebbe bastata solo lei in DD, senza Lyla! Questo per far capire come io, vecchio, non schifi il nuovo.

Poi, parlo personalmente per dirottare l'argomento: a me la trama accennata da Gagnor piace eh! Tuiroon con doppia/tripla/boh personalità, una sua probabile evoluzione/ritorno alla forma originaria (Vedi il discorso sulle teste che parlano o meno), il fatto che sia un reietto che vuole fare un golpe, che sia un "alfa" scartato, il karium che potenzia e modifica le spore. Questa è roba che mi piace. Altre cose invece mi lasciano interdetto. E trovo avvilente che queste cose belle, siano relegate al alcune sporadiche didascalie, o ad una paginetta di flashback.

Mi spiace che dovrò aspettare il terzo, quarto albo per capire qualcosa che sarebbe stato onesto accennare prima, e non tenermi "per le palle" e sentirmi rispondere ad ogni domanda "ma questo? - lo scoprirai poi. ma quest'altro? - lo scoprirai poi". Riguardatevi la live fisbiana per esempio.
E ci tengo a sottolineare che contro l'autore non ho nulla, prima che queste parole vengano intese come un offesa o altro, mi limito a giudicare la trama e il prodotto che ho in mano come tale. Anzi, a breve rispolvererò il topic della storia precedente, perchè rileggendo la storia (dopo DD) ci sono ancora più cose che non mi tornano.. e mi piacerebbe il confronto con qualcun altro che riguardi appunto solo la trama, evitando le parentesi sulla storia e relativa esecuzione, questo caso ;)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Giovedì 21 Mag 2020, 12:13:15
Mi limito a dare la mia solidarietà a Hendrik, che finora ha sempre argomentato e spiegato le sue opinioni in maniera civile. Testa alta, ché basta leggere lo scambio per farsi un'opinione. E tu avresti solo da insegnare.

PS: @Kraven, mi sa che il discorso dell'evoluzione/teste parlanti è semplicemente un errore dei balloon (tant'è che non appare neanche la mini-testina in questa storia).
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Grrodon - Giovedì 21 Mag 2020, 12:14:02
Con un certo ritardo mi sono recuperato la live e tutto il papocchio di commenti sul Paper che sono seguiti. Sorvolando sulle bambinate, sono rimasto abbastanza spiazzato da quanto poco sia stato capito il mio riferimento all’Uno svolazzante e spara-laser. Forse è il caso che spieghi meglio il motivo per cui ritengo che quel dettaglio sia spia di un problema più profondo e non un problema in sé.

Irridere il concetto di “tecnobubbola” dicendo che è da bambini aspettarsele, dicendo che i personaggi devono essere piegati alle necessità della storia (storia che poi in fin dei conti non è altro che una scazzottata infantile) e che non è davvero importante spiegare come Uno attraversi lo spazio e il tempo significa non solo non aver compreso lo spirito alla base di Pk ma di star clamorosamente sottovalutando anche altri aspetti del proprio mestiere di narratore.

Sfatiamo il campo da equivoci. Della tecnobubbola “in sé” a nessuno veramente importa. Io stesso, da ragazzo, non è che ne fossi particolarmente fan, mi concentravo giustamente su altro. Il ruolo della tecnobubbola era però un altro: rimanere dietro le quinte, facendo avvertire indirettamente la propria presenza. In termini di storytelling stiamo parlando dell’iceberg: lo sceneggiatore parte da un ragionamento tecnico, lo concepisce in modo solido… e inizialmente se lo tiene per sé. Però poi costruisce sopra di esso la propria storia e il proprio mondo, che acquisterà così una sua solidità strutturale… e finirà per sembrare reale al lettore. Poi se sarà il caso di approfondire, di aggiungere note, spiegoni interni ed esterni, rubriche, interviste web questo tecnicismo emergerà, a uso e consumo del lettore più affamato e attento. Altri lo ignoreranno, e sarà giusto così. Ma tutti, durante la fruizione  ne avranno avuto percezione e per quel piccolo magico momento… ci avranno creduto. Perché difatto la narrazione questo è, raccontarmi una bella bugia e fare in modo che temporaneamente io ci creda.

Dire “vabbè non è importante, Uno mi serviva lì” oppure “vabbè ha usato una supertecnologia… che mi sono appena inventato” invece è un procedimento opposto, perché smaschera brutalmente un processo creativo fallato. Che porta il lettore a non crederci più. E quando succede questo, apriti cielo, si rompe qualcosa.

Rafforzo con un ultimo esempio, per sgombrare il campo da altri equivoci. Una delle cose che funzionano di più nello scenario narrativo dell’ultimo secolo sono stati gli universi narrativi ben definiti. Saghe come Star Wars o Il Signore degli Anelli non sono belle solo per la trama che raccontano ma per l’universo che vanno a delineare e che spinge gli spettatori inevitabilmente… a crederci. I loro autori si sono inventati lingue, razze, culture e pianeti da rendere poi teatro delle loro storie. Raramente hanno fatto l’inverso, sono sempre partiti dalla base dell’iceberg, da quello che ad una lettura superficiale si potrebbe ritenere accessorio. Tolkien stesso ha costruito la sua Terra di Mezzo nel tempo ma all’inizio di tutto c’è stata la costruzione di ben due lingue elfiche. Due lingue con la loro grammatica, la loro fonetica, i loro dialetti, i loro cervellotici e ridondanti dettagli. La tecnobubbola suprema. E sai che c’è? Che a me di imparare l’elfico non me ne frega proprio niente, e la linguistica mi annoia a morte. Però poi quando sento parlare gli elfi e mi accorgo che per davvero usano la stessa parola “Galad” ogni volta che intendono dire “Luce”, ecco che qualcosa in me, lettore scafato e disilluso, si riaccende. Ancora una volta la magia si compie e io ci credo.

Pk non sarà Tolkien ma si è sempre distinto per un worldbuilding di qualità superiore alle storie Disney tradizionali. Motivo per cui gli si sono sempre perdonati blooperoni clamorosi, palesi toppe e grottesche retcon. Non era mai venuta a mancare però quella sensazione di credibilità, quella sensazione di star seguendo una narrazione consapevole e in linea con quanto detto prima. Questo si chiede, da lettori. Che non significa volere le cose vecchie. Credo che nessun lettore qui avrebbe rivoluto gli evroniani o avrebbe mai ritenuta necessaria la presenza di Uno e Lyla per fare Pk. Non è una questione di personaggi ma di spirito, di approccio. Per fare una bella storia di Pk non è nemmeno necessario che ci siano i personaggi di Pk. Sta tutto nel processo creativo alla base. E quello può e deve rimanere una costante della serie, al netto di qualsiasi sacrosanta variazione stilistica che invece è assolutamente benvenuta.

Poi vabbè, questo della credibilità e del worldbuilding è un aspetto. Ci si sarebbe passati pure sopra se la storia in sé fosse stata differente. E invece era caotica, confusionaria, poco scorrevole, umoristicamente scarsa (la sbobba?) e via dicendo. Insomma boh.

Ah, chiudo con un ultimo, poco piacevole, dettaglio. Altro aspetto che fece la fortuna della serie era il dialogo brillante con il lettore. Il Pker veniva… pungolato, stimolato e spesso anche sfottuto, ma sempre nel rispetto del patto narrativo. Si passava dalla bonaria presa in giro della Pk Mail alla “tecnobubbola” nelle rubriche che però era sempre scritta partendo da nozioni scientifiche reali che non prendevano per stupido il lettore. Non stupisce che sia stato proprio Pk a provocare per la prima volta la nascita di fan club e delle primissime community online, quando ancora Internet era il miraggio di pochi. Sono passati ventitre anni da allora, e adesso Internet è entrato nella vita di tutti, le community si sono moltiplicate… ma la presenza social di Pk si è paradossalmente ridotta allo sceneggiatore che va sul forum a fare “gne gne”. No dai, si può fare molto meglio di così.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Kraven - Giovedì 21 Mag 2020, 13:01:00
Mi limito a dare la mia solidarietà a Hendrik, che finora ha sempre argomentato e spiegato le sue opinioni in maniera civile. Testa alta, ché basta leggere lo scambio per farsi un'opinione. E tu avresti solo da insegnare.

PS: @Kraven, mi sa che il discorso dell'evoluzione/teste parlanti è semplicemente un errore dei balloon (tant'è che non appare neanche la mini-testina in questa storia).
Sbagli, in live è stato confermato da Gagnor che c'è un motivo ben preciso per cui la testa più piccola non appare più, e perchè ora è il 'gregario' a parlare per primo, e non il corpo principale di Tuiroon (il 'serpente').
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Giovedì 21 Mag 2020, 13:04:22
Mi limito a dare la mia solidarietà a Hendrik, che finora ha sempre argomentato e spiegato le sue opinioni in maniera civile. Testa alta, ché basta leggere lo scambio per farsi un'opinione. E tu avresti solo da insegnare.

PS: @Kraven, mi sa che il discorso dell'evoluzione/teste parlanti è semplicemente un errore dei balloon (tant'è che non appare neanche la mini-testina in questa storia).
Sbagli, in live è stato confermato da Gagnor che c'è un motivo ben preciso per cui la testa più piccola non appare più, e perchè ora è il 'gregario' a parlare per primo, e non il corpo principale di Tuiroon (il 'serpente').

Non stento a credere che in live abbiano deciso di metterci una pezza e di spiegarlo "in story" nel prossimo volume, ma ci penserei prima di dire "sbagli": non è raro che col cambio di disegnatore ci siano mini errori simili.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Kraven - Giovedì 21 Mag 2020, 13:08:15
Mi limito a dare la mia solidarietà a Hendrik, che finora ha sempre argomentato e spiegato le sue opinioni in maniera civile. Testa alta, ché basta leggere lo scambio per farsi un'opinione. E tu avresti solo da insegnare.

PS: @Kraven, mi sa che il discorso dell'evoluzione/teste parlanti è semplicemente un errore dei balloon (tant'è che non appare neanche la mini-testina in questa storia).
Sbagli, in live è stato confermato da Gagnor che c'è un motivo ben preciso per cui la testa più piccola non appare più, e perchè ora è il 'gregario' a parlare per primo, e non il corpo principale di Tuiroon (il 'serpente').

Non stento a credere che in live abbiano deciso di metterci una pezza e di spiegarlo "in story" nel prossimo volume, ma ci penserei prima di dire "sbagli": non è raro che col cambio di disegnatore ci siano mini errori simili.
Sbagli perché è una dichiarazione ufficiale :P E quindi fino a prova contraria è l'unica versione possibile, per quanto ci viene detto.
Che poi possa essere "una pezza" hai tutte le ragioni del mondo, sono stato io il primo a crederci, ed è proprio per questo che posi la domanda ;)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Giovedì 21 Mag 2020, 13:15:20
Guarda, è una discussione che non mi interessa fare. Puoi credere in ciò che vuoi e buon per te. In situazioni simili altri come Sisti e Sciarrone si son limitati ad avere l'umiltà di dire "è stato un errore". Pace e si va avanti. Ribadisco, io eviterei di dire "sbagli" (anche perché poi sennò mi viene da rispondere "io no, ma lui sì!" :P :P). Non intasiamo ulteriormente il topic sul tema comunque, il messaggio è chiaro e abbiamo spiegato le nostre posizioni :)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Giovedì 21 Mag 2020, 13:18:59
Con un certo ritardo mi sono recuperato la live e tutto il papocchio di commenti sul Paper che sono seguiti...
...

[CUT]


Assolutamente perfetto. Ecco, credo che aldilà di oziose discussioni sul fatto che sia voluto/pianificato o meno il fatto che Tuiroon parli da altre bocche nella seconda storia di due (anche sticazzi, pure se fosse), il vero tema sia stato mirabilmente sintetizzato da Grrodon qui.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Franz Manuzzi - Giovedì 21 Mag 2020, 13:56:00
Con un certo ritardo mi sono recuperato la live e tutto il papocchio di commenti sul Paper che sono seguiti...
...
[CUT]
Che chiunque legga questo post. Sottolinea egregiamente ancora una volta come non siano le nuove idee che Gagnor porta in tavola il problema, che anzi mi sarebbero interessate un sacco (nuovi personaggi, pianeti misteriosi, viaggi nel tempo...), ma l'approccio e le prerogative con cui queste storie sono scritte.

capiamo il voler manifestare il proprio consenso, ma da ora in poi evitiamo i post superflui di condivisioni ravvicinate (che tra l'altro appesantiscono la lettura) e limitiamoci ai like ;) - Pacuvio
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Dippy Dawg - Giovedì 21 Mag 2020, 15:27:23
Non ho ancora letto l'albo, ma vorrei fare alcune considerazioni di carattere generale...

Sostanzialmente, a me sembra che questa pubblicazione sia stata concepita male fin dal principio!

Innanzitutto, il formato (ma è già stato detto tutto al riguardo, per cui non mi dilungo)...

Poi, la distribuzione, assolutamente inadeguata!
Certo, se fosse stato un anno normale, io l'avrei probabilmente presa al Comicon, ma mica tutti vanno alle fiere...

Poi, la "periodicità" (rigorosamente tra virgolette!): francamente, una storia a puntate pubblicata ogni 6 mesi non mi sembra una cosa giusta...
Però, è anche vera una cosa: se ho capito bene, era stata pensata come un'opera "autoriale", cioè con una sola coppia autore/disegnatore (con quest'ultimo cambiato in corsa) al lavoro: devo dire che l'idea non era male, ma forse era poco fattibile, proprio per i tempi di lavorazione...
Sarebbe stato meglio, a mio parere, fare una miniserie di tot uscite mensili, tutte dello stesso autore, ma con disegnatori diversi, in modo da mantenere una periodicità decente (e, forse, anche per permettere a tanti di digerirla meglio!); un po' come alcune miniserie di Nathan Never di qualche anno fa, per chi conosce il personaggio...
Ovviamente, non sono l'editore, quindi non conosco la fattibilità di tutto ciò; però, da lettore, sono sicuro che l'avrei apprezzata di più!

Di sicuro, PK non è un fumetto come gli altri: una certa reazione da parte dei lettori (anzi, di questi lettori in particolare!) era preventivabile, quindi andava tutto studiato meglio...
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Giovedì 21 Mag 2020, 16:34:01
Qui a Roma è stato distribuito abbastanza bene (si trovava anche in edicola!).
Il formato, come detto, ovviamente tutti preferiremmo più pagine e prezzo minore. Però, anche se proprio non fosse possibile fare altrimenti, non mi sento di condannare nemmeno questo formato. Il prezzo è altino ma diluito con le uscite non regolari si ammortizza. 10 euro al mese magari no, 10 ogni due o tre mesi già non è male. E sì, 6 mesi tra un episodio e l'altro è un tempo troppo lungo per una storia a puntate (specie se con ciascun episodio di poche pagine e oltretutto non entusiasmanti). Ma penso che in questo caso abbia giocato un ruolo da un lato l'ingresso di un nuovo disegnatore "in medias res", dall'altro i vari problemi dovuti al coronavirus.

Per quanto mi riguarda quindi un Topolino Fuoriserie bimestrale o trimestrale che pubblichi le avventure di PK (magari scritte da un Sisti o un Artibani) è promosso. Magari senza avere coppie fisse immutabili.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: V - Giovedì 21 Mag 2020, 18:06:01
A novembre scrivevo nella recensione di un nuovo eroe (che trovate qui: http://www.papersera.net/wp/2019/11/07/topolino-fuoriserie-n-1-pk-un-nuovo-eroe/): "apprezziamo la scommessa e il rischio che si sono presi editori e autori, ma ne vediamo per ora limiti e approssimazioni" e anche "con questo primo numero premiamo comunque il coraggio dell’iniziativa".

Spiace che dopo sei mesi dovuti al cambio di disegnatore in corsa, ci troviamo nella stessa situazione. Danger Dome (da qui in poi DD) presenta gli stessi difetti di fondo di UNE: retorica affrettata e fine a se stessa, espedienti umoristici di bassa lega (chi ha detto sbobba?), confusione totale. Il tutto, purtroppo, affossato da un soggetto modesto. Se UNE proponeva un tema nuovo ed intrigante (Paperinik solo in un luogo ostile), DD non propone niente. Vediamo solo come Paperinik venga impriogionato, evada, combatta, venga di nuovo imprigionato, evada di nuovo e partecipi ad un altro combattimento. Per poi cambiare di nuovo scenario e proporre un altro "colpo di scena", come in UNE. Sinceramente, troppo poco....

Quello che colpisce sta pero nella sostanziale confusione. Tavole e vignette si susseguono con poca chiarezza e mancanza di coerenza. Tutto accade perche cosi deve essere, senza farsi troppe domande. Come lettore, sono stato colpito dalla mancanza di interesse per questa corsa senza fili logici.

I personaggi non aiutano. Se Paperinik eccede in fumosa retorica (un difetto che anche Artibani aveva avuto in PKNE), gli altri non brillano per presenza. In 44 tavole e situazione nuove, introdurre una caterva di new entry puo essere una buona idea, se sai come scriverle. I pkorps sono delle figurine monodimensionali incolori, mentre Uno e Lyla potevano essere tranquillamente eliminati (l'utilizzo della tempolizia, in questo contesto alieno, lo trovo del tutto fuori luogo). Tuiroon e un nemico che, a causa del cambio di disegnatore, viene stravolto nel design, ma per ora non mi dice molto. Mentre Derrick il moscone e quello che ne esce meglio. Nulla di nuovo, ma comunque funzionante.

Vian realizza un buon lavoro, con inquadrature affascinanti. I colori non lo massacrano come era successo con lavoradori.

Che cosa resta di questo secondo capitolo, quindi? Poco o nulla. E non mi sento molto coinvolto dalle rivelazioni di Ur-Evron. Mi sembra pero che la redazione, con la scelta di realizzare una storia a puntate nell'arco di mesi, abbia chiesto decisamente troppo al lettore. Fornisce una storia mediocre con una pausa temporale devastante.

Watchmen usciva in 12 numeri mensili. Idem Civil War. Qui abbiamo una storia con forti pretese che non funziona come uscita singola, e non credo che possa guadagnare da una lettura complessiva, com'era per PKNE.

Infine, spezzo una lancia in favore dei lettori, che con amore e garbo scrivono i loro pareri. E quello che possono fare, a fronte del prodotto che si trovano in mano. Sta agli autori realizzare un buon prodotto, seguendo le loro idee. Ma pretendere di avere fiducia in un "grande piano" di cui a stenso si vedono i contorni, mi sembra un po' eccessivo.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: conker - Giovedì 21 Mag 2020, 21:40:18
I tempi sono quelli che sono, la scelta del peculiare (e costoso) formato e la periodicità in sincrono con le maggiori fiere del fumetto sono scelte precise e ponderate... non avrebbero rischiato la distribuzione di un prodotto di questo tipo senza il traino delle fiere del fumetto, Lucca in primis
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Leo . - Giovedì 21 Mag 2020, 22:22:20
Vorrei anche io dire la mia sull'ultima avventura del Vecchio Mantello Tarlato.

Premesso che sono contento per il nuovo formato, per la scelta di affidare le storie a nuovi autori (la prova di Vian nel complesso mi è piaciuta, a parte un paio di cose di cui parlerò più avanti) e per il desiderio di proporre situazioni, comprimari e nemici nuovi per il protagonista (anche se la presenza degli Evroniani tradisce un po' lo spirito delle dichiarazioni di programma).

Già avevo alcune perplessità dopo aver letto "Un nuovo eroe": c'erano cose che non avevo proprio digerito. I nuovi personaggi li ho trovati privi di una caratterizzazione vera e propria, privi di motivazioni e spesso schizofrenici: l'esito del combattimento con Ed mi è sembrato insensato e il cambio di sponda di Hellenoire l'ho trovato privo di un vero sviluppo del personaggio, non sembrandomi plausibile che un individuo cambi intenzioni e valori in così breve tempo. Poi c'è un elemento della trama che ho trovato totalmente illogico: PK invia il segnale con l'extransformer, ma questo segnale come fa a raggiungere la Ducklair Tower che si trova non solo in un altro punto dello spazio, ma anche del tempo? Anche le licenze poetiche hanno dei limiti.

Tornando a Danger Dome: ho avuto alcune difficoltà proprio nella comprensione della storia. Ci sono sequenze in cui non si capisce cosa stia succedendo. La tavola di PK ed Ed nella sala motori e quella della fuga dalla cella con la colluttazione con l'evroniano le ho trovate indecifrabili. Comunque, al di là di queste criptiche sequenze, le sperimentazioni grafiche di Roberto Vian sono molto interessanti e il formato più grande rispetto a quello di Topolino valorizza il tratto dell'artista di Mestre, davvero talentuoso (ma questo, secondo me, si sapeva dai tempi di X-Mickey).

La trama generale è molto semplice, anche troppo: PK cerca di rubare all'evroniano Tuiroon i Galaxy Gate, che se ho capito bene sono mezzi per aprire varchi spazio-temporali, per generare bolle isolate rispetto al continuum o a cambiare la Storia (ma non si capisce se perché permettono di andare indietro e cambiare gli eventi o se perché permettono di farlo tramite una sorta di hackeraggio dal presente). Alla fine PK, aiutato dai PKorps, Uno, Lyla e un Derrick dalla redenzione troppo prevedibile e poco convincente, li recupera. Ma Tuiroon riesce a sottrarre un Galaxy Gate dopo la battaglia e spedisce PK nel passato all'epoca di Ur Evron, l'Adamo evroniano.
Una storia che per la sua eccessiva linearità forse avrei visto più adatta a comparire su Topolino che su una serie più sperimentale come PK, però può essere questione di gusti.

