Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
In edicola
5 | |
5 | |
4 | |
3 | |
3 | |
5 | |
5 | |
4 | |
5 | |
5 | |
4 | |
3 | |

Ratatouille

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Uncle Carl
Flagello dei mari

  • *****
  • Post: 4027
  • Be water, my friend..
    • Offline
    • Mostra profilo

    Re: Ratatouille
    Risposta #150: Martedì 7 Gen 2014, 22:17:59
    Come già detto in precedenza da Ophelia, il solo pensare ad un topo in cucina, per di più cuoco, è un pò nauseante.
    Ma la bellezza del film, la simpatia dei personaggi e la poesia trasmessi, non possono non farmi apprezzare questo autentico capolavoro di animazione. Lo rivedo sempre con entusiasmo e voglia di divertirmi :D

    Gli unici limiti alle avventure, sono i limiti della vostra immaginazione!

    *

    Virginbell
    Ombronauta

    • ****
    • Post: 992
    • Aveva gli occhi splendenti come stelle
      • Offline
      • Mostra profilo

      Re: Ratatouille
      Risposta #151: Domenica 12 Lug 2015, 14:37:09
      Ho avuto l'onore di vedere questo film il mese scorso con due membri della Tana del Sollazzo tra cui il Sommo Grrodon, del quale condivido ogni parola della sua ottima analisi critica, solo che oggi mentre preparavo il sugo ho riflettuto un po' sullo slogan di Gustav ("Chiunque può cucinare") e trovo che sia completamente sbagliato: cucinare, oltre che essere un atto creativo, è oltre che di mano una questione di stato d'animo e se non si hanno entrambe le cose... Non si può intingere un biscotto nel letame e spacciarlo per cioccolata :)
      Ovviamente questa è solo una mia considerazione che non attacca affatto il significato del film, è logico che come slogan sia stato esasperato ;)

      *

      Grrodon
      Flagello dei mari

      • *****
      • Post: 4041
      • Potere e Potenza!
        • Offline
        • Mostra profilo

        Re: Ratatouille
        Risposta #152: Domenica 12 Lug 2015, 15:18:52
        Eh no, un aspetta un attimo. Questa interpretazione è quella che dà Ego inizialmente, scrivendo poi la recensione negativa che ucciderà Gousteau.

        Ma alla fine Ego cambia idea perché ne comprende il vero senso e cioé che non è affatto vero che cucinare è una cosa che può fare chiunque, ma che un vero Cuoco può celarsi anche nella creatura più improbabile.

        Il messaggio che il film esprime è che l'Arte non è affatto una cosa elitaria o prerogativa di una specifica classe sociale, ma può venire anche dagli ambienti più umili.

        *

        Virginbell
        Ombronauta

        • ****
        • Post: 992
        • Aveva gli occhi splendenti come stelle
          • Offline
          • Mostra profilo

          Re: Ratatouille
          Risposta #153: Domenica 12 Lug 2015, 16:54:07
          Citazione
          Alla fine Ego cambia idea perché ne comprende il vero senso e cioé che non è affatto vero che cucinare è una cosa che può fare chiunque, ma che un vero Cuoco può celarsi anche nella creatura più improbabile.

          Il messaggio che il film esprime è che l'Arte non è affatto una cosa elitaria o prerogativa di una specifica classe sociale, ma può venire anche dagli ambienti più umili.

          Ah beh, questo senza dubbio :)

          *

          Sergio di Rio
          Diabolico Vendicatore

          • ****
          • Post: 1780
          • Novellino
            • Offline
            • Mostra profilo

            Re:Ratatouille
            Risposta #154: Venerdì 23 Feb 2018, 12:54:17
            Con 10 anni di ritardo ho visto finalmente questo famoso film (che poi, non so perché, ma pensavo fosse più recente).

