Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
2 | |
4 | |
4 | |
2 | |
2 | |
4 | |
3 | |
3 | |
4 | |
5 | |
5 | |
2 | |

Topolino 3400

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

raes
Pifferosauro Uranifago

  • ***
  • Post: 501
  • Nuovo utente
    • Offline
    • Mostra profilo

    Re:Topolino 3400
    Risposta #15: Giovedì 21 Gen 2021, 20:32:51
    l' autore ha detto chiaramente che per lui paperinik non è nato nel 1969 ma negli anni 2000

    *

    Flash X
    Ombronauta
       (1)

    • ****
    • Post: 961
    • Mezzanotte: l'ora di Paperinik!
      • Offline
      • Mostra profilo
       (1)
      Re:Topolino 3400
      Risposta #16: Giovedì 21 Gen 2021, 20:43:25
      Ho comperato un ventilatore due anni fa e solo questa estate ho messo il condizionatore. Quindi sono negli anni 70!?
      Qui sono scoppiato a ridere. :)) Ahahah!

      *

      Vito65
      Cugino di Alf
         (7)

      • ****
      • Post: 1372
      • ex Generale Westcock
        • Offline
        • Mostra profilo
         (7)
        Re:Topolino 3400
        Risposta #17: Giovedì 21 Gen 2021, 20:44:09
        Il fatto è che adesso si è deciso che Paperinik è nato in tempi recenti e quindi tutto deve essere piegato e ricondotto a questa nuova prospettiva. Lo abbiamo capito: siamo fissati, non scemi. Ripeto: si può dire che alcuni non condividiamo, o quantomeno siamo perplessi di fronte a questa nuova impostazione? Salimbeti, possiamo cercare di nascondere la luna con un dito quando vogliamo, ma il fatto rimane: la prima storia di Paperinik allude agli anni 70, e fino ad ora ciò era pacifico e chiaramente riconosciuto da tutti. Poi se lo vogliamo negare a tutti i costi...Tu avrai pure comprato un ventilatore da poco tempo, ma il mercato dei ventilatori è quello che va per la maggiore, oggi, o non lo era prima, appunto negli anni 60/70/80, e non molto oltre? Poi, se parliamo di sistemi di comunicazione di acquisto di beni, quello della mail era un esempio, e si capiva benissimo: se vogliamo restare in tema, le aste e le vendite pubbliche oggi avvengono online, mentre negli anni 70 e fino agli ultimi anni 90 avvenivano con il sistema della candela e con l' indispensabile supporto del cartaceo.
        « Ultima modifica: Giovedì 21 Gen 2021, 21:14:46 da Vito65 »

        *

        Gumi
        Cugino di Alf
        Moderatore
           (8)

        • ****
        • Post: 1371
          • Offline
          • Mostra profilo
           (8)
          Re:Topolino 3400
          Risposta #18: Giovedì 21 Gen 2021, 21:13:32
          Ragazzi vi prego, non fossilizziamoci su questa faccenda.

          Si tratta di una scelta narrativa. Gervasio ha il diritto di stabilirla, Vito e chi la pensa come lui hanno il diritto di non farsela piacere, se lo ritengono.
          Il resto sono questioni di lana caprina.

          Il concetto è chiaro, passiamo oltre.

          *

          Geronimo
          Papero del Mistero

          • **
          • Post: 202
            • Offline
            • Mostra profilo

            Re:Topolino 3400
            Risposta #19: Giovedì 21 Gen 2021, 21:56:32
            Gradevole tutto il numero. Mi ha colpito la prima in particolare: aspetto di sapere come riusciranno a cavarsela i nipotini e aspetto di vederli alle prese con nuovi insettoni ;D
            Luca Giacalone

            *

            Baraquack
            Sceriffo di Valmitraglia
               (1)

            • ***
            • Post: 343
            • Riprendete assolutamente le TOPOSTORIE
              • Offline
              • Mostra profilo
               (1)
              Re:Topolino 3400
              Risposta #20: Giovedì 21 Gen 2021, 23:16:44
              L idea della prima storia riprende un po una tipologia gia presente in una storia diCasty con topolino miniaturizzato alle prese con dei--MOSTRI-- in giardino
              come faccio a mettere immagine qui

              *

              Vincenzo
              Cugino di Alf
                 (1)

              • ****
              • Post: 1341
              • Esordiente
                • Offline
                • Mostra profilo
                 (1)
                Re:Topolino 3400
                Risposta #21: Venerdì 22 Gen 2021, 10:32:38
                L idea della prima storia riprende un po una tipologia gia presente in una storia diCasty con topolino miniaturizzato alle prese con dei--MOSTRI-- in giardino

                Che era a sua volta ripresa dal corto Mickey's Garden.
                If you can dream it, you can do it.