Sullo svolgimento della trama, trovo che le soluzioni delle scene presenti siano in buona parte troppo semplicistiche e affrettate. Non si crea mai tensione, i protagonisti non sembrano mai veramente in difficoltà: PK e Derrick vengono catturati... si liberano subito col trucco più vecchio del mondo, PK perde conoscenza e rimane solo nella sala motori... e Derrick lo salva due vignette dopo, il salto del dirupo sembra preoccupare i nostri eroi... nella tavola dopo sono già tutti sani e salvi, Tuiroon ha tra le mani artefatti pericolosissimi per la sicurezza dell'Universo... basta prenderli e portarli nella Ducklair Tower, gli eroi sono intrappolati in una cella... Uno li libera nella pagina successiva senza sforzo, Derrick sembra cedere alla proposta di Tuiroon... e scopriamo che era un bluff nella pagina stessa! Per tutta la durata della storia ho faticato a trovare situazioni che potessero richiamare attenzione o far sorgere interesse.

Sui personaggi: credo che ce ne siano troppi. La folla è tale che sembra che tutti, a parte PK e i cattivi, sgomitino per ritagliarsi uno spazietto. Lyla e Hellenoire sono impegnate in perenne battibecco nato da non si sa cosa, Uno svolge le sue funzioni di IA e basta, come avrebbe voluto padron Ducklair, Derrick fa il finto cinico pronto a imbuonirsi come già detto, Ed e Chanook fanno un siparietto omosex che cita Chiamami col tuo nome e Clums fa il decimo uomo delle partite di calcetto, chiamato giusto perché è peccato mettere tutti un euro in più e giocare spaiati. Lodevole la voglia di integrare il cast, ma penso che la smania di farlo abbia portato a un'accozzaglia che rende più pesante la lettura. Comunque, dovendo scegliere, avrei eliminato proprio Uno e Lyla, visto che lasciare PK senza i suoi punti di riferimento è a mio avviso una scelta intrigante (come fu a suo tempo per Pk2).

Detto ciò, spero che l'avventura editoriale del Papero Mascherato continui, visto che secondo me il personaggio offre ancora molti spunti. Spero che si ampli il parco autori: non so se siano disponibili o se ne abbiano la voglia, ma mi piacerebbe molto rivedere ai testi Sisti, Artibani e magari Enna (lontano dal personaggio dai tempi del reboot) e ai disegni non solo il ritorno del sempreverde Pastrovicchio e di Sciarrone, ma anche Vian e disegnatori della vecchia guardia come Guerrini, Mottura, Freccero e Celoni.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Vito65 - Giovedì 21 Mag 2020, 23:47:55
Sulla questione della periodicità "dilatata" del Fuoriserie: io sono uno di quelli che qualche giorno fa, in questo topic, si è lamentato degli eccessivi intervalli fra una storia e l'altra, ritenendo che, stando così le cose, sarebbe stato meglio continuare la pubblicazione su Topolino. Conker, poco sopra, ha sottolineato le necessità di politica editoriale, che sottostanno ad un certo tipo di periodicità, e che certamente sono state ponderate: ma allora si pubblichino delle storie autoconclusive, non storie a puntate! Così è defatigante, e l'annuncio di Gagnor di qualche giorno fa, che vi saranno ancora tanti episodi, scoraggia già solo per questo.
Cornelius  ha ipotizzato che la direzione editoriale forse, a suo parere, intende effettuare una scrematura dei lettori, per vedere chi seguirà il "nuovo corso": boh... bisognerebbe incrementarli i lettori, non scremarli...Nello stesso post, inoltre, Cornelius paragona i fedelissimi pikers a dei passeggeri di un mezzo in corsa che protestano con il guidatore ma intanto stanno attaccati alle maniglie del finestrino: ottima metafora, mi ci ritrovo. Bisogna vedere fino a quando resistono i passeggeri, e fino a quando resiste l'autovettura, fra una curva e l'altra!
Sul merito del c.d. "nuovo corso": ieri sera ho riletto casualmente Frammenti d' Autunno, ed inevitabilmente mi sono ritrovato a paragonare le sensazioni e il senso di profondità che continua a trasmettermi questa e tante altre storie di PKNA e PK2, e il nuovo corso, dove finora ci viene offerta solo azione, azione, azione. E' solo questo il nuovo che ci viene offerto? C'è da dire, in verità, che questa caratteristica era preponderante anche nelle storie della PKNE: alcuni dei passaggi più affrettati di queste ultime erano spesso giustificati in nome della prevalenza dell'azione; ricordo, solo per fare un esempio fra i più significativi, che sul Sollazzo, a fronte di chi protestava per lo scarso pathos delle tavole che presentavano l' incontro fra Uno e Pk, Pastrovicchio rispondeva che i ritmi serrati, nella concitazione dell'azione, non consentivano di dare spazio alle emozioni: in qualche modo ho giustificato, pur non condividendo, che la pubblicazione su Topolino potesse incidere sui registri narrativi delle storie, e che ciò determinasse una prevalenza del registro "action", ma adesso che c'è una pubblicazione apposita, non la si sfrutta al meglio?
Che dire? Gagnor promette che non intende deludere i suoi lettori, speriamo: staremo a vedere. Intanto, spero che la determinazione con cui sta mostrando di non voler prendere in considerazione le critiche e le argomentazioni proposte da noi lettori non significhi che, in cuor suo, non ci mediti un po': mi starebbe anche bene che non ci desse soddisfazione esplicita, se si soffermasse ugualmente sulle riflessioni e sugli spunti venuti fuori da questa discussione.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Cornelius Coot - Venerdì 22 Mag 2020, 10:43:25
Cornelius  ha ipotizzato che la direzione editoriale forse, a suo parere, intende effettuare una scrematura dei lettori, per vedere chi seguirà il "nuovo corso": boh... bisognerebbe incrementarli i lettori, non scremarli....
Però una collana a 10 euro non li incrementa di certo. Resterà lo 'zoccolo duro' dei pkers. Secondo me Bersani, riguardo Pikappa, ha pensato: meglio 10 lettori che pagano 10 euro piuttosto che 20 che ne pagano 3. Vuoi seguire le gesta del tuo eroe preferito? Facile pagare 3 euro con Topolino. Dovrai pagarne 10 col Fuoriserie.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Volkabug - Venerdì 22 Mag 2020, 11:15:23
Però una collana a 10 euro non li incrementa di certo. Resterà lo 'zoccolo duro' dei pkers. Secondo me Bersani, riguardo Pikappa, ha pensato: meglio 10 lettori che pagano 10 euro piuttosto che 20 che ne pagano 3. Vuoi seguire le gesta del tuo eroe preferito? Facile pagare 3 euro con Topolino. Dovrai pagarne 10 col Fuoriserie.

Beh ma una pubblicazione magari sui 6 euro non cartonata secondo me andava già benissimo... io non apro mai molto il borsellino un po' come la vecchia tuba, però tra 3 euro del settimanale e 10 euro di questo ci sono tante vie di mezzo... comunque interessante il parere di Bersani, ormai il topic tocca proprio tutti ;D
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Garalla - Venerdì 22 Mag 2020, 11:26:20
Però una collana a 10 euro non li incrementa di certo. Resterà lo 'zoccolo duro' dei pkers. Secondo me Bersani, riguardo Pikappa, ha pensato: meglio 10 lettori che pagano 10 euro piuttosto che 20 che ne pagano 3. Vuoi seguire le gesta del tuo eroe preferito? Facile pagare 3 euro con Topolino. Dovrai pagarne 10 col Fuoriserie.

Beh ma una pubblicazione magari sui 6 euro non cartonata secondo me andava già benissimo... io non apro mai molto il borsellino un po' come la vecchia tuba, però tra 3 euro del settimanale e 10 euro di questo ci sono tante vie di mezzo... comunque interessante il parere di Bersani, ormai il topic tocca proprio tutti ;D

Guarda conoscendo un po' il mercato, un brossurato sarebbe venuto 7 € ad andare bene ma più facilmente 8 €.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Volkabug - Venerdì 22 Mag 2020, 11:34:32
Guarda conoscendo un po' il mercato, un brossurato sarebbe venuto 7 € ad andare bene ma più facilmente 8 €.

Appunto ci sono molte vie di mezzo, sarebbe stato comunque meglio, anche perché trovo inadeguato il cartonato per questo numero di pagine IMHO.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Vito65 - Venerdì 22 Mag 2020, 12:08:48
Cornelius  ha ipotizzato che la direzione editoriale forse, a suo parere, intende effettuare una scrematura dei lettori, per vedere chi seguirà il "nuovo corso": boh... bisognerebbe incrementarli i lettori, non scremarli....
Però una collana a 10 euro non li incrementa di certo. Resterà lo 'zoccolo duro' dei pkers. Secondo me Bersani, riguardo Pikappa, ha pensato: meglio 10 lettori che pagano 10 euro piuttosto che 20 che ne pagano 3. Vuoi seguire le gesta del tuo eroe preferito? Facile pagare 3 euro con Topolino. Dovrai pagarne 10 col Fuoriserie.
Perfetto, Cornelius: ma è abbastanza probabile che i 10 lettori che pagano 10 euro diventino particolarmente esigenti rispetto al prodotto che hanno pagato o, per usare la tua azzeccatissima metafora, rispetto al biglietto salato della corsa in Fuoriserie. Probabilmente il lettore/viaggiatore in questione si aspetta qualcosa che si avvicini a Frammenti d'Autunno, o a Le Parti e il Tutto, più che una continua action, action, action...Per carità, bella l'azione e la dinamicità di Pk, ma fino ad un certo punto...Come hai detto tu, dopo tante curve pericolose affrontate con le mani aggrappate alle maniglie dell'auto, ci si comincia a chiedere quando arriva il rettilineo...
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Cornelius Coot - Venerdì 22 Mag 2020, 12:37:10
Perfetto, Cornelius: ma è abbastanza probabile che i 10 lettori che pagano 10 euro diventino particolarmente esigenti rispetto al prodotto che hanno pagato o, per usare la tua azzeccatissima metafora, rispetto al biglietto salato della corsa in Fuoriserie. Probabilmente il lettore/viaggiatore in questione si aspetta qualcosa che si avvicini a Frammenti d'Autunno, o a Le Parti e il Tutto, più che una continua action, action, action...Per carità, bella l'azione e la dinamicità di Pk, ma fino ad un certo punto...Come hai detto tu, dopo tante curve pericolose affrontate con le mani aggrappate alle maniglie dell'auto, ci si comincia a chiedere quando arriva il rettilineo...
Certo, c'è una contraddizione fra un progetto nuovo basato su un personaggio 'vecchio' e la non riproposizione di quei plot che gli hanno dato successo per quasi 25 anni (dagli spillati al libretto). Se le 'novità' fossero convincenti potrebbero starci ma dai commenti sembra proprio di no. Come non convince la continuity dalla periodicità semestrale, altro fattore a sfavore. Prima della chiusura anticipata Bersani tenterà qualcosa: una riduzione del prezzo, una maggior foliazione, una periodicità trimestrale, un cambio di autore (e di plot). Altrimenti... si ritorna al Topo (perché no?)

comunque interessante il parere di Bersani, ormai il topic tocca proprio tutti ;D
Dov'è il parere di Bersani?
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Vito65 - Venerdì 22 Mag 2020, 12:46:31
Dov'è il parere di Bersani?
Cornelius, evidentemente non te ne sei accorto: sei tu che stai scrivendo "Bersani" al posto di Bertani. Sta venendo fuori un "qui pro quo" comicissimo!
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Cornelius Coot - Venerdì 22 Mag 2020, 12:53:09
Ma Volkabug quale 'Bersani' intendeva? 
Io pensavo a quello con la t al posto della s (non certo il Pierluigi)  ;D
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Vito65 - Venerdì 22 Mag 2020, 13:18:30
Volkabug si riferiva scherzosamente al tuo post di stamattina in cui tu, riferendoti alla politica editoriale di Bertani, per un evidente errore di digitazione hai scritto Bersani.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Volkabug - Venerdì 22 Mag 2020, 13:22:05
Volkabug si riferiva scherzosamente al tuo post di stamattina in cui tu, riferendoti alla politica editoriale di Bertani, per un evidente errore di digitazione hai scritto Bersani.

Sisi confermo ;D
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Venerdì 22 Mag 2020, 13:28:55
Dov'è il parere di Bersani?
Cornelius, evidentemente non te ne sei accorto: sei tu che stai scrivendo "Bersani" al posto di Bertani. Sta venendo fuori un "qui pro quo" comicissimo!

"Siam mica qui a smacchiare i Neopard!"
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Garalla - Venerdì 22 Mag 2020, 13:42:41
Prima della chiusura anticipata Bersani tenterà qualcosa: una riduzione del prezzo, una maggior foliazione, una periodicità trimestrale, un cambio di autore (e di plot).

Ma qui intendi Samuele?
Battuta a parte su Bersani... se le cose vanno male in teoria se le cose vanno come come vendite di solito non si offre mai qualcosa al lettore ma anzi gli si chiede di più (prezzo aumentato, foliazione minore e periodicità più lasca o se va bene un cambio d'autore).
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Cornelius Coot - Venerdì 22 Mag 2020, 13:52:29
se le cose vanno male come vendite di solito non si offre mai qualcosa al lettore ma anzi gli si chiede di più (prezzo aumentato, foliazione minore e periodicità più lasca o se va bene un cambio d'autore).
In effetti è sempre stato così, però qui la corda è gia bella tirata nella norma (fra prezzo, foliazione, periodicità e soggetti). Se solo una di queste voci si tira di più la corda si spezza proprio (o si spezzerà comunque). Tra le varie ipotesi di 'salvezza', in effetti, l'unica possibile sembra quella del cambio d'autore, magari fra un anno (dopo che Gagnor avrà terminato la sua 'saga', sebbene mi pare di aver capito che non sarà breve).
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Venerdì 22 Mag 2020, 14:06:40
Perché aspettare un anno? Si chiuda la serie col terzo o quarto numero, se necessario velocizzando ulteriormente gli eventi (tanto non c'è granché che non possa essere risolto in poche pagine) e via. Han ridisegnato da capo un albo in fretta e furia, figuriamoci se non possono eventualmente cambiare 4 pagine nel finale (anche in Danger Dome del resto sarebbe bastato cambiare le due pagine finali e si poteva chiudere facilmente).

Io sono convinto che a parità di prezzo e formato, un volume di PK di Sisti o Artibani, a prescindere se autoconclusivo o inizio di saga ongoing, lo avremmo apprezzato di più e probabilmente comprato in numero maggiore.

Di certo però non può uscire un albo ogni 6 mesi. Anche perché così un lettore è davvero "ostaggio" di una saga che non vuole saperne di finire e che impedisce ad altri autori di cimentarsi. Sarei felicissimo di essere "ostaggio" di Sisti e Artibani per 2 anni, ma esserlo di questa saga che stiamo leggendo? Evron ce ne scampi!
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: MiTo - Venerdì 22 Mag 2020, 15:07:41
Cornelius  ha ipotizzato che la direzione editoriale forse, a suo parere, intende effettuare una scrematura dei lettori, per vedere chi seguirà il "nuovo corso": boh... bisognerebbe incrementarli i lettori, non scremarli....
Però una collana a 10 euro non li incrementa di certo. Resterà lo 'zoccolo duro' dei pkers. Secondo me Bersani, riguardo Pikappa, ha pensato: meglio 10 lettori che pagano 10 euro piuttosto che 20 che ne pagano 3. Vuoi seguire le gesta del tuo eroe preferito? Facile pagare 3 euro con Topolino. Dovrai pagarne 10 col Fuoriserie.

Qui non sono d'accordo. Innanzitutto perché le mini saghe di PK sono sempre durate 4 numeri, quindi diventano 12 euro di Topolino. Che al lettore danno in cambio anche altro materiale al quale magari si appassiona.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Cornelius Coot - Venerdì 22 Mag 2020, 16:10:34
Qui non sono d'accordo. Innanzitutto perché le mini saghe di PK sono sempre durate 4 numeri, quindi diventano 12 euro di Topolino. Che al lettore danno in cambio anche altro materiale al quale magari si appassiona.
Si, però i 12 euro di Topolino annui sono sempre da confrontare con i 20 del Fuoriserie semestrale (anche perché c'era una sola storia pikappica all'anno nel libretto, se non ricordo male). Sperando che nel frattempo, chi anni fa comprava il Topo solo in occasione delle uscite pikappiche, adesso lo acquisti più regolarmente, addizionando la Fuoriserie. Questo considerando il lettore singolo.

Con la mia ipotesi di prima, al netto di lettori 'bilaterali' (cioè che oggi acquistino il Topo con una certa regolarità dopo averlo scoperto con PK) ma solo concentrati sulle storie di PK (10 lettori del cartonato paragonati a 20 del libretto) il guadagno, in effetti, non c'è (semmai una certa perdita, considerando quattro numeri: 200 e 240 euro). I lettori 'transfughi' dovrebbero essere almeno 15 (i 3/4 dei pkers e non la metà) per guadagnarci qualcosa: 200 e 300 euro. Siamo sicuri che il 75% dei pkers avranno acquistato la Fuoriserie
(e, soprattutto, continueranno a farlo)?
Titolo: Topolino Fuoriserie 3 - PK: Danger Dome
Inserito da: Manuel Crispo - Venerdì 22 Mag 2020, 16:18:35
Recensione Topolino Fuoriserie 3 - PK: Danger Dome


 Gilda Policastro una volta ha scritto: «La critica mostra ma non dimostra». E così, in un’epoca in cui ogni opera dell’ingegno umano sembra essere destinata ineluttabilmente a qualche forma di processo pubblico più o meno ragionato, non è inutile considerare come non esista formula chimica o procedimento alchemico in grado di dimostrare che i difetti percepiti in una determinata storia siano realmente tali.

 Il giudizio critico si basa su una serie di convenzioni estetiche storicamente determinate. Un incompreso Marcel Proust, snobbato dagli intellettuali del tempo, si abbassò a pubblicare la Recherche a proprie spese. Se Roberto Gagnor, sceneggiatore torinese classe 1977, sia un novello Proust, solo il tempo saprà dircelo. Famoso per aver dotato Brigitta di un alter-ego supereroistico (https://inducks.org/comp2.php?xapp=Brigittik&default_o=1&kind=nk&pg1=1) e per parodie come Quacklight (https://inducks.org/story.php?c=I+TL+2849-1) e Topolino e il ritorno alla Dolce Vita (https://inducks.org/story.php?c=I+TL+2935-1), complici anche gli studi effettuati in campo cinematografico, lo stile di Gagnor si è sempre distinto per un umorismo “televisivo”, eroicomico e carnevalesco, ricco di citazioni, antifrasi e modi di dire mutuati da certa serialità teen alla CW: a prima vista non proprio l’ideale per l’ennesimo re-start di PK, personaggio che negli anni Novanta fu al centro di una piccola rivoluzione in termini di linguaggio fumettistico in casa Disney Italia.

 In questi mesi di polemiche furibonde, innescatesi in seguito alla pubblicazione del primo episodio di questo nuovo rilancio pikappico, Un nuovo eroe (https://inducks.org/story.php?c=I+TOFF++1-1P), si sono spesi fiumi di parole nel tentativo di definire una formula, un ingrediente magico che circoscriva l’essenza di PK. C’è stato chi ha parlato di serietà e di grandi temi; chi di comprimari dalla grande profondità psicologica; chi di rottura della gabbia disneyana, con vignette allungate moderne e inquietanti; chi ha giustamente puntato i riflettori sul maestoso worldbuilding, sulla pianificazione certosina, sulla sapiente integrazione delle citazioni (un esempio per tutti, il lungo rifacimento presente in Terremoto (https://inducks.org/story.php?c=I+PKNA++4-1) di Francesco Artibani della famosa tavola di Steve Canyon analizzata da Umberto Eco nel suo saggio Apocalittici e integrati) all’interno del narrato.

 Hanno tutti ragione. Ineluttabilmente, non esiste distillatore in grado di separare l’essenziale dall’accessorio nella complessa formula estetico-narrativa del vecchio PK. Certo molti lettori, nel corso della miniserie PKNE (https://inducks.org/comp2.php?ser=PKNE&default_o=1&kind=nk&pg1=1) pubblicata sulle pagine di Topolino fra il 2014 e il 2018, hanno lamentato la mancanza di un certo “qualcosa”. Tanti, me compreso, hanno invocato maggiore indipendenza editoriale rispetto al settimanale, e questa indipendenza è arrivata nel 2019 con Un nuovo eroe, primo di una serie di cartonati alla francese da una cinquantina di pagine l’uno.

 
Di PK, evroniani e larvali comprimari

 Un nuovo eroe non ha avuto l’accoglienza critica che forse i suoi autori si attendevano. A farne le spese è stato soprattutto Alberto Lavoradori, già colonna portante del vecchio PKNA, i cui disegni insolitamente poco curati hanno attirato critiche feroci – a tratti davvero eccessive. Molti lettori delusi, stuzzicati anche dal cambio di disegnatore in corsa, attendevano il seguito della vicenda per poter fare un primo (ineluttabile) bilancio sulla nuova miniserie pikappica. Il seguito si intitola Danger Dome ed è stato pubblicato nel maggio di quest’anno avaro di fiere, in una specie di ovattato silenzio mediatico.

 Come già il suo predecessore, questo nuovo volume vanta una copertina realizzata da Andrea Freccero e Max Monteduro, interessante nel tratto e nel colore ma sempre stranamente fuori posto, statica, nella quale la tempoliziotta Lyla Lay occupa incomprensibilmente uno spazio di rilievo. Ai disegni della storia la new entry Roberto Vian, artista mestrino classe 1965 che ha raccolto il testimone del veterano Lavoradori mostrando un tratto e una sensibilità compositiva che non avrebbero sfigurato sulle pagine del vecchio PKNA.

 La vicenda, ancora una volta suddivisa in due tempi, riparte da PK e l’alieno insettoide Derrick in fuga dalla macchina qui rinominata Danger Dome, veicolo cingolato debitore del celebre Tarkus che dal 1971 campeggia sulla copertina dell’omonimo disco degli Emerson, Lake & Palmer. Non ci è dato sapere quando il malvagio evroniano rinnegato Tuiroon si sia intrufolato nel Danger Dome dato che sul finale di Un nuovo eroe si trovava a bordo di una astronave dal riconoscibile design evroniano. Veniamo informati che il Danger Dome è di fatto un veicolo privato appartenente allo stesso Tuiroon, il che collima poco (per ciò che sappiamo del popolo evroniano) con il suo aspetto da “armadillo corazzato”.