            La prima piacevole sorpresa è stata che il topo parla ed è un personaggio attivo e con una sua storia. Quando vedevo distrattamente le immagini e sentivo vagamente la storia in passato, mi ero fatto l'idea che il film fosse incentrato unicamente sul giovane cuoco che per caso incontrava un anonimo roditore con incredibili capacità, che però non faceva altro che stare li in cucina. Mi aspettavo insomma un film più silenzioso e meno divertente.
            Oltretutto, è stata ottima anche l'idea di far si che Remy possa parlare con i suoi simili, ma non direttamente con gli umani, evitando quindi di creare l'effetto magico dell'animale parlante, contribuendo a dare un taglio un po' più realistico al tutto.

            Poi devo dire che in generale, l'idea di fondo, la società dei ratti, l'ambiente della cucina, il mondo dei ristoranti e della critica gastronomica, è tutto fatto molto bene e molto interessante, così come l'animazione. Mi ha appassionato da subito, fin dalla fuga dalla casa della vecchia pazza. Scenografia molto bella, e anche l'ambiente parigino contribuisce a dare al film un fascino tutto particolare.
            Ci sono anche momenti molto divertenti come l'ispettore sanitario che apre la porta e si trova la cucina invasa dai ratti (immaginate una scena del genere nella realtà!).

            Il finale, preceduto dall'excursus nostalgico nell'infanzia del critico Ego durante l'assaggio del piatto, è meno scontato di quel che pensavo, pur essendo comunque un classico lieto fine.

            Ci sono anche dei difetti, come ha fatto notare qualcuno nei commenti precedenti, e secondo me riguardo alla trama sono soprattutto due. Il primo è che non si sa nulla di che fine abbia fatto la brigata di cucina del ristorante Gusteau, dopo che abbandonano il ristorante quando scoprono la verità sulle abilità di Linguini.
            Il secondo, più importante, è sulla questione della morale "topesca" che non mi pare troppo convincente. Remy vorrebbe diventare uno chef ma soprattutto è contrario alla politica della sua società di "rubare" il cibo. Questa cosa viene utilizzata anche per giustificare il contrasto con la sua famiglia, ma pensandoci bene è qualcosa di abbastanza forzato e che non regge molto. Perfino il padre, fautore di questo metodo, sembra quasi vergognarsene e asserisce che in realtà non stanno affatto rubando.
            Avranno anche intelligenza e sensibilità umane, ma sono comunque topi e vivono come topi, non hanno un concetto di economia, lavoro o guadagno. Non possono presentarsi al supermercato, fare la spesa e pagare; quindi, esattamente, in che altro modo potrebbero procurarsi il cibo se non "rubandolo", cioè in realtà procurandoselo come fanno in natura i topi?

            A parte questi dettagli comunque secondari, credo che Ratatouille sia il migliore film Pixar che ho visto fra quelli recenti, e uno dei miei preferiti in assoluto, uno di quelli che avrei voglia di rivedere anche subito.

            *

            Hero of Sky
            Gran Mogol

            • ***
            • Post: 659
            • Non chiamarmi Paperino, chiamami Vendetta!
              • Online
              • Mostra profilo

              Re:Ratatouille
              Risposta #155: Venerdì 23 Feb 2018, 14:47:12
              Non hai visto Wall-E?
              Perchè di questo mondo siamo solo ospiti, fra i tanti. E non i padroni

              *

              Sergio di Rio
              Diabolico Vendicatore

              • ****
              • Post: 1780
              • Novellino
                • Offline
                • Mostra profilo

                Re:Ratatouille
                Risposta #156: Giovedì 3 Gen 2019, 01:52:54
                Non hai visto Wall-E?

                Adesso si, ma continuo a preferire comunque Ratatouille. E adesso si stanno pure sfidando nel sondaggio sul miglior film Pixar...

