Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
In edicola
4 | |
4 | |
4 | |
4 | |
3 | |
4 | |
4 | |
3 | |
3 | |
4 | |
3 | |
3 | |
Topolino 3339 - Recensione di Gianni Santarelli

Copertina di Giorgio Cavazzano “Interessante” è un aggettivo furbo. E’ una parola ambigua che dice e non dice, permette di pararsi il didietro senza sbilanciarsi troppo e ammetto, stante la suscettibilità che serpeggia in internet, di usarla senza troppe remore. “E’ una storia interessante” al 99% va interpretato come “Non è un granchè come storia, ma poteva essere peggio”. Ecco, invece Foglie rosse di Sciarrone, ricade nell’1% delle storie interessanti per le quali l’aggettivo conserva il suo significato più genuino. Perchè la trama in sè, è piuttosto semplice e tra l’altro l’ultimissima sequenza fa pensare che il tutto sia stato solo un lunghissimo prologo di qualcosa ben più elaborato (almeno è quel si spera), ma ciò che rende interessante, appunto, l’operazione è tutto il contorno. Tip e Tap hanno già vissuto saltuariamente storie in veste di protagonisti ma in questo caso c’è qualcosa di più. Sciarrone immagina e visualizza il mondo quotidiano dei due fratelli, fatto di scuola, amici, passioni (la musica) unite all’entusiasmo e all’incoscienza tipiche dell’età. L’immaginario a cui fa riferimento l’autore è evidente e attinge non solo al più recente Stranger things ma va indietro caturando suggestioni da una filmografia nutrita che arriva fino a Stand by me. In fondo quella che vediamo, nascosta sotto le spoglie di una improbabile e parodistica invasione aliena, è una storia di amicizia, sincera e disinteressata, di quelle amicizie che nascono nell’adolescenza. Sono relazioni forti perchè basate su idee e valori condivisi tra i ragazzi coinvolti e sono forse il primo vero passo nell’affrancarsi dai “tentacoli” familiari (Topolino, sempre presente, viene tenuto all’oscuro di tutto, è poco più che una tata). Ecco, forse l’appunto che si può fare a Sciarrone è quello di non aver approfondito i caratteri del gruppo di amici che, seppur protagonisti, restano piuttosto anonimi. Magari sarà qualcosa su cui tornerà in futuro dato che, oltre al cliffhanger finale, c’è anche una citazione precisa al talent musicale a cui parteciperanno Qui, Quo e Qua nella saga parallela di Bruno Enna, tutti elementi che portano a pensare ad un seguito. Dal punto di vista grafico, l’autore si profonde in una serie di tavole, pregevoli per costruzione e con una scelta dei colori che contribuisce ad arricchire notevolmente l’atmosfera della storia. Due tavole significative della storia Per Paperino e lo scarabeo di giada basta dire che è scritta da Panaro (disegnata da Alessia Martusciello): classica storia dell’autore, nulla di trascedentale. ma è comunque un valido intermezzo. Cosa che non si può invece dire per Gambadilegno e l’insostituibile Sgrinfia, 23 interminabili pagine di triti stereotipi faraciani malamente rimasticati da Fontana. Peccato sprecare per una storia così i disegni di Emmanuele Baccinelli. Alessandro Sisti porta invece sul settimanale il crowdfunding sfruttando il personaggio più adatto per l’argomento, ovvero Filo Sganga. La cosa avrebbe potuto esser uno spunto interessante per la storica coppia Filo & Brigitta, ma in questo caso l’autore preferisce scegliere come co-protagonista Paperoga dando alla vicenda una nota meno “affaristica” e più bizzarra. Finale come da copione, con Zio Paperone che maschera in modo simpatico la consueta buona azione. Le ultime pagine sono dedicate invece al prologo della serie ideata da Giuseppe Zironi con protagonista Topolino nei panni di un inviato speciale in giro per il mondo. Per quel che riguarda i redazionalil, segnaliamo l’articolo dedicato a Nikola Tesla e alle sue scoperte nel campo dell’elettricità e lo speciale su Frozen II

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (12)
Esegui il login per votare

Topolino 3339

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Paperinika
Imperatore della Calidornia
Moderatore

  • ******
  • Post: 10256
    • Offline
    • Mostra profilo

    Re:Topolino 3339
    Risposta #15: Lunedì 25 Nov 2019, 19:16:27
    Per il prologo di TIAM
    Di cosa stai parlando?