 
Perdersi

PK e Derrick vengono catturati dai Decimator, fuggono, si avvicinano emotivamente, mentre Lyla, un insolito Uno in versione “crapa fluttuante” e i membri dei cosiddetti PKorps si lanciano nei deserti del pianeta Shikaar per salvare l’eroe dalla furia di Tuiroon. Fra una scazzottata e una corsa su zoomorfiche motociclette corazzate, Gagnor e Vian ci trasportano in un’avventura frenetica che presenta due degli errori di scrittura tipici degli sceneggiatori alle prime armi: un profluvio di situazioni e personaggi poco approfonditi compressi in uno spazio esiguo (il che rende indecifrabili molti passaggi della vicenda, complici anche le numerose incongruenze fra questo episodio e il precedente) e allo stesso tempo una macro-trama semplicistica e banale, che nella sua essenza ricorda in più punti cose già viste e sperimentate. Il cliffhanger con cui si conclude questo quarto tempo della saga di Gagnor è sufficiente a far tremare i polsi di ogni Pker che nutra ancora un briciolo di amore per questo bistrattato universo narrativo.

 Tante le domande che questo volume lascia senza risposta. Perché Tuiroon viaggia su una base mobile a forma di roditore terrestre? Che fine fanno i vestiti di Derrick quando si trasforma in larva, e a che serviva regredire per colpire il Decimator? Perché mai, su una base evroniana, dovrebbe esserci una sala chiamata Makgupheen? Quando mai i veicoli evroniani hanno avuto le ruote? Da quando Uno è in grado di trasportarsi fisicamente ovunque voglia? Che cosa accade esattamente nella cella anti-evasione? Cosa esattamente fa esplodere PK alla fine dello scontro con Tuiroon? Quand’è che Lyla ha cominciato a parlare come una galeotta appena uscita da un regime di carcere duro?

 Interrogato in merito alle evidenti dissonanze stilistiche fra il suo PK e quello che tutti i Pkers hanno imparato a conoscere nell’arco di più di vent’anni, Roberto Gagnor ha fornito un blocco di motivazioni oscillanti fra la legittima ricerca di una propria voce autoriale e un malcelato disinteresse per il worldbuilding pikappico. Danger Dome appare costruita su un misto di automatismi di scrittura, comprimari dalla profondità del cartone e battute “alla Marvel” che sovente finiscono col cedere all’assertività per colmare buchi narrativi generati dallo scarso spazio e da una cattiva gestione vettoriale della pagina.

 Le pur belle tavole di Vian si trovano spesso a soffocare, compresse fra i mille avvenimenti che lo sceneggiatore torinese si è imposto di infilare a forza in una avventura che ineluttabilmente finisce col collassare sotto il peso di un’architettura insicura. Fra una vignetta e l’altra si aprono vasti crateri di senso. Il frenetico storytelling gagnoriano si ribella a tal punto al concetto di sequenzialità dell’azione che in più momenti sembra di trovarsi di fronte una sorta di proto-fumetto, un fortunato superstite dell’epoca di Will Eisner.

 Gagnor ha affermato di essersi ispirato, per la sua storia di fughe e inseguimenti, ai film americani “alla Mad Max”, dimenticando forse che quei film problematizzavano la violenza e l’istinto di sopravvivenza dell’uomo. A me appare evidente come Danger Dome non problematizzi alcunché, e non esponga nulla se non il proprio carnascialesco vuoto di idee e di cuore. Ma non posso dimostrarvelo.



Voto del recensore: 1/5
Per accedere alla pagina originale della recensione e mettere il tuo voto:
http://www.papersera.net/wp/2020/05/22/topolino-fuoriserie-3-pk-danger-dome/
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Goldensun - Venerdì 22 Mag 2020, 17:15:48
Scrivo qui solo per dire la mia.
Ora come ora non ho ancora letto l'albo ma dettagli. Lo farò prima o poi Le cose che ho da dire sono le seguenti:

A quanto pare tutti si sono dimenticati del contorto guazzabuglio che era PKNE. Zero motivi di continuare su quella via.

Zio Paperone e Rockerduck che litigano in una storia di PK, ma che roba è?Ogni universo deve rimanere staccato.

Ma penso che Gagnor lo stia facendo bene, ha messo dei messaggi molto profondi in queste storie, in stile Pikappa. E per quanto riguarda la trama, è semplice e lineare, ma non è scontata, perciò qualcuno non riesce a seguirla: peggio per loro. Ricordiamoci che non cambia nulla se U.N.O. è una palla fluttuante nel tempo e nello spazio.

Da quando leggo PK lo avevo sempre considerato tale, perciò non mi sembra un problema.

A presto!

Scusami,
Con l'impaginazione di prima c'era qualcosa che non andava...
Era un po' troppo appiccicata.
Magari ora la si legge meglio..
O almeno lo spero
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: hendrik - Venerdì 22 Mag 2020, 17:41:34
Ora come ora non ho ancora letto l'albo ma dettagli.
...
Ma penso che Gagnor lo stia facendo bene, ha messo dei messaggi molto profondi in queste storie, in stile Pikappa.

Qualcosa non torna. ;D
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Cornelius Coot - Venerdì 22 Mag 2020, 20:10:05
Zio Paperone e Rockerduck che litigano in una storia di PK, ma che roba è?
Ogni universo deve rimanere staccato.
Ma siamo sempre a Paperopoli e i così detti universi paralleli non è che debbano essere così separati: non ricordo in che contesto ci fosse il litigio (fine a se stesso o collegato direttamente al plot della storia) ma oltre alla Ducklair Tower mi sembra che sia il Deposito di Paperone che la statua di Coot (se non il faro di Capo Quack) fossero spesso presenti. Così come lo sono loro lo possono (devono, per me) essere anche i personaggi 'standard'. Certo, non è che debbano prendere il sopravvento su quelli 'tipici' di Pikappa ma far vedere che ci sono, che interagiscono, mi da un panorama più reale e più interessante di tutta la metropoli calisotiana.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Franz Manuzzi - Venerdì 22 Mag 2020, 21:10:44
Zio Paperone e Rockerduck che litigano in una storia di PK, ma che roba è?
Ogni universo deve rimanere staccato.
Zio paperone in Pk è comparso spesso e volentieri, ha solo senso vedere anche Rockerduck e le solite interazioni
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: prezio - Sabato 23 Mag 2020, 11:23:48
27 recensioni più quella dell'articolista e tutti han votato 1 stella su 5..  che stroncatura.

Speriamo in un cambio di rotta col terzo volume.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Generalezargon - Sabato 23 Mag 2020, 14:28:24
Dico la mia sulla storia anche se avete già detto tutto
Parto dalle sensazioni che ho provato a lettura conclusa. La storia mi ha, nel complesso, soddisfatto e lasciato sensazioni buone nonostante ne riconosca i numerosi difetti. I motivi della mia soddisfazione sono da ricercare principalmente in 2 punti:
1) Ambienti: complice il cambio ai disegni con un Vian in gran forma, le ambientazioni in cui si svolge la vicenda sono molto suggestive con influenze fantasy e fantascientifiche. In particolare mi hanno affascinato i laghi di Xavin e i cieli di Shikaar pieni di pianeti.
2)Gli accenni alle origini o quantomeno alla preistoria della civiltà evroniana: qui l'arma è a doppio taglio, può venirne fuori qualcosa di veramente epico e interessante oppure una ciofecata e molto dipende da Gagnor, se riesce scrollarsi di dosso quella stucchevole semplicità e comicità quando sceneggia.
Veniamo alle note dolenti. La storia non ha ritmo, o meglio, ha un ritmo unico e frenetico che non lascia il tempo per approfondire nè ciò che si vede/succede nè i rapporti e i caratteri dei personaggi. Mi sarebbe piaciuto sapere qualcosa in più sul Danger Dome sul perchè è stato creato, sul background e la storia di Shikaar e di Tuiroon ma non c'è tempo. La storia deve andare avanti rapidamente e tutto viene sacrificato per mettere più azione possibile.PK non si pone domande sul come e perchè Lyla e Uno siano giunti lì in suo soccorso e non li saluta neppure, Tuiroon lo ritroviamo come capo del danger dome quando alla fine di UNE si vedeva chiaramente su un'astronave evroniana e niente lasciava intendere che il macchinario cingolato fosse una sua creazione. I PKcorps sono tutti personaggi piatti e stereotipati privi di profondità, spessore o evoluzioni caratteriali.Interagiscono poco fra loro e ancor meno con PK. Gli eventi si susseguono senza prendere fiato e questo mina l'approfondimento a livello di background e personaggi. Gravissimo l'utilizzo di UNO come boccia fluttuante; a tal proposito inalcuni punti pare che abbia bisogno di banchi di memoria come la lore del personaggio impone e in altri lo vediamo gironzolare liberamente. Sembra piùinserito per essere un deus ex machina che altro, e spiace vedere UNOrelegato a tal ruolo.
Lyla si integra meglio nella storia e la sua presenza a maggior senso per la questione galaxy gate.
I dialoghi li ho trovati migliori rispetto UNE, meno topolineschi e ridicoli e più maturi sopratutto le didascalie con le riflessioni. Bella anche l'evoluzione del personaggio di Derrik anche se non originalissima.
I disegni di Vian spettacolari! lo ricordavo come uno dei mieipreferiti su X Mickey, e anche con Pk va alla grande sia negli scenari che nelle scene di battaglia che nella resa grafica degli Evroniani.
Non ho gradito particolarmente il design di Ur- Evron. A quanto si capisce un indigeno caccia evroniani dal design più buffo che minaccioso.
In definitiva la storia ha preso una piega più affine al Pk che tutti amiamo ma risente della troppa fretta nel susseguirsi degli eventi tralasciando approfondimenti sia dei caratteri dei personaggi che delle novità che vengono introdotte lasciando insoddisfatti. Spero che il terzo episodio sia più equilibrato nello svolgimento e che si proseguasulla strada di una sceneggiatura più seria e matura e meno topolinesca, senza andare a rovinare ma ad arricchire le origini degli Evroniani.
Spiace vedere che l'autore non accolga le critiche mosse dai lettori in maniera assolutamente garbata. Spero che la stroncatura in termini di voti alla storia che sta avendo possa farlo ragionare.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: conker - Domenica 24 Mag 2020, 10:59:30
27 recensioni più quella dell'articolista e tutti han votato 1 stella su 5..  che stroncatura.

inesatto, quella visualizzata è una media (io ad esempio ho dato 2 stelle)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Vito65 - Domenica 24 Mag 2020, 12:57:14
Anch'io ho dato due stelle, cercando di fare una valutazione sintetica: se infatti la caratterizzazione di Uno, e in parte di Lyla, e i riferimenti alla "sbobba", erano da una stella (forse anche mezza stella!), bisogna anche considerare che, secondo me, la trama presenta aspetti intriganti e promettenti, soprattutto nel prologo e nell'epilogo dell'episodio: come ho già scritto in questo topic, io comincio ad essere un po' stanco della preponderanza dell'aspetto "fantasy/action" nelle storie di Pk, ma questo non mi ha portato a non ammettere che la trama in sé possa svilupparsi in modo interessante.
L'eccessivo ritmo concitato dell'azione, che per me sarebbe un elemento a sfavore, non è rientrato nella mia valutazione, in quanto è un elemento presente un po' in tutte le storie della PKNE (vedasi , a titolo di esempio, il Marchio di Moldrock), per cui non vedo perchè farne una colpa proprio e solo  a Gagnor.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: prezio - Domenica 24 Mag 2020, 13:09:24
27 recensioni più quella dell'articolista e tutti han votato 1 stella su 5..  che stroncatura.

inesatto, quella visualizzata è una media (io ad esempio ho dato 2 stelle)

Siamo a quasi 40 recensioni e la media è di 1 stella.

Pazzesco.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Cornelius Coot - Domenica 24 Mag 2020, 20:24:35
Siamo a quasi 40 recensioni e la media è di 1 stella.
Pazzesco.
Penso sia un record negativo assoluto tra le tante storie (e albi, volumi...) recensite in questo forum da oltre 15 anni a questa parte.
Nelle TopoStatistiche mi pare che il minimo delle medie delle votazioni finali arrivasse ad almeno due stelle (o magari una ma frutto di una media di molte meno recensioni)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Solomon Cranach - Domenica 24 Mag 2020, 23:16:42
Solo un appunto sulla recensione: "protofumetto" ed "epoca di Will Eisner" cozzano alquanto.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Manuel Crispo - Lunedì 25 Mag 2020, 08:11:39
Solo un appunto sulla recensione: "protofumetto" ed "epoca di Will Eisner" cozzano alquanto.

Ciao Solomon, hai perfettamente ragione, in senso letterale il protofumetto è quella specie di fumetto "preistorico" della fine dell'ottocento. Nella recensione ho usato il termine in modo generico pensando a quella lunga fase tra i primordi veri e propri e il fumetto novecentesco in cui la sequenzialità e la vettorialità non erano ancora codificate, avevo in mente un po' Little Nemo, un po' le prime strisce comiche ma anche l'Eisner di Contratto con Dio, più statico e con più punti in comune con il racconto illustrato. Poiché però protofumetto è, come rilevi giustamente, un termine che si riferisce a una fase ben precisa, ho preferito cancellare nella recensione il riferimento a Eisner per evitare ambiguità. Così com'è ora è più chiaro, credo.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: raz3r - Mercoledì 27 Mag 2020, 11:28:24
Pk non sarà Tolkien ma si è sempre distinto per un worldbuilding di qualità superiore alle storie Disney tradizionali. Motivo per cui gli si sono sempre perdonati blooperoni clamorosi, palesi toppe e grottesche retcon. Non era mai venuta a mancare però quella sensazione di credibilità, quella sensazione di star seguendo una narrazione consapevole e in linea con quanto detto prima. Questo si chiede, da lettori. Che non significa volere le cose vecchie. Credo che nessun lettore qui avrebbe rivoluto gli evroniani o avrebbe mai ritenuta necessaria la presenza di Uno e Lyla per fare Pk. Non è una questione di personaggi ma di spirito, di approccio. Per fare una bella storia di Pk non è nemmeno necessario che ci siano i personaggi di Pk. Sta tutto nel processo creativo alla base. E quello può e deve rimanere una costante della serie, al netto di qualsiasi sacrosanta variazione stilistica che invece è assolutamente benvenuta.

Poi vabbè, questo della credibilità e del worldbuilding è un aspetto. Ci si sarebbe passati pure sopra se la storia in sé fosse stata differente. E invece era caotica, confusionaria, poco scorrevole, umoristicamente scarsa (la sbobba?) e via dicendo. Insomma boh.

Ah, chiudo con un ultimo, poco piacevole, dettaglio. Altro aspetto che fece la fortuna della serie era il dialogo brillante con il lettore. Il Pker veniva… pungolato, stimolato e spesso anche sfottuto, ma sempre nel rispetto del patto narrativo. Si passava dalla bonaria presa in giro della Pk Mail alla “tecnobubbola” nelle rubriche che però era sempre scritta partendo da nozioni scientifiche reali che non prendevano per stupido il lettore. Non stupisce che sia stato proprio Pk a provocare per la prima volta la nascita di fan club e delle primissime community online, quando ancora Internet era il miraggio di pochi. Sono passati ventitre anni da allora, e adesso Internet è entrato nella vita di tutti, le community si sono moltiplicate… ma la presenza social di Pk si è paradossalmente ridotta allo sceneggiatore che va sul forum a fare “gne gne”. No dai, si può fare molto meglio di così.
Mi spiace solo non poter dare più di un like, hai colto nel segno, specialmente sul discorso rubriche e Internet, ma ve lo immaginate un Oskar Bertoni nel 2020?

non li incrementa di certo. Resterà lo 'zoccolo duro' dei pkers. Secondo me Bersani, riguardo Pikappa, ha pensato: meglio 10 lettori che pagano 10 euro piuttosto che 20 che ne pagano 3. Vuoi seguire le gesta del tuo eroe preferito? Facile pagare
Sì ma lo "zoccolo duro" ha esigenze particolari, arriva dal lontano 1996, io faccio parte di quello zoccolo, ho un'intero armadio pieno di materiale pikappico e ad oggi non mi sono mai perso un albo, se l'andazzo è questo però e non c'è la volontà di fare una inversione di rotta (anche a fronte di innumerevoli recensioni negative) non vedo perché dovrei continuare a spendere soldi. Per un prodotto che tra l'altro non viene né pubblicizzato, né commercializzato a dovere.

Rinnovo di nuovo la domanda che ho fatto qualche pagina fa, perché siamo arrivati qui? Cosa non andava su PKNE? Perché non continuare su Topolino e rilasciare un albo rilegato in seguito? Perché non proseguire su quella continuity? Io davvero non capisco.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: prezio - Mercoledì 27 Mag 2020, 12:20:31
Sarebbe interessante avere anche un confronto con l'autore, visto che è presente nel forum, se possibile.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Nataniele Ragnatele - Mercoledì 27 Mag 2020, 13:50:05
Sarebbe interessante avere anche un confronto con l'autore, visto che è presente nel forum, se possibile.
Da quanto hp capito il suo account è stato cancellato, ma non ci metterei la mano sul fuoco.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: raz3r - Mercoledì 27 Mag 2020, 14:37:05
Sarebbe interessante avere anche un confronto con l'autore, visto che è presente nel forum, se possibile.
Da quanto hp capito il suo account è stato cancellato, ma non ci metterei la mano sul fuoco.
Sarebbe un vero peccato, i presupposti per una conversazione costruttiva ci sono tutti.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Ottone - Mercoledì 27 Mag 2020, 14:41:34
Sarebbe interessante avere anche un confronto con l'autore, visto che è presente nel forum, se possibile.

Riguardo a quale questione in particolare? Lo chiedo perchè è già intervenuto nella discussione rispondendo più volte.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: prezio - Mercoledì 27 Mag 2020, 15:00:33
Sarebbe interessante avere anche un confronto con l'autore, visto che è presente nel forum, se possibile.

Riguardo a quale questione in particolare? Lo chiedo perchè è già intervenuto nella discussione rispondendo più volte.

Gli spunti costruttivi sono diversi ed eterogenei: dallo sviluppo della trama ai dialoghi, dal comportamento di certi personaggi ai discorsi relativi alla continuity, fino al discorso sulle peculiarità di ciò che rende Pk tale.

Tanti sono gli argomenti di cui sarebbe interessante parlare, per comprendere come mai la stroncatura da parte dei lettori sia totale (qui come su altri forum o pagine FB) e se ci sia qualche soluzione o modifica già in cantiere per i prossimi numeri.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Vito65 - Mercoledì 27 Mag 2020, 18:52:42
Cosa non andava su PKNE? Perché non continuare su Topolino e rilasciare un albo rilegato in seguito? Perché non proseguire su quella continuity? Io davvero non capisco.
Probabilmente qualcosa non ha funzionato. L'ultima volta che Valentina De Poli è stata ad Etna Comics nella sua qualità di Direttore (nel 2017, mi pare), ha detto a me personalmente che Pk era un po' ingombrante (cito testualmente) per Topolino libretto; non ho potuto fare a meno di notare la differenza con le edizioni precedenti della Fiera, quando la stessa Direttora parlava della presenza di Pk sul Topo come di un fatto acquisito, quasi un dato naturale: forse quelli che gradivamo Pk su Topolino, dopo gli entusiasmi dei primi anni, ci siamo andati assottigliando.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Cornelius Coot - Mercoledì 27 Mag 2020, 19:28:23
Sarebbe interessante avere anche un confronto con l'autore
E con il direttore...  SmRoll
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Andy392 - Mercoledì 27 Mag 2020, 23:29:34
E non dimentichiamoci di Catenacci! L'unico fra i tre a conoscere per bene il mondo pikappico (almeno in teoria)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Garalla - Venerdì 29 Mag 2020, 12:12:10
"Tradotto in 15 paesi, Danger Dome è il secondo volume di una trilogia“

Da un articolo del veneziatoday su Roberto Vian e Danger Dome http://www.veneziatoday.it/attualita/danger-dome-fumetto-pk-roberto-vian.html?fbclid=IwAR3reE5IyLCYSRIwwC3UPCFonA_BdtkYKMeT9E0TkoesoRxhUJ7z4Lt94eQ

Gagnor mi ha già smentito sulla trilogia.
Fa riflettere però la notazione che la storia è tradotta in 15 paesi sintomo che la serie è stata pensata anzitutto per essere facilmente esportata (vedi anche il format di capitoli da 24 pagine per una possibile edizione americana).
Sarebbe interessante avere giudizi e pareri di lettori esteri, magari alle prime letture di PK.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Storari92 - Venerdì 29 Mag 2020, 12:24:14
Ha inoltre confermato che nel 2021 ci saranno più storie con autori diversi. Questa è un'ottima notizia, stanno cercando di riportare in alto il marchio PK.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Gumi - Venerdì 29 Mag 2020, 12:47:09
Ha inoltre confermato che nel 2021 ci saranno più storie con autori diversi. Questa è un'ottima notizia, stanno cercando di riportare in alto il marchio PK.

Questo è un particolare molto interessante: quindi potrebbe esserci la "run" di Gagnor intervallata (o per meglio dire inframmezzata) da storie di altri autori. Mi sembra una eventualità invitante: chissà che tra gli autori non possa trovare spazio anche Alessandro Sisti, di cui mi piacerebbe leggere il seguito di "cronaca di un ritorno".
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Vito65 - Venerdì 29 Mag 2020, 12:53:00
Nell'articolo riportato da Garalla c'è un passaggio interessante: si accenna al rilancio di Pk nel 2019 e si dice che l'operazione non ha ottenuto il successo sperato e, a questo punto, il Direttore Bertani ha chiamato il disegnatore Vian. Quindi secondo la Direzione editoriale l'insuccesso sarebbe stato risolto solo dal cambio di disegnatore? Un po' ingeneroso attribuire questo carico di responsabilità a Lavoradori.
Il discorso però cambia se questo accenno dovessee essere frutto solo di una interpretazione del redattore dell'articolo.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Garalla - Venerdì 29 Mag 2020, 12:59:44
Nell'articolo riportato da Garalla c'è un passaggio interessante: si accenna al rilancio di Pk nel 2019 e si dice che l'operazione non ha ottenuto il successo sperato e, a questo punto, il Direttore Bertani ha chiamato il disegnatore Vian. Quindi secondo la Direzione editoriale l'insuccesso sarebbe stato risolto solo dal cambio di disegnatore? Un po' ingeneroso attribuire questo carico di responsabilità a Lavoradori.
Il discorso però cambia se questo accenno dovessee essere frutto solo di una interpretazione del redattore dell'articolo.

