Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
2 | |
3 | |
4 | |
3 | |
5 | |
4 | |
3 | |
3 | |
3 | |
2 | |
4 | |
4 | |

Topolino 3399

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Flash X
Ombronauta
   (1)

  • ****
  • Post: 818
  • Mezzanotte: l'ora di Paperinik!
    • Offline
    • Mostra profilo
   (1)
    Re:Topolino 3399
    Risposta #45: Giovedì 14 Gen 2021, 22:15:36
    A me Tutto cominciò così è piaciuta perché secondo me invece Gervasio nella sua storia fa entrambe le cose. Aggiunge il fatto che la nascita di Paperinik sia dovuta a Fantomius, ma mantiene esattamente le caratteristiche della vicenda di Martina, cioè che Paperino di fatto si vendica dei torti subiti trovando diario e tutto il resto di Fantomius (qui scopriamo semplicemente dei retroscena con il Ladro Gentiluomo). Le parole che ho evidenziato sono il verbo "vendicarsi" che è praticamente la caratteristica fondamentale della nascita del Diabolico Vendicatore. Quindi se la sua caratteristica principale è presente cos'è che svilisce il personaggio? Fantomius agisce aiuticchiandolo (e magari scopriremo qualcosa di più in questa nuova serie di queste settimane) ma non importa, perché Paperino/Paperinik mantiene esattamente le stesse caratteristiche che gli aveva dato Martina. Il suo scopo è sempre e comunque quello di vendicarsi del parentame: non è che scopre che c'è un Fantomius dietro e allora si culla a causa del suo aiuto. Semplicemente ignora che c'è qualcuno dietro quindi il suo spirito combattivo rimane tale e quale a quello della storia del 1969. Non so se si è capito cosa voglio dire.
    https://it.wikipedia.org/wiki/Libero_arbitrio la differenza è tutta qui
    Citazione
    Il libero arbitrio è un concetto filosofico e teologico secondo il quale ogni persona ha la facoltà di scegliere gli scopi del proprio agire e pensare, tipicamente perseguiti tramite volontà, nel senso che la sua possibilità di scelta o decisione ha origine nella persona stessa e non in forze esterne.
    Paperino nella storia sceglie che cosa fare in base all'arrivo del "postino" e in tutto ciò che viene dopo, agisce e pensa con la sua testa, esattamente con la sua volontà. Fantomius non va da Paperino a dirgli "ti conviene fare esattamente quello che ti dico, altrimenti...", insomma non lo obbliga. Paperino agisce in una determinata maniera perché vuole vendetta e lo fa utilizzando le risorse di cui dispone e approfittando delle circostanze a lui convenienti. Tutto di testa sua. Fantomius semplicemente ha fatto "cose" prima, ma non ha mai obbligato Paperino a fare qualcosa. Non la vedo così drastica.

    *

    Hero of Sky
    Ombronauta
       (1)

    • ****
    • Post: 932
    • MAGA Stop the steal
      • Offline
      • Mostra profilo
       (1)
      Re:Topolino 3399
      Risposta #46: Giovedì 14 Gen 2021, 22:18:37
      Questa è una spiegazione troppo comoda, Paperino in quella storia è a tutti gli effetti un pupazzo telecomandato
      Perchè di questo mondo siamo solo ospiti, fra i tanti. E non i padroni. Insieme abbiamo dimostrato tante cose, ma la più importante è che non esiste l'impossibile

      *

      salimbeti
      Pifferosauro Uranifago
         (1)

      • ***
      • Post: 469
      • W questo FORUM!!!
        • Offline
        • Mostra profilo
         (1)
        Re:Topolino 3399
        Risposta #47: Giovedì 14 Gen 2021, 22:20:58
        A me Tutto cominciò così è piaciuta perché secondo me invece Gervasio nella sua storia fa entrambe le cose. Aggiunge il fatto che la nascita di Paperinik sia dovuta a Fantomius, ma mantiene esattamente le caratteristiche della vicenda di Martina, cioè che Paperino di fatto si vendica dei torti subiti trovando diario e tutto il resto di Fantomius (qui scopriamo semplicemente dei retroscena con il Ladro Gentiluomo). Le parole che ho evidenziato sono il verbo "vendicarsi" che è praticamente la caratteristica fondamentale della nascita del Diabolico Vendicatore. Quindi se la sua caratteristica principale è presente cos'è che svilisce il personaggio? Fantomius agisce aiuticchiandolo (e magari scopriremo qualcosa di più in questa nuova serie di queste settimane) ma non importa, perché Paperino/Paperinik mantiene esattamente le stesse caratteristiche che gli aveva dato Martina. Il suo scopo è sempre e comunque quello di vendicarsi del parentame: non è che scopre che c'è un Fantomius dietro e allora si culla a causa del suo aiuto. Semplicemente ignora che c'è qualcuno dietro quindi il suo spirito combattivo rimane tale e quale a quello della storia del 1969. Non so se si è capito cosa voglio dire.
        https://it.wikipedia.org/wiki/Libero_arbitrio la differenza è tutta qui

