Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
In edicola
4 | |
4 | |
4 | |
3 | |
4 | |
4 | |
3 | |
3 | |
4 | |
3 | |
3 | |
3 | |

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - Paper_Butler

Pagine: [1]  2  3  ...  57 
1
Off Topic / Re:Buon compleanno 2019
« il: Domenica 10 Nov 2019, 21:48:06 »
Tanti auguri, Luxor!

2
Mostre, Fiere e esposizioni / Re:Romics 3/6 Ottobre 2019
« il: Martedì 1 Ott 2019, 12:42:06 »
Penso di passare in fiera sabato nel primo pomeriggio e probabilmente anche nella mattinata di giovedì.
Il messaggio vale anche per Paper Butler!
Grazie, vengo volentieri alla cena! :)

3
Topolino / Re:Topolino 3329
« il: Giovedì 12 Set 2019, 15:57:00 »
La saga dei nipotini sta piacendo molto anche a me. Per il momento non me la sento di azzardare paragoni così alti come quello di Tang, ma devo dire che sto apprezzando il nuovo lavoro di Enna (con Perina e Mazzarello) molto più di quanto immaginassi. Date le premesse, pur nutrendo grande fiducia nell'autore, temevo gli fosse stata commissionata una superficiale operazione "giovanilistica" stile Young Donald (almeno per ciò che quest'ultimo sta rivelandosi), ma per fortuna il rischio è completamente scongiurato.

Anche i due nuovi episodi mi hanno tenuto incollato alle pagine. Spassosissime le scene con Paperoga, specie quelle relative alla fiera della mongolfiera: mi sono ritrovato a ridere di gusto più di una volta, tanto che, al termine della lettura, ancora divertito, ho voluto mostrare alcune vignette anche a una familiare meno appassionata di fumetto (che ha condiviso il gradimento, o almeno così mi è parso!). Non sempre amo questo personaggio, che in certe storie può rivelarsi quasi "fastidioso", ma qui è utilizzato in maniera davvero fantastica.

Trovo molto validi gli sviluppi di entrambe le vicende: in particolare in quella di Qua sono trattate con abilità tematiche assai complesse come i rapporti tra i (pre) adolescenti. Le relazioni tra i personaggi sono delineate in modo tutt'altro che banale, con un significato profondo dato alle azioni e alle semplici espressioni del volto, evitando al contempo comportamenti "zuccherosi" (non uso la parola a caso!) che sarebbero fuori luogo, oltre che ben poco credibili. Il tutto è condito con dosi ottimali di humour e leggerezza, che contribuiscono, per quanto mi riguarda, a creare un forte interesse per il seguito delle avventure.

4
Il sito del Papersera / Re:16 anni di Papersera
« il: Martedì 10 Set 2019, 14:11:33 »
Tanti auguri al Papersera anche da parte mia!
E complimenti a Paolo e agli altri amici per l'ottimo lavoro di restyling!
Felice di far parte di questa galassia! :)

5
Topolino / Re: Topolino 3327
« il: Lunedì 2 Set 2019, 19:29:34 »
Un breve commento sulla saga di Bruno Enna con i nipotini: secondo me promette bene. La prima puntata mi è piaciuta, l’ho trovata divertente e anche realistica su certe dinamiche che possono venire a crearsi nelle famiglie tra adulti e (pre) adolescenti. In particolare mi è sembrata molto azzeccata l’immagine di Qua con sempre indosso le cuffione, a creare distacco dal mondo circostante, che, almeno all'inizio, suscita forte irritazione in Paperino: non è difficile rivedervisi! Queste diverse sfaccettature di caratteri e passioni dei nipotini hanno un ottimo potenziale: staremo a vedere come evolveranno le situazioni, di sicuro in questa prima parte l’autore è riuscito a mettermi parecchia curiosità.