                *

                Simone McD
                Gran Mogol
                   (1)

                • ***
                • Post: 711
                • Ex Scrooge McD
                  • Offline
                  • Mostra profilo
                   (1)
                  Topolino 3400
                  Risposta #22: Venerdì 22 Gen 2021, 16:31:15
                  Recensione Topolino 3400


                   La direzione di Alex Bertani ha da sempre avuto una particolare attenzione per le serie e le storie a puntate, che non solo agevolano il racconto di avventure di più ampio respiro, ma riescono anche a ottenere più facilmente la fidelizzazione del lettore. Topolino 3400 è un ottimo esempio di questa nuova rotta: in poche pagine si possono trovare il primo episodio di una nuova serie con i nipotini, la continuazione dell’ultima avventura di Fantomius e l’anticipazione, come in una sorta di teaser trailer, del ritorno di Area 15, a partire da Topolino 3404.

                   Il posto d’onore è però riservato al primo episodio di Qui Quo Qua in: Viaggio nel micromondo, in apertura del numero e con tanto di copertina dedicata di Francesco D’Ippolito. In questa nuova avventura in più puntate Sergio Cabella mette i nipotini in una situazione spinosa: miniaturizzati alle dimensioni di un insetto, si trovano a farsi largo in quella natura apparentemente innocua che “sorvoliamo” tutti i giorni ma che, a scale più piccole, nasconde non poche insidie.

                   Il tema non è completamente inedito, ed è stato usato in passato sia per fini prettamente didattici e didascalici, come nella “saga dei cloroplasti” di Fabio Michelini, sia per costruire interessanti avventure giocando con un’interpretazione inedita di elementi familiari, come in Zio Paperone e il riduttore atomico di Carl Barks o nella più recente Topolino e i mostri in giardino di Casty. Si tratta comunque di un concetto interessante, che può trasformare in un’avventura una passeggiata nel giardino davanti casa e che permette al lettore di soffermarsi su un mondo affascinante che spesso viene dato per scontato nella vita di tutti i giorni.

                   
                  La piccola statura porta a vedere ambienti familiari con un occhio diverso

                  Nonostante le premesse, è tuttavia spiacevole constatare come, per lo meno in questa prima puntata, la storia di Cabella manchi il bersaglio, in una sorta di crisi di identità in cui sono assenti sia la trama robusta di una storia avventurosa sia l’intento didascalico. Le decisioni di Qui, Quo e Qua che fanno da motore alla vicenda sono infatti, nella maggioranza dei casi, piuttosto ingenue e hanno lo scopo principale di fornire una vetrina per diversi habitat e insetti: questo sarebbe più facile da accettare se fosse funzionale a un preciso scopo educativo della storia, ma per ora si risolve di fatto semplicemente in un pretesto per le (pur belle) illustrazioni di Giampaolo Soldati.

                   Numerosi passaggi risultano piuttosto infantili (come la scena in cui i nipotini cercano di raccontare le loro avventure a un gruppo di onischi) e il linguaggio a tratti forzatamente giovanile di Qui, Quo e Qua sembra rispecchiare ciò che un adulto si aspetta dal mondo dei ragazzi più che uno spaccato credibile di quest’ultimo. Attendiamo dunque il secondo episodio la prossima settimana, nella speranza che questa prima puntata sia servita solo a costruire l’ambientazione e a dare contesto.

                   Le scorribande di Fantomius nel nostro presente continuano invece in Furto nel futuro. I fan del ladro gentiluomo apprezzeranno sicuramente come questa storia contribuisca allo sviluppo della continuity tra le storie di Marco Gervasio, fornendo l’occasione di un apprendistato di Paperino con Fantomius, quasi in una sorta di prequel a Paperinik, tutto cominciò così. Lo scotto da pagare per questi collegamenti con altre storie del “Gervasioverso” è una trama che, a tratti, deve rallentare e diventare più retorica e riflessiva del necessario nel suo accompagnare il lettore nei pensieri di Lord Quackett, riuscendo comunque a coinvolgerlo e a fargli attendere con curiosità il prossimo episodio, nel quale il ladro gentiluomo si troverà a fare i conti con un distopico passato causato dagli errori commessi nella storia di questa settimana.