Personalmente ho trovato per UNE tante critiche ai disegni. Decisamente più che sulla storia come numero e intensità. Quindi non è ingeneroso.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: prezio - Venerdì 29 Mag 2020, 13:08:11
Scaricare le responsabilità su Lavoradori non è soltanto ingeneroso, ma è fuorviante ed eticamente scorretto
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Manuel Crispo - Venerdì 29 Mag 2020, 13:19:54
L’ideale per me sarebbe: abolire la macrotrama di Shikaar (che può tranquillamente chiudersi col prossimo volume); ricreare il pk team con un po’ di autori nuovi, magari giovani; la supervisione, nel ruolo di headwriter, da parte di Alessandro Sisti, autore che per me ha dimostrato di aver ancora ben chiaro cosa sia davvero PK.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Cornelius Coot - Venerdì 29 Mag 2020, 14:07:57
Fa riflettere però la notazione che la storia è tradotta in 15 paesi sintomo che la serie è stata pensata anzitutto per essere facilmente esportata (vedi anche il format di capitoli da 24 pagine per una possibile edizione americana).
Ecco il nocciolo della questione: gli autori italiani quando scrivono per il mercato americano o internazionale cambiano la loro narrazione adeguandosi ad un pubblico più generico (abbiamo visto recenti esempi usciti nel Topo). Per cui, anche cambiassero gli autori, i nuovi plot pikappici sarebbero comunque "un'altra cosa".
E' anche vero che la saga di PK penso sia stata tradotta, nel corso di questi decenni, in altri paesi europei che dovrebbero aver ben accettato e 'digerito' certa narrazione degli eventi. Però se gli americani non conoscono tutto il background pikappico e se le nuove avventure sono dirette soprattutto a loro, penso che Gagnor o non Gagnor certe situazioni che hanno lasciato perplessi molti lettori italiani resteranno comunque.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Manuel Crispo - Venerdì 29 Mag 2020, 14:44:46
Dubito che il progetto Un Nuovo Eroe sia stato concepito appositamente per il mercato estero (come Young Donald per capirci, che a differenza di questo  è stato pubblicato prima in America e mesi dopo da noi). Penso più a una cosa tipo Frittole: pensato per il mercato italiano ma con un occhio rivolto all’Estero.

Poi si dovrebbe capire se UNE è uscito in America, Brasile ecc. oppure ancora no.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Luxor - Venerdì 29 Mag 2020, 16:45:48
Nell'articolo riportato da Garalla c'è un passaggio interessante: si accenna al rilancio di Pk nel 2019 e si dice che l'operazione non ha ottenuto il successo sperato e, a questo punto, il Direttore Bertani ha chiamato il disegnatore Vian. Quindi secondo la Direzione editoriale l'insuccesso sarebbe stato risolto solo dal cambio di disegnatore? Un po' ingeneroso attribuire questo carico di responsabilità a Lavoradori.
Il discorso però cambia se questo accenno dovessee essere frutto solo di una interpretazione del redattore dell'articolo.

Personalmente ho trovato per UNE tante critiche ai disegni. Decisamente più che sulla storia come numero e intensità. Quindi non è ingeneroso.

Lavoradori ha uno stile che può piacere o meno, io personalmente lo adoro, ma qui è stato penalizzato tantissimo dai colori, è lampante!

Basti vedere la resa su PK Tube, c'è un abisso di differenza e non si può non rimarcare.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: luciochef - Venerdì 29 Mag 2020, 16:59:42
Ecco il nocciolo della questione: gli autori italiani quando scrivono per il mercato americano o internazionale cambiano la loro narrazione adeguandosi ad un pubblico più generico (abbiamo visto recenti esempi usciti nel Topo). Per cui, anche cambiassero gli autori, i nuovi plot pikappici sarebbero comunque "un'altra cosa".

Pensare che gli autori italiani cambino il modo di narrare le vicende di Pk rendendolo meno complesso, profondo ed intricato (nel lato positivo ed interessante del termine) per poter rendere digeribile il fumetto al mercato nordamericano mi sembra addirittura offensivo pensarlo !
Un pubblico che è stato la culla del fumetto supereroistico, che hanno fatto della continuity sfrenata il loro pane quotidiano, che hanno forgiato ed "adottato" i migliori esponenti del fumetto indipendente mondiale !
E non ultimo che conta 330 milioni di abitanti nei soli Stati Uniti d'America, volete vedere che si trovi difficoltà a trovare 1 milione (butto un numero a casaccio) di appassionati ?
Secondo me la discriminante non è lo scrivere storie appetibili e digeribili per il mercato americano, quanto scrivere storie valide e meritevoli...
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Garalla - Venerdì 29 Mag 2020, 17:10:05
E non ultimo che conta 330 milioni di abitanti nei soli Stati Uniti d'America, volete vedere che si trovi difficoltà a trovare 1 milione (butto un numero a casaccio) di appassionati ?

considerati i ridicoli numeri di vendita degli spillati americani... 1 milioni di appassionati che acquistano regolarmente fumetti credo sia una cifra decisamente ottimistica.
Mensilmente in cima alle classifiche stanno serie tra le 100 e le 130 mila copie vendute (a meno di numeri 1 o di eventi particolari)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: luciochef - Venerdì 29 Mag 2020, 17:26:52
considerati i ridicoli numeri di vendita degli spillati americani... 1 milioni di appassionati che acquistano regolarmente fumetti credo sia una cifra decisamente ottimistica.
Mensilmente in cima alle classifiche stanno serie tra le 100 e le 130 mila copie vendute (a meno di numeri 1 o di eventi particolari)

Concordo con te, ma tu stesso mi puoi insegnare che stai parlando di spillati con cadenza quindicinale (in molti casi) che si devono far largo in un mercato supereroistico ampiamente inflazionato.
Mentre qui si parla di un volume cartonato (che generalmente attira di più a priori...) che sta uscendo con una cadenza largamente dilazionata.
Con un prodotto poi che, se scritto bene, potrebbe essere veramente una novità importante da esportare.
Detto ciò se stiamo parlando di 20, 30, 40mila copie (altre cifre a casaccio) siamo sicuri che serva snaturare un prodotto vincente per raggiungere tali risultati ?
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: conker - Venerdì 29 Mag 2020, 22:05:26
Nell'articolo riportato da Garalla c'è un passaggio interessante: si accenna al rilancio di Pk nel 2019 e si dice che l'operazione non ha ottenuto il successo sperato e, a questo punto, il Direttore Bertani ha chiamato il disegnatore Vian. Quindi secondo la Direzione editoriale l'insuccesso sarebbe stato risolto solo dal cambio di disegnatore? Un po' ingeneroso attribuire questo carico di responsabilità a Lavoradori.
Il discorso però cambia se questo accenno dovessee essere frutto solo di una interpretazione del redattore dell'articolo.

Personalmente ho trovato per UNE tante critiche ai disegni. Decisamente più che sulla storia come numero e intensità. Quindi non è ingeneroso.

martoriato da una colorazione amatoriale... l’accusa di una narrazione non chiarissima per quanto riguarda lo svolgersi degli eventi la puoi replicare pari pari su Vian in Danger Dome, quindi magari il problema non è il disegnatore, tanto più che parliamo di veterani... credo proprio queste storie necessitassero di più respiro

poi sono gusti... Lavoradori nell’omogeneizzazione generale certamente spicca come un’oasi in mezzo al deserto, e il tratto può piacere o meno, ma in quanto a potenza espressiva e dinamismo ha pochi rivali

Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: MrBunz - Venerdì 29 Mag 2020, 22:06:16
Ecco il nocciolo della questione: gli autori italiani quando scrivono per il mercato americano o internazionale cambiano la loro narrazione adeguandosi ad un pubblico più generico (abbiamo visto recenti esempi usciti nel Topo). Per cui, anche cambiassero gli autori, i nuovi plot pikappici sarebbero comunque "un'altra cosa".

Pensare che gli autori italiani cambino il modo di narrare le vicende di Pk rendendolo meno complesso, profondo ed intricato (nel lato positivo ed interessante del termine) per poter rendere digeribile il fumetto al mercato nordamericano mi sembra addirittura offensivo pensarlo !
Un pubblico che è stato la culla del fumetto supereroistico, che hanno fatto della continuity sfrenata il loro pane quotidiano, che hanno forgiato ed "adottato" i migliori esponenti del fumetto indipendente mondiale !
E non ultimo che conta 330 milioni di abitanti nei soli Stati Uniti d'America, volete vedere che si trovi difficoltà a trovare 1 milione (butto un numero a casaccio) di appassionati ?
Secondo me la discriminante non è lo scrivere storie appetibili e digeribili per il mercato americano, quanto scrivere storie valide e meritevoli...

Ma negli Stati Uniti la Marvel non è la Disney.
Ti sei mai chiesto perché nei fumetti la Disney americana, dal nord al sud del continente, sia irrilevante filologicamente dai tempi di Barks?
Sono 50 anni che non producono storie che possano essere avvicinate ai tempi d'oro di Gottfredson, mentre in Italia continuiamo a sfornare autori
filologici (Casty) dall'altra parte dell'oceano non è più arrivato nessuno.
Il sud America si è almeno specializzato in una apprezzabile narrazione comica ed è riuscita a creare personaggi riutilizzati in Europa (Paper-Bat, Dinamite Bla, Pennino...)

Per un periodo più o meno recente negli Stati Uniti i fumetti disney neppure venivano pubblicati e sono riusciti a bruciare perfino uno come Don Rosa.

La produzione più rilevante sono stati i Duck Tales degli anni '80, ma sono cartoni animati.

Non so quanto mercato abbiano negli Stati Uniti le pubblicazioni disney originali e non e quanta sensibilità ci sia tra i loro lettori verso determinati temi, generi o esperimenti.

La sensazione è che il fumetto disney negli Stati Uniti sia una nicchia... sacrificabile. E dire che è nato tutto lì...

Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: luciochef - Venerdì 29 Mag 2020, 22:26:23
Non so quanto mercato abbiano negli Stati Uniti le pubblicazioni disney originali e non e quanta sensibilità ci sia tra i loro lettori verso determinati temi, generi o esperimenti.

La sensazione è che il fumetto disney negli Stati Uniti sia una nicchia... sacrificabile. E dire che è nato tutto lì...

Ma infatti eravamo partiti proprio dal mio stupore per le voci di corridoio che facevano intendere che questa attuale gestione fosse frutto di un pensiero editoriale rivolto al mercato estero.
Io sto proprio sottolineando che non mi sembra verosimile "distruggere" un prodotto per allinearlo a gusti esterni che non muoiono neanche dalla voglia di leggerle ste storie....
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: gamera vs gaos - Venerdì 29 Mag 2020, 22:34:29
Una grandissima delusione questi due numeri di Pk.
Per i testi: Questa sorta di 'americanizzazione forzata', è vecchia, è letta, e scimmiotta un cinema supereroistico assai vuoto, asincrono e scadente, e pure troppo preponderante (in quest'epoca). Mi chiedo, perchè una scelta così timida e scontata? Boh. Personaggi prevedibili e Idee antiquate a parte, io trovo il testo, ed è cosa ben peggiore, una secca 'coltellata' ai tanti meccanismi originali e talvolta 'pazzi', che hanno resa famosa questa serie.
Per i disegni: Il primo albo ha dei colori -inguardabili- che lo massacrano (mi viene da pensare ad un knock-out tecnico, seppure vari spunti graffianti s'intravedono, ma sono assolutamente inutili).
Il secondo albo ha dei colori un po' meno peggio, tuttavia lo trovo con uno stile molto démodé, più da Paperinik anni 80 o Paperinik appgrade reparto ristampe. Poco Pkappico, per intenderci.
Pure la stampa interna è di bassa qualità, impastata, e sporca... basta vedere la differenza con i toni delle copertine.
Personalmente non trovo un reparto degno di nota. Perchè partire da pk e dare alla luce dei fumettacci così privi di forza e lucidità, dove sta il senso?????
Poco da fare, le produzioni e gli albi (cartonati) di Pk nell'era De Poli, sicuramente, avevano una cura e un'attenzione superiore.
La Panini mi ha deluso col primo albo. Idem col secondo. Il terzo non ci sarà. Questo prodotto non fa più per me.
Ho dato una stella, meno non si può.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Flash X - Sabato 30 Mag 2020, 00:07:44
Il secondo albo ha dei colori un po' meno peggio, tuttavia lo trovo con uno stile molto démodé, più da Paperinik anni 80 o Paperinik appgrade reparto ristampe.
Ti sbagli: quel Paperinik è pure meglio di questa versione malriuscita di PK...
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: MrBunz - Sabato 30 Mag 2020, 00:43:05
Non so quanto mercato abbiano negli Stati Uniti le pubblicazioni disney originali e non e quanta sensibilità ci sia tra i loro lettori verso determinati temi, generi o esperimenti.

La sensazione è che il fumetto disney negli Stati Uniti sia una nicchia... sacrificabile. E dire che è nato tutto lì...

Ma infatti eravamo partiti proprio dal mio stupore per le voci di corridoio che facevano intendere che questa attuale gestione fosse frutto di un pensiero editoriale rivolto al mercato estero.
Io sto proprio sottolineando che non mi sembra verosimile "distruggere" un prodotto per allinearlo a gusti esterni che non muoiono neanche dalla voglia di leggerle ste storie....

ah, ok!
se lo analizziamo pure sotto questo punto di vista, l'identità di questo PK "5" a quale mercato è rivolta?
Io non so rispondere.

Forse tradurlo per 15 Paesi significa affidarsi alla legge della probabilità, più lettori coinvolgi, maggiori possibilità ci sono che qualcuno lo apprezzi, anche se per me non è da disprezzare del tutto.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Franz Manuzzi - Sabato 30 Mag 2020, 19:05:13
Io non riesco a capire perchè ogni volta che si intende portare Pk all'estero si finisce per rovinarlo, prima frittole e ora questo. Cos'ha l'approccio originale che non va?
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: MiTo - Sabato 30 Mag 2020, 21:58:19
Più che altro non capisco perché cercare nuovi lettori giovani e all'estero con un prodotto apprezzato soprattutto dai lettori "vecchi", peraltro proponendolo in una forma che i più piccoli non possono nemmeno acquistare.
Mi sembra un po' l'errore fatto con Reginella, che hanno reinventato per conquistare nuovi lettori (ai quali che fosse Reginella o meno importava zero) scontentando chi l'aveva apprezzata ai tempi.
Lo stesso discorso è per PK. Se volevi conquistare nuovi lettori lo lasciavi su Topolino, se fai una testata apposita e nemmeno economica allora fai una cosa di nicchia per i nerd. Fare un prodotto generalista su una testata di nicchia è un controsenso.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Mightypirate - Domenica 31 Mag 2020, 18:20:08
Torno dopo anni a scrivere sul forum, la discussione è interessante e ci tengo a Pk, quindi sono passato per dire anche la mia.

Dico anche chiaramente che mi era piaciuto "Un nuovo eroe". Non lo trovavo perfetto, ma il concetto di base di un "Planet Pk" mi aveva preso. La premessa di Pk in un mondo lontano, impegnato a darsi da fare per tornare sulla Terra era un po' stereotipata, ma mi intrigava. Il nuovo cast non era molto approfondito, ma c'era qualche premessa potenzialmente interessante e adoro i character design di Lavoradori.

Forse però non avevo capito già da lì che Uno e Lyla si erano teletrasportati sul nuovo pianeta, anche perché i Pk-Corps non si stupivano di due nuovi personaggi sbucati dal nulla, sembrava più una comunicazione. O forse si sono teletrasportati successivamente fra una storia e l'altra, rimane nella storia non è assolutamente spiegato. Quindi il problema non è solo come Uno sia arrivato lì, ma come entrambi i personaggi siano arrivati lì. Penso che anche in una storia su Topolino vorremmo una mezza spiegazione per capirlo. Anche perché in questa saga, in un altro tempo e in un altro spazio, sembrava assai difficoltoso per Pk tornare a casa. Può farlo quando vuole con un teletrasporto non spiegato? Come funziona il viaggio fra un universo e l'altro? Vedo già qualche premessa tradita con spostamenti così facili e comprimari che arrivano lì senza spiegare come abbiano fatto.

Ma in generale della trama si capisce molto poco su cosa stia succedendo. Accettiamo che Uno è lì? Ok, ma allora usiamo bene la sua classica dinamica con Pk. Se l'Intelligenza Artificiale pronuncia una frase come "Ma un Galaxy Gate può anche aprire bolle quantiche come quelle in cui si trova Shikaar ora! Un nascondiglio perfetto per Tuiroon: un intero pianeta in cui creare il Danger Dome e i Decimator fuori dal tempo e dallo spazio" io non ci capisco nulla e mi pongo qualche domanda. Nelle storie buone Pk faceva qualche domandina ad Uno quando faceva affermazioni simili per rendere tutto il più comprensibile possibile al lettore, ma qui non c'è nulla di ciò. Uno prosegue la spiegazione e Pk sembra aver capito tutto, io no. Quindi pure nella caratterizzazione del papero c'è qualcosa che non va se inizio a perdere la mia identificazione con lui.

In alcune vignette è difficile comprendere cosa accada. Le sequenze d'azione hanno bisogno di spazio per respirare o tanto vale non inserirle. Ci sono battaglione in questa storia che durano una pagina, alcune addirittura una sola vignetta. Questo fa un effetto stranissimo nella storia, ad esempio quando entrano in azione i Pk-Corps non fanno in tempo nemmeno a posarsi sul Danger Dome che Pk l'ha già abbandonato. Se notate lo seguono mentre sono in aria, sembra che stiano volando. Non ero neanche riuscito a capire che erano entrati nel mezzo quando hanno fatto il salto del canyon.

Oltre a quello la storia è piena di bruschi cambi di tono in cui si cerca, davvero forzatamente, di portare tutto verso un registro aulico. Tutti i personaggi ad esempio si chiedono "Cosa ci rende quello che siamo?" senza alcun vero motivo durante la trama. Si tratta di passaggi che non avvengono con naturalezza e cercano di alzare il registro narrativo all'improvviso per rendere la storia più adulta, ma sembrano cadere dal nulla, sono forzati e poco dopo si ritorna a un linguaggio più povero (ma almeno naturale), all'azione e alle battute sulla sbobba (spero siano finite quelle).

Non ho nemmeno capito benissimo il finale. Pk crea un esplosione enorme con il Galaxy Gate, con un potere che non avevo capito nemmeno che avesse, spacca tutto... ma sopravvivono tutti? I personaggi si stupiscono che sia sopravvissuto l'evroniano, ma io mi stupisco che siano sopravvissuti loro, che sia sopravvissuto Pk stesso.

Sono solo alcuni esempi, la storia in generale è poco chiara e non è questione di essere Pker o non Pker, pure su Topolino o come storia di Paperinik non l'avrei capita molto. Ci vogliono passaggi più chiari, forse qualche personaggio messo da parte, meno azione e più coerenza nel registro narrativo. Non c'è bisogno di rendere tutto per forza aulico ed epico, non c'è bisogno che Pk cerchi di esserlo. Erano i cattivi ad essere seriosi, il papero in genere era quello che sminuiva gli sproloqui con le sue battute.

Mi auguro che le critiche che leggo qui (con cui concordo) possano aiutare la serie ad andare nella direzione giusta. Gran parte di noi lettori si augura lunga vita per Pk, ma fra le scelte di marketing e quelle narrative è ovvio che nasce della preoccupazione. Io mi auguro che il buon Roberto abbia capito che c'è un problema su come sta andando questo ciclo di storie. Qualsiasi lettore che ho sentito, anche chi non scrive in forum o in gruppi facebook, è estremamente deluso finora. Spero che si vada avanti cercando di inquadrare cosa non ha funzionato per il futuro e con magari un piccolo cambio di rotta. Altrimenti la vedo molto dura per il futuro di Pk.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Mortimer.M - Lunedì 1 Giu 2020, 09:36:16
Per la miseria che strage!
Io ho deciso di non seguire questa serie per una questione di principio (sono contrario a questi formati pseudo-deluxe), ma leggendo le varie recensioni credo che non seguirei la serie neppure se me la riproponessero in spillati da 3,50 €.
Da quello che ho capito il problema principale sembra essere il formato in cui è proposto: nuove situazioni, nuove regole da spiegare, un trama da sviluppare per dare un senso all'albo, condensati in 48 tavole senza potersi appoggiare a pagine di approfondimento extra. E se in un mensile potevi delegare qualcosa al numero successivo, qui no.

Auguro a Ganor di riuscire a portare avanti il progetto in maniera omogenea, e l'avrei anche sostenuto se fosse stato in un formato più equilibrato
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Lunedì 1 Giu 2020, 16:06:21
Ehm...au contraire, il problema principale è proprio il contenuto, più che il formato (che anzi, con altri autori potrebbe essere valorizzato. Le 48 pagine in sé non sono un limite, se si riesce a raccontare una storia.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: prezio - Martedì 2 Giu 2020, 09:12:01
Esattamente.

