Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
3 | |
4 | |
4 | |
3 | |
3 | |
3 | |
2 | |
2 | |
2 | |
1 | |
4 | |
3 | |

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - Donald112

Pagine: [1]  2  3  ...  18 
1
Ennesimo capitolo ridicolo:
https://www.open.online/2020/07/03/sfregio-statua-sirenetta-copenaghen-pesce-razzista-film-disney/

A questo punto mancano solo le proteste contro il personaggio di Macchia Nera e ho visto tutto.


2
è spazzatura che ha molto richiamo però, pensa solo alle molte battute dei Griffin proprio su questo tema...

I Griffin fanno battute un po' su tutto... d'altronde si ha maggior interesse a scovare veri o presunti scheletri nell'armadio di una grande company come la Walt Disney che è voluta diventare, soprattutto negli ultimi decenni, il simbolo stesso del politically correct che tanti disprezzano; come quando si cercano i messaggi subliminali nei Classici Disney anni '90. Comunque per quello che so non vedo le basi per considerare Walt un razzista... semplicemente era figlio della cultura del suo tempo, negli anni '30 di certo non c'era Martin Luther King a sfilare in piazza... poi, che Walt avesse idee a mio parere un po' inquietanti, come l'edificazione di una città ideale in cui tutti sono felici come nelle fiabe, è un altro paio di maniche...
Infatti non capisco neanche io quali accuse di razzismo gli siano imputabili. Peraltro Disney stesso esercitò molte pressioni affinché a James Baskett (l'interprete de "I racconti dello zio Tom") fosse assegnato un Oscar onorario: l'attore fu il primo afroamericano maschio a riceverlo. 

Anche la questione dei messaggi subliminali è ridicola: polemiche infinite per easter egg, scene ambigue o addirittura fotogrammi di durata infinitesimale che penso mai nessuno avrebbe notato se qualcuno non ci avesse montato su uno spettacolo o scritto un articolo polemico. La Disney di oggi è diventata molto paranoica anche per questo motivo. Qualsiasi neo le viene ingigantito e questo fa sì che ormai oggi sia all'erta su tutto e cerchi di stroncare ogni minima polemica.

3
Off Topic / Re:R.I.P.
« il: Venerdì 19 Giu 2020, 15:41:19 »
In questo annus horribilis ci ha lasciato anche lo scrittore Carlos Ruiz Zafon, uno dei miei scrittori più amati. "L'ombra del vento" sarà sempre uno dei libri più importanti della mia vita. R.I.P.
Grandissimo dispiacere. L'ombra del vento piacque moltissimo anche a me. A peggiorare questa brutta giornata di un anno terribile anche la notizia della scomparsa a 88 anni dell'attore Ian Holm, celebre per aver interpretato Bilbo Baggins ne "Il Signore degli anelli".

4
Off Topic / Re:R.I.P.
« il: Lunedì 15 Giu 2020, 20:34:45 »
Purtroppo il Covid si è portato via anche il celebre filosofo Giulio Giorello, grande amico di Topolino e del fumetto Disney   :( :(

5
...annamo bbene...

Vabbè, in America non avevano comunque interesse per il 98% della produzione italiana, quindi cambia poco... certo che comunque avere proprio la Disney come maggiore sostenitrice di questo “fanatismo della censura” fa abbastanza ribrezzo.
Però la Disney americana interviene anche sulla produzione italiana/europea e molti dei paletti dipendono proprio dalla casa madre (fatto confermato anche da Don Rosa in una recente intervista). Pertanto qualsiasi fatto riguardi la Disney americana rischia di avere effetti anche sul nostro paese.

P.S. aggiungo alla lista di statue decapitate negli USA anche quella di Gandhi, accusato di razzismo contro gli africani. Altre polemiche hanno riguardato perfino Martin Luther King ed Einstein, rei di essere troppo maschilisti. Mi chiedo chi si salverà. Probabilmente il mondo pensato da Casty nella marea dei secoli (un mondo piatto, senza più storia, cultura e pensiero) è più  vicino di quanto si pensi.

6
Purtroppo temo che la situazione rischi di peggiorare. Con sconcerto ho letto questi giorni della decapitazione in USA e Gran Bretagna delle statue di Cristoforo Colombo, Churchill e Lincoln. In Italia ci sono state polemiche nei confronti delle statue di due protagonisti del Risorgimento come Vittorio Emanuele II e Garibaldi.
Già l'eco delle proteste ha avuto alcune conseguenze come questa:
https://www.repubblica.it/spettacoli/cinema/2020/06/10/news/aristogatti_peter_pan_e_davy_crockett_l_avviso_di_disney_per_rappresentazioni_culturali_superate_-258875868/
Ora sono arrivati gli avvisi: spero non si arrivi in futuro alle censure o addirittura rimozioni (peraltro non capisco cosa che problemi ci siano in Peter Pan, gli Aristogatti o i tre caballeros).
La protesta è legittima ma non si può giudicare una persona o una opera del passato col metro del giudizio di oggi ma va tutto contestualizzato.
Altrimenti altro che le censure delle pistole di Pippo e Cops. Quello che si rischia, oltre alla censura delle storie del passato (peraltro già  in atto), è anche la scomparsa di interi filoni come quelli storici o dei viaggi nel tempo. Già una storia innocua come Topolino presenta: Cristoforo Colombo non penso potrà mai essere ristampata in America oggigiorno.