                   
                  L’incontro tra due vendicatori

                   Paperino, Billy e il blunevoso svolazzatore e Disastri in cantiere sono le due brevi che occupano la parte centrale del numero e – vale in entrambi i casi – non riescono a distinguersi in modo particolare. La seconda, come le altre storie del duo formato da Gabriele Panini e Maurizio Amendola, rappresenta poco più di un “Ciak allungato”; l’avventura di Paperino e Billy, invece, firmata dall’esordiente Davide Aicardi e da Giampaolo Soldati, presenta una parte centrale muta e con ritmo serrato che quasi ricorda i corti d’animazione, ma che non riesce comunque a rimanere memorabile.

                   A chiudere il numero troviamo La macchia invisibile, parodia de L’uomo invisibile di H.G. Wells. La trama scritta da Matteo Venerus presenta numerosi passaggi forzati nel tentativo di condensare in troppo poco spazio una storia che probabilmente avrebbe avuto bisogno di maggior respiro risultando, nel complesso, piuttosto debole. Si ottiene quindi un’avventura che vorrebbe richiamare le stesse atmosfere della “Trilogia dell’orrore” di Bruno Enna e Fabio Celoni ma che, pur con i buoni disegni di Francesco D’Ippolito, non riesce ad avvicinarsi a quel livello.

                   
                  L’uomo invisibile cerca vendetta…

                   Nel complesso, il numero di Topolino di questa settimana è inferiore alla media di questi ultimi mesi. La storia migliore è senza dubbio la seconda puntata de L’inizio e la fine, mentre quella di copertina delude al momento le aspettative e le altre non riescono a brillare in modo particolare. Topolino 3401 vedrà la continuazione sia della saga di Fantomius che dell’avventura dei nipotini miniaturizzati, ma soprattutto il gradito ritorno della serie Topolino giramondo di Beppe Zironi.



                  Voto del recensore: 2/5
                  Per accedere alla pagina originale della recensione e mettere il tuo voto:
                  http://www.papersera.net/wp/2021/01/22/topolino-3400/



                  « Ultima modifica: Mercoledì 3 Mar 2021, 17:30:45 da Paolo »

                  *

                  Cornelius Coot
                  Imperatore della Calidornia

                  • ******
                  • Post: 10560
                  • Mais dire Mais
                    • Offline
                    • Mostra profilo

                    Re:Topolino 3400
                    Risposta #23: Venerdì 22 Gen 2021, 19:58:28
                    Qui Quo Qua in :  Viaggio nel MicroMondo   (Episodio 1)
                    Questa puntata introduttiva vede un'alternanza di scenari dove le avventure in miniatura dei nipotini sono intervallate da quelle in 'scala normale' di Archimede, Edi e degli zii che si scambiano accuse di irresponsabilità per il fatto accaduto. Immagino che anche nelle prossime i plot saranno organizzati così e ciò può rendere la lettura più scorrevole come è capitato in questo primo episodio. Questi scenari naturali ingigantiti non mi interessano granché, soprattutto se 'buonisti'. Considerando che l'essere rimpiccioliti come insetti dovrebbe portare più guai che altro (visto che la Natura è una tremenda lotta di sopravvivenza quotidiana), auspico l'apparizione di animaletti aggressivi e 'carnivori' che possano vedere nei nipotini delle prede, rendendo la loro avventura più 'avvincente'.
                    Fantomius - Furto nel futuro   (Episodio 2)
                    Sicuramente 'avvincente' è questo viaggio nel futuro di Lord Quackett, con tanto di ritorno ad un altro futuro molto più ravvicinato che non mi ha convinto del tutto. Interessante notare come John non sia così libero di passeggiare per Paperopoli senza rischiare che qualcuno lo riconosca: quel qualcuno è Zio Paperone che, vedendolo, potrebbe ricordarsi di quel giovane nobilpapero sfaccendato chiedendosi come mai non sia invecchiato. In teoria anche Nonno Bassotto e Nonna Papera, qualora avessero avuto a che fare con lui da giovani, potrebbero essere pericolosi 'testimoni'. Cuordipietra appare in città di tanto in tanto ma sembra che nel 1930 (anno in cui, fra l'altro, Paperone torna a vivere stabilmente in Calisota, nella saga donrosiana) vi abbia messo delle consistenti 'radici'.
                    La Macchia invisibile
                    Ennesima storia in costume (parodia/ rilettura dell'Invisible Man di Wells) che però, se può far rivedere qualche personaggio dimenticato o poco utilizzato in quelle normali, è da me benvenuta (in questo caso appaiono, fra gli altri, Gancio, Zia Topolinda e il Dottor Enigm). Macchia Nera ha diversi look fra il comico e l'inquietante mentre Orazio torna a vestire dei panni bonari, a cominciare dall'unico dente sporgente che è proprio il simbolo della sua bonarietà, alternato alla dentatura completa proposta in altre storie che simboleggia, al contrario, una certa sicurezza e aggressività equina. Sicuramente un personaggio 'bipolare' la cui parte bonaria è stata sviluppata soprattutto in questi ultimi tempi. Questa di Venerus è una storia ottocentesca che non emoziona particolarmente ma neanche annoia.
                    « Ultima modifica: Sabato 6 Mar 2021, 14:53:31 da Cornelius Coot »

