Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
4 | |
4 | |
2 | |
2 | |
4 | |
3 | |
3 | |
4 | |
5 | |
5 | |
2 | |
2 | |

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Topics - Frank

Pagine: [1]
1
Sfide e richieste di aiuto / Premio Papersera 4: caccia in copertina!
« il: Sabato 16 Mag 2009, 12:12:05 »
Annunciamo qui una impegnativa sfida che si aprirà ufficialmente sabato prossimo nel giorno dell'assegnazione del quarto Premio Papersera.

Come è ben noto, il premio al disegnatore è una statuetta mentre quello allo sceneggiatore è un libro. Orbene, il libro di quest'anno, come vedrete a partire da sabato prossimo, ha una copertina che contiene un mucchio di vignette (un po' come la copertina del libro su Cimino, ma molto più incasinata :-)).

VINCE la sfida chi per primo fornisce l'esatta citazione, nel formato qui sotto comprensivo di codice inducks, titolo storia e numero tavola, di TUTTE le vignette riportate sulla copertina (davanti e dietro), incluse quelle di cui si vede solo un angolino insignificante.

Esempio relativo al volume Cimino:

la prima vignetta in alto a sinistra è tratta da:
I TL 908-C
Zio Paperone e il maxisombrero dei Sombreritos
tavola 34

Saranno (giustamente) avvantaggiati coloro che si prenderanno la briga di venire con noi fino a Reggio a festeggiare personalmente il vulcanico ingegnere e a ritirare in loco la loro copia del volume! Sono (altrettanto giustamente) esclusi dal concorso i loschi figuri di ddbit, i quali hanno già visto la copertina se non addirittura contribuito alla sua realizzazione. Nessun premio tangibile, purtroppo, né in contanti né in natura, se non la gloria imperitura qui sul forum.

Chi, bruciante di passione, non riuscisse a resistere per una settimana, può sempre impiegare proficuamente il tempo intercorrente dedicandosi all'esegesi della citata copertina del sempre eccellente libro-premio a Cimino del 2007, peraltro tutt'ora acquistabile su Lulu per eventuali ritardatari.

2
Condivido con voi una interessante scoperta su una storia classica di
Rodolfo Cimino, "Zio Paperone e la febbre dell'oro" (I TL 809-A,
1971), disegnata da Massimo De Vita.

È una bella storia, ben congegnata, con i classici ingredienti
ciminiani: il vecchio saggio, le considerazioni morali sul valore del
lavoro, le prove da superare eccetera. Ricordo di averla sempre
trovata molto suggestiva. Di seguito la trama in breve.

L'oro di Zio Paperone ha la febbre! Essendo inefficaci i rimedi dei
medici tradizionali, il magnate segue la cura proposta da un guaritore
indiano, consistente nel disintossicare il peculio facendogli
affrontare le tre prove del deserto. Il multimiliardario, con al
seguito due ciclopiche ceste di vimini piene del suo denaro, si
cimenta con le prove, non senza difficoltà, per poi scoprire che
l'innalzamento di temperatura era dovuto a una fuga di vapore da un
tubo sotterraneo. A quel punto Paperone si sveglia di soprassalto e
scopre che era stato tutto un orribile sogno: "Eh, eh! Io potrei avere
la febbre dell'oro, ma il mio oro mai potrebbe avere la febbre!", dice
sorridente mentre si tuffa nelle sue monete.

Ora, a rileggere dopo anni quella storia che da piccolo avevo sempre
trovato affascinante, in questo finale noto qualcosa che stona: un
netto stacco, sia logico che stilistico. È un finale abbastanza a
pera, diciamocelo, che vanifica tutta l'elaborata costruzione della
storia e che non è affatto ciminiano. Come lessico ricorda casomai
Dalmasso, della di cui propensione a mettere pesantemente le mani
sulle sceneggiature altrui mi avevano infatti già ampiamente
raccontato sia Cimino che Pezzin e Barosso. Più leggo e rileggo quelle
due tavole finali e più mi convinco che quella conclusione ridondante
e insipida dev'essere apocrifa ed opera probabilmente del troppo
solerte colonnello.

