Benvenuto!
Per goderti al meglio il Papersera, effettua il login o crea una tua utenza.
Profilo Utente
 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Il forum del Papersera

Partecipa anche tu al forum del Papersera, per essere sempre aggiornato su tutte le attività del sito, per discutere dei fumetti Disney in edicola o più remoti, delle storie classiche e delle novità più interessanti, e per incontrare moltissimi nuovi amici, esperti e appassionati!

 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

 

Pagina visitata 10040 volte

 

Topolino Story (CTS)




La copertina del primo numero uscito nell'aprile 2005, a 56 anni dall'esordio del settimanale in edicola.
Introduzione

Topolino Story è stata la prima collana settimanale uscita in edicola dedicata al fumetto disney, allegata al Corriere della Sera in due periodi: i primi 30 numeri vengono pubblicati nel 2005, mentre una seconda tranche di 31 volumi esce nel 2015. L'obbiettivo della serie era quello di rappresentare, in ogni numero, un anno di pubblicazioni di Topolino, a partire dalla nascita del libretto nel 1949 fino al 2010.


Storia

Nel 2005 il Corriere della Sera, uno dei quotidiani più letti e diffusi in Italia, presentava per 30 settimane in allegato al giornale una collana intitolata "Topolino Story", che dedicava ad ogni anno della storia del settimanale, dal 1949 al 1978, un volume con l'intento di ristampare storie che celebrassero al meglio gli autori e i personaggi apparsi in quell'annata di Topolino.
Le storie pubblicate avevano il compito di rappresentare diversi argomenti, come alcuni generi di storie (ad esempio le grandi parodie, classici del fumetto Disney, fumetti tratti dai classici d'animazione...), i personaggi che avevano fatto la loro prima apparizione in quell'anno e i più importanti autori del periodo. Il resto del volume era composto da un articolo introduttivo, che elencava i più importanti avvenimenti storici, politici, sportivi e cinematografici dell'anno, un paio di pagine scritte per ogni storia presentata, la rubrica "Come eravamo" che si focalizza sugli eventi più importanti e una raccolta di tutte le copertine del Topo uscite in quei dodici mesi con commenti.
Nel complesso un'ottima pubblicazione, che presenta sia storie famosissime e ultra-ristampate che altre più misconosciute e tipiche del periodo, approfondite da ottimi articoli, (quasi) sempre pertinenti e mai banali.


La collana riprende le pubblicazioni nel 2015.

Questo, parlando della prima serie. La seconda, che copre un arco di tempo che va dal 1979 al 2010, purtroppo non è in grado di reggere il confronto con la prima. Se dal punto di vista delle storie non si può eccepire nulla, e la qualità si assesta sul livello dei 30 volumi precedenti, ad essere carente è invece il reparto critico. Il numero di pagine messo a disposizione per gli articoli diminuisce notevolmente: le introduzioni alle storie vengono eliminate e in ogni numero sono dedicate due pagine di biografia, molto scarna, all'autore più importante che ha esordito quell'anno. Se a tutto questo aggiungiamo il fatto che la galleria delle copertine ormai si limita ad una semplice raccolta di immagini, senza alcuna considerazione filologica, non si può non affermare che la seconda collana è imparagonabile alla precedenza e che, purtroppo, soprattutto parlando degli articoli, non rappresenta una degna chiusura di quella che è stata la prima serie di fumetti Disney uscita in Italia allegata ad un giornale.

Nel 2014 la Panini ha portato in edicola "I Migliori Anni Disney", testata che prendeva spunto da quanto fatto in precedenza su Topolino Story, partendo dal 1960 per arrivare, in teoria, fino al 2000. La testata tuttavia si differenzia per un'impostazione meno enciclopedica, come dimostrano anche alcune discutibili rubriche, come l' "Oroscopo Vip". La serie ha chiuso nel Marzo del 2018, quattro anni dopo, con il numero dedicato al 1980, dopo aver subito una variazione di prezzo ed una riduzione di pagine.
Nel complesso, Topolino Story si e rivelata una collana molto interessante, soprattutto nella sua prima serie, perché capace di unire approfondimento filologico, buona selezione di storie, ricco apparato iconografico e valido studio sociale, mostrando quanto il settimanale Topolino abbia saputo descrivere i cambiamenti dell'Italia lungo 60 anni (questo concetto era presente anche in Disney Anni d'Oro). Spiace che non sia stato mantenuto lo stesso approccio nella seconda serie che, pur riprendendo l'impostazione, ha proposto contenuti critici estremamente poveri e non in linea con quanto pubblicato in precedenza. Resta comunque una serie valida e ottima per un primo approccio al fumetto disney, e per dimostrare quanto una testata a fumetti si sia specchiata in una nazione, e viceversa.


Curiosità
  • Le cover di Topolino Story presentano 61 immagini di Topolino sempre diverse, tratte dal repertorio del merchandising, senza indicare chi ne sia l'autore.

Statistiche
  • Limitandosi alle sole storie, la collana ha ristampato quasi 9.500 pagine, in 340 storie diverse, quasi tutte di produzione italiana (il 64.6%) o statunitense (21,6%). Solamente 4 le brasiliane e 3 le danesi.
  • Tra i 95 sceneggiatori presenti nella collana (al netto delle 44 storie il cui sceneggiatore non è noto), fanno la parte del leone Carl Barks e Guido Martina, con 36 storie ciascuno.
  • I disegnatori sono invece 83 (più due storie il cui disegnatore non è noto), con un pari merito a 36 storie tra Carl Barks, Romano Scarpa e Giorgio Cavazzano.

Copertine (visualizzale tutte):

Link
 

Dati personali, cookies e GDPR

Questo sito, per garantirti la migliore user experience possibile, utilizza dati classificati come "personali", cookie tecnici e non. In particolare per quanto riguarda i "dati personali", memorizziamo il tuo indirizzo IP per la gestione tecnica della navigazione sul forum, e - se sei iscritto al forum - il tuo indirizzo email per motivi di sicurezza oltre che tecnici, inoltre se vuoi puoi inserire la tua data di nascita allo scopo di apparire nella lista dei compleanni. Il dettaglio sul trattamento dei dati personali è descritto nella nostra pagina delle politiche sulla privacy, dove potrai gestire il consenso (o il dissenso) al loro utilizzo.

Puoi accettare quanto sopra descritto - e continuare con la navigazione sul sito - cliccando qui.

Se poi vuoi approfondire la questione c'è il sito del Garante della privacy.