                    *

                    Paper_Butler
                    Gran Mogol
                       (3)

                    • ***
                    • Post: 662
                    • Soffia il vento del sud...
                      • Offline
                      • Mostra profilo
                       (3)
                      Re:Topolino 3400
                      Risposta #24: Sabato 23 Gen 2021, 12:01:06
                      A me "La Macchia invisibile" non è affatto dispiaciuta.

                      Nell'affacciarmi alla lettura, senza soffermarmi sul titolo, non avevo realizzato fosse la parodia de "L'uomo invisibile" (anche perché non c'è alcuna presentazione).
                      Fin dall'inizio, però, la storia mi ha richiamato alla mente il film del 1933, che vidi tempo fa, diretto da James Whale (regista anche di Frankenstein e La moglie di Frankenstein, che consiglio) con Claude Rains (che anni dopo sarebbe stato il magnifico villain di Notorious). La bufera di neve, l'ingresso del protagonista nella locanda di Clarabella, quella sottile inquietudine che da subito pervade il lettore... Tutto molto ben fatto, e così, dopo le prime pagine, mi sono goduto in pieno i riferimenti, oltre che l'avventura in sé.

                      Ho apprezzato anche la scelta del protagonista: Macchia Nera è perfetto per interpretare un personaggio del genere, con la sua "drammaticità" di fondo e la profonda solitudine che lo caratterizza. Bene anche l'utilizzo del cast di Topolinia: i personaggi sono tanti (inclusi alcuni simpatici camei) e ognuno con un ruolo ben definito, seppure logicamente non sempre approfondito.

                      Il finale con lo scioglimento della tensione, magari, è un po' affrettato, ma capisco che era difficile chiedere di più (vedi anche le solite censure su sigari & co.).
                      Con una colorazione di maggiore effetto si poteva ottenere un risultato ancora migliore, ma la storia, comunque, mi ha soddisfatto, sia dal punto di vista della sceneggiatura sia per i disegni (a partire dalla prima tavola, molto d'impatto).

                      *

                      camera_nøve
                      Cugino di Alf

                      • ****
                      • Post: 1078
                      • Bentornati al The Fisbio Show!
                        • Offline
                        • Mostra profilo

                        Re:Topolino 3400
                        Risposta #25: Sabato 23 Gen 2021, 19:14:08
                        Per fortuna questa settimana numero soft senza triggeramenti vari e con una piacevole storia del passato, il tutto ovviamente nell'approfondimento settimanale del The Fisbio Show: https://youtu.be/oaGNQZ03mBA  :D
                        "Anche io una volta ero curioso..."

