Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
In edicola
5 | |
5 | |
4 | |
3 | |
3 | |
5 | |
5 | |
4 | |
5 | |
5 | |
4 | |
3 | |

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - lbswagen

Pagine: [1]  2  3  ...  11 
1
Live Action / Re:Il Ritorno di Mary Poppins
« il: Lunedì 11 Mar 2019, 20:46:21 »
Invece io ero entrato al cinema sperando con tutto il cuore che avessero fatto un ottimo film, come è "Saving Mr. Banks", ma ben sapendo che di solito queste operazioni di sequel/remake si fanno solo per budget.
E purtroppo anche questo è così…
Se a qualcuno è piaciuto, meglio così. A me basta l'originale.   

2
Live Action / Re:Il Ritorno di Mary Poppins
« il: Martedì 1 Gen 2019, 11:39:14 »
Sarò radicale, ma per me giudizio al 90% negativo...purtroppo.

La causa vera è la protagonista: una Mary Poppins così antipatica e piena di sè proprio non me l'aspettavo; forse più simile a quella dei libri originali di Pamela Travers, ma di certo non come la Julie Andrews del '64. Un personaggio che pare proprio fuori luogo, che sorride ben poco e che non fa molto, a parte specchiarsi in ogni dove…   odiosa. Vorrei vedere lo stesso film senza di lei.

Per il resto, i due fratelli Banks ormai cresciuti mi sono sembrati ben inquadrati nello sviluppo della loro vicenda.
Abbastanza assurdo che l'attrice Karen Dotrice, che interpretava la Jane Banks originale, ad un certo punto compaia nel film come un'anonima signora,senza nemmeno essere riconosciuta dal pubblico in sala... ben altra reazione fra le poltrone invece alla fine, quando il mitico Dick Van Dyke appare con barba grigia e coinvolgente energia... Per me è la sequenza migliore del film, insieme a richiami e citazioni a quello del 1964; non mi spiego invece voler inserire due sequenze per tenere "il fiato sospeso": una alla fine, e una nella sequenza animata-mista... animazione che io giudico "banale" e decisamente sottotono rispetto all'originale (ma c'è da dire che per me la qualità, freschezza e spessore dei cartoon Disney di una volta si è persa già da anni).
C'è anche Angela Lansbury alla fine del film, straordinaria come sempre.
Canzoni non decisive, e assenza di parole tipo "supercalifragilistichespirali doso" lo rendono un film banale, che pure può piacere allo spettatore "usa e getta" di oggi, ma non certo all'appassionato che si aspettava, se non un capolavoro, almeno un buon film da rivedere ogni tanto.
Invece questo mi ricorda il film per la TV "Il ritorno del Maggiolino tutto matto": anche quello una ben poco riuscita via di mezzo tra sequel e remake, che ha il suo solo pregio nella presenza nel cast di Dean Jones (lo storico protagonista del film originale), come questo "Mary Poppins mk2" ha un magistrale Dick Van Dyke nel cast.

Ma non c'è da sorprendersi poi molto, oggi non abbiamo più un certo Walt Disney che sapeva come fare un film perchè restasse un capolavoro per sempre, e certi miti del passato non andrebbero rovinati in questo modo.

3
Off Topic / Re:R.I.P.
« il: Martedì 27 Mar 2018, 23:43:34 »
Fabrizio Frizzi resterà anche fra i ricordi di chi negli anni '90 seguiva Disney sulla Rai. Ricordo alcuni "special" condotti da lui in quella che all'epoca si chiamava Eurodisney, e la notte di inaugurazione di questo parco. Lo affianco idealmente a quelli che facevano una TV semplice e diversa, alla vecchia maniera: Mike, Corrado, Vianello...
Ci mancherà.  :'(


4
Toon Studios & altra animazione / Re:Disney in TV
« il: Martedì 27 Mar 2018, 23:30:03 »
Vi ricordo che attorno a settembre 2009, nei pomeriggi di Rete 4 andarono in onda i primi 3 lungometraggi di Herbie, il Maggiolino tutto matto. Solo in quell'occasione, chissà perché.
E se non ricordo male passò anche Il cowboy col velo da sposa.
Film, quest'ultimo, che è onnipresente su La7 (trasmesso 2-3 volte l'anno), la quale a volte trasmette anche qualche altro titolo (I cacciatori del lago d'argento, Davy Crockett...)

