Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
In edicola
3 | |
2 | |
4 | |
5 | |
3 | |
3 | |
2 | |
4 | |
3 | |
3 | |
2 | |
3 | |
Topolino 3356 - Recensione di Chen Dai-Lem

Topolino 3356 Non so se questo Topolino risenta un po’ del clima triste che aleggia nel Paese a causa del Coronavirus, ma di sicuro non riesce a distrarci in questo momento. Gli editoriali parlano di cose che non si sa quando vedremo: uno è dedicato all’Europeo di calcio già rimandato all’anno venturo, uno al live action di Mulan che avremmo dovuto vedere al cinema, ma in questo periodo neanche ricordiamo più la sensazione di sederci sulle poltroncine rosse a gustare un bel film in compagnia. Un articolo è dedicato alla giornata mondiale della felicità, che di questi tempi, diciamocelo, è passata un po’ in secondo piano e almeno con l’ultimo possiamo rinfrancarci… perché sì, per fortuna il gelato possiamo mangiarlo anche a casa! Se pensavamo di risollevarci con le storie, però, non ci va molto bene. Questa settimana finisce 19.999 leghe sotto i mari (Artibani/Pastrovicchio) lasciando un po’ di perplessità. Il lettore scivola tra le pagine, accompagnato forse più dai bellissimi disegni che dalla suspense creata dalla trama, ma quello che purtroppo manca alla storia per fare un salto di qualità, per passare da buona a memorabile, è la mancanza delle emozioni forti che Verne riusciva a creare con i suoi romanzi. Qui vengono molto depotenziate e temo che la maggior parte della responsabilità ce l’abbia Pippo. Pippo è un personaggio meraviglioso ma, secondo me, non adatto a impersonare il Capitano Nemo: un carattere molto complesso, molto affascinante ma allo stesso tempo inquietante, fatto di ombre prima ancora che di luci. Quello che esce da Pippo è… Pippo! In questo caso, un inventore geniale ma comunque svampito, privo del carisma del protagonista di Verne. La perplessità continua anche nel nuovo progetto che prende avvio questa settimana e che il direttore Bertani ci anticipa nell’editoriale: Topolino, le origini, una serie che dovrà portarci nel passato di Topolino e farci capire un po’ di più della sua giovinezza, come in un romanzo di formazione. Il primo episodio, Vita vera, sceneggiato da Danilo Deninotti affiancato ai disegni da Fabrizio Petrossi, vede Topolino lasciare l’università e tornare a Topolinia, dove incontra l’amico Pippo e ottiene quasi per caso il suo primo incarico di giornalista. Nella storia non manca una citazione a Young Donald Duck (serie pubblicata di recente nelle pagine del settimanale), in una sorta di crossover, pratica che ormai pare consolidata all’interno del libretto, dove troviamo continui rimandi tra serie. La narrazione però non riesce ad entusiasmare il lettore, che ha l’idea di trovarsi di fronte a qualcosa di già visto e non aggiunge niente di rilevante a ciò che sapeva già di Topolino; vedremo se magari le puntate successive riusciranno ad essere più avvincenti. Buona prova, invece, per Roberto Gagnor e Claudio Sciarrone e il loro secondo episodio di Area 15. In Qui, Quo, Qua – La collezione dei ricordi i due riescono a catturare tutte le manie e i tic dei collezionisti che affollano le fiere del fumetto. Difficile non riconoscersi nei protagonisti quando cercano il minimo difetto nella costina di un albo prima di comprarlo o nella ricerca compulsiva di action figure che, al di là del valore commerciale, rivestono un enorme valore sentimentale grazie ai ricordi che i personaggi riprodotti rievocano. Tra un sorriso e un sospiro, questa storia ci ricorda in questo momento difficile un mondo che ci è caro e che speriamo di rivivere al più presto. Pippospot – Alta pressione di Alessio Coppola è una breve che dovrebbe, forse, divertire, ma che non riesce fino in fondo nel compito, mentre più carina è La Banda Bassotti e la concorrenza di quartiere (Panini/Limido), dove la banda meno temibile di Paperopoli cerca di incastrare una coppia di ladri concorrenti e, per farlo, chiede aiuto a tutta la criminalità della città… il risultato, come sempre, è un disastro! La storia più bella del numero, infine, è sicuramente quella di Marco Rota, Paperino e l’approdo sfortunato della Dollaro bucato. Paperino, su una barca al largo delle isole del Pacifico, confessa ai nipoti un’avventura sfortunata, avvenuta anni prima, del cui esito infausto Zio Paperone non è del tutto a conoscenza. Il lettore viene rapito dal racconto di Paperino e dai meravigliosi disegni dell’autore milanese e arriva in fondo all’avventura facendo anche un sorriso. Un numero quindi un po’ sottotono, speriamo di risollevarci con il prossimo!