        Infatti Flash X ha ragione ha colto l'intento di Gervasio. Ma cosa centra il libero arbitrio!?  Il fatto che Paperino sia stato "guidato" ed in qualche maniera "scelto da Fantomius" non significa che non aveva libero arbitrio, poteva infatti decidere liberamente di non indossare i panni del vendicatore, mica Fantomius lo ha costretto! Così come avrebbe potuto liberamente scegliere dopo questa prima missione di non continuare l'attività mascherata. Cosa centra il libero arbitrio con il fatto che fu Fantomius e non un errore del postino a far arrivare la chiave di Villa Rosa a Paperino! Il fatto di aver scoperto che non furono delle banali casualità a far diventare Paperino un vendicatore mascherato non svilisce assolutamente il personaggio ne le motivazioni che lo hanno convinto ad agire da Vendicatore, motivazioni tralaltro che non centrano neppure con l'intervento di Fantomius, non lo ha mica convinto lui a vendicarsi di Paperone o di Gastone!. Come dissi in un precedente post: se scoprissi dopo 30 anni che i miei genitori non si sono conosciuti per caso ma che in realtà fu un amico che in segreto ed a loro insaputa li fece incontrare e conoscere ad una festa questo non toglierebbe nulla ne svilirebbe tale evento. Per quale motivo degli eventi casuali dovrebbero avere maggior rilievo di una situazione "organizzata". Nella storia Tutto cominciò così Paperino non fu assolutamente una pedina di Fantomius, non fece nulla che non avrebbe fatto anche se Fantomius non fosse stato presente. Il fatto che in alcune situazioni fu "aiutato" non significa che fu una pedina.
        Poi la storia può piacere o meno i gusti sono gusti. Come tipico della psiche umana alcune persone semplicemente non riescono a sopportare che certe situazioni (in questo caso storie) non si svolgono secondo il loro personale schema mentale o non sono come loro avrebbero voluto che fossero  e quindi come semplice meccanismo di difesa ci si crea delle spiegazioni/interpretazioni personali ma che nulla hanno a che vedere con quello realmente mostrato.  Al fine basterebbe semplicemente dire che "siccome per 30 anni ero convinto che Paperinik fosse diventato tale per pure casualità, non riesco ad accettare l'idea  che in realtà fu Fantomius a "creare" questi eventi casuali". Ma voi pensate veramente che  un autore di talento come Gervasio che fin da bambino fu un appassionato di Paperinik possa creare veramente  una storia che palesemente (quindi non per libera/personale interpretazione)  lo svilisca o lo renda un burattino. O che un appassionato come me che lesse la prima avventura in originale a 7 anni e che ha il più completo sito sul Paperinik delle origini non si renda conto di queste "svalutazioni"  se veramente e palesemente ci fossero?

        *

        salimbeti
        Pifferosauro Uranifago

        • ***
        • Post: 469
        • W questo FORUM!!!
          • Offline
          • Mostra profilo

          Re:Topolino 3399
          Risposta #48: Giovedì 14 Gen 2021, 22:25:28
          Questa è una spiegazione troppo comoda, Paperino in quella storia è a tutti gli effetti un pupazzo telecomandato

          Non è una spiegazione comoda è quanto è successo nella storia  la tua affermazione è invece assolutamente falsa e priva di riscontro oggettivo ! In quali situazioni Paperino non ha avuto la possibilità di scegliere se farle o meno perchè era telecomandato? Fantomius lo aveva drogato? lo aveva privato della sua volontà?
          « Ultima modifica: Giovedì 14 Gen 2021, 22:27:20 da salimbeti »

          *

          Cornelius Coot
          Imperatore della Calidornia

          • ******
          • Post: 10472
          • Mais dire Mais
            • Offline
            • Mostra profilo