5
Testate Regolari / Re:Uack! - Discussione generale
« il: Mercoledì 17 Gen 2018, 19:28:40 »
Smetto anch'io, ormai è inutile proseguire.
Mi chiedo alla Panini quali prospettive di vendita avessero nel 2014, quando è uscito il primo "Uack!".
Cosa mai credevano, che avesse un mercato pari a "Topolino"?
Tanto più che fin dall'inizio trovarlo in edicola non era per niente facile, molti edicolanti non lo conoscevano proprio e per essere sicuro di trovarlo sempre io mi ero messo d'accordo con uno di loro che faceva arrivare una copia apposta per me.
Ragionando:
Chi nel 2014 era appassionato da anni, le storie di Barks probabilmente le aveva già tutte o quasi, in varie forme visto che in Italia erano già uscite all'epoca "da nuove" e ristampate più o meno regolarmente su varie testate, quindi questa fascia di pubblico forse non era quella più interessata, perlomeno all'acquisto regolare di tutti i numeri;
Chi si era fatto scappare la "GDDP" (nel 2008) sarebbe stato forse il cliente ideale (ammesso che non ci avesse ripensato nei 6 anni di distanza e quindi comprato l'omnia come usato);
Chi non sapeva proprio nulla di Barks e ha provato a comprare i primi numeri, che garanzie poteva dare alla casa editrice che il prodotto era di suo gusto e avrebbe continuato ad acquistare?
E poi, quante di queste persone si sono "impegnate" per trovare tutti i numeri e proseguire la collana vista la diffusione di vendita (vedi sopra)? Quanti si sono invece abbonati per evitare ciò? Quanti si sono persi per strada? Quanti poi hanno lasciato a seguito della transizione in "Paperopoli"?
Insomma, a chi pensavano di vendere questo "Uack!" e poi "Uack!-Paperopoli" e adesso "Vita da paperi"? Quanti numeri per ogni uscita? (Qualcuno lo sa di preciso, numeri alla mano?)
Era ovvio fin dall'inizio che era un prodotto di nicchia, possibile che Panini volesse fare grandi numeri con questa testata?
Perchè rinnovare ancora il titolo e ridurre i contenuti ma non il prezzo? Manovra ulteriormente autodistruttiva secondo me.

6
Collezionabili Disney / Re:LEGO Disney
« il: Giovedì 7 Set 2017, 22:19:32 »
Non so se qualcuno lo abbia già menzionato qui nel forum, io forse arrivo in ritardo visto anche che è in vendita già dall'anno scorso, ma volevo segnalare il castello della Disneyland californiana realizzato da LEGO.
Modello non proprio a buon mercato (349,99 Euro sul sito ufficiale LEGO! ), ma composto da ben 4080 pezzi da mettere insieme, per un risultato strepitoso!
Insieme al castello sono forniti anche diversi personaggi del mondo Disney...
Avrei voluto prenderlo, anche perchè come tutti i LEGO quando uscirà di produzione il prezzo sul mercato amatoriale schizzerà alle stelle, ma finora la cifra mi ha frenato. 

