Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Nuove discussioni
Recenti non lette
Topic aggiornati
In edicola
? | |
3 | |
? | |
4 | |
5 | |
5 | |
3 | |
2 | |
3 | |
2 | |
5 | |
5 | |

Da dove viene "Topolino perfettino"?

· 131 · 15371

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Vincenzo
Ombronauta
   (1)

  • ****
  • Post: 980
  • Esordiente
    • Offline
    • Mostra profilo
   (1)
    Re:Da dove viene "Topolino perfettino"?
    Risposta #120: Venerdì 30 Nov 2018, 16:09:57
    Dico la mia su questo argomento: io non ho mai trovato Topolino antipatico, nemmeno in quelle innumerevoli storie a base di gioielli rubati e contesse sovrappeso col naso da maiale, ma a volte ho avuto l'impressione che gli autori, anche i migliori, trascendessero nel loro affetto per il personaggio inserendo nelle storie scene o elementi che, pur messi con le migliori intenzioni, finivano per essere controproducenti. Faccio un esempio, sperando di non essere tacciato di bestemmia: quando, nelle Paperolimpiadi, dopo aver incontrato i paperi all'aeroporto, Topolino riparte, ci ritroviamo una vignetta in cui Zio Paperone e famiglia, standosene quasi sull'attenti, osservano con sguardo rapito l'aereo che decolla facendo commenti del tipo: "Il migliore di tutti noi". Ho letto e riletto le Paperolimpiadi, che è una delle mie storie-feticcio, eppure quell'unica, sola vignetta, mi è sempre sembrata fuori posto e artificiosa, e non ci rende certo Topolino più simpatico...

    Quella vignetta è l'emblema di quanto Scarpa amasse il personaggio, che ha sempre nettamente preferito ai Paperi (e non è certo un mistero). Forse è leggermente artificiosa, ma in fondo non fa altro che evidenziare la stima che gli stessi paperi provano per l'amico.
    Ah, per la cronaca concordo al 100% con la tua prima frase.
    If you can dream it, you can do it.

    *

    paolo87
    Brutopiano
       (1)

    • *
    • Post: 45
    • Novellino
      • Offline
      • Mostra profilo
       (1)
      Re:Da dove viene "Topolino perfettino"?
      Risposta #121: Venerdì 30 Nov 2018, 18:34:46
      Dico la mia su questo argomento: io non ho mai trovato Topolino antipatico, nemmeno in quelle innumerevoli storie a base di gioielli rubati e contesse sovrappeso col naso da maiale, ma a volte ho avuto l'impressione che gli autori, anche i migliori, trascendessero nel loro affetto per il personaggio inserendo nelle storie scene o elementi che, pur messi con le migliori intenzioni, finivano per essere controproducenti. Faccio un esempio, sperando di non essere tacciato di bestemmia: quando, nelle Paperolimpiadi, dopo aver incontrato i paperi all'aeroporto, Topolino riparte, ci ritroviamo una vignetta in cui Zio Paperone e famiglia, standosene quasi sull'attenti, osservano con sguardo rapito l'aereo che decolla facendo commenti del tipo: "Il migliore di tutti noi". Ho letto e riletto le Paperolimpiadi, che è una delle mie storie-feticcio, eppure quell'unica, sola vignetta, mi è sempre sembrata fuori posto e artificiosa, e non ci rende certo Topolino più simpatico...

      Quella vignetta è l'emblema di quanto Scarpa amasse il personaggio, che ha sempre nettamente preferito ai Paperi (e non è certo un mistero). Forse è leggermente artificiosa, ma in fondo non fa altro che evidenziare la stima che gli stessi paperi provano per l'amico.
      Ah, per la cronaca concordo al 100% con la tua prima frase.

      Senza ombra di dubbio Topolino è stimato dagli amici paperi e ci mancherebbe altro: di recente su un altro topic mi sono rammaricato della scarsa frequenza dei cross over tra i paperi e i topi. Tuttavia non riesco a non vedere in quella vignetta un eccesso di zelo. Tutto qui

      *

      clinton coot
      Sceriffo di Valmitraglia
         (4)

      • ***
      • Post: 327
      • Novellino
        • Offline
        • Mostra profilo
         (4)
        Re:Da dove viene "Topolino perfettino"?
        Risposta #122: Domenica 2 Dic 2018, 19:53:08
        Ora hai l'obbligo morale di divulgare l'intervista completa: tutti noi dobbiamo sapere.
        (magari sulla discussione su Gottfredson,  dato che qui non c'entra e sull'argomento c'è molto da dire)

         ::) Ahimé, mi spiace molto caro ragazzo mio, ma devo deluderti: io purtroppo non ho l'intera intervista, ma ho solamente questo passaggio che è riportato nell'album Gli anni d'oro di Topolino n. 36 all'interno del primo editoriale di Luca Boschi.
        Buona parte dell'intervista si trova in questo messaggio della DCML: non è completa ma ci sono molte informazioni. L'utente che la trascrise in quel messaggio del 2003 (basandosi su "Mickey Mouse in Color-- 1930s Disney Comic Strip Classics", pagine 103-105) doveva avere una grande pazienza; fortunatamente io non devo trascrivere niente e posso fare semplicemente il copia e incolla del suo messaggio. C'è qualche piccolo errore di battitura, ma non inficia la leggibilità del testo.