Chiamo allora Rodolfo al quale sottopongo la questione: c'è una
vecchia storia tua che secondo me è stata modificata da Dalmasso,
posso raccontartela e vediamo se ti ricordi? Risponde che senz'altro
Dalmasso, come già mi aveva detto altre volte, apportava parecchie
modifiche di testa sua, ma che gli sarà probabilmente difficile
ricordare la storia precisa. Ma io non mi arrendo e gliela racconto
ugualmente, con dovizia di particolari: ah, sì, sì, me la ricordo
bene, risponde!  Allora tiro fuori il finale: secondo me questa storia
del sogno non c'entra niente col resto; te l'ha aggiunta Dalmasso, no?
E lui senza ombra di dubbio conferma: certo, di sicuro non è roba mia!
Non ha senso, rovina tutto il meccanismo. La storia già aveva la sua
trovata per concludere la vicenda (appunto la storia del vapore) e il
sogno la sfiata, la rende inutile. Quindi, dice Rodolfo, senz'altro
l'ha aggiunta lui.

Ecco qui. Pezzetto per pezzetto ricomponiamo il puzzle
filologico. Senz'altro chi volesse proseguire nella strada qui aperta
potrebbe cercare nelle storie precedenti e probabilmente troverebbe
altre tracce di ingerenza dalmassiana. Rodolfo, a un certo punto, dopo
l'ennesima arbitraria modifica ad una sua storia, si appellò al
direttore Gentilini il quale da allora in poi vietò a Dalmasso di
mettere le mani sulle storie del Nostro. Per fortuna! Ma questa, a
quanto mi risulta, è la prima modifica dalmassiana INTERNA A UNA
STORIA (*) ad essere stata indipendentemente identificata ed
ufficialmente confermata.

(*) Preciso ciò perché altrimenti ci sarebbe quella ben più evidente
becera manomissione sul raccordo del Classico in cui alla fine della
storia di Reginella quel buzzurro di Dalmasso fa tuffare Paperino per
ripescare il medaglione e andarlo a rivendere ad un
gioielliere. Bleah! E questa Rodolfo non la sapeva nemmeno, fino a
quando non gliela raccontai tempo fa, perché non aveva mai letto il
classico.

Chiudo citando un'espressione per me insuperabile dall'ultima
divertente storia che Rodolfo ha appena scritto, "Zio Paperone e la
tribù dei sei piedi": spaparanzati sul divano dopo un lauto pranzo,
Paperino, Battista e i nipotini meritatamente godono la loro SATOLLA
BEATITUDINE! Quell'uomo è un grande...

3
Off Topic / Quello della nutella
« il: Domenica 9 Ago 2009, 23:52:49 »
Giustamente cazziato dal coniglio, mi ritiro in buon ordine qui per comunicare agli interessati provenienti dal thread di Don Rosa che il brano della nutella che mi era venuto in mente sentendo il "men that less dall'Italian" di Zio Paperone era

Good 'na cifra
di Riccardo Cassini

di cui ecco l'inizio:

Once upon a time, many many many, ma 'na cifra of many years ago, at the beginning of the initiation of the mond, there was the caos.

One day, God (God is the nome d'art of Dio), God, who was disoccupated, had a folgorant idea and so God created the Nutell. And God saw that the Nutell was good, very good, very very good, good 'na cifra.

The mangiation of God was long, he manged one million of barattols of Nutell sfrutting the fact that God has not a Mamm that strills if you sbaf too much Nutell...

[e va avanti per quattro esilaranti pagine...]

Il librino era:
Riccardo Cassini
Nutella Nutellae - Racconti poliglotti
Comix Pillole
1993 Franco Panini Editore
ISBN 88-7686-220-X

e costava la bellezza di sole mille lire...

Pagine: [1]

Dati personali, cookies e GDPR

Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.