7
Live Action / Re: Un ritorno al vero stile Disney, quello classico
« il: Mercoledì 31 Mag 2017, 00:05:55 »
Anch'io sono un nostalgico di questi film: da piccolo li vedevo, mi piacevano e li credevo "da grandi" perché non a cartoni animati; uno di essi ha poi plasmato la mia vita indirizzandomi a quella che è diventata la mia passione principale (quella del Maggiolino; la stessa cosa è successa a tanta gente in tutto il mondo);
da adolescente li preferivo ai Disney animati, e adesso non smettono di piacermi.
Brigo: Che titoli ti sei visto? Giusto per capire, perchè anche qui c'erano certo dei film riusciti male; inoltre ci furono diversi generi:
le pellicole degli anni '50 erano piuttosto centrate sui classici della letteratura, western e avventura; erano trame e ambientazioni ben poco contemporanee al periodo di uscita insomma (e per me alcuni sono sì un po' "pesanti"). Alcuni di questi vecchi live-action Disney furono girati in Inghilterra, e certe sequenze sono piuttosto "forti" per essere stati distribuiti dal marchio di zio Walt: vedasi ad esempio "L'isola del tesoro" o "Il ragazzo rapito".
Tutt'altro con le commedie anni '60, quelle ambientate proprio nella loro epoca di uscita, e che credo siano le più amate e le più famose del genere: Fred Mac Murray, Dean Jones, Hayley Mills, più tardi anche Kurt Russell,erano attori di primo piano che rendevano queste opere veramente piacevoli e senza tempo; ma anche diversi caratteristi o "spalle" che prima o poi entrarono negli Studios hanno contribuito al loro successo: Joe Flynn, Elsa Lanchester, ...
Negli anni '70 cominciò il declino, con l'assenza progressiva degli attori citati sopra (anche se con ottime new-entry, come Don Knotts), con trame insipide (ad esempio "Dai papà, sei una forza!"- che ho visto una volta sola e purtroppo non ho registrato!), e vari sequel messi in piedi solo per sfruttare il successo del primo titolo della serie: i più famosi sono quelli di Herbie, ma anche quelli che io chiamo "Medfield College" (i 2 seguiti de "Il computer con le scarpe da tennis").
Fino al 1980 più o meno così; dopodichè i live-action 'Walt Disney Productions' si diradarono per poi lasciare il posto al marchio Touchstone e ad un gran numero di film con uno spirito e uno stile totalmente diversi, in un certo senso opposti alle vecchie pellicole, che li rendevano le fotocopie di quello che si faceva negli altri studi - a volte concorrenti, a volte alleati ("Chi ha incastrato Roger Rabbit?") - e a questo punto... "end of magic".
(Tentativi fine anni '80 a marchio Disney tipo "Quattro cuccioli da salvare" o vari film-TV che vennero trasmessi anche da noi non mi hanno mai convinto).
Mi rendo conto che il resto del mondo non è e mi pare non sia mai stato molto generoso o attirato da questi film: quanti vengono ricordati al di fuori dell'ambiente degli appassionati Disney? (Solo la serie di Herbie il "Maggiolino tutto matto" ha un'ampio seguito con vari siti dedicati, grazie alla passione per le vecchie automobili del marchio VW)
Quanti Live-action Disney hanno ricevuto Oscar o riconoscimenti vari ai loro tempi? (Mary Poppins e simili non valgono, sono a tecnica mista)
Si sa che oggi il mondo è cambiato in ogni aspetto, e rifare produzioni simili (senza sesso apparente, poca violenza e niente parolacce), ammesso di trovare una squadra in grado di fare un buon lavoro, che incassi porterebbe?
Credo minimi rispetto agli investimenti che sarebbero comunque alti se si volesse una produzione di qualità, e infimi rispetto alla fame di denaro che oggi ha Disney...
L'uso di computer o effetti elettronici di oggi sarebbe "ammesso"? Per me no.
Gli effetti speciali dovrebbero essere puramente fotografici o meccanici, ma ancora, soluzioni ormai storiche quanto costerebbero in più rispetto alle odierne?
Le ambientazioni dovrebbero fermarsi poi al massimo agli anni '70, se no per forza ci sarebbero da trattare anche temi un tempo nascosti da leggi, morale, ecc.., che oggi sono sotto gli occhi di tutti, come l'omosessualità... se non altro perchè oggi una certa parte di pubblico pretende il "politically correct".
"Saving Mr.Banks" è da considerare sì nel solco delle commedie che piacciono tanto a noi, ma è del tutto atipico: parte della sua "magia" gli arriva proprio dal film del quale racconta la storia nascosta (sia pure con qualche libertà).
Non si può pretendere che facciano la stessa operazione con altri film moderni che ne raccontano uno del passato! A noi piacerebbe se fossero ben fatti, ma è ovvio che non sia possibile!
Leggevo proprio pochi giorni fa sul sito Lovebugfans (dedicato ai film di Herbie) una discussione su come potrebbe essere un nuovo film moderno sul famoso Maggiolino, visto che molti si sono trovati delusi da "Herbie il supermaggiolino" del 2005 - io no, a me piace - che può essere anch'esso considerato un "lontano parente" delle gloriose vecchie produzioni...:

http://lovebugfans.yuku.com/topic/10434/Question-What-would-be-a-good-modern-Herbie-movie?page=1#.WS3ohzGwfIU 
   

