Papersera.net

×
Pagina iniziale
Edicola
Showcase
Calendario
Topolino settimanale
Hot topics
Post non letti
Post nuovi dall'ultima visita
Risposte a topic cui hai partecipato
Le nostre recensioni
2 | |
4 | |
4 | |
2 | |
2 | |
4 | |
3 | |
3 | |
4 | |
5 | |
5 | |
2 | |

Disney nella nostra cultura...

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

tang laoya
Cugino di Alf

  • ****
  • Post: 1153
  • Mano rampante in campo altrui
    • Offline
    • Mostra profilo

    Re:Disney nella nostra cultura...
    Risposta #675: Sabato 27 Feb 2021, 13:27:55
    Segnalo l’intervento di Concita de Gregorio nella sua rubrica su Repubblica, dove precisa il contesto di un suo commento di ieri (“se vai a farti asportare la milza preferisci che nel team ci sia un anestesista e non un lettore di topolino”) e pubblica parte di quella che dichiara essere la sua collezione (sembrano tutti numero dell’era Panini).
    https://invececoncita.blogautore.repubblica.it/articoli/2021/02/27/noi-lettori-di-topolino/?ref=RHTP-BC-I270682881-P8-S4-T1

    Artibani giustamente aveva già sottolineato
    Un "forse non tutti sanno che" per Concita De Gregorio: si può essere bravi anestesisti E lettori di Topolino, le due cose sono compatibili.
    « Ultima modifica: Sabato 27 Feb 2021, 13:40:01 da tang laoya »
    Mi avevano dato le mappe del percorso, ma nessuna idea circa i bizzarri paesaggi che avremmo attraversato durante lunghi mesi. - Per Nettuno Capitano! Con questa luna di sghimbescio gli sgombri cremisi fluttuano flessi!

    *

    Samu
    Giovane Marmotta
       (2)

    • **
    • Post: 175
    • Amante del bel fumetto
      • Offline
      • Mostra profilo
       (2)
      Re:Disney nella nostra cultura...
      Risposta #676: Sabato 27 Feb 2021, 15:32:33
      Segnalo l’intervento di Concita de Gregorio nella sua rubrica su Repubblica, dove precisa il contesto di un suo commento di ieri (“se vai a farti asportare la milza preferisci che nel team ci sia un anestesista e non un lettore di topolino”) e pubblica parte di quella che dichiara essere la sua collezione (sembrano tutti numero dell’era Panini).
      https://invececoncita.blogautore.repubblica.it/articoli/2021/02/27/noi-lettori-di-topolino/?ref=RHTP-BC-I270682881-P8-S4-T1

      Artibani giustamente aveva già sottolineato
      Un "forse non tutti sanno che" per Concita De Gregorio: si può essere bravi anestesisti E lettori di Topolino, le due cose sono compatibili.
      Io non capisco perché, spesso, Topolino venga preso come esempio di ignoranza.
      Questa è una delle tante circostanze in cui alcuni personaggi pubblici, tra cui politici, giornalisti... si mettono a fare paragoni squallidi utilizzando come metro di misura Topolino.
      Come se chi leggesse fumetti sia inferiore agli altri.(?!?)
      Che poi la cosa che più mi da fastidio è la critica da parte di coloro che forse non hanno mai letto un fumetto Disney in vita loro (e qui parlo anche e soprattutto di un alquanto diffuso sentimento popolare, non solo da parte di personaggi conosciuti).
      Ricordo ancora che spesso mi capitava di sentire a scuola -Ma dove l'hai letto, su Topolino?)
      Ma lasciatemi dire che molte cose io le ho apprese leggendo Topolino prima ancora di studiarle a scuola.
      Quante volte mi sarà capitato di sapere già il contesto, la storia, il messaggio di un classico della letteratura perché ne avevo già letto la parodia Disney (e mi riferisco a Dracula, Dottor Jekyll e Mister Hyde, Frankenstein, Moby Dick...) oppure quando si parlava della Rivoluzione Americana e io sapevo già quando partirono i Padri Pellegrini per raggiungere la loro "terra promessa" o cosa successe a Fort Alamo, forte della lettura di una bellissima serie quale C'era una volta in America.
      Detto questo, quando leggo commenti come quello di cui sopra, penso sempre che ci siano almeno due risposte che si possano dare.
      La prima citando le parole di un eclettico pensatore quale Umberto Eco:
      È più difficile finire su Topolino che sulla Treccani !
      La seconda ricordando quanto disse Andrea Camilleri, in occasione della pubblicazione di Topolino e la giara di Cariddi.
      Alla domanda: Le è piaciuto il titolo della storia, omaggio alla Sicilia e ai suoi miti?
      Il grande scrittore risponde: Si, mi è piaciuto molto, la Sicilia è piena di leggende e sono fiero della mia terra visto che un grande come Topolino se ne interessa.!!!

      *

      brigo
      Visir di Papatoa
         (1)

      • *****
      • Post: 2012
        • Offline
        • Mostra profilo
         (1)
        Re:Disney nella nostra cultura...
        Risposta #677: Sabato 27 Feb 2021, 19:42:48
        Intervento di Francesco Artibani nella puntata di "Propaganda Live" andata in onda venerdì 26 febbraio.
        Lo trovate dal minuto 2:47:55 al minuto 2:56:06 a questo link.


