D
Rodolfo Cimino  (Letto 148815 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Capitan Soldone
  • Giovane Marmotta
  • **
  • 43
  • Post: 178
  • Squaaack!
    • Offline
    • Mostra profilo
    • Showcase
   (4)

Re: Rodolfo Cimino
« Risposta #600 il: Domenica 1 Apr 2012, 22:45:48 »
E' un pò come se con lui se ne fosse andata una parte della mia infanzia.
C'è di sicuro un posto speciale lassù per quelli come Rodolfo che nella vita hanno scelto di regalare felicità e sorrisi, specie ai bambini.
Mi mancherai e mancherai al bambino che c'è in me e che è cresciuto anche grazie alle tue storie.
C.S.
Torna su

GrouchoMarx81
  • Papero del Mistero
  • **
  • 156
  • Post: 191
  • Semplicemente Groucho...
    • Offline
    • Mostra profilo
    • Showcase
   (8)

Re: Rodolfo Cimino
« Risposta #601 il: Domenica 1 Apr 2012, 23:10:47 »
in questo momento mi piace pensare che sia seduto ad una grande scrivania assieme a Disney, Barks e agli altri grandi sceneggiatori e disegnatori scomparsi...
Pezzente ma Signore, Cinico ma Appassionato, Egoista ma Generoso, Mai Approfittatore.
Torna su

Hon-ki-ton
  • Ombronauta
  • ****
  • 610
  • Post: 841
  • Catalogatore insaziabile
    • Offline
    • Mostra profilo
    • Showcase
   (6)

Re: Rodolfo Cimino
« Risposta #602 il: Domenica 1 Apr 2012, 23:30:00 »
Ho saputo solo oggi questa tristissima notizia :'(

I miei ricordi vanno spesso molto indietro...il primo Topolino che ricordo di aver comprato aveva una delle sue prime fantasiosissime storie: Paperino e il cane dollarosus e prima di scriverne, ne aveva inchiostrato tante di Scarpa che avevano riempito la mia infanzia di personaggi, parole, luoghi, immagini bellissime.
Chi per un bambino ha fatto questo è come un dolce poeta che ti ha accarezzato la testa, leggendoti i suoi versi, accompagnandoti in questa esplorazione giocosa e seria del mondo, anche della fantasia, ma non solo di quella, cominciando a portarti oltre la tua famiglia.
Per questi Maestri non c' è un grazie, anche luccicoso che basti...RIP
Torna su

Doctor Einmug
  • Visir di Papatoa
  • *****
  • 163
  • Post: 2686
    • Offline
    • Mostra profilo
    • Showcase
   (5)

Re: Rodolfo Cimino
« Risposta #603 il: Domenica 1 Apr 2012, 23:43:02 »
Se ne è andato l'ultimo genuino favolista italiano. Ed una consistente parte della mia infanzia. Non so cosa dire se non: GRAZIE :'(
« Ultima modifica: Domenica 1 Apr 2012, 23:43:26 da Doctor_Einmug »
W la Disney e Dumas!
EFFEGGI
Torna su

pkthebest
       (3)

    Re: Rodolfo Cimino
    « Risposta #604 il: Lunedì 2 Apr 2012, 08:48:41 »
    Non potendomi connettere nel weekend ho saputo la cosa solo ieri sera, per vie traverse.

    E la malinconia mi ha assalito. È come se un pezzo di me stesso sia venuto meno.

    Non ho mai conosciuto Cimino di persona: speravo che un giorno... chissà! Ma lo conoscevo come se fosse un amico che aveva saputo trasmettermi una grande cosa: l'amore per il fantastico, per l'avventura e per la fantasia.

    E non è poco, anzi è tantissimo in un mondo che troppo spesso non sa più sognare!

    Addio Maestrissimo! :'( :'( :'(

    Ma forse sarà solo un arrivederci!

    Adesso aspetto una reazione dalla redazione del Topo, perché la notizia non passi sotto silenzio come è accaduto con Concina...
    Torna su

    Fa.Gian.
    • Cugino di Alf
    • ****
    • 1044
    • Post: 1001
    • Novellino
      • Offline
      • Mostra profilo
      • Showcase
       (4)

    Re: Rodolfo Cimino
    « Risposta #605 il: Lunedì 2 Apr 2012, 09:04:51 »
    E adesso sarebbe il massimo dedicargli una Via o una Piazza, proprio come si fa con i grandissimi che meritano un riconoscimento a vita...
    Che io sappia, ci vogliono 5 anni per legge, prima di poterlo fare, ma è una ottima idea.
    Ad esempio a Bottaro è stata dedicata la piazzetta davanti al "suo" castello di rapallo e non so se anche altri hanno avuto il meritato onore, ma ci sta tutto.
    La mia gallery su Deviant Art (casomai a qualcuno interessasse =^___^=)
    Torna su

