Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
In edicola
2 | |
3 | |
2 | |
3 | |
3 | |
4 | |
5 | |
4 | |
2 | |
4 | |
4 | |
4 | |

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - MiTo

Pagine: [1]  2  3  ...  113 
1
Topolino / Re:Topolino 3350
« il: Domenica 16 Feb 2020, 22:23:21 »
La censura spesso non la giustifico ma la comprendo. In questo caso però è insensata completamente. La scena vede un pericoloso criminale barricarsi in un edificio con una squadra speciale della polizia che cerca di stanarlo.
Ora è ovvio che siano tutti armati. Altrimenti, se fosse disarmato, perché il criminale dovrebbe essere pericoloso? prende i poliziotti a male parole? E le forze dell'ordine, armate di manrovesci?

Ora va bene che si tratta di una storia leggerissima, ma c'è un limite a tutto, anche perché graficamente assistiamo a gente che brandisce pugni che nemmeno nelle zone più rosse dell'Unione Sovietica durante lo stalinismo.

2
"Giustizia per tutti" è una storia abbastanza incisiva e forte nonostante la censura (che presumiamo ci sia stata, visto l'ingente ritardo). Sarei curioso di sapere se e cosa è stato modificato.

3
Le altre discussioni / Re:Selezione nuovi autori Topolino
« il: Mercoledì 23 Ott 2019, 16:40:00 »
Ho partecipato, visto che avevo almeno una settantina di soggetti con paperi e topi in archivio.
Ma non ho ricevuto riscontro, dunque immagino che abbiano trovato qualcuno di migliore. Peccato, ma non ci speravo nemmeno troppo, non avendo grosse referenze.

4
Commenti sulle storie / Re:Topolino e la dissolvenza alfabetica
« il: Giovedì 3 Ott 2019, 00:07:03 »
Non la leggo da secoli, e chissà in quale angolino della libreria si è infilato quel Topolino. Questo per dire che non ricordo nei dettagli la storia e che il mio giudizio potrebbe essere influenzato dalla nostalgia. Ma quando uscì amai profondamente questa avventura perché creava un'atmosfera "noir" godibilissima. Quelle vignette in seppia, i disegni di Palazzi, e in generale l'abilità di Mezzavilla hanno fatto la differenza, secondo me.
Poi ripeto, all'epoca avevo 11 anni, ma anche nelle letture successive continuai ad apprezzarla davvero tanto. Dovrei ritrovarla in mezzo a quel marasma di Topolini che mi ostino a chiamare libreria e capire se oggi, con un'occhio più analitico, avrei un parere diverso.

5
Off Topic / Re:Le vostre opere
« il: Venerdì 20 Set 2019, 23:30:27 »
Vi propongo una breve storia che ho scritto e disegnato qualche tempo fa.










6
Topolino / Re:Topolino 3317
« il: Venerdì 21 Giu 2019, 21:55:57 »
Il settimo corvo è una di quelle storie che vorresti leggere spesso sulle pagine del Topo. Artibani è uno dei migliori della scuderia e non manca di mostrarlo per l'ennesima volta. Questa avventura in due tempi ha tutto quello che si potrebbe pretendere da una storia con Topolino: azione a palate, uno scenario noir e interessante come quello di Londra e della sua Torre, tematiche significative come quelle dell'adozione e anche un bel po' di risate.
Artibani sa scrivere con mestiere e lo si vede anche nelle fasi più statiche, come quella iniziale, in cui la vicenda prende il via ed è sostenuta da dialoghi frizzanti e piacevoli. Personalmente amo quando il Topo, oltre alla materia grigia, fa funzionare anche le mani (qualcuno ha detto che questa storia ricorda le atmosfere di MMMM: sono d'accordo). Ho anche riso parecchio (la scena nel bar è da incorniciare) e i personaggi secondari sono validi e credibili.
Pastro completa il lavoro con dei disegni che donano alla storia tutto il dinamismo di cui hanno bisogno.

7
Topolino / Re:Topolino 3316
« il: Mercoledì 19 Giu 2019, 01:04:02 »
Ne avete tante, ne ho lette molte e vorrei dare il mio contributo alla discussione, nonostante la settimana sia agli sgoccioli.
Ci sarà qualche spoiler nel mio commento, per cui state attenti. Anche se credo che ormai abbiate già letto tutti o quasi.