                *

                Hero of Sky
                Gran Mogol

                • ***
                • Post: 659
                • Non chiamarmi Paperino, chiamami Vendetta!
                  • Online
                  • Mostra profilo

                  Re:Ratatouille
                  Risposta #157: Giovedì 3 Gen 2019, 11:41:07
                  Diciamo che Wall-E, per sua stessa natura, non può essere apprezzato da tutti, mentre Ratatouille, che comunque considero un grandissimo film, tra i miei preferiti della Pixar, sì.
                  Perchè di questo mondo siamo solo ospiti, fra i tanti. E non i padroni

                  *

                  tang laoya
                  Ombronauta

                  • ****
                  • Post: 1000
                  • Mano rampante in campo altrui
                    • Offline
                    • Mostra profilo

                    Re:Ratatouille
                    Risposta #158: Mercoledì 16 Gen 2019, 05:37:03
                    Mi sono trovato a leggere un saggio contenuto in "Music and the Crises of the Modern Subject" di M. Klein relativo al concetto di tempo e memoria nell'opera di Proust, dove, semplificando ampiamente, si sostiene come l'impianto della Recherche sia sostanzialmente wagneriano e proceda per leitmotive presentati ora singolarmente ora in contrappunto per tutto l'ampio arco del ciclo, intessendo di temi musicali il testo stesso (Harold Bloom arriva a elencare 16 motivi principali). Sul fronte più specifico dello scavo nel tempo, alla memoria involontaria che si sprigiona dalla madeleine immersa nella tazza di té, va aggiunto un impressionante sforzo cognitivo per recuperare saldamente quel primo affioramento del tempo passato: qui si pone una necessaria distinzione dall'interpretazione bergsoniana, ovvero il viaggio nella memoria come slancio di libertà dove il presente getta le sue reti nel passato per recuperarne almeno una parte. La memoria proustiana sembra piuttosto procedere per direttrici contrarie e inverarsi in un passato che traccia la sua linea nel presente per risvegliarne il tempo perduto.

                    Con mia grande sorpresa il saggio prosegue poi evocando un parallelo con la ripresa parodica dell'episodio della madeleine nel capitolo finale della ratatouille di Ego: il nome stesso del personaggio veicola significati multipli, sicuramente egocentrismo, ma anche l'IO freudiano/lacaniano che recupera la memoria tramite un'esperienza relativa al palato e ben esplicata dallo zoom-in attraverso il suo occhio, la musica aiuta in questo con un'abile, per quanto convenzionale, generico crescendo sinfonico che raggiunge il suo climax in un assolo tenuto di violini per poi improvvisamente passare a una piu' leggera orchestrazione cameristica con un nuovo tema, ispirato a una melodia pastorale, intonato dal flauto e supportato dagli archi. E' il momento epifanico del disvelamento, del riappropriamento di un passato sepolto e ritenuto perso, quello che Proust definirebbe "entrare nella travolgente e segreta essenza dell'esperienza".

                    Per quanto la scena affondi il suo significato esteriore e formale nell'ispirazione del luogo proustiano, ne diverge tuttavia per un particolare fondamentale, ovvero mentre in Proust alla memoria involontaria si deve necessariamente andare a sovrapporre uno sforzo cognitivo che percorrera' tutto il ciclo fino a trovare una sua circolare conclusione nel Tempo Ritrovato, a Ego risulta sufficiente quell'affioramento involontario e non ulteriormente mediato per riappropriarsi completamente di quella parte del proprio passato, trasformando il finale in un piu' convenzionale afflato nostalgico.
                    « Ultima modifica: Mercoledì 16 Gen 2019, 12:13:16 da tang laoya »
                    Mi avevano dato le mappe del percorso, ma nessuna idea circa i bizzarri paesaggi che avremmo attraversato durante lunghi mesi. - Per Nettuno Capitano! Con questa luna di sghimbescio gli sgombri cremisi fluttuano flessi!

                     

                    Dati personali, cookies e GDPR

                    Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                    Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                    Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.