Benvenuto! Per goderti al meglio il Papersera, effettua il login o crea una tua utenza. Profilo Utente
 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Questi i recensori più attivi sulle pagine del Papersera:
  • V (235)
  • piccolobush (139)
  • Nebulina (100)
  • Malachia (97)
  • Paolo (85)
  • scrooge4 (83)
  • Paperinika (50)
  • A.Basettoni (43)
  • warren (43)
  • New_AMZ (37)
  • Angelo85 (37)
  • inthenight (30)
  • Everett_Ducklair (29)
  • Gladstone (27)
  • Samuele (26)
  • pacuvio (19)
  • cianfa88 (18)
  • Bruno (16)
  • Brigitta_McBridge (14)
  • MiTo (14)

 

Disclaimer & Copyright

Questo sito non ha alcun rapporto con la Walt Disney Company e né ha scopo di lucro alcuno, si tratta semplicemente di un sito amatoriale, che può considerarsi un'opera di saggistica rivolta all'analisi e alla promozione dei fumetti Disney e dei loro autori, e si avvale del diritto di citazione.

 

Le copertine DisneyDallo storico Topolino, ai più oscuri supplementi: nella galleria delle copertine è possibile ammirare letteralmente migliaia di copertine, provenienti da quasi tutte le pubblicazioni Disney! E la collezione continua a crescere grazie alla collaborazione di molti appassionati.

 

 

Pagina visitata 383943 volte

 


Ricerca recensioni

Ricerca recensioni
Testata: Titolo: Numero:
Recensore: Voto: Anno:

Di seguito i fascicoli estratti con i criteri immessi, per tornare alla pagina dell'edicola clicca qui.



Proprio su questi lidi ci auguravamo, molti mesi fa, lo sbarco della serie DoubleDuck sulle pagine della Definitive Collection, ideale contenitore del ciclo che vede Paperino vestire i panni di un (più o meno) impeccabile agente segreto. Qualche perplessità permaneva, però, a proposito dei tempi necessari per procedere nella ristampa, che si preannunciavano particolarmente lunghi. Le buone vendite di questi primi tre anni hanno però evidentemente indotto l’editore ad aumentare la periodicità della testata, che diventa mensile a partire da questo numero. Un buon successo del quale non possiamo che essere contenti (un po’ meno lo è il nostro portafoglio).
Dunque, dicevamo: è il 2007 quando Paperino aggiunge una ulteriore sfaccettatura alla sua personalità. Quarant’anni dopo essere stato reclutato come Agente QQ7 al servizio della P.I.A., eccolo diventare DoubleDuck, elegante spia arruolata dalla segretissima Agenzia.
La serie, nata da un’idea di Fausto Vitaliano e Marco Bosco, viene progettata nei minimi particolari, come testimoniano il logo elaborato per l'occasione e il look assegnato a Donald per questa sua nuova identità. Nascono inoltre vari personaggi: spiccano fin da subito l’inventore Gizmo e il direttore Jay J, ma soprattutto l’affascinante spia Kay K, che eredita il ruolo della papera seducente precedentemente rivestito dalla Lyla di PKNA. In generale, DoubleDuck deve molto alla serie cult degli anni Novanta e occuperà proprio la finestra che va dalla chiusura della prima serie alla sua recente ripresa, a seguito della quale è stata attualmente tralasciata. Ma stiamo divagando.
Tornando al volume, la storia d’esordio di DD ci mostra quelle che saranno le caratteristiche principali di molte delle sue avventure. Il tono si fa più serio e le trame si fanno più complesse: non ci si può fidare di nessuno, come da tradizione del genere spionistico, e i colpi di scena si susseguono fino all'ultima vignetta... per fortuna Paperino, attraverso le sue numerose gaffes, riesce regolarmente ad alleggerire la tensione e a risolvere gli intrighi di turno. Segnaliamo inoltre come nella serie, oltre ai nuovi characters ideati per l’occasione, siano sempre presenti i personaggi classici, con il nostro eroe puntualmente chiamato a sfuggir loro per difendere la segretezza delle sue missioni.
Dal punto di vista delle matite, le quattro puntate che compongono la storia vedono impegnati quattro nomi diversi, altro segno riconoscibile della serie che vedrà un notevole alternarsi di disegnatori. Qui troviamo Andrea Freccero, autore anche della copertina inedita, Vitale Mangiatordi, Marco Mazzarello e Francesco D’Ippolito. E’ inevitabile quindi notare una certa discontinuità, al di là dell’ottimo lavoro svolto da tutti quanti, compreso lo storico colorista Max Monteduro.
La prima avventura, in ogni caso, svolge bene il suo compito di introduzione alla serie e lascia grandi curiosità e aspettative su quelli che potranno essere gli sviluppi di questo nuovo universo narrativo. I redazionali presenti, ovvero la breve intervista agli sceneggiatori e i brevi commenti dei disegnatori, aiutano a confezionare un buon albo il cui acquisto, quindi, viene sicuramente consigliato.

Recensione di Kim Don-Ling


Accedi ai dati Inducks del fascicolo    Accedi alla discussione sul forum    Voto del recensore: 4/5    Voto medio: 4/5 (18 voti)   Esegui il login per inserire il tuo voto

 


La scala di votazione utilizzata è la seguente:

  •  Spendete meglio i vostri soldi...
  •  Bof.... giusto se già collezionate la testata...
  •  Nella media: non passerà alla storia, ma...
  •  Buono! Acquistatelo e non vi pentirete!
  •  Da acquistare, senza esitazioni!

Da tener presente che i voti non sono da intendersi in maniera "assoluta", ma vengono dati coerentemente con quello che ci si aspetta di trovare in una testata: ad esempio Paperino e Tesori Disney sono testate molto diverse tra di loro: la prima contiene esclusivamente ristampe di storie già apparse sulla testata, la seconda presenta storie di difficile reperibilità o addirittura qualche inedito (oltre, ovviamente, a tutta una serie di articoli). Il voto dato a due numeri di queste testate deve prendere in considerazione quello che ci si aspetta di trovare all'interno del fascicolo: un Paperino con ristampe di Bottaro, Scarpa, Carpi, Cavazzano e cosi' via, sarà giustamente ben valutato, e se anche dovesse prendere 5 stelle, non significa che in assoluto è migliore di un numero di Tesori che ne prende solamente 4!

 

Questo sito si serve dei cookie per la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico, condividendoli con Google. Se prosegui con la navigazione per me è come se avessi accettato. Se vuoi approfondire la questione, c'è il sito del Garante della privacy.  Accetta i cookies   |   Info sulla privacy