Paperinik, tutto cominciò così ovviamente è, volente o nolente, il cuore del numero. Personalmente questa storia ha suscitato in me sensazioni contrastanti. Rivedere le origini del Papero Mascherato mi ha fatto un enorme piacere, e osservare quelle stesse vignette in chiave moderna mi ha affascinato. Ammetto di essere stato diversi minuti con il Topolino in una mano e una ristampa dell'originale nell'altra. La storia in sé è piacevole, anche se mi unisco al coro di chi avrebbe voluto vederla sviluppata in più tavole.
Venendo invece alla questione intrinseca: questa rivisitazione serviva? Forse, ma forse no. In generale, parlando da grande estimatore del lavoro di MG, ritengo che Fantomius abbia un difetto fondamentale: egli è vittima della sua stessa infallibilità che, salvo rarissimi capitomboli, lo rende invincibile senza colpo ferire. Naturalmente sappiamo che chi vince sempre, senza versare o quasi una goccia di sudore, risulta suscitare ben poca empatia nel pubblico. Nonostante il carisma di cui il lord è ammantato. Il fatto che egli guidi la nascita di Paperinik lo rende ancora una volta infallibile, per di più dove non credevamo fosse possibile che lo fosse.
Fantomius è un grande personaggio. Ha solo bisogno della sua Kryptonite.

Per quanto riguarda Paperino e il segreto della 313 è una storia eccellente. Dai testi ai disegni passando per i colori di Barberini è tutto estremamente piacevole e godibile. Sul fatto di pubblicarla come ristampa: le storie d'epoca (anche non troppo) che facciano capolino di tanto in tanto sulla testata ammiraglia di inediti non mi dispiace. Specie se si tratta di ottime storie come questa. Tuttavia non condivido affatto il dividerla in due parti. Sia perché una ristampa non è un'inedita, sia perché, in particolare, il segreto della 313 era serata concepita come storia autoconclusiva e quindi spezzettarla risulta artificioso. Senza neppure una lunghezza della storia tale da giustificarne la divisione.
Non metto ovviamente in discussione le scelte editoriali, che da un po' sembrano aver acquistato un maggiore coraggio in diverse ambito. Ma da lettore non riesco a esimermi dallo scrivere queste osservazioni.

Facendo un discorso più generale vorrei che le opinioni, positive e negative, purché ovviamente pacate nei modi e nella forma, non vengano percepite come minacce o insulti al lavoro degli autori o della redazione, bensì come riscontri sinceri da parte di un pubblico che, in una piccolissima parte, noi rappresentiamo.

8
Topolino / Re:Topolino 3313
« il: Sabato 25 Mag 2019, 16:50:28 »
Segnalo un articolo sulla Formula 1 scritto da Fabio Licari pieno zeppo di errori grossolani.
Si parla del pilota della Ferrari Charles Leclerc. Viene sbagliata la sua nazionalità (francese anziché monegasca) viene detto che è il più giovane a ottenere a una pole position (in realtà è il secondo) e poi tra i driver della Rossa è citato un certo Marcos Alonso (che è un calciatore. Il pilota si chiama Fernando Alonso). Tutto questo in due paginette di articolo.
Ora va bene tutto ma evidentemente questo servizio non è stato nemmeno riletto, e non serve essere guru della Formula 1 per scovare questi errori. È sufficiente incrociare qualche informazione su Wikipedia...

