Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
3 | |
5 | |
3 | |
3 | |
3 | |
3 | |
4 | |
3 | |
3 | |
3 | |
4 | |
3 | |

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - MiTo

Pagine: [1]  2  3  ...  114 
1
Off Topic / Re:Buon compleanno 2020
« il: Sabato 12 Set 2020, 00:34:32 »
Auguri a Gilberto 66 e Tregua78 ! (E credo che siano dovuti anche a MiTo, con un giorno di ritardo,)

Grazie mille a tutti, anche se con un bel po' più di un giorno d ritardo  :o ;) O0

2
Topolino / Re:Topolino 3380
« il: Domenica 6 Set 2020, 22:52:43 »
Mi chiedevo se quella nella storia "Zio Paperone e il business itinerante" fosse una citazione a "Zio Paperone e il segreto degli incas" (vedi immagine sotto) in cui lo Zione per accedere a un tesoro doveva passare su ponti di pietra che crollavano sotto al suo peso.

Tra l'altro entrambe le storie in questione sono state disegnate da Cavazzano...

3
Topolino / Re:Topolino 3372
« il: Martedì 14 Lug 2020, 15:23:00 »
Topolino e il caso elastico (Alessio Coppola, Davide Cesarello);
Il Torneo delle Cento Porte - Quinto turno: Tutti nella mischia (Marco Nucci, Donald Soffritti);
Papere imprenditrici balneari (Carlo Panaro, Francesco Guerrini);
www.benessere.pap - Zio Paperone e il problema della spesa (Marco Bosco, Emanuele Virzì);
Star Top 3 - Episodio 3 (seconda parte): L'opposto del bene (Bruno Enna, Carlo Limido).

E questa la ritengo un'ottima cosa. nel senso che se ti aspetti una cosa è piacevole scoprire che tale cosa non accade, la storia ne guadagna in imprevedibilità.

4
Commenti sulle storie / Re:Topolino e il mistero della piattaforma
« il: Giovedì 11 Giu 2020, 00:38:39 »
Storia eccezionale, che mette insieme azione, complotti dei potenti e amicizia con personaggi nuovi. Una delle rare avventure moderne in cui Topolino è davvero in pericolo, e deve letteralmente lottare per non fare la fine... del topo!
Aggiungiamoci poi anche la meravigliosa ambientazione inusuale della piattaforma petrolifera, e la storia diventa un gioiellino.

La amavo particolarmente insieme a un'altra avventura dell'epoca (almeno credo) sullo stesso stile: Operazione Koala.

Diciamo che in generale mi piacerebbe vedere più storie con ambientazioni inusuali e pericoli forti.

5
Le altre discussioni / Re:Perché tutti in villette monofamiliari?
« il: Giovedì 11 Giu 2020, 00:33:26 »
Concordo sulla versatilità delle "villette" e sul fatto che ormai siano radicate, almeno per quanto riguarda i personaggi ricorrenti.
C'è però anche il rovescio della medaglia: ovvero, anche il condominio e l'appartamento può fornire parecchi spunti (basti vedere le beghe che nascono anche nella realtà in ogni palazzo...) e quindi almeno qualcuno tra i nuovi personaggi (non necessariamente ricorrenti) potrebbe essere collocato in qualche trilocale al posto dell'ennesima villetta identica a quelle di ogni altro papero o topo...

In generale poi noto una certa "pigrizia" da parte dei disegnatori che tratteggiano in identico modo le case di tutti i personaggi, spesso senza nemmeno prendersi la briga di disegnare un po' di caos nel giardino di Paperoga e qualche fiore in più in quello di Minni. Senza scordare ovviamente le eccezioni (Pisapia in primis, ma anche Guerrini e via così) che invece cercano quantomeno di creare distinzioni, dando una villa lussuosa a Gastone (inverosimile che abbia una casa identica a quella dei cugini spiantati) e un laboratorio disordinato ad Archimede.

6
... ma segnalo delle simpatiche piole verdi...
Be'?
Mo' cominciamo a censurare anche noi certe parole? ;D


Pardon  :)) la tastiera wireless a volte perde qualche lettera...