    Frank
    • Pifferosauro Uranifago
    • ***
    • 509
    • Post: 445
    • Non vi sapevo un tracanna! (R. Cimino)
      • Offline
      • Mostra profilo
      • Showcase
       (140)

    Re: Rodolfo Cimino
    « Risposta #606 il: Lunedì 2 Apr 2012, 11:23:25 »
    Rodolfo carissimo,

    questa volta è difficile scriverti. Comincio, butto via, ricomincio tante volte. Allora ti penso, ti ricordo e ti vedo, sorridente, seduto al tavolo del tinello. Stai colorando una fotocopia di una tua sceneggiatura. Tutto concentrato e diligente, scegli il colore giusto da quel pacco di vecchie matite colorate e ti dai da fare, con la spontaneità e il gusto di un allegro bambino di ottant'anni. Sei tutto concentrato e, come nei tuoi fumetti, la punta della lingua ti fa capolino dall'angolo della bocca. Ti ha scritto uno dei tuoi lettori. Tu rispondi a tutti ma questo era speciale e hai deciso di mandargli una tua sceneggiatura. Liliana o Vittorio sono andati al negozio a farne le fotocopie e tu ora, prima di spedirla, ne colori la pagina iniziale e magari anche una pagina interna o due. Perché la fotocopia nuda e cruda non basta: vuoi che il regalo al tuo ammiratore sia più personale, che sia un po' un originale. Quindi colori la sceneggiatura, e la firmi. Naturalmente per il destinatario il solo fatto di ricevere una tua sceneggiatura, di poter ammirare i tuoi essenziali schizzi pieni di espressività, di poter godere le tue geniali battute in originale prima dell'editing redazionale ("Non vi sapevo un tracanna!") sarebbe già il più bello dei doni. Ma tu vuoi comunque dare di più.  In quello che fai traspare la tua natura sensibile e generosa.

    Ricordo una volta che venni a trovarti e mi caricasti letteralmente di squisitezze. Prendi questo formaggio! E questa bottiglia di olio buono! Prendi questo pezzo di speck!  Questo è buonissimo, prendi anche un pezzo di questo! Aspetta che ti faccio un bel pacchettino chiuso bene per il ragù di Liliana che ti piace tanto!  Da quel vecchio frigo delle meraviglie, sempre pieno come un uovo tanto da dover essere tenuto chiuso con un gancetto, estraevi ed elargivi tesori gastronomici come dalla caverna di Aladino, con l'incondizionata generosità di un Babbo Natale. Eri un buongustaio e poche cose ti davano soddisfazione come il vedere i tuoi ospiti mangiare volentieri alla tua tavola. "Quello sempre in maglietta, Manuel, che viene spesso a trovarmi, lui sì che è una buona forchetta! È venuto, la settimana scorsa, e ci siamo fatti un bel piattone di pasta!", mi dicevi al telefono. E così in occasione della "fagiolata sociale" del 2009 o del premio Papersera del 2007: tu e la tua famiglia ci faceste trovare un desco imbandito con una portata dietro l'altra di prelibatezze. Che mangiare bene fosse uno dei piaceri da condividere con le persone care lo si capiva anche dalle tue storie, in cui i pranzi a casa di Paperino o i bivacchi attorno al falò facevano davvero venire l'acquolina in bocca. E che privilegio, per lettori cresciuti su quelle pagine, giungere un giorno a entrare letteralmente in quella scena, invitati a pranzo da te.

    Ricordo una volta che eravamo in cucina a preparare la cena, in quella cucina-corridoio stretta e lunga, seduti a pelare patate mentre tenevamo d'occhio i fornelli, e intanto parlavamo delle vicende della vita. Ce ne erano successe, in quel periodo, e più gravi a te che a me, e mi davi coraggio dicendomi che ero ancora giovane e che avevo tutto il futuro davanti. A dirlo così suona banale, invece eri saggio e profondo, come i romiti dalla lunga barba che popolavano le tue storie.

    Le tue storie più belle, quasi sempre accompagnate dalle ispirate matite di Giorgio che le interpretava magistralmente, ci hanno fatto viaggiare in mille mondi affascinanti, dalle montagne trasparenti alle isole del Pacifico, dal fondo della baia di Paperopoli al medioevo siderale. Erano divertenti, con quei mezzi di locomozione strampalati, con gli autoctoni dal linguaggio primitivo, ma erano anche... spaziose, come dire, aprivano interi mondi, grandi orizzonti, distese infinite, dai deserti alle foreste ai ghiacci agli oceani. E in ognuno di questi mondi, oltre al divertimento, alle battute, all'avventura, tu sapevi mettere qualcosa di più, qualcosa di magico e di esclusivamente tuo.