E, più nello specifico, il problema maggiormente riscontrato riguarda soggetto e sceneggiatura più che i disegni.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Franz Manuzzi - Martedì 2 Giu 2020, 14:23:46
Io continuo a pensare che da un certo punto in poi non sia più solo colpa di gagnor ma anche di chi dall'alto lo ha messo in un incarico non adatto al suo tipo di approccio piuttosto che in uno adatto
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: paolo87 - Mercoledì 3 Giu 2020, 12:05:02
Domanda di servizio: googleando ho trovato sulla pagina Wikipedia della PKNE l'informazione per cui a luglio uscirebbe Topolino Fuoriserie 3 con il nuovo episodio della run di Gagnor. Qualcuno ne sa qualcosa?
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Garalla - Mercoledì 3 Giu 2020, 12:07:09
Domanda di servizio: googleando ho trovato sulla pagina Wikipedia della PKNE l'informazione per cui a luglio uscirebbe Topolino Fuoriserie 3 con il nuovo episodio della run di Gagnor. Qualcuno ne sa qualcosa?

Considerando che l'Anteprima con le novità di Luglio è già uscita (e non era presente) e che Gagnor ha detto che uscirà in autunno... direi che è un'informazione sbagliata.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: paolo87 - Mercoledì 3 Giu 2020, 12:22:22
Grazie della risposta. Ma quindi... altri 6 mesi per il seguito? Ufffff.....
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Garalla - Mercoledì 3 Giu 2020, 12:40:33
Grazie della risposta. Ma quindi... altri 6 mesi per il seguito? Ufffff.....

Autunno può voler dire anche Settembre. Probabile vogliano sfruttare il traino di Lucca nel caso si svolga.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Grrodon - Mercoledì 3 Giu 2020, 14:15:02
https://www.fumettologica.it/2020/06/pk-danger-dome-recensione/

Segnalo questa rece di Brambilla di Fumettologica, che centra diversi problemi.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: hendrik - Mercoledì 3 Giu 2020, 14:28:05
https://www.fumettologica.it/2020/06/pk-danger-dome-recensione/

Segnalo questa rece di Brambilla di Fumettologica, che centra diversi problemi.
Strano, una stroncatura. :D
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: prezio - Mercoledì 3 Giu 2020, 15:21:25
Io continuo a pensare che da un certo punto in poi non sia più solo colpa di gagnor ma anche di chi dall'alto lo ha messo in un incarico non adatto al suo tipo di approccio piuttosto che in uno adatto

Si, assolutamente, infatti nelle pagine scorse quando ne parlavi mi ci sono ritrovato.

L'autore la ha interpretata come una critica forte verso di lui, ma in realtà la tua era una precisa disamina.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Castyano - Mercoledì 3 Giu 2020, 20:11:59
Mi chiedo perché all'estero dovrebbe piacere questo Pk "frittolato", fracassone, con personaggi di carta velina di cui dimentichi l'esistenza poco dopo.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Mortimer.M - Venerdì 5 Giu 2020, 14:49:16
Si dice che il consumatore ha il potere di esprimere il dissenso nei confronti di un prodotto, semplicemente non acquistandolo.
Ed è un potere enorme.

Pensate di acquistare il prossimo numero, o attenderete prima qualche recensione?

Se PK dovesse continuare con questo registro insoddisfacente, per quanti altri numeri pensate di seguirlo?
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: raz3r - Venerdì 5 Giu 2020, 15:00:47
https://www.fumettologica.it/2020/06/pk-danger-dome-recensione/

Segnalo questa rece di Brambilla di Fumettologica, che centra diversi problemi.
Ottima recensione (ennesima che stronca il fumetto per la cronaca), direi che ha centrato il segno, soprattutto sul discorso lore.

PK è uno dei pochissimi casi nei fumetti Disney in cui è stato fatto a monte un lavoro di worldbuilding e in cui esiste una “bibbia della serie”, che evidentemente in questo caso è stata ignorata.

Che a mio modo di vedere è il motivo principale da cui derivano tutte le varie critiche.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: brigo - Venerdì 5 Giu 2020, 15:21:03
Pensate di acquistare il prossimo numero, o attenderete prima qualche recensione?

20 euro per ritrovarmi fin qui con il nulla.
Prima di arrivare a 30 aspetterò ben più di una recensione positiva.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Storari92 - Venerdì 5 Giu 2020, 15:40:11
Anche io ci penserò bene prima di acquistarlo,per ora sono orientato decisamente sul non continuare, almeno per quanto visto finora.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Venerdì 5 Giu 2020, 16:14:02
Mi chiedo perché all'estero dovrebbe piacere questo Pk "frittolato", fracassone, con personaggi di carta velina di cui dimentichi l'esistenza poco dopo.

Del resto anche il Frittole originale nacque (e in quella maniera) perché erano convinti che gli americani ne sarebbero andati pazzi. E anche in quel caso le (prime) storie erano divise in due metà di circa 22 pagine, per rendere il prodotto più facilmente esportabile negli USA. Non si sa perché, ogni volta che cercano di produrre qualcosa specificamente per il mercato estero in America, la Disney Italia realizza roba approssimativa e superficiale, quando non addirittura imbarazzante.

Anche se, c'è da dirlo, la differenza tra lo Sbobba-verso attuale e il Pikappa-Reboot dell'epoca comunque è evidente: in Frittole, almeno, cercavano di raccontarti una storia, in 48 pagine. Una storia comprensibile. E in certi casi anche passabile o caruccia, malgrado i problemi di impostazione a monte. Qui, manco quello.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Flash X - Venerdì 5 Giu 2020, 19:08:39
Pensate di acquistare il prossimo numero, o attenderete prima qualche recensione?
Anche se non mi piace e non è il PK che tutti conoscono e adorano, io continuerò a comprarlo, semplicemente perché è targato PK. In parole povere, sono affezionato alla saga e anche se mi mettono sgorbi dentro, comprerò tutto ciò che esce con il marchio PK.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Hero of Sky - Venerdì 5 Giu 2020, 21:21:16
Scusami, ma non mi sembra un ragionamento sensato. Se la piega che ha preso una serie non mi piace, semplicemente smetto di supportarla, non continuo in nome dei vecchi tempi. Anche perché così chi sviluppa la serie forse capirà che c'è qualcosa che non va
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: gamera vs gaos - Sabato 6 Giu 2020, 08:57:03
Il secondo albo ha dei colori un po' meno peggio, tuttavia lo trovo con uno stile molto démodé, più da Paperinik anni 80 o Paperinik appgrade reparto ristampe.
Ti sbagli: quel Paperinik è pure meglio di questa versione malriuscita di PK...

In Paperinik appgrade reparto ristampe ci sono storie belle e interessanti (come anche nelle produzioni anni 80). Mi riferivo a quelle produzioni datate, che non corrispondono con le esigenze o le caratteristiche del proprio tempo. Materiali e stili 'risibil gobba' (cit). Produzioni più adatte all'oblio, che alla ristampa. Per me.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Flash X - Sabato 6 Giu 2020, 13:21:58
Scusami, ma non mi sembra un ragionamento sensato. Se la piega che ha preso una serie non mi piace, semplicemente smetto di supportarla, non continuo in nome dei vecchi tempi. Anche perché così chi sviluppa la serie forse capirà che c'è qualcosa che non va
Invece è un ragionamento sensatissimo! Un sacco di gente tifa squadre forti come la Juve e la Roma, la maggior parte delle volte semplicemente perché vanno molto bene e sono in serie A. Io, invece, che tifo una squadra di serie C, la continuerò a tifare anche se va male. Una squadra, se la si ha nel cuore, la si tifa non solo nei momenti gloriosi, ma anche nei momenti di decadenza: la si tifa sempre! Lo stesso vale per PK: io sono affezionato alla saga e non posso piantarla in asso solo perché in questo periodo stanno venendo fuori storie confuse e non coinvolgenti. Io leggo la saga di PK nel BENE e nel MALE, spronando così chi scrive a puntare sempre verso il BENE, esattamente come tifo la mia squadra...
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Flash X - Sabato 6 Giu 2020, 13:27:06
Il secondo albo ha dei colori un po' meno peggio, tuttavia lo trovo con uno stile molto démodé, più da Paperinik anni 80 o Paperinik appgrade reparto ristampe.
Ti sbagli: quel Paperinik è pure meglio di questa versione malriuscita di PK...

In Paperinik appgrade reparto ristampe ci sono storie belle e interessanti (come anche nelle produzioni anni 80). Mi riferivo a quelle produzioni datate, che non corrispondono con le esigenze o le caratteristiche del proprio tempo. Materiali e stili 'risibil gobba' (cit). Produzioni più adatte all'oblio, che alla ristampa. Per me.
Sì, sì, ho capito. Io volevo solo far notare che anche le poche storie brutte di Paperinik di quegli anni (che per me in realtà non si possono considerare brutte, visto che adoro il personaggio), sono di qualità migliore di questo nuovo PK.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Hero of Sky - Sabato 6 Giu 2020, 13:32:23
Scusami, ma non mi sembra un ragionamento sensato. Se la piega che ha preso una serie non mi piace, semplicemente smetto di supportarla, non continuo in nome dei vecchi tempi. Anche perché così chi sviluppa la serie forse capirà che c'è qualcosa che non va
Invece è un ragionamento sensatissimo! Un sacco di gente tifa squadre forti come la Juve e la Roma, la maggior parte delle volte semplicemente perché vanno molto bene e sono in serie A. Io, invece, che tifo una squadra di serie C, la continuerò a tifare anche se va male. Una squadra, se la si ha nel cuore, la si tifa non solo nei momenti gloriosi, ma anche nei momenti di decadenza: la si tifa sempre! Lo stesso vale per PK: io sono affezionato alla saga e non posso piantarla in asso solo perché in questo periodo stanno venendo fuori storie confuse e non coinvolgenti. Io leggo la saga di PK nel BENE e nel MALE, spronando così scrive a puntare sempre verso il BENE, esattamente come tifo la mia squadra...
Non stiamo parlando di squadre di calcio, ma di narrativa. Il paragone più calzante che mi viene in mente è quello con i Pokèmon. Una volta ero un grande fan, ma la piega che ha preso la serie ormai da diversi anni non mi piace per niente e ho smesso di acquistare i giochi. Solo così il cliente può manifestare il dissenso. Se si continua a supportare una serie che non ci convince più come una volta, l'unico risultato sarà quello che le cose non cambino affatto
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Castyano - Sabato 6 Giu 2020, 15:29:10
Scusami, ma non mi sembra un ragionamento sensato. Se la piega che ha preso una serie non mi piace, semplicemente smetto di supportarla, non continuo in nome dei vecchi tempi. Anche perché così chi sviluppa la serie forse capirà che c'è qualcosa che non va
Invece è un ragionamento sensatissimo! Un sacco di gente tifa squadre forti come la Juve e la Roma, la maggior parte delle volte semplicemente perché vanno molto bene e sono in serie A. Io, invece, che tifo una squadra di serie C, la continuerò a tifare anche se va male. Una squadra, se la si ha nel cuore, la si tifa non solo nei momenti gloriosi, ma anche nei momenti di decadenza: la si tifa sempre! Lo stesso vale per PK: io sono affezionato alla saga e non posso piantarla in asso solo perché in questo periodo stanno venendo fuori storie confuse e non coinvolgenti. Io leggo la saga di PK nel BENE e nel MALE, spronando così chi scrive a puntare sempre verso il BENE, esattamente come tifo la mia squadra...
Per me è esattamente l'opposto. Gli autori sono spronati a far meglio se NON compro la serie, anche perché sono sempre 10 euro che se ne vanno. Posso amare una serie ma non la tifo, se capisci cosa intendo.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Flash X - Sabato 6 Giu 2020, 17:43:43
A quanto pare non sono stato chiaro: se uno ha nel cuore un qualcosa, che sia una squadra, una saga, un cibo, una serie TV, lo segue nel BENE e nel MALE!
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Atius - Sabato 6 Giu 2020, 18:40:06
Restando nel paragone calcistico, mi permetto di dire che, quando una squadra non gioca bene, molto spesso però la curva la fischia o non presenzia allo stadio per protesta e per spronare i giocatori a tirare fuori gli attributi. Ovvio poi che gli ultras, nel loro cuore, la ameranno sempre quella squadra, ma, per far vedere che c'è qualcosa che non va, adottano anche provvedimenti drastici. E credo che la stessa cosa valga per un fumetto o per una serie di qualsiasi genere.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Grrodon - Sabato 6 Giu 2020, 20:18:48
Ma soprattutto, bisogna anche valutare se si sta tifando davvero per la stessa squadra per cui si tifava un tempo. Se un prodotto cambia ragion d'essere, filosofia creativa, stile, autori etc può ancora dirsi quello stesso prodotto? Certo, ci sono quelle due lettere sopra. Ma allora bisogna riflettere su cosa davvero ci ha portati a tifare per quella squadra. Le lettere? Un po' poco.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Flash X - Sabato 6 Giu 2020, 21:18:44
Restando nel paragone calcistico, mi permetto di dire che, quando una squadra non gioca bene, molto spesso però la curva la fischia o non presenzia allo stadio per protesta e per spronare i giocatori a tirare fuori gli attributi. Ovvio poi che gli ultras, nel loro cuore, la ameranno sempre quella squadra, ma, per far vedere che c'è qualcosa che non va, adottano anche provvedimenti drastici. E credo che la stessa cosa valga per un fumetto o per una serie di qualsiasi genere.
Io non capisco quali siano questi provvedimenti drastici: non credo proprio che siano tante le persone che smettono di tifare la propria squadra solo perché va male. Mettiamo che io da bambino mi affeziono ad una squadra che è in serie A (non perché è in quella serie, ma perché magari, essendo il team della mia città, mi prende il cuore). Io cresco con questa squadra, perché guardo ogni partita con affetto. A un certo punto, però, la squadra ha un periodo di decadenza e scende di serie, B, poi C, D. Io la continuo a seguire, essendoci affezionato, e di certo non vado a iniziare a tifare squadre che, perché messe bene economicamente, si trovano sempre in serie A. Eh, sì: la continuo a tifare, a seguire fino a quando prima o poi qualcosa cambierà e la farà tornare verso l'alto. Lo stesso vale per PK: abbiamo avuto la PKNA, la PK2 e la PKNE sul topo, che sono dei capolavori di quando PK era in serie A. In questo periodo, per colpa magari di chi ha messo Gagnor a scrivere PK, la saga è scesa di serie. Ed è qui che dobbiamo entrare in gioco noi: dobbiamo continuare a tifare PK, per conoscere le vicende, se pur confuse e noiose, che si svolgono dopo gli eventi di Droidi, esattamente come faremmo con la nostra squadra: la continueremmo a tifare, a supportare affinché questa non fallisca completamente, aspettando la risalita. Anche perché, nonostante si stia creando una sorta di nuovo PK-team che deve seguire la trama iniziata da Gagnor, prima o poi finirà questo ciclo. Dopodiché magari torneranno autori come Sisti e Artibani e tutto tornerà alla normalità. Ma per far sì che questo accada dobbiamo supportare la saga, come supporteremmo la squadra, perché altrimenti entrambe potrebbero fallire e, nel caso di PK, si chiuderebbe una saga a fumetti ormai di 25 anni che ha fatto la storia e lo farebbe esattamente finito il ciclo di Gagnor. Questo perché? Perché tutti gli hanno voltato le spalle! Io invece, da lettore affezionato anche se nuovo, continuerò a leggere, supportare e TIFARE la mia squadra. Qual è questa squadra? Be', PK!
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Hero of Sky - Sabato 6 Giu 2020, 21:27:29
Per l'amor del cielo, Flash X, togliti il prosciutto dagli occhi e smetti di fare il fanboy. Ti ripeto che il paragone sportivo è quantomai fuorviante. Se si ama una serie veramente, la si critica, anche aspramente, proprio perché si ha a cuore la sua qualità e siamo affezionati a essa. Io l'ho fatto, molte volte. Il calcio è più simile alla politica, da questo punto di vista, e sono entrambi settori dove il tifo cieco e acritico e fanatico è stupido
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Atius - Sabato 6 Giu 2020, 22:44:09
Credo che non sia stato sufficientemente chiaro ciò che ho scritto. Se la mia squadra va male, non mi posso mettere il prosciutto sugli occhi e continuare a tifare come se nulla fosse. Nel mio cuore la amerò sempre, ma magari il biglietto dello stadio non lo pago più, ad esempio. E così per un fumetto. Non essendo io un fan di Pk, faccio un esempio col Topolino settimanale: se, un giorno, si raggiungessero picchi di banalità, scontatezza e infantilitá, io il Topolino non lo comprerei più. Ciononostante avrebbe comunque un posto di riguardo nel mio cuore, ma tre euro alla settimana  per leggere un prodotto che, oltre a non soddisfarmi, fatico addirittura a leggere, perdonami, ma faccio volentieri a meno di spenderli.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: prezio - Sabato 6 Giu 2020, 23:58:46
faccio un esempio col Topolino settimanale: se, un giorno, si raggiungessero picchi di banalità, scontatezza e infantilitá, io il Topolino non lo comprerei più.

Piccolo OT: quindi hai smesso da anni, giusto?


Riguardo PK io comprendo entrambi i discorsi. Manifestare il dissenso non comprendo la serie potrebbe spingere a cambiare rotta, ma anche a chiudere per sempre con Pk.

 Ritengo inoltre che, per la Disney e la Panini, il terremoto maggiore si sia avuto dalle recensioni, dalle critiche, dai commenti di chiunque che questa saga di Gagnor ha evocato: bocciature in ogni dove.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Mortimer.M - Domenica 7 Giu 2020, 08:30:52

Riguardo PK io comprendo entrambi i discorsi. Manifestare il dissenso non comprendo la serie potrebbe spingere a cambiare rotta, ma anche a chiudere per sempre con Pk.

 Ritengo inoltre che, per la Disney e la Panini, il terremoto maggiore si sia avuto dalle recensioni, dalle critiche, dai commenti di chiunque che questa saga di Gagnor ha evocato: bocciature in ogni dove.
Restando nel tuo paragone calcistico:
Alla Panini non interessa dei fischi dagli spalti finché gli spalti sono pieni. Soprattutto se riesce a vendere un buon numero di biglietti per partite di serie C, facendoli pagare come se tu assistessi a una partita di serie A.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Andy392 - Domenica 7 Giu 2020, 10:01:41
Se le vendite dei primi due numeri sono stati buoni, la testata non chiuderà così facilmente in caso di scarso successo nel terzo volume. Probabilmente segheranno Gagnor al più presto e ci metteranno qualcun altro al suo posto sperando di riconquistare il pubblico disposto a spendere 10€ per il papero mascherato.

Sinceramente non voglio che Gagnor venga eliminato dal progetto in modo prematuro, ma deve capire che deve cambiare subito la rotta! Deve ridurre le vignette di azione e aumentare il pathos, dare tempo al lettore di immergersi nelle situazioni che stanno vivendo i personaggi della storia. La struttura di questa storia non va bene e va cambiata. Questo è il problema principale.

Chiaro, poi ci sono errori sui personaggi di Lyla e Uno, errori secondari. Non sono dettagli come ha detto l'autore, ma nemmeno è un problema così grave da compromettere totalmente la qualità della storia. E la situazione di Uno che fluttua nel nulla non è nemmeno nuovo: in Vigilia Bianca di frittole fa la stessa cosa, la bolla verde viene considerata anche lì come un oggetto fisico e non un ologramma di un AI avanzata che risiede nella Ducklair Tower. Lì si surriscaldava per mollare la presa all'aversario, qui lancia fumini contro i nemici  ???
Ma su questo la ormai la frittata è fatta e si potrà rimediare nelle serie di storie successive.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Atius - Domenica 7 Giu 2020, 10:52:04
faccio un esempio col Topolino settimanale: se, un giorno, si raggiungessero picchi di banalità, scontatezza e infantilitá, io il Topolino non lo comprerei più.