7
Le altre discussioni / Re:Politically correct, censure e rimaneggiamenti vari
« il: Mercoledì 10 Giu 2020, 15:02:33 »
So che ormai è una consuetudine e non fa certo più notizia, ma segnalo delle simpatiche piole verdi (quindi presumibilmente giocattoli) nella storia "RK e il segnale dal futuro" su Topolino 3367

8
Di materiale da recuperare o da scrivere nuovo di zecca ce ne sarebbe a bizzeffe con PK. Il vero problema è che si tratta di un personaggio centellinato a un paio di apparizioni l'anno invece del mensile di una volta. E se già nelle mini-saghe c'era poco spazio per approfondire i comprimari, ora col format di Fuoriserie non ce n'è proprio più.

Riguardo una saga "urbana" mi piacerebbe assai, da amante di PK2, anche se penso che ormai il Pikappero abbia preso una via più fantascientifica, anche visti gli ormai troppo potenti alleati ed equipaggiamenti di cui dispone.

9
Peraltro 10 euro per meno di 50 tavole sono già un bel prezzo, quindi qualche pagina di contenuto extra avrebbero potuto mettercela senza aumentare ulteriormente la cifra...

10
PK dal punto di vista meramente commerciale è imprescindibile per la Panini. Ha una lunga tradizione, un cast quasi sterminato da cui pescare e uno zoccolo durissimo di appassionati di età adulta (e quindi con buona disponibilità economica).
Per cui abbandonarlo non avrebbe senso. Il vero noccio del problema sta nel trovare il "come" pubblicarlo, un contenitore efficace che sia un compromesso tra le aspettative dei lettori (anche in termini di numero di tavole e di storie) e i costi di produzione (che presumo siano maggiori rispetto a quelli di storie tradizionali).
In ogni caso penso (e spero) che PK non morirà insieme a Topolino Fuoriserie.

A parte questo sfrutto il post per fare un'altra osservazione riguardo UNE e DD, da imputare non a Gagnor ma alla redazione. E riguarda l'assenza di pagine extra-fumetto nei due volumi finora usciti. L'alchimia di PK perché funzionava così bene all'epoca? Perché oltre alle singole storie, c'era un universo di elementi collaterali che facevano da sfondo e da cornice: la posta demenziale che prendeva in giro i lettori, le rubriche sugli argomenti più disparati, gli approfondimenti sui personaggi, le spiegazioni sulle tecnologie, e via dicendo. UNE e DD risultano "piatte" anche perché manca tutto quel comparto, che in passato contribuiva ad aggiungere profondità a luoghi e personaggi laddove nella storia non c'era tempo e modo di farlo. Questo per dire che PK non è "solo" fumetto, come dimostravano (a mio parere molto efficacemente) i primi numeri di PK Giant, dotati a mio parere di rubriche e inserti che poco avevano da invidiare a PKNA.

11

Ma non per damnatio memoriae di Gagnor, semplicemente perché si tratterà di un progetto editoriale fallito (per colpe che vanno oltre gli autori, a partire dalla mancata pubblicità della testata e dai costi elevati
Eppure io la pubblicità l'ho vista. Anteprima prima e riviste Disney poi... dire che è mancata è quanto meno errato.

Diciamo che ce n'è stata proprio poca. Una pagina su un Topolino, stop. Anteprima lo legge una nicchia, sui social sia di Topolino che di PK non c'era traccia dell'uscita

12
Le altre discussioni / Re:I peggiori personaggi apparsi su Topolino
« il: Lunedì 8 Giu 2020, 10:52:10 »
Dico la mia. Non è una classifica, ma qualche osservazione in ordine sparso su personaggi che, per una ragione o per l'altra, mi appaiono "inutili" o semplicemente non più al passo con i tempi, se non semplicemente esauriti dopo anni di uso indiscriminato.

Manetta, Sgrinfia e altri babbei
In generale tutti quei personaggi con delle potenzialità ma che vengono usati solamente come spalle demenziali per i personaggi principali. Il loro ruolo è sostanzialmente quello di non capire e di far spazientire i loro capi (e alla lunga, dopo anni di gag identiche, i lettori).

I nipotini a oltranza
C'è stato un periodo della storia dei fumetti Disney in cui sembrava che ogni personaggio dovesse avere uno o più nipotini che rappresentassero la sua versione in miniatura. Così dopo Qui, Quo e Qua e Tip e Tap ci siamo trovati con Emy, Ely ed Evy, Pennino, Pierino e Pieretto, le nipotine di Minni, Newton, perfino il nipotino di ciccio. Naturalmente di loro non è rimasta (quasi) traccia perché non aggiungevano nulla agli zii. E se hai una copia di un personaggio tanto vale usare l'originale.