7
Le altre discussioni / Re:I peggiori personaggi apparsi su Topolino
« il: Mercoledì 27 Mag 2020, 20:59:31 »
Personalmente io non ho mai capito l'utilità dei seguenti (in ordine sparso):
- Rock Sassi
- Archimede
- Paperino
- Atomino
- Topet
- Qui, Quo e Qua
Addirittura Paperino e Qui, Quo, Qua? Immagino allora che non ti piaccia o che comunque trovi inutile proprio tutto il mondo dei paperi in generale. Perché non vedo come possa esistere senza i personaggi che hai citato. Rimarrebbe solo Paperone come personaggio principale ma è molto spesso accompagnato dai suoi nipoti.

8
Topolino / Re:Topolino Speciale Anteprime - 2020
« il: Mercoledì 27 Mag 2020, 19:52:37 »
Tra le anticipazioni delle figurine dell'album vi è anche quella di Cuordipietra famedoro che viene indicato come presidente dei Boeros. Molto probabilmente tornerà anche lui nella prossima saga.

9
Topolino / Re:Topolino Speciale Anteprime - 2020
« il: Martedì 26 Mag 2020, 19:56:59 »
Sono incuriosito dalla storia dei fratelli: si sa niente su chi sarà lo sceneggiatore?

Torna anche un Nucci davvero prolifico: in pochi mesi sono state pubblicate molte sue storie e a breve ci aspettano due sue lunghe saghe (quella delle 100 porte e se non sbaglio una su Topolino che Bertani ritiene la più importante dell'anno). Mi ricorda molto il Casty dei primi anni che "sfornava" storie a ripetizione. 


10
Commenti sugli autori / Re:Casty
« il: Martedì 26 Mag 2020, 19:45:46 »
Una su tutte, la Marea dei Secoli, ma le consiglio praticamente tutte
Idem, è la mia preferita tra quelle di Casty.

Isola di Quandomai, Ombronauti, Impero Sottozero, tutto il filone con Doppioscherzo, Tutto questo accadrà ieri e Tutto questo accadde domani... Si potrebbe andare avanti all'infinito :D
Concordo. Tra i kolossal da non perdere aggiungo anche i sette boglins e il mondo che verrà.

Anche tra le storie più "corte" la scelta è vastissima. In primis citerei quel gioiellino delle regolissime di Guazzabù che da piccolo mi affascinò tanto. Poi tra le migliori aggiungo le altre di Doppioscherzo, quelle di Eurasia e Estrella, la settimana scomparsa, il dominatore delle nuvole, le borbottiglie di avaloa e l'uomo ingannatempo con il suo seguito.  Tra le più recenti qualciosa nel buio e la casa dei dipinti che fingono.
 Tuttavia ogni sua storia merita di essere letta: storie "brutte" di Casty sono rarissime (a memoria mi vengono in mente solo il bacio spaziale e quella del rapinatore mansuefante).

11
Commenti sugli autori / Re:Fabio Celoni
« il: Domenica 24 Mag 2020, 13:59:39 »
Magnifico disegno!
Dopo la trilogia gotica non vedo l'oro di leggere nuove parodie disegnate da Celoni e spero che tanto il progetto vada in porto.
Purtroppo la parodia del signore degli anelli fu bloccata per una questione di diritti d'autore ma in questo caso non ci sarebbero problemi da quel lato.
Forse l'unico rischio potrebbe essere dato dalla Disney americana che potrebbe non vedere di buon occhio una parodia sul romanzo collodiano visto che già esiste il Pinocchio disneyano.

12
Commenti sugli autori / Re:Casty
« il: Venerdì 15 Mag 2020, 21:26:44 »
Segnalo che sul suo profilo Instagram Casty ha annunciato la sua prossima storia: "Topolino e le onde skertz". Non è indicata la data ma solo un coming soon.

13
Non vorrei sbagliarmi ma Donald112 mette ironicamente in rilievo quei quattro numeri del '93 non per suggellare la vittoria dei Nineties ma per sottolineare che se si studiano solo i numeri di tiratura allora la gloria non va tanto alle storie quanto ai gadgets.

Credo che il senso di quell'intervento fosse volto soltanto a provare che la qualità del numero non c'entra affatto con la tiratura, infatti quei numeri sono i più venduti di sempre per via del gadget, ricordo che anch'io e mio fratello pigliammo due copie per avere ognuno il nostro e giocare insieme.

I numeri dicono tanto, ma non possono dire tutto, è proprio sbagliata l'equazione che un prodotto che vende di più è perchè sia più bello degli altri, come prima ho portato l'esempio dei film dei Vanzina potrei dire che ci sono tantissimi prodotti meritevoli, nel cinema come nell'editoria, che hanno poco appeal e vendono molto meno di prodotti più famosi.