        Citazione
        (DS)
        How did the Comic Strip Department evolve? And did you head it because you were the only one there to start with?


        (FG)
        Yes, and this is how it grew. It was a one-man department at first and then, as the need arose through the years, I just added men. I meant to tell you about Osborne and de Maris. Ted Osborne and Dick Creedon were writers on a comedy-variety radio show that ran on KHJ-- and I believe it was a daily thing, so it was a lot of  work to write and produce. Wlat brough the two fellows out from this radio show to develop a Mickey Mouse radio show. They produced some shows, but it didn'tl last very long. When the radio show failed, Walt had to find something else for Ted and Dick to do. So, he gave me Ted Osborne to write the comic strip material, and Dick Creedon went into Publicity. Publicity had be then developed into a three- or four-man art department under Tom Wood, and they had one publicity writer. Ted Osborne was my first regular writer. I had written everything up to that point. This was now in 1933, I think. So, from that time on, Ted and I worked together.I plotted the continuities because I was used to them. For some strange reason all of the writers I ever had through the years p to Bill Walsh were clever writers, but they couldn't plot. These fellows were good at dialog, and especially good at puns, and puns were used quite extensively in comic strips then, and they were good enough at it that they"ve been mentioned several times in teh anthologies about comics, but for some reason they just had no aptitude for plotting continuities. So, I continued plotting the things, and the way we would work-- I would work up the general plot, the story line, for the continuities, and then we would sit down and talk out what we planned to do for the coming week. We'd pretty work out all the business, and generally the dialog, and then the writer would take this and break it down into strips and write it up on the typewriter. I'd go over that and edit it, and then I'd draw the things. So Merrill de Maris at that time was in the Story Department, so he traded them. [Walt] took Osborne up to story and sent de Maris won to me. After three of four months, something like that, he became unhappy with Osborne in Story, and was now becoming impressed with what de Maris was doing on the comic strips, so he traded again. I was never consulted on these things. Walt would just call and inform me that he was making the switch.

        (DS)
        Perhaps these guys were both good at comic strip but neither of  them was good at animation story.


        (FG)
        Yes, well, it was not only that, but I guess the bull sessions that we were having, and the fact that i was diredcting the general line of  the continuities was the thing that made them hang together. Comic strip historians have asked me why with the three or four writers i had over the years, the general flavor and spirit of  the continuities remained the same, and why the personalities of  the writers weren't reflected in the stories that they write. I guess the answer is that I plotted all of  them through the years, and I edited everything, and we had bull sessions and talkjed over the business. Well, this was what was happening to Osborne and de Maris. Working as we did down thee, they were turning out good work. But Walt thought that they were doing everything-- the plotting, the editing, and everything else. Finally, in late '37 or early '38, Walt made the last change and sent de Maris back to me and took Osborne back into Story.
        [...]
        De Maris was a very talented writer, but Osborne was sort of  meachanical. e had a tremendous gag file, but he did everything by formula. So, i had to make a decision, and decided to keep de Maris. Osborne left the Studio then, and de Maris stayed with me until '42.
        [...]
        It developed that Bill [Wlash] was part owner of  the Margaret Ettinger Advertising Agency in Hollywood, and h'd been working as a gag writer and public relations man for Burns and Allen, and also for Bergen and McCarthy. He was also a friend of  Vern Caldwell's, and Vern had been trying to get him out here for quite a while as a publicity writer, but Bill was so big that the Studio couldn't afford to pay him what he had to have in order to join the staff. So Vern had talked to Hal, and said, "If  Floyd could use him on the comic strips, then between the two jobs we could afford him". So, I told Vern that I would like to give him a try, and Bill joined the staff. I worked wiht Bill for the first two or three months quite closely. I had to practically rewrite everything that he did at first because he was so production-minded that it would have taken four strips to draw what he wrote for one strip. It was this sort of  a thing with him. But all the talent ad ability were there; it was just a matter of  working him into the process of  learning the limitations of  writing for comic strps. Of  course, he eventually learned this very quickly. He was such a talented guy.
        [...]
        Then, he took over the writing and the plotting on his own, and all I did was edit as he'd bring these things in. We just couldn't get him to pare the dialog and the business in the strips down to the comic strip's limitations, so I said, "Look-- write everything you want into them. We would much rather have more things than we can use than not enough. You give them to me and I'll pare thel down to the comic strip format, so that they'll work in there". So, this is the way we worked together. Gonzy-- [Manuel] Gonzales-- especially would get so exasperated. I wouldn't attempt to cut out the description and the business with the props so much as I would the dialog when I edited them. Then I would draw in just what I felt was the best of  the props and the business that he suggested, and leave the rest out. But Gonzy had a problem with this because he wanted to draw everything in, and he couldn't. There was too much work, and he beefed about Bill writing so much stuff  into it all the time to apoint where we began to refer to Bill as "Cecil B. de Walsh".