I supereroi a oltranza
Sarà che non amo i supereroi e che i superpoteri mi sembrano una semplificazione, e fosse per me i team di superuomini potrebbero finire dritti nel dimenticatoio, a partire dal materiale Marvel. Ma sta di fatto che, oltre all'epidemia dei nipotini ci fu l'epidemia di supereroi. Così oltre a Paperinik abbiamo avuto la versione super praticamente di chiunque, da Paper Bat a Brigitta a da Zio Paperone. Punto peggiore fu Ultraheroes, con supereroi "pescati a caso" nel mare dei personaggi paperopolesi. Menzione speciale (negativa) per due personaggi più vecchi ma che da sempre malsopporto: Paperinika e Superpippo.

Kranz e altri antagonisti a gettone
In generale, tutti quei personaggi che recitano il ruolo del cattivo per contratto, ben capeggiati dall'antagonista di Indiana Pipps. Kranz segue il rivale, si svela, tira fuori la pistola, e poco dopo viene bloccato da Indiana. Fine. Nessuna variante, nessun approfondimento, nessuna sorpresa. Non è molto, ma è un lavoro onesto (si fa per dire).

Vip
Comprendo perfettamente l'esigenza di mettere su  Topolino personaggi paperizzati per attirare nuovi lettori. Ma non amo quando quest vengono fatti diventare personaggi stabili e ricorrenti. Dal già citato Papernova a Papertotti, passando per tutti gli altri paper-qualcosa ispirati alla vita reale. L'unico che salvo è Paperica, per quanto anche lui vada usato con cautela.

13
Topolino / Re:Topolino 3367
« il: Lunedì 8 Giu 2020, 10:12:02 »
Newton Pitagorico e il grammofono silenzia-tutto ???
Storia ben scritta e ben disegnata che però non aggiunge nulla al personaggio, visto che avevamo visto una trama analoga nella storia in cui sparivano i colori. E in generale quello del "vorrei far sparire qualcosa ma poi mi manca e me ne pento" è un plot non proprio originale. In generale comunque non vado matto per il character di Newton, visto che in molte storie (come questa) il suo ruolo potrebbe essere interpretato dallo zio senza che la trama ne risenta.

Mah, io non credo che la storia possa essere interpretata allo stesso modo anche da Archimede. Io l'ho sempre visto come un inventore sì strambo, ma comunque serio e responsabile. Secondo me in questo caso Archimede si sarebbe limitato a costruire, chessó, dei panelli isolanti. Mentre Newton è evidente come non rifletta alle conseguenze delle sue azioni, e
Spoiler: mostra
crea una macchina per silenziare il mondo intero
, denotando la sua immaturità e impulsivitá (tipiche di un bambino).

Questo è vero, però Newton mi è sembrato delineato un po' troppo come adulto. Nel senso, volere concentrazione per le proprie invenzioni e arrabbiarsi con chi fa rumore sotto alla propria finestra è una cosa che mi attenderei più da Archimede che da un ragazzino. Inoltre, abbiamo assistito a tante storie in cui Archimede "esagera" con le proprie invenzioni, non per irresponsabilità ma semplicemente per effetto collaterale dei suoi congegni. Diciamo che Newton in questa storia era molto poco "bambino".

14
Quello della continuity con Gagnor è un falso problema perché UNE e DD hanno una collocazione temporale indefinita e loro stesse non danno riferimenti alle continuity precedenti. E comunque per una nuova storia che esce non è indispensabile dare riferimenti a tutte le saghe precedentemente uscite. Quanti cicli di PK esistono che nessuno ha più praticamente mai nominato? Per dire, in PKNE qualcuno ha mai fatto il nome, per citare due personaggi a caso, di Kronin e D'Aq?

Senza voler fare il menagramo, penso che quella di UNE sarà una saga più breve di quanto previsto e che probabilmente verrà "dimenticata" da tutti (redazione inclusa) in breve tempo. Ma non per damnatio memoriae di Gagnor, semplicemente perché si tratterà di un progetto editoriale fallito (per colpe che vanno oltre gli autori, a partire dalla mancata pubblicità della testata e dai costi elevati). A quel punto la cosa più logica da fare sarebbe tornare al vecchio format, con autori collaudati su Topolino.