9
Topolino / Re:Topolino 3311
« il: Lunedì 13 Mag 2019, 16:10:35 »
Buon numero che apre con una sorta di sequel, quello della bellissima "L'Ombra del drago", "La grande barriera". Che pur contando su un Mottura strepitoso (come al solito, del resto) non riesce a trasmettere le stesse sensazioni dall'avventura originale. Un po' perché forse il tema fantasy mal si adatta alla prima storia che invece proponeva un tema storico, un po' per una trama che si sarebbe potuta adattare a parecchi scenari oltre a quello proposto dall'autore. Peccato, ma comunque storia piacevole.
"Il grande gioco geniale" non mi ha ancora preso, perché pesa un po' troppo il tema della ricorrenza. Ma immagino che una volta che la vicenda sarà avviata, nei prossimi episodi, questa sensazione sparirà. Per ora, bravissimo Freccero che riempie le vignette di dettagli e comparse protagoniste a loro volta di gag.
"La coltivazione incolta" è una storia che abbiamo già visto spesso con piccole varianti e con una trama molto semplice (o forse dovrei dire semplificata). il che risulta poco interessante per il lettore adulto (che magari si chiede se vale la pena per un manager offrire un trattore de luxe per rubacchiare qualche cestino di fragole) ma che può spiegare ai lettori più piccoli i meccanismi truffaldini di certi sedicenti affaristi che propongono guadagni miracolosi. Bene l'aver introdotto personaggi universitari nella storia.
"Paperoga insegna: il disinfestatore" non resterà certo scolpita nelle nostre menti, mentre "Il caso dell'orsacchiotto" l'ho trovata molto carina.
Infine "Paperone, Nonna Papera e Nonno Bassotto in: soli contro tutti" si lascia leggere e appare originale per il trio di protagonisti, ma a livello di trama non c'è moltissimo di nuovo. E il finale, come troppo spesso accade, mostra il protagonista che vince perché aveva previsto tutto.

10
Purtroppo non potrò essere presente, ma ovviamente mi affretto a prenotare una copia del librone

11
Off Topic / Re:Le vostre opere
« il: Domenica 31 Mar 2019, 01:04:16 »
Avete presente Adrian, la mitica serie evento di Celentano e co? Ebbene, poco tempo fa ne avevo pensato quali personaggi potessero interpretarne una parodia Disney. Eccoli qua  ;D

12
Topolino / Re:Topolino 3305
« il: Sabato 30 Mar 2019, 21:53:54 »
Ancora una volta un numero gradevolissimo, come abitudine degli ultimi mesi. Archimede, Zio Paperone e il restyling inventivo ha il merito di trattare argomenti contemporanei come il design e i social network, storicamente trascurati nelle storie disneyano e che qui vengono chiamati in causa con sapiente garbo. Del resto la coppia di autori è affiatata ed entrambi fanno un lavoro eccellente. Sarebbe stato bello che la storia avesse svilupparsi su qualche tavola in più. Ma poco male perché dopo c'è un'avventura in piena regola: Paperino, Paperoga, Gastone e il Pesce d'Aprile galattico che una di quelle storie che sorprendono a ogni tavola e che non sai mai cosa leggerai nella pagina successiva. Il finale in particolare non me lo sarei mai aspettato: complimentoni!
Pluto e il recupero a catena è una storia gentile e dinamica che approfondisce il personaggio di Pluto troppo spesso trascurato. Qui lo vediamo addirittura alle prese con Gambadilegno come nei vecchi tempi, nello sventare una rapina. Insomma, si ride e ci si emoziona, in poche tavole.
Paperoga insegna - Il fotografo naturalista Questa serie procede sempre meglio, dando vita a lezioni divertentissime e comiche, a prescindere dalla piccola modifica della macchina fotografica che non influisce sulla buona riuscita della storia. Amelia e l'inversione magico-scientifica è una storia originale che ci mostra un nuovo capitolo della lotta tra Amelia e Pdp, stavolta con l'incognita di due nuovi personaggi che sarebbe bello vedere di nuovo. Paperopoli Film Festival - Topolino, Pippo e le prime stelle del Calisota: continua la meravigliosa serie dedicata al cinema, qui mischiata con un giallo storico come non se ne vedevano da tempo. Bravi tutti.
Menzione speciale per Sport alternativi - La strana corsa, last but not least, che in una sola tavola riesce a far ridere, ma anche pensare