            Re:Topolino 3399
            Risposta #49: Giovedì 14 Gen 2021, 22:42:03
            Un piccolo esempio di attuale 'politically correct' sui dialoghi, che magari vedo solo io (non è detto).
            Appurato che Lady Senape, oltre ad aver rubato la maschera di Gengis Ghat, è sparita nel futuro (con alta probabilità di non poter tornare indietro), la reazione soddisfatta di Dolly è: "Non tutto il male viene per nuocere! Avrà pure rubato la maschera, ma ci siamo finalmente liberati di lei!"
            Al che John replica: "Sono Fantomius! Non posso accettare di essere derubato in casa mia, lo sai! E poi, anche se è una nemica... non posso abbandonarla in un altro tempo!"
            Qui Dolly poteva fare semplicemente una smorfia annoiata o dire ironicamente "se lo dici tu..." facendo gli occhi al cielo. Sarebbe stato divertente e non particolarmente 'scorretto'. Invece replica subito, con aria pentita e dolente: "Hai ragione caro! Mi sono fatta prendere dall'impulsività!"
            Io lo vedo come un  modo di rendere Fantomius una figura perfetta anche moralmente, un Gary Stu dalle cui labbra pendono tutti.
            Interessante punto di vista, più 'maschile' rispetto al mio che mettevo Dolly al centro del dialogo mentre tu, giustamente, vi poni Lord Quackett che, in effetti, è il protagonista principale della serie. Quello verso il quale si può avere una certa attenzione nei particolari dei dialoghi, per esaltarne le caratteristiche che hai detto. 'Sacrificando', nel caso, una reazione di Dolly che avrei preferito sebbene quella scritta da MG sia duplice, sottolineando dapprima gelosia e subito dopo ammirazione e devozione.
            « Ultima modifica: Giovedì 14 Gen 2021, 23:55:54 da Cornelius Coot »

            *

            Andy98
            Giovane Marmotta
               (2)

            • **
            • Post: 136
              • Offline
              • Mostra profilo
               (2)
              Re:Topolino 3399
              Risposta #50: Giovedì 14 Gen 2021, 23:01:35
              Io lo vedo come un  modo di rendere Fantomius una figura perfetta anche moralmente, un Gary Stu dalle cui labbra pendono tutti.

              Tipico e apprezzabile tratto di un personaggio avvincente, insomma.

              Alle volte ho davvero l'impressione che Fantomius l'appellativo di ladro (gentiluomo) ce l'abbia, per paradosso, al pari di un titolo nobiliare, anziché di qualcosa attribuibile alle sue azioni. E tanto più il suo universo si delinea con ammirevole precisione da parte del suo autore, quanto meno si perde quello squisito alone di malizia che contornava un minimo il personaggio agli albori della sua saga. Per quel che io ricordi, infatti, il Fantomius iniziale godeva nel farla in barba ai suoi scorretti colleghi e si dilettava nel prendersi gioco di Pinko (ormai sempre meno presente, tra l'altro), mentre adesso ha assunto sempre più i tratti di una versione moraleggiante di Paperinik.

              Dopodiché, per carità, non metto in dubbio che a tantissimi lettori piaccia un personaggio ormai così statico e piatto, seppur impeccabile e moralmente retto - che fortuna! E nonostante sia un ladro! - tuttavia rimango dell'idea che un personaggio più grigio, però dotato di un preciso e personale codice morale, sarebbe stato di gran lunga più interessante da vedere in azione. E se non lui, che a quanto pare deve sempre apparire il più impeccabile possibile, almeno Dolly Paprika, in modo da disporre di un perfetto contraltare, nonché di una chimica e dinamica più imprevedibile tra i due.

              Appurato che Lady Senape, oltre ad aver rubato la maschera di Gengis Ghat, è sparita nel futuro (con alta probabilità di non poter tornare indietro), la reazione soddisfatta di Dolly è: "Non tutto il male viene per nuocere! Avrà pure rubato la maschera, ma ci siamo finalmente liberati di lei!"

              Al che John replica: "Sono Fantomius! Non posso accettare di essere derubato in casa mia, lo sai! E poi, anche se è una nemica... non posso abbandonarla in un altro tempo!"

              Qui Dolly poteva fare semplicemente una smorfia annoiata o dire ironicamente "se lo dici tu..." facendo gli occhi al cielo. Sarebbe stato divertente e non particolarmente 'scorretto'. Invece replica subito, con aria pentita e dolente: "Hai ragione caro! Mi sono fatta prendere dall'impulsività!"

              La tua versione, caro Cornelius, descrive esattamente il tipo di interazione che mi sarei aspettato di vedere tra i due personaggi in quella circostanza. In alternativa, avrei preferito che Fantomius arrivasse a quella conclusione dopo un paio di vignette, non prima di aver mostrato risentimento nei confronti di Lady Senape, la quale col suo furto ha intaccato pienamente il suo onore, la sua nomea, il simbolo che si è costruito negli anni. A mio avviso, sono proprio questi dettagli a rendere intrigante e godibile un personaggio, e non il fatto che abbia una morale impeccabile (tratto cardine di una misura scorretta, se non addirittura sbagliata, per giudicare/simpatizzare con i personaggi di un'opera artistica qualsiasi, che si tratti di romanzo, fumetto, cartone, film...).
              « Ultima modifica: Giovedì 14 Gen 2021, 23:07:57 da Andy98 »

               

              Dati personali, cookies e GDPR

              Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

              Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

              Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.