Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Nuove discussioni
Recenti non lette
Topic aggiornati
In edicola
? | |
3 | |
? | |
4 | |
5 | |
3 | |
2 | |
5 | |
5 | |
3 | |
2 | |
5 | |

Valentina De Poli non è più il direttore di Topolino

· 170 · 15269

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

    Re:Valentina De Poli non è più il direttore di Topolino
    Risposta #165: Venerdì 16 Nov 2018, 15:56:38
    Comunque, per chi, come me, si chiedesse se è stata la De Poli a lasciare o la Panini a licenziarla, non si ha e probabilmente non si avrà mai una risposta definitiva, ma Valentina ha di recente aperto un profilo instagram e le descrizioni di molti post fanno intendere che sia lei ad aver lasciato
    A me sembra che lasci intendere proprio il contrario..
    Per il post che ha pubblicato oggi hai ragione tu.

      Re:Valentina De Poli non è più il direttore di Topolino
      Risposta #166: Venerdì 16 Nov 2018, 17:09:10

      poi chendi dice che la gente compra su amazon. ok. panini lo tiene un negozio su amazon?


      Credo che Chendi si riferisca ad Amazon come a un sito qualunque di acquisti su Internet,
      per indicare la migrazione dall'acquisito in edicola verso l'acquisto in Rete.

      Comunque Panini che deve farci con Amazon (che propone condizioni capestro alle grosse distribuzioni) se ha il proprio sito?

      perchè la gente compra da amazon. non dai siti del singolo editore mi pare ovvio.
      non credo che chendi si riferisse genericamente agli acquisti on line. ma anche se fosse la fetta più grossa di questi acquisti si fanno sui grandi store su cui hai più visibilità e l'utente è spinto ad acquistare da sconti ecc

      non avere uno store su amazon  (o altri grossi negozi virtuali) quando dici che la gente non compra più nelle edicole è un grosso controsenso

      Mi viene da dire "Contento chi ci compra su Amazon", visto che Panini sul proprio sito applica uno sconto del 10% e con Amazon non si risparmia nulla.
      In ogni caso Amazon è una ditta privata statunitense che non produce nulla di proprio (a parte i recenti contenuti video)
      ma fa da canalizzatore per i prodotti degli altri venditori.
      Ovvero sfrutta altre aziende e pretende che esse abbassino i prezzi a livelli di sottocosto.

      Comunque pensare che esista solo Amazon per comprare su Internet significa sapere poco dell'era digitale.
      E' come credere che le ricerche web si fanno solo su Google.

        Re:Valentina De Poli non è più il direttore di Topolino
        Risposta #167: Venerdì 16 Nov 2018, 18:07:43
        A me sembra che Bertani abbia in mente una strategia sensata...
        Potrebbe essere una buona via da seguire, ma le cose andrebbero fatte per bene: voglio dire, se una testata parte con determinate caratteristiche annunciate (cura nella selezione, editoriali, extra, ecc) poi andrebbe portata fino in fondo o, per meglio dire, andrebbe strutturata sin dall'inizio per evitare che una chiusura prematura finisca come al solito per danneggiare chi fino a quel momento vi aveva dato fiducia.
        Poi chiaro che appoggiarsi (anche) sulle fumetterie per i prodotti di maggior pregio possa aiutare, ma qui bisogna valutare bene se sia il caso, o meno, di limitare solo a queste la diffusione di tali prodotti.

        Infatti spero che Bertani mantenga la promessa di concludere le serie interrotte a pochi numeri dalla fine (anche se posso immaginare il fastidio per chi le ha nel frattempo rivendute a quattro soldi) e che per il futuro si lancino (poche) nuove testate di qualità.

        *

        Cataclysm
        Giovane Marmotta
           (1)

        • **
        • Post: 140
        • Esordiente
          • Offline
          • Mostra profilo
           (1)
          Re:Valentina De Poli non è più il direttore di Topolino
          Risposta #168: Sabato 17 Nov 2018, 16:19:00

          poi chendi dice che la gente compra su amazon. ok. panini lo tiene un negozio su amazon?


          Credo che Chendi si riferisca ad Amazon come a un sito qualunque di acquisti su Internet,
          per indicare la migrazione dall'acquisito in edicola verso l'acquisto in Rete.

          Comunque Panini che deve farci con Amazon (che propone condizioni capestro alle grosse distribuzioni) se ha il proprio sito?

          perchè la gente compra da amazon. non dai siti del singolo editore mi pare ovvio.
          non credo che chendi si riferisse genericamente agli acquisti on line. ma anche se fosse la fetta più grossa di questi acquisti si fanno sui grandi store su cui hai più visibilità e l'utente è spinto ad acquistare da sconti ecc

          non avere uno store su amazon  (o altri grossi negozi virtuali) quando dici che la gente non compra più nelle edicole è un grosso controsenso

          Mi viene da dire "Contento chi ci compra su Amazon", visto che Panini sul proprio sito applica uno sconto del 10% e con Amazon non si risparmia nulla.

          In genere Amazon applica il 15% di sconto sul prezzo di copertina.

          *

          Max
          Ombronauta

          • ****
          • Post: 931
          • Appassionato Disney
            • Offline
            • Mostra profilo

            Re:Valentina De Poli non è più il direttore di Topolino
            Risposta #169: Sabato 17 Nov 2018, 19:02:42

            poi chendi dice che la gente compra su amazon. ok. panini lo tiene un negozio su amazon?


            Credo che Chendi si riferisca ad Amazon come a un sito qualunque di acquisti su Internet,
            per indicare la migrazione dall'acquisito in edicola verso l'acquisto in Rete.

            Comunque Panini che deve farci con Amazon (che propone condizioni capestro alle grosse distribuzioni) se ha il proprio sito?

            perchè la gente compra da amazon. non dai siti del singolo editore mi pare ovvio.
            non credo che chendi si riferisse genericamente agli acquisti on line. ma anche se fosse la fetta più grossa di questi acquisti si fanno sui grandi store su cui hai più visibilità e l'utente è spinto ad acquistare da sconti ecc

            non avere uno store su amazon  (o altri grossi negozi virtuali) quando dici che la gente non compra più nelle edicole è un grosso controsenso

            Mi viene da dire "Contento chi ci compra su Amazon", visto che Panini sul proprio sito applica uno sconto del 10% e con Amazon non si risparmia nulla.

            In genere Amazon applica il 15% di sconto sul prezzo di copertina.
            Non sui periodici da edicola. E sui libri, non ha i prezzi più bassi del web.

             

            Dati personali, cookies e GDPR

            Questo sito utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici per garantirti la migliore user experience possibile, e di cookie non tecnici per l'analisi del traffico, condividendo questi ultimi con Google. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio dei dati personali trattati, i motivi, e quant'altro previsto dal regolamento europeo di protezione dei dati (GDPR) è descritto nella nostra pagina relativa alle politiche sulla privacy. Sulla pagina appena citata potrai esprimere il consenso (o il dissenso) all'utilizzo di quanto descritto e cambiare quando vuoi la tua scelta.

            Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - anche cliccando qui.

            Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.