        *

        Donald112
        Sceriffo di Valmitraglia
           (1)

        • ***
        • Post: 274
        • Esordiente
          • Offline
          • Mostra profilo
           (1)
          Re:Disney nella nostra cultura...
          Risposta #678: Sabato 27 Feb 2021, 21:16:37

          Detto questo, quando leggo commenti come quello di cui sopra, penso sempre che ci siano almeno due risposte che si possano dare.
          La prima citando le parole di un eclettico pensatore quale Umberto Eco:
          È più difficile finire su Topolino che sulla Treccani !
          La seconda ricordando quanto disse Andrea Camilleri, in occasione della pubblicazione di Topolino e la giara di Cariddi.
          Alla domanda: Le è piaciuto il titolo della storia, omaggio alla Sicilia e ai suoi miti?
          Il grande scrittore risponde: Si, mi è piaciuto molto, la Sicilia è piena di leggende e sono fiero della mia terra visto che un grande come Topolino se ne interessa.!!!
          Concordo su tutto il tuo commento.
          Eco, Camilleri, e aggiungerei anche il compianto filosofo Giulio Giorello, avevano uno spessore culturale che i vari denigratori del "lo hai letto su Topolino?" non riuscirebbero ad ottenere con 100 vite. E hanno sempre parlato bene e con rispetto di Topolino e del fumetto in generale, considerandolo una lettura utile e formativa. Inoltre erano anche lettori assidui di fumetti: Umberto Eco era un grande appassionato di Dylan Dog, mentre Giorello era abbonato a Topolino. Aggiungo che molti altri accademici, magari non conosciuti al grande pubblico come quelli citati, hanno un'ottima opinione di Topolino o del fumetto in generale. Ricordo l'intervento di un filosofo (di cui non ricordo il nome) che disse che la sera non si sarebbe mai sognato di leggere Platone ma preferiva distrarsi con un albo di Tex

          *

          Samu
          Giovane Marmotta

          • **
          • Post: 175
          • Amante del bel fumetto
            • Offline
            • Mostra profilo

            Re:Disney nella nostra cultura...
            Risposta #679: Sabato 27 Feb 2021, 23:37:41

            Detto questo, quando leggo commenti come quello di cui sopra, penso sempre che ci siano almeno due risposte che si possano dare.
            La prima citando le parole di un eclettico pensatore quale Umberto Eco:
            È più difficile finire su Topolino che sulla Treccani !
            La seconda ricordando quanto disse Andrea Camilleri, in occasione della pubblicazione di Topolino e la giara di Cariddi.
            Alla domanda: Le è piaciuto il titolo della storia, omaggio alla Sicilia e ai suoi miti?
            Il grande scrittore risponde: Si, mi è piaciuto molto, la Sicilia è piena di leggende e sono fiero della mia terra visto che un grande come Topolino se ne interessa.!!!
            Concordo su tutto il tuo commento.
            Eco, Camilleri, e aggiungerei anche il compianto filosofo Giulio Giorello, avevano uno spessore culturale che i vari denigratori del "lo hai letto su Topolino?" non riuscirebbero ad ottenere con 100 vite. E hanno sempre parlato bene e con rispetto di Topolino e del fumetto in generale, considerandolo una lettura utile e formativa. Inoltre erano anche lettori assidui di fumetti: Umberto Eco era un grande appassionato di Dylan Dog, mentre Giorello era abbonato a Topolino. Aggiungo che molti altri accademici, magari non conosciuti al grande pubblico come quelli citati, hanno un'ottima opinione di Topolino o del fumetto in generale. Ricordo l'intervento di un filosofo (di cui non ricordo il nome) che disse che la sera non si sarebbe mai sognato di leggere Platone ma preferiva distrarsi con un albo di Tex
            Hai ragione, Giulio Giorello è un esempio illustre di un grande appassionato di fumetti.
            Ricordo che oltre ad aver dedicato un libro a Mickey (La filosofia di Topolino) e una storia a Paperino (co-scritta insieme a Faraci), una volta si era messo a inventare una matematica a base 8 perché paperi e topi hanno otto dita! (commento dello stesso Faraci pubblicato su Topolino #3373, a distanza di qualche giorno dalla scomparsa di Giorello).
            Poi mi viene da citare anche il matematico Alberto Saracco che ha co-scritto Paperino e i ponti di Quackenberg insieme a Francesco Artibani.
            Lo stesso Saracco cura anche una rubrica di approfondimento su YouTube sull' incontro tra Topolino e la matematica dal titolo: Un matematico prestato alla Disney.
            Questo giusto per rafforzare l'idea che Topolino e il mondo della cultura camminano sempre a braccetto e a testa alta!
            « Ultima modifica: Sabato 27 Feb 2021, 23:40:46 da Samu »

            *

            Giona
            Visir di Papatoa

            • *****
            • Post: 2450
            • FORTVNA FAVET FORTIBVS
              • Offline
              • Mostra profilo

              Re:Disney nella nostra cultura...
              Risposta #680: Sabato 6 Mar 2021, 14:01:14
              Nel film del 2015 Remember il personaggio interpretato da Christopher Plummer, un vecchio soggetto ad amnesie, mentre è ricoverato temporaneamente in ospedale, ha il seguente dialogo con la bambina sua compagna di stanza, che sta guardando la televisione:

              – Ti piacciono i cartoni animati:
              – Mi piace Disney Channel.
              – Ti piace Topolino?
              – No. Mi piacciono Phineas e Ferb.
              – Non li ho mai sentiti nominare.


              Un dialogo che è "segno dei tempi".
              "Coi dollari, coi dollari si compran le vallate / Così le mie ricchezze saran settuplicate" (da Paperino e l'eco dei dollari)

               

              Dati personali, cookies e GDPR

              Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

              Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

              Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.