Piccolo OT: quindi hai smesso da anni, giusto

No, nonostante abbia le sue pecche, lo trovo ancora piacevole ;)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Flash X - Domenica 7 Giu 2020, 11:54:45
Ma su questo la ormai la frittata è fatta e si potrà rimediare nelle serie di storie successive.
Sì, ma le storie successive ci saranno solo se si continuerà a supportare PK anche in questo momento di crisi, perché altrimenti ripeto: potrebbe chiudere una saga disney che ha fatto la storia! Concordo con chi l'ha detto: per dimostrare all'autore che qualcosa non va bastano le critiche, le cattive recensioni che hanno riempito e riempiranno questi topic del forum. Di certo non bisogna smettere di tifare la squadra di PK: io penso che chi abbandona PK solo perché le nuove storie non gli piacciono, è perché non ha nel cuore la saga. Ed è per questo che io non sono uno di questi: perché la adoro e non permetterò che chiuda per sempre (almeno spero!).
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Vito65 - Domenica 7 Giu 2020, 11:59:18
Sinceramente non voglio che Gagnor venga eliminato dal progetto in modo prematuro, ma deve capire che deve cambiare subito la rotta! Deve ridurre le vignette di azione e aumentare il pathos, dare tempo al lettore di immergersi nelle situazioni che stanno vivendo i personaggi della storia. La struttura di questa storia non va bene e va cambiata. Questo è il problema principale.
A questo riguardo, devo dire che io ho trovato più interessante, in quanto più ricca di spunti di riflessione, UNR rispetto a Danger Dome, nonostante i disegni "faticosi": la presentazione di una realtà di sfruttamento della forza lavoro, con i sorveglianti assimilabili al caporalato; la necessità di dare speranze agli sfruttati per far scattare la scintilla della ribellione; la riflessione sulla inconsistenza di una ribellione estemporanea e spontaneistica e quindi velleitaria; l'importanza delle giuste motivazioni per reagire alle difficoltà, da rinvenire negli affetti familiari; l'importanza di essere considerati persona già per l'essere chiamati per nome... A confronto, in Danger Dome abbiamo soltanto degli spunti sull'ambiguità dei rapporti umani e sul sottile filo che può far passare dalla lealtà al tradimento.
Il problema è che tutti quelli cui ho qui accennato sono spunti che ci vengono solo mostrati: in PKNA e Pk2 spunti del genere venivano affrontati.
Chiaro, poi ci sono errori sui personaggi di Lyla e Uno, errori secondari. E la situazione di Uno che fluttua nel nulla non è nemmeno nuovo: in Vigilia Bianca di frittole fa la stessa cosa
Non sono dettagli e non sono neanche errori secondari.
Come dici tu stesso, Uno fluttua in Frittole: appunto, in Frittole...
Ed anche una Lyla gelosa di Hellenoire, nel modo in cui ci viene mostrato in Danger Dome, sembra una preadolescente "frittolata", che non ha nulla a che vedere con la Lyla matura, determinata, riflessiva e consapevole che è sempre stata in PKNA, Pk2 e PKNE.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Atius - Domenica 7 Giu 2020, 12:07:54
Sì, ma converrai con me che non si può continuare ad acquistare un prodotto che non ti aggrada. Mettiamo che a me piaccia tantissimo una pizzeria che si chiama, ipoteticamente, "Bella Napoli". Gli ingredienti sono di ottima qualità e la pasta è deliziosa. La pizzeria cambia gestione: si chiama sempre "Bella Napoli" ma, stavolta, gli ingredienti sono scadenti e il pizzaiolo non è molto esperto. Tu cos'è che fai? Continui ad andare a mangiare in quella pizzeria perché ci sei affezionato? Io, per come sono fatto io, non lo farei. Vedendo un calo della clientela, il proprietario capirà che c'è qualcosa che non va: spenderà qualche euro in più per gli ingredienti o assumerà un pizzaiolo più esperto ad esempio. E magari, così facendo, si riuscirà a migliorare "quel qualcosa" che non ti piaceva.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Flash X - Domenica 7 Giu 2020, 18:33:14
spenderà qualche euro in più per gli ingredienti
E dove li trova i soldi per migliorare la qualità se non viene supportato da una persona che è cresciuta con quella pizzeria e ne è affezionata? Se la clientela pian piano diminuisce perché abbandona le spalle alla propria pizzeria preferita, quest'ultima finirà per fallire completamente, esattamente come potrebbe accadere con PK (speriamo mai)...
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Atius - Domenica 7 Giu 2020, 22:03:56
La fanbase di Pk, per quanto ne so, è affezionata. Se viene portato un prodotto all'altezza del marchio, i "clienti" li recuperi tutti dal primo all'ultimo. Sempre rimanendo alla nostra ipotetica pizzeria, se tutti i clienti decidono di rimanere, secondo te al proprietario fregherà qualcosa se questi ultimi si lamentano? No, perché le entrate sono le stesse, se non superiori. E il prodotto sarà sempre lo stesso: mediocre.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Andy392 - Domenica 7 Giu 2020, 22:11:56
Quel ragionamento di sostenere PK anche quando la qualità è ben al di sotto delle attese, ha portato ad avere la terza serie ben 32 numeri!
E dove li trova i soldi per migliorare la qualità se non viene supportato da una persona che è cresciuta con quella pizzeria e ne è affezionata? Se la clientela pian piano diminuisce perché abbandona le spalle alla propria pizzeria preferita, quest'ultima finirà per fallire completamente, esattamente come potrebbe accadere con PK (speriamo mai)...
Una pizzeria può contare solo su quello come fonte di guadagno, ma Panini Disney no. Non vendo solo PK. E questo permette di fare uno sforzo economico per poter rilanciare la testata, esempio mettendo la doppia coppia di pkne al progetto.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Flash X - Domenica 7 Giu 2020, 22:33:50
La fanbase di Pk, per quanto ne so, è affezionata. Se viene portato un prodotto all'altezza del marchio, i "clienti" li recuperi tutti dal primo all'ultimo.
Okay, ma mettiamo che uno smetta di leggere PK da UNE, solo perché non gli piace. Passano un po' di anni e il ciclo Gagnor chiude perché non è andato bene. Se non viene deciso che la saga di PK chiuda per sempre (cosa purtroppo molto probabile, a causa di chi non la supporta) e si apre un nuovo ciclo (magari di nuovo sul topo, con autori bravi stavolta), il lettore se la sentirebbe di partire a leggere questa nuova serie fatta benissimo senza però aver letto gli eventi che si sono svolti prima? E se ci fosse una continuity con i Fuoriserie? Verissimo che non sono belle storie queste nuove di Gagnor, ma sono a tutti gli effetti la narrazione degli eventi che cronologicamente si svolge dopo quelli di Droidi e prima di questo ipotetico nuovo ciclo! Non possiamo ignorarli per 2 motivi:
1) Se uno è un vero appassionato di PK (come me) legge tutto, le storie BELLE e quelle BRUTTE, supporta, segue e tifa la saga, la squadra nel BENE e nel MALE!
2) Io personalmente (anche se non fossi appassionato) se devo leggermi nuove storie di PK fatte bene, non lo vado a fare se non ho letto le precedenti che presentano eventi che si svolgono prima di queste; mi andrei a recuperare le storie di Gagnor, se pur monotone e noiose, perché comunque potrebbero avere qualche (anche minimo, ma comunque potrebbe esserci) collegamento con le storie successive (quelle belle dell'ipotetico nuovo ciclo).
secondo te al proprietario fregherà qualcosa se questi ultimi si lamentano?
Certo che sì! Perché il proprietario, vedendo delle critiche, cerca di migliorarsi perché poi se no veramente perde clienti! Questo è il perfetto esempio, tra l'altro, per dimostrare anche la questione di PK. Un lettore affezionato, per dimostrare che il nuovo prodotto non gli piace, di certo non andrà a smettere di acquistare la saga che lo ha fatto crescere, ma invece, continuando a supportarla economicamente, potrà esprimersi con delle critiche agli autori su questo forum, affinché anche questi possano migliorarsi. Altrimenti il lettore andrebbe a contribuire alla chiusura definitiva di PK: credo che nessuno voglia questo.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Atius - Domenica 7 Giu 2020, 22:54:26
Credo che sia utopico che il marchio "Pk" possa mai fallire, molto più probabile che fallisca il formato "Topolino fuoriserie". Pk è una risorsa troppo importante, e Panini non la metterá di certo nel cassetto. Nel caso in cui fallisse UNE, molto probabilmente Sisti e Artibani continueranno a portare avanti le proprie trame, secondo me non preoccupandosi troppo di porle in continuity con la storia di Gagnor. Quello che non comprendo proprio è il concetto del "tifare". Non parliamo di una squadra di calcio, ma di un prodotto (che, detto tra noi, non è proprio a buon mercato: 10 euro per 50 pagine mi sembra un prezzo tutt'altro che irrisorio) e credo che un acquirente medio abbia tutto il diritto di non sentirsi di supportare una serie che non lo aggrada, peraltro mettendo in considerazione anche una spesa che, nonostante tutto, si trattasse di un prodotto di eccellenza, sarebbe anche onesta).
Riguardo al secondo punto, smettere di comprare Pk sarebbe, per come la vedo io, un atto di amore nei confronti del personaggio. Vedendo un calo delle vendite, l'editore (o chi per lui) si chiederà cosa c'è che non va e tenterà di porre rimedio.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Flash X - Domenica 7 Giu 2020, 23:32:18
Nel caso in cui fallisse UNE, molto probabilmente Sisti e Artibani continueranno a portare avanti le proprie trame, secondo me non preoccupandosi troppo di porle in continuity con la storia di Gagnor.
No, perché PK è nato per essere una saga in continuity. Quindi anche che Sisti e Artibani non evolessero le trame iniziate da Gagnor, comunque potrebbero inserire citazioni per esempio in ipotetiche frasi dette da PK stesso, come ad esempio potrebbe dire a qualcuno: <<Ricordi quando i minatori hanno deciso di diventare i PK-Corps? In questa situazione potrebbe servirci il loro aiuto!>>. Ed ecco la didascalia "Ciò è accaduto in PK - UNE". A quel punto il lettore che non ha letto le storie (se pur brutte, ripeto) di Gagnor, rimarrebbe spiazzato! Perché comunque che ci piaccia o no le trame di Gagnor fanno parte del filone PKNA, PK2 e PKNE e non di certo Frittole. Se uno vuole leggere la saga di PK completa, deve leggere pure ciò che non è in serie A, altrimenti perde dei pezzi.
Quello che non comprendo proprio è il concetto del "tifare". Non parliamo di una squadra di calcio, ma di un prodotto
Se uno è affezionato a PK, allora PK diventa la sua squadra di calcio, soprattutto se segue quella squadra dal 1996. Io per esempio no, sono un lettore nuovo, ma ho recuperato tutta la saga di PK, e ne sono rimasto talmente colpito che non smetterò mai di supportarla, anche nei momenti (come questo) in cui è al suo peggio. Prima o poi questo periodo passerà e torneranno le belle storie (torneranno? Solo se appunto ci sarà questo supporto...) che io mi godrò sapendo comunque che la collocazione temporale è dopo gli eventi narrati da Gagnor.
e credo che un acquirente medio abbia tutto il diritto di non sentirsi di supportare una serie che non lo aggrada
Infatti lo ha, però non è consigliabile per lui leggere ciò che viene dopo (magari di Sisti e Artibani) senza aver letto Gagnor, perché potrebbe ritrovarsi dei micro-elementi di continuity. E poi ripeto: se nessuno supporta PK, chiude...
Vedendo un calo delle vendite, l'editore (o chi per lui) si chiederà cosa c'è che non va e tenterà di porre rimedio.
Invece potrebbe tranquillamente decidere: <<Visto che non vendo abbastanza, sarà meglio chiudere la saga: puntiamo ad altro!>>. Per far sì che invece scelga di porre rimedio, invece gli basta guardare tutte le recensioni online, social, youtube, questo forum...
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Atius - Lunedì 8 Giu 2020, 09:39:22
E per quale motivo dovrebbero per forza porre le loro trame in continuity con quella di Gagnor? Non potrebbero semplicemente ripartire da ciò che avevano terminato di narrare loro sulle pagine del Topo? E se mai ci fossero delle citazioni o dei riferimenti sarebbe così imprescindibile recuperarsi UNE? Non credo proprio. Anche perché i due autori, parliamo di Artibani e Sisti, non due novellini, cercherebbero di rendere chiari i riferimenti anche a chi non ha letto la storia e non penso proprio che possano lasciare il lettore spiazzato. Ad esempio, quando ho letto Potere e Potenza non avevo mai letto né PKNA, né PK2, né Frittole, eppure, magari non capendo qualche citazione, magari non capendo qualche ammiccata agli appassionati, la trama l'ho capita, proprio perché Artibani, con qualche spiegone, è riuscito a far comprendere a tutti gli antefatti.
In secondo luogo, se tu vuoi supportare un prodotto che non ti soddisfa sei liberissimo di farlo, ci mancherebbe. Quello che cerco di dire è che, se il prodotto è di così scarsa qualità, dimostri amore per Pk smettendolo di acquistare. Se le vendite calano, l'editore si chiede: "Cosa c'è che non va?" e provvede. Se gli introiti sono gli stessi per tutti i numeri di UNE (ciò accadrebbe se tutti seguissero il suo ragionamento), l'editore cosa ne deduce? "Gagnor ha successo. Cosa facciamo? Facciamogli scrivere un'altra storia". E, magari, così procedendo, il Pk che amate non tornerà mai.
Poi, secondo, un lettore dovrebbe spendere, mettiamo che siano dieci episodi, cento euro per comprare una storia di scarsa qualità per cogliere i micro elementi di continuity che, tra l'altro, sarebbero esplicitati dagli stessi Artibani e Sisti (o, che so io, da una pagina di introduzione prima dell'inizio della storia)?
Andando avanti, Pk come Pk è utopico fallisca essendo una risorsa troppo importante per Panini. Piuttosto, se nessuno supporta UNE, chiuderà Topolino Fuoriserie, non Pk.
Infine, tu dici che l'editore vedendo un calo delle vendite, deciderà di puntare su qualcos'altro. Ma, realisticamente parlando, un editore con un minimo di sale in zucca, vedendo che Pk prima vendeva, poi, con UNE, magicamente non vende più, non penserà di certo che il problema è Pk, ma questa storia di Pk. E provvederà a cambiare qualcosa (considerando anche le potenzialità economiche che potrebbe avere). E anche se l'editore dovesse mai decidere di puntare su altro e il formato Topolino Fuoriserie dovesse fallire, secondo te Bertani esiterebbe a riproporre Pk su Topolino, magari in contemporanea ad una storia di Casty, per accaparrarsi la maggior fetta di pubblico possibile? Non credo.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: MiTo - Lunedì 8 Giu 2020, 10:03:27
Quello della continuity con Gagnor è un falso problema perché UNE e DD hanno una collocazione temporale indefinita e loro stesse non danno riferimenti alle continuity precedenti. E comunque per una nuova storia che esce non è indispensabile dare riferimenti a tutte le saghe precedentemente uscite. Quanti cicli di PK esistono che nessuno ha più praticamente mai nominato? Per dire, in PKNE qualcuno ha mai fatto il nome, per citare due personaggi a caso, di Kronin e D'Aq?

Senza voler fare il menagramo, penso che quella di UNE sarà una saga più breve di quanto previsto e che probabilmente verrà "dimenticata" da tutti (redazione inclusa) in breve tempo. Ma non per damnatio memoriae di Gagnor, semplicemente perché si tratterà di un progetto editoriale fallito (per colpe che vanno oltre gli autori, a partire dalla mancata pubblicità della testata e dai costi elevati). A quel punto la cosa più logica da fare sarebbe tornare al vecchio format, con autori collaudati su Topolino.

A quel punto per i vecchi lettori sarebbe relativamente facile riavvicinarsi: un conto è investire 10 euro per trovare un volume il cui seguito uscirà dopo 6 mesi. Un conto è comprare un Topolino a 3 euro con la prima puntata di una mini -saga, che mal che vada si esaurirà nell'arco di un mese e se non ti piace hai comunque la possibilità di non comprare nemmeno il secondo numero (e in ogni caso hai il resto del Topolino). Spero che si torni a questo format, che ci permetteva, tra l'altro, di leggere "di più".

Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Garalla - Lunedì 8 Giu 2020, 10:12:35
Lato utente penso che sia sia corretto acquistare e far conoscere il proprio malcontento, sia non acquistare per far conoscere il proprio malcontento.
Sono due modi entrambi legittimi (se fatti con intelligenza) per far sapere che c'è qualcosa che non va.
Per quanto riguarda PK nello specifico... l'affetto che provo mi spinge a continuare, ma dopo queste due storie sono un po' in dubbio. Fosse stato una serie creata ex novo non avrei letto Danger Dome... Darò una chance a Ur-Evron. Non dovesse piacermi passerei ad acquistare unicamente i volumi non scritti da Gagnor, che pure ho difeso per le prove viste su Topolino prima di UNE... e che su Topolino trovo ancora un autore capace e che se volesse potrebbe dare tanto anche a PK...

Ma non per damnatio memoriae di Gagnor, semplicemente perché si tratterà di un progetto editoriale fallito (per colpe che vanno oltre gli autori, a partire dalla mancata pubblicità della testata e dai costi elevati
Eppure io la pubblicità l'ho vista. Anteprima prima e riviste Disney poi... dire che è mancata è quanto meno errato.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Flash X - Lunedì 8 Giu 2020, 10:17:55
E per quale motivo dovrebbero per forza porre le loro trame in continuity con quella di Gagnor? Non potrebbero semplicemente ripartire da ciò che avevano terminato di narrare loro sulle pagine del Topo? E se mai ci fossero delle citazioni o dei riferimenti sarebbe così imprescindibile recuperarsi UNE? Non credo proprio. Anche perché i due autori, parliamo di Artibani e Sisti, non due novellini, cercherebbero di rendere chiari i riferimenti anche a chi non ha letto la storia e non penso proprio che possano lasciare il lettore spiazzato. Ad esempio, quando ho letto Potere e Potenza non avevo mai letto né PKNA, né PK2, né Frittole, eppure, magari non capendo qualche citazione, magari non capendo qualche ammiccata agli appassionati, la trama l'ho capita, proprio perché Artibani, con qualche spiegone, è riuscito a far comprendere a tutti gli antefatti.
In secondo luogo, se tu vuoi supportare un prodotto che non ti soddisfa sei liberissimo di farlo, ci mancherebbe. Quello che cerco di dire è che, se il prodotto è di così scarsa qualità, dimostri amore per Pk smettendolo di acquistare. Se le vendite calano, l'editore si chiede: "Cosa c'è che non va?" e provvede. Se gli introiti sono gli stessi per tutti i numeri di UNE (ciò accadrebbe se tutti seguissero il suo ragionamento), l'editore cosa ne deduce? "Gagnor ha successo. Cosa facciamo? Facciamogli scrivere un'altra storia". E, magari, così procedendo, il Pk che amate non tornerà mai.
Poi, secondo, un lettore dovrebbe spendere, mettiamo che siano dieci episodi, cento euro per comprare una storia di scarsa qualità per cogliere i micro elementi di continuity che, tra l'altro, sarebbero esplicitati dagli stessi Artibani e Sisti (o, che so io, da una pagina di introduzione prima dell'inizio della storia)?
Andando avanti, Pk come Pk è utopico fallisca essendo una risorsa troppo importante per Panini. Piuttosto, se nessuno supporta UNE, chiuderà Topolino Fuoriserie, non Pk.
Infine, tu dici che l'editore vedendo un calo delle vendite, deciderà di puntare su qualcos'altro. Ma, realisticamente parlando, un editore con un minimo di sale in zucca, vedendo che Pk prima vendeva, poi, con UNE, magicamente non vende più, non penserà di certo che il problema è Pk, ma questa storia di Pk. E provvederà a cambiare qualcosa (considerando anche le potenzialità economiche che potrebbe avere). E anche se l'editore dovesse mai decidere di puntare su altro e il formato Topolino Fuoriserie dovesse fallire, secondo te Bertani esiterebbe a riproporre Pk su Topolino, magari in contemporanea ad una storia di Casty, per accaparrarsi la maggior fetta di pubblico possibile? Non credo.
Ma PK è una saga in CONYINUITY! Sempre è stato così... E poi se uno vuole avere tutto il filone (non contando la dimensione parallela di Frittole) della saga di PK, perché dovrebbe saltare dei pezzi? Ho capito con sono belli, ma non si può ignorare un tot di storie passando da un blocco a un altro se si vuole seguire tutta, TUTTA la saga come una serie TV! Ci sono le recensioni negative per far capire all'autore che qualcosa non va e penso che nelle live di Camera 9 tutti glielo hanno fatto capire a Gagnor!
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Atius - Lunedì 8 Giu 2020, 10:41:17
E io ti ripeto per l'ennesima volta che quello di Gagnor potrebbe essere un ciclo narrativo che Sisti e Artibani possono liberamente ignorare al fine di portare avanti le proprie trame da dove avevano finito. E poi, da come la vedo io, per leggere PKNE non credo sia indispensabile conoscere PKNA e PK2. E, allo stesso modo, il nuovo lettore non dovrà conoscere la saga di Gagnor.
In secondo luogo, l'autore non l'ho visto particolarmente ben disposto e mi sembra che il suo progetto ce l'abbia ben fissato in testa. Critiche o non critiche.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: MiTo - Lunedì 8 Giu 2020, 10:58:37

Ma non per damnatio memoriae di Gagnor, semplicemente perché si tratterà di un progetto editoriale fallito (per colpe che vanno oltre gli autori, a partire dalla mancata pubblicità della testata e dai costi elevati
Eppure io la pubblicità l'ho vista. Anteprima prima e riviste Disney poi... dire che è mancata è quanto meno errato.

Diciamo che ce n'è stata proprio poca. Una pagina su un Topolino, stop. Anteprima lo legge una nicchia, sui social sia di Topolino che di PK non c'era traccia dell'uscita
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Flash X - Lunedì 8 Giu 2020, 11:26:00
E io ti ripeto per l'ennesima volta che quello di Gagnor potrebbe essere un ciclo narrativo che Sisti e Artibani possono liberamente ignorare al fine di portare avanti le proprie trame da dove avevano finito.
Infatti, esatto! Ma non vuol dire che non possano inserire micro-elementi di continuity. Inoltre, pure che non li inserissero, per un senso di completezza interiore, un vero appassionato di PK non legge una storia finché non ha modo di leggere quella precedente. Non è come con Topolino che le storie perlopiù sono autoconclusive, e allora ci sta che il lettore possa essere saltuario. Ma è PK, e ripeto: che ci piaccia o no, è stato deciso che il ciclo di Gagnor si inserisce nella continuity di PKNA, PK2 e PKNE, e NON Frittole. Molto semplicemente la domanda è questa: di questo filone narrativo, lettore, te la sentiresti di saltare dei pezzi, solo perché non si sente la continuity? Ognuno a questa domanda può rispondere come vuole. Ovvio che chi risponde di no, come me, è un vero appassionato di PK, chi di no, come te, è un lettore saltuario di PK...
In secondo luogo, l'autore non l'ho visto particolarmente ben disposto e mi sembra che il suo progetto ce l'abbia ben fissato in testa. Critiche o non critiche.
E tu pensi che ritrovandosi una scarsa vendita, sarebbe meglio? Assolutamente no, come ho già detto mille volte si andrebbe a correre il rischio della chiusura della saga considerando che Panini può puntare ad altro! Invece in questo modo l'autore legge le critiche. Come dici tu, non vuole cambiare il suo progetto. Ma questo è quello che dice lui, altezzoso, ma magari in realtà qualche cambio c'è perché Gagnor dentro di sé capisce di non aver reso felici i lettori leggendo tutte queste critiche. Semplicemente magari non lo dice!
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Atius - Lunedì 8 Giu 2020, 11:47:26
Beh, che la Panini possa puntare ad altro è vero, ma Pk è una fonte di guadagno imprescindibile ed è improbabile che, fallito Topolino Fuoriserie, se ne privi totalmente.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: MiTo - Lunedì 8 Giu 2020, 12:07:15
PK dal punto di vista meramente commerciale è imprescindibile per la Panini. Ha una lunga tradizione, un cast quasi sterminato da cui pescare e uno zoccolo durissimo di appassionati di età adulta (e quindi con buona disponibilità economica).
Per cui abbandonarlo non avrebbe senso. Il vero noccio del problema sta nel trovare il "come" pubblicarlo, un contenitore efficace che sia un compromesso tra le aspettative dei lettori (anche in termini di numero di tavole e di storie) e i costi di produzione (che presumo siano maggiori rispetto a quelli di storie tradizionali).
In ogni caso penso (e spero) che PK non morirà insieme a Topolino Fuoriserie.