    Si osserva spesso che i lettori riuscivano a riconoscere quelle storie come tue anche prima che Topolino pubblicasse i nomi degli autori; e si citano come segni distintivi appunto i marchingegni, gli autoctoni, i tapiri, il linguaggio forbito, la quadrupla iniziale eccetera. Ma questi sono gli aspetti esterni, formali, che altri avrebbero potuto copiare e a volte l'hanno anche fatto, con dubbi risultati. Ma quello che davvero era soltanto tuo era quel pizzico di saggezza e magia, e soprattutto sentimento, tutto dosato con delicata moderazione, che riusciva a toccare il lettore nel profondo. Nessun altro, io credo, sulle pagine di Topolino, ha avuto la tua capacità di raccontare così intensamente, eppure con tale sensibilità, i sentimenti più profondi, come l'amore filiale nella intensa e bellissima storia del tamburino. Mi raccontò Giorgio che, quando gli telefonasti per raccontargli la storia che avrebbe disegnato, quando arrivasti a quel punto in cui il figlio e la madre finalmente si riabbracciano, ti commuovesti tu stesso e dovesti interrompere la telefonata; e lui, quando arrivò a disegnare quella scena così intensa, al culmine di quella tensione emotiva si sentiva la pelle d'oca. Una scena capace di far scendere le lacrime, sinceramente. Non di dolore ma di commozione, di intensità, di profondità umana.

    Te lo scrissi anche ultimamente: sei tu che hai scritto la più bella storia a fumetti che abbia mai letto. Quella prima storia dei racconti attorno al fuoco, col bel cavaliere che, dopo una vita di successi che non gli avevano dato la felicità, torna da solo a cavallo sulle rive del lago scomparso dove sente il richiamo della regina che aveva amato. "Gloria? Denaro? Mi sento un fallito, nonostante tutto! Non ho avuto ciò che ho sempre desiderato!" Nel mondo magico di cui tu sei il demiurgo, i due cuori si parlano attraverso lo spazio e il tempo e Johnny, ormai incanutito, sente il richiamo della sirena che anni prima gli aveva promesso "ti chiamerò quando sarà il momento". L'ultima volta che venni a trovarti mi raccontasti che la storia aveva originariamente un altro finale: Johnny arrivava sul bordo del lago asciutto, suonava la chitarra un'ultima volta, il lago risorgeva, ribollendo, e Johnny vi si immergeva, abbandonando questo mondo per andare a raggiungere la sua regina. Ma poi decidesti invece di modificare questa fine tragica e invece di farli riincontrare e permettere loro di concludere i loro giorni insieme. Te ne sono stato grato, perché ho tanto amato questi due innamorati; fra i miliardi di mondi alternativi di fantasia in cui si dipanano le vicende dei personaggi immaginari, mi piace che il bel cavaliere e la regina del lago siano ancora insieme, finalmente felici, dopo anni di privazioni e lontananza eppure di mai dimenticato amore.



    Ciao, Rodolfo. Lo sai chi sei tu adesso? Sei quella nonna indiana, Gatta Spelacchiata, che dà i tre soldi del destino al tamburino. A me e a tanti, tantissimi altri tamburini a cui, moltiplicandoti, hai dato le tue monetine speciali, magari nascoste nelle tue storie su Topolino, per chi se ne sarebbe accorto e le avrebbe sapute trovare per poi cercare la propria strada. "Se tu spende bene, tu torna a casa e tu felice. Anche io felice che vede te da grandi pascoli. Tu prende. Io dà con stesso amore di tua vera nonna."

    Addio, Rodolfo, ti voglio bene. Rileggo le tue parole e mi commuovo. Continuerò a salutarti e a pensarti con affetto. Grazie per essere esistito e per tutte le preziosissime monetine del destino che hai regalato a me e a tanti altri.
    Frank  (filologo disneyano)
    Torna su

    New_AMZ
    • Sapiente Ciminiano
    • ******
    • 3408
    • Post: 8061
    • Nuove Argomentazioni Modificate Zootecnicamente
      • Online
      • Mostra profilo
      • Showcase
       (7)

    Re: Rodolfo Cimino
    « Risposta #607 il: Lunedì 2 Apr 2012, 11:46:04 »
    Frank, credo che parole più belle per ricordare Rodolfo nessuno avrebbe potuto trovarle. Grazie!
    "Una omnia di Scarpa è un po' come avere la discografia completa dei Beatles, o un "vocabolario" del fumetto Disney." - cit.
    Torna su