Leggi la recensione

Voto del recensore:
Voto medio: (16)
Esegui il login per votare

Topolino 3356

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Devis91
Evroniano

  • **
  • Post: 92
  • Esordiente
    • Offline
    • Mostra profilo

    Re:Topolino 3356
    Risposta #30: Sabato 28 Mar 2020, 10:20:54
    Comunque in questo numero devo dire che mi è piaciuta molto una particolare vignetta: nella storia di 19999 leghe sotto i mari, Pippo/Nemo ad un certo punto afferma (non cito testuale perché non ho il numero sotto mano) "se arrabbiarmi servisse a qualcosa darei già in escandescenza, ma visto che non serve affronto il problema con il sorriso".
    Mi piace come insegnamento, bravi gli autori!

    *

    MatteZena
    Papero del Mistero

    • **
    • Post: 255
    • Esordiente
      • Offline
      • Mostra profilo

      Re:Topolino 3356
      Risposta #31: Giovedì 2 Apr 2020, 12:49:44
      Questo numero mi è piaciuto molto, incarna bene lo spirito del tipo di Topolino che piace a me (storie semplici ma anche alcune storie di un certo spessore, vari personaggi coinvolti...)
      Topolino, le origini ep. 1 Storia che promette abbastanza bene, anche perchè sembra molto meglio di Young Donald e con una sceneggiatura meno forzata rispetto a Young Indiana. Francamente, però, avrei iniziato questa saga in un altro numero, data la presenza già di un'altra saga sull'adolescenza (Area 15). comunque in generale buona, sceneggiatura non forzata e disegni interessanti
      Voto sceneggiatura: 8+
      Voto disegni: 8+
      Voto storia: 8+
      Area 15 Storia molto carina e abbastanza divertente. Così come per il primo episodio, Roberto Gagnor, da sceneggiatore eccellente, riesce a rendere interessante anche per i ragazzi e gli adulti una storia studiata per i più piccoli. Come per la scorsa puntata Sciarrone mi sembra avere un tratto molto più convincente del solito
      Voto sceneggiatura: 8+
      Voto disegni: 8
      Voto storia: 8
      PippoSpot ep. 2 Storia simpatica e con uno spunto interessante, ma non ha soddisfatto a pieno le aspettative create dalla storia prologo, che era ottima. Comunque disegni e sceneggiatura di Coppola rimangono molto molto validi
      Voto sceneggiatura: 8+
      Voto disegni: 8,5
      Voto storia: 8
      La Banda Bassotti e la concorrenza di quartiere
      Storia originale e molto divertente, che mi ha ricordato, per genere e trama, le puntate con protagonisti i Bassotti della serie classica di Ducktales.
      Gabriele Panini crea sceneggiature sempre migliori e Carlo Limido è perfetto per la storia, che è forse la migliore del numero.
      Voto sceneggiatura: 8,5
      Voto disegni: 8,5
      Voto storia: 8,5
      Paperino e l'approdo sfortunato della 'Dollaro bucato'
      I sempre ottimi disegni del maestro Rota accompagnano una storia a cui sarebbe dovuto essere dedicato più spazio
      Voto sceneggiatura: 7/8
      Voto disegni: 9
      Voto storia: 8+

      La seconda parte di 19999 leghe sotto i mari non l'ho ancora terminata, ma comunque si tratta di una parodia ben fatta, anche se io l'avrei fatta uscire in estate (non saprei dire perchè)

       

      Dati personali, cookies e GDPR

      Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

      Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

      Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.