A parte questo sfrutto il post per fare un'altra osservazione riguardo UNE e DD, da imputare non a Gagnor ma alla redazione. E riguarda l'assenza di pagine extra-fumetto nei due volumi finora usciti. L'alchimia di PK perché funzionava così bene all'epoca? Perché oltre alle singole storie, c'era un universo di elementi collaterali che facevano da sfondo e da cornice: la posta demenziale che prendeva in giro i lettori, le rubriche sugli argomenti più disparati, gli approfondimenti sui personaggi, le spiegazioni sulle tecnologie, e via dicendo. UNE e DD risultano "piatte" anche perché manca tutto quel comparto, che in passato contribuiva ad aggiungere profondità a luoghi e personaggi laddove nella storia non c'era tempo e modo di farlo. Questo per dire che PK non è "solo" fumetto, come dimostravano (a mio parere molto efficacemente) i primi numeri di PK Giant, dotati a mio parere di rubriche e inserti che poco avevano da invidiare a PKNA.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Flash X - Lunedì 8 Giu 2020, 12:19:29
Beh, che la Panini possa puntare ad altro è vero, ma Pk è una fonte di guadagno imprescindibile ed è improbabile che, fallito Topolino Fuoriserie, se ne privi totalmente.
Sì, ma ricordo che Disney Italia (e non parlo di Panini nello specifico, perché c'è solo dal 2013) è sopravvissuta senza PK per più di di 10 anni nel periodo tra PK2 e PKNE, quindi se va male nel Fuoriserie potrebbero tranquillamente smettere e puntare ad altro, e non credo che a quel punto basti una decina d'anni per far tornare il personaggio, ma ho paura che possa chiudere definitivamente...
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Garalla - Lunedì 8 Giu 2020, 12:59:36
Perché oltre alle singole storie, c'era un universo di elementi collaterali che facevano da sfondo e da cornice: la posta demenziale che prendeva in giro i lettori, le rubriche sugli argomenti più disparati, gli approfondimenti sui personaggi, le spiegazioni sulle tecnologie, e via dicendo.

Tutto molto bello, ma temo porterebbe l'albo ben oltre i 10 €...
In ogni caso partiamo dalle basi... belle storie, il resto è un contorno.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: raz3r - Lunedì 8 Giu 2020, 14:46:50
Perché oltre alle singole storie, c'era un universo di elementi collaterali che facevano da sfondo e da cornice: la posta demenziale che prendeva in giro i lettori, le rubriche sugli argomenti più disparati, gli approfondimenti sui personaggi, le spiegazioni sulle tecnologie, e via dicendo.

Tutto molto bello, ma temo porterebbe l'albo ben oltre i 10 €...
In ogni caso partiamo dalle basi... belle storie, il resto è un contorno.
Ad essere onesto sarei ben felice di pagare di più se reintroducessero contenuti extra-fumetto, contenuti che tra l'altro potrebbero anche essere digitali sui social come già proposto pagine addietro, il problema è che sui social nemmeno si degnano di informare le persone che è uscito un nuovo albo. Ancora faccio fatica a crederci, nell'intervista su Youtube avevano dato qualche feedback in merito? No perché se ci girano la password dell'account magari facciamo noi.

PS, per la cronaca il fumetto costa già più di 10€ visto che mi tocca comprarlo online ???
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: prezio - Lunedì 8 Giu 2020, 14:47:25
La soluzione migliore, per noi lettori, sarebbe quella che tutta questa "saga" si rivelasse non accaduta o frutto soltanto di false memorie o, anche se è già successo, di una serie televisiva su Pk trasmessa nel futuro.

È troppo distante, a livello qualitativo e di coerenza, con il vero Pk per poterne fare parte.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Castyano - Lunedì 8 Giu 2020, 15:09:19
Una run può essere bellamente ignorata se non addirittura cancellata dagli autori successivi (qualcuno ha detto Bruce Jones?).
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Garalla - Lunedì 8 Giu 2020, 15:35:53
Perché oltre alle singole storie, c'era un universo di elementi collaterali che facevano da sfondo e da cornice: la posta demenziale che prendeva in giro i lettori, le rubriche sugli argomenti più disparati, gli approfondimenti sui personaggi, le spiegazioni sulle tecnologie, e via dicendo.

Tutto molto bello, ma temo porterebbe l'albo ben oltre i 10 €...
In ogni caso partiamo dalle basi... belle storie, il resto è un contorno.
Ad essere onesto sarei ben felice di pagare di più se reintroducessero contenuti extra-fumetto, contenuti che tra l'altro potrebbero anche essere digitali sui social come già proposto pagine addietro, il problema è che sui social nemmeno si degnano di informare le persone che è uscito un nuovo albo. Ancora faccio fatica a crederci, nell'intervista su Youtube avevano dato qualche feedback in merito? No perché se ci girano la password dell'account magari facciamo noi.

PS, per la cronaca il fumetto costa già più di 10€ visto che mi tocca comprarlo online ???

Il fumetto costa 9,90. Se ti tocca comprarlo online cambia edicola o fumetteria.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: MiTo - Lunedì 8 Giu 2020, 16:05:05
Peraltro 10 euro per meno di 50 tavole sono già un bel prezzo, quindi qualche pagina di contenuto extra avrebbero potuto mettercela senza aumentare ulteriormente la cifra...
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Manuel Crispo - Lunedì 8 Giu 2020, 17:19:29
Abbiamo capito che questo nuovo Pk ha scontentato un bel po’ di persone, ma poiché l’argomento DD è stato sviscerato da ogni punto di vista perché non provare a immaginare come potrebbe essere il Pk post-Un nuovo eroe?

A me piacerebbe vedere qualcosa di completamente nuovo, basta Evron e Corona. Non mi dispiacerebbe qualcosa di più cupo e urbano, magari in bianco e nero (alla Bonelli, per intenderci). Idee nuove, comprimari nuovi. E rivorrei Sisti alla guida di un nuovo pk team.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Garalla - Martedì 9 Giu 2020, 09:52:23
Peraltro 10 euro per meno di 50 tavole sono già un bel prezzo, quindi qualche pagina di contenuto extra avrebbero potuto mettercela senza aumentare ulteriormente la cifra...

Guarda piacerebbe pure a me, ma credo che come costi di realizzazione siamo già sul limite considerando quanto costano prodotti analoghi della stessa Panini.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Martedì 9 Giu 2020, 13:39:13
Non penso che il formato "Topolino Fuoriserie" debba fallire, o che un suo fallimento sia auspicabile. Spero che il fallimento di Gagnor non trascini con sé anche i vari Vian, Lavoradori (per lui in parte è già successo, peccato), PK stesso e il formato Fuoriserie.

Abbiamo capito che questo nuovo Pk ha scontentato un bel po’ di persone, ma poiché l’argomento DD è stato sviscerato da ogni punto di vista perché non provare a immaginare come potrebbe essere il Pk post-Un nuovo eroe?

A me piacerebbe vedere qualcosa di completamente nuovo, basta Evron e Corona. Non mi dispiacerebbe qualcosa di più cupo e urbano, magari in bianco e nero (alla Bonelli, per intenderci). Idee nuove, comprimari nuovi. E rivorrei Sisti alla guida di un nuovo pk team.

Nonostante io speri che Evron e Corona vengano ripresi (Evron per la chiusura di trame e personaggi in sospeso sin dal PKNA, Corona perché LODE ha lasciato aperto più di quanto abbia chiuso), concordo sul fatto che ora ci vorrebbe una storia più "urbana": un qualcosa per riprendere fiato, pur non essendo per forza un fillerone...del resto PK storicamente è stato anche quello! Penso per esempio che Artibani in primis potrebbe ritrovare il gusto e il divertimento di scrivere PK alle prese con una storia di questo tipo, magari con il ritorno di due personaggi relativamente importanti come Fenimore Cook e Mary Ann Flagstarr: del resto li ha inventati lui, chi meglio di lui per recuperarli? Cook e Flagstarr inevitabilmente sono collegati con due comprimari, peraltro: Angus e Ziggy, che sono stati tratteggiati deliziosamente sempre da Artibani in poche pagine di "Potere & Potenza", e che sarebbe bello rivedere in un ruolo più ampio. Ecco, un qualcosa dove i comprimari tornino ad essere co-protagonisti. Un qualcosa di solo apparentemente più tranquillo, che secondo me sarebbe importante non solo per riprendere vecchie sottotrame e personaggi ma anche per trovare il giusto tono, respirare un po', iniziare a giocare con le potenzialità dello status quo attuale.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Castyano - Martedì 9 Giu 2020, 14:35:38
Abbiamo capito che questo nuovo Pk ha scontentato un bel po’ di persone, ma poiché l’argomento DD è stato sviscerato da ogni punto di vista perché non provare a immaginare come potrebbe essere il Pk post-Un nuovo eroe?

A me piacerebbe vedere qualcosa di completamente nuovo, basta Evron e Corona. Non mi dispiacerebbe qualcosa di più cupo e urbano, magari in bianco e nero (alla Bonelli, per intenderci). Idee nuove, comprimari nuovi. E rivorrei Sisti alla guida di un nuovo pk team.
Io spero che venga chiusa la sottotrama del "Saggio tra noi" e poi davvero basta con Evron. Mi piacerebbe qualche recupero da Pk2 (Anymore Boring, Birgit Q, la Starcop), giusto per scoprire che fine abbiano fatto questi personaggi.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: MiTo - Martedì 9 Giu 2020, 15:41:19
Di materiale da recuperare o da scrivere nuovo di zecca ce ne sarebbe a bizzeffe con PK. Il vero problema è che si tratta di un personaggio centellinato a un paio di apparizioni l'anno invece del mensile di una volta. E se già nelle mini-saghe c'era poco spazio per approfondire i comprimari, ora col format di Fuoriserie non ce n'è proprio più.

Riguardo una saga "urbana" mi piacerebbe assai, da amante di PK2, anche se penso che ormai il Pikappero abbia preso una via più fantascientifica, anche visti gli ormai troppo potenti alleati ed equipaggiamenti di cui dispone.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Flash X - Martedì 9 Giu 2020, 16:36:58
Un personaggio di PK2 che vorrei rivedere davvero è Lyo, ma comunque anche i personaggi della Starcorp...
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: paolo87 - Martedì 9 Giu 2020, 17:05:13
Anche a me piacerebbe sapere che fine ha fatto Lyo ed ancor più vedere svelato il mistero di Astrongman. In più ci sono un paio di cose che secondo me potrebbero venire approfondite: cosa ha fatto Paperino nel periodo immediatamente successivo al finale di PK2? Perchè nelle storie uscite a partire da Potere e Potenzanon lavora più alla Starcop? Dov'è finito Anymore Boring? Chi ha gestito le industrie Ducklair in tutti questi anni? Credo che tutti questi interrogativi potrebbero dare adito a trame interessanti.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Mercoledì 10 Giu 2020, 14:45:39
Aggiungo due cose:

1) sul formato faccio una precisazione. Il formato Topolino Fuoriserie può (e forse deve) essere salvaguardato se e solo SE lo si intende come testata semi-regolare (bimestrale, massimo trimestrale). Se invece la si vuole fare uscire SOLO in concomitanza delle fiere di fumetto allora è un grosso NO. Perché un conto è se due o tre volte all'anno ho un volume corposo e autoconclusivo. Ma se ogni numero sono 40 pagine scarse di una saga A PUNTATE e quindi con ogni episodio sostanzialmente monco allora proprio no. Chiudessero la trama prima o facessero uscire più albi annuali per farla finire più in fretta. Ma stare due anni alle prese con una storia a puntate di cui escono due o tre episodi l'anno, anche no. Specie se la qualità delle storie è quella che è.

2) effettivamente come suggeriva qualcuno (forse Prezio?) il modo migliore per finire la saga sarebbe una soluzione stile PKNA 26, "Il tempo fugge": in realtà era tutta una puntata (non particolarmente riuscita) del programma "Ritratto dell'eroe da giovane" di Styvesant. Come ne "Il tempo fugge", se la possono cavare con "sono eventi storicamente avvenuti, ma in maniera diversa, ci siamo presi licenze poetiche".

La cosa bella è che così avrebbe tutto senso: dialoghi ed eventi sembrano forzati e finti perché SONO finti. Il fatto che sia scritta male, i pessimi dialoghi, le incongruenze dei personaggi nella loro personalità e nelle loro caratteristiche base, perfino la censura di War Dome che diventa Danger Dome e i dialoghi incomprensibili "io no, ma lui sì", la confusione...tutto dovuto ai rimaneggiamenti di Sty! :D

Riguardo una saga "urbana" mi piacerebbe assai, da amante di PK2, anche se penso che ormai il Pikappero abbia preso una via più fantascientifica, anche visti gli ormai troppo potenti alleati ed equipaggiamenti di cui dispone.

Non ha preso nessuna via, non più di quanto l'avesse presa in PKNA. Armi e tecnologia ci sono state anche nelle storie "urbane", gli alleati attuali rimasti (e sottolineo "rimasti") sono letteralmente gli stessi di PKNA, idem gli equipaggiamenti (la super tuta è fusa da LODE). Nulla impedisce di fare una storia (una) senza mostroni alieni spaziali e senza eccedere con la fantascienza a tutti i costi. Nulla se non la volontà degli autori.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Manuel Crispo - Mercoledì 10 Giu 2020, 15:36:38
Aggiungo due cose:

1) sul formato faccio una precisazione. Il formato Topolino Fuoriserie può (e forse deve) essere salvaguardato se e solo SE lo si intende come testata semi-regolare (bimestrale, massimo trimestrale). Se invece la si vuole fare uscire SOLO in concomitanza delle fiere di fumetto allora è un grosso NO. Perché un conto è se due o tre volte all'anno ho un volume corposo e autoconclusivo. Ma se ogni numero sono 40 pagine scarse di una saga A PUNTATE e quindi con ogni episodio sostanzialmente monco allora proprio no. Chiudessero la trama prima o facessero uscire più albi annuali per farla finire più in fretta. Ma stare due anni alle prese con una storia a puntate di cui escono due o tre episodi l'anno, anche no. Specie se la qualità delle storie è quella che è.

2) effettivamente come suggeriva qualcuno (forse Prezio?) il modo migliore per finire la saga sarebbe una soluzione stile PKNA 26, "Il tempo fugge": in realtà era tutta una puntata (non particolarmente riuscita) del programma "Ritratto dell'eroe da giovane" di Styvesant. Come ne "Il tempo fugge", se la possono cavare con "sono eventi storicamente avvenuti, ma in maniera diversa, ci siamo presi licenze poetiche".

La cosa bella è che così avrebbe tutto senso: dialoghi ed eventi sembrano forzati e finti perché SONO finti. Il fatto che sia scritta male, i pessimi dialoghi, le incongruenze dei personaggi nella loro personalità e nelle loro caratteristiche base, perfino la censura di War Dome che diventa Danger Dome e i dialoghi incomprensibili "io no, ma lui sì", la confusione...tutto dovuto ai rimaneggiamenti di Sty! :D

Riguardo una saga "urbana" mi piacerebbe assai, da amante di PK2, anche se penso che ormai il Pikappero abbia preso una via più fantascientifica, anche visti gli ormai troppo potenti alleati ed equipaggiamenti di cui dispone.

Non ha preso nessuna via, non più di quanto l'avesse presa in PKNA. Armi e tecnologia ci sono state anche nelle storie "urbane", gli alleati attuali rimasti (e sottolineo "rimasti") sono letteralmente gli stessi di PKNA, idem gli equipaggiamenti (la super tuta è fusa da LODE). Nulla impedisce di fare una storia (una) senza mostroni alieni spaziali e senza eccedere con la fantascienza a tutti i costi. Nulla se non la volontà degli autori.

La scanonizzazione di UNE è un bel sogno ma non ci conterei troppo.

Per il formato, non c’è dubbio che la soluzione migliore sarebbe una testata (spillati o no) magari mensile/bimestrale (ma pure trimestrale va’) di storie autoconclusive sulle 60-70 tavole. Questo permetterebbe maggiore varietà nelle trame e nelle ambientazioni. Ma ci vorrebbero tante idee.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Mercoledì 10 Giu 2020, 17:35:36
La scanonizzazione di UNE è un bel sogno ma non ci conterei troppo.

Ma sì, ovvio, figuriamoci. Si fa per scherzare e per sognare, appunto. Diciamo che nel mio headcanon me lo giustificherò così, a saga conclusa e quando il PKNE tornerà dopo questa pausa! :D

Citazione
Per il formato, non c’è dubbio che la soluzione migliore sarebbe una testata (spillati o no) magari mensile/bimestrale (ma pure trimestrale va’) di storie autoconclusive sulle 60-70 tavole. Questo permetterebbe maggiore varietà nelle trame e nelle ambientazioni. Ma ci vorrebbero tante idee.

Quello nel caso di saghe a puntate. Per il resto può anche non avere una periodicità fissa, semmai quando ci sono idee. Ma quando la saga è una miniserie a puntate non è tollerabile che esca a intervalli di tempo così lunghi.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: hendrik - Giovedì 11 Giu 2020, 09:49:22
Sulla non accettabilità delle tempistiche non concordo: il mercato francese (di cui questi Fuoriserie imitano il formato) prevede saghe di 4, 5 o più episodi distribuiti in altrettanti anni, con un volume all'anno. Il tempo serve agli autori per non perdere qualità. Insomma, a mio avviso si torna sempre lì, alla qualità. Che qui manca.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Flash X - Giovedì 11 Giu 2020, 09:56:04
Però non è che solo perché questi Fuoriserie imitano il formato dei volumi francesi, allora il loro metodo di tempistica è per forza quello universale e corretto che tutti devono seguire. Onestamente perché uno dovrebbe essere contento di ritrovarsi con un volume all'anno se poi non è neanche autoconclusivo? Poi è ovvio che concordo sulla questione della bassa qualità, ma non c'è motivo di distanziare così un'uscita dalla successiva.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Garalla - Giovedì 11 Giu 2020, 10:05:46
2) effettivamente come suggeriva qualcuno (forse Prezio?) il modo migliore per finire la saga sarebbe una soluzione stile PKNA 26, "Il tempo fugge": in realtà era tutta una puntata (non particolarmente riuscita) del programma "Ritratto dell'eroe da giovane" di Styvesant. Come ne "Il tempo fugge", se la possono cavare con "sono eventi storicamente avvenuti, ma in maniera diversa, ci siamo presi licenze poetiche".

Soluzione come queste le malsopporto in quanto sono delle prese in giro per il lettore.
Le malsopporto sulle storie di Topolino a 3 €...
Figuriamoci trovarsi una soluzione del genere dopo aver speso almeno 30 €...

Però non è che solo perché questi Fuoriserie imitano il formato dei volumi francesi, allora il loro metodo di tempistica è per forza quello universale e corretto che tutti devono seguire. Onestamente perché uno dovrebbe essere contento di ritrovarsi con un volume all'anno se poi non è neanche autoconclusivo? Poi è ovvio che concordo sulla questione della bassa qualità, ma non c'è motivo di distanziare così un'uscita dalla successiva.

Infatti da noi li stanno pubblicando in maniera più rapida. 2 l'anno e non 1.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Giovedì 11 Giu 2020, 15:45:02
2) effettivamente come suggeriva qualcuno (forse Prezio?) il modo migliore per finire la saga sarebbe una soluzione stile PKNA 26, "Il tempo fugge": in realtà era tutta una puntata (non particolarmente riuscita) del programma "Ritratto dell'eroe da giovane" di Styvesant. Come ne "Il tempo fugge", se la possono cavare con "sono eventi storicamente avvenuti, ma in maniera diversa, ci siamo presi licenze poetiche".

Soluzione come queste le malsopporto in quanto sono delle prese in giro per il lettore.
Le malsopporto sulle storie di Topolino a 3 €...
Figuriamoci trovarsi una soluzione del genere dopo aver speso almeno 30 €...

Fermo restando che è una battuta e semmai è un headcanon (ossia: possiamo convincerci che sia andata in quel modo per dimenticarcene rapidamente una volta conclusa e senza che faccia danni a personaggi e continuity)... Non meno presa in giro di quanto lo sarebbe già anche da canonica :P
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Dippy Dawg - Giovedì 11 Giu 2020, 23:25:29
Sulla non accettabilità delle tempistiche non concordo: il mercato francese (di cui questi Fuoriserie imitano il formato) prevede saghe di 4, 5 o più episodi distribuiti in altrettanti anni, con un volume all'anno...
Infatti, ho sempre odiato i cartonati alla francese, anche per questo motivo!

Comunque, sono riuscito a leggerlo anch'io, finalmente!

Che dire?

La trama di base in se stessa non è affatto male (a mio parere, è anche MOLTO più interessante di quella riguardante Moldrock, tanto per fare un esempio!); però, è tutta la storia che non va...

Quando ho letto il primo numero, davo la colpa del fatto che ci avevo capito poco agli ostici disegni di Lavoradori, ma ho verificato che è stato così anche nel secondo numero!
Una trama caotica, esplosioni di qua e di là, cose che succedono perché sì, impressione di mancanza di vignette...

Francamente: se non l'avesse scritta un autore valido ed esperto come Gagnor, ma uno sconosciuto qualsiasi alle prime armi, avrei pensato chiaramente "questo è un incapace, è meglio che cambi mestiere!"... ma siccome Gagnor NON è assolutamente un incapace, anzi!, e non è neanche uno stupido, l'unica spiegazione è che sia tutto ponderato e voluto, non so se per sua iniziativa o su richiesta della redazione...