        *

        Maximilian
        Dittatore di Saturno

        • *****
        • Post: 2954
        • Ja... Der Amerikaner iss kapoot!
          • Offline
          • Mostra profilo

          Re:Da dove viene "Topolino perfettino"?
          Risposta #123: Domenica 2 Dic 2018, 22:01:49
          Ti ringrazio a nome di tutto* il forum per la preziosa testimonianza.
          *Ebbene, ritengo che chiunque bazzichi da queste parti debba essere interessato ad informazioni del genere.

          Meglio però spostarci in sede adeguata

          No, vabbè, "Gonzy"  :P

            Re:Da dove viene "Topolino perfettino"?
            Risposta #124: Giovedì 13 Dic 2018, 14:17:45
            Ieri sera ho riletto, dopo molti anni, Topomouche, storia di amori e di spada e vi ho ritrovato una versione di Topolino strepitosa: un eroe positivo che, però, non è certo privo di debolezze, dato che ci prova con tutte le ragazze che incontra, risultando un personaggio simpaticissimo. Storie così avrebbero dovuto essere fatte con più frequenza, avrebbero preservato il nostro topo preferito dal farsi schiere di detrattori  ;)

            *

            Luxor
            Dittatore di Saturno

            • *****
            • Post: 3284
            • Supremo Organizzatore, Folle Ideatore!
              • Offline
              • Mostra profilo

              Re:Da dove viene "Topolino perfettino"?
              Risposta #125: Giovedì 13 Dic 2018, 15:44:44
              Ieri sera ho riletto, dopo molti anni, Topomouche, storia di amori e di spada e vi ho ritrovato una versione di Topolino strepitosa: un eroe positivo che, però, non è certo privo di debolezze, dato che ci prova con tutte le ragazze che incontra, risultando un personaggio simpaticissimo. Storie così avrebbero dovuto essere fatte con più frequenza, avrebbero preservato il nostro topo preferito dal farsi schiere di detrattori  ;)

              Bella osservazione, ma è anche vero che questi detrattori non avranno letto nulla di Topolino negli ultimi 10 anni almeno...
              The Rabbit Hunter! (Copyright by Gancio 08.II.16)


                Re:Da dove viene "Topolino perfettino"?
                Risposta #126: Venerdì 14 Dic 2018, 12:40:06
                Ieri sera ho riletto, dopo molti anni, Topomouche, storia di amori e di spada e vi ho ritrovato una versione di Topolino strepitosa: un eroe positivo che, però, non è certo privo di debolezze, dato che ci prova con tutte le ragazze che incontra, risultando un personaggio simpaticissimo. Storie così avrebbero dovuto essere fatte con più frequenza, avrebbero preservato il nostro topo preferito dal farsi schiere di detrattori  ;)

                Bella osservazione, ma è anche vero che questi detrattori non avranno letto nulla di Topolino negli ultimi 10 anni almeno...

                Questo è vero, però è anche vero che molta produzione degli ultimi 10 anni è stata realizzata proprio con l'intento di smarcare Topolino dalla fama già esistente di personaggio antipatico.

                *

                Luxor
                Dittatore di Saturno
                   (1)

                • *****
                • Post: 3284
                • Supremo Organizzatore, Folle Ideatore!
                  • Offline
                  • Mostra profilo
                   (1)
                  Re:Da dove viene "Topolino perfettino"?
                  Risposta #127: Venerdì 14 Dic 2018, 14:18:49
                  Onestamente ho sempre diffidato di certe etichette attaccate ai personaggi, ofrrono una visione troppo parziale e distorta.

                  A tutti piace Paperone, e ci mancherebbe, ma molti ignorano, o preferiscono ignorare, come è stato rappresentato da Martina o Siegel.

                  Gastone Paperone nasce per essere detestato perchè in contrapposizione a Paperino, ma diversi autori sono riusciti a tirare fuori un suo lato più umano e simpatico.

                  In molte storie QQQ sono rappresentati come bambini ubbidienti e dediti allo studio e alle GM, in altre ancora sono pigri e refrattari alle regole.