    *

    Atius
    Giovane Marmotta

    • **
    • Post: 140
    • Ostentazione di Plutocratica Sicumera!
      • Offline
      • Mostra profilo

      Re:Topolino 3339
      Risposta #16: Lunedì 25 Nov 2019, 19:31:28

      *

      Shumani
      Brutopiano
         (1)

      • *
      • Post: 61
      • Leggere, leggere, leggere
        • Offline
        • Mostra profilo
         (1)
        Re:Topolino 3339
        Risposta #17: Lunedì 25 Nov 2019, 23:22:50
        C'è continuity e continuity. A parte casi speciali come PK e MMMM è ovvio che normalmente nel mondo Disney non può esserci continuity stretta, sarebbe assurdo, ma contemporaneamente trovo molto bello quando in una storia ci sono riferimenti a fatti avvenuti precedentemente. È raro, ma capita. Senza voler essere per questo essere maniaci alla Rosa, ovviamente. Ci deve essere la giusta via di mezzo. Io per esempio apprezzo molto il modo in cui autori come Casty o Artibani, ma anche lo stesso Scarpa, in parte, inseriscono questi riferimenti

        non sarebbe male secondo me cominciare da una coerenza e continuità nell'ambientazione: una sorta di cartina per stabilire la posizione dei vari luoghi di topolinia/paperopoli (abitazioni, edifici pubblici, porto, boschi ecc), fissare sempre gli stessi personaggi nei ruoli chiave (sindaco, commissario ecc) ma anche secondari (direttore del museo, imprenditori della città, miliardari del club). Una sorta di coordinate di riferimento valide per tutti in cui ambientare le storie.
        so che sono uscite le guide ma non penso siano state "canonizzate", poteva essere un primo passo in questa direzione.
        "Quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che quando li hai finiti di leggere e tutto quel che segue vorresti che l'autore fosse un tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira."

        *

        Vito65
        Cugino di Alf

        • ****
        • Post: 1230
        • ex Generale Westcock
          • Offline
          • Mostra profilo

          Re:Topolino 3339
          Risposta #18: Martedì 26 Nov 2019, 20:56:39
          Ultimo e sorprendete episodio conclusivo di Foglie Rosse
          Io alla prima lettura non avevo capito che la storia fosse conclusa...avevo scambiato il finale aperto, anzi apertissimo, come la conclusione dell'episodio in attesa del successivo...

          *

          Walecs
          Giovane Marmotta

          • **
          • Post: 143
            • Offline
            • Mostra profilo

            Re:Topolino 3339
            Risposta #19: Martedì 26 Nov 2019, 21:08:58
            C'è continuity e continuity. A parte casi speciali come PK e MMMM è ovvio che normalmente nel mondo Disney non può esserci continuity stretta, sarebbe assurdo, ma contemporaneamente trovo molto bello quando in una storia ci sono riferimenti a fatti avvenuti precedentemente. È raro, ma capita. Senza voler essere per questo essere maniaci alla Rosa, ovviamente. Ci deve essere la giusta via di mezzo. Io per esempio apprezzo molto il modo in cui autori come Casty o Artibani, ma anche lo stesso Scarpa, in parte, inseriscono questi riferimenti

            Concordo in pieno. La continuity stretta sarebbe impossibile (a meno di non voler riconoscere anche il passaggio del tempo e quindi far inevitabilmente invecchiare i personaggi) ma i riferimenti qua e là sono sempre apprezzati. Io, per esempio, ho sempre adorato sin da bambino (come già detto in un altro topic) la volontà da parte di Leoni di creare una Paperopoli tutta sua con luoghi e personaggi secondari ricorrenti (ad esempio i due guardiani del museo o il sindaco baffuto), così da dare l'idea che tutte le sue storie appartengano allo stesso universo (pur essendo autoconclusive e slegate). Chiaro che non dev'essere un obbligo per gli autori (soprattutto non a scapito delle storie) ma quando c'è questo tipo di coerenza narrativa è sempre la bevenuta.

            Ritengo che l'idea di una cartina con punti fissi come suggerito da Shumani sarebbe un'idea fantastica.

            *

            etabeta1960
            Brutopiano
               (1)

            • *
            • Post: 51
            • Esordiente
              • Offline
              • Mostra profilo
               (1)
              Re:Topolino 3339
              Risposta #20: Mercoledì 27 Nov 2019, 00:14:06
              Credo che Foglie Rosse sia la storia rivelazione dell'anno. Un soggetto semplice ma ben sceneggiato, dialoghi accattivanti e godibili, e atmosfere veramente azzeccate. Ho particolarmente apprezzato come si alternino sequenze di drammatico realismo, in cui è in gioco il destino dell'umanità, ad altre più comiche e leggere, dove Tip, Tap e gli amici si comportano semplicemente come ragazzi della propria età. Disegni spettacolari come al solito. Per trovare un difetto, non mi è piaciuto il fatto che i ragazzini non siano stati granché caratterizzati o approfonditi, così come gli Sgharroz. In ogni caso una gran bella storia, sicuramente una delle migliori dell'anno.