Invece devo dire che non sto apprezzando granché l’altra saga dedicata ai ragazzi in crescita, “Young Donald Duck”, a parer mio troppo stereotipata e forzatamente “giovanilistica”: un tipico prodotto “americano”, nel senso negativo, vuoto e superficiale del termine. E dire che la prima puntata non mi era dispiaciuta... Ma probabilmente sono io ad avere un’età fuori target!

Non so, poi, se sia il caso di riproporre Reginella come nella storia di questo numero. Capisco che gli autori si ritrovino con la necessità di allontanarla da Paperino (o comunque di non farla interagire con lui in determinate maniere), ma così mi sembra che la sua figura sia un po’ banalizzata, in un certo senso quasi “snaturata”. La storia non l’ho trovata brutta, diciamo nella media, in alcuni punti mi ha anche fatto sorridere, ma è il fatto che la protagonista sia quella Reginella che abbiamo imparato a conoscere in frangenti ben diversi a non convincermi. Magari, chissà, questo farla interagire in avventure minori (e un po' forzatamente) con i parenti di Paperino prelude a qualcosa di avvincente e al momento imprevedibile: in quest’ottica la cosa potrebbe assumere un significato differente... O forse è semplicemente un’evoluzione del personaggio, un modo per tenerlo vivo - ma decisamente sotto tono - al di là delle restrizioni imposte, e allora, per quanto mi riguarda, permarrebbero forti dubbi sulla validità dell’operazione.

Il resto del numero è nella media, a parte i disegni di Lavoradori, che personalmente non riesco a digerire. Mi ha fatto piacere trovare a fine libretto una “one page” disegnata dal maestro Chierchini.

6
Commenti sugli autori / Re:Giulio Chierchini
« il: Lunedì 19 Ago 2019, 18:27:35 »
Vorrei ringraziare anche io il maestro Chierchini, vera colonna Disney per tanti anni. Un artista di qualità, originale, dal tratto inconfondibile, nonché una persona gentile e disponibile, con cui qualche anno fa a Reggio ho avuto il sincero piacere di scambiare due chiacchiere e fare anche una foto.

Bello questo modo di ricordarlo qui attraverso le storie più memorabili. A quelle citate aggiungerei "La disfida di Paperetta", avventura in due puntate di cui era autore completo. La lessi all’età di sette anni e mi colpì molto, inducendomi a ricercare maggiori informazioni sui reali eventi di Barletta. Uno di quei momenti impagabili in cui Topolino, divertendo, ha contribuito a istruire.

7
Topolino / Re:Topolino 3317
« il: Sabato 22 Giu 2019, 12:13:52 »
In un numero imperdibile già di suo per i paperseriani, dato il bel servizio sul Premio di Reggio, spicca “Il settimo corvo”: credo che – Casty a parte – sia la migliore storia con Topolino da un bel po’ di tempo a questa parte. Mi sono piaciuti moltissimo il ritmo serrato, l’atmosfera noir, i collegamenti ben studiati con la prima apparizione di Bruto e l’approfondimento del rapporto di quest’ultimo con papà Gancio.

E poi il tentativo di rubare il Tesoro della Corona non ha potuto che richiamarmi alla mente una celebre storia che lessi da bambino, con le magnifiche vedute londinesi illustrate da G.B. Carpi. In questa occasione, pur con stile diverso, Pastrovicchio si dimostra senz’altro all’altezza, regalandoci alcuni scorci notevoli della capitale britannica.

Riguardo ai disegni, poi, ho apprezzato parecchio anche dettagli come l’albergo dove alloggiano Gancio e Topolino, sia l’esterno sia gli interni: un’ambientazione perfettamente credibile, mi è sembrato proprio di essere lì, nella periferia di Londra, allo Stamberg Inn (bello anche il nome)! :)

Complimenti, quindi, a Pastro e ad Artibani per un’avventura davvero ben riuscita!