13
Topolino / Re:Topolino 3303
« il: Domenica 17 Mar 2019, 23:58:38 »
Quello di questa settimana è uno dei numeri che i lettori vogliono, ricco di storie divertenti e piacevoli, ma anche commoventi. Del resto non poteva essere altrimenti visti gli autori impegnati nel numero, che sono vere e proprie assicurazioni sulla qualità delle avventure.
Zio Paperone e l’enigmatica stoffa inconsumabile è una meravigliosa analisi psicologica del rapporto zio-nipote che di solito si vede poco. Anche il personaggio della sarta è davvero efficace, realizzato con perizia e con una Storia alle spalle (la S maiuscola è d'obbligo). Belli i riferimenti al mitico Klondyke, rappresentato in maniera sincera e  credibile senza eccedere nella visione pedante di Don Rosa. Disegni eccellenti.
Wizards of Mickey – Destino ci fa ricordare perché il fantasy disneyano è così amato. Questa avventura non smette mai di stupire tavola dopo tavola, mischiando scene di azione frenetica con attimi di riflessione e facendo passare messaggi importanti, come quello dell'importanza sia del viaggio che della destinazione. Oltre che quello dell'amicizia e del credere in se stessi. Roberto Marini è indiscutibile, ogni tavola è una gioia per gli occhi.
Gadget prezioso e irrinunciabile, che fa venire voglia di leggere già la prossima avventura di WoM! Al lavoro, al lavoro
Pluto e il diamante blu celebra il ritorno del mitico Pluto in veste di protagonista assoluto, che mancava da troppo tempo. Comparto grafico impeccabile, e la resa del diamante con i suoi giochi di luce mi fa fare un applauso anche al colorista, figura spesso ingiustamente sottovalutata.
Banda Bassotti, pasticci assortiti – Il tunnel: basti dire i nomi degli autori. Panini è una garanzia nelle storie di questo tipo, Gatto è un Maesro e non c'è molto da aggiungere, se non che di queste storie ne vorremmo di più.
Paperino e il gran galà dei pasticci Anche qui la coppia d'autori è vincente. Sceneggiatura dal sapore classico, tanto che sembrava di leggere una storia dei mitici grandi calssici, ma con quello spunto di modernità che la rende attuale e mai banale. Aasaro ci regala disegni dinamici e morbidi, anche se tutta la vicenda si svolge in ambiente limitato lui riesce a rendere tutto vario ma equilibrato.
Paperopoli film festival – Paperoga e il mistero alla rovescia se fossimo al cinema sarebbe da standing ovation. Ma anche su carta c'è solo da applaudire. La storia in sè è piacevolissima e avvincente, e l'idea di proporla al contrario è un colpo di genio. Ripercorrere gli eventi in retromarcia permette di godere di tutte le sfaccettature delle avventure di questo tipo. Complimenti davvero agli autori, capaci di proporre qualcosa con coraggio e intuito.

Insomma, non vedo l'ora di sfogliare il nuovo Topolino. Intanto, buona settimana a tutti!

14
Off Topic / Re:Le vostre opere
« il: Lunedì 11 Mar 2019, 23:07:44 »
Molto molto carina la storia, l'old style mi piace moltissimo

15
Topolino / Re:Topolino 3301
« il: Mercoledì 6 Mar 2019, 15:06:36 »
Spendo volentieri qualche parola per Anatrham. Bella storia che non è pesata affatto nonostante l'ambientazione non sia tipicamente quella delle commedie più leggere e sia composta da ben 5 episodi, pieni zeppi di sottotrame e personaggi. Tutto molto classico, tutto molto composto, dalla trama fino ai dialoghi, ma non per questo banale o prevedibile.
L'unica cosa che mi ha fatto storcere il naso, come a molti di voi, è la vicenda del conte stesso, che appare un po' stereotipata e non lascia certo a bocca aperta. E, se devo fare un'altra piccola critica, nel'ultimo episodio si affollano troppi colpi di scena, ma capisco fosse necessario chiudere i vari intrecci nella parte conclusiva della saga. Che comunque è sempre rimasta interessante anche negli episodi intermedi, cosa non affatto scontata in storie di questo genere.
In fin dei conti devo fare un plauso anche a Picone che, sebbene finora non mi abbia mai entusiasmato, ha fatto un eccellente lavoro sia con l'ambientazione che con i costumi, dando un'atmosfera molto piacevole a tutta la storia.

Pagine: [1]  2  3  ...  113 

Dati personali, cookies e GDPR

Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.