              Concordo, anche per me questa è sicuramente una delle storie che quest'anno mi è piaciuta di più... trama, disegni, sceneggiatura. Belle "inquadrature", quasi si trattasse di un film, che nel finale lascia aperta la porta a un...  "non finisce qui..."

              Sinceramente spero di ritrovare questa storia sulla collana Limited DeLuxe Edirtion con un poco di "materiale" in più... sarebbe proprio una bella cosa 

              *

              Baraquack
              Giovane Marmotta
                 (1)

              • **
              • Post: 179
              • Riprendete assolutamente le TOPOSTORIE
                • Offline
                • Mostra profilo
                 (1)
                Re:Topolino 3339
                Risposta #21: Mercoledì 27 Nov 2019, 01:46:57
                sinceramente di FOGLIE ROSSE ho capito ben poco con tutti quei termini tecnicistici  e quel ponte di cui non ho compreso la funzione , una grande confusione ,una storia proprio brutta
                come faccio a mettere immagine qui

                • *
                • Post: 26
                • Esordiente
                  • Offline
                  • Mostra profilo

                  Re:Topolino 3339
                  Risposta #22: Mercoledì 4 Dic 2019, 00:09:39
                  Vorrei sottolineare l'ottima storia Zio Paperone e il finanziamento corale. Quanto mi piacciono le storie con ambientazione quotidiana, ma con ritmi calibrati, battute divertenti e trame credibili.
                  Per me poi, Limido è uno dei disegnatori più sottovalutati in assoluto, mi piace proprio come disegna i personaggi

                  Ah, le penne alla Paperoga sono un riferimento (spero voluto) a questa mitica storia https://inducks.org/story.php?c=I+TL+2104-1
                  « Ultima modifica: Mercoledì 4 Dic 2019, 00:23:00 da Pedro Paperon de las Pesetas »

                  *

                  Cornelius Coot
                  Imperatore della Calidornia

                  • ******
                  • Post: 10006
                  • Mais dire Mais
                    • Offline
                    • Mostra profilo

                    Re:Topolino 3339
                    Risposta #23: Lunedì 9 Dic 2019, 12:18:32
                    Foglie Rosse   (quarto e ultimo episodio)
                    Per me una storia più bella nella sostanza che nella forma e penso che in futuro potrebbe esserci un seguito, visto che alcuni 'varchi' sono rimasti aperti, come quello dei piccoli alieni (non solo teenager, immagino) che dovranno 'adattarsi' ad una nuova vita sulla Terra o quello poliziesco riguardo la sicurezza nazionale e la presenza di strane 'foglie rosse'. Certo, pensare di rivedere i coccodrilli triocchiuti così come per lungo tempo si sono manifestati gli evronianiani alienamente paperizzati non mi suscita grandi entusiasmi anche se in questo tempo di continuity 'bertiana' sarà molto probabile. Il tratto di Sciarrone lo preferisco con i paperi, dove troviamo personaggi dalle espressioni variegate e poco buoniste mentre con i topi sono tutti occhioni stupiti e sorrisini edulcorati, quasi da merchandising.
                    Paperino e lo scarabeo di Giada
                    Gradevole giallo dove Pico ha la sua 'scena madre' non quando da una zuccata al ladro che lo tiene prigioniero (iniziativa pregevole ma forse un po' troppo semplificata, considerando le circostanze) ma quando resta deluso nell'apprendere che la Polizia è intervenuta al momento giusto non per aver letto un suo trattato ma un messaggio di Paperino ("Oh! Davvero?" resta basito De Paperis apprendendo ciò).
                    Il 'vecchio' Pico pieno di sé (quello più vero) è tornato fuori, anche solo per un attimo. La boria finale è tutta di Paperino, ringalluzzito dai riconoscimenti dell'agente.
                    Gambadilegno e l'insostituibile Sgrinfia
                    Fontana sottolinea il particolare rapporto fra i due malviventi con un soggetto non banale ma piuttosto interessante nei suoi sviluppi. Bacci migliora costantemente (Sgrinfia è molto espressivo) sebbene alcune caratteristiche grafiche non mi convincano: per quanto diverse scene avvengano di notte, l'eccessiva presenza di ombre e di fitte rigature anche in situazioni diverse (per disegnare pareti o sfondi, per rappresentare la sorpresa di un volto in primo piano...) appesantiscono le sue tavole, caratterizzate spesso da quattro strisce.
                    Zio Paperone e il finanziamento corale
                    Ottima l'idea di Sisti di estrapolare Filo e Brigitta dalle loro sit-com (i Tesori di serie B come un tempo la Premiata Ditta) e inserirli nelle comuni storie di quotidianità paperopolese come accadeva un tempo, grazie a Scarpa e a Cimino. Soggetto brillante (grazie anche ad un bravissimo Limido) con perfette interazioni di altri characters (fra cui il 'prezzemolino' Paperoga) e con situazioni curiose come una casa di riposo che, se da un lato evidenzia alcune differenze tra Paperone e i suoi 'coetanei', dall'altro gli permette di trovare 'riposo' nei riguardi di una Brigitta che preferisce non entrarvi (pena la dichiarazione della sua età). Altro stratagemma ben riuscito per giustificare certe 'generosità' di uno zione altrimenti incomprensibili.
                    Topolino e il lungo addio
                    Piacevole prologo di Zironi a quelle che saranno le prossime avventure di Topolino come reporter. Prologo che non avevo letto (per un ritardo delle poste) prima che iniziasse la nuova serie che avevo ingiustamente criticato proprio per cominciare così, all'improvviso, senza tante spiegazioni (che ho avuto oggi). Zironi si conferma uno dei disegnatori più bravi, con uno stile sempre più scattante, 'nervoso', forse influenzato dallo storico Gottfredson e dall'attuale DeVita ma che ha delle caratteristiche tutte sue, subito riconoscibili.
                    « Ultima modifica: Martedì 10 Dic 2019, 13:08:56 da Cornelius Coot »