                  Paperino, poi, passa da essere avventuroso e comunque coraggioso e con spirito di intraprendenza ad essere completamente rimbecillito e/o indolente.

                  Di esempi così ce ne sono a bizzeffe, il punto è che i personaggi andrebbero visti come attori, con gli autori come registi a decidere come rappresentarli, rinchiuderli in un'etichetta non ha davvero senso.
                  The Rabbit Hunter! (Copyright by Gancio 08.II.16)


                  *

                  doppio segreto
                  Pifferosauro Uranifago

                  • ***
                  • Post: 487
                  • Topolino primo amore che non si scorda mai
                    • Offline
                    • Mostra profilo

                    Re:Da dove viene "Topolino perfettino"?
                    Risposta #128: Venerdì 14 Dic 2018, 18:16:10
                    Di esempi così ce ne sono a bizzeffe, il punto è che i personaggi andrebbero visti come attori, con gli autori come registi a decidere come rappresentarli, rinchiuderli in un'etichetta non ha davvero senso.
                    Che è poi quello che succede adesso e ... da tempo in verità. Questo con tutte le conseguenze però del caso ed i risultati sono quelli che ci appaiono nei vai giornaletti che settimanalmente vengono pubblicati e, se l'opinione di massima è questa anche negli adulti, a questo punto non mi resta veramente che gettare la spugna.
                    La mia battaglia nel nome del rispetto della personalità dei personaggi - dove per rispetto non intendo una rigida riproposizione in tutto e  per tutto dei personaggi, ma cambiamenti che siano in linea comunque con la loro natura originaria - non ha alcun senso e, come si dice spesso oggi, proverò a farmene una ragione e ... fine della trasmissione! :)
                    Sei una brava persona Topolino. E' questo il tuo guaio (Vera Ackerman)

                    *

                    Maximilian
                    Dittatore di Saturno

                    • *****
                    • Post: 2954
                    • Ja... Der Amerikaner iss kapoot!
                      • Offline
                      • Mostra profilo

                      Re:Da dove viene "Topolino perfettino"?
                      Risposta #129: Oggi alle 11:46:11
                      il punto è che i personaggi andrebbero visti come attori
                      Vuoi tu farmi venire un infarto?

                      I personaggi vanno visti come persone.

                        Re:Da dove viene "Topolino perfettino"?
                        Risposta #130: Oggi alle 14:22:32
                        Onestamente ho sempre diffidato di certe etichette attaccate ai personaggi, ofrrono una visione troppo parziale e distorta.

                        A tutti piace Paperone, e ci mancherebbe, ma molti ignorano, o preferiscono ignorare, come è stato rappresentato da Martina o Siegel.

                        Gastone Paperone nasce per essere detestato perchè in contrapposizione a Paperino, ma diversi autori sono riusciti a tirare fuori un suo lato più umano e simpatico.

                        In molte storie QQQ sono rappresentati come bambini ubbidienti e dediti allo studio e alle GM, in altre ancora sono pigri e refrattari alle regole.

                        Paperino, poi, passa da essere avventuroso e comunque coraggioso e con spirito di intraprendenza ad essere completamente rimbecillito e/o indolente.

                        Di esempi così ce ne sono a bizzeffe, il punto è che i personaggi andrebbero visti come attori, con gli autori come registi a decidere come rappresentarli, rinchiuderli in un'etichetta non ha davvero senso.
                        Infatti benvenute tutte queste varianti multifacce, umanissime per decenni solo dei paperi, che me li hanno fatti adorare. Mentre Topolino nel frattempo - fatti salvi sparuti casi come quel Topomouche che avevo apprezzato - era quasi sempre l' unidimensionale, ripetitivo perfetto detective. Cosi' sono cresciuto fermamente senza simpatia nei suoi confronti, vedendolo proprio come antitesi di Paperino e c che adoro.

                        In ogni caso tutte queste moltitudini a cui Topolino non piace non le vedo, vedo solo me stesso a fare percio' la figura del pirla.

                        Ma non importa
                        I AM NOT ASHAMED (Barbara Payton)
                        Che cos' ha il vecchio papero ? Sembra moribondo ! - Chi lo sa ! Vediamo dov'è diretto insieme a Paperino.

                         

                        Dati personali, cookies e GDPR

                        Questo sito utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici per garantirti la migliore user experience possibile, e di cookie non tecnici per l'analisi del traffico, condividendo questi ultimi con Google. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio dei dati personali trattati, i motivi, e quant'altro previsto dal regolamento europeo di protezione dei dati (GDPR) è descritto nella nostra pagina relativa alle politiche sulla privacy. Sulla pagina appena citata potrai esprimere il consenso (o il dissenso) all'utilizzo di quanto descritto e cambiare quando vuoi la tua scelta.

                        Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - anche cliccando qui.

                        Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.