                        Il mio canale YouTube dedicato ai fumetti Disney: The Fisbio Show  SmMickey


                        @instafisbio su Instagram: https://www.instagram.com/instafisbio/

                        *

                        Volkabug
                        Diabolico Vendicatore

                        • ****
                        • Post: 1608
                        • ex Paperinik il Templare
                          • Offline
                          • Mostra profilo

                          Re:Topolino 3400
                          Risposta #26: Domenica 24 Gen 2021, 13:09:53


                           Il tema non è completamente inedito, ed è stato usato in passato sia per fini prettamente didattici e didascalici, come nella “saga dei cloroplasti” di Fabio Michelini, sia per costruire interessanti avventure giocando con un’interpretazione inedita di elementi familiari, come in Zio Paperone e il riduttore atomico di Carl Barks o nella più recente Topolino e i mostri in giardino di Casty. Si tratta comunque di un concetto interessante, che può trasformare in un’avventura una passeggiata nel giardino davanti casa e che permette al lettore di soffermarsi su un mondo affascinante che spesso viene dato per scontato nella vita di tutti i giorni.

                           

                          Non mi sembra che sia stata menzionata, ma un'altra storia in cui i nipotini vengono rimpiccioliti (in questo caso insieme a Paperino) e affrontano gli insetti è Paperino e il vaporizzatore dimensionale, pubblicata sul numero 1850 del 1991.
                          E paperibus unus

                          *

                          Dippy Dawg
                          Visir di Papatoa

                          • *****
                          • Post: 2714
                            • Offline
                            • Mostra profilo

                            Re:Topolino 3400
                            Risposta #27: Domenica 24 Gen 2021, 22:49:12
                            in effetti è strano come questa parodia sia stata pubblicata senza nessuna pubblicità e senza articoli che parlino dell' opera originale
                            So per certo che è una storia abbastanza vecchia, quindi deduco che abbia avuto la stessa sorte di Star Top III: una pubblicazione quasi di nascosto, per non urtare la suscettibilità di qualcuno (?), o perché, come si ipotizzava in passato, potrebbero esserci problemi di diritti (ma non credo, perché se fosse così non sarebbero state pubblicate e basta!)...

                            Non ho mai letto il romanzo originale, ma da quel poco che so questa dovrebbe essere una trasposizione abbastanza fedele; anzi, a questo punto, devo cercare di recuperarlo, per cogliere meglio tutte le citazioni! :)
                            Io son nomato Pippo e son poeta
                            Or per l'Inferno ce ne andremo a spasso
                            Verso un'oscura e dolorosa meta

                            *

                            Micio Nero
                            Evroniano
                               (1)

                            • **
                            • Post: 109
                              • Offline
                              • Mostra profilo
                               (1)
                              Re:Topolino 3400
                              Risposta #28: Lunedì 25 Gen 2021, 07:19:02

                              So per certo che è una storia abbastanza vecchia, quindi deduco che abbia avuto la stessa sorte di Star Top III: una pubblicazione quasi di nascosto, per non urtare la suscettibilità di qualcuno (?), o perché, come si ipotizzava in passato, potrebbero esserci problemi di diritti (ma non credo, perché se fosse così non sarebbero state pubblicate e basta!)...


                              H.G. Wells è morto il 13 agosto 1946, quindi i diritti d'autore sono terminati da oltre 4 anni (70 anni dopo la morte dell'autore).
                              Alla barba spaziale!

                              *

                              Vito65
                              Cugino di Alf
                                 (1)

                              • ****
                              • Post: 1372
                              • ex Generale Westcock
                                • Offline
                                • Mostra profilo
                                 (1)
                                Re:Topolino 3400
                                Risposta #29: Lunedì 25 Gen 2021, 17:21:46
                                Non ho ben chiara la sequenza iniziale della Macchia Invisibile nella sua parte grafica: a pagina 98 si deduce dalle prime vignette che l'uomo invisibile si avvicina alla locanda, bussa, la porta si apre; Clarabella non vede nessuno e sbatte la porta in faccia all'Invisibile, che si fa male; a pagina 99 Clarabellasi accorge dunque di lui e lo accoglie dentro la locanda, dicendo che lo vede perchè gli ha scrollato la neve di dosso. Ma...nelle prime vignette l'Invisibile è proprio invisibile, non ha neve addosso che disegni le sue forme: se la sua massa corporea, pur invsiibile, fosse stata ricoperta dalla neve, Clarabella non avrebbe visto sulla soglia della locanda una massa, più o meno informe, bianca? Invece davanti alla porta non vede nulla, e poi, tutto ad un tratto, spunta il Sir tutto vestito e ripulito. Cosa mi sfugge?

                                 

                                Dati personali, cookies e GDPR

                                Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

                                Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

                                Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.