                    *

                    Cornelius Coot
                    Imperatore della Calidornia

                    • ******
                    • Post: 10006
                    • Mais dire Mais
                      • Offline
                      • Mostra profilo

                      Re:Topolino 3339
                      Risposta #24: Lunedì 9 Dic 2019, 12:58:03
                      Spero che il 'nuovo corso' di Alex Bertani includa anche le one page (che continuo a chiamare TopoGulp anche se questa dicitura è sparita da tempo) visto che questo trio Archimede-Ciccio-Nonna Papera delle "Invenzioni in Fattoria" non è usuale nelle storie. Differenziare nettamente le one page dal resto dei soggetti mediolunghi, non solo con situazioni diverse ma anche con personaggi diversi, sarebbe l'ideale e neanche una novità: già negli anni '50 gli editori americani obbligavano le riviste a fumetti a utilizzare personaggi 'altri' nelle storie brevi o one page rispetto a quelli della storia principale (e da ciò nacquero le famose ten page barksiane con Archimede, Edi e, addirittura, Tip  e Tap ). Spero in futuro di vedere, oltre a situazioni nuove, anche personaggi mai o poco utilizzati nelle storie del libretto: le one page potrebbero diventare delle 'palestre' dove 'allenare' characters alternativi per poi inserirli nelle storie mediobrevi se non lunghe.

                                                                   
                      « Ultima modifica: Lunedì 9 Dic 2019, 14:21:50 da Cornelius Coot »

                      *

                      cianfa88
                      Diabolico Vendicatore

                      • ****
                      • Post: 1414
                      • SI...è Siena!
                        • Offline
                        • Mostra profilo

                        Re:Topolino 3339
                        Risposta #25: Lunedì 9 Dic 2019, 18:02:23

                        non sarebbe male secondo me cominciare da una coerenza e continuità nell'ambientazione: una sorta di cartina per stabilire la posizione dei vari luoghi di topolinia/paperopoli (abitazioni, edifici pubblici, porto, boschi ecc), fissare sempre gli stessi personaggi nei ruoli chiave (sindaco, commissario ecc) ma anche secondari (direttore del museo, imprenditori della città, miliardari del club). Una sorta di coordinate di riferimento valide per tutti in cui ambientare le storie.
                        so che sono uscite le guide ma non penso siano state "canonizzate", poteva essere un primo passo in questa direzione.

                        Sono d'accordo e ci sarebbe di già la base: lo splendido lavoro fatto da Pisapia.

                         

                        Dati personali, cookies e GDPR

                        Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                        Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                        Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.