8
Live Action / Re: I principali film live-action della Disney
« il: Giovedì 23 Mar 2017, 23:32:01 »
I più importanti... i meglio riusciti... mica facile dirlo.
Di quale epoca Disney? Per quanto mi riguarda sono molto legato e conosco abbastanza bene l'arco di produzione '50-primi '80, poi i live-action hanno preso una strana direzione più adulta (sfociata poi nella Touchstone) con il paio di horror già ricordati sopra, con "Baby, il segreto della leggenda perduta" e con quello che a voi sembra un buon film ma che io detesto proprio: "Il drago del lago di fuoco"(che mi pare fosse co-prodotto con la Paramount). Non mi piace perchè si allontana proprio dai canoni tradizionali di un film Disney (o almeno da quelli che io, abituato ai live-action precedenti, mi aspettavo di trovarci) e arriva da un'epoca incerta quale fu questa degli '80 per la major di Topolino. Stesso discorso per i più recenti film da botteghino e conseguente merchandising che si aprono con i titoli: "Una produzione...(tal dei tali)", "In associazione con...(pinco pallino)" e alla fine mezz'ora di nomi che nessuno leggerà mai...
Lontani anni luce da quando all'inizio il castello su sfondo blu non c'era ma la pellicola si apriva con la scritta "Buena Vista" e si chiudeva con "The End - A Walt Disney Production"!
Per me la vera Disney era quella, e le produzioni più recenti io non le considero nemmeno-scusatemi ma sono chiaro! Parere del tutto personale ok, ma le cose successive, e quelle di oggi (al pari delle varie animazioni attuali, 3D, PIXAR, film per cassetta, remake, reboot...) sono "un'altra cosa"; produzioni che possono essere distribuite da qualsiasi casa di produzione che tanto "l'impronta" Disney non si vede più.
Detto ciò, come eccezione che conferma la regola, io fra i bei film che si legano alla storia Disney metterei anche il recente "Saving Mr.Banks"; mentre se vogliamo tornare al glorioso passato, nella lista vale inserire anche i poco famosi "documentari" classici ("Deserto che vive","Prateria che scompare"... io li metterei tutti)?
Tra i live-action puri, se pensiamo a film di successo, famosissimi e chiaramente iconici di un mondo ormai scomparso, sia fuori che dentro il grande schermo, le commedie con i soliti "volti noti" (Dean Jones, Hayley Mills, Fred Mac Murray, ma anche Tommy Kirk, Kurt Russell o Don Knotts) sono sicuramente le migliori produzioni dello Studio.
Titoli: oltre alla serie di Herbie, uno su tutti: "F.B.I. Operazione gatto". Ma ce ne sono di piccoli capolavori...

9
Toon Studios & altra animazione / Re: Disney in TV
« il: Venerdì 17 Mar 2017, 20:55:50 »
Anche stasera stesso documentario su Rai Storia, sarà la seconda parte.

10
Testate Regolari / Re: I migliori anni Disney n. 14 - 1973
« il: Giovedì 5 Gen 2017, 22:39:01 »
Preso anch'io oggi... pensando che ormai si avvicinano gli anni dei quali avrò già tutte le storie riproposte, e visto l'euro in più, mi sa che abbandonerò la testata.

11
Toon Studios & altra animazione / Re: Disney in TV: Festività 2016/2017
« il: Sabato 24 Dic 2016, 22:22:43 »
La seconda parte sempre su Rai Storia sabato prossimo alle 21.10.
Beccato per caso, veramente molto interessante quello trasmesso stasera. In pratica è la storia di Walt.

12
Toon Studios & altra animazione / Re: Disney in TV: Festività 2016/2017
« il: Sabato 24 Dic 2016, 21:10:35 »
Adesso su Rai Storia, documentario su Walt!

13
Live Action / Re: FBI: Operazione Gatto
« il: Lunedì 19 Set 2016, 21:59:27 »
Don Walsh o Bill Walsh?
Hai scritto bene "a suo tempo", e credo che ti riferissi al ciclo "Al cinema in famiglia, appuntamento con Walt Disney", del venerdì sera su RAIUNO... a partire da ottobre o novembre 1986! Sono passati 30 anni; dopodiché ci fu "Cinema Insieme" (che trasmetteva anche opere non-Disney) e poi ripresero per un po' la vecchia "sigla", attorno al 1989 mi pare (le date precise le ho in archivio, dovrei guardare).
Io parlavo dei giorni nostri: talent show, fiction, talk show, internet, facebook...
Non siamo più nella semplicità degli anni '80. Purtroppo. E questi erano film semplici per gente semplice!

14
Live Action / Re: FBI: Operazione Gatto
« il: Mercoledì 17 Ago 2016, 08:31:30 »
Credo che a tutti noi piacerebbe che le nostre TV si ricordassero anche dei vecchi live-action Disney e che facessero appunto un ciclo apposito; invece pare che siano considerati film di serie B e trasmessi solo quando serve un tappabuchi.

15
Toon Studios & altra animazione / Re:DuckTales - Nuova serie
« il: Domenica 31 Lug 2016, 10:25:46 »
Invece sarebbe stato bello vedere qualche episodio 100% "Made in Venezia", con anche la storia e la sceneggiatura realizzate da Scarpa... peccato.

Pagine: [1]  2  3  ...  11 

Dati personali, cookies e GDPR

Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.