    Brigitta MacBridge
    • Flagello dei mari
    • *****
    • 2931
    • Post: 4701
    • Moderatore
    • Paperonuuuuccciooooo....
      • Offline
      • Mostra profilo
      • Showcase
       (12)

    Re: Rodolfo Cimino
    « Risposta #608 il: Lunedì 2 Apr 2012, 11:55:33 »
    Protesto, contesto e dissesto. Poter dare un solo "mi piace" al messaggio di Frank è un'ingiustizia costituzionale.
    I miei teSSSSori: http://tinyurl.com/a3ybupd

    "You must be the change you want to see in the world" -- Gandhi
    Torna su

    Dippy Dawg
    • Visir di Papatoa
    • *****
    • 1749
    • Post: 2342
      • Offline
      • Mostra profilo
      • Showcase
       (5)

    Re: Rodolfo Cimino
    « Risposta #609 il: Lunedì 2 Apr 2012, 12:42:03 »
    Protesto anch'io: l'ho letto qui in ufficio, mi sono venuti gli occhi lucidi e mi guardavano tutti! [smiley=commosso.gif]
    Io son nomato Pippo e son poeta
    Or per l'Inferno ce ne andremo a spasso
    Verso un'oscura e dolorosa meta
    Torna su

    Tregua78
    • Giovane Marmotta
    • **
    • 70
    • Post: 137
      • Offline
      • Mostra profilo
      • Showcase
       (3)

    Re: Rodolfo Cimino
    « Risposta #610 il: Lunedì 2 Apr 2012, 13:17:57 »
    Frank.
    Ci fai commuovere.
    F
    Fare il cap è facil, fare il buon cap è difficilissim!
    Torna su

    Alle
    • Visir di Papatoa
    • *****
    • 576
    • Post: 2357
    • Proud to be buiaccaro!
      • Offline
      • Mostra profilo
      • Showcase
       (7)

    Re: Rodolfo Cimino
    « Risposta #611 il: Lunedì 2 Apr 2012, 14:01:06 »
    "Something not in the Guidebook? Impossible!"
    "I never thought it would be happen in our lifetime!"
    "... I feel faint ..."
    HDL in D 2003-081

    "I don't want to survive, I wanna
    Torna su

    Mr. Bunz
    • Ombronauta
    • ****
    • 726
    • Post: 787
      • Offline
      • Mostra profilo
      • Showcase
       (12)

    Re: Rodolfo Cimino
    « Risposta #612 il: Lunedì 2 Apr 2012, 14:01:29 »
    E' scomparso l'autore che noi lettori "antichi" del Topo (al tempo privi di qualsiasi possibilita' di poter sapere i nomi di sceneggiatori e disegnatori) chiamavamo quello delle "Spedizioni" (Scarpa era quello delle "Sardine", Barks quello del "Ventino"). Proprio con Cimino ebbimo il sospetto che esistesse una figura dietro i disegnatori che inventasse le storie (prima che imparassimo la parola "sceneggiatore" passarono parecchi anni), dato che, riconoscendo i disegnatori dal tratto, non ci sembrava possibile il fatto che diverse persone potessero inventare storie cosi' riconoscibili nello sviluppo narrativo e soprattutto nel linguaggio adottato.
    Sta' di fatto che le storie di Cimino erano le nostre preferite, tanto che dopo averle lette, io, mio fratello e il mio amico Maurizio ci attrezzavamo a puntino e organizzavamo pericolosissime spedizioni in paesi di fantasia di chiara ispirazione ciminiana (tanto per dire che influenza aveva il Topo sui bambini negli anni '60 - '70).
    Che dire, ringrazio il Maestro Rodolfo Cimino di tutti i bei momenti che mi ha regalato e che ancora mi continua a regalare. Grazie.
    « Ultima modifica: Lunedì 2 Apr 2012, 15:24:48 da stefano_sangalli »
    Fixed Bike Brianza Persempresolofissa
    Torna su

    Pacuvio
    • Imperatore della Calidornia
    • ******
    • 6308
    • Post: 11692
    • Moderatore
    • Malinconico e Misterioso, fra Pennelli e Pazzie...
      • Online
      • Mostra profilo
      • Showcase
       (9)

    Re: Rodolfo Cimino
    « Risposta #613 il: Lunedì 2 Apr 2012, 14:01:53 »
    Torna su

    mrmacchina
    • Bassotto
    • *
    • 11
    • Post: 15
    • Nuovo utente
      • Offline
      • Mostra profilo
      • Showcase
       (4)

    Re: Rodolfo Cimino
    « Risposta #614 il: Lunedì 2 Apr 2012, 14:24:39 »
    Spesso immaginavo di poterlo conoscere personalmente e di essere suo ospite a pranzo con un menù a base di fagioli.

    Triciao Rodolfo.
    Torna su