A quel punto per i vecchi lettori sarebbe relativamente facile riavvicinarsi: un conto è investire 10 euro per trovare un volume il cui seguito uscirà dopo 6 mesi. Un conto è comprare un Topolino a 3 euro con la prima puntata di una mini -saga, che mal che vada si esaurirà nell'arco di un mese e se non ti piace hai comunque la possibilità di non comprare nemmeno il secondo numero (e in ogni caso hai il resto del Topolino). Spero che si torni a questo format, che ci permetteva, tra l'altro, di leggere "di più".


15
Topolino / Re:Topolino 3367
« il: Domenica 7 Giu 2020, 22:41:01 »
Numero piacevole con buone idee ma che si perde un po' nello svolgimento delle varie storie. Compresa (per ora) quella di Casty.
Occhio, possibili spoiler!

Topolino e le onde Skertz - Prima parte  :)
Casty è una garanzia e anche stavolta scrive una bella prima parte di storia. il fatto è che da Casty ci aspettiamo qualcosa di più una storia "solo" bella. Naturalmente è presto per giudicare e dovremo aspettare come minimo la prossima settimana per dare un parere affidabile (presumo siano solo due episodi, come qualcuno aveva detto). Per ora però i difetti sono quelli già evidenziati da altri utenti: ritmo un po' lento e poco senso di inquietudine, da imputare anche allo stile rassicurante di Coppola. Aggiungo anche un pizzico di invidia per i topi, che tra Parigi, isole resort, campeggi e barca hanno il loro bell'imbarazzo della scelta per le vacanze... (anche sfido a passare anche una sola notte sulla barca noleggiata da Topolino. Non dico disegnare uno yacht, ma un pedalò sarebbe stato più spazioso).

Newton Pitagorico e il grammofono silenzia-tutto ???
Storia ben scritta e ben disegnata che però non aggiunge nulla al personaggio, visto che avevamo visto una trama analoga nella storia in cui sparivano i colori. E in generale quello del "vorrei far sparire qualcosa ma poi mi manca e me ne pento" è un plot non proprio originale. In generale comunque non vado matto per il character di Newton, visto che in molte storie (come questa) il suo ruolo potrebbe essere interpretato dallo zio senza che la trama ne risenta.

Paperino e la fonte scintillante :)
Ottima storia che parte da un'idea originale e si risolve con una morale non banale e inaspettata. In mezzo però ci sono gli "auto sabotaggi" di Paperino che non convincono. Mi chiedo (come altri, a quanto ho letto) in che modo ritardare la spedizione avrebbe potuto dissuadere lo Zione dal volere l'elisir. In ogni caso ripeto: bella prova di Panaro.

Pippo Blog & Tales - L'arrembaggio a sorpresa >:(
Per me è no. Brevi ispirate ai mercoledì di Pippo senza averne la verve né tantomeno l'originalità.

I fratelli De' Paperoni - Lo scarabeo d'oro ;)
Bene recuperare Gedeone. Bene metterlo in coppia con Paperone. Mi chiedo solo se per rilanciarlo non sarebbe stata più indicata una storia di più ampio respiro magari ambientata nel mondo del giornalismo. In fondo su Topolino sta andando avanti (a mio parere con ottimi risultati) il ciclo del Papersera, quindi ampliare quell'ambientazione includendo il Grillo parlante avrebbe potuto dare risultati diversi. In ogni caso bello vedere i due fratelli quasi "in competizione" con caratteri diversi a confronto (a costo di assistere a qualche forzatura ed esagerazione).

Rockerduck e il segnale dal futuro :)
Forse la migliore del numero. Penalizzata però dal finale. Come hanno già fatto notare alcuni utenti la resa dei Bassotti appare un po' frettolosa, e l'auto accusa di RK (e relativo crollo delle azioni) non ha alcun senso. Si poteva giustificare se Lusky avesse rubato il telefono, ma essendo stato regolarmente acquistato RK non ha commesso alcun abuso né tantomeno reato. Diciamo che il finale in cui Paperone vince sempre e comunque non deve diventare una condanna dalla quale non è possibile sfuggire.

Pagine: [1]  2  3  ...  114 

Dati personali, cookies e GDPR

Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.