Il fatto è che il focus non era incentrato sulla quantità, ma sulla qualità. Anche un prodotto dozzinale, se ben pubblicizzato, può fare soldi e generare profitti, ma ciò non lo fa diventare in automatico un prodotto di qualità!

Esatto, avete capito cosa intendevo. Come ho già scritto non voglio entrare in merito alla questione delle migliori epoche né tantomeno affermare la superiorità degli anni 90'. L'unico giudizio che mi sento di dare riguarda gli anni di Topolino che ho vissuto "in diretta", ossia gli ultimi 20, dove ritengo migliore il medio periodo De Poli. Con quella frase contestavo il criterio, definito oggettivo, della tiratura come indice di qualità del Topolino e non ho altro da aggiungere a quanto già scritto nei due post precedenti.

14
Una verità così chiara, limpida, lampante, evidente, non discutibile. Il successo editoriale di 'quel' Topolino unica certezza oggettiva di cui disponiamo, il resto sono le banalita' circostanziali del vecchio pazzo Paperparade , o l' opinione superpolliciata degli amministratori del forum virtuale , o quel che sia , ma tutto un oceano di soggettività  (quello che lui chiama tutti i se tutti i ma tutte le obiezioni) .
Io non sono un amministratore del forum o quel che sia  e non conosco neanche gli altri utenti del forum. Non faccio le veci di nessuno e quello che ho scritto l'ho fatto solo a titolo personale.

Ritornando al post che ho scritto ieri preciso che non voglio entrare neanche in merito alla questione delle migliori epoche topoliniane ma contestavo solo il criterio oggettivo della tiratura proporzionale alla qualità perché, almeno negli ultimi 20 anni, non è stato così ma anzi spesso si è sacrificata la qualità nel tentativo di vendere più copie (basti pensare alle storie VIP di pessimo gusto o ai Wizards of Mickey che citavo ieri). Sono sicuro che purtroppo oggigiorno venderebbe di più un Topolino con orride storie VIP su  calciatori o Me contro te (non so bene neanche chi siano ma spopolano tantissimo tra i giovani) piuttosto che un Topolino composto da storie di Casty e ristampe di Martina o Scarpa. E dico ciò con profondo dispiacere perché vorrei anche io che una maggiore qualità si accompagni ad una maggiore vendita.
Sotto la direzione Muci Topolino vendeva più copie rispetto al periodo De Poli: allora dovrei dedurre che le storie muciane siano qualitativamente maggiori rispetto a quelle del periodo De Poli? Ad opinione quasi unanime non è così.

E poi il calo di vendite non riguarda solo Topolino ma tutto il settore della carta stampata: dai fumetti ai quotidiani e in parte anche i libri. Anche le edicole stanno scomparendo. E' colpa della qualità dei prodotti editoriali odierni?

Infine un'ultima considerazione: visto che considerate oggettivo il criterio della tiratura dovrei allora dedurre che la supremazia qualitativa della testata si è raggiunta con questi numeri del 1993, che registrarono il record di tiratura?
https://inducks.org/issue.php?c=it%2FTL+1963
https://inducks.org/issue.php?c=it%2FTL+1964
https://inducks.org/issue.php?c=it%2FTL+1965
https://inducks.org/issue.php?c=it%2FTL+1966


15
Per tornare in tema , metteteci pure tutti i se i ma e le obiezioni di questo mondo ma l' unico metodo per valutare in modo misurabile, confrontabile e perfettamente OGGETTIVO un prodotto editoriale di consumo come Topolino è il successo misurabile dalla tiratura, in questo senso i numeri degli anni che amiamo noi vecchi meritano il voto massimo e minimo quelli recenti.
Non sono per niente d'accordo: bisogna considerare che negli anni le possibilità di intrattenimento per i ragazzi si sono moltiplicate immensamente e purtroppo Topolino (così come in generale il mondo del fumetto) oggi subisce una forte concorrenza rispetto al passato (tra videogiochi, smartphone e altri svaghi). Già un bambino di oggi è molto diverso da uno della mia generazione che era un bambino negli anni 2000: figuratevi che differenze ci sono coi bambini degli anni 60' 70' o 80'. Quando ero piccolo i gadget di Topolino in 4 settimane erano gettonatissimi e quei numeri vendevano moltissime copie. Negli ultimi anni sono scomparsi perché, come anche ha detto Bertani recentemente, i bambini preferiscono avere il giocattolo intero e subito e non hanno più voglia di aspettare 4 settimane.
Faccio altri esempi: molti concorderanno nel definire il periodo intermedio dell'era De Poli a cavallo tra Disney e Panini uno dei migliori dal punto di vista qualitativo degli ultimi anni ma ciò purtroppo non ha influito sul numero di vendite tanto che si è verificato il cambio di editore. Inoltre negli ultimi anni hanno pubblicato molti episodi di Wizards of Mickey (saga che ha avuto molte recensioni negative) perché avevano un discreto seguito tra  bambini.
Quindi non credo si possa fare un paragone tra qualità di un prodotto e vendite.

Pagine: [1]  2  3  ...  18 

Dati personali, cookies e GDPR

Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.