Benvenuto! Per goderti al meglio il Papersera, effettua il login o crea una tua utenza. Profilo Utente
 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Funzione disabilitata per la tua scelta sui cookies

 

Questi i recensori più attivi sulle pagine del Papersera:
  • V (226)
  • piccolobush (135)
  • Nebulina (99)
  • Malachia (97)
  • Paolo (85)
  • scrooge4 (81)
  • Paperinika (46)
  • warren (43)
  • A.Basettoni (42)
  • New_AMZ (37)
  • Angelo85 (36)
  • inthenight (29)
  • Gladstone (27)
  • Samuele (26)
  • Everett_Ducklair (26)
  • pacuvio (19)
  • cianfa88 (18)
  • Bruno (16)
  • marcosferruzza (14)
  • Brigitta_McBridge (14)

 

Disclaimer & Copyright

Questo sito non ha alcun rapporto con la Walt Disney Company e né ha scopo di lucro alcuno, si tratta semplicemente di un sito amatoriale, che può considerarsi un'opera di saggistica rivolta all'analisi e alla promozione dei fumetti Disney e dei loro autori, e si avvale del diritto di citazione.

 

Le copertine DisneyDallo storico Topolino, ai più oscuri supplementi: nella galleria delle copertine è possibile ammirare letteralmente migliaia di copertine, provenienti da quasi tutte le pubblicazioni Disney! E la collezione continua a crescere grazie alla collaborazione di molti appassionati.

 

 

Pagina visitata 364822 volte

 


Ricerca recensioni

Ricerca recensioni
Testata: Titolo: Numero:
Recensore: Voto: Anno:

Di seguito i fascicoli estratti con i criteri immessi, per tornare alla pagina dell'edicola clicca qui.



Il secondo numero di Ridi Paperoga prosegue sulla falsariga del primo, offrendo quindi quel mix di fumetti e rubriche accomunate dalla comicità tipicamente nonsense. Rispetto all’albo precedente, si riscontrano pro e contro nel menù del nuovo numero: la "storia inedita", che vede ai testi ancora Tito Faraci mentre alle matite Silvia Ziche, è in realtà una collezione di 6 tavole autoconclusive, dal tono spigliato e dissacrante, ma comunque slegate le une dalle altre. L’ironia si trova quindi anche nel formato in cui il fumetto viene presentato, oltre che per le gag presenti nelle vignette – e ben lo esemplifica in tal senso lo strillo in copertina – ma resta il fatto che in questo modo si ottengono tanti "flash" e poca sostanza, presente invece nella storia del mese scorso, oltre che tavole riuscite meglio e altre meno. Si tratta comunque di una mossa nuova e disarmante, e denota il tentativo di stupire il lettore invece che ricalcare gli stessi schemi, giocoforza non più rivoluzionari, già visti su Ridi Topolino. Il tratto fluido e veloce di Silvia Ziche aiuta molto, regala dinamicità e soprattutto espressività a Paperino e Paperoga: soprattutto quest’ultimo gode dell’estetica zichiana, apparendo particolarmente curato. La rubrica principale, il Temone, è invece più convincente di quanto non fosse nello scorso numero: l’assurdo "depliant" dell’improbabile Canimarca, con tanto di coordinate geografiche, politica e prodotti tipici, investe il lettore con una quantità di assurdità effettivamente potente, riuscendo a divertire di più del Temone sulle vacanze, un po’ troppo generico. Rendere la Canimarca il filo rosso che lega anche le altre rubriche, come per esempio le recensioni, appare infine funzionale e azzeccato e crea un humus vincente (come il tormentone del canguro, che inizia a serpeggiare, a mò di nuovo Baldo l’Allegro Castoro), così come l’estetica patchwork che fa da sfondo a tutti i redazionali e i tanti disegnini di Marco Bolla che affollano ogni spazio disponibile. Se i giochi e la posta (a parte un paio di risposte) appaiono con meno mordente, ci pensano le due pagine con i fumetti di Sio a riportare in alto il tasso di umorismo: l’autore ci insegna a modo suo come si realizza un fumetto, esplorando due generi narrativi e riassumendone le fasi principali, divertendo anche grazie al funzionale disegno stilizzato di Sio. Menzione d'onore anche per le battute spiegate, tratte direttamente da alcune storie Disney del passato. La one-pages ristampate non colpiscono particolarmente: sarebbe forse stato preferibile sceglierle tutte dalla serie Allenatori… poco in palla invece di includere quelle con l’alter ego di Arturo Brachetti, buone ma non eccezionali; va meglio per la storia riproposta, Paperino e la casa digitale, che grazie alla verve di Rudy Salvagnini si presenta come divertente e in linea con l’umorismo proposto dalla testata, pur non raggiungendone gli estremi. Apprezzabile che le ristampe siano tutte disegnate dalla Ziche, così come il mese scorso fu per Enrico Faccini: si conferma la volontà di dedicare ogni numero a un autore disneyano contraddistintosi per le sue doti umoristiche, una visione certamente apprezzabile.

Recensione di Bramo


   Accedi alla discussione sul forum    Voto del recensore: 3/5    Voto medio: 2/5 (12 voti)   Esegui il login per inserire il tuo voto

 


La scala di votazione utilizzata è la seguente:

  •  Spendete meglio i vostri soldi...
  •  Bof.... giusto se già collezionate la testata...
  •  Nella media: non passerà alla storia, ma...
  •  Buono! Acquistatelo e non vi pentirete!
  •  Da acquistare, senza esitazioni!

Da tener presente che i voti non sono da intendersi in maniera "assoluta", ma vengono dati coerentemente con quello che ci si aspetta di trovare in una testata: ad esempio Paperino e Tesori Disney sono testate molto diverse tra di loro: la prima contiene esclusivamente ristampe di storie già apparse sulla testata, la seconda presenta storie di difficile reperibilità o addirittura qualche inedito (oltre, ovviamente, a tutta una serie di articoli). Il voto dato a due numeri di queste testate deve prendere in considerazione quello che ci si aspetta di trovare all'interno del fascicolo: un Paperino con ristampe di Bottaro, Scarpa, Carpi, Cavazzano e cosi' via, sarà giustamente ben valutato, e se anche dovesse prendere 5 stelle, non significa che in assoluto è migliore di un numero di Tesori che ne prende solamente 4!

 

Questo sito si serve dei cookie per la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico, condividendoli con Google. Se prosegui con la navigazione per me è come se avessi accettato. Se vuoi approfondire la questione, c'è il sito del Garante della privacy.  Accetta i cookies   |   Info sulla privacy