Dico così, perché questa storia mi ha ricordato un po' le recenti storie a colori del "giovane" Martin Mystère: anche lì (anzi, peggio!), ho avuto la stessa sensazione di storie tirate via, senza capo né coda, dove non si capiva niente...
Vista la similitudine, ho pensato che forse c'è una qualche nuova tecnica di sceneggiatura, ispirata magari da un qualche moderno telefilm americano: non so se è così, ma so che non mi piace! Per niente!
Sono io che sono vecchio? Può darsi! Ma, comunque, questa è la sensazione che ho avuto: una storia fatta male!

Lascio volentieri ad altri l'elenco di errori veri o presunti, e ai pker più assatanati i problemi di "canone" e di rispetto dei personaggi: non mi interessa!
A me, interessa solo leggere delle storie belle: questa, purtroppo, non lo è.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Dippy Dawg - Venerdì 12 Giu 2020, 09:10:08
Ah, un'altra cosa devo dirla...

Sapevo che l'inglese è una lingua universale, ma non pensavo che fosse anche multiversale, al punto da essere utilizzata correntemente anche da alieni di un altro spazio-tempo!

Dev'essere per forza questa la spiegazione per i vari galaxy gate, bike, blaster e compagnia bella! Altrimenti, dovrei pensare che sono solo cafonaggini anglofone (e anglofile) buttate lì stupidamente per scarsa fantasia o per scimmiottare il linguaggio dei videogiochi...
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Manuel Crispo - Venerdì 12 Giu 2020, 09:51:40
Ah, un'altra cosa devo dirla...

Sapevo che l'inglese è una lingua universale, ma non pensavo che fosse anche multiversale, al punto da essere utilizzata correntemente anche da alieni di un altro spazio-tempo!

Dev'essere per forza questa la spiegazione per i vari galaxy gate, bike, blaster e compagnia bella! Altrimenti, dovrei pensare che sono solo cafonaggini anglofone (e anglofile) buttate lì stupidamente per scarsa fantasia o per scimmiottare il linguaggio dei videogiochi...

Questo è un difetto ereditato da Pkna purtroppo. Ricordati gli Evron-eye (di cui tutti gli autori sembrano essersi dimenticati). Ma anche la storia Capitani di ventura in cui la questione linguistica viene affrontata esplicitamente.

Certo che parli inglese pure Ur-Evron è troppo.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: ArtoriasTheAbyssWalker - Martedì 16 Giu 2020, 08:45:55
Nonostante io speri che Evron e Corona vengano ripresi (Evron per la chiusura di trame e personaggi in sospeso sin dal PKNA, Corona perché LODE ha lasciato aperto più di quanto abbia chiuso), concordo sul fatto che ora ci vorrebbe una storia più "urbana"
Sono l'unico che aspetta da anni il ritorno di quel cucciolo di Phorphioloon? :'( :'( :'((scusate la prima parte doveva uscire come citazione di un commento di un altro utente :o)
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Zoster - Martedì 23 Giu 2020, 02:26:48
Sono in ritardo e probabilmente a nessuno interesserà il parere di un utente che scrive una volta ogni tre anni, ma mi sento in obbligo. Specialmente dopo quanto ascoltato (a tal proposito, mi unisco ai complimenti per Fisbio riguardo l'intervista).

Non parlerò della storia, è stata analizzata più che egregiamente da utenti ben più autorevoli di me. Neppure è rilevante per la mia analisi. Voglio porgere l'attenzione all'approccio da parte del sig. Roberto Gagnor alle critiche, il più delle volte pareri neutri trasmutati in ingiurie, rivolte alla propria creatura.

Il trattamento da parte del sig. Gagnor verso i propri "oppositori" è risultato pericolosamente abusivo. Vi prego di non fraintendere. Per "Abusivo" mi riferisco alla manipolazione interpersonale che, da umile studioso di psicologia, mi è parsa di analizzare in alcune interazioni. Risposte come "C'è della malignità in questa domanda" oppure "E' una domanda che vuole farmi cadere in errore"  oltre a volere invalidare le critiche ricevute, eliminando ogni traccia di rilevanza, prova a suscitare un senso di colpa nell'interlocutore per sottometterlo emotivamente. Durante tutta la durata ho visto più e più volte questo schema. Delegittima l'interlocutore, pone l'attenzione sulla formulazione della domanda piuttosto che sul contenuto, e solidifica la propria visione come l'unica esistente.
Se il modo dell'autore di porsi verso i propri lettori viene percepito come descritto in questo messaggio, va bene sottolinearlo e nel caso anche criticarlo, ma non trascendiamo entrando in ambiti che non ci competono e non solo perchè strettamente privati. Ripetiamo ancora una volta che le critiche alle storie sono ammesse, gli attacchi alle persone assolutamente no
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Sommo Zotnam - Martedì 23 Giu 2020, 14:28:56
Concordo molto con il commento di Zoster, o almeno con la parte non tagliata (non ho letto il suo post pre-modifica, quindi non so cosa abbia scritto dopo, che penso comunque non abbia inficiato la validità di quanto scritto prima del mod-edit, anche a giudicare dai like).

Ed è sicuramente indubbio che l'approccio dell'autore sia stato un ulteriore problema, detto senza voler esprimere un giudizio su come sia lui nel privato (non mi importa: mi importa però, e molto, come si comporta in qualità di autore).

Il vero problema però non è stato tanto nelle risposte in sé. Sicuramente l'atteggiamento nelle live e le risposte nei commenti sono la spia di un certo atteggiamento, ma Gagnor spesso utilizza argomentazioni che in contesti diversi sarebbero anche ragionevoli: che spesso i fandom siano tossici e che l'autore debba fare la tara su quanto siano da ascoltare e quanto siano da ignorare è una banalità. Altro problema è invece quando l'autore perpetra comportamenti tossici a sua volta, inquinando i pozzi e accusando il fandom anche in presenza di appunti, semplici critiche non invasive, gusti diversi. Lì si arriva alla scorrettezza. Che è cosa ben diversa dall'avere un atteggiamento "conflittuale": un professionista come Artibani è entrato spesso in conflitto con fan e lettori, ma ha saputo distinguere tra fandom "sano" e "malato", ha saputo scegliersi le sue "battaglie"; pur non esplicitandolo, ha fatto tesoro di critiche e consigli; in generale, ha espresso un'attenzione, una cura e un amore non indifferenti nel suo lavoro. Ma non voglio deviare il discorso, perché qui si tratta di differenze sottili.

E arriviamo al nocciolo della questione: l'"abuso" (nell'accezione del precedente post) c'è stato, da parte dell'autore, ma si è esternato in altri momenti. Ad esempio, nel suo lurkare/spiare di nascosto le chat tematiche sui social tipo Telegram per poi screenshottare o copincollare stralci di commenti decontestualizzati e pubblicarli in post pubblici su Facebook autodefinendosi vittima e aizzando il suo pubblico all'odio, esponendo gente che peraltro aveva espresso pareri tranquillissimi (opportunamente modificati) al pubblico ludibrio. Questa è una cosa assolutamente nuova. E per quanto mi riguarda, abbastanza grave, che scava un solco abbastanza profondo nei rapporti tra autore e fruitore. Nel momento in cui dei fan e lettori vengono messi nelle condizioni di dover rendere privato e inaccessibile un canale Telegram per timore di essere strumentalizzati, delegittimati e accusati ingiustamente, è chiaro che viene meno la serenità.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Zoster - Mercoledì 24 Giu 2020, 01:10:16
Vorrei chiedere venia a piccolobush per il disagio e il lavoro di editing, non era mia intenzione sfociare in altri ambiti non attinenti la discussione. Speravo di avere utilizzato tutti i crismi del caso, ma a quanto pare mi sbagliavo. Da ex moderatore comprendo perfettamente e approvo la tua decisione. Però, devi darmene atto, nella parte finale non avevo scritto niente di così condannabile. Ma approvo ugualmente la scelta. La prudenza non è mai troppa.

E arriviamo al nocciolo della questione: l'"abuso" (nell'accezione del precedente post) c'è stato, da parte dell'autore, ma si è esternato in altri momenti. Ad esempio, nel suo lurkare/spiare di nascosto le chat tematiche sui social tipo Telegram per poi screenshottare o copincollare stralci di commenti decontestualizzati e pubblicarli in post pubblici su Facebook autodefinendosi vittima e aizzando il suo pubblico all'odio, esponendo gente che peraltro aveva espresso pareri tranquillissimi (opportunamente modificati) al pubblico ludibrio. Questa è una cosa assolutamente nuova. E per quanto mi riguarda, abbastanza grave, che scava un solco abbastanza profondo nei rapporti tra autore e fruitore. Nel momento in cui dei fan e lettori vengono messi nelle condizioni di dover rendere privato e inaccessibile un canale Telegram per timore di essere strumentalizzati, delegittimati e accusati ingiustamente, è chiaro che viene meno la serenità.

Dato il mio ritardo ne vengo a conoscenza solo ora. Ad ogni modo, quanto da me analizzato è ugualmente applicare a questi comportamenti da te descritti. L'ipersensibilità al giudizio è sterile, e non porta da nessuna parte. Essere perennemente in posizione difensiva verso ogni invalidazione ricevuta rischia di distorcere la visione degli altri e di falsare la capacità di discernere i pareri tossici (che come hai fatto giustamente notare nessuno mette in dubbio che non esistano) da quelli ragionati. Qualità senza la quale nessuno può migliorarsi.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: ArtoriasTheAbyssWalker - Martedì 30 Giu 2020, 08:45:50
Secondo voi dobbiamo aspettarci un nuovo cambio di disegnatore per il terzo volume? Comunque non so voi ma io sono davvero preoccupato: che io ricordi ci erano state date diverse informazioni riguardo l'origine stessa di Evron e dal momento che la conoscenza di Gagnor della lore pikappica mi pare degna di uno che ha appena letto il libretto introduttivo che veniva dato insieme al gioco Chi è PK?(e lo dico con tutto l'affetto del mondo visto che è un autore che di solito apprezzo), bhe non posso che attendere con preoccupazione di sapere cosa accadrà. Spero che Shiikar si riveli, che ne so, una delle prime colonie evroniane in assoluto, perchè non vedo in alcun modo come potrebbe incastrarsi nella lore evronina efficacemente(cosa che invece Sisti con la questione degli sciami, non ha danneggiato nulla, bensì arricchito). Poi voglio dire, di incoerenze ce n' erano anche ai tempi( il famoso consiglio imperiale, generali prima tutti neri provvisti di coda e un momento dopo dall'aspetto solido...) però...
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Dippy - Martedì 30 Giu 2020, 09:11:48
Probabilmente (sicuramente?) rappresenterò un voce fuori dal coro, almeno in parte. Seppur con notevole ritardo, ho letto questo secondo volume, ma nel farlo mi sono prima riletto il precedente. Li ho letti, insomma, insieme. Ne è venuta fuori una visione d'insieme differente da quella che ci si potrebbe immaginare. Le lunghe pause tra un volume e l'altro non giovano di certo (ma questa non è una colpa di nessuno, Gagnor in primis), né alla memoria, né allo sviluppo narrativo, soprattutto in relazione alla poca foliazione; la storia però, così letta, ha uno sviluppo più ampio e le dinamiche rappresentate si dipanano e comprendono meglio. Resto dell'idea che alcune "smussature" dovrebbero essere fatte; nell'insieme, tuttavia, se proprio volessi "dare i punti", direi che questa seconda puntata mi sembra meglio riuscita della precedente, ma sono, e resto, fermamente convinto che giudicare una storia (perché di questo stiamo parlando), leggendola in questa maniera, sia un errore di fondo. Al netto di tutti i discorsi che si possono fare sulla continuity, o su altri aspetti di trame verticali, orizzontali o diagonali (esistono, poi?), che si possono, e devono, fare, ma che vedo collocati su un altro piano.
Anche il cambio di disegnatore ha giovato alla leggibilità, c'è poco da dire. Mi spiace, in fondo, di questo cambio in corso d'opera: ritengo fermamente giusto avere affidato il primo numero a Lavoradori, perché giusto era ripartire da lui. Forse l'unico errore in tal senso è stato quello di non provare a variare un poco lo stile per avvicinarlo maggiormente a quello delle storie precedenti, al tratto del primo Lavoradori stesso.
In conclusione, se c'è un progetto più ampio alle spalle (mi pare che Gagnor avesse paventato una ricostruzione del PKteam, in una diretta con Fisbio), penso che qui si potrebbero stare gettando delle basi per il proseguio.  Mi rendo conto che questo PK è diverso da altri, ma la cosa mi intriga...
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: ArtoriasTheAbyssWalker - Martedì 30 Giu 2020, 10:29:17
Il problema mio è proprio quello che tu citi purtroppo, ovvero le lunghe e oserei dire quasi immotivate lunghe pause tra un volume e l'altro. La storia non mi sta piacendo per niente, ma ammetto che probabilmente la starei digerendo molto meglio se, che ne so, fosse uscito un volume ogni mese e quindi ce la fossimo levata di torno in tempi relativamente brevi. Invece così, senza alcuna sicurezza o indicazione riguardo l'uscita del prossimo volume, o di quante altre parti ci vorranno per finire questo "arc", non posso che sentirmi ostaggio di Gagnor e ovviamente non posso che sperare che la "tortura" finisca presto visto che Artibani e Sisti hanno aperto un sacco di sottotrame che spero il signore non finiscano nel dimenticatoio lasciando nuovamente PK un opera monca( beh voglio dire Sisti ha promesso che non dovremo riaspettare 17 anni per una nuova storia su xadhoom ???). Quindi il mio problema non è con la storia in sè ma con il modo con cui sta venendo proposta lasciando la saga in questo limbo gagnoriano, cosa che ai vecchi tempi non era un problema dato che se una storia era così così pazienza, ci rifaremo il mese prossimo( tipo il passaggio da Prima Dell'Alba a Le Parti E Il Tutto per dire).Fosse stata proposta in altra maniera probabilmente l'avrei apprezzata molto di più insomma, e il comportamento estremamente pretenzioso di Gagnor certo non aiuta :-X. Nel modo con cui sta venendo presentata ora non posso che vederla come un macigno che blocca la saga a tempo indeterminato, per dire :(.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Andy392 - Mercoledì 1 Lug 2020, 07:26:42
Le lunghe pause non sono immotivate. Il volume doveva uscire a marzo ed è uscito con due mesi di ritardo perché hanno cambiato il disegnatore. E ricordiamoci che è una cosa sperimentale, nessuno ha mai pubblicato storie inedite Disney su questo formato e non potevano certo sapere gli esiti. Se i risultati commerciali di questo esperimento sono buoni, cercheranno di ridurre i tempi di pubblicazione aumentando gli autori. E come ha scritto Dippy, sicuramente ci sarà un nuovo PK-Team e probabilmente vorranno puntare al trimestrale (come c'è scritto sulla quarta di copertina).
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: ArtoriasTheAbyssWalker - Mercoledì 1 Lug 2020, 09:29:04
Lo capisco ma a questo punto penso che avrei preferito ogni volume una storia a sè (certo 48 pagine son pochine ma Frittole ha mostrato nei suoi brevi sprazzi di lucidità che si possono produrre storie di buon livello anche con un numero ridotto di pagine) piuttosto che una storia a puntate che potrebbe ache metterci un anno o più a finire, per di più una storia per niente o poco entusiasmante e diretta da un Gagnor più tossico che mai nel confronto coi lettori.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Luxor - Giovedì 2 Lug 2020, 15:00:17
Secondo voi dobbiamo aspettarci un nuovo cambio di disegnatore per il terzo volume?

No, se ricordo bene ho letto che Vian sta già disegnando la nuova storia.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: ArtoriasTheAbyssWalker - Domenica 5 Lug 2020, 09:51:17
No, se ricordo bene ho letto che Vian sta già disegnando la nuova storia.
[/quote]
Una buona notizia ( anche se il design di questo Ur-Evron a mio parere un se pò vede :o )...Speriamo questo ciclo di storie finisca il prima possibile in modo da poter andare a chiudere le sottotrame di Artibani e Sisti, per poi dirigersi( si spera) verso lidi ancora inesplorati, non potrei accettare di nuovo un finale monco con tutte queste premesse (occhio Sisti hai tempo fino al 2033 eh :D).
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: ArtoriasTheAbyssWalker - Mercoledì 26 Ago 2020, 21:50:02
E' davvero disarmante non avere neanche lontanamente un'idea grossolana di quando la serie riprenderà...
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Andy392 - Mercoledì 26 Ago 2020, 22:37:39
Probabilmente uscirà il terzo volume a Novembre, nella speranza che in questi sei mesi riescano a fare qualcosa di meglio dei primi due numeri.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Giacomosk - Lunedì 28 Set 2020, 17:21:36
Senza troppi giri di parole, questa mi sembra una storia di paperinik con i personaggi di pk; ma chi glielo spiega a Gagnon che non sono la stessa cosa? Storia semplicemente da una stella  😣. Mi dispiace che un personaggio glorioso e storico come quello di pk sia dovuto muorire così 😞. E poi vogliamo parlare del prezzo? 9,99 per 40 pagine!!!  Cè per fare un esempio pk double 130 pagine costa 7,90 👎👎👎👎👎
Cara la mia Disney non si fa
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Giacomosk - Lunedì 28 Set 2020, 17:57:32
Secondo me il cambio di disegnatore è stato ľunica cosa che mi ha spinto ad acquistare il volume. Unica critica ad i disegni è solo per UNO che ha la faccia un pò strana ma per il resto Vian è stato bravo e non mi sarebbe dispiaciuto se fosse stato disegnatore di pkna. Purtroppo per lui è stato un esordio disastroso e mi dispiace perché se fosse esordito da qualche altra parte sarebbe stato perfetto
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: ArtoriasTheAbyssWalker - Mercoledì 14 Ott 2020, 15:59:08
Ho notato che sulla pagina di wikipedia è indicato ora novembre 2020...non che sia il massimo dell affidabilità, ma si è venuto a sapere qualcosa?
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Flash X - Mercoledì 14 Ott 2020, 17:36:54
Ho notato che sulla pagina di wikipedia è indicato ora novembre 2020...non che sia il massimo dell affidabilità, ma si è venuto a sapere qualcosa?
Sì, è stato anche annunciato su Anteprima: Ur-Evron uscirà a novembre, precisamente il 23 (come segnalato sul sito Panini), esattamente un mese dopo l'uscita di WOM.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: ArtoriasTheAbyssWalker - Giovedì 15 Ott 2020, 11:21:46
La descrizione sul sito della Panini è...particolare a dir poco  :30 Total shock:
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Garalla - Giovedì 15 Ott 2020, 11:27:05
La descrizione sul sito della Panini è...particolare a dir poco  :30 Total shock:

E' la stessa descrizione di Anteprima, ed era perfettamente intuibile leggendo Danger Dome... non capisco lo shock...
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: paolo87 - Giovedì 15 Ott 2020, 11:50:06
Più che altro... sappiamo che a novembre ci verranno raccontate le origini di Evron... incrociamo le dita...
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: ArtoriasTheAbyssWalker - Giovedì 15 Ott 2020, 17:34:02
La descrizione sul sito della Panini è...particolare a dir poco  :30 Total shock:

E' la stessa descrizione di Anteprima, ed era perfettamente intuibile leggendo Danger Dome... non capisco lo shock...
Non avendo visto anteprima ho letto per la prima volta descrizione su panini  :minishock: :minishock: :minishock:
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: ArtoriasTheAbyssWalker - Giovedì 15 Ott 2020, 17:40:28
Più che altro... sappiamo che a novembre ci verranno raccontate le origini di Evron... incrociamo le dita...
Spero davvero tanto che Gagnor si sia informato riguardo alle poche nozioni che sappiamo sulla civiltà evroniana, sappiamo ad esempio che si sviluppò su Evron( ovviamente nonè possibile Evron= Shiikar) nello stesso sistema solare dell alieno paperoide di Fuoco Incrociato...non riesco a capire in tutto questo come si possa inserire Ur-Evron. Che la tanto citata spora alfa o lo stesso Ur-Evron siano destinati a diventare il capostipite di tutti gli evroniani, Evron primo? si tratta di un argomento estremamente delicato da trattare, e nel frattempo si deve continuare la trama dei Glaxy-Gate e di Tuiroon e la sua "evoluzione",come l'hanno definita gli autori. Speriamo bene...
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: paolo87 - Giovedì 15 Ott 2020, 17:56:04
E' per questo che incrocio le dita, ma la presenza di Sisti mi dà da sperare che non si faccia casino...
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: ArtoriasTheAbyssWalker - Giovedì 15 Ott 2020, 18:49:02
E' per questo che incrocio le dita, ma la presenza di Sisti mi dà da sperare che non si faccia casino...
Cosa intendi? Da che io ricordi Sisti non sta partecipando a questo progetto no? Mi sono perso qualcosa? :o :o :o
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Atius - Giovedì 15 Ott 2020, 19:00:03
Sisti pare che abbia dato un piccolo contributo nella stesura del nuovo capitolo. Da quel che ho capito, una sorta di supervisione.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Giacomosk - Giovedì 15 Ott 2020, 19:25:08
Sisti pare che abbia dato un piccolo contributo nella stesura del nuovo capitolo. Da quel che ho capito, una sorta di supervisione.
[/quote
Penso tu abbia ragione
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: ArtoriasTheAbyssWalker - Giovedì 15 Ott 2020, 20:05:02
Sisti pare che abbia dato un piccolo contributo nella stesura del nuovo capitolo. Da quel che ho capito, una sorta di supervisione.
Beh questo non può che rincuorarmi!
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: Andy392 - Giovedì 15 Ott 2020, 22:30:16
C'è scritto nella descrizione sia sull'anteprima 349 sia nell'articolo in vendita:
Citazione
Matite di Roberto Vian e sceneggiatura di Roberto Gagnor, con la collaborazione straordinaria di Alessandro Sisti.
Titolo: Re:Topolino Fuoriserie 2 - PK Danger Dome di Roberto Gagnor e Roberto Vian
Inserito da: ArtoriasTheAbyssWalker - Giovedì 29 Ott 2020, 19:13:07
Scusate il disturbo, ma la nuova sede del sito della panini non aiuta affatto ad orientarmi. La data di uscita di Ur-Evron è ancora settata per il 23 o è stata spostata come WOM?