8
Off Topic / Re:Buon compleanno 2019
« il: Mercoledì 5 Giu 2019, 10:06:22 »
Grazie a tutti!

9
Mostre, Fiere e esposizioni / Re:Festival del fumetto Disney
« il: Sabato 1 Giu 2019, 11:33:20 »
Domani 1 giugno saranno (anche) a Roma: stiamo cercando di formare un gruppetto per permettere al Papersera di essere presente! :)
Mi aggrego volentieri al gruppetto! :)

10
Le altre discussioni / Re:Quale Zio Paperone?
« il: Giovedì 30 Mag 2019, 18:24:31 »
Fra quelli proposti la mia scelta si riduce a tre nomi: Scarpa, Carpi, De Vita. Concordo con Piccolobush: anche secondo me sono i più espressivi.

Mi ha colpito subito la grinta esplosiva del Paperone di De Vita, che rimanda immediatamente alla memorabile versione martiniana del personaggio. Poi ho osservato meglio Scarpa e devo dire che il suo Paperone sarebbe da abbracciare per l’entusiasmo genuino che dimostra: sembra un bambino che trova sotto l’albero il regalo tanto atteso e desiderato. Infine mi sono soffermato sull’espressione scettica e sospettosa resa da Carpi, apprezzandone moltissimo le sfaccettature.

Stilare una sorta di classifica non è semplice: andrei comunque con Scarpa, di un’incollatura su De Vita e Carpi.

11
Off Topic / Re:Buon compleanno 2019
« il: Sabato 11 Mag 2019, 18:26:33 »
Tanti auguri, Paolo!

12
Prenoterei due posti in fiera e a pranzo e una copia di ognuno dei libri. :)

13
Non Solo Disney / Re:Asterix
« il: Venerdì 18 Gen 2019, 12:38:11 »
Questo è pur vero, ma l'evoluzione del character design è molto più evidente nei film d'animazione che ne sono stati tratti. Nel primo, Asterixil gallico del 1967, è ancora più caricaturale e si differenzia sensibilmente dai disegni degli albi a fumetti. Anche le animazioni sono effettuate "al risparmio" e i disegni sono notevolmente semplificati (un esempio lampante è che i personaggi hanno solo quattro dita per mano). Già nel successivo Asterix e Cleopatra la qualità dell'animazione ha un'impennata e i personaggi sono molto più simili a quelli del fumetto.
In effetti Goscinny e Uderzo non vennero coinvolti nella realizzazione del primo film tratto dai loro fumetti (anzi, addirittura ne scoprirono l'esistenza solo a cose fatte) e non ne furono per nulla soddisfatti. A partire dal seguente, "Asterix e Cleopatra", i due autori supervisionarono i lavori e - nonostante si dica che anche in questo caso René e Albert non fossero troppo contenti del risultato - la qualità ebbe una decisa impennata. Qualità che, a mio parere, raggiunse l'apice ne "Le dodici fatiche di Asterix".

14
Questa è una "fetta" di tabellone davvero di altissimo livello (e bisogna ricordare che nello stesso ottavo c'era anche "Gli incredibili").

Gli altri due hanno delle idee di base geniali sviluppate alla grande, ma, a distanza di tempo dalla visione, non mi hanno lasciato tanto quanto Nemo, che è tra i film che più mi coinvolgono in assoluto. Il mio voto convinto, quindi, va alla splendida avventura del pesciolino e del suo papà.

15
Ci ho pensato un po' perché il terzo capitolo della saga è davvero bellissimo, come accade molto di rado per un sequel, e alcune scene sono quanto mai profonde e toccanti.

Però non posso dimenticare il senso di autentica meraviglia che provai anni fa vedendo per la prima volta, in videocassetta, "Toy Story". Mi sembrò di assistere a qualcosa di incredibile e rivoluzionario, diverso da ogni cosa fatta in precedenza.

Il solo ricordo ancora mi entusiasma e per questo, senza nulla togliere al numero 3, il mio voto va al capostipite.

Pagine: [1]  2  3  ...  57 

Dati personali, cookies e GDPR

Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.